Cap. 2       Controllo del rumore         BENESSERE E CLIMATIZZAZIONE             negli impianti HVAC   Il benessere termo...
SOMMARIO  1.   Le basi del rumore  2.   Descrittori del rumore  3.   Produzione, trasmissione e controllo del       rumore...
1° LE BASI DEL RUMOREElementi essenziali per l’analisi delrumore e le sue caratteristichenegli impianti HVAC              ...
PARAMETRI DI ANALISI DEL RUMORE      FREQUENZA    LIVELLO DI POTENZA SONORA LIVELLO DI PRESSIONE SONORA                   ...
FREQUENZAIl rumore si trasmette per onde di COMPRESSIONE eRAREFAZIONE a varie frequenze. L‘UNITA’ DI MISURA della frequenz...
BANDE DI OTTAVA                            Nelle normali situazioni impiantistiche, si fa riferimento a                   ...
FREQUENZE RUMORE DELLE MACCHINE                      Le macchine di                      climatizzazione                  ...
MISURA DEL RUMOREIl rumore presenta una scala molto ampia di intensità: dalfruscio delle foglie al rombo di un grande aere...
FONTI DI RUMORE TIPICHEFonte di rumore                                 Livello sonoro dB Jet al decollo                   ...
LIVELLO DI POTENZA SONORALenergia emessa sotto forma di rumore nellunità di tempo dauna macchina ne costituisce il livello...
SIGNIFICATO DI LIVELLO LwIl livello di potenza sonora vale 10 volte il log. in base10 del rapporto tra la potenza sonora i...
LIVELLO DI PRESSIONE SONORAIl livello di pressione sonora si esprime in dB e si indica con Lp.Il livello di pressione sono...
SIGNIFICATO DI LIVELLO LpIl livello di pressione sonora vale 20 volte il log. in base10 del rapporto tra la pressione sono...
LwA DI MACCHINE HVACGruppi frigoriferi ad ariaPotenza frigorifera, kW           Livello di potenza sonora LWA, dB(A)200   ...
VARIAZIONE DELLA PRESSIONE SONORA INFUNZIONE DELLA DISTANZAAllaperto il livello di pressione sonora si riduce di 6 dB pero...
ATTENUAZIONE DEL RUMORE PER LADISTANZA DISPONENDO DI LwEsempio: se il livello di potenza sonora di una unità esterna èdi 7...
ATTENUAZIONE DEL RUMORE PER LADISTANZA DISPONENDO DI Lp Se si dispone del livello di pressione sonora Lp 1, ad una distanz...
SOMMATORIA DEI LIVELLI SONORII rumori non si sommano in modo aritmetico; la loro sommatoriasi ottiene tenendo conto della ...
SOMMATORIA DI LIVELLI SONORI, ESEMPIODue sorgenti sonore vicine, luna di 75 dB, laltra di 68 dB. Fare la differenza tra i...
2° DESCRITTORI DEL RUMORESistemi per descrivere i contenuti dienergia sonora del rumore in relazione allasensibilità dell’...
IL dB(A)Lorecchio umano ha una diversa sensibilità alle variefrequenze:   è poco sensibile alle basse frequenze, fino a c...
PONDERAZIONE IN SCALA APer la ponderazione in scala A di un livello sonoro in dB, in bandedi ottava, letto sul fonometro è...
NOISE RATING, CURVE ISOFONE ISO                  Il dB(A) non fornisce la                  distribuzione del rumore alle v...
NOISE CRITERIA ASHRAE                  Le curve di Noise Criteria (NC)                  ASHRAE sono un altro sistema      ...
EFFETTI SOGGETTIVI DI VARIAZIONI DILIVELLO DI PRESSIONE SONORA PER FREQUENZE SUPERIORI A 125 Hz Differenza di livello pres...
UTILIZZO DI dB(A), NR e NCI livelli sonori espressi in dB(A) sono correntemente utilizzati nellenorme e leggi come riferim...
3° PRODUZIONE TRASMISSIONE E CONTROLLODEL RUMORE NEGLI IMPIANTI HVACLe basi per la conoscenza del rapporto trarumore e imp...
TRASMISSIONE DEL RUMORE NEGLIIMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE                   Il rumore può trasmettersi:                   ...
PRODUZIONE DI RUMORE AEREORUMORE PRODOTTO ALL’INTERNO unità di climatizzazione in ambiente aria distribuita dallimpianto...
PRODUZIONE DI RUMORE IDRAULICOIl rumore idraulico è generato da pompe,restringimenti di sezione dei tubi, valvole diregola...
PRODUZIONE DI RUMORE STRUTTURALEIl rumore strutturale è dovuto soprattutto avibrazioni trasmesse alla struttura dell’edifi...
POSSIBILITA’ DI CONTROLLO DEL RUMOREIl rumore può essere controllato secondo tre tipologie diinterventi o azioni: Alla fo...
INTERVENTI ALLA FONTELa scelta di climatizzatori con il minor livello sonoro possibilecostituisce il primo e più ovvio int...
SCELTA DELLA POSIZIONE DI INSTALLAZIONEUn altro importante intervento alla fonte consiste nella sceltadella posizione dell...
SCELTA DEL PUNTO DI INSTALLAZIONE                   La fonte principale di rumore è                   costituita dai venti...
POSIZIONE DELLE MACCHINE           Linstallazione di macchine in prossimità di           pareti e angoli produce un aument...
INTERVENTI ALLA FONTE, RIEPILOGO   Non installare macchine entro cavedi.   Scegliere il punto di installazione quanto pi...
INTERVENTI SULLE VIE DI PROPAGAZIONELe vie di propagazione per le unità canalizzate sono costituitedai condotti di mandata...
