Your SlideShare is downloading. ×
0
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Dislessia_Pacifico
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Dislessia_Pacifico

458

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
458
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Analisi dei testi normativi e Progettazione dei percorsi personalizzati Concetta Pacifico Dirigente Scolastica - Verona
  • 2.  Legge n. 170 dell’8 ottobre 2010 Nuove norme in materia di disturbi specifici diNuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolasticoapprendimento in ambito scolastico Piano della relazione  La normativa vigente  Il piano didattico personalizzato
  • 3.  Legge n. 170 dell’8 ottobre 2010 Nuove norme in materia di disturbiNuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambitospecifici di apprendimento in ambito scolasticoscolastico
  • 4. Art.1 RICONOSCIMENTORICONOSCIMENTO: dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia quali «DSA» ● in presenza di capacità cognitive adeguate, ● in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali. I DSA possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana. DEFINIZIONEDEFINIZIONE • Dislessia: disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà nell’imparare a leggere, decifrazione dei segni, correttezza e rapidità della lettura. • Disgrafia: disturbo specifico di scrittura che si manifesta nella difficoltà nella grafia. • Disortografia: disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficoltà neiprocessi linguistici di transcodifica. • Discalculia: disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà negli automatismi del calcolo e dell’elaborazione dei numeri. Dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia possono sussistere separatamente o insieme.
  • 5. FINALITAFINALITA’ • Garantire il dirittodiritto all’istruzione. • Favorire il successo scolastico, anche attraverso misure didattichedidattiche didi supportosupporto. • Garantire una formazioneformazione adeguata • Promuovere lo sviluppo delle potenzialitàpotenzialità. • Ridurre i disagi relazionali ed emozionali. • Adottare forme di verifica e di valutazioneverifica e di valutazione adeguate alle necessità formative degli studenti. Art.2
  • 6. FINALITAFINALITA’ • Preparare gli insegnantiPreparare gli insegnanti e sensibilizzare i genitori nei confronti delle problematiche legate ai DSA; • Favorire la diagnosi precoceFavorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi; • Incrementare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari durante il percorso di istruzione e di formazione; • Assicurare eguali opportunità di sviluppo delle capacità in ambito sociale e professionale. Art.2
  • 7. DIAGNOSIDIAGNOSI DiagnosiDiagnosi Art.3 compito di evidenziare persistenti difficoltà ScuolaScuola comunicazione alla famiglia compito di individuare casi sospetti di DSA MIUR e MS: LINEE GUIDA Protocolli regionali Comunicata dalla famiglia alla scuola Servizi specialistici del SSN Specialisti o strutture accreditate(impossibilità SSN)
  • 8. FORMAZIONE NELLA SCUOLAFORMAZIONE NELLA SCUOLA Destinatari: docenti e dirigenti Problematiche relative ai DSA • Acquisizione di competenze per l’individuazione precoce • Capacità di applicare strategie didattiche, metodologiche e valutative adeguate. Art.4 MIUR Decreto Modalità di formazione
  • 9. Misure educative e didattiche di supportoMisure educative e didattiche di supporto DirittoDiritto a fruire di provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel percorso di istruzione-formazione e università.nel percorso di istruzione-formazione e università. Art.5 GaranzieGaranzie delle istituzioni scolastiche: • didattica individualizzatadidattica individualizzata e personalizzatapersonalizzata secondo le peculiarità (bilinguismo) mediante strategie educative adeguate. • introduzione strumenti compensativiintroduzione strumenti compensativi, mezzi di apprendimento alternativi, tecnologie informatiche. • misure dispensativemisure dispensative da prestazioni non essenziali per l’apprendimento di concetti. • lingua stranieralingua straniera: strumenti compensativi per la comunicazione verbale per un apprendimento graduale. • lingua stranieralingua straniera: possibilità di esonero. Valutazione dell’efficacia delle azioni messe in atto.Valutazione dell’efficacia delle azioni messe in atto. MIUR Decreto Misure educative e didattiche
  • 10. Misure educative e didattiche di supportoMisure educative e didattiche di supporto DirittoDiritto a fruire di provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel percorso di istruzione-formazione e università.nel percorso di istruzione-formazione e università. Art.5 Garanzia diGaranzia di adeguate forme di verifica e valutazioneadeguate forme di verifica e valutazione • Durante gli esami di StatoDurante gli esami di Stato • Ammissione all’universitàAmmissione all’università • Durante gli esami universitari.Durante gli esami universitari. MIUR Decreto Forme di verifica e valutazione
  • 11. Misure per familiariMisure per familiari DirittoDiritto a usufruire di orari di lavoro flessibili. Art.6 • Riconosciuto solo per il primo ciclo di istruzioneRiconosciuto solo per il primo ciclo di istruzione • Modalità da definire nei CCLNModalità da definire nei CCLN • No oneri per lo Stato.No oneri per lo Stato.
