Your SlideShare is downloading. ×
Presentazione humanitas ab2 febbraio2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Presentazione humanitas ab2 febbraio2011

572
views

Published on


0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
572
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. MIMO: il Datawarehouse in HumanitasGennaio 2011 Evoluzione della Business e Clinical Intelligence in Humanitas A cura di Giuliano Pozza – Responsabile Sistemi Informativi
  • 2. Agenda• Indice  Evoluzione della Business e Clinical Intelligence in ICH a) Il contesto b) Evoluzione secondo 4 punti di vista: (4 slide) 1. Strategia aziendale 2. Tecnologia Abilitante 3. Processi 4. Persone (Empowerment dei key users) c) Stato attuale e Prossimi passi
  • 3. 1, 2, 3: Il contesto di Humanitas STORIA  ICH apre al primo paziente il 4 marzo 1996;  Nel 2002 ICH si accredita JCI, dal 2005 è un IRCCS ed oggi ha circa 700 letti e 50.000 ricoveri/anno; 1  Nel 2007 è stato inaugurato il centro di ricerca con circa 300 ricercatori e nel 2010 apre l’International Medical School  ICH è parte di un gruppo composto da 6 ospedali ORGANIZZAZIONE 3 INFORMAZIONI DI  Da sempre ICH ha un grande focus, oltre che sulla CONTESTO UTILI A cura del paziente, anche sugli aspetti organizzativi e diCAPIRE L’EVOLUZIONE gestione degli asset (presentato come caso in diversiDELL’AREA BUSINESS e 2 corsi di Business Administration) CLINICAL INTELLIGENCE  Le direzione aziendali maggiormente coinvolte in questo aspetto sono la Pianificazione e Controllo e la Direzione Operativa, oltre al Monitoraggio Qualità INFORMATIZZAZIONE  Fin dall’inizio ICH ha informatizzato i principali processi sanitari (Patient Administration, dipartimentali) e i principali documenti clinici 3 (lettera di dimissione e referti);  L’architettura applicativi di ICH risente della frammentazione tipica di un sistema nato negli anni 90 ed evoluto in modo incrementale
  • 4. Agenda• Indice  Evoluzione della Business e Clinical Intelligence in ICH a) Il contesto b) Evoluzione secondo 4 punti di vista: (4 slide) 1. Strategia aziendale 2. Tecnologia Abilitante 3. Processi 4. Persone (Empowerment dei key users) c) Stato attuale e Prossimi passi
  • 5. 1. Strategia Aziendale per la Business Intelligence:• Grande ricchezza “grezza” • Grande ricchezza “depurata” dalle scorie• Accesso alla ricchezza ad alto rischio • Accesso alla ricchezza sicuro• Necessità di operatori tecnici specializzati e attrezzati • La ricchezza è gestita da operatori “di business”•Necessità di post-lavorazione del materiale grezzo • Il materiale è immediatamente utilizzabile Pilastri della strategia di ICH sulla Business Intelligence: 1. Fornire ai key users della B.I. una base dati unica, con dati di base certificati, leggibili (vedi: depurata delle complessità intrinseca delle basi dati transazionali) e correlabili; 2. Rendere “sicura” l’interpretazione e l’utilizzo dei dati attraverso un opportuno processo di formazione sui dati e sui processi dei key users, favorendone l’autonomia nell’utilizzo dei dati e nell’estrazione delle informazioni; 3. Evitare ovunque possibile post-elaborazioni (manuali o con strumenti di produttività individuale) delle informazioni;
  • 6. Legenda: ENTERPRISE ARCHITECTURE (ONE SLIDE ARCHITECTURE) – TO BENON esistenteIn lavorazione PROCESSO DI CURA DEL PAZIENTE Processi Comuni Rendicontazione/Pilastri Architettura: Prenotazione Accoglienza Follow-up • Anamnesi FatturazioneP1: Infrastruttura •Prenotazione telefonica •Pronto Soccorso Processi Clinici • Doc (LD, Verbali, •Prenotazione con •Accoglienza fisica per PERCORSIP2: Accessi Referti) accesso fisico DI CURA File F Flussi OutpP3: Integrazione •Accettazioni • Diario •Prenotazione via web Protesi Flussi InpP4: Dati comuni • Paz. chirurgico E Processi Gestione Risorse Produttive v Processi di gestione -Personale E Ricerca/Didattica -Supply chain EVENTI EVENTI -Biobanca Altri Dati Dati