ISOLAMENTO E ASSORBIMENTO DELRUMORE Isolamento impedisce la trasmissione la trasmissione dellenergia sonora. Si ottiene co...
4° CASI PRATICI DI CONTROLLO DELRUMORELe principali possibilità di correggere ilcomportamento acustico di macchineinstalla...
GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di ungruppo frigorifero senzaaccorgimenti contro ilrumore. L’energiasonora dei ven...
GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di ungruppo frigorifero conbarriera di attenuazionedel rumore aereo. La barrieraco...
GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di ungruppo frigorifero concopertura insonorizzatae silenziatori su prelievoe scar...
GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di gruppofrigorifero senzapreoccupazioni per ilcontrollo del rumorestrutturale. Le...
GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di gruppofrigorifero su supportiantivibranti persopprimere trasmissionedi vibrazio...
GRUPPI FRIGORIFERI, RIMEDI PER RUMOROSITA’ OLTRE IL PREVISTOProblema                       Rumore eccedente, Δ dB   Raccom...
TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento senzacontrollo del rumoreaereo. Il rumore delventilatore e ...
TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento conbarriera e cuffia sulloscarico aria per ridurreil rumore...
TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento entrocompleta coperturaafonica con silenziatorisu prelievo ...
TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento senzaaccorgimenti contro latrasmissione divibrazioni e ilru...
TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento suantivibranti ebasamento inerziale perprevenire trasmissio...
TORRI DI RAFFREDDAMENTO, RIMEDI PERRUMOROSITA’ OLTRE IL PREVISTO     Problema                         Rumore eccedente, Δ ...
SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione disistemi di ventilazionesenza accorgimenti percontrollare il rumoreaereo. Oltre la m...
SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione concuffie deflettrici delflusso d’aria espulso. Ilrumore de...
SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione consilenziatori sulloscarico dei ventilatori.Coperture afon...
SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione senzaaccorgimenti per ilcontrollo dellevibrazioni e delrumo...
SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione suantivibranti ebasamento inerzialeper il controllo dellevi...
VENTILATORI, RIMEDI PER RUMOROSITA’OLTRE IL PREVISTOProblema                            Rumore eccedente, Δ dB   Raccomand...
SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di unsistema di ventilazionesenza accorgimenticontro il rumore abassa frequenza(rombi...
SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di unsistema di ventilazionecon rivestimento delcanale control’emissione di rumore eb...
CONDOTTI, RIMEDI PER RUMOROSITA’OLTRE IL PREVISTOProblema                          Rumore eccedente, Δ dB   Raccomandazion...
MACCHINE ALL’INTERNOInstallazione di unagruppo pompa conbarriera per il controllodel rumore aereo. Spesso labarriera è il ...
5° RUMORE NEI CIRCUITI AERAULICILe componenti e tecniche essenziali per ilcontrollo della trasmissione del rumoreattravers...
DISTRIBUZIONE NEI CANALIIl rumore si distribuisce attraverso i canali dallunità diclimatizzazione nei vari ambienti. La po...
TRASMISSIONE DI RUMORE DAI CANALI           •La rigidità dei canali è molto importante nel controllo del           rumore ...
RUMORE AERAULICO   Installare un giunto antivibrante tra la bocca del ventilatore e il    canale per impedire la trasmiss...
UNITA’ INTERNE CANALIZZATELe unità canalizzate emettono rumore attraverso la copertura, edal lato di ripresa dellaria, per...
INTERVENTI SULLA VELOCITA’ DELVENTILATORE                     Si può intervenire sulla                     velocità del ve...
VELOCITA’ DELL’ARIA Velocità dellaria in uscita da bocchette e diffusori Per ogni aumento del 10% della velocità sul valor...
MASSIMA VELOCITA’ DELL’ARIA ENTRO ICANALI RETTANGOLARIPREVENIRE LA FORMAZIONE DI ROMBI  Dimensioni max sezione   Velocità ...
ISOLAMENTO INTERNO DEI CANALIAttenuazione sonora nei canali rettangolari in lamiera rivestiti con materassinofonoassorbent...
PRECAUZIONI NELL’USO DELLE SERRANDE Apertura           Perdita di carico di         Aumento del serranda   serranda+bocche...
6° CASI PRATICI DI AERAULICAEsempi di installazioni e interventi dicontrollo del rumore su unità ventilantie di trattament...
UNITA’ DI TRATTAMENTO ARIA IN LOCALE                     Dati sonori centrali di trattamento d’aria                     Ca...
CONDIZIONATORI ROOF TOPInstallazione senza interventi contro il rumore                                                    ...
CONDIZIONATORI ROOF TOP                    Installazione con                    interventi per limitare il                ...
BOCCHETTE E DIFFUSORI                   Il disassamento di bocchette o                   diffusori rispetto al tronco di  ...
