Your SlideShare is downloading. ×
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Introduzione guida "Certificare la responsabilità sociale delle Organizzazioni"

529

Published on

"La presente guida tratta la messa in esercizio di alcuni strumenti per la Responsabilità Sociale delle Organizzazioni …

"La presente guida tratta la messa in esercizio di alcuni strumenti per la Responsabilità Sociale delle Organizzazioni
(RSO) <...> non si tratta di una presentazione analitica, panoramica e/o comparativa delle diverse metodologie oggi disponibili allo stato dell'arte, ma dell'approfondimento e dello sviluppo di quegli strumenti ritenuti (sulla base di un'esperienza acquisita sul campo) più funzionali al perseguimento di obiettivi riconducibili ai temi dello sviluppo economico sostenibile, del miglioramento della capacità competitiva, della difesa dei diritti fondamentali e dell'innalzamento della qualità della vita.”

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
529
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. INTRODUZIONENove anni or sono, in occasione della prima edizione della presente guida, motivammo l’impegno di CISE (e delNetwork Lavoro Etico) nel campo della cosiddetta Responsabilità Sociale delle Organizzazioni con un’apertura dicarattere sostanzialmente etico ed economico. Essa recitava:“Ogni giorno possiamo osservare segnali di cambiamento nelle abitudini, nella cultura, negli affari.Le nuove tecnologie rendono sempre più agevoli scambi ed opportunità – fino a poco tempo fa impraticabili – traculture e territori lontani; le velocità e le accelerazioni dell’evoluzione in alcuni casi possono avvicinare popoli etradizioni, ma in altri rischiano di soffocarli, di cancellare identità, di imporre equilibri insostenibili attraversol’accrescimento del divario tra povertà e ricchezza.Possiamo assistere indifferenti a questi segnali, ignorarli per scelta o per disinformazione, ma possiamo anchechiederci come poter agire per guidare i cambiamenti verso i valori in cui crediamo.Seguendo questa filosofia è maturata la scelta da parte del CISE di creare un network per la certificazione deisistemi di responsabilità sociale. …”Tale scelta rispondeva soprattutto a due convincimenti: il primo che con il progredire dei fenomeni diglobalizzazione e di innovazione i temi della sostenibilità e della responsabilità dello sviluppo avrebbero acquisitoun’importanza sempre maggiore negli scambi economici tra Paesi; il secondo che i sistemi di garanzia, volti afornire certezza di veridicità degli impegni professati dalle organizzazioni, apparivano tanto necessari nelleaspettative delle parti interessate quanto ancora agli albori, soprattutto dal punto di vista della loro diffusione suscala globale.Oggi, dinanzi alla recente proliferazione di iniziative in materia di responsabilità sociale delle organizzazioni,riteniamo più che mai necessario ancorare ogni scelta o soluzione operativa a tali convincimenti, nel tentativo diidentificare alcuni punti cardinali di riferimento nell’ormai fitta rete di luoghi comuni che, purtroppo, hanno spessocontraddistinto lo sterile dibattito aperto su questi temi.Ecco quindi che se nove anni fa, dopo l’apertura citata, ci preoccupammo innanzi tutto di entrare in sintonia con illettore definendo che ‘cosa fossero ’ e a ‘chi servissero ’ i sistemi di responsabilità sociale, oggi ci sembra prioritariopartire dalla più fondamentale delle domande che allora, mal interpretando lo stato dell’arte, ci sembrò scontata: 7
  • 2. “perché” utilizzare o favorire la diffusione di sistemi di responsabilità sociale nelle Organizzazioni?Il rifarsi alle motivazioni basilari ci appare infatti come l’unica chiave di lettura possibile per orientarsi nel labirintocreato dal continuo, dispersivo, a volte pretestuoso, rimescolamento di metodologie e di modelli proposti danumerosi attori, pubblici e privati, sia della scena nazionale che di quella europea ed internazionale.Dunque perché un’organizzazione dovrebbe investire sulla responsabilità sociale? Negli anni in cui le economieoccidentali sono costantemente alle prese con problemi di competitività rispetto ai Paesi emergenti, essa nonrischia di rappresentare un ulteriore costo e quindi un ulteriore fattore di perdita di capacità competitiva?Aggiungere questo tipo di regolamentazione, cogente o volontaria che sia, non può costituire un freno allo sviluppoeconomico?A queste domande occorre dare una risposta convincente se si vuole superare il