Your SlideShare is downloading. ×
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Annual report 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply
1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • interesante presentacion sobre finanzas, me fue de mucha utilidad en mis estudios, tambien comparto con ustedes la noticia sobre ana patricia Botin http://www.santander.com/csgs/Satellite?c=Page&canal=CAccionistas&cid=1139304239180&empr=SANCorporativo&leng=es_ES&pagename=SANCorporativo%2FPage%2FSC_ContenedorGeneral
    saludos.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,339
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Associazione Alumni IPE www.alumni.ipeistituto.it Report Edizione 2011Supplemento a IPEnews anno VII, n. 2. Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/04) art. 1, comma 2 e 3 - Aut.: CNS/CBPA-NA/237/08 • Intervista a Ignazio Rocco di Torrepadula, BCG • Intervista ad Antonio Arfé, Deloitte • Premio Alumni a Carlo Pontecorvo • Comitati Alumni Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 1 1
  • 2. Cittadini del mondo L e condizioni econo- mico-sociali in cui attualmente versa il The Boston Consulting Group con gli allievi dei Master I.P.E. Intervista a Ignazio Rocco di Torrepadula, Senior Partner e Managing Director nostro paese lascia- no poco spazio per Quali sono le caratteristiche professio- inseriamo in BCG di combinare l’appren- un´analisi tutta rosa e nali e umane del candidato ideale per dimento sul campo, la presa diretta di fiori di quello che sará BCG? responsabilità progettuali, l’interazione il futuro prossimo nel Mezzogiorno d´Italia. Una grandissima energia, una forte cu- con responsabili senior del cliente, e l’in- Tuttavia, da incallito riosità intellettuale, e una passione per terazione con tutte le figure professionali ottimista quale sono, inquadrare correttamente problemi com- di BCG (inclusi i Partner e i Senior Partner, non voglio rassegnar- plessi, dove la complessità non è neces-mi alle catastrofiche analisi che in tem- che sono profondamente coinvolti nella sariamente connessa solo a elementi ana-pi di vacche magre accomunano i piú. gestione dei progetti). Questo meccanismo litici o quantitativi, ma può avere a che ve-Nessuna presunzione nell’indicare quale è una fonte molto potente di apprendimen-sia la strada maestra, ma l’assoluta cer- dere con dinamiche interpersonali, sociali, to e crescita. Inoltre, tratteniamo i talentitezza nel ritenere che un Mezzogiorno culturali, ed emozionali. Sempre più, la con avanzamenti di carriera che – a fronteformato nel modo che serve al mercato, gestione della complessità e del cambia-sia una delle poche ricette che di questi mento, in un certo senso la comprensione di buoni risultati - si susseguono ogni duetempi abbia senso proporre. dell’animo umano e di ciò che lo muove, è - tre anni; con l’opportunità di diversifica-Investire in capitale umano, quindi in re continuamente le proprie competenze parte integrante del nostro mestiere.formazione e conoscenza, é prelimiare funzionali e settoriali; con una opportunitàe strategico ad ogni spesa pubblica oinvestimento privato perché permette di Può descrivere breve- di mobilità geograficamoltiplicare i benefici di tale spesa o in- mente le fasi in cui è (74 uffici in 42 paesi)vestimento nel medio-lungo termine. Ma articolato il processo di senza uguali.cosa chiede il mercato del lavoro ai gio- selezione in BCG? Qualivani di oggi? suggerimenti vuol dare Cosa pensa dell’e-La mia esperienza personale e profes-sionale, che mi ha portato dal Belgio al ad un neolaureato che sperienza di collabo-Messico passando per Stati Uniti, Argen- si appresta ad affrontare il vostro per- razione con l’I.P.E.tina e Colombia, mi spinge ad individua- corso di selezione? e in particolare delre nella flessibilitá e nelle competenze Il nostro processo di selezione è struttu-tecniche specifiche, quelle caratteristiche coordinamento del rato in modo tale da permetterci di cono-necessarie per essere vincenti in un mon- Project Work svolto scere i candidati più a fondo, comprende-do estremamente globalizzato, dove la dagli allievi?convergenza economica e culturale tra i re meglio le loro capacità, ma anche per Considero l’I.P.E. unapaesi é ormai un fenomeno irreversibile, presentar loro le nostre persone e i nostriche non lascia spazio a scelte: bisogna progetti. Solitamente il percorso è suddi- scuola di elevata qua-essere cittadini del mondo, mettere da viso in tre fasi, durante le quali il candida- lità e ben gestita, eparte i confini geografici ed accettare to può affrontare un test di calcolo e logi- inoltre propositiva ele sfide della globalizzazione per bene- imprenditoriale nelle ca, una prova al computer ed alcuni “casificiare dei vantaggi che questa offre. La aziendali”; avrà la possibilità di incontra- sue iniziative. Questa è stata l’impressio-parola flessibilitá, sempre piú in voga ne-gli ultimi anni, é qui da intendersi come re e confrontarsi con i nostri Manager e ne anche di coloro che in BCG si occupanocapacitá di abbandonare la ricerca spa- Partner sia su tematiche professionali che stabilmente di selezione e conoscono tuttesmodica di quelle certezze e dei punti di interpersonali. Ad un neolaureato che si le maggiori scuole universitarie italiane edriferimento di un mondo che non c’è piú appresta a sostenere questo percorso europee. Il project work ha inoltre confer-ed adottare valori nuovi: la voglia di ri- suggerisco di essere un buon ascoltatore, mato queste sensazioni – gli studenti han-schiare e di investire continuamente su sestessi, il nomadismo, inteso come capa- di non essere precipitoso nelle risposte, di no mostrato un tasso di iniziativa superio-cità di cogliere le opportunità in qualun- essere creativo nella risoluzione del pro- re alle attese e hanno mantenuto una buo-que parte del mondo si presentino. L´IPE, blema, ma soprattutto di essere se stesso na combinazione tra rigore e profondità dache si propone di agevolare l’accesso dei e di rilassarsi.giovani al mondo del lavoro puntando un lato, e sintesi e chiarezza dei messaggisull´eccellenza nella formazione, ha di- finali dall’altro Come vengono valorizzate le risorse inmostrato negli anni di saper contribuire,per mezzo di un´offerta formativa ade- BCG? E cosa fate per trattenere i talenti? Non conosco un’altra organizzazione dove Quali sono i punti di forza degli Allieviguata alle necessitá del mercato, ad esal-tare e accrescere il capitale umano del il lavoro di squadra e la cooperazione sia- dei Master I.P.E.?Mezzogiorno ed é quindi, a pieno titolo, no altrettanto accentuati come in BCG, ed Rispetto agli allievi di altre scuole (ancheun esempio vituoso di qui centri formati- è questo il meccanismo principale di va- quelle blasonate) avverto un livello di par-vi d´eccellenza di cui tanto si ha bisogno tecipazione, energia e curiosità intellettua- lorizzazione delle risorse. La “tecnologia”per il rilancio del Mezzogiorno. con la quale inseriamo le risorse all’interno le più elevati – lo ho notato dalle domande Roberto Lembo di una squadra permette alle risorse che in aula, e dall’approccio al Project Work. 2 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011
