• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this document? Why not share!

Modulo Economia Urbana

on

  • 1,214 views

Modulo di Economia Urbana all'interno del Laboratorio di Progettazione 4M

Modulo di Economia Urbana all'interno del Laboratorio di Progettazione 4M

Statistics

Views

Total Views
1,214
Views on SlideShare
1,214
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Modulo Economia Urbana Modulo Economia Urbana Document Transcript

    • Ileana Moglie a.a. 2008-2009 ( Prof. Panizza )e-mail : ileana.moglie@libero.it Laboratorio di Progettazione Architettonica e Urbana 4MModulo di Economia Urbana prof. V. Costantini
    • Il progettoLarea di analisi del Laboratorio di Progettazione Architettonica e Urbana 4M ( Furnari/Panizza ), prende in esame Valco San Paolo, zona delimitata dal fiume Tevere e, a Est, daViale Marconi. Il quartiere appartiene allXI Municipio di Roma e conta 8.300 abitanti peruna superficie complessiva di circa 90 Ha. Valco San Paolo è interessato da un ProgettoUrbano tuttora in fase di elaborazione, che si occupa di riqualificare una parte di cittàcaduta in degrado. Larticolazione del progetto ha affrontato varie fasi :Nel gennaio del 1992 il Consiglio Comunale approva il programma di interventi per RomaCapitale con previsione dellinsediamento dellUniversità Roma Tre nel sito. Nellannosuccessivo iniziano già le prime attività didattiche dellUniversità in sedi provvisorie. Nel1995 si chiariscono gli obiettivi da perseguire nel considerare una parte di città perverificarne la trasformabilità. A seguito verranno redatti studi di fattibilità, definizione direlazioni , individuazione di soggetti, procedure e tempi.Nel corso dellanno vengono definiti gli obiettivi del progetto e avviate le primeelaborazioni:• Creazione del Parco Tevere Sud e riduzione dellinquinamento atmosferico da trafficonella zona di Viale Marconi;• Insediamento della 3° Università come soggetto leader delle trasformazioni• Miglioramento della accessibilità agendo sulla rete stradale e su alcuni nodi.• Miglioramento dei servizi (standard urbanistici )• Prime verifiche di fattibilità e degli effetti degli interventiLe aree industriali ormai dismesse ed il congestionamento del traffico sono i problemiprincipali di cui si occupa il progetto, che propone di riconvertire i luoghi chiave delquartiere in aree destinate all’Università di Roma Tre e una nuova viabilità.In particolare nella zona del Valco, il Progetto Urbano prevede il polo scientifico di RomaTre, il Parco Botanico, Dipartimenti scientifici e residenze universitarie.Il lavoro per il Laboratorio 4M integra le aree già prese in esame dal progetto Urbano percompletare lassetto del quartiere.La prima fase del lavoro, svolta in gruppo, pone lattenzione sul masterplan dellarea,individuando gli attori interessati, le funzioni da integrare, gli spazi necessari alle varieattività ( universitarie e non ).Da uno studio attento sul luogo, dallintervista di alcune fasce di attori ( quali : studenti,residenti, personale di servizio, docenti ) e dallanalisi del lavoro svolto dal Comitato diQuartiere, abbiamo cercato di individuare le necessità dellarea per definire gli interventi diprogettazione. Le aree su cui maggiormente siamo stati invitati a riflettere sono : 1) Area Ex – Cinodromo ( verde ) 2) Area adiacente dedicata ora a parcheggio ( rosa ) 3) Area terminale Viale Marconi ( celeste ) 4) Area Metropolitana ( giallo ) 5) Area centrale adiacente Facoltà Ingegneria ( viola ) 6) Area adiacente Chiesa ( rosso ) 7) Fascia verde/sport delimitata dal Lungotevere Dante e dal fiume.
    • Fig. 1 : Individuazione delle aree di intervento