diffuso scetticismo sull’effettivaportata economica della responsabilità sociale, purtroppo alimentato dall’inconsistenza e dall’inadeguatezza dinumerose delle metodologie e degli strumenti in circolazione.Ebbene su questo livello di analisi, ovvero quello delle motivazioni, solo quattro appaiono essere le ragionifondamentali sufficienti a giustificare l’esistenza dell’abbondante proliferazione di iniziative, metodi e strumenti cuinegli ultimi anni abbiamo assistito.La prima risponde all’etica individuale della parte imprenditoriale che, riconoscendosi in alcuni valori e principi diriferimento, intende agire in modo coerente con gli stessi, non solo nell’ambito della sfera individuale, ma anchenell’ambito dell’attività della propria impresa. Spesso questa motivazione, tutt’altro che assente contrariamente allaconvinzione di alcuni, risulta avvertita in modo congiunto all’aspettativa di un beneficio sotto il profilo dell’immagineaziendale e, dunque, intrinsecamente legata alla seconda motivazione.Questa è sinteticamente etichettabile come l’aspettativa di valore aggiunto riconosciuto dalle parti interessateall’organizzazione ed ai suoi prodotti; valore che, se reale, dovrebbe essere conseguentemente tradotto anche intermini economici.La terza riguarda essenzialmente quelle Istituzioni e Pubbliche Autorità che, tra i propri fini, hanno quello dellatutela del mercato, del rispetto delle regole di liberalità, di concorrenza leale nonché di promozione e sviluppo diun’economia sostenibile.Infine la quarta intercetta le relazioni esistenti e/o potenziali tra impresa e sistema sociale, ipotizzando, in baseanche ai convincimenti delle parti politiche, diversi equilibri tra sistema pubblico e sistema privato nella distribuzionedelle risorse necessarie al funzionamento del cosiddetto welfare; in altri termini ciò equivale ad affermare che, 8
  • 3. attraverso il sostegno, diretto e volontario, dell’imprenditoria privata sia possibile finanziare iniziative di sussidiarietàsociale o, viceversa, che tale azione competa esclusivamente alle funzioni dello Stato in modo non discrezionalee/o privo di una governance politica.Tutto il firmamento delle iniziative sulla responsabilità sociale (ne sono già state censite nel mondo oltre unmigliaio!) risponde in misura diversa a tali motivazioni. Per ciò queste ultime si prestano bene alla funzione diorientamento in quanto ogni lettore potrà autonomamente valutare in che misura ciascun approccio si presti, comemezzo strumentale, al raggiungimento dei fini che ne hanno giustificato il concepimento.Il lettore che intenda cimentarsi in tale impresa si troverà, con ogni probabilità, a mettere in luce la scarsafunzionalità di numerosi approcci che sono stati sviluppati attraverso una eccessiva attenzione al metodo piuttostoche ai fini, generati per lo più da combinazioni di approcci precedenti, e fatalmente concentrati più sui “modi” chenon sui “risultati”.Ma sviluppare “modi” senza perseguire “fini” è operazione sterile e costosa, dunque dannosa per lo sviluppoeconomico. Per questo oggi riteniamo prioritario distinguere e selezionare i “modi” non sulla base della notorietà oautorità dei proponenti, ma sulla base della loro effettiva capacità di perseguire “fini” chiari e condivisibili.A questo riguardo per CISE tutte le prime tre motivazioni hanno avuto - ed hanno - un ruolo importante neldeterminare le scelte e gli strumenti d’azione, mentre la quarta, pur di grande interesse, investe responsabilità ditipo politico e non tecnostrutture funzionali quali appunto CISE.Infatti le motivazioni di tipo economico non potrebbero non rivestire un’importanza che da sola sarebbe sufficiente agiustificare l’impegno profuso in quanto C.I.S.E. è, per propria natura, un Centro per l’Innovazione e lo “SviluppoEconomico” appartenente al sistema delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura con funzioniquindi di sostegno ai meccanismi di sviluppo economico e di tutela del mercato; tali ragioni sono quindi coerenti conla sua mission e ben radicate in tutte le attività ed i progetti intrapresi. Parimenti quelle di tipo etico costituisconoanch’esse una leva importante perché riteniamo che, per quanto necessarie, le spinte di carattere economicodebbano essere comunque considerate come strumentali al perseguimento di finalità più profonde, endemicamenteconnesse alla persona, quali il miglioramento delle condizioni di vita, l’affermazione ed il rispetto dei diritti umani,l’educazione e la crescita degli individui, la solidarietà e la coesione sociale; queste finalità non possono esseredefinite dalle dinamiche economiche medesime, le quali possono in generale trovare condizioni di funzionamentotanto nel perseguimento di fini “etici” quanto nell’ambito di politiche volte alla ricerca di mere opportunità diarricchimento talvolta addirittura dannose per uno sviluppo equo e sostenibile (a questo riguardo si potrebberoportare numerosi esempi circa lo sfruttamento indiscriminato delle risorse ambientali o l’orientamento nell’utilizzodelle nuove tecnologie: non ci vogliamo in questa sede dilungare, ma possiamo pensare, a titolo di esempio, alla 9
