Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 
 
Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agost...
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013

335

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
335
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013

  1. 1. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013      RELAZIONE   FINANZIARIA  SEMESTRALE  CONSOLIDATA  AL 30 GIUGNO 2013 
  2. 2. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013    Gruppo Hera – Relazione finanziaria semestrale  30 giugno 2013      0  Introduzione  Mission                001  Struttura del Gruppo              002  Organi di amministrazione e controllo        003  Dati di sintesi                004  Storia                  005  Approccio strategico e piano industriale        006  L’evoluzione del business            009  Andamento del titolo in Borsa e relazioni con l’azionariato   012    1  Relazione sulla gestione   1.01  Premessa                016  1.02  Eventi societari e fatti di rilievo successivi alla chiusura   del trimestre                018  1.03  Andamento al 30 giugno 2013 del Gruppo:        020    1.03.01   Risultati economico ‐ finanziari e investimenti   021    1.03.02   Quadro regolatorio e ricavi regolamentati    032    1.03.03   Analisi per aree d'affari        047  1.04  Politica commerciale e customer care        059  1.05  Politica di approvvigionamento e trading        063  1.06  Politica finanziaria e rating            065  1.07  Ricerca e sviluppo              069  1.08  Risorse umane e organizzazione          072  1.09  Sistemi informativi              079  1.10  Qualità sicurezza e ambiente           081 
  3. 3. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  2  Bilancio semestrale consolidato abbreviato Gruppo Hera  2.01  Schemi di bilancio consolidati    2.01.01   Conto economico consolidato      086    2.01.02   Conto economico complessivo consolidato    087    2.01.03    Situazione patrimoniale‐finanziaria   consolidata  088    2.01.04    Rendiconto finanziario consolidato      090    2.01.05    Prospetto delle variazioni del patrimonio                                          netto consolidato          091  2.02  Schemi di bilancio delibera 15519 del 2006 ‐ Parti correlate    2.02.01   Conto economico          093    2.02.02   Situazione patrimoniale‐finanziaria       094    2.02.03   Rendiconto finanziario         095  2.03  Note esplicative     2.03.01   Note esplicative consolidate        098    2.03.02   Note esplicative parti correlate      184  2.04  Indebitamento finanziario netto    2.04.01   Indebitamento finanziario netto consolidato  188    2.04.02   Indebitamento finanziario netto                                            ‐ delibera 15519 del 2006        189  2.05  Partecipazioni: elenco delle società consolidate      190  2.06  Attestazione art.154 bis decreto legislativo 58/98      192  2.07  Relazione della Società di Revisione          193     
  4. 4. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013        
  5. 5. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Mission             Hera vuole essere la migliore multi‐utility italiana per i suoi clienti, i lavoratori e gli azionisti, attraverso l'ulteriore  sviluppo di un originale modello di impresa capace di innovazione e di forte radicamento territoriale, nel rispetto  dell'ambiente".      “Per Hera essere la migliore vuol dire rappresentare un motivo di orgoglio e di fiducia per: i clienti, perché ricevano,  attraverso  un  ascolto  costante,  servizi  di  qualità  all'altezza  delle  loro  attese;  le  donne  e  gli  uomini  che  lavorano  nell'impresa, perché siano protagonisti dei risultati con la loro competenza, il loro coinvolgimento e la loro passione;  gli azionisti, perché siano certi che il valore economico dell'impresa continui ad essere creato, nel rispetto dei principi  di  responsabilità  sociale;  il  territorio  di  riferimento,  perché  sia  la  ricchezza  economica,  sociale  e  ambientale  da  promuovere per un futuro sostenibile; i fornitori, perché siano attori della filiera del valore e partner della crescita".                1
