• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Project work ipe - logica
 

Project work ipe - logica

on

  • 1,036 views

Il presente Project Work ha come oggetto un’analisi di prefattibilità per l’implementazione di una piattaforma logistica presso il Porto di Damietta, in Egitto. Lo studio fa parte di un progetto ...

Il presente Project Work ha come oggetto un’analisi di prefattibilità per l’implementazione di una piattaforma logistica presso il Porto di Damietta, in Egitto. Lo studio fa parte di un progetto più ampio, ITALMED, il cui scopo primario è quello di rafforzare le relazioni Italia - Sponda sud del Mediterraneo attraverso la collaborazione nell’ambito dei trasporti e della logistica. Obiettivi della ricerca sono stati quello di verificare la consistenza del network di offerta di trasporto presente e futuro in relazione allo sviluppo di una piattaforma logistica all’interno del Porto di Damietta, di identificare il mercato della domanda di riferimento e di individuare i vantaggi competitivi del Porto di Damietta rispetto ad altre località egiziane. In particolare, sono state analizzate le caratteristiche demografiche, del sistema produttivo, delle relazioni commerciali, delle politiche economiche, delle infrastrutture trasportistiche e logistiche dell’Egitto. Attraverso il confronto con i principali porti competitor si è, infine, giunti a formulare tre diversi scenari riguardanti la scelta della tipologia di piattaforma logistica da implementare.

Our Project Work focuses on an analysis of pre-feasibility, functional to the implementation of a logistics platform in Damietta Port in Egypt. It belongs to a wider project, called ITALMED, whose main target is to strengthen the relationships between Italy and the Mediterranean Southern area by the cooperation in the field of transport and logistics.
There are three main key-points at the basis of our research:
1) to check the consistency of current and future transport supply network connected with the development of a logistics platform in Damietta Port;
2) to identify the potential target demand markets;
3) to highlight Damietta Port competitive advantages compared with other Egyptian sites.
In particular, we analyzed the Egyptian demographic features, the productive system, the commercial system, the economic policies and the transport and logistics infrastructures.
By comparing the most important competitor ports, we have been able to outline three scenarios related to the choice of three different typologies of logistics platform to be implemented.

Statistics

Views

Total Views
1,036
Views on SlideShare
1,036
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Nei box evidenzierei meglio i punti elenco, così mi sembra confusa. I contenuti sono ok
  • Questa forse si può togliere
  • Attenzione: nello scenario 1 dire comunque che è una cosa che ha poco senso perché di fatto nel transshipment non succede quasi mai di aprire container e fare logistica. Nel secondo non citare kenya, non ha senso (o avete fonti da citare?). Nel terzo non si capisce bene quali traffici si dovrebbero assorbire, bisogna spiegare meglio.