  • 4. brevettazione – quindi alla lievitazione dei costi di acquisto – di farmaci in grado di salvare vite umane, allo sviluppodi prodotti che mettono a rischio la sicurezza delle persone, alle economie dei cosiddetti paradisi fiscali, eccetera).Convenzionalmente abbiamo assunto che l’importanza di queste spinte sia pressoché equivalente.Le scelte effettuate sul piano metodologico sono dunque state coerenti con tale presupposto.Riteniamo che affermare ciò sia importante al fine di aiutare il lettore ad interpretare correttamente il percorso cheha portato alla redazione della presente guida, all’adozione degli strumenti operativi già sviluppati e diffusi (comeper esempio SA8000), allo sviluppo dei nuovi tools che non abbiamo trovato disponibili allo stato dell’arte (come peresempio S.A.W. – Social Accountability Watch – (cfr. 2.3) od il recentissimo standard UGO (cfr.2.5 ).In questo senso, la presente edizione non intende essere uno strumento volto a fornire una panoramica ampia, nétanto meno completa, sui principali approcci esistenti in materia: altre iniziative autorevoli si sono occupate o sistanno occupando di questo; la presente guida è altresì il risultato di un lungo lavoro di ricerca, approfondimento,applicazione sul campo ed infine scelta o sviluppo di una particolare combinazione dinamica di “metodi” che fino adoggi abbiamo ritenuto maggiormente in grado di perseguire i “fini” prescelti. Trovano così spazio strumenti eprogetti applicativi adottati con lo scopo di rispondere ad esigenze mirate senza alcun tipo di “forzaturametodologica”. In altre parole riteniamo che gli obiettivi, e non gli strumenti, debbano sempre essere il punto dipartenza di qualunque percorso.Così, ad esempio, è opportuno sottolineare che la certificazione SA8000 di una micro-impresa, pur essendopercorribile da un punto di vista pratico, non risponde a nessun obiettivo veramente importante per la nostraeconomia attuale e, per questa ragione, rischia di costituire un esercizio inutile se non addirittura dannoso in quantofinisce inevitabilmente col sottrarre risorse al perseguimento di altri obiettivi prioritari. Ma questo ovviamente nonsignifica che le micro-imprese siano da considerarsi avulse dai principi di responsabilità sociale e che da essi nonpossano trarre occasione per migliorare (o mantenere) la propria capacità nel tempo di creare valore;semplicemente ciò non potrà ragionevolmente accadere attraverso la certificazione SA8000! Nella fattispecie untentativo di risposta è certamente rappresentato da quel “sistema di garanzie di tipo partecipativo”implementato nell’Osservatorio S.A.W. i cui meccanismi sono stati concepiti proprio per rendere più accessibileanche alle piccole e piccolissime imprese l’ingresso in uno spazio collettivo che persegue la competitività assiemealla trasparenza ed alla sostenibilità.Analogamente può essere considerata, salvo casi particolari, la scarsa utilità di applicazione della norma SA8000alla Pubblica Amministrazione o, come qualche ‘mente creativa‘ ha già proposto, ad un territorio! La domanda chesorge spontanea in entrambi i casi è la medesima: “a che scopo?”. Qual è il saldo tra risorse investite in talioperazioni ed i risultati prodotti? Non dimentichiamo che SA8000 definisce requisiti circa il rispetto dei fondamentali 10