  • 3. Ex Allievi Melania Franzese, 27 anni Francesco chioDo, 32 anni Laureata in Economia alla Federico II Laureato in Economia alla Federico II Master in Finanza Avanzata 2007 Master in Finanza Avanzata 2004 Esperienza: PWC Financial Services Oggi: Manager Accenture Area Banking Oggi: Consob Martino Di Fino, 30 anni Francesco castellano, 31 anni Laureato in Economia alla Parthenope Laureato in Economia alla Federico II Master in Finanza Avanzata 2004 Master in Finanza Avanzata 2004 Esperienza: IBM, State street Bank, Esperienza: Università di Bologna, Norges Bank, Merril Lynch Lazuli Solution, General Eletric Oggi: Ubs, Prime brokerage account Manager Oggi: Associate consultant Bain & co. lorenzo Positano, 32 anni Flavia aversano, 28 anni Laureato in Ingegneria Gestionale alla Federico II Laureato in Ingegneria Gestionale alla Federico II Master in Finanza Avanzata 2003 Master in Finanza Avanzata 2009 Esperienza: Accenture Esperienza: RCI Banque, Deloitte Oggi: Engagement Manager McKinsey & co. Oggi: Factory controller Junior Nestlè Cena Alumni IPE a Londra Per la prima volta si riuniscono gli ex-Allievi IPE che lavorano nel cuore della finanza pronto: e così il 23 agosto in una C’erano anche Maria Rosaria finanza mondiale. fresca, anche troppo, serata lon- Nappi (master shipping), in va- Eventi di questo tipo portano un dinese inizia la prima cena alum- canza studio e Lorenzo Burdo, grande valore aggiunto al net- ni a Londra: la prima ad arrivare direttore dell’IPE. work di giovani professionisti: è Laura Buonfino che lavora in Ognuno racconta del proprio la- provenendo da percorsi for- Morgan Stanley, poi Gianluca Lo voro e tutti restano molto colpiti mativi molto diversi, si è avuta Befalo (ex residente della Monte- da Laura che racconta come l’ini- in questo modo la possibilità di rone e nostro docente al Master zio delle sue giornate sia scandi- mettere a confronto i percorsi di Finanza) che dopo un’espe- to dalla riunione delle 7.00 con professionali seguiti dopo l’e- rienza in Morgan Stanley lavora i capi per decidere le operazioni sperienza all’I.P.E., ampliando la in proprio gestendo un Fondo. della giornata!! visione del mondo finance nel Ecco poi arrivare Carlo Corcione, La serata procede serena con un suo complesso, condividendo che si occupa di shipping presso alternanza di ricordi del Master, esperienze e creando spunti perF inalmente anche a Londra. Da alcuni mesi organizziamo riu-nioni Alumni fuori Napoli e così lo studio di avvocati Thomas Co- oper; poi Luca Colelli, Active Tra- ders e Nello Gerundo che dopo racconti di quotidiana vita lavora- tiva e opinioni sull’attuale crisi da parte di chi la vive nel cuore della nuove opportunità. Andrea Iovenedopo Roma e Milano siamo ap- aver lavorato in Lussemburgoprodati anche a Londra. presso Intesa Sanpaolo adesso èAlcuni giorni prima dell’incontro approdato in JP Morgan.trovandomi già lì per vacanza, ho Infine, con un po’di ritardo, arri-visto Stefano Morelli coordinato- va Martino di Fino che 5 anni fare della serata, che mi ha fatto vi- dopo il Master ha lavorato primasitare la sede di BNP Paribas dove in IBM in Irlanda, poi in Norgeslavora nel settore Corporate & In- Bank (banca centrale della Norve-vestment Banking, Equities & De- gia) ed infine a Londra, prima inrivatives Institutional Sales - Italy; Merrill Lynch ed ora in UBS. Per-una nuova ed elegante struttura fettamente ambientato, l’italianonel quartiere di Marylebone dal l’ha ormai dimenticato e lo stes-cui terrazzo si può apprezzare il so SMS per avvisare del ritardobel panorama di Londra. Tutto è l’ha inviato in slang inglese. Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 3
  • 4. Master in Bilancio 2011 L’“essere” è la chiave per costruire il futuro Project Work Master in Bilancio - MiB I l 2011 è un anno che mi ha regalato tanto. ster, consigli professionali nonché uma- ni. Ma la cosa che ricordo con maggiore intensità è la vicinanza con cui vivevamo Di ritorno da una gli incontri con gli esponenti del mondo Banco di Napoli Spa magnifica e indi- lavorativo, i quali da subito, oltre a darci Lo sviluppo del Banco di Napoli attraverso menticabile espe- testimonianza della grande competenza l’esame dei suoi bilanci: evoluzione recente rienza Erasmus in nelle varie materie, ci hanno insegnato e prospettive. Polonia, mai avrei come “l’essere” possa divenire la chiave immaginato di vincente del nostro futuro. BDO viverne un’altra La voglia di approcciarmi così da vicino Indagine nel settore della sanità alla luce altrettanto emo- alla realtà lavorativa era proporzionale del futuro federalismo fiscale.zionante e significativa. Già dai colloqui all‘impegno profuso. I test, le scadenzeper la selezione, iniziai a rendermi conto delle varie consegne per i project work,della realtà I.P.E., a partire dalla bellissi- l’IELTS, gli ultimi esami all’università Intesama struttura, dalla cordialità con cui tutti hanno messo a dura prova la resistenza IAS 36 – Impairment test per CGU (cashi candidati venivano accolti e dalla pro- di noi allievi. Ci siamo fatti forza l’uno generating unit) sottoposte a piani difessionalità con cui venivano “testati“. con l’altro, abbiamo imparato a “gestire risanamento economico/finanziario.Questa esperienza, unita a quella pre- lo stress”, a conoscere meglio noi stessi.gressa esperita all‘estero, credo ferma- In conclusione, posso dire di aver ma- Ordine dei Dottori Commercialistimente mi abbia forgiata come donna turato la decisione di partecipare al Ma- Shareholders Rights Directive ed azionariatoe come futura professionista, tramite ster in Bilancio consapevoli dei sacrifici, critico: la tutela delle partecipazioni diil continuo e proficuo confronto con le dell’impegno, nonché dei benefici e pri- minoranza. Il caso Fiat e Telecomaltrui conoscenze, competenze ed espe- vilegi che ciò avrebbe comportato.rienze. Ricordi bellissimi, un vero e pro- La mia scelta si è rivelata, di certo, ot-prio ritorno al liceo, anzi meglio! Una timale dal punto di vista della mia cre- PricewaterhouseCooperscomplicità tra colleghi unica, sia dentro scita sia culturale e di preparazione al Business Analysis Framework nelle Bancheche fuori dai luoghi I.P.E.. Il pranzo in confronto e alle esperienze che mi at-villa, l’aperitivo ai “baretti”, lo stress dei tenderanno nel contesto lavorativo, siatest e la tensione per i project work con- umana; d’altronde, i sacrifici hanno ra- Vertis Sgrdivisa da tutti con spirito di gruppo ed dici amare, ma i frutti, ne sono convinta, L’operatività dei fondi di ventureamicizia. saranno dolci. capital – studio di case study – esame diTutto ciò rafforzato, soprattutto, dai un’operazione di investimento.continui consigli di tutto lo staff del ma- Fabrizia Orsillo Testimonianze Allievi MiB - Master in Bilancio Monica Marchetti, 25 anni luigi sgaMbato, 26 anni Laureata in Ingegneria Gestionale Laureando in Economia Università Federico II Università Federico II Oggi: Business Integration Partner Oggi: BNL-BNP Paribas Business Analyst Private Banking 1) Perché hai scelto di frequentare il Master in Bilancio? 1) Perché hai scelto di frequentare il Master in Bilancio? Per poter arricchire e completare le mie conoscenze universita- Per approfondire e perfezionare le mie conoscenze didatti- rie da una prospettiva diversa: economica-finanziaria piuttosto che inerenti il settore economico-aziendale, bancario e as- che ingegneristica. Inoltre, ho scelto di parteciparvi per poter- sicurativo; le ottime recensioni ottenute dagli ex-alunni mi mi interfacciare al mondo del lavoro con maggiore consapevo- hanno convinto a presentare domanda di ammissione al lezza e determinazione. Master In Bilancio 2011. 2) Quali sono i tuoi obiettivi professionali? 2) Quali sono i tuoi obiettivi professionali? Conoscere più da vicino il mondo della consulenza L’obiettivo professionale è l’affermazione nel proprio ambito la- strategica e direzionale per poter crescere professio- vorativo e la crescita continua. Il Master è stato un ottimo viatico nalmente e mantenere ogni giorno l’entusiasmo di la- all’introduzione nel mondo del lavoro; il giusto passaggio tra vorare e apprendere dalle persone che lavorano al mio mondo universitario e mondo lavorativo, che purtroppo in Italia fianco. non esiste dappertutto. 3) Cosa hai maggiormente apprezzato del Master in Bilancio? 3) Cosa hai maggiormente apprezzato del Master in Bilancio? Oltre alle importanti testimonianze, sicuramente il Altamente formativa e molto professionalizzante. Ciò che con- project work, il lavoro di squadra ed il continuo confron- serverò con più piacere l’amicizia instaurata con i colleghi con to con gli altri hanno rappresentato per me il vero valore cui ho condiviso intere giornate per più di tre mesi. La conviven- aggiunto del Master. Molto utile la preparazione per l’e- za è stata piacevole e ha reso più leggere le intense ore di studio same IELTS. e gli enormi carichi di lavoro. Lo spirito di gruppo si è esaltato e la complicità è venuta fuori nei momenti più difficili. 4 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011
