Your SlideShare is downloading. ×
0
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

IPE - Project work Perseveranza - MIS 2013 - Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali

333

Published on

Il presente project work consiste nell’adattamento di un modello di risk management , quale l’ERM (Enterprise Risk Management), al settore armatoriale in generale e alla Fertilia S.p.A nello …

Il presente project work consiste nell’adattamento di un modello di risk management , quale l’ERM (Enterprise Risk Management), al settore armatoriale in generale e alla Fertilia S.p.A nello specifico. Parallelamente è stata analizzata la fattibilità dell’istallazione sulle navi della flotta del dispositivo Mewis Duct, sia in termini di tempistica per il rientro dell’investimento che di minori costi da sostenere.
L’obiettivo del lavoro è quello di costruire un business plan ed individuare le strategie finanziariamente più convenienti, tenendo conto sia dell’attuale crisi finanziarie, sia dei futuri andamenti dei noli, ipotizzando tre possibili scenari di mercato (worst,base, best).
Congiuntamente, con la finalità di contenere i rischi propri del settore armatoriale, abbiamo implementato il modello ERM, soffermandoci sui principali rischi del settore: rischio puro/operativo, di credito/controparte e di mercato.

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
333
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali VINCENZA MOLVETTI NADIA CRISTIANO CAROLINA MARRA FLAVIO BUONGIOVANNI Master in Shipping, Logistica, Finanza e Strategia di Impresa (V edizione) PERSEVERANZA S.P.A. DI NAVIGAZIONE Referente: Dott. VITTORIO BISOGNONapoli , 5 luglio 2013Napoli , 5 luglio 2013
  • 2. 2/31 Fertilia S.p.A Analisi di settore Case study: valutazione economico-finanziaria di Fertilia S.p.A Risk management: l’Enterprise Risk Management in FertiliaRisk management: l’Enterprise Risk Management in Fertilia S.p.A Becker Mewis Duct Business Plan Conclusioni
  • 3. 3/31
  • 4. 4/31 • Fertilia S.p.A è una joint venture costituita nel settembre del 2001 tra Perseveranza S.p.A di Navigazione che, attualmente, si occupa sia della gestione tecnica e commerciale della società e Italia Shipping S.r.l che, invece, collabora unicamente sulla gestione commerciale. • I primi passi nel business la Fertilia S.p.A li muove grazie all’acquisto di una• I primi passi nel business la Fertilia S.p.A li muove grazie all’acquisto di una prima Post-Panamax, la ‘’Benedetta D’ Amato’’. • Nel Gennaio 2011 la società decide di vendere M/N ‘’Benedetta D‘Amato’’ per finanziare, con i proventi ottenuti, la realizzazione di due nuove Bulk Post-Panamax tra il 2011 ed il 2012: M/N ‘’Antonella Lembo’’ e ‘’Marlene D’Amato’’.
  • 5. 5/31 ANTONELLA LEMBO Bulk Carrier Post-Panamax (2011) Bandiera: Italiana Lunghezza fuori tutto: 230 m Larghezza massima : 38m Altezza di Costruzione : 84 m Dead weight: 93257 t Gross tonnage: 53000 t Velocità media : 13,1 kn Class Society: American Bureau of ShippingClass Society: American Bureau of Shipping Tipo di contratto: Time Charter (10 anni). MARLENE D’AMATO Bulk Carrier Post-Panamax (2012) Bandiera: Italiana Lunghezza fuori tutto: 229 m Larghezza massima : 38m Altezza di Costruzione : 70 m Dead weight: 93207 t Gross tonnage: 53000 t Velocità media : 10,4 kn Class Society: American Bureau of Shipping Tipo di contratto: Spot Charter.
  • 6. 6/31
  • 7. 7/31 La Fertilia S.p.A opera nel settore del DRY BULK che rappresenta il segmento più grande per tonnellate trasportate (66,3%) dell’intero merchant shipping L’andamento dei noli nel settore è influenzato principalmente da due variabili: la domandaofferta mondiale di materie prime e la stiva disponibile nel mercato.