  6. 6. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Struttura del Gruppo   *oltre al 5% Herambiente *oltre al 5% Hera Spa TAMARETE ENERGIA Srl 32% *Sviluppo Ambiente Toscana Srl 95% Q.tHermo Srl 40% AKRON Spa 57,50% ENERGIA ITALIANA Spa 11% SET Spa 39% HERA Spa UNIFLOTTE Srl 97% Calenia Energia Spa 15% ACEGAS-APS Spa 99,784% HERA LUCE Srl 89,58% Consorzio Akhea 51% ROMAGNA COMPOST Srl 60% *SOTRIS Spa 70% ASA Scpa 51% FEA Srl 51% ENOMONDO Srl 50% FERONIA Srl 70% HERA Energie Rinnovabili Spa 100% GALSI Spa 10,41% HERA COMM Srl 100% HERA TRADING Srl 100% Estense Global Service Scarl 23% AIMAG Spa 25% SERVICE IMOLA Srl 40% Ghirlandina Solare Srl 33% SO.SEL. Spa 26% Hera Comm Marche Srl 57,38% SGR SERVIZI Spa 29,61% MEDEA Spa 100% HERA ENERGIE Srl 51% SINERGIA Srl 59% ACANTHO Spa 79,94% Partecipazioni detenute da Hera Spa MARCHE MULTISERVIZI Spa 44,62% MMS Ecologica Srl 100% Naturambiente Srl 100% ADRIATICA ACQUE Srl 22,32% HERAMBIENTE Spa 75% SEI Spa 20%   AcegasAps Spa è stata acquisita da Hera Spa con decorrenza 01 gennaio 2013 e le sue partecipate sono le seguenti: Centro Idrico di Novoledo Srl, Isontina Reti Gas Spa, Trieste Onoranze Trasporti Funebri Srl, Amga Spa, Nestambiente Srl e la sua partecipata Energeica Srl, Adria Link Srl, Rilegas EAD, AcegasAps Service Srl, La Dolomiti Ambiente Spa, SIL Srl e la sua partecipata CST Srl, Elettrogorizia Spa, SIGAS Doo, Estenergy Spa, Est Reti Elettriche Spa, Iniziative Ambientali Srl, Estpiù Spa, Sinergie Spa e le sue partecipate Veneta Sanitaria Finanza di Progetto Spa, Insigna Srl, Tri-Generazione Srl, Aristea Sinergie Illuminazione Sca rl. E' in corso un processo di razionalizzazione che coinvolgerà le suddette società partecipate. Energonut Spa si è fusa in Herambiente Spa con effetti decorrenti dal 01 luglio 2013. E' prevista la fusione di Nuova Geovis Spa in Herambiente Spa con effetti decorrenti dal 31 dicembre 2013. In seguito all'acquisizione dell'intero capitale sociale di GAL.A Spa, è prevista, entro il 31 dicembre 2013, la fusione di quest'ultima in Herambiente Spa. E' prevista, entro il 31 dicembre 2013, la fusione di Modena Network Spa in Acantho Spa. E' prevista, entro il 31 dicembre 2013, la messa in liquidazione di FlameEnergy Trading Gmbh. E' prevista, entro il 31 ottobre 2013, la cessione della partecipazione detenuta da Hera Comm Srl in Eris Sca rl. 2
  7. 7. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Organi di amministrazione e controllo       Presidente Tomaso Tommasi di Vignano Vice Presidente Giorgio Razzoli Amministratore Delegato Maurizio Chiarini Consigliere Mara Bernardini Consigliere Filippo Brandolini Consigliere Marco Cammelli Consigliere Luigi Castagna Consigliere Pier Giuseppe Dolcini Consigliere Valeriano Fantini* Consigliere Enrico Giovannetti Consigliere Fabio Giuliani Consigliere Luca Mandrioli Consigliere Daniele Montroni** Consigliere Mauro Roda Consigliere Roberto Sacchetti Consigliere Rossella Saoncella Consigliere Bruno Tani Consigliere Giancarlo Tonelli Consigliere Giovanni Perissinotto Consigliere Cesare Pillon Presidente Sergio Santi Sindaco effettivo Antonio Venturini Sindaco effettivo Elis Dall'Olio Presidente Giorgio Razzoli Componente Fabio Giuliani Componente Luca Mandrioli Componente Rossella Saoncella Presidente Giorgio Razzoli Componente Marco Cammelli Componente Daniele Montroni** Componente Bruno Tani Presidente Tomaso Tommasi di Vignano Vice Presidente Giorgio Razzoli Componente Maurizio Chiarini Componente Giovanni Perissinotto*** Presidente Giorgio Razzoli Membro Filippo Bocchi Membro Mario Viviani PricewaterhouseCoopers Società di Revisione Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Comitato Etico Comitato Esecutivo Comitato Controllo e Rischi Comitato per la Remunerazione * Deceduto il 18 marzo 2013 ** Dimissionario il 14 marzo 2013 *** In carica dal 24 gennaio 2013 3