  • 5. L’inizio di una Project Work emozionante avventura… in Vertis Sgr il project work presso il Banco di Napoli L’operatività dei fondi di venture capital D opo circa 3 mesi di corsi ha final- mente inizio l’evento tanto atteso da ognuno di noi: il project work. C on estremo piacere ho partecipato al project work dal titolo “L’operati- vità dei fondi di venture capital – studio Il project work che ci è stato assegnato si di case study – esame di due operazioni è svolto presso il Banco di Napoli ed ha ri- di investimento” presso la società Vertis guardato lo sviluppo della Banca attraver- SGR con altri tre corsisti del Master in Bi- so l’analisi andamentale dei suoi bilanci lancio. Gli insegnamenti dello staff Vertis relativa al quadriennio 2007-2010 e ai pri- SGR sono stati fondamentali per la cresci- mi tre mesi del 2011. Al fine di descrivere ta della nostra formazione culturale e pro- l’impatto della crisi finanziaria sull’opera- fessionale. Il project work ha riguardato tività del Banco di Napoli, inoltre, abbiamo l’analisi di due operazioni d’investimento venture capital, per-condotto un’analisi relativa alle quattro principali regioni in cui tanto, il lavoro è stato suddiviso in una prima parte di ricercala Banca è presente, sottolineando, infine, le principali criticità ed approfondimento su aspetti che un venture capitalist ana-future da monitorare. Il lavoro si è svolto a stretto contatto con lizza: l’Elevetor Pitch, il Tasso IRR e la Scalabilità, mentre, lal’Ufficio controllo di gestione del Banco di Napoli che ci ha se- seconda parte del lavoro è caratterizzata dall’analisi delle dueguito costantemente e guidato con molta dedizione, gentilezza iniziative proposte, valutate attraverso l’analisi del Businesse disponibilità. Questa esperienza ci ha permesso di crescere Plan e dei prospetti finanziari previsionali presentati a Vertis,molto umanamente e professionalmente sviluppando le nostre evidenziando la coerenza delle informazioni.potenzialità, aumentando la nostra capacità di problem solving Elemento fondamentale del project work è stato il lavoroe di lavorare per obiettivi rispettando le scadenze nonostante in team grazie al quale abbiamo acquisito grande capacitàgli inevitabili imprevisti e difficoltà. Tut- organizzativa, abbiamo condivisotavia, l’aspetto che credo sia stato il più obiettivi, rispettato scadenze e,bello è stata la possibilità di lavorare in l’unione d’idee e conoscenze ci hagruppo, di confrontarsi con il proprio arricchito moltissimo. Abbiamoteam creando un rapporto di complicità lavorato intensamente e, con grandee fiducia reciproca, condividendo respon- impegno, siamo riusciti a portare asabilità e soddisfazioni. Dopo un mese e termine l’analisi di due operazionimezzo di duro lavoro c’è stata la presen- d’investimento venture capital.tazione dei project work nell’Aula Magna Il giorno della presentazione deldell’I.P.E. con tutti i referenti aziendali Project Work eravamo noi quattro,durante la quale ciascun membro del uniti e desiderosi di esporre a tutti ilgruppo doveva esporre parte del lavoro svolto. Questo è stato nostro lavoro. Eravamo emozionati ma carichi e fieri dell’intesaun momento molto emozionante ma nonostante un po’di ansia creata. Di fronte a noi accademici ed altri professionisti dale preoccupazione tutto è andato per il meglio. Al termine della mondo della Revisione Contabile, del mondo Bancario edpresentazione, infatti, abbiamo ricevuto molti complimenti dai esponenti dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli.referenti e dai nostri professori per l’impegno profuso e la quali- Con l’incarico di capogruppo ho presentato con orgoglio i mieità del lavoro e questa ritengo sia stata per tutti noi la più grande tre compagni alla platea ed è iniziata, così, l’esposizione delsoddisfazione. nostro project work. Veronica Topo Stefania Guadagno Notizie in breve Business Game L’Oréal Fund For Culture Cristian Beverinotti ex allievo MFA 2011 è risultato primo Antonio Scarpati ex allievo MFA 2006 classificato al Business game organizzato da L’Oreal per la con il suo progetto Fund for culture ha sezione Finanza e controllo, ed è l’unico europeo vincitore. vinto il premio Kublai Award 2011 per la creatività e l’innovazione sociale promosso Comitati Alumni dal Ministero per lo sviluppo economico Continuano le attività dei comitati locali Alumni: sono occasioni (MISE) e da Invitalia – Agenzia nazionale per di aggregazione, di network e di conoscenza dei nuovi Alumni l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo recentemente diplomati ai Master dell’I.P.E. Le città in cui attual- d’impresa mente è presente l’Associazione Alumni IPE sono Roma Milano e Gli ideatori del progetto “Fund for culture”, Antonio Scarpati Londra. I responsabili sono: per Milano Fabrizio Nittolo e Alessan- (classe 1982) e Adriana Scuotto (classe 1985), hanno messo dro Cioffi; per Roma Fabrizio James; per Londra Stefano Morelli a punto una piattaforma web in grado di effettuare la Fondo Alumni IPE raccolta fondi per iniziative culturali attraverso un sistema Per il secondo anno consecutivo, gli ex allievi hanno di micro contributi. La piattaforma si propone dunque di contribuito a raggiungere l’obiettivo dell’anno (15.000 euro) far incontrare chi ha iniziative culturali da promuovere e che ha permesso a tre nuovi studenti di frequentare uno dei chi vuole concretamente sostenerle, trasformandosi in un Master dell’I.P.E. L’obiettivo previsto per l’anno accademico innovativo sistema di fund raising abbinato alla creazione in 2011-2012 è di raggiungere almeno 20.000 euro. rete di una community virtuale. Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 5
  • 6. Master in Finanza Avanzata 2011 Che voglio fare da grande? P artecipare al- l’MFA 2011 ha risposto alla do- con i docenti. Ciò, ovviamente, è stato garantito dall’attento lavoro degli stes- si, dei tutor e di tutta l’organizzazione certificazione internazionale – IELTS – In assoluto l’esperienza più importante e significativa è stata quella del Project manda di molti che pone al centro del suo interesse ogni Work. Lo svolgimento di un progetto miei coetanei e singolo partecipante. presso una delle aziende partner, che colleghi univer- L’interesse per il Singolo, oltre a mani- ospitano un gruppo di allievi guidati da sitari: che voglio festarsi con la realizzazione di seminari un tutor aziendale. fare da grande? relativi alle regole del Dining Etiquette e Esperienza estremamente formativa per- è stata un’occa- del Dress Code si è esplicitato anche at- ché consente a noi ragazzi di entrare nel sione formativa a traverso una accurata osservazione delle vivo della realtà aziendale, essere ospita- 360 gradi che mi personalità di ognuno, accompagnando- ti nelle sedi principali, su tutto il territo- ha permesso di ci nelle scelte e rendendoci consapevoli rio nazionale, confrontarsi con ex allievichiarirmi le idee e acquisire maggiore dei nostri punti di forza. che hanno avuto la nostra stessa espe-delle mie attitudini, attraverso il lavo- Durante questi sei mesi ho potuto ren- rienza e che ora si trovano, in così pocoro di squadra, l’esigenza dei docenti tempo, dall’altro lato della “scrivania”.e la cura dei dettagli nel realizzare i Curare un progetto dall’inizio alla fine,Project Work. curarne i dettagli trovare soluzioni, cheDopo aver conseguito la laurea ho capi- sono frutto del proprio impegno e dellato di dover dare al mio profilo quel quid propria creatività.pluris che mi avrebbe permesso di fare Tutto questo grazie ad uno scrupolosola differenza, chiedendo consiglio a pro- lavoro fatto dietro le quinte dai respon-fessori universitari e professionisti del sabili e organizzatori dei Master Ipe, chesettore, su come orientare la mia deci- in primis hanno creduto in un progetto esione in tal senso. anno dopo anno continuano ad investir-Molti, tra cui anche alcuni ex allievi mi ci. Grazie a relazioni solide con impor-hanno suggerito i Master dell’IPE come i tanti imprese