Progetto EDUC 2013: La città di chi?

6,722 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
6,722
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6,451
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Progetto EDUC 2013: La città di chi?

  1. 1. PROGETTO
  2. 2. LA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO FRA SALIMBENE PRESENTA Città di chi?
  3. 3. Questa esperienza ci ha condotto alla riflessione su alcuni temi integranti della didattica di ogni disciplina e alla realizzazione di percorsi che hanno visto come protagonisti i nostri alunni e la loro creatività. Il tema “Citta di chi?” è stato affrontato da diversi punti di vista. Le classi prime hanno affrontato il tema sull‟accoglienza in modo originale.
  4. 4. “L‟accoglienza” attraverso la fotografia… • Attraverso bellissimi scatti di fotografia, la classe I E ha elaborato un La fotografia: guardare con gli occhi percorso che ha condotto i ragazzi alla conoscenza del sé e dell‟altro. Una dell‟altro narrazione interna: la storia di ognuno di questi alunni che intraprendono un nuovo percorso scolastico, fatto di nuove esperienze e conoscenze.
  5. 5. Classe I G • Incontriamo le parole… La ricerca delle origini e della storia delle parole come coesione, diversità, uguaglianza, ha contribuito a rendere più consapevoli gli alunni della I G, sull‟importanza e l‟uso che si fa della lingua italiana, una lingua viva ed in continua evoluzione.
  6. 6. • L‟accoglienza attraverso l‟arte Le classi I A, IC e I D hanno focalizzato l‟attenzione sul tema dell‟accoglienza attraverso l‟arte; riproduzioni artistiche finalizzate al lavoro di gruppo e all‟accoglienza, cogliendo le dinamiche che continuamente si creano nella formazione di nuovi gruppi.
  7. 7. Classe III A • La solidarietà nelle pagine della Costituzione: l‟esperienza della scuola in ospedale. Sempre ispirati dal progetto EDUC, le classi terze hanno, invece, affrontato il tema della convivenza e della partecipazione civica attraverso la lettura di alcuni articoli della nostra Costituzione. E partendo da questo lavoro, la classe III A ha affrontato il tema della solidarietà nelle pagine della Costituzione. Un tema che questi ragazzi conoscono attraverso l‟esperienza diretta e la partecipazione alle iniziative della “Scuola in ospedale”
  8. 8. • Ogni cittadino ha il diritto al lavoro,il cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilita’ e che sia utile alla comunita’ materialmente e spiritualmente.
  9. 9. Classe III F Intervista alla Costituzione Nella classe terza F, la Costituzione si personifica in un personaggio a cui i ragazzi rivolgono un’intervista e affrontano alcuni articoli attuali della nostra carta costituzionale.
  10. 10. Classe I B La poesia, le parole e le immagini… La poesia è il tema con cui la classe I B ha realizzato un percorso di scrittura creativa. Attraverso la manipolazione della parola, i ragazzi hanno affrontato il tema dell‟amicizia, della paura, dell‟angoscia e della gioia.
  11. 11. Piccole sceneggiature e la successiva creazione di fumetti attorno ad alcuni articoli della Costituzione, sono gli ingredienti scelti dagli alunni della classe III E. .Spiegare la costituzione attraverso i fumetti ha permesso ai ragazzi di capirne e apprezzarne i valori, attraverso un testo scorrevole e che – attraverso l‟uso delle immagini – rende concetti complessi più espliciti e chiari.
  12. 12. La classe terza D trasforma le aule scolastiche in uno studio televisivo, in cui l‟insegnante e i ragazzi improvvisano il programma “ l‟Eredità” : attraverso la messa in scena i ragazzi dimostrano un‟ottima preparazione sui contenuti della nostra Costituzione.
  13. 13. Un contributo di alcune bravissime alunne della classe terza C: una profonda e attenta riflessione sul tema della Costituzione...
  14. 14. Classe III C: a lezione di Costituzione La Costituzione è un documento fondamentale per la convivenza. Ma a cosa serve in concreto? Essa è la legge delle leggi che ispira e regola tutte le altre e cerca di garantire il reale vivere comune. La Costituzione è relativamente recente, essendo la prima vera e propria costituzione italiana, non può infatti essere considerato tale lo Statuto Albertino di emanazione monarchica. E‟ stata scritta tra il 1946 e il 1948 e promulgata esattamente in quest‟ultimo anno……. La Costituzione è formata da 139 articoli suddivisi in quattro sezioni: PRINCIPI FONDAMENTALI (art. 1-12) DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI (art. 13-54) ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA (art. 55-139) DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