  8. 8. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Dati di sintesi           0,7 0,9 1,2 1,3 1,8 2,1 1,8 2,0 2,3 2,4 1H '04 1H '05 1H '06 1H '07 1H '08 1H '09 1H '10 1H '11 1H '12 1H '13 Ricavi (mld€) CAGR +14,9% 133 155 210 211 258 271 314 344 358 445 1H '04 1H '05 1H '06 1H '07 1H '08 1H '09 1H '10 1H '11 1H '12 1H '13 Margine operativo lordo (m€) CAGR +14,4% 83 95 122 114 143 144 175 199 206 247 1H '04 1H '05 1H '06 1H '07 1H '08 1H '09 1H '10 1H '11 1H '12 1H '13 Reddito operativo (m€) CAGR +12,8% 41 55 37 41 47 63 71 74 165 1H '05 1H '06 1H '07 1H '08 1H '09 1H '10 1H '11 1H '12 1H '13 Utile netto post minorities (m€) CAGR +19,2% 1,3 1,8 2,4 2,8 3,0 3,3 3,6 3,8 3,9 4,9 1H '04 1H '05 1H '06 1H '07 1H '08 1H '09 1H '10 1H '11 1H '12 1H '13 Capitale investito netto (mld€) CAGR +15,9% 3,5 5,3 5,7 7,0 8,0 8,0 8,0 8,0 9,0 9,0 9,0 '02 '03 '04 '05 '06 '07 '08 '09 '10 '11 '12 DPS (cent €) CAGR +9,9% 4
  9. 9. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Storia Di seguito per semplicità, il Gruppo AcegasAps sarà denominato come “AcegasAps” e il perimetro del Gruppo Hera omogeneo al 2012 come “Hera”.   L’operazione di aggregazione con AcegasAps La progressiva strategia di espansione territoriale di Hera, attraverso il consolidamento di aziende multi- utility nelle aree limitrofe al territorio di riferimento, ha condotto il Gruppo a coprire il 70% dei clienti in Emilia- Romagna e a penetrare nella regione delle Marche. Nell’esercizio passato, Hera ha continuato il percorso di espansione con l’aggregazione di AcegasAps, un’operazione che risulta essere la più significativa in termini assoluti realizzata dal Gruppo fino a oggi. AcegasAps ha una presenza industriale focalizzata sui settori dell’Energia, del Ciclo Idrico e dell’Ambiente e contribuisce sia sulle dimensioni di ciascuno dei business principali di Hera che in quelle del presidio delle filiere. L’aggregazione con AcegasAps rafforza tutte le posizioni competitive sui mercati liberalizzati. Il nuovo Gruppo si conferma nel 2013 leader nell’ambiente, diviene terzo nel settore gas e quinto in quello elettrico, espandendo la propria presenza sui mercati regolamentati. Ciò consente di affrontare al meglio le sfide competitive di un mercato che copre il Nord-Est e la prospettiva delle future gare per l'affidamento dei servizi in concessione. Inoltre, la nuova realtà si offre con maggiore vigore quale polo di aggregazione all’interno dei territori contigui, caratterizzati da un’elevata frammentazione di aziende fornitrici dei servizi “utility”. L’aggregazione con AcegasAps, efficace a partire dal 1 gennaio 2013, porta il Gruppo a una dimensione di valore della produzione 2012 “rettificato” pari a 5,3 miliardi di euro, un Mol “rettificato” di circa 794,8 milioni di euro e un Utile Netto “rettificato” di circa 145,2 milioni di euro, con una solidità finanziaria testimoniata dal rapporto tra indebitamento netto ed EBITDA “rettificato” intorno a 3,3x, confermandola come il secondo Gruppo nazionale tra le Local Utilities, con leadership e posizionamento di assoluto rilievo in tutti i business ed il primo per capitalizzazione di mercato. Il potenziale sinergico dell’operazione esprimibile dal nuovo assetto organizzativo è stato preliminarmente stimato in circa euro 25 milioni/anno a regime, conseguibili nei diversi ambiti operativi, data le complementarietà del portafoglio attività, cui andranno ad aggiungersi gli effetti dei possibili ulteriori sviluppi del Gruppo post fusione, sia a livello territoriale che di singole aree di business. Il conseguimento di queste sinergie renderà l’operazione di aggregazione migliorativa per quanto concerne gli utili per azione per l’intera compagine dei soci. All’inizio del mese di maggio è stata conclusa la procedura di delisting prevista a seguito del positivo esito dell’OPAS che ha portato ad ottenere il controllo completo delle azioni AcegasAps. Dall’inizio dell’esercizio 2013 sono state inoltre avviate le operazioni