  • 12. Disposizioni di attuazioneDisposizioni di attuazioneArt.7 MIUR e MS: emanazione LINEE GUIDA per la predisposizione di Protocolli Regionali per l’attività di identificazione precoce. MIUR Decreto Modalità di formazione per Docenti e Dirigenti Scolastici Tempo 4 mesi MIUR Decreto Individuare le misure educative e didattiche MIUR Decreto Forme di verifica e valutazione per percorso di istruzione e università.
  • 13.  Legge n. 170 dell’8 ottobre 2010 Nuove norme in materia di disturbi specifici diNuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolasticoapprendimento in ambito scolastico Piano della relazione  La normativa vigente  Il piano didattico personalizzato
  • 14. Note ministeriali dal 2004 Note ministeriali dal 2007/9 DPR 122/2009 Art. 10 – La valutazione degli alunni con DSA I DSA e NormaI DSA e Norma Legge N. 170Legge N. 170 Nuove normeNuove norme in materia diin materia di disturbidisturbi specifici dispecifici di apprendimentoapprendimento in ambitoin ambito scolasticoscolastico
  • 15. Normativa di riferimento sulla dislessia • Nota MIUR 26/A4 del 5.01.05 - Precisazione sull’utilizzo delle note in tutte le fasi del percorso scolastico, compresi i momenti di valutazione. • Nota MIUR 1787 del 1.03.05 - Esami di Stato: invito ad adottare, in particolare per la terza prova, ogni iniziativa per ridurre le difficoltà. • Nota MIUR 4798 del 27.07.05 -Coinvolgimento della famiglia • Nota MIUR 4099/A4 del 5.10.04 Iniziative relative alla dislessia.
  • 16. Nota MIUR 4099/A4 del 5.10.04 Iniziative relative alla dislessia. Tra gli strumenti compensativi essenziali vengono indicati: • Tabella dei mesi, tabella dell’alfabeto, e dei vari caratteri. • Tavola pitagorica. • Tabella delle misure, tabella delle formule geometriche. • Calcolatrice. • Registratore. • Computer con programmi di video-scrittura con correttore ortografico e sintesi vocale.
  • 17. Nota MIUR 4099/A4 del 5.10.04 Iniziative relative alla dislessia. Per gli strumenti dispensativi, valutando l’entità e il profilo della difficoltà, in ogni singolo caso, si ritiene essenziale tener conto dei seguenti punti: • Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline. • Dispensa, ove necessario, dallo studio della lingua straniera in forma scritta. • Programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa. • Organizzazione di interrogazioni programmate. • Valutazione delle prove scritte e orali con modalità che tengano conto del contenuto e non della forma.
  • 18. Normativa di riferimento sulla dislessia • CM N. 4674 del 10 maggio 2007 Disturbi di apprendimento: indicazioni operative • Nota MIUR n. 5744 del 28 maggio 2009 Esami di Stato per gli studenti affetti da disturbi specifici di apprendimento.
  • 19. CM N. 4674 del 10 maggio 2007 Disturbi di apprendimento: indicazioni operative • In sede di esame di Stato non è possibile dispensare dalle prove scritte di lingua straniera; è necessario compensare le oggettive difficoltà dello studente mediante assegnazione di tempi adeguati per l’espletamento delle prove e procedere in valutazioni più attente ai contenuti che alla forma. • Le prove scritte di lingua non italiana, ivi comprese anche quelle di latino e di greco, determinano obiettive difficoltà nei soggetti con DSA e vanno attentamente considerate e valutate per la loro particolare fattispecie con riferimento alle condizioni dei soggetti coinvolti. • In tutti i casi in cui le prove scritte interessino lingue diverse da quella materna e non si possono dispensare gli studenti dalla loro effettuazione, gli insegnanti vorranno riservare maggiore considerazione per le corrispondenti prove orali come misura compensativa dovuta.