  15. 15. «E allora voi capite da questo che la nostra costituzione è in parte una realtà, ma soltanto in parte è una realtà. In parte è ancora un programma, un ideale, una speranza, un impegno di lavoro da compiere. Quanto lavoro avete da compiere! Quanto lavoro vi sta dinanzi! (…) Ma non è una costituzione immobile che abbia fissato un punto fermo, è una costituzione che apre le vie verso l’avvenire. Non voglio dire rivoluzionaria, perché per rivoluzione nel linguaggio comune s’intende qualche cosa che sovverte violentemente, ma è una costituzione rinnovatrice, progressiva, che mira alla trasformazione di questa società. (…) Però, vedete, la costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La costituzione è un pezzo di carta: la lascio cadere e non si muove. Perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile, bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità. (…)
  16. 16. Parole lanciate al vento in un luogo in cui la vita veniva strappata dalle dolci membra del più debole. Ecco, i nostri coraggiosi partigiani combatterono per questo, per dare ai propri discendenti una reale libertà! Fu nel dopoguerra che la situazione politica italiana cambiò radicalmente, ormai non vi era più né il fascismo, né la monarchia e il “riassemblaggio” della popolazione e la ricostruzione di un panorama culturale ormai inesistente, crollato e scomparso come un‟intera città dopo un forte terremoto, spettava al Comitato di Liberazione Nazionale che nel marzo-aprile del 1945 indusse le prime elezioni comunali, anche se l‟Italia fu formalmente libera solo il 25 Aprile dello stesso anno.
  17. 17. Ora leggo nell‟articolo 4: «La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società»; così comprendo che solo quando ciò sarà raggiunto si potrà dire che l‟articolo 1: «L‟Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione» corrisponderà alla verità. Scorro con gli occhi di qualche riga, giro le pagine per essere “ispirata” da quel dolce rumore di foglio che viene mosso, mi immagino i costituenti riuniti per decidere le sorti della loro nazione, penso nella mente ai lori discorsi e alle mie orecchie pare quasi di sentirli. Ed è proprio adesso che davanti ai miei occhi capita l‟articolo 22, che mi colpisce per le sue parole, brevi, ma di grande effetto: «Nessuno può essere privato, per motivi politici, della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome».
  18. 18. E ora, quando ormai giungo alla fine, comprendo quanto sia stata difficile per me questa “revisione interiore”. I miei occhi fluttuano nel bianco delle pagine che sembrano avere una storia da raccontare, una lunga storia che in pochi hanno voglia di sentire. Mi soffermo in particolare sulla disposizione transitoria XII: «È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista. In deroga all'articolo 48, sono stabilite con legge, per non oltre un quinquennio dall'entrata in vigore della Costituzione, limitazioni temporanee al diritto di voto e alla eleggibilità per i capi responsabili del regime fascista». E proprio nel momento in cui credevo di aver capito tutto, sento un odore amaro che non mi fa allontanare dal triste passato, troppo recente per essere dimenticato.
  19. 19. Questa era l‟Italia dei nostri nonni e dei loro genitori, l‟Italia che noi giovani abbiamo forse dimenticato o che, per paura di dover rivivere quella difficile situazione, cerchiamo di scordare. Era l‟Italia delle vivide riprese cinematografiche, l‟Italia dei comizi che si tenevano per strada, in mezzo alle persone, l‟Italia di quei giovani che erano costretti a rifarla. L‟Italia, sì, erano costretti a ricostruirsela loro, erano costretti a ricostruire il proprio paese. Ed erano in qualche modo felici che fossero stati fatti passi avanti verso una reale emancipazione, tremendamente contenti di poter urlare le proprie idee, ma anche sorprendentemente afflitti dall‟idea di non essere all‟altezza dei loro “predecessori”. Era questa l‟Italia degli anni ‟50, un‟Italia che c‟era, anche se ridotta a brandelli, che pareva polvere, che sembrava sgretolarsi. Era questa l‟Italia degli anni „50, quella che cercava in tutti i modi di rinnovarsi. Oggi non abbiamo il diritto di giudicarla con la mentalità attuale o senza considerare attentamente il passato; al contrario dobbiamo sempre ricordare che le persone di quell‟epoca hanno reso grande il nostro Paese. (Giulia Lanzafame – Classe 3ªC)
  20. 20. Docenti: Sofia Castello Claudia Cattivelli Franca Guerra Raffaella Morini Stefania Popoli Stefania Rastelli Laura Verdi Maria Zambonini Chiara Zanetti

×