La sicurezza 2009 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La sicurezza 2009 2010

on

  • 4,246 views

 

Statistics

Views

Total Views
4,246
Views on SlideShare
4,236
Embed Views
10

Actions

Likes
0
Downloads
225
Comments
0

1 Embed 10

http://www.slideshare.net 10

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

La sicurezza 2009 2010 La sicurezza 2009 2010 Presentation Transcript

    • CORSO SULLA SICUREZZA
    • NEI LUOGHI DI LAVORO
    • per Dirigenti Scolastici
    • “ Il Dirigente Scolastico e la sicurezza nella scuola. Una
    • bussola per orientarsi nel mare magnum delle nuove norme”
    • Anno Scolastico 2009/2010
    • Mario Messina
    • Un po’ di storia
    • Anni ‘50
    • A seguito della legge delega 51/1955
    • vengono emanati numerosi DPR.
    • I tre pilastri dell’apparato normativo sono:
    • - DPR n. 547/55 (norme per la prevenzione degli infortuni sul
    • lavoro)
    • - DPR n. 164/56 (regolamento per l’edilizia)
    • - DPR n. 303/56 (norme generali per l’igiene del lavoro)
    View slide
    • Anni ‘70
    • - DM del 18/12/75
    • Norme tecniche relative all’edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di
    • funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica, da osservarsi nella esecuzione di
    • opere di edilizia scolastica.
    View slide
    • Anni ‘90
    • - DLgs n. 277/91
    • Attuazione delle direttive n. 80/1107/CEE, n. 83/477/CEE, n. 86/188/CEE
    • e n. 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi
    • derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro,
    • a norma dell’art. 7 della Legge 30 luglio 1990, n. 212.
    • - DLgs n. 475/92
    • Attuazione della direttiva n. 89/686/CEE del Consiglio del 21/12/89, in materia
    • di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai dispositivi
    • di protezione individuali.
    • - DLgs n. 626/94
    • Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE,
    • 90/270/CEE, 90/394/CEE e 90/679/CEE riguardanti il miglioramento
    • della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro.
    • - DLgs n. 242/96
    • Modifiche ed integrazioni al DLgs 19/9/94 n. 626, recante attuazione di
    • direttive Comunitarie riguardanti il miglioramento della sicurezza
    • e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro.
    • - DLgs n. 493/96
    • Attuazione della direttiva 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per
    • la segnaletica di sicurezza e/o salute sul luogo di lavoro.
    • - Contratto Collettivo Quadro del 10/7/96
    • In merito agli aspetti applicativi del DLgs 626/94 riguardanti
    • il rappresentante per la sicurezza.
    • - Decreto del 16/1/97
    • Individuazione dei contenuti minimi della formazione dei lavoratori, dei
    • rappresentanti per la sicurezza e dei datori di lavoro che possono svolgere
    • direttamente i compiti propri del responsabile del servizio di prevenzione
    • e protezione.
    • - Decreto del 28/9/98 n. 382
    • Regolamento recante norme per l’individuazione delle particolari esigenze
    • negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle
    • norme contenute nel DLgs 19/9/94, n. 626, e successive modifiche ed
    • integrazioni.
    • - Decreto 2 maggio 2001
    • Criteri per l’individuazione e l’uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI).
    • Anni 2000
    • - DLgs 23 giugno 2003 n. 195
    • che integra il DLgs 626/94.
    • La Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
    • autonome di Trento e Bolzano emana il:
    • - Provvedimento 26 gennaio 2006
    • che stabilisce i requisiti professionali degli addetti e dei responsabili del
    • servizio di prevenzione e protezione.
    • (G. U. N. 37 del 14/2/2006 )
    • - La Legge Delega 3 agosto 2007 n. 123
    • Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega
    • al governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia.
    • Introduce il DUVRI (Documento Unico di Valutazione del Rischio di Interferenza ).
    • Stabilisce che nei contratti di somministrazione di appalto e subappalto devono essere specificatamente indicati i costi relativi alla sicurezza sul lavoro che non sono soggetti a ribasso.
    • DPR n. 547/55
    • DPR n. 164/56
    • DPR n. 303/56 DLgs n. 81 del 9 aprile 2008
    • DLgs n. 475/92 Attuazione dell’art. 1 della legge 3 agosto
    • 2007 in materia di tutela della salute e
    • DLgs n. 626/94 della sicurezza nei luoghi di lavoro.
    • Decreto n. 382/98
    • Successivamente
    • IL DLgs n. 81/2008 viene modificato da:
    • Legge 2 agosto 2008 n. 129
    • Legge 6 agosto 2008 n. 133
    • Legge 7 luglio 2008 n. 88
    • Legge 27 febbraio 2009 n. 14
    • DLgs 3 agosto 2009 n. 106
    • Quindi il nuovo riferimento normativo
    • in materia di sicurezza diventa il
    • DLgs n. 81/2008
    • modificato dal
    • DLgs n. 106 del 2009
  • MODIFICA DEL SISTEMA ISTITUZIONALE
    • Presso il Ministero del lavoro è istituito:
    • IL COMITATO PER L’ INDIRIZZO E LA VALUTAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE E PER IL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLE ATTIVITA’ DI VIGILANZA ( presieduto dal Ministro del lavoro)
    • LA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE
    • Tale Commissione, tra la altre cose, ha il compito di elaborare entro il 31 dicembre 2010 le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi
  • ENTI PUBBLICI AVENTI COMPITI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
    • ISPESL Istituto Superiore Per la Prevenzione e la Sicurezza
    • del Lavoro
    • INAIL Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul
    • Lavoro
    • IPSEMA Istituto di Previdenza per il Settore
    • Marittimo
  • VIGILANZA
    • ASL
    • VIGILI DEL FUOCO
  • Principali cambiamenti introdotti
    • Il nuovo decreto enfatizza ed affina i principi già introdotti con il decreto 626 che possono essere così riassunti:
    • Il datore di lavoro deve garantire la massima sicurezza tecnologicamente possibile
    • In particolare recepisce pienamente il disposto dell’ art. 2087 del Codice Civile
  • art. 2087 del Codice Civile
    • “l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”.
  • SONO STATI AGGIUNTI I SEGUENTI RISCHI:
    • Collegati allo stress lavoro –correlato
    • Riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza
    • Connessi alle differenze di genere
    • Connessi all’età
    • Connessi alla provenienza da altri paesi
    • La valutazione dello stress lavoro-correlato è effettuata sulla scorta delle indicazioni fornite dalla Commissione Consultiva Permanente e comunque a partire dal 1 agosto 2010
    • Il DVR deve essere redatto con criteri di brevità e semplicità
  • GERARCHIA E PRIORITA’ DEGLI INTERVENTI DI PROTEZIONE E PREVENZIONE
    • Novità rispetto alla legislazione precedente
    • (DLgs 626/94)
    • art. 2 - definizioni
    • vengono introdotte ( tra le altre) le seguenti definizioni:
    • Sorveglianza sanitaria
    • norma tecnica
    • buona prassi
    • linee guida
    • formazione, informazione, addestramento
    • riferimento a INAIL – ISPESL
  • ART. 2 Continuazione
    • Dirigente: persona che in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa
    • Preposto: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa
    • art. 14
    • Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela
    • della salute e sicurezza dei lavoratori.
    • art. 15 - misure generali di tutela
    • Vengono enfatizzate le misure di tutela:
    • controllo sanitario
    • informazione e formazione adeguata per i lavoratori
    • informazione e formazione adeguata per i dirigenti ed i preposti
    • istruzioni adeguate ai lavoratori