  • 20. Nota Prot.n° 5744 del 28.05.2009 In sede di scrutinio finale, i Cdc valutano con particolare attenzione le situazioni degli alunni con DSA verificando che in corso d’anno: • siano state applicate le indicazioni inserite nelle note • siano stati predisposti percorsi personalizzatipercorsi personalizzati con le indicazioni di compenso e dispensa. Considerando in ogni caso se le carenzecarenze presenti in questi allievi siano o meno da imputarsiimputarsi ad un disturbodisturbo di apprendimento.
  • 21. Art. 10 Valutazione degli alunni con DSA • Per gli alunni con DSA adeguatamenteadeguatamente certificate, • la valutazionevalutazione e la verifica degli apprendimenti, • comprese quelle effettuate in sede d’esame conclusivo dei cicli, • devono tener conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni; • a tali fini, nello svolgimento dell’attività didattica e delle prove di esame, sono adottati gli strumenti compensativi e dispensativi ritenuti idonei. • Nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove. DPR N. 122 Regolamento Valutazione
  • 22. • Prova Nazionale INVALSI C.M. n° 50 del 7 giugno 2010 Esami conclusivi del primo ciclo • Versione informatizzata della prova nazionale per i candidati con DSA richiesta dall’ istituzione scolastica. • tempo aggiuntivo stabilito dalla sotto commissione. • Tempo massimo: 30 minuti. Altri riferimenti normativi specifici
  • 23. • CM n° 32 del 14 marzo 2008 - Scrutini ed esame di Stato a conclusione del 1° ciclo • Gli alunni con disturbo specifico di apprendimento hanno diritto all’impiego di strumenti compensativi, come indicato nella nota ministeriale prot.26/A del 4 gennaio 2005, oltre all’assegnazione di maggior tempo a disposizione per lo svolgimento delle prove. Altri riferimenti normativi specifici per gli esami di Stato • OM n° 44 dell’5.05.2010 Esame di Stato a conclusione del 2° ciclo La commissione terrà in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive relative ai candidati affetti da DSA sia in sede di svolgimento delle prove scritte che, in particolare, di predisposizione della terza prova scritta, prevedendo la possibilità di riservare tempi più lunghi. C. Consentita la utilizzazione di strumenti informatici nel caso in cui siano stati utilizzati in corso d’anno.
  • 24.  Legge n. 170 dell’8 ottobre 2010 Nuove norme in materia di disturbi specifici diNuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolasticoapprendimento in ambito scolastico Piano della relazione  La normativa vigente  Il piano didattico personalizzatoIl piano didattico personalizzato
  • 25. Il piano didattico personalizzato rientra nella progettazione della scuola. Le scelte educativeLe scelte educative: bisogni formativi e esiti espressi competenze/- certificazione. Linee culturali, pedagogiche,metodologicheLinee culturali, pedagogiche,metodologiche L’organizzazione del sistema scuolaL’organizzazione del sistema scuola Il PianoIl Piano dell’Offertadell’Offerta FormativaFormativa • Per gli allievi con DSA: Linee guida (azioni): - individuazione dei segnali: screening, osservazioni,….. - organizzazione accoglienza, continuità, passaggi - organizzazione dell’orientamento; - scelte metodologiche e didattiche specifiche - progetto didattico personalizzato; valutazione - rapporti con Servizi Sanitari; rapporti con le famiglie RISORSE UMANE/MATERIALI - PIANO DI FORMAZIONE
  • 26. Tra le tante definizioni …….Tra le tante definizioni ……. • Personalizzazione L’azione formativa pianificata per valorizzare la specificità dell’alunno. Un’azione formativa sensibile alle differenze della persona nella molteplicità delle sue dimensioni individuali (cognitive e affettive) e sociali (l’ambiente familiare e il contesto socio-culturale). M. Baldacci • Individualizzazione Si riferisce alle strategie didattiche che mirano ad assicurare a tutti gli studenti il raggiungimento delle competenze fondamentali del curricolo, attraverso una diversificazione dei percorsi di apprendimento. M. Baldacci
  • 27. • Personalizzazione La personalizzazione dell’insegnamento o personalizzazione educativa rinvia a una impostazione pedagogica che promuove l’apprendimento e i comportamenti degli alunni nel rispetto: - dei loro ritmi di crescita - delle loro specifiche intelligenze - dei loro ambienti di provenienza - delle loro aspettative personali e familiari. Chiosso Tra le tante definizioni …….Tra le tante definizioni …….