N Diagnostiche Diagnostiche -Asset -Cell Factory Medico di T Base/Specialista I P1: (GIBS) Gestione Infrastruttura di Base (Server /Network & Storage) e Sicurezza + TELEFONIA Area 1 (Infrastruttura (GAPU) Gestione Accessi e Profilazione Utenti P2: abilitante: Integrazioni/Accessi/Client/Server/Rete/Fonia) Staff Comitato Gestione P3: (GIEW) Gestione Integrazioni Eventi e Workflow Sistemi Informativi P4a: PRM Area 4: (Verticali Clinici) Gestione del Paziente ERP Patient (Accoglienza) P3: (GIEW) P3: (GIEW) Administration Immagini Admin/ Verticali (LAB/ Immagini Personale Flussi Repository Gestione Processi IT Bilancio Gsed..) Diagnostiche di (+Fussi) AreaADT(PRM 3ADT Rischio Diagnostiche PROFILO Specialità P4b: EPR Clinico Asset Tech2 Magazzini Area (ERP) Remo Clinici IT Engagement Area 7 e CUP CUP (Electronic Model /Logistica Patient Record) Ordini Prescrizioni (Governance Accoglienza) Contatto Servizi di Supporto FISICO/TELEF. PIESSE Percorsi di cura: dati specialistici S.I.) WEB Area 5 (Piattaforma CLINICA) Service Intranet Percorsi di cura: dati comuni ANAGRAFE Desk eMail/Doc in remoto Medici ETL Area 6 (DATI e CONOSCENZA) – AREA INTERVENTO PRIORITARIA ICH ETL Personale Knowledge Management P4c: M.I.M.O. (Business Intelligence) P4d: Clinical Intelligence (timbrature/ paghe..) Area 1 (Infrastruttura abilitante: Integrazioni/Accessi/Client/Server/Rete/Fonia) PROFILO Medico/Infermiere/Servizi su Internet Multi Staff Telefo Internet Internet Fisico Canalità Telefonia nico Informa Service Telefonia (GECO) (Sms, Mobile / FSE (Call tivo (Siti Oriented Mobile / Voice, Devices Reti Patologia INTERNET Center) Attuali) (?) Devices Paziente Mail) (?) Dati Gestionali PAZIENTI EXTRANET SISS
  • 7. Agenda• Indice  Evoluzione della Business e Clinical Intelligence in ICH a) Il contesto b) Evoluzione secondo 4 punti di vista: (4 slide) 1. Strategia aziendale 2. Tecnologia Abilitante 3. Processi 4. Persone (Empowerment dei key users) c) Stato attuale e Prossimi passi
  • 8. • Estrazioni dati “di base” realizzate dai sistemi informativi a partire da diversi sistemi (datamart, copia ambienti di produzione, ambienti di produzione…) • Dati elaborati e sincronizzati a cura degli utenti mediante Excel/Access • Report su sistemi di produzione/copia realizzati dai S.I. – versioni di B.O. eterogenee Visual BO 5.1 Flash visualizzatore report DB VISUAL FLASH SIO ICHQueryTrasformazioni PIESSE ICHDatabasetransazionaledi produzione SIO Copia Report eManager ICHDatamart /Copia GSED ICH SIO CHG SDOWEB Visualizzatore Concerto report ADS PIESSE CHG eManager CHG Formula DB_REPORT BO XI visualizzatore report
  • 9. • Base dati “certificata” (MIMO) alimentata da sistemi di produzione tramite ETL (B.O.D.I.) di Business Objects • Possibilità di integrare e correlare i dati GESTIONALI (non CLINICI) su MIMO • Sviluppo di report sui dati certificati a cura dei Key users – utilizzo per tutti di piattaforma unica B.O. XI rel. 3 Applicazioni Cliniche ICH Dati Utente (Excel) Visual GSED ICH SIO ICH Flash SDOWEB PIESSE ICHQueryTrasformazioni …… ETL DB VISUAL FLASHDatabase Applicazioni Amministrativetransazionaledi produzioneDatamart /Copia ADS Formula …… Visualizzatore report DB REPORTING Applicazioni cliniche CHG (MIMO) BO XI visualizzatore PIESSE CHG SIO CHG Query sui sistemi di produzione report ……
  • 10. Agenda• Indice  Evoluzione della Business e Clinical Intelligence in ICH a) Il contesto b) Evoluzione secondo 4 punti di vista: (4 slide) 1. Strategia aziendale 2. Tecnologia Abilitante 3. Processi 4. Persone (Empowerment dei key users) c) Stato attuale e Prossimi passi
  • 11. 3. I ProcessiLe linee guida sui processi:1. La conoscenza dei processi aziendali è fondamentale per utilizzare i dati generati dai processi stessi2.  Le singole funzioni aziendali, come owner dei processi aziendali sottostanti, attiveranno percorsi di formazione sugli stessi dove necessario3.  Il processo di formazione sui dati ha come pre- requisito una valutazione della competenza minima sui processi4.  Il processo di produzione dei report viene spostato sempre più sui key users. I Sistemi informativi supportano i key users nelle analisi più complesse (oppure le funzioni aziendali che non hanno come obiettivo l’autonomia)