    • partecipazione e consultazione dei lavoratori
    • partecipazione e consultazione dei rappresentanti per la sicurezza
    • uso di segnali di avvertimento e sicurezza nella gestione dell’emergenza
    • regolare manutenzione degli impianti
    • art. 16 - delega di funzioni
    • possibilità per il datore di lavoro di delegare, a certe condizioni, alcuni compiti
    • possibilità al delegato di delegare a sua volta
    • LA DELEGA DEVE AVERE DATA CERTA, DEVE ESSERE ATTRIBUITA PER ISCRITTO, DEVE ESSERE ACCETTATA
    • IL DELEGATO DEVE POSSEDERE PROFESSIONALITA’ ED ESPERIENZA SULLE FUNZIONI DELEGATE
    • RIMANE L’ OBBLIGO DI VIGILANZA IN CAPO AL
    • DATORE DI LAVORO
    • art. 17 - obblighi del datore di lavoro
    • non delegabili
    • valutazione dei rischi e conseguente elaborazione del documento
    • (ammenda da 2000 euro a 4000 euro)
    • designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dei rischi
    • (arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2500 a 4000 euro)
    • art. 18 - obblighi del datore di lavoro e del dirigente
    • nominare il medico competente per la sorveglianza sanitaria
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1500 a 6000 euro)
    • designare i lavoratori per la gestione dell’emergenza, tenendo conto delle loro capacità
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1500 a 5200 euro)
    • fornire ai lavoratori i necessari ed idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il medico competente ed il responsabile del servizio di prevenzione e protezione
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1500 a 6000 euro)
    • provvedere perché soltanto chi ha ricevuto uno specifico addestramento alle zone dove esiste un rischio grave e specifico
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1200 a 5200 euro)
    • richiedere l’osservazione dei singoli lavoratori alle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali sull’uso dei DPI
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1200 a 5200 euro)
    • continua
    • inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria
    • (ammenda da 2000 a 4000 euro)
    • adottare misure per il controllo della situazione di rischio in caso di emergenza
    • informare il più presto possibile i lavoratori esposti ad un rischio grave ed immediato
    • adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento
    • consentire ai lavoratori, mediante il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l’applicazione delle misure di tutela
    • (ammenda da 2000 a 4000 euro)
    • consegnare tempestivamente al RLS, su richiesta, anche su supporto informatico, il Documento di valutazione del rischio ( il documento è consultabile solo in azienda )
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 750 a 4000 euro)
    • continua
    • elaborare il documento anche su supporto informatico (ammenda da 2000 a 4000 euro)
    • evitare che le misure tecniche adottate possano causare rischi alla popolazione o deteriorare l’ambiente esterno
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1200 a 4000 euro)
    • comunicare all’INAIL e all’ IPSEMA, entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, i dati relativi agli infortuni sul lavoro che comportino l’assenza dal lavoro di almeno 1 giorno ( per dati statistici ) e quelli che comportano l’assenza di almeno 3 giorni
    • (ammenda da 500 a 1000 euro per un giorno, da 1000 a 4500 euro per 3 giorni)
    • consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
    • (ammenda da 2000 a 4000 euro)
    • adottare le misure di evacuazione
    • continua
    • nello svolgimento di attività in regime di appalto o subappalto munire i lavoratori di tessera di riconoscimento
    • (ammenda da 2000 a 4000 euro)
    • nelle aziende con più di 15 lavoratori organizzare la riunione periodica
    • (ammenda da 2000 a 4000 euro)
    • aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti produttivi o in relazione al grado di evoluzione tecnica della prevenzione
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1500 a 6000 euro)
    • comunicare in via telematica all’INAIL i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
    • (ammenda da 50 a 300 euro)
    • vigilare che i lavoratori per i quali vige l’obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibiti alla mansione lavorativa senza il prescritto giudizio di idoneità
    • (sanzione da 1000 a 4500 euro)
    • continua
    • fornire al medico competente informazioni in merito ai rischi, all’organizzazione del lavoro ecc .
    • (sanzione da 1000 a 4000 euro)
    • manutenzione degli edifici delle pubbliche Amministrazioni a carico degli Enti proprietari con obbligo di segnalare la richiesta del loro adempimento
    • obbligo di vigilare sugli adempimenti degli obblighi delle altre figure presenti in azienda
    • art. 19 - obblighi del preposto
    • Chi sono i preposti a scuola?
    • I preposti devono vigilare sui corretti adempimenti delle disposizioni aziendali in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro
    • devono frequentare appositi corsi di formazione
    • Anche per i preposti la violazione dei loro obblighi comporta
    • le seguenti sanzioni: arresto fino a 2 mesi o ammenda
    • da 400 a 1200 euro.
    • art. 20 - obblighi dei lavoratori
    • Tra le altre cose:
    • ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro
    • i lavoratori devono osservare le istruzioni impartite dal datore di lavoro ai fini della protezione collettiva ed individuale
    • sono tenuti a partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro
    • Sono soggetti alle seguenti sanzioni:
    • arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600 euro.
    • PRIMA DEL Dlgs 626 L’ AMBIENTE ERA SICURO SE SI RISPETTAVANO LE NORME ( SICUREZZA OGGETTIVA)
    • CON IL Dlgs 626 E POI CON MAGGIORE ENFASI CON IL Dlgs 81 SI COSOLIDA L’ IDEA CHE LA SICUREZZA NASCE DALLA RELAZIONE UOMO - AMBIENTE , QUINDI LE CARENZE DOVUTE A MANCANZA DI RISORSE ECONOMICHE DEVONO ESSERE SURROGATE DALLA FORMAZIONE, DALL’ ORGANIZZAZIONE E DALLA SENSIBILIZZAZIONE DEL PERSONALE ( SICUREZZA SOGGETTIVA ).
    • IL Dlgs 626 AVEVA INTRODOTTO MOLTA CARTA ( SISTEMA FORMALE )
    • IL Dlgs 81 CERCA DI RISOLVERE IL PROBLEMA INTRODUCENDO Il SISTEMA “SOSTANZIALE” CON IL CONTROLLO DEL COMPORTAMENTO
  • art. 25 - obblighi del medico competente
    • TRA LE ALTRE COSE
    • COLLABORA CON IL DATORE DI LAVORO E CON IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE
    • PROGRAMMA LA SORVRGLIANZA SANITARIA
    • ISTITUISCE, AGGIORNA E CUSTODISCE, SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ UNA CARTELLA SANITARIA DI RISCHIO PER OGNI LAVORATORE SOTTOPOSTO A SORVEGLIANZA SANITARIA
    • FORNISCE INFORMAZIONI AI LAVORATORI SUL SIGNIFICATO DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA A CUI SONO SOTTOPOSTI
    • ( arresto fino a tre mesi ammenda fino a 2000 euro )
    • art. 26 - obblighi connessi ai contratti d’appalto
    • il datore di lavoro deve:
    • verificare l’idoneità tecnico- professionale delle imprese
    • acquisire il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio
    • fornire dettagliate istruzioni sui rischi
    • elaborare il DUVRI
    • (Sanzioni: arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 2000 a 6000 euro).
    • Non si elabora il DUVRI nella prestazione di servizi
    • intellettuali, nelle mere forniture ed nei lavori o
    • servizi di durata non superiore a 2 giorni, a meno
    • che tali lavori o servizi non comportino rischi
    • particolari.
  • ART. 28 Oggetto della valutazione dei rischi
    • L’ articolo fornisce le linee guida per la valutazione dei rischi, aggiorna la lista dei rischi da valutare e stabilisce i contenuti fondamentali del DVR .