  • 28. Definizioni ….. complementariDefinizioni ….. complementari • Individualizzazione: raggiungimento degli obiettivi didattici programmati.  Riguarda la definizione degli obiettivi, che vanno commisurati alla possibilità che l’alunno ha di raggiungerli. E’ riferibile all’istanza di uguaglianza, democraticità, al diritto di ogni persona a raggiungere i traguardi ritenuti indispensabili quali che siano i condizionamenti di partenza. • Personalizzazione: modalità di acquisizione delle conoscenze.  Riguarda la peculiare modalità di apprendimento che caratterizza ogni persona.  Riguarda i modi di acquisizione degli obiettivi, gli stili di apprendimento, l’utilizzazione che l’alunno fa delle proprie risorse personali. E’ riferibile all’istanza di soddisfare la libertà della persona a veder riconosciuta la propria originalità. Italo Fiorin
  • 29. • Il concetto di personalizzazione sposta il focus dal piano dei contenuti di apprendimento a quello delle modalitàmodalità messe in atto dall’alunno. L’attenzione dell’insegnamento si sposta dall’oggetto di insegnamento alla persona “apprendente” con le sue caratteristiche e peculiarità.
  • 30. Indicazioni per il curricoloIndicazioni per il curricolo • Centralità della persona “Le finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l’originalità del suo percorso individuale … La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione.” • L’ambiente di apprendimento “Attuare interventi adeguati nei riguardi della diversità, per fare in modo che non diventino disuguaglianze. Le classi scolastiche sono oggi caratterizzate da molteplici diversità, legate alle differenze nei modi di apprendere, ….ma anche a condizioni particolari, che possono essere causa di difficoltà di apprendimento ….
  • 31. A cinque ciechi viene chiesto di descrivere un elefante Il primo cieco si avvicina all’animale e gli tocca le gambe: “l’elefante è come un tempio e queste sono le colonne”, dice. Il secondo tocca la proboscide e dice che l’elefante è come un serpente. Il terzo cieco tocca la pancia del pachiderma e sostiene che l’elefante è come una montagna. Il quarto tocca un orecchio e dice che l’elefante è come un ventaglio. L’ultimo cieco, annaspando, prende in mano la coda e dice: “l’elefante è come una frusta!”. Ogni definizione ha qualcosa di giusto, ma l’elefante non viene mai fuori per quel che è davvero”.
  • 32. ▪ Caratteristiche individuali dell’alunno ( abilità cognitive e metacognitive, conoscenze precedenti, stili cognitivi, motivazioni, aspettative, …) ▪ Attività di apprendimento (processi cognitivi messi in atto e strategie utilizzate in un determinato compito) ▪ Caratteristiche del materiale da apprendere (testi più o meno complessi, presenza/assenza di schemi, domande, immagini, tempo a disposizione, …) ▪ Qualità dell’istruzione (scelte metodologiche, comunicazione educativa, ritmo della lezione, aiuti e facilitazioni, …) APPRENDIMENTO:interazione tra più elementi
  • 33. Compito del Consiglio di classeCompito del Consiglio di classe • Le caratteristiche dello studente  Funzionamento delle abilità strumentali (lettura, scrittura, calcolo…) - Entità del disturbo.  Caratteristiche del processo di apprendimento - ricadute degli ambiti deficitari; - potenzialità  Atteggiamenti scolastici attenzione, impegno, motivazione ……… Piano didattico personalizzato: il progetto sul ragazzo/a • La qualità dell’istruzione Il CdC concorda: - la gestione della comunicazione in classe - modalità di presentazione delle conoscenze, uso dei mediatori didattici, conduzione interrogazioni - gli interventi specifici per insegnare/sviluppare/rafforzare le abilità di studio - strumenti di compenso e misure di dispensa - verifiche e valutazioni: modalità e criteri - modalità di coinvolgimento della famiglia.