  • 8. 8/31
  • 9. CONTO ECONOMICO Valori su fatturato Variazioni % 2011 2012 Reddito post Gestione Caratteristica 79% 18% - 61% Reddito post Gestione Finanziaria 56% 2% - 54% Reddito post Gestione Straordinaria 59% 2% - 57% Utile Netto 50% 2% - 48% 9/31 Utile Netto 50% 2% - 48% STATO PATRIMONIALE Valori su totale impieghi Variazioni % 2011 2012 Attivo Circolante 12% 10% - 2% Attivo Immobilizzato 88% 90% + 2% Passivo Corrente 7% 7% = Passivo Consolidato 71% 73% + 2% Patrimonio Netto 22% 20% - 2% Fonte: Dati societari
  • 10. IndiciIndici didi redditivitàredditività: forniscono informazioni sulla capacità dell’azienda di produrre nuova ricchezza e sulla sua destinazione. ▫ ROE: Reddito netto/Mezzi propri 1,2% ▫ ROI: Reddito operativo/Capitale investito medio 3% 10/31 ▫ ROI: Reddito operativo/Capitale investito medio 3% ▫ ROD: Oneri finanziari/Capitale di debito 3% ▫ ROS: Reddito operativo/Ricavi netti 18% Fonte: Dati societari
  • 11. Indici di liquiditàIndici di liquidità: verificano se l’impresa sia in grado di far fronte ai propri impegni con le attività. ▫ INDICE DI LIQUIDITA’ : Liquidità immediate e differite/Passivo corrente 1,20 ▫ INDICE DI DISPONIBILITA’: Attivo circolante/Passivo corrente 1,34 11/31 Indici di strutturaIndici di struttura : evidenziano se le attività immobilizzate sono state finanziate da fonti durevolmente vincolate all’azienda. ▫ QUOZIENTE PRIMARIO DI STRUTTURA: Capitale netto/Attivo immobilizzato 0,22 ▫ INDICE DI COPERTURA: Patrimonio netto e Passivo consolidato/ Attivo immobilizzato 1,03 ▫ INDICE DI AUTONOMIA FINANZIARIA: Capitale netto/ Totale finanziamenti 0,20 Fonte: Dati societari
  • 12. 12/31
  • 13. 13/31 Ambiente Congiuntura economica Ordinament o giuridico Fattori di rischio interni Sistema di controllo interno Tecnologia ClientiFornitori Prezzo dei noli interno Core business ICT Organizzazione Pianificazione Finanza I fattori di rischio (interni/esterni) possono impattare sul business della società e «alterare»alterare» la performance economico-finanziaria della stessa
  • 14. 14/31 Classi di rischio Caratteristiche Tipi di Copertura RischioRischio didi credito/contropartecredito/controparte Rischio di liquiditàRischio di liquidità Il rischio che la Società possa essere esposta a potenziali perdite derivanti dal mancato adempimento delle obbligazioni assunte dalla controparte Il rischio che la Società abbia difficoltà nel reperire fondi per far fronte agli impegni derivanti dagli strumenti finanziari Per i viaggi spot -> politica di pagamento anticipato dei noli Per il noleggio a tempo -> contratto di time charter di 10 anni con un primario operatore della Korea del Sud Dismissione della M/N Benedetta D’Amato + variazione delle condizioni di finanziamento Rischio di mercatoRischio di mercato Il rischio che il fair value o i flussi finanziari futuri di uno strumento finanziario fluttuino in seguito a variazioni dei prezzi di mercato. Comprende: rischio di tasso, rischio di cambio e rischio di prezzo Rischio di tassoRischio di tasso coperto stipulando un IRS con la banca finanziatrice Rischio di cambioRischio di cambio è minimo perché l’attività operativa è svolta in valuta dollaro Usa ma qualora dovesse sussistere sarà possibile coprirlo ricorrendo a strumenti derivati Rischio di prezzoRischio di prezzo coperto mediante la rinegoziazione di alcune clausole nel contratto TC + impiego della MN Marlene D’Amato in viaggi spot
  • 15. Risk management process Risk 15/31 Il risk management (RM) è un processo finalizzato alla protezione dell’impresa dagli eventi sfavorevoli e dai loro effetti, mediante il monitoraggio sistematico delle condizioni di rischiosità cui è sottoposta l’impresa e l’implementazione di opportune misure di protezione Risk identification Risk evaluation Risk management Risk monitoring
  • 16. L’ERM è finalizzato al conseguimento dei seguenti obiettivi aziendali : Strategici; Operativi; Reporting; Compliance . 16/31 L’ERM considera vari livelli dell’organizzazione: A livello di impresa; Divisione; Business unit; Controllata. L’ERM è costituito da otto dimensioni interconnesse: ambiente interno; definizione degli obiettivi; identificazione degli eventi; valutazione del rischio; risposta al rischio; attività di controllo; informazioni e comunicazioni; monitoraggio.