e istituzioni locali e nazio-più validi e completi soprattutto in meri- dermi conto di quanto sia fondamentale nali, l’Ipe forma ogni anno giovani cheto all’offerta didattica. il lavoro di squadra, inoltre ho interagito andranno occuperanno importanti ruoliPartecipare ad un Master mi avrebbe per- con i più alti dirigenti di grandi azien- nel tessuto imprenditoriale e dirigenzia-messo di accrescere il mio bagaglio di de potendo cosi comprendere in modo le italiano.competenze, ma anche di avere maggio- approfondito cosa significa lavorare inri possibilità di inserimento nel mondo azienda. Dionisia Galantedel lavoro, oggi estremamente selettivo. Non ultimo, durante il Master abbiamoLa scelta del master IPE è stata avuto la possibilitàsicuramente guidata, in primo luogo, di seguire un cor-dalla possibilità di specializzarsi in un so di finanza inte-settore specifico quale quello finanzia- ramente in inglese Project Work MFArio, ma soprattutto dalla serietà dell’or- - Business English Banca di Credito Cooperativo di Napoliganizzazione, mostrata già in fase di - affinando cosi le Costruzione ed emissione di un prestito obbligazionario perselezione dei partecipanti, accurata e in- nostre conoscenze la BCC di Napoli: una Banca che dà valore.teressata ai requisiti stringenti e coeren- della lingua appli-ti con i parametri ricercati dalle aziende. candole al settore Banca PromosGiunta al tanto atteso primo giorno ero del quale un giorno Rischio di liquidità: novità, implicazioni ed applicazioni.sicuramente in apprensione. Mi è basta- faremo parte, e dita, però la prima giornata di lezione per preparare e soste- Commercio e Finanza Leasing e Factoringsentirmi a mio agio sia tra i colleghi che nere un importante La funzione di risk management in una società di leasing: rischio di credito, operativo e reputazionale. ELLE SGRp.A. Operatività dei fondi immobiliari: criteri di gestione immo- biliare e finanziaria. Metodologia di riceca dei partner nelle Grazie procedure di acquisto/vendita. Ernst & Young Tecniche di Project Financing per il finanziamento delle in- tutor! frastrutture. Iniziativa Value S.r.l. Analisi di portafoglio dei principali fondi di Private Equity e valutazione delle partecipazioni a rischio. KPMG Advisory Applicazione del modello di Merton multistato (Creditme- A nche quest’anno i master dell’I.P.E. sono stati realizzati con il prezioso aiuto di tre valide tutor: Daria Cesario, Roberta Leombruno, Pina Parlato. Oltre a seguire il corso hanno svolto diversi trics) a un portafoglio obbligazionario misto di corporate e governement bond, nel periodo post-crisi del 2008. Monte dei Paschi di Siena compiti: organizzazione e logistica, rapporti con docenti e allievi, Basilea III: norme attuative, principali novità, implementa- report e analisi dei test, lavorazione dei questionari di valutazione, zione di un sistema di capital forecasting. ecc. Inoltre, hanno contribuito all’organizzazione di tutti gli eventi The Boston Consulting Group dell’Associazione Alumni. A tutte loro va un caloroso ringraziamento L’esperienza multi-canale nei servizi finanziari: un caso per l’attività svolta quest’anno. Grazie! concreto nell’offerta dei mutui. 6 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011
  • 7. Lavorare in consulenza Il Valore di un’esperienza in Value Affrontare i cambiamenti in modo innovativo A stretto contatto con la professionalità L a rea- lizza- zione del hanno fatto sì che il gruppo si dedicasse con fervore al pro- I l project w o r k rappre- esperienza, un grande contri- buto è stato fornito dalla no- stra tutor, nonché ex allieva del getto e rinunciasse senza ec- Project cessivo dispiacere ad una gior- senta la Master, Carmen Colucci, sem- w o r k nata all’aperto. Avendo avuto conclu- pre attenta e disponibile ogni- offre la l’opportunità di essere accolti sione di qualvolta le chiedessimo aiuto. possibili- un intero Altro elemento fondamentale presso la sede di Roma per di- tà di pro- percorso di crescita è stato il lavoro in scutere con i responsabili del iettarsi formativo team che ci ha resi sempre progetto, non è stato difficile con reali- del Ma- più uniti e coesi nel raggiun- cogliere il clima collaborativosmo nel mondo del lavoro, rap- ster in Finanza Avanzata. gimento del miglior risultato che caratterizza questo tipo dipresentando senza dubbio il Il lavoro del mio gruppo ha possibile: infatti, oltre ai com-momento di maggiore autono- professione. riguardato l’inquadramento plimenti ricevuti in società, ci èmia decisionale all’interno del L’assiduo confronto con gli al- del mercato del Private Equity stato comunicato che il nostroMaster in Finanza Avanzata. In tri componenti del gruppo e in Italia ed i suoi trend, valu- lavoro molto probabilmenteprima battuta, dover affianca- con i responsabili del progetto tando l’impatto subìto a causa sarà oggetto di pubblicazionere un’importante azienda nel- è un continuo banco di prova della crisi economica mondiale su una nota rivista di Privatela risoluzione di un problema dove le proprie idee, racco- del 2008. Tale progetto è sta- Equity, motivo di enorme sod-reale, talvolta mai affrontato gliendo il consenso o la critica to svolto presso la società di disfazione per tutto il team.in precedenza, può lasciare al- altrui, si affinano, si arricchi- consulenza “Value Corporate Un momento che ricorderò conquanto disorientati. Ma tra la scono, si moltiplicano. L’aspet- Finance”, da vi hanno parteci- grande piacere è rappresentatosensazione di smarrimento e to più stimolante della consu- pato Flavia Lo Cascio, Antonio sicuramente dalla presentazio-l’entusiasmo il passo è breve. lenza è la necessità di trovare Montella ed il sottoscritto. è ne del Pw al cospetto, oltre cheE così è stato anche per me e soluzioni innovative per non stata un’esperienza molto for- di altri colleghi, anche di per-i miei compagni che abbiamo mativa, che ci ha consentito in sonalità importanti provenienti farsi cogliere impreparati dairealizzato il Project Work con primis di entrare in contatto dalle diverse società partner cambiamenti che interessanoKpmg, quando i tutor azienda- con il mondo della consulenza del Master, motivo di gratifica- il mondo delle imprese e del-li hanno introdotto quello che ed, in secundis, ci ha offerto la zione per il lavoro svolto. le istituti finanziari, tenendosarebbe stato il nostro pw “La possibilità di aumentare note- Tutti questi elementi hannomisurazione del rischio credi- presente che le soluzioni più volmente le nostre competen- reso la nostra esperienza uni-tizio di un portafoglio di titoli efficaci potrebbero rappresen- za grazie alla costante e quoti- ca ed irripetibile, ed è per tuttogovernativi: l’approccio del tare una best practice, ossia un diana presenza presso la sede ciò che io ed i miei colleghi sa-Credit VaR”. La complessità modello adottato in maniera della società. Un’esperienza remo sempre grati all’IPE per ladell’argomento e il compito di diffusa. impegnativa che ci ha offer- grande opportunità fornitaci.giungere alla stima analitica di to un confronto continuo conun rischio quanto mai attuale Maria Somma professionisti di grandissima Tommaso D’Acunzo Testimonianze Allievi MFA - Master in Finanza Avanzata toMMaso cuciniello, 25 anni valentino Melito, 26 anni Laureato in Scienze Economiche Finanziarie Laureato in Economia Università Parthenope Seconda Università di Napoli Oggi: Prometeia Oggi: Deloitte Consulting Consultant Risk Management 1) Perché hai scelto di frequentare il Master in Finanza? 1) Perché hai scelto di frequentare il Master in Finanza? Per approfondire tematiche inerenti i miei studi. Avere un contatto Per approfondire le mie conoscenze nell’ambito della finanza, princi- con tematiche pratiche del mondo del lavoro e migliorare l’utilizzo palmente per quanto attiene l’aspetto quantitativo. di strumenti quantitativi. Ottima realtà a livello Campano. 2) Quali sono i tuoi obiettivi professionali? 2) Quali sono i tuoi obiettivi professionali? Mi piacerebbe lavorare in consulenza o in banca trattando tematiche Entrare in consulenza, affermandomi nel campo del Risk Manage- attinenti il Private Equity. Il Master mi ha permesso di comprendere ment, realtà che grazie al Master ho potuto apprezzare. gli ambiti a me più congeniali. 3) Cosa hai maggiormente apprezzato del Master in 3) Cosa hai maggiormente apprezzato del Master in Finanza? Finanza? Lavorare non solo su aspetti tecnici,ma anche su tematiche relazio- Attenzione alla persona, forte orientamento della didattica all’ope- nali, sviluppando l’attitudine a lavorare in gruppo. Molto interes- ratività immediata nel mondo del lavoro. Molto interessante il corso sante la simulazione di borsa. di Case Interview. Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 7