  • 34. Funzionamento delle abilità DSA della letto scrittura di grado lieve, in associazione tratti disgrafici. Livello intellettivo nella norma. QIV 108- QIP 102- QIT 106 Profilo omogeneo. Prestazioni molto buone: formulazione di giudizi di carattere sociale; capacità di cogliere nessi logici e sequenziali fra scene presentate visivamente.  LETTURA - brano: velocità sotto la media 3,5 sill/sec; correttezza nella media. - parole: velocità sotto la media 2,62 sill/sec; correttezza sotto la media - non parole: velocità 1,67 sill/sec. - comprensione: sufficiente (22/30) SCRITTURA - dettato brano: sotto la media. Errori fonologici, sostituzione di grafemi (m/n e/u a/o); - dettato frasi con omofone non omografe: fusioni illegali; - dettato parole/non parole: nella media; - prassie: al di sotto della media; tratto grafico irregolare. CALCOLO - prestazione sufficiente - richiesta di attenzione: operazioni scritte:calcolo, errori di trascrizione dei decimali; espressioni: operazioni con le frazioni. Al. 1 DIAGNOSI: 3^ anno sc. Sec. 1° g.Le caratteristiche dello studente
  • 35. Funzionamento delle abilità DSA a carico della lettura (dislessia) in associazione a difficoltà grafo-motorie (disgrafia). Livello intellettivo medio. Più carente l’area verbale. Prove di attenzione: difficoltà a mantenere l’attenzione sul compito. Procede a caso assenza di strategie.  LETTURA mancata automatizzazione - brano: rapidità 2.8 sill/sec; correttezza:sotto la media. - parole: rapidità (-4.5 ds); correttezza: omissioni, sostituzioni (-6ds) - non parole: rapidità -4.6 ds; correttezza: -1.6 ds; - comprensione: 4/15  SCRITTURA - correttezza nella media - prassie: difficoltà grafo-motorie; la grafia peggiora dopo pochi secondi con stanchezza e dolore alla mano.  CALCOLO - difficoltà nel calcolo scritto: procedure moltiplicazione e divisioni. - difficoltà recupero e corretto recupero tabellone - difficoltà nella trascrizione dei numeri in cifre. - area soluzione problemi: non adeguata all’età.  PROFILO EMOTIVO E COMPORTAMENTALE - autostima: non adeguata - lievemente ansiosa e depresso. Al. 2 DIAGNOSI: fine 2^ sc. Sec. 1° gradoLe caratteristiche dello studente
  • 36. Funzionamento delle abilità Disturbo specifico di lettura. (verosimilmente) – da rivalutare. Livello intellettivo nella media. Risultati disomogenei: buone prestazioni capacità astrattive su base visiva e concettuale; meno sviluppate le capacità di vocabolario ed elaborazione logica e cronologica di storie.  LETTURA - brano: velocità 1,6 sill/sec; correttezza inferiore media. - parole/non parole: molti errori;lenta; processo meno automatizzato - comprensione: adeguata (7/10).  SCRITTURA - dettato: limite inferiore media, errori fonologici, ortografici; scambi di lettere; gruppi consonantici gli, sce/sche, doppie.  CALCOLO - Potenziare la correttezza calcoli scritti (sottrazioni) - Consolidare la comprensione delle centinaia. - I calcoli orali eseguiti con velocità adeguata. Al. 3 DIAGNOSI: inizio 3^ PrimariaLe caratteristiche dello studente
  • 37. Funzionamento delle abilità Disturbi evolutivi specifici misti. Livello intellettivo ai limiti inferiori della norma. QIV 66- QIP 85- QIT 72. Discrepanza tra gli aspetti visuo-spaziali e quelli verbali. Deficiatario il recupero dalla MLT di informazioni linguistiche; le abilità di astrazione e ragionamento aritmetico. Migliore le abilità di analisi e sintesi visuo-percettive. LETTURA:estremamente stentata e difficoltosa - brano: velocità sotto la media 1,59 sill/sec; correttezza area di attenzione: anticipazioni scorrette. - parole: velocità sotto la media 0,87 