Cap. 2       Controllo del rumore         BENESSERE E CLIMATIZZAZIONE             negli impianti HVAC   Il benessere termo...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Controllo del rumore negli impianti hvac

2,713
-1

Published on

Il rumore in modo semplice, per affrontare con chiarezza e facilità il progetto di impianti silenziosi per la soddisfazione dell’utente Livello: medium

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,713
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
87
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Controllo del rumore negli impianti hvac

  1. 1. Cap. 2 Controllo del rumore BENESSERE E CLIMATIZZAZIONE negli impianti HVAC Il benessere termoigrometrico di Antonio Briganti 1 Copyright Impianti Clima
  2. 2. SOMMARIO 1. Le basi del rumore 2. Descrittori del rumore 3. Produzione, trasmissione e controllo del rumore negli impianti HVAC 4. Casi pratici di controllo del rumore 5. Rumore nei circuiti aeraulici 6. Casi pratici di aeraulica 7. Leggi sul rumore 2 Copyright Impianti Clima
  3. 3. 1° LE BASI DEL RUMOREElementi essenziali per l’analisi delrumore e le sue caratteristichenegli impianti HVAC 3 Copyright Impianti Clima
  4. 4. PARAMETRI DI ANALISI DEL RUMORE FREQUENZA LIVELLO DI POTENZA SONORA LIVELLO DI PRESSIONE SONORA 4 Copyright Impianti Clima
  5. 5. FREQUENZAIl rumore si trasmette per onde di COMPRESSIONE eRAREFAZIONE a varie frequenze. L‘UNITA’ DI MISURA della frequenza è lHz (Hertz): 1 Hz = 1 vibrazione al secondo 70 Hz = 70 vibrazioni al secondo, ecc.BASSE FREQUENZE: da 20 a circa 80 Hz,MEDIE FREQUENZE: da 250 a circa 1000 Hz,ALTE FREQUENZE: da 1000 a oltre 8000 Hz.Lorecchio umano può percepire un campo di frequenze da 20Hz e 20.000 Hz , ma con diversa sensibilità. 5 Copyright Impianti Clima
  6. 6. BANDE DI OTTAVA Nelle normali situazioni impiantistiche, si fa riferimento a 63 Hz una gamma di frequenze ristretta: da 63 a 8000 Hz.BANDE DI OTTAVA Questa gamma è suddivisa in otto “bande" di frequenze 125 Hz standardizzate dette "bande di ottava" con determinati 250 Hz valori di centro-banda. 500 Hz 1000 Hz 2000 Hz Ciascuna frequenza di centro-banda è la metà della successiva e il doppio della precedente. 4000 Hz La suddivisione in bande di ottava (o addirittura 8000 Hz in terzi di banda di ottava) è indispensabile per rappresentare lo "spettro sonoro" del rumore. 6 Copyright Impianti Clima
  7. 7. FREQUENZE RUMORE DELLE MACCHINE Le macchine di climatizzazione producono rumore in diversi campi di frequenza, dalle più basse alle più alte. Questi rumori possono essere attenuati con varia efficacia. Le frequenze più basse sono le più difficoltose da sopprimere. 7 Copyright Impianti Clima
  8. 8. MISURA DEL RUMOREIl rumore presenta una scala molto ampia di intensità: dalfruscio delle foglie al rombo di un grande aereo al decollo.In unità di misura lineari, corrisponderebbero a: Fruscio di foglie 0,00000000001 W Grande aereo al decollo 10.000 W.Perciò il watt non è una unità di misura pratica, e si ricorre adunità di tipo logaritmico: il dB, o decibel.Ha il vantaggio di "comprimere" in numeri di sole 2 o 3 cifrelintero campo di variazione del rumore.I valori in dB rappresentano il cosiddetto "livello sonoro" delrumore. 8 Copyright Impianti Clima
  9. 9. FONTI DI RUMORE TIPICHEFonte di rumore Livello sonoro dB Jet al decollo 160Grande organo di chiesa 130Voce gridata 90Scarico WC fino a 80TV 65 - 70Voce, livello di conversazione 55 - 60Climatizzatore split (valore medio) 40Conversazione sotto voce 35Sussurro leggero 30Aria in uscita da diffusore da 0,1 m2 a 1 m/s 20 9 Copyright Impianti Clima
  10. 10. LIVELLO DI POTENZA SONORALenergia emessa sotto forma di rumore nellunità di tempo dauna macchina ne costituisce il livello di potenza sonora.Essa si esprime in dB e si indica con Lw.Il livello di potenza sonora può costituire il "dato di targa" dellemacchine e viene rilevato dal costruttore attraverso particolarisistemi di analisi.Il livello di potenza sonora non può essere misuratodirettamente. Esso si manifesta attraverso un corrispondentelivello di pressione sonora, percepibile dallorecchio e alfonometro. 10 Copyright Impianti Clima
  11. 11. SIGNIFICATO DI LIVELLO LwIl livello di potenza sonora vale 10 volte il log. in base10 del rapporto tra la potenza sonora in esame, in watt(W1), e un valore di riferimento pari a 10-12 watt (W0): W1Lw = 10 log ----------, dB W0Es. una sorgente con potenza sonora di 1 watt avrà unlivello di potenza sonora di: 1Lw = 10 log ------- = 10 log 1012 = 120 dB 10-12 11 Copyright Impianti Clima
  12. 12. LIVELLO DI PRESSIONE SONORAIl livello di pressione sonora si esprime in dB e si indica con Lp.Il livello di pressione sonora può essere misurato mediante ilfonometro. Risulta influenzato da vari fattori : la distanza tra la sorgente e lo strumento, la presenza o meno di superfici riflettenti in prossimità della sorgente, la presenza di barriere o ostacoli lungo il percorso, ecc.Il livello di potenza sonora Lw costituisce un dato fisso dellamacchina, mentre il livello di pressione sonora Lp subiscevariazioni a seconda delle condizioni di misura. 12 Copyright Impianti Clima