  • 8. Analisi di mercato per il segmento Dry Cargo d’Amico Società di Navigazione S.p.A.I l “Master in Shipping: finanza, lo- gistica e strategia d’impresa” si ècaratterizzato anche quest’anno per mento “Dry Cargo” mediante il qua- le derivare il posizionamento delle società in esso operanti, tramite unquello che costituisce uno dei mo- database costruito con il programmamenti più incisivi nella formazione Microsoft Excel.professionale e umana dei suoi par- La prima fase dell’analisi si è ar-tecipanti, il Project Work. ticolata nella scelta dei maggiori Project work MiSIl nostro gruppo si è confrontato competitors operanti nel settore, dacon la stesura di un lavoro dal tito- cui sono emerse interessanti consi- d’Amico Società di navigazionelo: “Progetto pilota per la creazione derazioni, non soltanto riguardantidi una piattaforma di valutazione il posizionamento dei singoli com- Competitors valuation tool Dry Cargo Sectorcompetitors per il segmento Dry Car- petitors ma anche il settore nel suogo”. Il tutto sotto la guida dell’ing. complesso, evidenziando un forte Scinicariello Ship ManagementGiovanni Capello, group planning e legame tra l’età media della flotta e A Caress to the sea Progetti innovativi per lacontrol manager della Società d’A- le performance delle società. Interes- riduzione dell’impatto ambientale delle navimico di Navigazione S.p.A., il quale santi correlazioni si sono evidenziateha supportato con professionalità anche tra struttura della flotta e i pa-e dedizione l’attività di tre allievi rametri operativi. Logica s.c.a.r.l.al loro primo impatto con il mondo Studio di prefattibilità per una piattaforma logisti-aziendale. L’obiettivo del progetto Carlo Maria Forte, ca a Damietta (Egitto)è consistito nella creazione di uno Giorgia Riccardi,strumento per la valutazione del seg- Gerardo Daniele Miscuzzi Perseveranza Spa di Navigazione Valutazione di un investimento nel settore “Tanker MR1” Confitarma Giovani LNG: Un combustibile verde per le navi di domani VSL Venice Shipping and Logistics Studio di fattibilità di un investimento navale nel settore dry-cargo Ordine Dottori Commercialisti Shoreholder Rights Directive ed azionario critico: il caso ENI. Testimonianze Allievi MiS - Master in Shipping steFania rossi, 26 anni gerarDo Miscuzzi, 25 anni Laureata in Economia Laureato in Ingegneria Università Federico II, Napoli Università Federico II, Napoli Oggi: Nestlé Oggi: Saipem Logistica Certification & Flags Management 1) Perché hai scelto di frequentare il Master in Shipping? 1) Perché hai scelto di frequentare il Master in Shipping? Per dare al mio curriculum quel tocco in più, che mi permettesse Avevo in mente di seguire un corso di formazione postlaurea di indi- di affacciarmi al mondo del lavoro con maggiore consapevolezza rizzo economico. Alla luce di ciò il Master in Shipping rappresentava la e per l’amore, sviluppato all’università, per l’economia dei trasporti scelta ottimale: esso è infatti incentrato su materie economico-finanzia- e della logistica. rie, tuttavia contestualizzate per il settore navale-armatoriale. 2) Quali sono i tuoi obiettivi professionali? 2) Quali sono i tuoi obiettivi professionali? Vorrei approfondire la pianificazione degli ordini e la gestione dei Vorrei ricoprire ruoli gestionali e di coordinamento di attività tecniche. Con flussi di magazzino e riuscire a trovare un posto duraturo in azienda. riferimento al contesto in cui oggi lavoro: project management, gestione/pia- nificazione, asset navali. Vorrei in ogni caso lavorare in aziende che operino 3) Cosa hai maggiormente apprezzato del Master in Shipping? nel settore navale (siano esse società armatoriali, cantieri, etc...). L’I.p.e. mi ha fatto conoscere persone con cui spero di poter mante- nere vivi i contatti il più a lungo possibile, oltre a convincermi defi- 3) Cosa hai maggiormente apprezzato del Master in Shipping? nitivamente dell’opportunità di perseguire il sentiero professionale Placement, attenzione alla persona, Partnership, forte orientamento della di- che avevo soltanto immaginato potesse interessarmi, la logistica! dattica e all’operatività immediata nel mondo del lavoro. 8 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011
  • 9. 6° Torneo di calcetto Alumni Le Residenze Universitarie dell’I.P.E. MFA 2011 si aggiudica l’ambito Trofeo Borse di Studio per studenti fuori sedeA micizia, divertimento e voglia di vincere, questi i sentimenti che hanno accomunato i partecipanti dell’evento sportivo piùatteso dagli allievi dei master I.P.E. Non è facile descrivere ciò cheè accaduto nel corso del torneo. Una girandola di emozioni ha fat-to da sfondo ad un pomeriggio memorabile, punto più alto di un www.monterone.itpercorso che, dopo il successo ottenuto, ha assunto per i ragazzidell’MFA, senz’altro un altro sapore. Il torneo ha visto confron- tarsi MIB ’11 e MIB ’10 – campioni in carica -, www.villalta.it MFA ’11 ed MFA ’10, staff IPE e Master in Shipping. Ogni parti- ta, all’insegna dell’a- micizia e del rispetto reciproco, è stata una battaglia: tutti vole- G li studenti ammessi ai Master che hanno la necessità di risiedere a Napoli durante il periodo dei Corsi, possono alloggiare, a rette age- volate, presso una delle Residenze Universitarie dell’IPE. Vivere in Resi- vano vincere. Ma è la denza è un costante stimolo per la collaborazione scientifica, l’amiciziafinalissima, tutta all’ombra della Finanza – essendosi disputata e gli scambi di esperienze “informali” fra persone di diverse culture e ambienti; tutto ciò, consente di confrontare le problematiche delle varietra MFA ’11 ed MFA ’10 - ad esprimere l’essenza di tutte queste discipline o della futura professione grazie all’intenso rapporto con ilemozioni. Tra tensioni, urla, infortuni, lacrime ed abbracci, il ri- mondo accademico e lavorativo. In particolare, grazie al contributo deisultato finale di 3-2, ha premiato gli allievi MFA ‘11, che seppur partner dei Master, sono messe a disposizione fino a sei borse di studiosopraffatti dalla stanchezza, sono riusciti a portare a casa l’ambi- per gli studenti fuori sede che verranno contemporaneamente ammessi ai Master e presso le Residenze dell’IPE.to trofeo.E così, dopo3 anni, MFA La vita in residenzatorna cam- Molto più di un’esperienza fuori sedepione. Oltreil semplicerisultato A volte siamo portati a pensare di essere cresciuti e, con un pò di strafottenza, di aver raggiunto la maturità personale e spiri-sportivo, la tuale. La residenza è uno di quei luoghi chevittoria di ti fa capire che non si finisce mai di cresce-un gruppo. re e che le energie per percorrere questoUna natura- lungo cammino vanno prese dalle personele e spon- che ci circondano, che ci vogliono bene etanea crea- che sono disposte a condividere qualcosazione fatta con noi. Per me è proprio questo il sensoda uomini ed il valore aggiunto, o meglio unico, dellaveri capaci di mettere da parte qualsiasi velleità individualistica residenza, e cioè la condivisione.Una volta ci è stato detto che la re-per determinare quel valore aggiunto necessario a raggiungere sidenza andava vissuta come “casa propria”. Io presi quell’afferma-l’obiettivo prefissato da sei lunghi mesi. In un caldo pomeriggio zione con un po’di scetticismo, proprio perché pensavo che la casadi Luglio si è finalmente realizzato ciò che ci si attendeva dal fosse quel luogo dove le proprie abitudini ed il proprio stile di vita lamese di Gennaio. Basta Crederci… Cooperando, diceva qualcuno. dovessero far da padrone. Ovviamente questo cozzava con le rego- le, tra l’altro quanto mai flessibili e derogabili all’uopo, che neces- Fabrizio Volpe sariamente devono ordinare la vita quotidiana in residenza. Oggi, purtroppo da ex-residente, ho rivisto quest’impressione e forse ho Andrea Rossetti capito quello ci è stato detto. La casa è quel posto dove il figliolo sente il primo calore della famiglia, apprende i valori dei genitori e Albo d’oro condivide l’esperienza dei nonni. Allo stesso modo in residenza si è circondati da persone che ti vogliono bene, che ti sono amiche, sempre pronte a tendere una mano comprensiva nei momenti di difficoltà, a condividere le loro esperienze ed a darti qualcosa che Anno Squadra è impagabile proprio perché funzionale alla tua crescita personale. 