  • 17. Valutazione della situazione correnteValutazione della situazione corrente Sviluppo del piano di implementazioneSviluppo del piano di implementazione Sponsorizzazione del modello ERM da parte del Top ManagementSponsorizzazione del modello ERM da parte del Top Management Creazione del gruppo di lavoroCreazione del gruppo di lavoro 17/31 MonitoraggioMonitoraggio Gestione del cambiamentoGestione del cambiamento Piano di implementazionePiano di implementazione Sviluppo delle capacitàSviluppo delle capacità Visione dell’ERMVisione dell’ERM
  • 18. L’ERM favorisce: - il raggiungimento di obiettivi aziendali; - il miglioramento delle performance aziendali; 18/31 L’implementazione di un efficace ERM presuppone alla base un solidosolido sistemasistema didi controllocontrollo (SIC) e richiede che i rischi siano gestiti in un’ottica «manageriale»«manageriale» di gestione del portafoglio . - il miglioramento delle performance aziendali; - l’ottimizzazione dei costi di gestione dei rischi; - una crescente fiducia da parte degli investitori; - il raggiungimento di un forte vantaggio competitivo. protezione e crescita del valore dell’impresavalore dell’impresa
  • 19. 19/31
  • 20. 20/31 Il Becker Mewis Duct è un condotto posizionato davanti l'elica insieme ad un sistema di pinne integrato all'interno. Raddrizza ed accelera la scia di carena sull’ eliche e produce anche una prima spinta netta. Il sistema di pinne fornisce un pre-vortice sui filetti fluidi che riduce le perdite di scia dell'elica, determinando un aumento di spinta ad una determinata potenza propulsiva. Entrambi gli effetti contribuiscono ad un rendimento migliore dell’elica.
  • 21. 21/31 L’elica navale è una particolare macchina in grado di trasformare la potenza meccanica di un albero rotante in variazione della quantità di moto di un fluido, allo scopo di generare una propulsione secondo il principio di azione e reazione. L’elica subisce delle azioni dinamiche da parte delL’elica subisce delle azioni dinamiche da parte del fluido riducibili ad una forza e ad un momento: spinta T e coppia Q. perditeVT VT A A i +⋅ ⋅ =η Il rendimento migliora se: 1. Aumenta il diametro dell’elica; 2. Diminuisce l’incremento di velocità tra monte e valle; 3. Aumenta a bassi valori di CT*. *S. Miranda, Appunti di Architettura Navale Dipartimento di ing. Navale Napoli, Ottobre 2006
  • 22. 22/31 • I risparmi sono in funzione di CT • È indipendente dal progetto nave -Miglioramento della propulsione; -Risparmio di carburante provata fino a 8%; -Riduzione Gas i scarico; -Nessuna parte in movimento, nessun servizio necessario; -La riduzione delle vibrazioni e impulsi di pressione; -Ritorno sugli investimenti in circa 1 anno; -Tempo di montaggio circa 4 giorni.