    • Inoltre sancisce che tale documento deve avere data certa attestata dalla sottoscrizione da parte del DATORE DI LAVORO, DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE, DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI E DAL MEDICO COMPETENTE
    • art. 31 - servizio di prevenzione e protezione
    • è organizzato dal datore di lavoro
    • gli addetti, interni o esterni, devono possedere adeguate capacità e requisiti (indicati dall’art. 32)
    • devono frequentare appositi corsi nei quali è prevista la verifica degli apprendimenti
    • tra i rischi devono essere precisati anche quelli di natura ergonomica e da stress
  • art. 32 - capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni
    • ADDETTI
    • TITOLO DI STUDIO NON INFERIORE AL DIPLOMA DI ISTRUZIONE SUPERIORE NONCHE’ UN ATTESTATO DI FREQUENZA DI SPECIFICI CORSI CON VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI
    • RESPONSABILE
    • IN AGGIUNTA A QUANTO SOPRA, DEVE POSSEDERE UN ATTESTATO, CON VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI IN MATERIA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI ANCHE DI NATURA ERGONOMICA , DI STRESS LAVORO-CORRELATO, DI ORGANIZZAZIONE , …… E DI TECNICHE DI COMUNICAZIONE ….
    • ( Si veda accordo Stato – Regioni del 26/1/06 G.U. n.37 del 14/2/06)
    • Continua
  • continuazione
    • Le competenze acquisite a seguito dell’attività formativa “devono” essere registrate nel
    • “ libretto formativo del cittadino “
    • di cui all’art. 2 punto “i” del Dlgs 10/9/2003 n. 276
    • DOPO 5 ANNI E’ NECESSARIO UN NUOVO AGGIORNAMENTO
    • continuazione
    • comma 8
    • negli istituti di formazione il datore di lavoro, che non opta per lo svolgimento diretto dei compiti propri del servizio di prevenzione e protezione, designa il responsabile individuandolo tra:
    • personale interno all’unità scolastica che si dichiara disponibile ed abbia i requisiti
    • personale interno ad una unità scolastica che si dichiara disponibile ad operare in una pluralità di Istituti
    • in assenza del personale di cui sopra, gruppi di Istituti possono avvalersi dell’opera di un esperto esterno, tramite stipula di apposita convenzione
    • art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore
    • di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione
    • dai rischi
    • Deve seguire un corso della durata di un minimo di 16 ore ad un massimo di 48 ore
    • art. 35 - riunione periodica
    • ALMENO UN VOLTA ALL’ANNO
    • Vi partecipano il datore di lavoro, il RSPP, il RLS, il Medico competente
    • Si esamina il DVR in tutti i suoi aspetti e si programmano gli interventi di formazione e miglioramento
    • Della riunione deve essere redatto un verbale
    • ( ammenda da 2000 a 4000 euro )
  • art. 36 - informazioni ai lavoratori
    • Il datore di lavoro deve provvedere affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione, inoltre deve render noto il nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, i nominativi degli addetti e del medico competente.
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1200 a 5200 euro)
    • art. 37 - formazione dei lavoratori
    • art. 43 - disposizioni generali sulla gestione
    • dell’emergenza
    • È organizzata dal datore di lavoro che:
    • designa i lavoratori
    • adotta tutte le misure perché in caso di pericolo grave ed immediato i lavoratori possano abbandonare il posto di lavoro e mettersi al sicuro
    • deve provvedere a formare i lavoratori
    • (arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 1200 a 5200 euro)
    • I lavoratori non possono, se non per gravi motivi, rifiutare
    • la designazione.
    • (arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600 euro)
    • art. 45 - primo soccorso
    • Il datore di lavoro:
    • lo organizza