  • 5. diritti dei lavoratori: forse è un problema prioritario della situazione economica attuale migliorare le condizioni disalute e sicurezza nel pubblico impiego? O magari l’orario di lavoro? Dato per assodato che esistano categorie dilavoratori del pubblico impiego sottopagate (vedi insegnanti), l’eventuale applicazione di SA8000 ad un istitutoscolastico, potrebbe in qualche modo agire su tale problema? E chi sarebbe il datore di lavoro dei lavoratori di unterritorio? Ma anche in questo caso l’inadeguatezza di un particolare strumento metodologico nel perseguire finalitàgenerali per l’intero sistema economico non solleva la Pubblica Amministrazione dall’enorme carico diresponsabilità sociale che il suo agire comporta. Così assumono maggior rilievo altri strumenti, come per esempio icosiddetti “Bilanci di mandato”, o applicazioni particolari finalizzate ad affrontare specifiche questioni sociali edeconomiche di primaria rilevanza quali l’emersione del lavoro sommerso, la gestione degli appalti, le condizioni disicurezza nei cantieri, ecc. (problemi dei nostri tempi sui quali, qui si, SA8000 può rappresentare uno strumentoutile per perseguire fini di sviluppo economico sostenibile).Si tratta solo di alcuni esempi per sottolineare il primato dei fini sui metodi.L’invito al lettore della presente guida è quindi quello di non concentrarsi sulla parte metodologica (pur presente)prima di aver completamente compreso le finalità in relazione alle quali essa viene approfondita e sviluppata.Ciò che il lettore troverà nella presente guida è pertanto una descrizione (anche approfondita e tecnica ovenecessario) dei soli strumenti operativi coerenti con determinati fini, mentre rimarrà inesorabilmente deluso (anzi,non ne intraprenda nemmeno la lettura!) se interessato ad una panoramica tecnica comparativa delle diversemetodologie e strumenti disponibili allo stato dell’arte in materia di responsabilità sociale d’impresa.Tutto ciò premesso, per il lettore della presente guida, vale forse la pena di ribadire, con qualche aggiornamentorispetto alle edizioni precedenti, le altre questioni fondamentali circa la definizione dei sistemi di responsabilitàsociale ed il loro funzionamento rispetto agli interessi delle diverse parti.Dunque che cosa sono i sistemi di responsabilità sociale? E a chi servono?Si tratta di strumenti gestionali - ovvero insiemi di regole e di comportamenti – che le organizzazioni possonoliberamente scegliere di adottare per garantire che i propri prodotti/servizi sono realizzati nel rispetto di principi eticiinerenti il lavoro, l’ambiente, la gestione finanziaria, la società civile, la tecnologia.Servono essenzialmente a: i lavoratori, perché costituiscono una garanzia al riconoscimento ed al rispetto dei lorodiritti; i consumatori perché al momento dell’acquisto possono scegliere conoscendo i comportamenti sociali delleaziende che finanziano acquistandone i prodotti; le imprese, perché possono ottenere un vantaggio competitivobasato non più solamente su fattori come il basso costo della mano d’opera o delle materie prime, ma 11
  • 6. sull’immagine derivante dalle garanzie fornite circa l’eticità del proprio ciclo produttivo; le istituzioni e leorganizzazioni della società civile, perché possono trovare in essi validi strumenti per garantire regole eque econdivise per il funzionamento e la tutela del mercato.La certificazione dei sistemi di responsabilità sociale, è qualcosa di cui fidarsi?In effetti c’è chi sostiene che alcuni modelli creati per gestire i sistemi di responsabilità sociale siano in realtàstrumenti asserviti ai grandi gruppi di interesse economico, o che i sistemi di certificazione rappresentino per leimprese un onere prima che una garanzia ed un’opportunità su cui investire. Noi, pur conoscendo oramaidall’interno le enormi difficoltà e le contraddizioni con le quali il mondo della certificazione volontaria si confrontaquotidianamente, ancora non siamo di questo avviso. Riteniamo infatti che sia possibile superare tali difficoltà apatto di sottoporre ad una revisione seria i meccanismi certificativi tradizionalmente utilizzati, consolidandone i puntidi forza e nello stesso tempo osando rinnovare quei meccanismi che necessitano di miglioramento. Per capirci conqualche esempio ciò è equivalso a: − affrontare il conflitto di interessi endemico esistente per tutti gli organismi privati che certificano i propri clienti a fronte di un corrispettivo economico; − garantire in modo sostanziale (e non meramente formale) la partecipazione attiva dei diversi portatori d’interesse ai processi di certificazione e di monitoraggio; − garantire l’effettiva imparzialità degli organismi di certificazione rispetto agli interessi delle diverse parti; − garantire l’affidabilità e la consistenza del processo di verifica.Si tratta evidentemente di obiettivi fondamentali ai quali gli attori della certificazione, in considerazione del lororuolo, non possono sottrarsi. E non possono neppure passare in secondo piano rispetto a