  13. 13. SIGNIFICATO DI LIVELLO LpIl livello di pressione sonora vale 20 volte il log. in base10 del rapporto tra la pressione sonora in esame, inmicropascal (P1), e un valore di riferimento pari a 20micropascal (P0): P1Lp = 20 log ----------, dB P0 13 Copyright Impianti Clima
  14. 14. LwA DI MACCHINE HVACGruppi frigoriferi ad ariaPotenza frigorifera, kW Livello di potenza sonora LWA, dB(A)200 100400 102600 104800 1051000 106Torri di raffreddamento d’acquaPotenza motore ventilatore, HP Livello di potenza sonora LWA, dB(A)10 9620 9930 10140 10250 103Ventilatori  Portata d’aria, m3/h LWA, dB(A) a pressione statica di: 125 Pa 750 Pa1700 79 958600 83 9917.000 85 10134.000 89 10543.000 90 10786.000 93 110 14
  15. 15. VARIAZIONE DELLA PRESSIONE SONORA INFUNZIONE DELLA DISTANZAAllaperto il livello di pressione sonora si riduce di 6 dB perogni raddoppio della distanza.Nei normali ambienti civili esso si riduce tra 3 e 4 dB, ad ogniraddoppio della distanza.Per calcolare l’attenuazione dovuta alla distanza si può partiredal livello di potenza sonora (Lw) o dal livello di pressionesonora (Lp).Se si dispone di Lw e si vuole ottenere Lp ad una certadistanza r in metri dalla sorgente sonora si applica la relazione: Lp = Lw - log r - 11, dB 15 Copyright Impianti Clima
  16. 16. ATTENUAZIONE DEL RUMORE PER LADISTANZA DISPONENDO DI LwEsempio: se il livello di potenza sonora di una unità esterna èdi 70 dB e si vuole conoscere il livello di pressione sonora a 8metri di distanza, sarà:Lw = 70 - log 8 - 11 = (70 - 0,9 - 11) = 58,1 dB 16 Copyright Impianti Clima
  17. 17. ATTENUAZIONE DEL RUMORE PER LADISTANZA DISPONENDO DI Lp Se si dispone del livello di pressione sonora Lp 1, ad una distanza r1, per determinare il livello Lp2 a distanza r2, si usa la formula: r2 Lp2 = Lp1 - 20 log ------ , dB r1 Esempio: unità esterna con Lp1 60 dB a 4 metri di distanza (r1); si vuole determinare Lp2 a 8 metri di distanza (r2):   8 Lp2 = 60 - 20 log -------- = (60 - 6) = 54 dB 4 17 Copyright Impianti Clima
  18. 18. SOMMATORIA DEI LIVELLI SONORII rumori non si sommano in modo aritmetico; la loro sommatoriasi ottiene tenendo conto della differenza tra il maggiore e ilminore.Differenze tra i due 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10livelli sonori, dBValore da aggiungere 3 2,6 2,1 1,8 1,5 1,2 1,0 0,8 0,6 0,5 0,4al livello sonoromaggiore, dB 18 Copyright Impianti Clima
  19. 19. SOMMATORIA DI LIVELLI SONORI, ESEMPIODue sorgenti sonore vicine, luna di 75 dB, laltra di 68 dB. Fare la differenza tra il livello maggiore e il minore:  (75 - 69) = 6 dB  Individuare nella riga superiore della tabella 6 dB. Nella casella corrispondente in basso si legge il valore di 1,0 dB che va aggiunto al livello sonoro maggiore :  (75 + 1) = 76 dB 76 dB costituisce la “somma” delle due sorgenti sonore. 19 Copyright Impianti Clima
  20. 20. 2° DESCRITTORI DEL RUMORESistemi per descrivere i contenuti dienergia sonora del rumore in relazione allasensibilità dell’orecchio umano 20 Copyright Impianti Clima
  21. 21. IL dB(A)Lorecchio umano ha una diversa sensibilità alle variefrequenze: è poco sensibile alle basse frequenze, fino a circa 200 Hz ha una sensibilità pressoché piatta da 200 a circa 2000 Hz. a 4000 Hz è molto sensibile perde nuovamente di sensibilità alle frequenze più altePer tener conto di ciò il livello di pressione sonora letto dal fonometroviene ponderato secondo una curva che segue la sensibilitàdellorecchio, detta curva "A".Il livello di pressione sonora che ne risulta viene detto "in scala A" ed èindicato come LpA; il suo valore è espresso in dB(A). 21 Copyright Impianti Clima
  22. 22. PONDERAZIONE IN SCALA APer la ponderazione in scala A di un livello sonoro in dB, in bandedi ottava, letto sul fonometro è sufficiente sommarealgebricamente i fattori correttivi in tabella alle diverse bande.Frequenze di c.b. Hz 63 125 250 500 1000 2000 4000 8000Fattore di correzione, -26,2 -16,1 -8,6 -3,2 0 +1,2 +1 -1,1dB 22 Copyright Impianti Clima
  23. 23. NOISE RATING, CURVE ISOFONE ISO Il dB(A) non fornisce la distribuzione del rumore alle varie frequenze. La ISO ha elaborato una serie di curve isofone, ossia di egual sensazione sonora per lorecchio umano, definite Noise Rating, NR seguite da un numero che corrisponde al livello di pressione sonora, in dB alla frequenza di 1000 Hz.  le frequenze sono sull’asse orizzontale  Lp in dB sono sull’asse verticale. 23 Copyright Impianti Clima
  24. 24. NOISE CRITERIA ASHRAE Le curve di Noise Criteria (NC) ASHRAE sono un altro sistema per valutare il rumore ambiente. Ciascuna curva viene identificata con un valore NC che corrisponde al livello di pressione sonora per una frequenza nel campo tra 1000 e 2000 Hz. 24 Copyright Impianti Clima
  25. 25. EFFETTI SOGGETTIVI DI VARIAZIONI DILIVELLO DI PRESSIONE SONORA PER FREQUENZE SUPERIORI A 125 Hz Differenza di livello pressione sonora, ∆Lp, dB Sensazione percepita   1 dB non rilevabile 3 dB appena percepibile 5 dB chiaramente percepibile 10 dB raddoppio / dimezzamento 20 dB molto più rumoroso / silenzioso PER FREQUENZE INFERIORI A 125 Hz Differenza di livello pressione sonora ∆Lp, dB Sensazione percepita   3 dB chiaramente percepibile 5 dB raddoppio / dimezzamento 10 dB molto più rumoroso / silenzioso 25