2006 Docenti I.P.E. Questo spirito vive all’interno dell’attività che penso rimanga più impressa a tutti gli ex-residenti, e cioè la “tertulia”, riunione ed ap- 2007 Docenti I.P.E. puntamento fisso del dopo pasto per tutti gli inquilini dove ci si 2008 MFA ‘08 rilassa discorrendo degli argomenti più svariati e dove tutti metto- no a disposizione le proprie conoscenze, esperienze ed opinioni. 2009 MiB ‘09 Divampa anche il dibattito, che diventa occasione di confronto e 2010 MiB ‘10 di approfondimento, e spesso lo sfottò è dietro l’angolo quando il ragionamento presenta una falla, ma tanto, con chi si possono fare 2011 MFA ‘11 queste cose se non con degli amici? Cristian Beverinotti (originario di La Spezia, Università di Pisa) Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 9
  • 10. Premio Alumni 2011 a Carlo Pontecorvo Premiato il Presidente e Amministratore Delegato Ferrarelle SpaM etti una sera a cena al circolo Posillipo e metti tutti assieme studenti, ex allievi, docenti, professioni-sti giovani e meno giovani. Atmosfera delle migliori perla sesta edizione del “Premio Associazione Alumni IPE”svoltasi il 1 luglio 2011 a Napoli e a cui, come da tradi-zione, è seguita la cena sociale.Un’occasione per fare il punto sulle attività dell’Associa-zione che sostiene i master dell’Istituto ma anche peravvicinare, già da subito, gli allievi al mondo del lavoro.Come? Favorendo i contatti tra gli ex studenti e chi, inquei giorni, il master lo stava concludendo. In fondo laforza del network I.P.E. è proprio questa: gli ex-allie- vi vivono e lavorano in molte città diverse, ma l’esperienza comune dei mesi d’aula e delle suc- cessive tappe professio- nali continua a vivere nel SpA, a cui è andato quest’anno il premio Alumni “per tempo ed è messa a di- essersi distinto, a livello nazionale ed internazionale, sposizione di chi, come per il valore riconosciuto delle sue attività, per l’impe- gli studenti a un passo gno a promuovere sviluppo culturale ed economico nel dal diploma, è pronto ad Mezzogiorno e per la valorizzazione dei giovani talen- affacciarsi al mondo del ti”. A consegnargli il premio, nel corso della cerimonia, lavoro. sono stati il Presidente dell’I.P.E. Raffaele Calabrò e il Un network che funziona Presidente dell’Associazione Alumni Gaetano Vecchione e che incoraggia chi ne che, a loro volta, hanno ricordato come Napoli e il Sud fa parte ad impegnarsi siano ansiosi di riscatto e che il riscatto passa attraverso e a puntare sempre in giovani preparati e brillanti sui quali l’I.P.E., nel suo pic- alto, perché le sfide sono colo, investe e spera. belle e l’impegno – qua-si sempre – paga. Come nel caso di Carlo Pontecorvo, Ugo FerreroPresidente e Amministratore Delegato della Ferrarelle Premio Carlo Pontecorvo Associazione Alumni IPE È presidente e ammi- lata L.G.R. di Naviga- nistratore delegato di zione SpA. Nel genna- 2006 Marco Pagano L.G.R. Holding SpA, io 2005, estendendo Ordinario di Politica Economica L.G.R. di Navigazio- il campo d’azione dal Università di Napoli Federico II ne SpA e di Ferrarelle settore armatoriale SpA. Laureatosi in me- a un’azienda di largo dicina e chirurgia nel consumo, acquisisce 2007 Fernando Napolitano 1975, esercita la pro- il 100% del capitale Amministratore delegato fessione fino al 1990. della società Italaquae Booz & Company Italia comincia a interessarsi SpA, creata nel 1991 della gestione di alcune dalla multinazionale 2008 Bruno Siciliano attività imprenditoriali francese Danone come Ordinario di Automatica della famiglia, tra cui polo italiano, quando Università di Napoli Federico II l’AVIR SpA, quotata il marchio Ferrarelle alla Borsa di Milano. passa nelle sue mani. Costituisce a Napoli Con questa operazione 2009 Cristiana Coppola la L.G.R. Holding SpA, riporta in Italia il mar- Imprenditrice Vice Presidente di Confindustria attiva principalmente chio Ferrarelle. For- con delega per il Mezzogiorno nell’assunzione e ge- temente radicato nel stione di partecipazioni territorio di origine, 2010 Ennio Cascetta industriali. Inizia così a nel quale ha sempre Ordinario di Pianificazione dei Sistemi di Trasporto operare nello shipping operato, è Cavaliere costituendo la control- del lavoro. Università di Napoli Federico II 10 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011
  • 11. Allievi MFA 2011 - Master in Finanza AvanzataAndolfo Chiara Ferrante Maria Samanta Marino Fabiana Rossetti AndreaBeverinotti Cristian Ferrero Ugo Marotti Angela Russo Adriana MarjaCirino Salvatore Galante Dionisia Melito Valentino Semeraro AntonioCuciniello Tommaso Granieri Fabrizio Montella Antonio Signore AlessandraD’Acunzo Tommaso Napolitano FrancescoDe Crescenzo Luca Iasparra Emanuela Novizio Ciro Somma MariaDe Simone Salvatore Leone Laura Oliviero Andrè Tardani GiuliaDi Fiandra Raffaella Libonati Marco Papa Armando Volpe FabrizioDi Giacomo Matilde Lo Cascio Flavia Ponticelli Alfonso Zinno Catello Allievi MiB 2011 - Master in BilancioAbategiovanni Gaetano Di Bonito Rosa Marchetti Monica Pomposo CiroCarosi Ettore Di Nardo Roberto Orsillo Fabrizia Pulcinelli IngridCestra Lucia Federico Marilena Palumbo Laura Quercia DanielaCostabile Onofrio Gaudiano Andrea Perillo Antonio Salzillo LuigiD’Ambrosio Luigi Golino Alessandro Pesce Nicoletta Sgambato LuigiD’Antonio Eugenio Guadagno Stefania Petroni Luca Tiso LucaDe Simone Alessio Iannicola Marianna Pezone Luigi Topo Veronica Allievi MiS 2011 - Master in ShippingCastiello Domenico Gomez Dario Nappi Mariarosaria Romano SalvatoreCivero Gennaro Incarnato Luigi Maria Palumbo Giancarlo Romano FrancescoDe Gregorio Guido Luigi Joudioux Fabiana Pighetti Erica Rossi StefaniaErbetta Emilio Liccardo Immacolata Riccardi Giorgia Scolamiero SabinoForte Carlo Maria Miscuzzi Gerardo Daniele Ricciardi Giulia Zampaglione Valentina Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 11
  • 12. Deloitte nuovo partner della Scuola I.P.E. Intervista ad Antonio Arfè, partner Financial Risk ManagementLa gestione dei rischi è un’attività centrale di gestione del business. In Quali sono le caratteristiche profes-strategica per le imprese. Qual è tal senso penso che il futuro del risk sionali e umane del candidato idea-secondo lei il futuro dei Risk Mana- management in Italia e delle profes- le per lavorare in Deloitte?gement in Italia? sioni ad esso legate sia decisamente I nostri valori sono: integrity, commit-Nel contesto internazionale il finan- positivo. ment to each other, outstanding valuecial risk management rappresenta to markets and clients, strenght fromun elemento chiave di sviluppo non cultural diversity. Il nostro candidatosolo in seno all’industria finanziaria ideale oltre a possedere le opportunema sempre più anche in seno a quella competenze tecniche deve dimostraremanifatturiera. In Italia come del re- di riconoscersi nei nostri valori.sto avviene nelle industrie finanziarieeuropee maggiormente virtuose esso Quali sono i punti di forza degli al-ha assunto un ruolo fondamentale lievi dei Master I.P.E?nella creazione di vantaggi competiti- Dal punto di vista attitudinale, tra glivi. Le aziende che gestiscono meglio I aspetti distintivi che caratterizzanopropri rischi stabilizzano gli allievi dell’I.P.E. c’è sicuramen-I propri risultati economici, rappre- te la capacità