• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Prova nazionale seminario 2 marzo
 

Prova nazionale seminario 2 marzo

on

  • 1,899 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,899
Views on SlideShare
1,880
Embed Views
19

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

2 Embeds 19

http://www.castellucchio.net 16
http://www.iccastellucchio.gov.it 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Prova nazionale seminario 2 marzo Prova nazionale seminario 2 marzo Presentation Transcript

    • Prova nazionale 2008/2009 Report del Seminario nazionale INVALSI 2 marzo 2009
    • Indice
      • Normativa di riferimento
      • Aspetti rilevanti e finalità della Prova nazionale
      • Caratteristiche e strutture della prova
      • La prova di Italiano e la prova di Matematica
      • Aspetti organizzativi
      • Elementi di approfondimento sulle prove
    • Normativa di riferimento
      • L. 176 del 25.10.2007 “…L’esame di Stato comprende anche una prova scritta, a carattere nazionale, volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti. ….”
      • Direttiva 74/08 (Indicazioni strategiche):
        • attività dell’INVALSI come valore strategico per il raggiungimento obiettivi UE (correlati al “processo” di Lisbona avviato nel 2000);
        • Valutazione di Sistema, delle Scuole, (rilevazione) degli apprendimenti, valutazione del personale della scuola;
        • Diffusione della cultura della valutazione;
      • Direttiva 75/08
        • Attività a.s. 2008/2009
    • Aspetti rilevanti
        • Importanza dei Quadri di Riferimento (= QdR) di italiano e matematica pubblicati di recente per comprendere cosa e come si intende valutare con la prova nazionale e per avere una mappa indispensabile per progettare il curricolo per competenze; i QdR prendono in considerazione tutte le competenze, la Prova nazionale non può rilevare tutto il Quadro;
        • Riferimento coerente al contesto delle indagini internazionali;
        • Valenza della Prova come ricaduta in ambito didattico, a partire dalla analisi dei risultati; esempi di buone pratiche da reti di scuole e da uffici scolastici regionali e provinciali; proposta nostra di una rete di MN con le scuole che intendono aderire;
        • Garanzia della massima correttezza in fase di somministrazione.
    • Finalità della Prova
        • Integrare e non sostituire la valutazione della scuola;
        • Rilevare e far emergere punti forti e punti deboli degli apprendimenti dei ragazzi e non fornire graduatorie e classifiche;
        • Comparabilità dei risultati;
        • Fornire elementi di supporto alle scuole per migliorare la didattica;
        • Favorire processi di approfondimento in ambito didattico;
        • Favorire e promuovere la cultura della valutazione della scuola ; (V. esperienze)
    • Caratteristiche della Prova
      • Contribuire ad accertare livelli di apprendimento;
      • Valutazione su procedure standardizzate;
      • Fornire un quadro di riferimento nazionale;
      • Rendere disponibili prove su quadri di riferimento pubblici;
    • Struttura della Prova
      • Prova oggettiva e semistrutturata
      • coerente rispetto ai quadri di riferimento e alla pratica didattica dei docenti di italiano e a matematica
      • articolata in due sezioni (fascicoli): italiano e matematica•quesiti a scelta multipla e a risposta aperta univoca
      • quesiti che coprono l’intera gamma di competenze prevista dai QdR;
    • La Prova di Italiano
      • Comprensione del testo narrativo ed espositivo;
      • Riflessione sulla lingua;
      • Quesiti a risposta multipla e aperta univoca;
    • La Prova di Matematica
      • Stessi ambiti a.s. 07/08:
        • Numero
        • Geometria
        • Relazioni e funzioni
        • Misura, dati e previsioni
      • quesiti a scelta multipla e a risposta aperta univoca
    • Aspetti organizzativi
      • Registrazione periodo fine marzo/aprile;
      • Stampa centralizzata;
      • Spedizione dedicata a USP o scuole polo;