Project work ipe - logica Project work ipe - logica Presentation Transcript

  • Studio di prefattibilità per una piattaforma logistica a Damietta Erica Pighetti Stefania Rossi Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa
  • Obiettivi della ricerca Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa
    • Infrastrutture
      • I principali punti di accesso al mercato egiziano
      • Accessibilità e dotazione infrastrutturale di Damietta
      • Punti di forza e debolezza dei porti competitor
      • Vie di comunicazione interna
    • Servizi logistici
      • Operatori logistici
      • Infrastrutture logistiche (free zone e altre aree speciali)
      • Principali centri di produzione
      • I maggiori mercati di consumo
      • Individuazione delle supply chain
      • Flussi di import-export
      • Studio di prefattibilità riguardo l’implementazione di una piattaforma logistica a Damietta
      • Scenario 1 - Sostengno dell’import
      • Scenario 2 – Sostegno dell’export
      • Scenario 3 – Transshipment
    Consistenza del network di offerta di trasporto presente e futuro in relazione allo sviluppo di una piattaforma logistica Quali sono i vantaggi competitivi del porto di Damietta: che tipo di Piattaforma Logistica potrebbe essere implementata a Damietta? Identificazione del mercato della domanda di riferimento
  • Analisi dell’offerta: i principali punti di accesso al mercato egiziano Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Traffici import-export. Traffici import-export Traffici di transito Port Name General Cargo Dry Bulk Liquid Bulk Containers Special Cargo Transit Total ALEXANDRIA 378.35 252.72 407.60 237.39 195.22 1.32 1472.59 EL DEKHEILA 366.68 552.95 53.45 351.87 4.84 18.83 1348.61 DAMIETTA 217.68 590.34 20.29 92.67 14.45 278.63 1214.05 WEST PORT SAID 30.52 130.59 0 89.77 0.38 15.21 266.47 EAST PORT SAID 0 0 0 52.99 0 1031.01 1084 AL ARISH 0 4.64 0.04 0 0 0 4.68 SUEZ 3.76 0 0 0 1.84 0.03 5.64 SOKHNA 95.54 0 0 184.16 0 56.79 336.49 Traffici di transito
  • Analisi dell’accessibilità e dotazione infrastrutturale di Damietta
    • La profondità del canale di accesso al porto è di 15 m ed è possibile far attraccare al massimo navi Panamax
    • Ferrovia Damietta-Cairo : un binario, non elettrificata, forte congestione nel traffico passeggeri.
    • Prezzi per il trasporto ferroviario troppo alti.
    • Le infrastrutture stradali sono poco sviluppate, (se confrontate, ad esempio, con quelle che servono porti come Alessandria o Sokhna) fatta eccezione per il collegamento con Alessandria.
    • Non esiste una autostrada che colleghi Damietta con il Cairo ed la velocità commerciale media di viaggio è di 40 Km/h.
    • Attualmente il collegamento fluviale soffre di carenza infrastrutturali (gli unici porti fluviali operativi sono ad Alessandria e al Cairo) e la navigabilità è ridotta a causa della bassa profondità del canale di collegamento (5 m)
    • Non ci sono segni di congestione del
    • porto né si prevede possano esserci
    • in un prossimo futuro.
    • Vicinanza al Canale di Suez (20 miglia
    • nautiche)
    • É in atto lo sviluppo di un nuovo terminal container .
    • Presenza di un canale navigabile di 5 m di profondità che collega il Porto al Nilo ma esiste la prospettiva di un futuro ampliamento della profondità a 6 m.
    • Il Ministero delle infrastrutture egiziano ha manifestato l’intenzione di sviluppare il trasporto fluviale (è previsto un piano per lo sviluppo di sei porti) e il porto di Tanash (Cairo) è già funzionante. Ciò rappresenta una buona opportunità per lo sviluppo del trasporto di merci attraverso il fiume
    • È in costruzione una pipeline per il trasporto del gas tra il terminal gas e le aziende.
    Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa
  • Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa
    • Port Said
    • Localizzazione all’entrata del Canale di Suez . Porto di East Port Said (fondali fino a 15 m).
    • Ampi spazi all’interno del porto.
    • Grandi volumi movimentati (il 70% del transit cargo movimentato nei porti egiziani).
    • Porto già sviluppato, con poche possibilità per nuovi operatori .
    • Alessandria
    • Porto storico .
    • Alessandria è la seconda città più grande d’Egitto, dopo il Cairo.
    • Porto di El Dekheila come naturale estensione del porto di Alexandria (fondali fino a 20 m)
    • Buona accessibilità al Cairo , sia via strada (Desert Road e Agricultural Road) che via ferrovia (doppio binario).
    • Forte presenza dei maggiori operatori logistici internazionali.
    • Congestione
    • Procedure doganali lente .
    • Sokhna
    • Opportunità di servire il mercato interno egiziano bypassando il Canale di Suez .
    • Opportunità di intercettare flussi di merci che attraversano il Canale di Suez (in media 650 milioni ton per anno).
    • Fondali fino a 18 m.
    • Maggiore vicinanza al Cairo (130 km).
    • Ottimo collegamento stradale con il Cairo.
    • Collegamento ferroviario a binario singolo, mancanza di un collegamento diretto con il Cairo (passaggio per la stazione di Suez)
    Analisi dell’offerta: Principali competitor del porto di Damietta