  26. 26. UTILIZZO DI dB(A), NR e NCI livelli sonori espressi in dB(A) sono correntemente utilizzati nellenorme e leggi come riferimenti di base.Le curve NR e NC sono spesso imposte nei capitolati. E’ necessariosovrapporre ad esse lo spettro sonoro campione e verificare conopportuni accorgimenti in quale delle curve esso rientra.Esistono dei requisiti degli NR e NC che prescrivono come deveessere fatto il confronto, e i limiti ammessi, per poter dichiarare il livellosonoro della macchina, o dell’impianto in base ad una data curva, es. NC35, o NC 40 ecc. 26 Copyright Impianti Clima
  27. 27. 3° PRODUZIONE TRASMISSIONE E CONTROLLODEL RUMORE NEGLI IMPIANTI HVACLe basi per la conoscenza del rapporto trarumore e impianti e gli interventi dicorrezione sonora possibili 27 Copyright Impianti Clima
  28. 28. TRASMISSIONE DEL RUMORE NEGLIIMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Il rumore può trasmettersi:  attraverso laria (rumore aereo)  attraverso i liquidi (rumore idraulico)  attraverso le strutture degli impianti e delledificio (rumore strutturale) Il rumore aereo, in uscita da unità esterne o gruppi frigoriferi può trasmettersi allesterno o allinterno delledificio. 28 Copyright Impianti Clima
  29. 29. PRODUZIONE DI RUMORE AEREORUMORE PRODOTTO ALL’INTERNO unità di climatizzazione in ambiente aria distribuita dallimpianto da bocchette o diffusori, o ripresa da griglie rumore irradiato dalle pareti dei condotti daria. RUMORE PRODOTTO ALL’ESTERNO condizionatori roof-top unità esterne di impianti split gruppi refrigeratori dacqua torrini di espulsione aria viziata torri di raffreddamento, condensatori ad aria ecc. 29 Copyright Impianti Clima
  30. 30. PRODUZIONE DI RUMORE IDRAULICOIl rumore idraulico è generato da pompe,restringimenti di sezione dei tubi, valvole diregolazione, apertura e chiusura rapida di utilizzi(colpi d’ariete) ecc.Esso si può propagare a distanze molto grandidal punto di origine perdendo solo pochissimaenergia lungo il percorso e può rientrare inambiente in corrispondenza di una qualsiasidiscontinuità o interruzione di isolamento deitubi. 30 Copyright Impianti Clima
  31. 31. PRODUZIONE DI RUMORE STRUTTURALEIl rumore strutturale è dovuto soprattutto avibrazioni trasmesse alla struttura dell’edificioda parte di macchine dinamiche: pompe,compressori, ventilatori ecc.Esso si trasmette attraverso la muratura finoa quando non incontra dei punti di discontinuità(crepe, giunti) e allora può rientrare in ambientesotto forma di rumore avendo perso solopochissima energia lungo il percorso. 31 Copyright Impianti Clima
  32. 32. POSSIBILITA’ DI CONTROLLO DEL RUMOREIl rumore può essere controllato secondo tre tipologie diinterventi o azioni: Alla fonte Lungo il percorso In ambiente.Il progettista HVAC può prevedere solo i primi dueinterventi.Il terzo tipo di interventi è di solito compitodell’architetto. 32 Copyright Impianti Clima
  33. 33. INTERVENTI ALLA FONTELa scelta di climatizzatori con il minor livello sonoro possibilecostituisce il primo e più ovvio intervento alla fonte per ilcontrollo del rumore.Quando però dai calcoli acustici il livello di rumore che si verràa produrre supera i limiti ammessi, allora è necessarioprevedere delle soluzioni alternative.Infatti è molto difficile, oltre che costoso e di risultato incerto,effettuare a posteriori interventi di attenuazione del rumoresulle macchine installate. 33 Copyright Impianti Clima
  34. 34. SCELTA DELLA POSIZIONE DI INSTALLAZIONEUn altro importante intervento alla fonte consiste nella sceltadella posizione della macchina. Vi sono due ordini di problemi : unità esterne e condizionatori daria roof top installati allesterno: rumore emesso verso le zone circostanti e rumore emesso lungo i canali dal ventilatore di mandata. unità di climatizzazione installate allinterno (pensili, cassette, unità canalizzate): rumore emesso direttamente in ambiente e rumore emesso lungo i canali (per le unità canalizzate) 34 Copyright Impianti Clima
  35. 35. SCELTA DEL PUNTO DI INSTALLAZIONE La fonte principale di rumore è costituita dai ventilatori del condensatore. Dalle unità esterne il rumore si irradia soprattutto sul lato batteria e sullo scarico del ventilatore. I livelli sonori di queste unità sono limitati e non danno luogo a problemi se non nel caso di installazioni improprie: mai installarle in cavedi o piccoli cortili interni dove si può produrre una amplificazione naturale del rumore. 35 Copyright Impianti Clima
  36. 36. POSIZIONE DELLE MACCHINE Linstallazione di macchine in prossimità di pareti e angoli produce un aumento del rumore diffuso per effetto della riflettività delle pareti stesse.   Mediamente il livello sonoro aumenta secondo i valori seguenti:  Una parete riflettente: + 3 dB  Due pareti riflettenti: + 6 dB  Tre pareti riflettenti: + 9 dB 36 Copyright Impianti Clima