  • 23. 23/31 CONSUMO NAVE CARICA 14 kn HFO380 32Mtonn/day motore principale HFO380 2Mtonn/day ausiliari ZAVORRA 14,5 kn HFO380 29Mtonn/day motore principale HFO380 2Mtonn/day ausiliari In un anno: 50% nave carica 50% nave zavorra C = 1,78 Risparmio di Potenza 5,3%CT = 1,78 Risparmio di Potenza 5,3% VARIAZIONE COSTO DELL' HFO380 ($/MT) % DI RISPARMIO RISPETTO AL COSTO ATTUALE ANNUO 580 585 590 595 600 605 610 615 620 625 11,29% 10,52% 9,76% 8,99% 8,23% 7,46% 6,70% 5,93% 5,17% 4,40%
  • 24. 24/31
  • 25. $- $5.000,00 $10.000,00 $15.000,00 $20.000,00 $25.000,00 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 DailyRate years 25/31 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 Margine operativo $ 4.849.581 6.266.031 9.746.181 9.810.781 9.977.281 10.267.231 10.557.181 10.557.181 Flusso di Cassa Operativo $ 1.925.252 -4.936 3.596.173 3.281.733 3.877.381 4.671.481 4.772.281 4.873.081 Cassa Cumulata $ - 2.120.316 5.516.489 9.298.223 13.675.304 18.347.086 23.119.367 27.992.448 Posizione Finanziaria Netta $ 67.514.748 65.244.936 56.843.826 51.658.266 46.262.618 41.168.518 36.267.719 31.366.919 * Fonti: Dati Societari
  • 26. 26/31 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TC RATE $ 16.000 16.000 21.000 21.000 21.000 21.000 21.000 21.000 ADD. N.2 $ 200.000 200.000 200.000 DAYS ON HIRE 360 360 360 350 360 360 360 360 REVENUES $ 5.760.000 5.760.000 7.560.000 7.350.000 7.560.000 7.560.000 7.560.000 7.560.000 RUNNING COSTS $ 1.970.921 1.970.921 1.970.921 1.916.173 1.970.921 1.970.921 1.970.921 1.970.921 dry dock $ 0 0 0 500.000 0 0 0 0 EBITDA $ 3.989.079 3.989.079 5.589.079 4.933.827 5.589.079 5.589.079 5.589.079 5.589.079 DEPRECIATION $ 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633DEPRECIATION $ 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 1.807.633 EBIT $ 2.181.446 2.181.446 3.781.446 3.126.194 3.781.446 3.781.446 3.781.446 3.781.446 INTERESTS $ 627.200 593.600 548.800 504.000 459.200 414.400 369.600 324.800 EBT $ 1.554.246 1.587.846 3.232.646 2.622.194 3.322.246 3.367.046 3.411.846 3.456.646 TONNAGE TAX $ 13.700 13.700 13.700 13.700 13.700 13.700 13.700 13.700 NET PROFIT $ 1.540.546 1.574.146 3.218.946 2.608.494 3.308.546 3.353.346 3.398.146 3.442.946 FDC OPERATIVO NETTO $ 3.127.956 635.479 2.480.279 1.869.827 2.569.879 2.614.679 2.659.479 2.704.279 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA $ 31.432.044 31.364.521 26.959.721 25.010.173 22.254.121 21.767.515 19.149.015 13.935.721 * Fonte: Dati Societari