  • 12. 4. Le persone1 •Valutazione status e obiettivi di competenza sui dati per funzioni aziendali2 • Assessment del livello di competenza dei key users su: 1. Strumenti 2. Processi 3. Dati Assessment3 • Formazione di base su: Persone • Strumento • Dati principali Formazione4 Affiancamento • Formazione avanzata su processi e dati Strumento5 • Affiancamento su progetti specifici (on- the-job training) Formazione Informazione e Dati
  • 13. Conoscenza e autonomia nell’uso dei dati Per ogni funzione aziendale sono riportati il livello di conoscenza Attuale e il livello Desiderato. Formazione sui DataMart Interventi e Piesse per venire Condivisione di alcune estrazioni incontro all’esigenza di correlare sui fatturati con Funzione 2 allo più semplicemente le informazioni. scopo di rimanere aggiornati sugli aspetti del ciclo attivo. Controllo GO Servizio DMS Funzione 1 Funz. Funz. Funzione 4 P&C CC 2 clienti 3 Assistenti Flussi Formazione sui Sistema Att Des Att Des Att Des Att Des Att Des Att Des datamart e Ehospital 4 4 1 3 4 4 4 4 1 1 2 2 condivisione delle Piesse 1 4 3 3 4 4 1 1 2 2 query sui volumi Conoscenza GSED 1 4 1 3 3 3 3 3 1 1 2 2 di Funz. 2. processo di CONCERTO generazione dei Diapason dati 1 1 (Formula) Quani 2 2 5 5 ADS 5 5 eManager 4 4 4 4 Conoscenza DRS datamart DB Reporting 1 5 2 5 2 5 1 1 1 2 1 4 Conoscenza Vecchio BO 4 4 4 4 4 4 1 1 1 1 1 1 strumenti di reporting Nuovo BO 1 5 2 5 2 5 1 1 1 2 1 3Per tutte le funzioni: formazione sullostrumento e sui dati per raggiungere unamaggiore autonomia nelle estrazioni enell’analisi.
  • 14. Mappatura conoscenza processi ICH II/II
  • 15. Agenda• Indice  Evoluzione della Business e Clinical Intelligence in ICH a) Il contesto b) Evoluzione secondo 4 punti di vista: (4 slide) 1. Strategia aziendale 2. Tecnologia Abilitante 3. Processi 4. Persone (Empowerment dei key users) c) Stato attuale e Prossimi passi
  • 16. Dati e ConoscenzaOBIETTIVI STRATEGICI:DAC-OB1:Definizione strategia e architettura tecnologica DWH (MIMO) (2009)DAC-OB2:Costruzione piattaforma architetturale DWH (MIMO + Estrattori) (2008- 2010)DAC-OB3:Educazione dei key users e definizione processo di “certificazione competenze” (Iniziato Ottobre 2010 – in corso)DAC-OB4:Definizione evoluzione cruscotto direzionale => in corsoDAC-OB5:Definizione evoluzione intranet => in corso
  • 17. I risultati raggiunti: gestione dei processi e benefici secondo i key users…Esempi di processi monitorati Valutazioni dei Key users:tramite MIMO: Grande e positivo impatto sullattività di reportistica in particolare sugli indicatori esistenti • Giornaliero attività ricoveri ICH (con nel Tableau de Bord Qualità. invio automatico report ai key users) Risparmio di tempo nel calcolo di alcuni • Attività di Pronto Soccorso indicatori e riduzione del rischio di errori nei • Attività di sale operatorie passaggi di estrazione e elaborazione con altri strumenti. • Attività outpatients • Monitoraggio liste di attesa • Monitoraggio performance servizio Creazione di query con più fornitori di Clienti (e previsione flussi) dati, impatti sullattività: maggiore • Gestione del pre-ricovero autonomia nella creazione di query, maggiore elaborazione dei dati in BO vs • Indicatori di qualità aggregati excel, maggiore confidenza • Call center (in progress) nellestrazione dei dati •… Riesco sempre più a destreggiarmi da sola se mi Automazione attività periodica di servono delle estrazioni diverse estrazione dati a supporto del Minor tempo da quelle predefinite per lufficio reporting direzionale. nellelaborazione della reportistica Riduzione dei tempi di alcune attività del 50%

×