  37. 37. INTERVENTI ALLA FONTE, RIEPILOGO Non installare macchine entro cavedi. Scegliere il punto di installazione quanto più distante da porte o finestre o edifici in prossimità. Quando il rumore dei ventilatori di raffreddamento del condensatore è eccessivo, si possono realizzare cuffie con dei tronchi di canale di breve lunghezza, rivestiti allinterno con materassino fonoassorbente. Esse deviano lo scarico dellaria e attenuano il rumore. Nei casi più difficili realizzare attorno alle macchine delle barriere acustiche con elementi prefabbricati lasciando libera la zona superiore per la presa e lo scarico dellaria. Lattenuazione offerta nelle migliori condizioni è circa 10 - 12 dB. 37 Copyright Impianti Clima
  38. 38. INTERVENTI SULLE VIE DI PROPAGAZIONELe vie di propagazione per le unità canalizzate sono costituitedai condotti di mandata e di ripresa. Il rumore e le vibrazionipossono trasmettersi attraverso le pareti dei canali rigidi eirradiarsi allesterno. Il controsoffitto agisce da isolante entrocerti limiti.I canali dellimpianto possono introdurre gli effetti seguenti: distribuzione del rumore aeraulico e meccanico prodotto dal ventilatore nei vari ambienti. Il rumore può essere trasmesso sia dallaria entro il canale sia dalle pareti stesse del canale fatte vibrare dal ventilatore. ingresso di rumore attraverso bocchette o diffusori da un ambiente e trasmissione in uno o più ambienti diversi. 38 Copyright Impianti Clima
  39. 39. ISOLAMENTO E ASSORBIMENTO DELRUMORE Isolamento impedisce la trasmissione la trasmissione dellenergia sonora. Si ottiene con materiali pesanti: muratura, lamiera, lamine di piombo, ecc. Lenergia sonora viene in parte assorbita e in parte riflessa dalla parete, senza attraversarla. Assorbimento produce la dissipazione dellenergia sonora entro il materiale assorbente. Solo una parte dellenergia sonora viene assorbita, l’altra attraversa il materiale. Non vi è riflessione in ambiente. Lassorbimento si realizza con materiali morbidi e porosi. Spesso i materiali assorbenti sono applicati sui materiali isolanti per realizzare i due effetti : assorbimento per ridurne le riflessioni in ambiente e isolamento per impedirne la trasmissione verso altre zone. 39 Copyright Impianti Clima
  40. 40. 4° CASI PRATICI DI CONTROLLO DELRUMORELe principali possibilità di correggere ilcomportamento acustico di macchineinstallate all’esterno 40 Copyright Impianti Clima
  41. 41. GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di ungruppo frigorifero senzaaccorgimenti contro ilrumore. L’energiasonora dei ventilatori e delcompressore si trasmetteliberamente all’esternoriducendosi di soli 6 dB conil raddoppio della distanza.Spesso non risultasufficiente per la tutela diutenti in prossimità. 41 Copyright Impianti Clima
  42. 42. GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di ungruppo frigorifero conbarriera di attenuazionedel rumore aereo. La barrieracomporta una certaattenuazione del rumoreaereo di circa 10 – 12 dB seben realizzata e seinterrompe la linea ottica trail ricevitore e la macchina. 42 Copyright Impianti Clima
  43. 43. GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di ungruppo frigorifero concopertura insonorizzatae silenziatori su prelievoe scarico dell’aria esopra pavimentogalleggiante. Questasoluzione è la più efficace mapuò penalizzare le prestazionifrigorifere della macchina. 43 Copyright Impianti Clima
  44. 44. GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di gruppofrigorifero senzapreoccupazioni per ilcontrollo del rumorestrutturale. Le vibrazioniprodotte soprattutto dalcompressore si trasmettononell’edificio in punti anchedistanti con minimeattenuazioni. 44 Copyright Impianti Clima
  45. 45. GRUPPI FRIGORIFERI AD ARIAInstallazione di gruppofrigorifero su supportiantivibranti persopprimere trasmissionedi vibrazioni e rumorestrutturale. Non si hatrasmissione di rumorestrutturale nell’edificiocon condizioniconfortevoli. 45 Copyright Impianti Clima
  46. 46. GRUPPI FRIGORIFERI, RIMEDI PER RUMOROSITA’ OLTRE IL PREVISTOProblema Rumore eccedente, Δ dB Raccomandazioni, rimedi praticiRumore aereo da gruppi <10 Barriera o silenziatorifrigoriferi 10 – 20 Cofanatura parziale e silenziatori >20 Completa copertura macchina;Rumore strutturale da gruppi <20 Supporti antivibrantifrigoriferi >20 Spostamento della macchina in altra posizione 46 Copyright Impianti Clima
  47. 47. TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento senzacontrollo del rumoreaereo. Il rumore delventilatore e delloscroscio d’acqua nelbacino si trasmettono tuttoattorno la torre con riduzionedi soli 6 dB con il raddoppiodella distanza. 47 Copyright Impianti Clima
  48. 48. TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento conbarriera e cuffia sulloscarico aria per ridurreil rumore aereo delventilatore e di cadutaacqua. L’isolamento diuna barriera benrealizzata è di 10 – 12dB. 48 Copyright Impianti Clima
  49. 49. TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento entrocompleta coperturaafonica con silenziatorisu prelievo e scaricoaria. L’isolamento acustico èmaggiore che nel casoprecedente ma leprestazioni della torrepossono venire penalizzate. 49 Copyright Impianti Clima