  • Analisi dell’offerta: Vie di comunicazione interna Alexandria Modi di trasporto Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Alexandria
    • Rete stradale : 91,173 km
    • Gravi carenze nei servizi di supporto al trasporto stradale
    • Rete ferroviaria : 6,700 km di ferrovie e 820 stazioni.
    • Circa il 28.4% della rete è a doppio binario 0.39% è a quattro binari.
    • 57% della rete è concentrata nella zona del delta del Nilo.
    • 12 milioni di tonnellate di capacità di trasporto merci.
  • Analisi dell’offerta: Vie di comunicazione interna Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Alexandria Damietta Kena Beni Suef Minya Assuit
    • Rete di trasporto fluviale : 1,850 km di canali navigabili 11 chiuse, circa 39 porti privati e 5 porti pubblici (El Nahda port (Alexandria) , Assar El Naby Port (Cairo),Damietta Port, Aswan Port , Kena Port) di cui la maggior parte inutilizzata.
    • Quattro principali rotte: Cairo-Damietta, Cairo-Alexandria, Cairo-Aswan, Aswan-Hafla.
    • Infrastrutture fortemente carenti sia dal punto di vista puramente trasportistico (banchine, profondità fondali) che dal punto di vista logistico (magazzini, mezzi per movimentare merci, operatori logistici).
    • Il Ministero dei Trasporti ha annunciato di voler sostenere l’ampliamento della rete, grazie a interventi di dragaggio dei fondali (Cairo-Damietta 2007-2010) e di sostegno allo sviluppo dei porti (dal 2009), in particolare sei, a cominciare da quello di Alessandria e quello di Kena.
    • Obiettivo di portare la percentuale di merci trasportate via canali navigabili dall’1% al 20% in 4-5 anni.
    Cairo
    • VANTAGGI DEL TRASPORTO FLUVIALE
    • Riduzione traffico stradale (fortemente congestionato).
    • Riduzione incidentalità.
    • Riduzione costo del trasporto (costi carburante, economie di scala)
    • Riduzione costi d’investimento per le infrastrutture.
    • Riduzione inquinamento.
    • SVANTAGGIO DEL TRASPORTO FLUVIALE
    • Aumento tempi di viaggio
  • Analisi dell’offerta: Il mercato dei servizi logistici Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Operatori portuali : la maggioranza degli operatori sono società a partecipazione maggioritaria pubblica ma negli ultimi anni è in atto una tendenza alla liberalizzazione e privatizzazione. Operatori logistici internazionali: allo stato attuale non esistono, in Egitto, provider logistici con una consistente rete distributiva di supporto. Infatti, prendendo in esame i primi 10 operatori logistici internazionali, appena una metà di essi e spesso solo al Cairo e ad Alessandria. Porti marittimi Porto di Sokhna : primo porto (dal 2000) in Egitto ad essere interamente gestito da un’impresa privata (grazie ad una concessione di 25 anni, ed in regime di B.O.T), Sokhna Port Development Company (SPDC) appartenente prima ad Admiral Group e dal 2008 a Dubai Ports World. Porto di Damietta : nel 2006 DIPCO (KGL) ha ottenuto una concessione per 40 anni per lo sviluppo e la gestione del nuovo terminal container. Porto di Alessandria : dal 2007 Alexandria International Container Terminal (AICT), appartenente al gruppo Hutchinson Port Holdings (HPH), ha costruito e tutt’ora gestisce 2 banchine (una Alexandria e El-Dekheila). Porto di Port Said : il terminal container di East Port Said è gestito da Suez Canal Container Terminal (SCCT) il cui azionista principale è APL (seguita da Cosco, Suez Canal Authority, Egyptyan Private sector e National Bank of Egypt), Porti fluviali La National River Managment Company (NRPMC) è stata la prima impresa privata ad operare nello sviluppo e nella gestione di porti fluviali in Egitto: Porto di Tanash (2008 concessione per 15 anni) Porto di Tebbin (ampliamenti in corso) Porto di Alessandria (ampliamenti in corso) Porto di Beni Suef (ampliamenti in corso) Porto di Minya (ampliamenti in corso) Porto di Assuit (strategia di sviluppo) Porto di Aswan (strategia di sviluppo)
  • Analisi dell’offerta: Le infrastrutture logistiche - free zone e altre aree speciali- Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Alexandria Public Free Zone (pronto moda, tessili, prodotti chimici e petrolchimici, produzione di ferro e acciaio, olii vegetali, raffinati del petrolio) Nasr City Public Free Zone (tessili, farmaceutica, prodotti elettronici e meccanici, automotive) Port Said Public Free Zone (pronto moda, pelletteria, tessili, prodotti chimici, apparecchiature refrigeranti, servizi marittimi e logistici) Suez Public Free Zone (tessili, pronto moda, metalli e prodotti metallici, manutenzione navi, servizi petroliferi e marittimi) Ismailia Public Free Zone (tessili, pronto moda, magazzini, prodotti chimici, pelletteria, plastica, prodotti chimici, cavi elettrici, prodotti metallurgici) Damietta Public Free Zone (mobili, prodotti chimici, trattamento di semi, fertilizzanti, servizi marittimi) Media Public Free Zone (cinema, software, servizi turistici, magazzini, costruzione di hotel) Shebin El- Kom Public Free Zone (tessili, pronto moda, lavorazione e confezionamento di prodotti alimentari) Qeft Public Free Zone (prodotti farmaceutici, prodotti meccanici, lavorazione e confezionamento di prodotti alimentari) Port Said East Public Free Zone (servizi logistici, container terminal)
