Etnografia Ed Emotività

2,639 views

Published on

Lezione di Riccardo Esposito in seno al seminario "Frammenti Etnografici", cattedra di Antropologia Culturale del prof. Massimo Canevacci, facoltà di Scienze della Comunicazione, La Sapienza. Video: http://www.youtube.com/watch?v=X3ahR728M8w&feature=channel_page)

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,639
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
876
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • <number>
  • Etnografia Ed Emotività

    1. 1. Etnografia ed emotività di Riccardo Esposito Seminario Frammenti Etnografici Facoltà di Scienze della Comunicazione La sapienza Università di Roma Prof. Massimo Canevacci
    2. 2. Etnografia ed emotività Affrontare nodo problematico dell’etnografia contemporanea: il ruolo dell’emotività rispetto l’etnografia stessa. Il nostro compito: individuare ed analizzare l’alterazione del percorso metodologico (delle sue certezze, della sua linearità) nel momento in cui, a causa di elementi inattesi e attraverso le diverse emotività scaturite sul campo, subisce un processo di destabilizzazione.
    3. 3. Etnografia ed emotività Percorsi narrativi trattati attraverso l’ottica personale di chi li ha vissuti • Posizionamento • Spaesamento • Riposizionamento
    4. 4. Posizionamento Appunti di viaggio: “Arrivati a Garças: prima mistura di emozioni che andavano dalla felicità al timore - un timore positivo, quel classico sentimento che si prova nel momento in cui, nel buio più totale del cerrado, un buio che sinceramente non avevo mai visto,ci si trova di fronte a qualcosa che si rispetta ed ammira allo stesso tempo. (…) Le mie nozioni a proposito dei Bororo, e più in particolare rispetto all’intera esperienza etnografica in Mato Grosso, mi indicavano un percorso sì complicato e di non facile decifrazione, ma che insieme ai miei compagni di viaggio potevo intraprendere senza particolari difficoltà. I nostri referenti all’interno del villaggio erano presenti nel momento del nostro arrivo ed avevamo acquistato il dono (qui ora lo chiamo così) per essere accettati all’interno dell’aldeia: tutto ciò mi tranquillizzava e lasciava l’illusione di poter lavorare con serenità al nostro breve, ma intenso, progetto etnografico sull’auto ed etero – autorappresentazione.”
    5. 5. Posizionamento
    6. 6. Spaesamento Appunti di viaggio – “Marçiano ci consiglia di spostarci al fiume: stringiamo amicizia con lui ma non capiamo il perché di questo consiglio. Avevamo portato i doni ma i Bororo sembravano non propensi ad accettarci. Abbiamo passato un intero giorno completamente isolati, relegati nella nostra abitazione a venti metri dal centro del villaggio. Venti metri che sembravano cento chilometri; o meglio, io li percepivo così. Per me quella distanza relativamente minima rappresentava un abisso, soprattutto alla luce delle enigmatiche parole quasi minacciose di alcuni Bororo rispetto alla nostra possibilità di svolgere attività di campo, completamente discordanti da quelle di Josè Carlos. Non riuscivo a capire cosa era andato storto, e quel timore iniziale – mistura di rispetto e ammirazione – si era trasformato in spaesamento. Non paura – classica e genuina che scaturisce nel momento in cui ti trovi di fronte qualcosa di pericoloso – e neanche angoscia – non ero nella condizione di chi è tormentato da un pensiero opprimente – ma semplicemente incapacità di inquadrare il reale svolgimento delle vicende in cui vivevo. Non capivo il perché di quel divieto e mi rendevo conto che non avevo né gli strumenti per risolvere l’incognita né la possibilità di ignorarla.
    7. 7. Spaesamento Non paura, né angoscia ma timore spaesante e spaesato, dovuto all’incapacità di inquadrare il reale svolgimento delle vicende; Il dono era stato portato e non era avvenuto alcun evento di rottura ma la nostra presenza in aldeia non era accettata;
    8. 8. Riposizionamento Appunti di viaggio – “Nel pomeriggio del nostro terzo giorno, praticamente a ventiquattro ore dal nostro esilio, Josè Carlos, Apollonio ed Emilio (rispettivamente maestro dei canti, capo politico e responsabile della salute del villaggio) vennero presso il nostro alloggio e ci spiegarono che, essendo capitati a ridosso di un funerale, dovevamo presentare un altro dono: 50 reais. (…) Da quel momento in poi non abbiamo avuto più alcun rifiuto e/o difficoltà. A quel punto in me era scomparso quel timore spaesante con il quale avevo convissuto per un giorno intero: avevo capito che il tutto era finalizzato ad un’ulteriore richiesta, ma di certo i miei sentimenti non erano simili a quelli che ho provato durante la prima metà del secondo giorno, né tantomeno lontanamente paragonabili a quelli della notte del nostro arrivo. Adesso ero tranquillo, sì, avevo capito il motivo del loro comportamento, ma la mia posizione era mutata e mi sentivo inquieto. Né intimorito ne tantomeno spaesato: il mio sguardo stava acquisendo una prospettiva critica nei confronti di una serie di meccanismi politici non semplici da cogliere e sui quali credo che non potrò mai mettere un sigillo di assoluta verità.
    9. 9. Riposizionamento
    10. 10. Posizione critica Il dono
    11. 11. Posizione critica Dono iniziale non riconosciuto dai Bororo e secondo come prezzo da pagare: la nostra presenza era stata finalmente accettata ma il rito funebre trasformato in spettacolo per noi e per gli esponenti di un’improbabile auto - rappresentazione Bororo. Non mi sentivo un etnografo, o almeno non rispondevo a quella che era la mia idea di etnografo, ma un turista bianco ed occidentale.
    12. 12. Posizionamento, spaesamento, riposizionamento: un percorso sempre in fieri ?
    13. 13. Posizionamento, spaesamento, riposizionamento: un percorso sempre in fieri Il percorso di riposizionamento è partito da un’euforia ingenua per passare, attraverso il timore scaturito dal “non comprensibile”, ad un’insofferenza critica nei confronti di una serie di meccanismi di dipendenza non evidenti ad una prima lettura. Il suo divenire – che non si conclude con la fine dell’esperienza etnografica – non apre la porta verso la verità assoluta ma ne descrive solo una possibile dimensione.

    ×