di riorganizzazione ed integrazione delle attività operative di AcegasAps. I resoconti semestrali evidenziano già il miglioramento dei dati di bilancio del Gruppo.. La fusione con AcegasAps è stata l’unica rilevante operazione di aggregazione effettuata recentemente in campo multi-utilities ed ha ottenuto l’apprezzamento del Fondo Strategico Italiano, intento a sostenere il processo di consolidamento del settore. Nel mese di luglio 2013 l’accordo che prevede l’entrata nel capitale sociale di Hera da parte del Fondo Strategico Italiano e firmato dalle parti nel settembre 2012 è stato rivisto dopo il verificarsi di alcuni eventi che costituivano elementi di incertezza concernenti la sua applicazione. La revisione ha inoltre introdotto una clausola di lock up di 24 mesi sulle azioni che saranno sottoscritte dal Fondo Strategico Italiano stesso. 5
  10. 10. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Approccio strategico e piano industriale L’obiettivo strategico di Hera è sempre stato la creazione di valore in ottica multi-stakeholder, nel medio e lungo termine, concorrendo sui mercati liberalizzati autonomamente ed efficacemente. L’obiettivo è di replicare un “particolare” modello di business atto ad espandere il Gruppo e gestire in maniera sempre più efficiente i servizi primari, al fine di soddisfare i principali stakeholder. Dal 2002, questa strategia ha continuato a sostenere una crescita ininterrotta dei risultati attraverso tutte le principali leve a disposizione. La strategia è basata sui punti di forza del Gruppo, ovvero un modello organizzativo “aperto”, in grado di consentirle un efficiente aumento di dimensioni per linee esterne, una leadership nazionale nel settore dei rifiuti e un’ampia clientela fidelizzata e concentrata sul territorio di riferimento. Imperativo strategico di Gruppo è preservare la base clienti, ponendo grande attenzione alla qualità del servizio, all’assistenza post vendita e all’offerta integrata di un set completo di servizi primari del portfolio multi-business. Inoltre, la strategia di sviluppo ha mirato al mantenimento dell’equilibrio tra le diverse attività, per mantenere un basso profilo di variabilità/rischio dei risultati del Gruppo. L’impianto strategico di Hera è stato declinato in 5 priorità, che hanno guidato la gestione del Gruppo in modo continuo e lineare in tutto l’arco dei primi 11 anni: 1) Perseguire il processo di estrazione di sinergie dalle aggregazioni societarie, attraverso la completa integrazione delle realtà fuse in Hera 2) Realizzare il piano di costruzione dei grandi impianti e sviluppare le reti, bilanciando la crescita di tutti i business per aumentare l’efficienza e la qualità dei servizi 3) Preservare un solido profilo economico-finanziario e di rischio contenuto, in grado di soddisfare gli stakeholder attraverso un approccio sostenibile nel medio-lungo termine 4) Perseguire le opportunità di fusione e acquisizione nei settori liberalizzati (trattamento rifiuti, vendita e generazione energia), sia per consolidare la leadership nel settore ambientale che per espandere, in ottica difensiva, l’offerta ai clienti con i servizi elettrici in linea con le direttici di sviluppo perseguite dai grandi gruppi internazionali. L’acquisizione delle attività necessarie al raggiungimento dell’obiettivo ha così sostenuto la crescita del business elettrico, presente soltanto a livello embrionale alla nascita del Gruppo 5) In logica di continuità territoriale, applicare il modello di aggregazione innovativo di Hera su aziende multi-utility in aree limitrofe, focalizzate su attività compatibili e con profili economico- finanziari in grado di mantenere la solidità finanziaria del Gruppo Per assicurare maggiore efficienza e sfruttamento delle economie di scala, le fusioni sono state integrate nel modello originale basato su una Holding industriale. Al contempo è stato garantito un “presidio operativo diretto” su tutti i territori locali, per preservare i cruciali vantaggi competitivi