sill/sec; correttezza sotto la media - non parole: velocità 0,56 sill/sec. - comprensione: sufficiente (5/12) SCRITTURA - dettato brano: sotto la media. Errori fonologici e non, doppie, accenti; - dettato frasi con omofone non omografe: fusioni illegali; - dettato parole/non parole: sotto la media. CALCOLO - Abilità di calcolo: prestazione al di sotto della media; blocco per le divisioni. - Calcolo a mente: adotta strategie non funzionali: visualizzazione mentale dell’operazione a cui applica le stesse procedure del calcolo scritto. Al. 4 DIAGNOSI: inizio 2^ sc. sec. di 1°gradoLe caratteristiche dello studente
  • 38. Caratteristiche individuali Lenti nel processi di elaborazione • sovraccarico di memoria • difficoltà a gestire l’integrazione di più processi problemi durante l’ascolto problemi a operare in compiti complessi esempio
  • 39. Caratteristiche individuali:allievi con DSA Lettura/scrittura • problemi nella rapidità/fluidità • problemi nella correttezza Processi che non si automatizzano e che richiedono sempre un grosso dispendio di energie cognitive.  problemi di accesso alla comprensione del materiale di lettura  problemi nella scrittura, ma anche di ideazione, pianificazione, revisione testuale. esempio
  • 40. Qualità dell’istruzione: scelte metodologiche Stimolare processi cognitivi e metacognitiviStimolare processi cognitivi e metacognitivi Strategie e materiali che sostengono l’attenzione, la concentrazione, la memoria • Utilizzare strategie esplicite d’insegnamento • Creare aspettative e stimolare le anticipazioni • Sollecitare i saperi naturali. • Stimolare le conoscenze pregresse • Attivare schemi e script • Porre domande. Stimolare le ipotesi.
  • 41. Qualità dell’istruzione: scelte metodologiche Supportare i processi cognitivi e metacognitiviSupportare i processi cognitivi e metacognitivi Strategie e materiali che sostengono l’attenzione, la concentrazione, la memoria • Suddividere la lezione in step • Suddividere la consegna in step • Scrivere alla lavagna le parole chiave • Utilizzare i materiali visivi
  • 42. Interveniamo sul materiale di studioInterveniamo sul materiale di studio Qualità dell’istruzione: scelte metodologiche • Alleggeriamo il carico informativo • Procediamo alle semplificazioni testuali • Introduciamo gli apparati grafici • Predisponiamo materiali per il recupero veloce di formule, sequenze, elenchi,….. Strategie e materiali che riducono l’affaticabilità, stimolano il recupero dell’informazione
  • 43. Piano didattico personalizzato Le caratteristiche dello studente:caratteristiche dell’apprendimento Elementi ricavabili: - dalla diagnosi/incontri con specialisti - dalle osservazioni degli insegnanti - dagli incontri con i genitori - dagli incontri di continuità Le caratteristiche degli studenti: il percepito. Quale consapevolezza ha lo studente del proprio modo di apprendere?
  • 44. Indicazione delle misure dispensative Indicazione degli strumenti compensativi. Contratto con la famiglia Concordare: - i compiti a casa, le dispense, riduzione compiti - le modalità di aiuto: chi, come, per quanto tempo, per quali attività/discipline - gli strumenti compensativi - le interrogazioni e altro. Piano didattico personalizzato
  • 45. Piano didattico personalizzatoPiano didattico personalizzato da documentareda documentare • La documentazione “serve per”… per conoscere, per comprendere, per decidere, per affrontare i problemi • Favorisce il lavoro collegiale • Sviluppa riflessioni sulle pratiche adottate, da adottare e da migliorare • E’ un processo comunicativo: l’informazione diventa una risorsa. Interno/esterno.

×