• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Project work ipe-Iniziativa
 

Project work ipe-Iniziativa

on

  • 12 views

Il lavoro , realizzato con l’azienda Iniziativa Cube S.r.l. ,ha avuto ad oggetto lo studio degli Strumenti di ingegneria finanziaria messi a disposizione dalla Commissione Europea a supporto della ...

Il lavoro , realizzato con l’azienda Iniziativa Cube S.r.l. ,ha avuto ad oggetto lo studio degli Strumenti di ingegneria finanziaria messi a disposizione dalla Commissione Europea a supporto della R&I e Della crescita delle Pmi. Si è partiti dalla descrizione dell’utilizzo degli strumenti di ingegneria finanziaria nell’ ambito della politica di coesione per il periodo 2014-2020 , soffermandoci brevemente sulla normativa dei Sif. Si è poi proceduto ad analizzare lo stato dell’arte e la loro diffusione in Europa e in Italia. Infine ,si è focalizzata l’attenzione sullo svolgimento di un case study volto alla costruzione di un potenziale portafoglio finanziato attraverso il ricorso a fondi strutturali destinati a strumenti di ingegneria finanziaria.

Statistics

Views

Total Views
12
Views on SlideShare
12
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Project work ipe-Iniziativa Project work ipe-Iniziativa Presentation Transcript