  • Analisi dell’offerta: Le infrastrutture logistiche - free zone e altre aree speciali - Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Istituite dalla legge 8/1997, le free zone egiziane offrono un’esenzione da tasse e dazi alle aziende ivi localizzate che esportino più del 50% della loro produzione totale. Esistono free zone pubbliche e free zone private (legate ad un particolare progetto o società).
    • Nel 2004, l’Egitto ha firmato, con Israele e Usa, il protocollo per l’istituzione delle “ Qualifying Industrial Zones” (QIZs):
    • libero accesso al mercato statunitense,
    • almeno 35% valore aggiunto in Egitto,
    • almeno 10,5% input di origine israeliana,
    • diffuso soprattutto per prodotti tessili e pronto moda, meno per prodotti alimentari.
    • La North West Suez Special Economic Zone (SSEZ) è stata istituita con legge 83/2002 nei pressi del Porto di Sokhna, all'entrata sud del Canae di Suez:
    • imposta sul reddito personale forfettaria del 5%,
    • aliquota fiscale del 10% su tutte le attività svolte nella SSEZ
    • dogana interna
    • servizi di assistenza per coloro che intendono investire all’interno della SSEZ
    • rilascio di un “certificato di origine SSEZ” (il quale facilita il riconoscimento e l’ applicazione di tutte le agevolazioni previste dagli accordi commerciali stipulati dal governo egiziano)
  • Analisi della domanda: I maggiori centri di produzione
    • Alexandria (ortofrutta, tessili, alimenti già pronti, metalli, plastica e gomma)
    • 6° of October (alimenti già pronti, metalli, chimici, elettronica, tessili)
    • 10° of Ramadan (tessili, chimici)
    • Port Said (tessili)
    • Damietta (mobili)
    • Sokhna (miniere)
    • Tanta (tessili, ortofrutta)
    • Ismailia (ortofrutta, tessili)
    • Shebin El Kom (tessili, pelletteria)
    • Fayyoum (ortofrutta)
    • El Mansoura (ortofrutta)
    Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa
  • Analisi della domanda: I maggiori centri di produzione Le principali industrie Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa 1125 2640 2500 4000 15000 3910 385 3470 140 1797 478 2420 367 4500 600 (200.000)
  • Analisi della domanda: Flussi di import-export Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Principali Partner Commerciali dell’Egitto Principali commodities scambiate 37,2 % 9,8 % 1,2 % 13,2 % 2,1 % 13,7 % 18,4% Imports - Partner US , Cina, Germania, Italia, Turchia. Exports – Partners US, Italy, Spain, India, Saudi Arabia, Syria, France, South Korea. Exports - commodities Petrolio greggio e prodotti del petrolio, cotone, tessili,prodotti in metallo, prodotti chimici, alimenti già pronti. Imports - commodities macchinari, prodotti alimentari, prodotti chimici, manufatti in legno, carburanti.
  • Analisi della domanda: I maggiori mercati di consumo Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa
    • 80 milioni di ab.
    • Paese più popoloso del Medio Oriente
    • Secondo stato più popoloso dell'Africa
    • Quasi tutta la popolazione è concentrata lungo il corso del Nilo, nell'area del suo delta e nell'area intorno al canale di Suez
    • Il Cairo circa 8 milioni di ab. e oltre 15 milioni nell’area metropolitana (compresi 6° of October e 10° of Ramadan)
    • Shubra el-Kheima circa 900.000 ab.
    • Port Said circa 600.000 ab.
    • Alexandria circa 4,2 milioni di ab.
    • Sokhna circa 50.000 ab.
    • Damietta circa 1.100.000 ab.
    • Suez circa 500.000 ab
    • El Mahalla el Kubra circa 400.000 ab.
    • Tanta circa 400.000 ab.
  • Conclusioni Master in Shipping: Logistica, Finanza e Strategia d’Impresa Che tipo di Piattaforma Logistica potrebbe essere implementata a Damietta?
    • Collegamento fluviale.
    • 2 porti al Cairo.
    • Dragaggio tratta Damietta-Cairo.
    • Non congestionata.
    • Non esistono infrastrutture portuali attrezzate lungo il corso del Nilo (eccetto i porti del Cairo).
    • Carente collegamento stradale con il Cairo (no autostrada).
    • Carente collegamento ferroviario con il Cairo (singolo binario, rete non elettrificata).
    • Ampi spazi disponibili.
    • Non congestionata.
    • ‘’ Capitale del mobile’’ (37000 imprese, 24% della produzione nazionale)
    • Export di fertilizzanti sostenuto dalla localizzazione in free zones.
    • I traffici refeer rappresentano una quota rilevante di traffico, con circa 12.000 TEU/anno.
    • Si rileva una tendenza alla diminuzione delle esportazioni.
    • Capacità di movimentare 1.2 milioni di Teu (escluso il nuovo terminal container)
    • Hub di Cma Cgm
    • Scarse possibilità di ‘’aprire i container’’ (attività poco diffusa)
    Scenario 3: Piattaforma legata alle attività di transshipment Scenario 1: Piattaforma a sostegno della distribuzione verso il Cairo per traffici import in concorrenza con Alessandria Scenario 2: Piattaforma a sostegno dell’export della zona di Damietta per particolari merceologie
    • Esigenze di approfondimento
    • Aggiornamento dati
    • Traduzione doc arabi
    • Conoscenza delle specifiche attività svolte dagli operatori logistici presenti