Benin "Sogni da riaccendere"

531 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
531
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
109
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Benin "Sogni da riaccendere"

  1. 1. SOGNI DA RIACCENDERE Benin
  2. 2. Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l’Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente da etnia, religione e appartenenza socio-culturale. I suoi interventi sono mirati a dare concrete e adeguate risposte ai bisogni dei bambini più emarginati e vulnerabili con l’obiettivo di garantirgli una vita dignitosa nel rispetto dei loro diritti fondamentali. In funzione della propria mission, Il Sole Onlus interviene nei seguenti settori: Tutela dei bambini vittime di violenza sessuale; Prevenzione dello sradicamento dall’ambiente familiare, sociale, culturale e dell’abbandono da parte delle famiglie dei propri figli, attraverso progetti di tutela dei diritti delle madri; Promozione e tutela del diritto all’identità di ogni bambino. Per dare una risposta adeguata a queste problematiche Il Sole Onlus ha coniato il concetto di sostegno a distanza ravvicinata, come filosofia di intervento innovativa. Il sostegno, che vuole ridurre la distan- za, cerca di creare un ponte per uno sviluppo partecipato capace di coinvolgere, in egual misura, Nord e Sud del Mondo, sostenitori e beneficiari. Si tratti di progetti di aiuto all’auto-sviluppo nelle comunità più vulnerabili del mondo o si tratti di so- stegno a distanza comunemente conosciuto, Il Sole Onlus sostiene, supporta, gradisce e chiede la piena partecipazione dei propri sostenitori in ogni fase di realizzazione delle attività. Per quanto riguarda i progetti di aiuto all’auto-sviluppo, Il Sole Onlus è presente in Etiopia, Benin, Burkina Faso e India, dove collabora con partner locali selezionati sulla base della loro affidabilità e autorevolezza sul territorio. Il Sole Onlus promuove l’incontro, la collaborazione e la solidarietà internazionale come uno strumento di alleanza nel pieno rispetto delle proprie autonomie culturali, religiose e politiche. In Italia l’Associazione, attraverso progetti di Educazione alla Mondialità, di Educazione Civica e di Educazione alla Partecipazione Attiva, si propone di sensibilizzare la società civile e la cittadinanza attraverso convegni, seminari e mostre fotografiche sull’importanza dei Diritti dei più piccoli, sulla loro negazione e sul divario tra Nord e Sud del Mondo.
  3. 3. Benin GENERALITÀ Nome completo: Repubblica del Benin Lingue ufficiali: Francese Popolazione: 8.850.000 ab. (2010) CONTESTO GENERALE La Repubblica del Benin è un Paese dell’Africa Occidentale, precedentemente conosciuto con il nome di Dahomey. Ha una linea di costa molto breve che corrisponde all’insenatura di Benin. Il Benin è una Repubblica presidenziale, l’attuale capo dello stato e del governo è Yayi Boni. Il nome “Benin” ha attinenza con il Regno dei Benini o con Benini City. Il nome Dahomey fu cambiato nel 1975 in Repubblica Popolare del Benin, nome mutuato appunto dall’insenatura di Benin sulla quale il paese è affacciato. Il nome fu scelto per la sua neutralità, visto che nel paese convivono più di cinquanta differenti gruppi linguistici e quasi altrettante etnie. La maggior parte della popolazione vive nelle pianure costiere meridionali, dove sono localizzate le maggiori città del Benin. Il nord del paese è costituito principalmente da altipiani semi aridi e ricoperti da savana.
  4. 4. La condizione dell’infanzia in Benin Alla generale e diffusa condizione di povertà, particolarmente dram- matica in contesti rurali, si aggiunge una scarsa tutela dei bambini, da qualsiasi forma di abuso o trattamento inumano o degradante. La percezione dei bambini è quella di piccoli “adulti incompleti”, che possono essere avviati precocemente al lavoro anche in settori peri- colosi per la salute o in contesti degradanti. L’avvio precoce al lavoro comporta un elevato tasso di abbandono scolastico e, di conseguenza, di analfabetismo, soprattutto tra la popolazione femminile del Benin. L’età media in cui i bambini vengono avviati al lavoro si aggira intorno ai 7 anni, mentre molto frequenti, sebbene non censiti adeguatamen- te, sono