  • 27. 27/31 Spot Charter Time Charter 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TC RATE ($) 8.640 12.370 17.240 18.920 19.330 19.330 19.330 19.330 DAYS ON HIRE 330 345 345 345 350 360 360 360 REVENUES ($) 2.851.200 4.267.650 5.947.800 6.527.400 6.765.500 6.958.800 6.958.800 6.958.800 MEWIS DUCK ($) -436.386 MD EARNINGS ($) 0 320.333 320.333 320.333 RUNNING COSTS ($) 1.963.324 1.963.324 1.963.324 1.963.324 1.963.324 1.963.324 1.963.324 1.963.324 dry dock ($) 0 500.000 EBITDA ($) 451.490 2.624.658 4.304.808 4.884.408 4.802.176 4.995.476 4.995.476 4.995.476 * Fonti: Dati Societari EBITDA ($) 451.490 2.624.658 4.304.808 4.884.408 4.802.176 4.995.476 4.995.476 4.995.476 DEPRECIATION ($) 1.728.385 1.728.385 1.728.385 1.728.385 1.728.385 1.728.385 1.728.385 1.728.385 EBIT ($) -1.276.896 896.273 2.576.423 3.156.023 3.073.790 3.267.090 3.267.090 3.267.090 INTERESTS ($) 882.000 868.000 812.000 756.000 700.000 644.000 588.000 532.000 IRS ($) 317.520 302.400 282.240 262.080 EBT ($) -2.476.416 -274.127 1.482.183 2.137.943 2.373.790 2.623.090 2.679.090 2.735.090 TONNAGE TAX ($) 13.600 13.600 13.600 13.600 13.600 13.600 13.600 13.600 NET PROFIT ($) -2.490.016 -287.727 1.468.583 2.124.343 2.360.190 2.609.490 2.665.490 2.721.490 FDC OPERATIVO NETTO ($) -761.630 -799.342 956.968 1.612.728 1.848.576 2.097.876 2.153.876 2.209.876 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA ($) 36.041.630 33.839.342 29.843.03226.947.272 24.471.424 21.982.124 19.686.124 17.390.124
  • 28. 28/31 30.000 WORST ($) BASE ($) BEST ($) 2014 10.143 12.370 14.349 2015 14.137 17.240 20.171 2016 15.514 18.920 22.326 2017 15.851 19.330 23.003 2018 16.211 19.770 23.922 2019 16.490 20.110 24.735 2020 16.990 20.720 25.693 0 5.000 10.000 15.000 20.000 25.000 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 DAILYRATE($) YEARS BEST BASE WORST
  • 29. 29/31 WORST ($) BASE ($) BEST ($) 2014 -773.251,25 -4.936,25 677.818,75 2015 2.525.638,75 3.596.173,75 4.607.368,75 2016 2.106.663,75 3.877.381,25 4.456.803,75 2017 2.253.611,25 3.877.381,25 5.162.931,25 FLUSSI DI CASSA STIMATI IN BASE AI NOLI PER L’INTERA AZIENDAFLUSSI DI CASSA STIMATI IN BASE AI NOLI PER L’INTERA AZIENDA 2017 2.253.611,25 3.877.381,25 5.162.931,25 2018 3.305.476,25 4.671.481,25 6.324.601,25 2019 3.749.881,25 4.772.281,25 6.718.081,25 2020 4.030.681,25 4.873.081,25 7.163.761,25
  • 30. 30/31 PREVISIONIPREVISIONI DI RIPRESA DELDI RIPRESA DEL SETTORESETTORE IMPLEMENTAZIONE DEL MODELLO ERMIMPLEMENTAZIONE DEL MODELLO ERM IMPLEMENTAZIONE DEL MEWIS DUCTIMPLEMENTAZIONE DEL MEWIS DUCT FLUSSI DI CASSA SODDISFACENTI PER TUTTI GLI SCENARIFLUSSI DI CASSA SODDISFACENTI PER TUTTI GLI SCENARIFLUSSI DI CASSA SODDISFACENTI PER TUTTI GLI SCENARIFLUSSI DI CASSA SODDISFACENTI PER TUTTI GLI SCENARI
  • 31. 31/31 GGRAZIERAZIE PERPER GGRAZIERAZIE PERPERPERPER LL’’ATTENZIONEATTENZIONE!! PERPER LL’’ATTENZIONEATTENZIONE!!

×