quegli obiettivicommerciali che molti organismi di certificazione, per poter sopravvivere, oggi giorno sono costretti a porsi.Qual è, infatti, il rischio di perdita d’indipendenza per un organismo di certificazione i cui rappresentanti commercialisono di anno in anno chiamati a raggiungere un predefinito budget di fatturato derivante dai nuovi clienti acquisiti?Come è possibile realizzare i servizi ispettivi con la dovuta accuratezza e professionalità se le regole competitivedel “mercato della certificazione” impongono oramai prezzi sottocosto?Nelle sue LEZIONI DI POLITICA SOCIALE Luigi Einaudi definiva l’esistenza di “un punto critico, superato il quale ognielemento della vita sociale, ogni modo di vita, ogni costume che era sino ad allora mezzo di elevazione e diperfezionamento umano diventa strumento di degenerazione e di decadenza”. Qual è il “punto critico” per il mercatodei servizi di certificazione, oltre il quale uno strumento creato per fornire garanzie e certezze alle parti interessatee, attraverso ciò, aggiungere valore alle produzioni, finisce in realtà per non essere più credibile per gli utilizzatori 12
  • 7. né profittevole per i produttori?Come evitare di oltrepassarlo?Queste riflessioni, contestualmente ad una attenta ed interessata osservazione dello stato dell’arte, ci hannoprogressivamente indotto a ritenere che la certificazione possieda le caratteristiche di quei servizi di pubblica utilitàche dovrebbero essere realizzati all’interno di una logica non strettamente commerciale, ovvero nell’ambito distrutture che operano, senza scopo di lucro, per finalità riconducibili ad interessi collettivi .Utopia considerando lo stato dell’arte?No. L’esperienza CISE lo ha già oggettivamente dimostrato.Infatti CISE è innanzi tutto un’azienda speciale della Camera di Commercio di Forlì – Cesena che non possiedescopo di lucro e che non ha alcun interesse negli affari delle aziende che certifica. Ha inoltre fatto le seguenti scelte.Al fine di affrontare il conflitto di interessi endemico esistente per tutti gli organismi privati che certificano i propriclienti a fronte di un corrispettivo economico ha adottato alcuni accorgimenti semplici quanto efficaci: ovvero ilpagamento anticipato, da parte delle Organizzazioni richiedenti la certificazione, dei corrispettivi associati al serviziodi verifica nonché la completa indipendenza, compresa quella economica, dei membri del Comitato di Certificazione(l’organo deliberante il rilascio, sospensione e revoca dei certificati) dalla struttura gestionale ed amministrativa delCISE. Il primo accorgimento consente al fornitore del servizio di verifica di svincolarsi dal potenziale ricatto “tu nonmi certifichi, io non ti pago”, il secondo affida pienamente il ruolo decisionale ad un comitato esterno che non svolgela propria attività a fronte di un corrispettivo economico, bensì in virtù di un mandato di rappresentanza dei diversiportatori d’interesse.Qui interviene la seconda categoria di meccanismi migliorativi dei processi tradizionali di certificazione predispostial fine di garantire in modo sostanziale la partecipazione attiva dei diversi portatori d’interesse ai sistemi dicertificazione e di monitoraggio: ovvero la composizione stessa del sopra citato Comitato di Certificazione el’attivazione di canali di comunicazione volti a favorire la trasparenza tra organizzazioni certificate e stakeholders. Ilprimo accorgimento consiste nel prevedere una partecipazione al Comitato di una pluralità di parti interessateampia e bilanciata in modo tale che nessuna rappresentanza prevalga sulle altre categorie di parti interessate (adesempio nel modello CISE sono previsti 10 voti per i rappresentanti delle Imprese, 10 voti per i rappresentanti deiLavoratori, 10 voti per i rappresentanti delle Istituzioni, 10 per le altre parti interessate indipendentemente dalnumero di votanti per ciascuna categoria), il secondo si esplica in una fitta rete di relazioni attivate per lacomposizione di Dossier Informativi sulle organizzazioni richiedenti la certificazione, nonché nella costituzione efunzionamento dell’Osservatorio S.A.W. nel cui ambito tutti i portatori di interesse possono attivarsi nel ruolo di‘monitori’ (vd. Capitolo 2.3 - Osservatorio Social Accountability Watch (S.A.W.)). 13