i casi di matrimoni forzati tra bambine e adulti. Ugualmente diffuso è il fenomeno degli enfants placès o vidomegons, bambini che vengono venduti dai propri genitori o parenti a persone benestanti, molto spesso residenti nelle città, che li utilizzano come domestici presso le proprie abitazioni. La maggior parte dei vidomegons sono bambine ed è stato dimostrato che vi sia una correlazione strettissima fra la condizione di enfant placèe e le situazioni di abuso e violenza sessuale. Le bambine a servizio diventano spesso un “giocattolo sessuale” del padrone di casa o dei suoi figli. Ugualmente diffuso è il fenomeno della tratta dei bambini, legato a fattori socioeconomici e di natura culturale e geografica. Il fenomeno affonda le radici anche in pratiche tradizionali e nell’emigrazione (molto diffusa già in periodo coloniale ) verso paesi con cui il Benin ha legami storici e culturali - Nigeria, Togo, Gabon e Congo.
  5. 5. Il progetto “Sogni da riaccendere” Vuole contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei minori residenti nella città di Cotonou, occupandosi specificamente dei bambini, che si trovano in condizione di particolare vulnerabilità perché vittime di violenza sessuale. Il progetto si articola su quattro binari d’intervento: Riabilitazione, provvedere ai bisogni e alle necessità delle piccole vittime di violenze sessuali. Fornire alle vittime un servizio medico, psicologico, legale e sociale in modo da permettere loro di ristabilirsi e di reintegrarsi nella società. Prevenzione, mobilitazione della comunità e delle famiglie, non solo verso la condanna della violenza sessuale, ma anche nell’azione indivi- duale e collettiva, per proteggere i diritti dei bambini e minimizzare le occasioni di esposizione al rischio di violenza. Protezione, applicare in modo rigoroso la legge e condannare questi atti. Accoglienza, cioè garantire alle vittime di violenza un posto sicuro in cui vivere. Per questo motivo “Sogni da riaccendere” prevede l’apertura e la gestione di una Casa Famiglia, La Maison du Soleil, per l’accoglienza di una decina di ragazze madri, vittime di abuso.
  6. 6. Le attività Gestione di una Casa Famiglia per giovanissime ragazze madri Creazione di una rete di Istituzioni e Associazioni che si occupa- no di lotta contro la violenza sessuale sull’infanzia Sensibilizzazione ed educazione della Comunità locale alla tutela dei diritti dell’infanzia Gestione di un centro d’ascolto e accompagnamento per le vittime di violenza; Attività volte a facilitare il reinserimento sociale delle vittime attraverso laboratori di formazione professionale (pasticceria, panetteria, cucina, produzione di sapone); Attivazione di un numero verde per accogliere le denunce di violenza e per gestire le emergenze in ambito abusi sessuali. Inoltre, al fine di fare fede al concetto di sostegno a distanza ravvicinata, il progetto “Sogni da riaccendere” prevede numerose attività in Italia atte a rendere partecipe e attiva la nostra società civile di appartenenza. Tra queste attività, numerosi sono gli interventi nelle scuole, i convegni, i seminari, le tavole rotonde e le mostre fotografiche in grado di dare un’attenta e precisa spiegazione del progetto, al fine di coinvolgere attivamente ogni strato della nostra società e di sensibilizzare ogni individuo alla tutela dei diritti dell’infanzia, come elemento portante di una comunità basata su principi di solidarietà e giustizia sociale.
  7. 7. È possibile effettuare una donazione libera tramite: Bonifico bancario: Cassa Rurale ed Artigiana di Cantù – IBAN IT71Q0843010900 000000260452 Conto corrente postale N. 11751229 intestato a Il Sole Ong Onlus Carta di credito telefonando al numero (+39) 02.96193238 Tutti i versamenti sono da intestare a Il Sole Ong Onlus, specificando nella causale il Paese e lo scopo della donazione. Ad es. “Donazione libera Benin - Sogni” I contributi e le donazioni erogate a Il Sole Onlus sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi secondo le vigenti leggi. Come sostenere il progetto
  8. 8. viale Rimembranze 45 21047 Saronno (VA) Tel. (+39) 02.96193238, Fax: (+39) 02.96709679 www.ilsole.org Fabio Ronchetti e-mail: fabio.ronchetti@ilsole.org Tel. (+39) 02.96193238

×