della vicinanza al cliente e del radicamento territoriale. Dal primo semestre 2013 è stata implementata una riorganizzazione delle attività, attraverso una struttura aziendale verticalizzata per filiere, che è in grado di migliorare ulteriormente la gestione delle attività rispetto alla precedente organizzazione, basata su una logica territoriale. La nuova organizzazione per filiere risulta funzionale a mantenere il saldo legame tradizionale che ha da sempre costituito un vantaggio competitivo del Gruppo attraverso la costituzione di strutture organizzative dedicate alle relazioni con i territori. 6
  11. 11. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  La strategia di focalizzazione sulle attività core ha comportato la razionalizzazione del portafoglio, con conseguente dismissione dei business minori e la vendita di asset ritenuti non strategici e una razionalizzazione societaria che ha significativamente snellito l’organigramma, oggi più funzionale alle logiche di gestione del Gruppo.   Nelle attività energetiche, le strategie di sviluppo hanno sempre mirato a consolidare la posizione rilevante nei settori core (distribuzione e vendita di gas) sul territorio di riferimento, sia con il miglioramento delle reti e della qualità del servizio che con il miglioramento dei servizi di assistenza post-vendita. La strategia dual-fuel, di ampliamento dell’offerta elettrica alla clientela esistente, è stata supportata da una parallela e prudente strategia upstream di sviluppo di generazione propria, ad integrazione delle fonti di approvvigionamento dal mercato. Tutto ciò ha consentito di mantenere un basso profilo di esposizione al rischio in un’attività in cui il Gruppo non vantava capacità distintive. Nel mercato dello smaltimento dei rifiuti, di cui Hera detiene la leadership in Italia, la strategia mira a rafforzare l’assetto impiantistico per una gestione sostenibile, nel rispetto dell’ambiente. In un settore caratterizzato da grave arretratezza infrastrutturale, l’obiettivo del Gruppo è stato quello di sviluppare un sistema impiantistico pienamente integrato, capace di riutilizzare i materiali di scarto ed estrarre il potere energetico dei rifiuti, con una politica di investimenti rilevanti e di efficientamento e razionalizzazione delle attività operative. Nei business regolati Hera ha adottato una strategia di efficientamento e di sviluppo impiantistico infrastrutturando i territori di riferimento, rafforzando le posizioni sui mercati locali e consolidando i punti di forza in vista delle gare per l’assegnazione delle concessioni in scadenza. Queste strategie di fondo, sia pur con una declinazione appropriata al nuovo scenario di riferimento, trovano conferma ancora una volta nel piano industriale 2012-2016. Tale piano, approvato dal consiglio di amministrazione della Società in data 22 ottobre 2012, è in corso di aggiornamento, con estensione dell’orizzonte al 2017, a seguito della evoluzione del contesto di mercato dei diversi business e di alcune modifiche intervenute e attese nel quadro regolatorio, quali, tra le più significative, (i) la delibera dell’Aeeg 196/2013 emessa in data 13 maggio 2013 che ha modificato la modalità di calcolo della tariffa di vendita del gas al mercato tutelato ed i cui effetti saranno pienamente recepiti dal 1° Ottobre 2013 con una riduzione della marginalità rispetto al precedente regime; (ii) l'atteso cambiamento nella modalità di computazione dei ricavi regolati nella distribuzione gas per il quarto periodo regolatorio anticipati negli indirizzi fondamentali dai documenti di consultazione dell'Aeeg DCO 56/2013 e 359/2013 che evidenziano sia le logiche di aggiornamento della remunerazione del capitale investito sia nella copertura dei costi operativi, nonché gli indirizzi rispetto all’esito delle prossime gare per l’affidamento della gestione del servizio, il cui percorso è stato oggetto di recenti provvedimenti governativi (per maggiori dettagli, anche su altri interventi normativi, si rimanda al capito sulla regolazione). Inoltre il nuovo piano industriale, la cui approvazione è prevista per il prossimo autunno, terrà anche conto della rivisitazione del Piano Industriale di AcegasAps, che oltre agli effetti evidenziati in precedenza rifletterà quanto realizzato sul fronte delle sinergie nel corso dei primi 8 mesi di integrazione e gli effetti del provvedimento emesso in data 17 Aprile 2013 dell'AGCM circa il divieto all’acquisizione del controllo congiunto su Isontina Rete Gas da parte di AcegasAps ed Italgas." 7