di lavorare in team, lasentano un buon investimento sul passione per l’eccellenza e una fortemercato dei capitali e producono va- dote di entusiasmo.lore per I propri azionisti. Il risk ma- Quali suggerimenti vuole dare a chinagement é dunque sempre più un come l’I.P.E. ha l’obiettivo di for- Quali sono le motivazioni che han-elemento distintivo di business su cui mare nuovi giovani professionisti no spinto Deloitte a diventare part-in particolare le aziende italiane inve- nell’ambito del risk Management? ner dell’I.P.E?stono molto. In particolare la maturitá Quello di continuare a combinare nel Abbiamo scelto di diventare partnerdel mercato del banking italiano e piú suo modello formativo sia l’ausilio di dell’IPE perchè riteniamo che il vostroin generale dei servizi finanziari sono practitioners sia di accademici. Co- modello formativo e valoriale sia de-tali da farmi ritenere che il risk ma- niugando in tal modo la ricerca teori- cisamente valido e estremamente co-nagement sarà sempre più elemento ca con l’applicazione empirica. erente con l’identitá di Deloitte. Sorprendente aperitivo Alumni a Roma A contatto con gli HR di importanti aziende O ttima l’iniziativa di fis- sare un incontro Alum- ni I.P.E. a Roma. L’evento opportunità di networking. Quest’anno, infatti, hanno partecipato anche i respon- ha raccolto grande seguito tra gli ex allievi, e un coach professionista che si è reso per migliorare il nostro po- tenziale. Ritengo che il successo si è svolto lo scorso Marzo sabili HR di banche e società disponibile a collaborare dell’aperitivo, la grande par- 2011, nell’elegante salone di consulenza, come The Bo- con l’Associazione Alumni, tecipazione e l’entusiasmo dell’Hotel Radisson Blu, lo- ston Consulting Group che a dei colloqui di coaching di noi tutti siano segnali cation suggerita dal nostro fondamentali per rafforza- collega “PR” Fabrizio James. re ancora di più il network Dopo l’incontro con i miei dell’Associazione Alumni ex-compagni di studio MIB I.P.E. 2008 che, attualmente, la- Insomma, anche a distanza vorano in importanti società di tempo è sempre emozio- nella capitale, ci accingiamo nante incontrarci, speriamo a salire, trovando tutti ad di ripetere questi appunta- accoglierci con un caloroso menti anche in futuro. Con- abbraccio: in un attimo sem- siglio a tutti di frequentare bra di essere a casa. un master IPE, che oltre a Oltre a mantenere vive le formarti professionalmen- affinità tra le persone che te e umanamente, ti regala hanno condiviso nelle aule momenti indimenticabili che un percorso formativo, in ti permettono di mantenere termini di crescita profes- legami nel tempo. sionale e personale, la sera- ta ci ha offerto importanti Veronica Petrella 12 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011
  • 13. Studiare in vacanza L’esperienza di un ex allievo presso LSE S eguire la Summer School presso la LSE è stato un mio obiettivo sin dalla fine del MFA ’10. Fui chiamato, (le classes) che negli approfondimenti pomeridiani nella li- brary. Alcuni elementi hanno, inoltre, enormemente favorito la socializzazione con gli altri colleghi. Un esempio è la con- però, a Milano per lavoro e ho dovuto vivenza presso le accomodation della LSE. rinunciare. La voglia di fare quest’e- Ambienti molto confortevoli e in cui era possibile trascorre- sperienza non è scemata nel tempo e re piacevoli serate nelle aree comuni, specie quando la tipica così quest’anno ho sfruttato le ferie pioggia londinese rendeva spiacevole uscire fuori. Indimen- per seguire il corso in “Options, Futu- ticabili anche i social events organizzati dalla Scuola: uno su res and other Financial Derivatives”. tutti l’ecce- La voglia di vedere per la prima volta zionale River Londra e la curiosità di interfacciarmi Boat Disco. con persone provenienti da ogni parte del mondo nonché Il momen- la passione per la tematica del corso, mi hanno convinto to che più che fosse la cosa giusta. E così ho organizzato tutto e sono ricorderò partito. All’inizio è stato un po’difficile, ma presto la voglia con piacere, di prendere il meglio da quella esperienza ha preso il so- comunque, pravvento. Il risultato è stato un’esperienza assolutamente è l’ultimo positiva e che consiglio a chiunque. giorno: final Ma l’aspetto veramente più interessante è quello legato alla exam la mat- internazionalità. Dal corso non mancavano gli italiani, colle- tina e poi ghi indiani, cinesi, francesi, tedeschi. Data la bassa numero- lunga pas- sità degli studenti, al corso si respirava inizialmente un’aria seggiata con di competizione, ma che alla fine è sfociata in uno spicca- i compagni to spirito di collaborazione. Il livello tecnico del corso era di avventu- molto alto, anche per un laureato magistrale, e non pochi ra lungo le sono stati coloro che alla fine hanno preferito non sostene- strade di Londra, per poi tornare presso la LSE per il Leaving re l’esame. Allo stesso tempo, però, proprio questa elevata Party ed il saluto finale con tutti. Nella speranza si possa difficoltà ha favorito il nascere di gruppi di studenti in cui ci trattare davvero solo di un arrivederci. aiutavamo a vicenda sia durante le esercitazioni mattutine Donato Falce Cena sociale e Assemblea Alumni 2010 Un respiro di professionalitàQ uest’anno, come di consueto, il 23 dicembre si è svol- ta la cena sociale dell’Associazione Alumni.Occasione questa, per svolgere si alcuni compiti istituzio- rivedere i vecchi colleghi di Master o lo staff da cui per lunghi mesi è stato suppor-nali ma anche e soprattutto per condividere il clima natali- tato nelle difficoltà.zio con quelli che, oltre ad ex allievi, sono ormai diventati Quello che invece è menoamici..; questo almeno e ciò che viene facilmente percepito scontato ma molto presenteanche da chi vi partecipa per la prima volta. C’è un gran è il respiro verso il futuro.da fare, ragazzi che vanno e che vengono, non è difficile In una serata come quellavedere in giro i trolley di chi è appena tornato dal lavoro, della cena Alumni ti senti su-magari con un treno o un aereo preso all’ultimo minuto bito parte di un gruppo posi-pur di esserci. tivo, che guarda al futuro eLa serata si apre con un breve discorso del Presidente ne ha fiducia. I ragazzi parla-dell’Associazione, un riepilogo delle attività svolte e i pro- no di lavoro, di professiona-grammi per l’anno successivo. Inoltre sono state rinnovate lità, di porte chiuse ma di al-le cariche sociali del presidente Gaetano Vecchione i due trettante nuove opportunitàcomponenti del consiglio direttivo: Andrea Iovene e Fabio lavorative che grazie all’im- Salzano e no- pegno, la preparazione e la minati i nuovi competenza professionale revisori dei per si sono presentate, di sogni, di ambizioni e di volontà conti, Antonio di raggiungere i propri obiettivi professionali. Scarpati, Ales- Il supporto reciproco, il sorriso ed il consiglio di un colle- sio Conte, Mi- ga-amico fanno si che chiunque abbia partecipato alla se- chele Ruggie- rata si possa sentire pieno di stimoli ed energia ed essere ro. Al termine pronto l’indomani, ad accogliere le nuove sfide che la vita delle nomine ci propone in ogni suo ambito. Il tutto ancora più bello se inizia la festa. fatto davanti ad un bicchiere di vino ed al piacere convivia- è scontato le di una cena tra amici. All’IPE si può… dire quanto ognuno abbia Roberta Leombruno il piacere di Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 13