      • Ritiro dei plichi a cure dei Dirigenti scolastici;
      • Consegna al Presidente di Commissione;
      • 18 giugno 2009 ore 8.30 – 2 ore effettive (1 ora per Italiano -1 ora per Matematica):
    • Aspetti organizzativi 2
      • Particolari tipologie
        • Alunni disabili: stessa modalità 2008 (prova adattata; prova sostitutiva; strumenti compensativi)
      • Correzione
        • Effettuata dalla Commissione;
        • Modalità particolari per le scuole campione (250-300);
        • Disponibilità dei correttori a partire dalle ore 12.00 del 18/06 su siti diversi per evitare sovraccarichi di connessione: INVALSI/MIUR/UUSSRR/UUSSPP;
    • Aspetti organizzativi 3
      • Attività di preparazione
        • Conferenze di Servizio a livello provinciale
        • Esempi di prove sul Sito dell’INVALSI
        • Preparazione degli Studenti a cura delle Scuole
      • Restituzione dei risultati
          • Entro 31/07/09 consegna al MIUR;
          • Entro 15/10/09 risultati a ciascuna scuola; dati individuali e di istituto; confronti regionali e nazionali;
          • Entro 15/11/09 report regionali e nazionale;
          • Entro 20/12/09 approfondimenti a cura INVALSI;
          • Restituzione a 6 livelli rispetto al dato nazionale;
    • Aspetti organizzativi 4
      • Recapiti telefonici
        • Recapiti Sito: http://www.invalsi.it/esamidistato0809/
        • Mail : [email_address]
        • Contatti telefonici (lun. –ven. 8.30-13.30 –14.30-16.30):
          • 0694185267
          • 0694185302
          • 0694185258
          • 0694185358
    • Approfondimenti Prova Italiano 1
      • Base di riferimento è il quadro normativo (Decreto 59/2004, Obiettivi specifici di apprendimento, Indicazioni nazionali 2004-2007, ricerche nazionali);
      • Le competenze: riguardano competenze rilevabili in una prova nazionale (comprensione del testo narrativo ed espositivo; riflessione sulla lingua), come definite dal QdR;
      • La padronanza linguistica:
        • Conoscenze e competenze grammaticali (non sempre è possibile rilevare in una prova nazionale)
      • Concetto di competenza: è definito nel QdR
    • Approfondimenti Prova Italiano 2
      • Problema del peso e degli standard di valutazione
      • Gli studenti stranieri svolgono la stessa prova
      • Valenza della analisi dei risultati per scuola o reti di scuole in funzione di progettazione del curricolo;
      • La prova 2009 prevede n. 60 quesiti: n. 24 per la competenza testuale per entrambi i testi e n. 12 per la competenza grammaticale;
      • Non è legittimo deliberare di non valutare o di non tenere conto di una prova negativa.
    • Approfondimenti Prova Matematica 1
      • Obiettivo diverso tra le prove PISA e quelle INVALSI, anche se i ragazzi che vanno male da una parte, vanno male anche dall’altra;
      • il peso e la valutazione non sono “assoluti” e del resto il peso dovrebbe essere attribuito a prova erogata, corretta e misurata. Il peso delle risposte è diverso, dipende dalle difficoltà, evidenti solo dopo la correzione della prova
      • I dati Invalsi non servono a fare graduatorie di scuole, ma sono funzionali agli “addetti” ai lavori Invalsi e quindi ad una corretta analisi del contesto; all’interno di ogni scuola servono semmai ai docenti, per “tarare” il tiro dei loro interventi;
    • Approfondimenti Prova Matematica 2
      • Se le prove Invalsi (italiano + matematica) avessero peso 15% sul voto finale dell’esame, a ciascuna andrebbe peso 7,5%? Come? Non è ancora ben definito. a breve uscirà CM definitiva che stabilirà peso e modalità di valutazione della prova.
      • Che cosa intendiamo per certificazione? Cosa vogliamo certificare e come? Le prove Invalsi restituiscono al docente la responsabilità di ciò che fa e dei contenuti che devono essere svolti. Non ci si deve appiattire sui contenuti minimi!!!
      • Il QdR serve anche per essere sicuri di quali argomenti sono stati svolti e quali no e procedere al loro allineamento.
      • GRAZIE DELL’ATTENZIONE