  50. 50. TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento senzaaccorgimenti contro latrasmissione divibrazioni e ilrumore strutturale.Non solo i locali sottostantima anche quelli a distanzapossono subire disturbo. 50 Copyright Impianti Clima
  51. 51. TORRI DI RAFFREDDAMENTOInstallazione di torre diraffreddamento suantivibranti ebasamento inerziale perprevenire trasmissionedi vibrazioni e rumorestrutturale. I localisottostanti godono dimigliori condizioni dicomfort. 51 Copyright Impianti Clima
  52. 52. TORRI DI RAFFREDDAMENTO, RIMEDI PERRUMOROSITA’ OLTRE IL PREVISTO  Problema Rumore eccedente, Δ dB Raccomandazioni, rimedi pratici Rumore aereo da torri di <10 Barriera raffreddamento 10 – 20 Copertura parziale e silenziatori >20 Copertura completa e silenziatori Rumore strutturale da torri di <20 Supporti antivibranti raffreddamento >20 Spostamento della macchina in altra posizione 52 Copyright Impianti Clima
  53. 53. SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione disistemi di ventilazionesenza accorgimenti percontrollare il rumoreaereo. Oltre la metàdella potenza sonoradel ventilatore vienediretta verso l’edificio inprossimità. 53 Copyright Impianti Clima
  54. 54. SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione concuffie deflettrici delflusso d’aria espulso. Ilrumore del flusso d’ariaviene deviato versol’alto o il basso. Ilguadagno è di alcunidB, non sempresufficienti. 54 Copyright Impianti Clima
  55. 55. SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione consilenziatori sulloscarico dei ventilatori.Coperture afoniche eventilatori consentonoun elevato controllo delrumore sufficiente nellamaggior parte dei casi. 55 Copyright Impianti Clima
  56. 56. SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione senzaaccorgimenti per ilcontrollo dellevibrazioni e delrumore strutturale.Dalla copertura e dai pianiintermedi il rumore puòtrasmettersi nell’interoedificio. 56 Copyright Impianti Clima
  57. 57. SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di sistemidi ventilazione suantivibranti ebasamento inerzialeper il controllo dellevibrazioni e del rumoreStrutturale. Costituisce lasoluzione più efficace perprevenire il rumorestrutturale. 57 Copyright Impianti Clima
  58. 58. VENTILATORI, RIMEDI PER RUMOROSITA’OLTRE IL PREVISTOProblema Rumore eccedente, Δ dB Raccomandazioni, rimedi praticiRumore aereo di ventilatore <5 Orientare la bocca di uscita deltrasportato da canale canale in posizione diversa dal ricevitore; Riduzione velocità del ventilatore 5 – 10 Installazione di silenziatori >10 Orientare la bocca di uscita del canale in posizione diversa dal ricevitore e installazione di silenziatoriRumore strutturale di ventilatori <20 Basamento inerziale e isolatori antivibranti >20 Spostamento del ventilatore in altra posizione 58
  59. 59. SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di unsistema di ventilazionesenza accorgimenticontro il rumore abassa frequenza(rombi) irradiato dalcanale. Le basse frequenzesono particolarmentefastidiose e difficili daattenuare. 59 Copyright Impianti Clima
  60. 60. SISTEMI DI VENTILAZIONEInstallazione di unsistema di ventilazionecon rivestimento delcanale control’emissione di rumore ebassa frequenza. Siinterviene congiuntamentecon materassinofonoassorbente, aumento dellamassa della parete del canalee irrigidimento dello stesso. 60 Copyright Impianti Clima
  61. 61. CONDOTTI, RIMEDI PER RUMOROSITA’OLTRE IL PREVISTOProblema Rumore eccedente, Δ dB Raccomandazioni, rimedi praticiRumore sotto forma di rombi nei <5 Irrigidimento delle pareti delcanali canale >5 Applicazione di pannelli di smorzamento (cartongesso, refrattario) sulle pareti del canale. 61 Copyright Impianti Clima
  62. 62. MACCHINE ALL’INTERNOInstallazione di unagruppo pompa conbarriera per il controllodel rumore aereo. Spesso labarriera è il sistema più allaportata per limitare il rumore,ma il suo potere isolante nonsupera 10 – 12 dB. 62 Copyright Impianti Clima
  63. 63. 5° RUMORE NEI CIRCUITI AERAULICILe componenti e tecniche essenziali per ilcontrollo della trasmissione del rumoreattraverso i canali 63 Copyright Impianti Clima
  64. 64. DISTRIBUZIONE NEI CANALIIl rumore si distribuisce attraverso i canali dallunità diclimatizzazione nei vari ambienti. La potenza sonora delventilatore si ripartisce approssimativamente tra il 50%attraverso i canali di mandata e il restante 50% attraverso icondotti o la griglia di ripresa.Il rumore perciò raggiunge lambiente da due vie differenti.Nei canali in lamiera le pareti dei canali possono irradiare ilrumore dovuto alle vibrazioni del ventilatore.Si può presentare il fenomeno di rumore non prodottodallimpianto, ma che entra nei canali attraverso un diffusoresituato in un locale rumoroso e che attraverso il circuitoaeraulico raggiunge locali più distanti. 64 Copyright Impianti Clima