  • 14. La successione di Fibonacci (nella foto l’opera di Mario Merz così denominata) è una serie di numeri in sequenza ordinati rispettando la regola che ogni numero è la somma dei precedenti due. Viene utilizzata in diversi modelli matematici che associano la serie a fenomeni della natura, della chimica, della musica, dell’economia, ecc. PricewaterhouseCooper in Italia carriera, chiaro e meritocratico, si basa su La nostra missione ed il codice di com- un sistema di valutazione delle performance portamento che garantisce obiettività e feedback conti- Vogliamo essere riconosciuti come la mi- nuo. Particolare attenzione è dedicata alla gliore organizzazione di servizi professio- formazione. Sono previsti, oltre ai corsi base nali, capace di risolvere le problematiche per i neo assunti, corsi specialistici, in Italia complesse dei propri clienti, sia nazionali e all’estero per i professionisti, l’opportunità che multinazionaliIl Codice di Comporta- di effettuare i tirocini professionali per po- mento rappresenta la formalizzazione di ter accedere agli esami di Stato di Avvocato, tutti quei principi che hanno sempre gui- Dottore Commercialista e/o Revisore Conta- dato la nostra condotta professionale, che bile ed il Percorso Formativo Assirevi, uno consiste nell’agire con professionalità, nel strumento di autoapprendimento, monito- condurre affari con integrità, nel tenere raggio e valutazione delle proprie conoscen-La nostra organizzazione alta la nostra reputazione, nel trattare le ze professionali. persone e l’ambiente con rispetto, nell’as-PwC è l’organizzazione internazionale, nata sumersi le proprie responsabilità e nel sa-oltre 160 anni fa, leader nel settore dei servi- per lavorare e pensare insieme al modo mi-zi professionali alle imprese, con particolare gliore per svolgere la nostra attività.riferimento alla revisione ed organizzazio-ne contabile(Audit), ai servizi di consulenza I nostri valoridi direzione e di supporto alle operazionidi finanza straordinaria (Advisory) ed alla • Eccellenzaconsulenza fiscale e legale (Tax & Legal). InItalia è presente in 17 città, per un totale di • Lavoro di gruppocirca 3.000 collaboratori. Il network coniu-ga l’esigenza di globalità dei servizi resi con • La leadershipla capacità di operare efficacemente a livel-lo locale ed operiamo in modo integrato e • Selezione, formazione e sviluppo dellemultidisciplinare combinando ampie capaci- Risorse Umane: ambiente di lavoro dinami-tà professionali a livello internazionale con co e formato da brillanti neolaureati. L’etàla conoscenza dei mercati locali e le specifi- media è di 30 anni, opportunità di ottene-che esperienze nei diversi settori. re rapida crescita professionale, percorso di Partnership con le Aziende Progettazione e definizione dei contenuti dei moduli formativi Il programma didattico viene elaborato attraverso un confronto continuo con i referenti di azien- de, per definire obiettivi, attività e contenuti in linea con l’evoluzione delle figure professionali. Attività d’aula attraverso seminari aziendali Dirigenti delle aziende partner svolgono attività didattica su tematiche concordate Quali persone cerchiamo con il Comitato Scientifico della Scuola. Realizzazione dei project work • Neolaureati in discipline economiche, Le aziende partner indicano alla Scuola un problema gestionale da analizzare e gli tecnico-scientifiche e giuridiche allievi del master e supportati da un tutor aziendale, sottopongono all’azienda idee e proposte ed, in alcuni casi, concrete soluzioni al problema. • Ottime capacità relazionali e comunicative • Propensione al lavoro di gruppo Convenzioni di stage L’I.P.E. in qualità di Ente promotore può predisporre convenzioni, progetti formativi e coperture • Buona conoscenza della lingua inglese assicurative per lo svolgimento degli stage in linea con le indicazioni delle normative in vigore. • Disponibilità alla mobilità Coinvolgimento in fase di Recruiting e Job Alert • Orientamento ai risultati Le aziende partner hanno la possibilità di presentare l’azienda, il processo di selezio- • Forte interesse per lo studio e l’aggiornamento ne e i percorsi di carriera;organizzare Recruiting Day, ricevere il cv book degli allievi in uscita ed inviare job alert a tutti gli ex allievi dei Master. professionale • Resistenza allo stress e a ritmi lavorativi Partecipazione alle attività dell’Associazione Alumni dell’I.P.E. dedicate alle società. sostenuti 14 Associazione Alumni IPE Annual Report 2011
  • 15. Il servizio di Job PlacementIl servizio di Job Placement accompagna gli allievi dei Master ad acquisire una serie di skill ricercati nel mondo del lavoro, attraverso unprogramma ben strutturato che prevede: Autovalutazione delle competenze: gli allievi, dopo una Assessment periodico per i colloqui di lavoro: come pre- mappatura dei propri punti di forza e debolezza, individuano sentarsi, case interview, colloqui motivazionali, test di abilità almeno 3 ambiti da migliorare con l’aiuto di colloqui periodici numerica, ecc. Seminari su come redigere un CV, come usare con lo staff dell’I.P.E. i social network professionali, e-mail etiquette, ecc. Formazione umanistica: seminari di filosofia ed etica sociale Il valore del lavoro: come si lavora e perché, la qualità del la- e del lavoro. voro, i rapporti interpersonali in ambito lavorativo, la valenza sociale del lavoro, equilibrio lavoro-famiglia, ecc. Lavori di gruppo, business game e project work per acqui- sire e/o migliorare le capacità di problem solving, leadership, Seminari sul Dress Code: il giusto abbigliamento per ogni fellowship, ecc.; inoltre, i singoli capigruppo redigono valuta- occasione; dining etiquette e due cene di gala (dicembre e zioni periodiche su ciascun partecipante. giugno). Gli allievi diplomati dal 2003 ad oggi sono 520. I tassi di placement dei diplomati al Master sono prossimi al 100% nei sei mesi dalla fine del corso. Dove lavorano Sbocchi occupazionali Alcune Aziende dove lavorano gli allievi dei Master I.P.E. * I Master dell’I.P.E. per l’A.A. 2011-2012 ABI Intesa s.r.l. Accenture (8) JP Morgan Alenia Aeronautica KPMG SPA (24) Altran L’Oreal Bain & Co. (3) Banca d’Italia (2) La Doria Banca di Credito Popolare (3) Mazars (2) Banca della Campania (3) McKinsey Banca Intermobiliare Meridie Banca Popolare di Ancona (2) Merrill Lynch Banca Popolare di Bari Michele Bottiglieri Armatore Novembre 2011 - Luglio 2012 Banca Popolare di Milano (2) MFA - Master in Finanza Avanzata Ministero Economia e Finanze Banca Popolare di Sviluppo (3) Monte dei Paschi di Siena (5) Metodi Quantitativi e Risk Management (X ed.) Banca Promos (3) Banca Sella (2) Morgan Stanley Banco di Napoli (6) Nera consulting BDO (6) Nestlè (2) BIP NTV BNL-BNP Paribas (14) PKF (3) Capgemini (3) Pramerica Financial (2) Cariparma - Crédit Agricole (4) Commercio & Finanza (11) PricewaterhouseCoopers (35) Consob (2) Procter & Gamble Dell Prometeia Gennaio - Luglio 2012 Deloitte (14) Renault Deutsche Bank (9) SACE (2) MiB - Master in Bilancio: Dresser Italia Revisione Contabile e Controllo di Gestione (VI ed.) Saipem - Gruppo Eni (2) Edison Scinicariello Ship Management Elle SGR (2) Ernst & Young (14) Société Générale Ferrero Unicredit Group (18) Fiditalia Unilever Financial Innovation SIM (3) Università di Foggia General Electric Università Federico II Generali Group (5) Università Parthenope Grimaldi Navigazioni (4) IBM Value Lab Vertis sgr (2) Febbraio - Luglio 2012 INA Assitalia (2) Iniziativa s.r.l. (2) Vodafone (2) MiS - Master in Shipping: Intesa Sanpaolo (4) Walt Disney Finanza, Logistica e Strategia di Impresa (IV ed.) * in parentesi, il numero degli allievi assunti dalle società Associazione Alumni IPE Annual Report 2011 15
  • 16. Chi Siamo Consiglio Direttivo Gaetano Vecchione, (Presidente)Nata nel marzo 2005, l’AssociazioneAlumni IPE ha lo scopo di promuovere Università del Sannioe realizzare iniziative volte a mante- andrea ioVene, Ufficio Studi I.P.E.nere solidi i rapporti personali e pro- Fabio Salzano, Intesa Consultingfessionali tra studenti e docenti chehanno frequentato nel tempo le varieedizioni dei Master dell’I.P.E. Collegio dei RevisoriIn questo ambito vengono organizzate Michele ruGGiero, Fratelli D’Amato Armatorioccasioni di incontro, testimonianze,riunioni, gruppi di lavoro, incontri lu- antonio Scarpati, Commercio e Finanzadici e sportivi. L’Associazione Alumni aleSSio conte, PricewaterhouseCoopersvuole essere uno strumento per man-tenere vivo il network di persone che, Assembleada anni, ruotano intorno alle attivitàformative dell’I.P.E. Tutti i soci regolarmente iscritti si ringraziaa ssociazione a luMni iPeRiviera di Chiaia, 264 - 80122 Napoli - Tel. 081.245.70.74 In copertina:www.alumni.ipeistituto.it Mario Merz, Le Sequenza di Fibonacci

×