    • Il piano dassetto generale è stato stabilito insieme, lavorando poi con più dettaglio, sullesingole aree .Dagli studi precedentemente accennati si è deciso di intervenire in primo luogosullassetto viario del Valco, definendo il ruolo fondamentale del Lungotevere e dei dueponti : Ponte Marconi e il Ponte sulla Magliana, entrambi carrabili. A questi si aggiunge unterzo ponte pedonale che collega il Valco alla Magliana nella zona Sud, di cui abbiamotrovato notizia prezzo lAssessorato allUrbanistica di Roma. Nella sistemazione stradaleabbiamo previsto una zona centrale, dedicata alle Facoltà di Ingegneria, MFSN, alla VascaNavale e allo Studentato, che fosse accessibile solo agli studenti, al personale docente e alpersonale di servizio. Questa zona non prevede strade carrabili pubbliche ed è servitaesternamente da un servizio di navetta dellUniversità. Altra zona completamentepedonale e ciclabile è la fascia esterna, che abbiamo organizzato seguendo una nostraidea di distribuzione delle funzioni :La fascia più a Nord, al di sopra dellEx-Cinodromo è stata dedicata agli impianti sportivipubblici, riorganizzando quelli tuttora esistenti. La fascia centrale, compresa fra il ponteCarrabile ed il ponte pedonale sulla Magliana , è stata dedicata ad Orto Botanico. La parteSud della fascia accoglie invece gli impianti sportivi pubblici ed il verde attrezzato.Nellarea della fermata della Metropolitana si è previsto un Terminal degli autobus. Questopunto è stato scelto come snodo fondamentale tra la viabilità del Lungotevere, larrivo delponte carrabile, lesigenza di spostamento da parte degli utenti della Metropolitana e deglistudenti di Roma Tre. Nellarea adiacente alla Chiesa si è prevista unulteriore destinazioneresidenziale e una piazza pubblica con servizi di quartiere, dedicata agli abitanti che nonhanno al momento spazi comuni di cui poter usufruire.Per le restanti aree abbiamo affrontato insieme lo studio delle funzioni da inserire, perproseguire lapprofondimento da soli.Larea centrale prevede la riorganizzazione degli aulari di Ingegneria ( ora decisamenteprovvisori ), della mensa, del Rettorato e delle aule comuni di ricerca scientifica ( comevolano di interazione fra lUniversità e le Imprese che possono usufruire di questi spazi ).La parte terminale di Viale Marconi è stata destinata ad uso residenziale per due motivi : ilprimo è il completamento progettuale dellasse di viale Marconi che presenta fronti urbanigià consolidati e in cui “manca” questultima parte di costruito. Il secondo motivo è dicarattere economico e riguarda la possibilità di implementare leconomia del quartierevendendo o affittando tali residenze a studenti .Larea dell Ex-Cinodromo ed il lotto adiacente, che ora ospita dei parcheggi, sono stati, nelnostro progetto, uniti eliminando la strada che attualmente li divide. La parte Ovest è statadedicata a Polo Culturale, centro di formazione artistica con aule e laboratori dedicate allostudio di varie discipline quali la musica e larte; la parte Est è quella da me approfonditaed accoglie spazi dedicati agli uffici ed altri dedicati al commercio; la parte centrale, con latraccia dell Ex-Cinodromo è dedicata a parco urbano.
    • Il contestoNel secondo dopoguerra, a seguito dei pesanti bombardamenti che avevano interessatol’area per il suo valore strategico, inizia un progressivo decadimento e abbandono degliinsediamenti produttivi nellarea di Valco San Paolo, in relazione al venir meno di alcuneattività produttive e del ruolo strategico del fiume come via di comunicazione. Questasituazione si prolunga fino agli inizi degli anni Novanta, ed è segnata da un vuotoprogettuale, da un deperimento del sistema logistico e dall’aggressività di alcuni attorispregiudicati del mercato edilizio. Con i primi anni Novanta, in conseguenzadell’insediamento nell’area Ostiense dell Università Roma Tre, inizia lultima fase, che arrivafino al periodo attuale. E contraddistinta da un’espansione dell’Università relativamentecongruente con il contesto e dalla fragilità del un progetto urbano che non ha obiettivicoerenti; permangono in questo momento nodi irrisolti, progetti da completare e vuoti dariempire.Negli ultimi dieci anni si sono avviate significative trasformazioni, sollecitate in gran parte,dall’insediamento dell’Università Roma Tre. La prospettiva di riassetto su vasta scaladell’area ha assunto vigore e concretezza con il definirsi della destinazione ad attivitàdidattico-scientifiche e culturali di una parte dell’ex-Mattatoio e il realizzarsi deltrasferimento dei Mercati Generali.L’impatto che ha avuto e che ha l’Università sull’area Ostiense funge da perno dei processidi trasformazione