    • Gli strumenti di ingegneria finanziaria della Commissione europea a supporto della R&I e della crescita delle PMI: un’applicazione pratica Maddalena Negro Rosa Capasso Domenico Santagata MFA - MASTER IN FINANZA AVANZATA: METODI QUANTITATIVI E RISK MANAGEMENT MIB – MASTER IN BILANCIO, REVISIONE CONTABILE E CONTROLLO DI GESTIONE
    • Logo azienda 2/17 Agenda Gli strumenti di ingegneria finanziaria nella politica di coesione 2014-2020 Stato dell’arte e diffusione degli strumenti finanziari Case study: caratteristiche attese di un potenziale portfolio finanziato attraverso ricorso a fondi strutturali destinati a strumenti di ingegneria finanziaria
    • Logo azienda 3/17 Una politica di coesione riformata per l’Europa Altre politiche UE, agricoltura, ricerca, politiche esterne: 730,2 miliardi 2 Bilancio UE 2014-2020 complessivo: € 1.082 miliardi Fondi della politica di coesione: 351,8 miliardi Distribuiti attraverso 3 fondi Le riforme concordate per il 2014-2020 sono concepite per massimizzare l’impatto degli aiuti UE disponibili Fondo europeo di sviluppo regionale Fondo sociale europeo Fondo di coesione • Crescita intelligente: promozione, conoscenza, innovazione e istruzione . • Crescita sostenibile: economia più efficiente, più competitiva e più green. • Crescita inclusiva: occupazione e coesione sociale e territoriale. La politica di coesione attua gli obiettivi di Europa 2020 CRESCITA 1 3
    • Logo azienda 4/17 Gli strumenti di ingegneria finanziaria: normativa Ai sensi dell’art. 44, co. 1 del Reg. CE 1083/2006 «Nell’ambito di un programma operativo, i fondi strutturali possono finanziare spese connesse a un’operazione comprendente contributi per sostenere: strumenti di ingegneria finanziaria per le imprese, soprattutto piccole e medie, quali fondi di capitale di rischio, fondi di garanzia e fondi per mutui[…]» «[…] Strumenti di Ingegneria Finanziaria forniscono investimenti rimborsabili o garanzie per investimenti rimborsabili, o entrambi, nei seguenti soggetti: Partenariati tra settore pubblico e privato o altri progetti urbani per lo sviluppo urbano sostenibile Fondi o altri programmi d'incentivazione per promuovere l'efficienza energetica e l'utilizzo delle energie rinnovabili negli edifici Piccole e medie imprese comprese le microimprese
    • Logo azienda 5/17 Commissione europea Autorità di gestione degli Stati membri Intermediari finanziari: banche, società di garanzia, fondi di capitale di rischio e venture capital Beneficiari: imprenditori, imprese Gli strumenti di ingegneria finanziaria: i soggetti coinvolti
    • Logo azienda 6/17 Le varie tipologie di strumenti finanziari Prestiti alle PMI Garanzie Equity Contribuzione da parte dell’intermediario per almeno il 20% del prestito Ammontare del finanziamento ai beneficiari fino ad 1 milione di euro Piano di ammortamento tra 12 e 120 mesi Rischio di credito trattenuto dall’intermediario finanziario non inferiore al 20% I prestiti garantiti fino a 1,5 milioni di euro La maturity in un range tra 12 e 120 mesi Contributo degli intermediari variabile in un minimo di 10%-40%-60% dell’investimento complessivo in PMI Durata indicativa del co-investimento di 10 anni Importo dell’investimento massimo di 10 milioni
    • Logo azienda 7/17 Non importante Altro I vantaggi degli strumenti di ingegneria finanziaria Abilità ad attrarre capitale addizionale dalle istituzioni finanziarie Possibilità di ricezione in anticipo di Fondi strutturali Gestione del FEI da un manager indipendente Aumentare il commitment degli strumenti finanziari al fine di affrontare un basso tasso di assorbimento Decisivo Importante Non disponibile Non importante Natura potenzialmente rotatoria Altro
    • Logo azienda 8/17 8,6 mld 1,8 mld Garanzie Stato dell’arte in Europa: 2013 7,1 mld 1,5 mld Equity Microcredito 201,3 mln 53 mln Erogati Mobilitati
    • Logo azienda 9/17 Stato dell’arte in Italia al 31/12/2012 Fonte: elaborazione su dati FEI
    • Logo azienda 10/17 Stato dell’arte in Italia al 31/12/2012 Media UE Fonte: elaborazione su dati FEI
    • Logo azienda 11/17 IMPRESE FONDO SVILUPPO URBANO FONDI DEI FONDI P.O. BUDGET DESTINATARI JEREMIE RISK SHARING EPMF 1,2 mld PMI-max 500 dipendenti 203 mln 1,24 mld Micro-imprese-max 10 dipendenti PMI JESSICA 3,5 mld PA/PPP FONDO INGENIUM DUTCH VENTURE NEOTEC 150 mln 150 mln 183 mln Imprese innovative Imprese innovative Imprese innovative Benchmark dei programmi operativi
    • Logo azienda 12/17 Agricoltura 23% Manifatturiera 9% Costruzioni e energia 16% Commercio 35% Servizi 10% Altro 7% RIPARTIZIONE AZIENDE Case study: analisi del tessuto imprenditoriale abruzzese MERCATO DEL CREDITO 131.072 IMPRESE ATTIVE IN ABRUZZO Finanziamenti alle imprese ridotti del 2,8% Fonte: Banca d’Italia
    • Logo azienda 13/17 • Database AIDA Anno di bilancio disponibile: 2011/12 Ricavi di vendita e prestazioni in un range fra € 5 mln e € 50 mln PFN/EBITDA non superiore a 4,5 •I criteri di selezione sono stati: 685 Aziende selezionate Case study: Costruzione di un campione di imprese
    • Logo azienda • Nella selezione del portafoglio viene utilizzato il rating come criterio di scelta, basandosi sull’indicatore K-SCORE e utilizzando l’EM-SCORE come criterio di convalida 14/17 K > 8,105 A EQUILIBRIO 4,864 <K> 8,105 B ZONA D’OMBRA K < 4,864 C DISEQUILIBRIO EM-SCORE: 3.25 + 6.56 X1 + 3.26 X2 + 6.72 X3 + 1.05 X4 X1: CCN/ Totale Attività X2: Utile non distribuito / Totale Attività X3: EBITDA / Totale attività X4: Valore economico / Indebitamento totale X5: Ricavi / Totale attività K- SCORE: 1,981 X1 + 9,481 X2 + 1,951 X3 + 3,206 X4 + 4,037 X5 EM> 8,105 A EQUILIBRIO 5,65 <EM> 8,105 B ZONA D’OMBRA EM < 3,7 C DISEQUILIBRIO 181 AZIENDE RISCHIOSE Case study: calcolo del rating
    • Logo azienda • Per poter stimare l’ammontare che l’istituto finanziario può richiedere sotto la propria gestione sono stati considerati i dati forniti dal FEI nel bilancio 2013. 1. Si è valutato il valore medio di portafoglio del primo anno di utilizzo di questo strumento, ovvero il 2013. Partendo infatti dall’ammontare erogato per il Risk Sharing (€1,3 miliardi nel 2013), si è diviso per i 24 accordi firmati, per un valore meglio di ogni accordo di €50 mln. 2. Andando anche a considerare i vari fondi JEREMIE nel loro ammontare medio, possiamo stimare il nostro portafoglio pari a €45 milioni, con un finanziamento medio di €90.000 circa. 15/17 Totale campione Aziende rischiose Aziende per il portafoglio 685 181 504 Case study: costruzione del portafoglio di imprese
    • Logo azienda 16/17 504 imprese Breve termine (6-18 m) Importo: €10 mln Medio termine (18-60 m) Importo: €10 mln Lungo termine (60- 120 m) Importo: €15 mln A. Settore B. Caratteristiche C. Soggetti responsabili Manifatturiero, Retail, Ingrosso, Servizi Innovative, che investono in R&S e hanno elevate prospettive di crescita Intervento della Banca: 35% Intervento del FEI: 65% Garanzie FinanziamentiImporto: €10 mln Settore Numero aziende Rating Cap. Turnover ROI medio Manifatturiero 82 A 1,70 6,66% 61 B Retail 51 A 1,69 6,71% 20 B Ingrosso 36 A 1,67 6,71% 69 B Servizi 42 A 1,66 6,67% 21 B Altri Settori 36 A 1,74 6,65% 27 B Case study: costruzione del portafoglio di imprese
    • Logo azienda 17/17