Your SlideShare is downloading. ×
Profili qualitativi e sensoriali dei vini
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Profili qualitativi e sensoriali dei vini

1,076
views

Published on

a cura di Giuseppe Martelli - Direttore Generale Assoenologi …

a cura di Giuseppe Martelli - Direttore Generale Assoenologi

In vino Magis
Sapore-Agrifil, Rimini 22 febbraio 2011

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,076
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Profili qualitativi e sensoriali dei vini Giuseppe Martelli Direttore Generale Assoenologi
  • 2. IL RUOLO DI ASSOENOLOGI PRODUZIONE SOSTENIBILE E QUELLO DI PARAMETRARE GLI ASPETTI TECNICO ENOLOGICI E QUELLI DI ANALISI SENSORIALE CONTRIBUENDO ALLA DEFINIZIONE DEI CORRETTI CICLI PRODUTTIVI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE PRATICHE ENOLOGICHE EALLA SUCCESSIVA ESPLICAZIONE DEI LIVELLI QUALITATIVI RIGUARDANTI LE FASCE DI CONSUMO E DI COMMERCIALIZZAZIONE. 2
  • 3. PER UN SETTORE SOSTENIBILE pro INOLTRE ASSOENOLOGI DÀ LA SUA COLLABORAZIONE AL FINE DI CONCRETIZZARE UNA EFFICACE SINERGIA AZIENDALE E DI COMUNICAZIONE TRA IL SETTORE VITICOLO E QUELLO ENOLOGICOCON LO SCOPO DI RAGGIUNGERE UNA SEMPRE MAGGIORE SOSTENIBILITÀ DEL COMPARTO VITIVINICOLO. 3
  • 4. LE PROCEDURE IN QUESTA SPECIFICA FASE ASSOENOLOGI HA CURATOLE PROCEDURE DI CERTIFICAZIONE DELLA RISPONDENZA QUALITATIVA DEI RISULTATI ORGANOLETTICI.PERTANTO HA RIUNITO UN PANEL DI QUALIFICATI ENOLOGI NELLA GESTIONE DELLE AZIENDE E NELLA VALUTAZIONE DEI VINI SOTTOPONENDOGLI UNA CAMPIONATURA DI 40 AZIENDE SU 73 ADERENTI AL PROGETTIO MAGIS. 4
  • 5. ANALISI OBIETTIVE E PROFESSIONALI IN PRATICA HA SOTTOPOSTO ALLA VALUTAZIONE SENSORIALE DI 10 ENOLOGI, IN FORMA RIGOROSAMENTE ANONIMA, DUE CAMPIONI DELLO STESSO PRODOTTO: UNO OTTENUTO ATTRAVERSO IL PROTOCOLLO MAGISE UNO TRAMITE LA PROCEDURA STANDARD AZIENDALE. 5
  • 6. LE COMMISSIONI DI VALUTAZIONE PREVARIN GIANCARLO DI GIOVANNA FILIPPO Presidente nazionale Assoenologi Direttore Aziende Vitivinicole Miceli ADDIS ANDREINO FILIPPI STEPHANDirettore generale Cantina di Gallura Direttore Cantine S. Maddalena e Gries CALZAVARA DANIELE PALUMBO LEONARDO Direttore Cantina di Bertiolo Direttore Azienda Vinicola Rivera BERTOLAZZI LUIGINO TAIT DANILO Direttore Cantina di Soave Tecnico Cavit - Cantina Viticoltori DEFILIPPI EMILIO VAZZOLER LORIS Direttore Castello di Cigognola Direttore Santa Margherita 6
  • 7. RISULTATI PIÙ CHE POSITIVI IL RISULTATO DELLE ANALISI SENSORIALI HA DATO UNA LEGGERA PREVALENZA QUALITATIVA DEI PRODOTTI OTTENUTI CON PROTOCOLLO MAGIS, IN PARTICOLARE PER I VINI BIANCHI (10 SU 16).I RISULTATI DEI VINI ROSSI HANNO VISTO PREDOMINARE I CAMPIONI STANDARD (13 SU 24) CON UNO SCARTO PERÒ MINIMO DI 0,5 PUNTI SU 100 TRA UN CAMPIONE E LALTRO DELLA STESSA AZIENDA. 7
  • 8. QUALITÀ A BASSO COSTO QUINDI LA QUALITÀ È PRESSOCHÈ INVARIATA. RIMANGONO PERÒ I VANTAGGI RIFERITIALLA RIDUZIONE DEI COSTI, ALLIMPIEGO DI MINORI MATERIALI (ANTICRITTOGAMMICI, FERTILIZZANTI, ENERGIA, ECC.), LA SEMPLIFICAZIONE DELLEOPERAZIONI, IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E IL MINOR IMPATTO AMBIENTALE. 8
  • 9. UN PROGETTO DI SUCCESSO PERTANTO IL PROGETTO MAGIS METTE IN LUCE UN INALTERATO LIVELLO QUALITATIVO DEI VINIA FRONTE DI UNA COMPROVATA DIMINUZIONE DEI COSTI DETERMINANDO UNA SENSIBILE INNOVAZIONE PRODUTTIVA. 9
  • 10. GRAZIE PER LA VOSTRA CORTESE ATTENZIONE 10