urbanistica, demografica e socio-economico. Agli inizi degli anniNovanta si pensava di confinare l’ateneo nell’ansa di Valco San Paolo: la comunitàuniversitaria ha costruito un nuovo rapporto tra l’università e la città; il modello è diuniversità nella città. AnalisiAbitanti : 8.328Identità di trasformazione : per la zona che si sviluppa intorno a Viale Marconi siriscontrano varie tensioni e potenzialità. Frammenti di tessuto dellabitare inframmezzatoda aree in attesa di un cambiamento.Lindice di affollamento, rapporto la popolazione residente al numero di vani per ilquartiere Valco San Paolo è 2,5.Età media della popolazione nel quartiere : 45 anni.Disoccupati : 7,5 %Titolo di godimento abitazioni : proprietà 56,1%Presenza di stranieri : 1,6%( Dati : Comune di Roma, piano Strategico degli obiettivi e delle opportunità, Comune XI )
    • Struttura popolazione Municipio XI ( Dati : Laboratorio Roma, rapporto sul Municipio XI ) Fig. 2 : Struttura del Municipio Mercato immobiliare commerciale : i negozi ( Dati : Osservatorio sul mercato immobiliare )Il rapporto sul mercato immobiliare, nel segmento dei negozi, registra un calo dei prezzidello 0.3 % per le tipologie in via di passaggio e dell’ 1% per le tipologie in via non dipassaggio. I cali più sensibili si registrano in Lazio (- 2.8% e - 2.1%) .In particolare a Roma, si registrano ribassi nelle zone centrali per tagli superiori a 50 mq.Entro questa dimensione il mercato registra una tenuta dei valori.Nel I semestre 2008 è stato positivo il riscontro sul mercato per le attività legate ai servizi(corrieri, agenzie interinali, punti di scommesse). Si avvertono difficoltà per il settoredell’abbigliamento e, per la prima volta, anche nel settore della ristorazione. Stabili lequotazioni dei locali commerciali in viale Marconi e nel quartiere Portuense dove i negozisu strade di passaggio hanno conservato il loro valore. Sulle strade a basso passaggio ilocali commerciali sono richiesti da società di servizi, aziende pubblicitarie o studi medici. I
    • tagli che si trovano più facilmente sul mercato non superano i 60 mq, mentre quellicompresi tra 30 e 40 mq sono ambiti da acquirenti stranieri che li destinano alla vendita diprodotti alimentari. Sia in questi quartieri che nel Centro della città resiste la domanda perinvestimento qualora il rendimento minimo garantito sia del 6% annuo lordo. Dati ( Eurostat )Bruxelles, 4 Giugno 2009 - In lieve ripresa il commercio al dettaglio in Europa: Eurostatsegnala che ad Aprile rispetto a Marzo ha segnato +0,2% nella zona euro. Comitato spontaneo Ansa del TevereIl Comitato Ansa del Tevere si è costituito nel gennaio 2008, ne fanno parte diversiabitanti del quartiere ed alcune realtà locali. La rete tra i cittadini e le associazioni nasceintorno alla necessità di rivalorizzare il Lungotevere Dante e il piazzale antistante l’ex-Cinodromo, per rispondere alla mancanza di spazi verdi accessibili e luoghi d’incontro nelquartiere. La zona di Valco San Paolo, delimitata da viale Marconi e dalla riva del fiume,ospita diverse realtà sociali, associazioni sportive e alcune facoltà dell’Università diRomaTre.Attualmente tutta la strada che costeggia la riva del fiume lungotevere Dante è lasciataall’abbandono e all’incuria.Questa porzione di territorio tuttavia si rivela essere il luogo più adatto a ospitare un parcoverde attrezzato a beneficio di tutta la cittadinanza che vive soffocata da cemento, anchegrazie alla ricca biodiversità di questo tratto del Tevere. Le proposte progettuali, devonotener conto delle reali esigenze dei diversi attori territoriali. Attori e risorse del territorioCosa manca?• Luoghi di socializzazione e incontro.• Spazi per camminare, gradevoli e accessibili.• Libertà di percorrenza (ci sono molti cancelli e recinzioni).• Campi da calcio liberi e gratuiti.• Luoghi di sosta.• Autonomia di movimento per i bambini.• Parco per i bambini protetto.• Spazi per il gioco libero.• Contatto con il fiume.• Facilità nell’acquisto di generi alimentari.• Verde.• Parcheggi.• Divertimenti ed occasioni di socializzazione per i giovani e gli adolescenti, oggi deltutto assenti.• Sicurezza negli spostamenti a piedi e in bicicletta.