  • 8. La composizione rigorosamente bilanciata del Comitato di Certificazione rappresenta in buona parte la garanziadell’effettiva imparzialità rispetto agli interessi in gioco; sempre a tale scopo si è rivelata efficace anchel’introduzione di un ulteriore meccanismo migliorativo delle prassi consolidate nei processi di certificazione: ovverola multilateralità dei sottoscrittori del “contratto di certificazione”. Normalmente infatti tale contratto viene stipulato inmodo volontario tra una parte interessata (l’imprenditore o legale rappresentante dell’impresa) ed unatecnostruttura (l’organismo di certificazione) che dovrebbe avere caratteristiche di indipendenza. Nessun altrostakeholder interviene tradizionalmente nei contratti di fornitura dei servizi di certificazione. Tuttavia spesso glistandard a fronte dei quali le certificazioni vengono rilasciate coinvolgono interessi decisamente più ampi e, inalcuni casi, vengono di fatto esclusi dal “contratto di certificazione” stakeholders che potremmo definire addiritturaprimari. E’ il caso, nel campo della responsabilità sociale d’impresa, della norma SA8000 che, vertendoesclusivamente sul rispetto dei diritti umani fondamentali sui luoghi di lavoro, non può certamente prevedere unaesclusione dei lavoratori stessi dalla messa in esercizio di tale sistema di garanzie. Anche in questo caso unasoluzione sul piano pratico piuttosto efficace è stata decisamente semplice: CISE non procede all’iter di verificapresso aziende clienti per le quali, sulla cosiddetta ‘domanda di certificazione’ non sia stata apposta la firma dialmeno un rappresentante dei lavoratori (rappresentante SA8000 dei lavoratori e/o rappresentanti sindacali) chedimostri di aver condiviso gli obiettivi e la pianificazione aziendale in materia di miglioramento sui requisiti coinvoltiin SA8000. Va sottolineato che questa semplice prassi ha portato a risultati eccellenti, nelle oltre 250 imprese adoggi sottoscrittici di un contratto di certificazione SA8000, in termini di consapevolezza dei lavoratori e di virtuosofunzionamento del sistema SA8000. Purtroppo risulta che CISE è, ad oggi, l’unico organismo di certificazione almondo ad averla adottata.Al fine di garantire l’affidabilità e la consistenza del processo di verifica vengono investite per la formazione, losviluppo delle competenze, l’addestramento, l’aggiornamento, la calibratura, la qualifica ed il monitoraggio continuodelle figure professionali degli auditors, risorse che, ogni anno, non sono inferiori al 10% sul totale dei costisostenuti per lo svolgimento dell’attività certificativa (dal conto economico); inoltre, durante gli audit vienesistematicamente utilizzata la metodologia CEASAS (o “di valutazione dell’adeguatezza”) sviluppata al fine digarantire l’omogeneità, l’equità e la riproducibilità delle verifiche al variare delle situazioni e dei contesti economicidi riferimento.Si tratta di scelte che, lungi dal gettare nel fango tutto il mondo della certificazione volontaria (anzi, cercando disfruttare e valorizzare al meglio l’importante apparato metodologico e culturale da essa sviluppato negli anni suscala globale) cercano, dall’interno, di riformarlo in modo decisivo con lo scopo di migliorarne quei punti deboli che,in particolare nell’ultimo decennio, lo hanno portato a disaffezioni ormai storiche e verso un diffuso scetticismo tra 14
  • 9. molti operatori economici ed intere categorie di stakeholders.In questo senso la consapevolezza del lungo percorso che ancora ci attende non deve impedirci di guardare consoddisfazione al cammino sin qui compiuto grazie all’entusiasmo ed alla partecipazione dei tanti soggetti (Imprese,Professionisti, Organismi di Certificazione e di Ispezione, Sindacati, ONG, Istituzioni pubbliche e private, Università,Associazioni, …) ai quali rivolgiamo un caloroso ringraziamento e l’auspicio di poter ancora proseguire il camminoinsieme. Nella realtà tale cammino, che può non apparire come privo di insidie, è alla portata di tutti; chiunque lovoglia può già oggi partecipare attivamente e costruttivamente al funzionamento di questo sistema fornendo uncontributo comunque importante, anche se a volte necessariamente infinitesimale, purché esercitato conconsapevolezza ed onestà .Proseguendo (e concludendo) con la citazione di Einaudi:“Il mercato, che è già uno stupendo meccanismo, capace di dare i migliori risultati entro i limiti delle istituzioni, deicostumi, delle leggi esistenti, può dare risultati ancor più stupendi se noi sapremo perfezionare e riformare leistituzioni, i costumi, le leggi, entro le quali esso vive allo scopo di toccare più alti ideali di vita. Lo potremo se vorremo.”Luca ValliDirettore CISE 15

×