  65. 65. TRASMISSIONE DI RUMORE DAI CANALI •La rigidità dei canali è molto importante nel controllo del rumore a bassa frequenza da essi irradiato. Quando il canale di mandata viene installato al di sopra di aree sensibili al rumore, utilizzare spessori della lamiera più elevati, o condotti circolari per minimizzare l’emissione di rumore a bassa frequenza. •Può essere necessario un irrigidimento esterno del canale. I condotti circolari irradiano meno rumore a bassa frequenza. Maggiore è il peso della lamiera, minore è il rumore irradiato. •La rigidità di un canale rettangolare può essere migliorata in modo significativo applicandovi dei pannelli in cartongesso tra due staffe di supporto e irrigidimento. 65 Copyright Impianti Clima
  66. 66. RUMORE AERAULICO Installare un giunto antivibrante tra la bocca del ventilatore e il canale per impedire la trasmissione delle vibrazioni. Mantenere un tratto rettilineo di canale almeno 1,5 volte la quota maggiore della bocca del ventilatore rivestito allinterno con un materassino fonoassorbente da 25 mm. Ciò diminuisce la turbolenza dellaria; il materassino assorbe il rumore. 66 Copyright Impianti Clima
  67. 67. UNITA’ INTERNE CANALIZZATELe unità canalizzate emettono rumore attraverso la copertura, edal lato di ripresa dellaria, perciò si installano normalmente aldi sopra del controsoffitto che produce una certa attenuazione.In ambienti molto silenziosi posizionare la griglia di ripresa adistanza dal lato di aspirazione della macchina, realizzando unsetto verticale e applicando un materassino fonoassorbentesotto la macchina, fino alla griglia di ripresa. 67 Copyright Impianti Clima
  68. 68. INTERVENTI SULLA VELOCITA’ DELVENTILATORE Si può intervenire sulla velocità del ventilatore: entro certi limiti, ogni riduzione di velocità produce una diminuzione del rumore generato. Ad es. diminuendo la velocità del 20 % si riduce il livello sonoro di 5 dB; diminuendola del 30 % la riduzione è di 8 dB, ecc. 68 Copyright Impianti Clima
  69. 69. VELOCITA’ DELL’ARIA Velocità dellaria in uscita da bocchette e diffusori Per ogni aumento del 10% della velocità sul valore di progetto si produce un aumento di 2 dB del livello sonoro. Il raddoppio della velocità dellaria produce un aumento del livello sonoro di ben 16 dB. Velocità dellaria nei canali Leccessiva velocità dellaria nei canali è una importante causa di rumore e di formazione di rombi. I rombi costituiscono rumore a bassa frequenza dovuto a turbolenze che rotolano lungo le pareti dei canali e risultano molto difficili da attenuare ad impianto ultimato. Essi generano fastidio per lorecchio. 69 Copyright Impianti Clima
  70. 70. MASSIMA VELOCITA’ DELL’ARIA ENTRO ICANALI RETTANGOLARIPREVENIRE LA FORMAZIONE DI ROMBI Dimensioni max sezione Velocità max Spessore minimo della canale, m aria lamiera, mm   m/s 0,30 x 0,90 10 0,6 0,90 x 1,20 9 0,8 1,20 x 1,80 8 1,0 70 Copyright Impianti Clima
  71. 71. ISOLAMENTO INTERNO DEI CANALIAttenuazione sonora nei canali rettangolari in lamiera rivestiti con materassinofonoassorbente da 25 mm (32 kg/m3), in dB per metro lineare Dimensioni interne del canale, mm Frequenza Frequenza Frequenza 250 Hz 500 Hz 1000 Hz 100 x 150 10 19,6   40 100 x 300 8 15,5 31,5 150 x 250 6 12,5 25 150 x 450 5 10,5 21 200 x 300 5 10 19,5 200 x 400 4 9 17,5 250 x 400 4 7,5 15 250 x 750 3 6 12,5 300 x 450 3 6,5 13 300 x 900 2,5 5 10,5 380 x 560 2,5 5 10,5 380 x 1150 2 4 8 71 Copyright Impianti Clima
  72. 72. PRECAUZIONI NELL’USO DELLE SERRANDE Apertura Perdita di carico di Aumento del serranda serranda+bocchetta rispetto a max livello sonoro % apertura dB % 100% 100% 0 82% 150% 4,5 70% 200% 8 50% 400% 16 72 Copyright Impianti Clima
  73. 73. 6° CASI PRATICI DI AERAULICAEsempi di installazioni e interventi dicontrollo del rumore su unità ventilantie di trattamento d’aria 73 Copyright Impianti Clima
  74. 74. UNITA’ DI TRATTAMENTO ARIA IN LOCALE Dati sonori centrali di trattamento d’aria Campo di bande di ottava, Hz Di solito 63 Hz – 8000 Hz Bande più importanti 31,5 Hz – 250 Hz Dati dichiarati Di solito su un ampio campo di portate e pressioni. Le basse frequenze sono le più difficili da attenuare ed è più conveniente scegliere dei ventilatori più silenziosi anziché prevedere dei silenziatori. 74 Copyright Impianti Clima
  75. 75. CONDIZIONATORI ROOF TOPInstallazione senza interventi contro il rumore 75 Copyright Impianti Clima
  76. 76. CONDIZIONATORI ROOF TOP Installazione con interventi per limitare il rumore: •Silenziatori su mandata e ripresa •Isolamento interno •Montaggio su antivibranti •Basamento inerziale 76 Copyright Impianti Clima
  77. 77. BOCCHETTE E DIFFUSORI Il disassamento di bocchette o diffusori rispetto al tronco di canale produce un aumento del livello sonoro che può raggiungere 12 - 15 dB. a) nessuna maggiorazione con griglia captatrice. b) aumento fino a +12 dB senza griglia captatrice c) nessuna maggiorazione se diffusore in asse. d) aumento fino a 12 -15 dB per forte disassamento. 77 Copyright Impianti Clima
  78. 78. Cap. 2 Controllo del rumore BENESSERE E CLIMATIZZAZIONE negli impianti HVAC Il benessere termoigrometrico Fine 85 Copyright Impianti Clima
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×