    • Ipotesi- Come facilitare lacquisto dei beni alimentari?Importance: 6Urgency: 4Options: aprire un nuovo supermercato alimentari nellarea- Quali interventi nellarea antistante lex cinodromo?Importance: 8Urgency: 8Options: 1.parcheggio multipiano 2.parco verde attrezzato e parcheggio 3.parcheggio multipiano con collegamento alle aerei pedonali ObiettiviGli obiettivi del Progetto Urbano Ostiense Marconi scaturiscono dalla esigenza diriqualificare lintero quadrante urbano della città attraverso il recupero di aree per servizipubblici, verde, attrezzature ed infrastrutture, mediante linserimento di importanti funzioniurbane quali quelle universitarie ritenute in grado di contribuire in termini sostanziali allariqualificazione e sviluppo dellintero quadrante, attraverso ancora lintroduzione di nuovelocalizzazioni terziarie e di servizi di livello circoscrizionale o urbano.Il progetto si propone di dare l’avvio ad una trasformazione dell’identità dell’areainnescando un circolo di riqualificazione complessiva. L’obiettivo è quindi quello diconnotare positivamente la zona principalmente come area giovane, zona universitaria,dinamica e viva ma più in generale come zona in grado di attrarre frequentazione epassaggio pedonale, che si ponga come estensione e alternativa al percorsotradizionalmente privilegiato di Viale Marconi. ModiA Insediamento di nuove attività commerciali, di pubblici esercizi, attività di servizio alla residenza e al target studentesco.B Sostegno alla qualificazione delle attività economiche già esistenti.C Risposta alle diverse esigenze di consumo e di servizio avanzate dagli attori locali ( residenti, docenti e studenti ).D Potenziamento delle attività culturali, di aggregazione e del tempo libero.E Recupero delle parti degradate.F Attivazione di nuovi spazi in grado di sviluppare la frequentazione dell’area.
    • Fig. 3 : Analisi delle attività commerciali esistenti e di progetto ProgettoLarea da me approfondita prevede la sistemazione di uffici e commercio. Un analisi delleattività commerciali presenti in zona ne mette in evidenza la carenza, su quasi tutto ilquartiere.Alcuni negozi sono presenti nella fascia Sud, su Via Pincherle, in prossimità delle residenzeesistenti. Tutta la parte centrale e a Nord del Valco è sprovvista di queste attività.Impossibili da localizzare nella zona centrale proprio perchè noi labbiamo concepitacompletamente riservata allUniversità e ai suo servizi annessi, la scelta della localizzazionericade quindi sul lotto accanto all Ex-Cinodromo.Questo può essere visto come un nodo importante poiché è vicino alle nuove residenze danoi progettate e allo studentato; è inoltre in prossimità dellincrocio tra Ponte Marconi elinizio del Lungotevere Dante, ed è quindi il punto di ingresso al Valco San Paolo venendo
    • da Nord: ha la possibilità di servire sia i residenti e gli studenti, che le persone dipassaggio. Fig. 4 : Area di progettoPer il dimensionamento si è scelta questa modalità : sono state individuate alcune funzioninecessarie quali Supermarket, Tabaccaio, Bar, Libreria, Ristorante, Farmacia, Banca, Posta,etc... Ad ognuna di queste è stata attribuita una superficie di vendita media e alla fine sonostate scelte tre dimensioni per i locali : – S : 50 mq ( dedicato alle piccole attività ) – M: 100/150 mq ( dedicato alle attività medie ) – L : 200 mq ( dedicato alle grandi attività )Lo stesso discorso è stato fatto per gli uffici, ipotizzando due tipologie diverse : – M : 90 mq – L : 200 mq ( Uffici open – space )Larea accoglie inoltre i parcheggi, destinati a servire uffici, negozi e parte del Parcocontemporaneo che collega larea alla zona adiacente con il Centro Culturale.
    • Laboratorio di Progettazione Architettonica e Urbana 4M ( prof. Panizza ) Studentessa : Ileana Moglie ( e-mail : ileana.moglie@libero.it ) Modulo di Economia Urbana , prof. V. Costantini Sitografia – www.comune.roma.it – www.pism.uniroma3.it – www.urbanistica.comune.roma.it – http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/eurostat/home/ – www.patrimonioindustriale.it – http://www.dgistudio.it/Works_01_Ostiense_marconi_01.htm – http://www.istat.it