    • individua i lavoratori in numero adeguato e li forma
    • dota la scuola delle attrezzature di primo soccorso in relazione ai rischi dell’attività che viene svolta
    • art. 46 - prevenzione incendi
    • Idem – come sopra
    • art. 47 - rappresentante dei lavoratori
    • per la sicurezza
    • nelle aziende con più di 15 dipendenti è designato nell’ambito delle rappresentanze sindacali in azienda. In assenza di tali rappresentanze è eletto dai lavoratori
    • 1 rappresentante fino a 200 lavoratori
    • 3 rappresentanti da 201 a 1000 lavoratori
    • 6 rappresentanti oltre i 1000 lavoratori
    • art. 50 – attribuzioni del rappresentante
    • dei lavoratori per la sicurezza
    • PRATICAMENTE DEVE ESSERE CONSULTATO SU TUTTO
    • Luoghi di lavoro
    • da art. 62 ad art. 68
    • Uso delle attrezzature di lavoro e dei
    • dispositivi di protezione individuale
    • da art. 69 ad art. 79
    • Impianti ed attrezzature elettriche
    • da art. 80 ad art. 87
    • Segnaletica di Salute e Sicurezza sul lavoro
    • da art. 161 ad art.. 164
    • Movimentazione dei carichi:
    • riferimento e norme tecniche - ISO 11228
    • da art. 167 ad art.. 170
    • Valori indicativi di riferimento: kg 25 per uomini adulti in buono stato di salute
    • Donne adulte sane : kg 15/20
    • La valutazione del rischio deve essere fatta quando i carichi
    • sono superiori a 3 kg
    • Movimentazione manuale dei carichi
    • art. 167 - campo di applicazione
    • art. 168 - obblighi del datore di lavoro
    • ricorrere a mezzi appropriati, quali attrezzature meccaniche, per evitare la movimentazione manuale dei carichi
    • quando non è possibile evitarla, organizzare il lavoro in modo che detta movimentazione assicuri condizioni di sicurezza e di salute
    • sottoporre i lavoratori a sorveglianza sanitaria
    • art. 169 – informazione, formazione
    • e addestramento
    • Attrezzature multimediali - videoterminali
    • da art. 172 ad art. 178
    • Il datore di lavoro deve analizzare i posti di lavoro con
    • particolare riguardo a:
    • rischi per la vista e per gli occhi
    • problemi legati alla postura
    • condizioni igieniche ed ambientali
    • continua
    • il lavoratore ha diritto ad una interruzione della sua attività mediante pausa ovvero cambiando di attività
    • le modalità di tale interruzione sono stabilite dalla contrattazione collettiva anche aziendale
    • in assenza di una disposizione contrattuale, il lavoratore ha diritto ad una pausa di 15 minuti ogni 120 minuti di applicazione continuativa
    • I lavoratori sono sottoposti a sorveglianza sanitaria con riguardo ai
    • rischi per la vista e per gli occhi e per l’apparato muscolo-scheletrico.
    • Salvo casi che richiedono una frequenza diversa, stabilita dal medico
    • competente, la periodicità delle visite è biennale per i lavoratori che
    • sono stati classificati idonei con prescrizioni o che abbiano compiuto il
    • cinquantesimo anno di età.
    • Per tutti gli altri casi e quinquennale.
  • AGENTI FISICI art . 180 - 220
    • Per agenti fisici si intendono:
    • Il rumore
    • Gli ultrasuoni,gli infrasuoni, le vibrazioni meccaniche
    • I campi elettromagnetici
    • ( in vigore dal 30 aprile 2012)
    • Le radiazioni ottiche di origine artificiale
    • ( in vigore dal 26 aprile 20010)
    • Il microclima
    • Le atmosfere iperbariche
  • SOSTANZE PERICOLOSE Art. 221 - 265
    • ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI
    • Art. 266 – 286
    • PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
    • Art. 287 – 297
    • DISPOSIZIONI IN MATERIA PENALE
    • Art. 298 – 302
    • NORME TRANSITORIE E FINALI
    • Art. 304 - 306
  • SEGUONO 51 ALLEGATI, OVVERO SCHEDE TECNICHE DI APPROFONDIMENTO DEGLI ARGOMENTI TRATTATI NEI TREDICI TITOLI NEI QUALI E’ SUDDIVISO IL DECRETO