  12. 12. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Le attese di crescita future poggiano infatti sulla continuazione dei processi di efficientamento, sull’apporto derivante della fusione con AcegasAps, su una prevedibile ulteriore espansione per linee di crescita esterne già individuate e avviate, (operazione con la multi-utility Aimag e mantenimento della copertura del territorio con i servizi di distribuzione gas) e, infine, sulla prosecuzione delle strategie di espansione nei mercati liberalizzati. La generazione di cassa prevista da queste iniziative di crescita “organica per linee interne ed esterne” soddisfa l’obiettivo strategico di migliorare la solidità finanziaria e di mantenere una politica di distribuzione costante dei dividendi per azione in tutto l’arco di piano. Le strategie di espansione per linee esterne rimangono, anch’esse, nelle logiche fin qui applicate nel piano industriale al 2016, con una focalizzazione sui territori limitrofi per le logiche di espansione multi-business e con una prospettiva nazionale per l’espansione sui liberi mercati. 8
  13. 13. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Evoluzione dei business Nel settore ambiente Hera è il principale operatore nazionale per quantità di rifiuti raccolti e trattati. L’attività di raccolta dei rifiuti, regolata sulla base di concessioni, è stata negli anni sviluppata con le successive operazioni di integrazioni societarie, fino a coprire tutti i territori da Modena a Pesaro-Urbino. Grazie ad una costante sensibilizzazione dei clienti ed al supporto delle istituzioni locali, il sistema di raccolta dei rifiuti in Hera si basa sul riciclaggio della maggior parte (oltre 50%) dei materiali di scarto (vetro, carta, plastica e metalli e biomasse) e sulla valorizzazione del contenuto energetico della parte rimanente, attraverso trattamenti di termovalorizzazione e di estrazione dei biogas. Questo efficace sistema ha contribuito notevolmente alla diminuzione della quantità di rifiuti urbani smaltiti direttamente in discarica, riducendo così l’inquinamento del suolo. Le attività di trattamento e smaltimento dei rifiuti hanno beneficiato nel tempo della significativa espansione e rinnovo dell’assetto impiantistico. Nel 2011 è stato completato il piano pluriennale di ammodernamento di 7 impianti WTE. Nel 2013 la base impiantistica si arricchisce di altri 3 WTE; uno a Trieste, uno a Padova (con l’aggregazione di AcegasAps), e 1 WTE in Molise (Energonut acquisito da Veolia nel corso dell’esercizio passato). Inoltre il Gruppo ha avviato la procedura di richiesta per l’autorizzazione alla costruzione di un WTE a Firenze. L’assetto di Hera si è inoltre arricchito e completato di altre tipologie di impianti per il trattamento di bio-masse e di selezione del materiale proveniente dalla raccolta differenziata Oggi, questo assetto di oltre 80 impianti (senza considerare il contributo di AcegasAps), in grado di soddisfare la richiesta di trattamento e valorizzazione dei rifiuti di ogni tipologia, costituisce un’eccellenza del Gruppo su scala nazionale ed ha supportato la considerevole espansione dei volumi di attività nel decennio e il soddisfacimento di esigenze complesse di smaltimento e di bonifica di siti produttivi. Con una generazione di oltre 0,7 TWh il Gruppo è divenuto uno dei principali operatori impegnati nel recupero di energia elettrica da rifiuti. Al fine di razionalizzare le attività, Hera ha costituito, nel 2010, la società Herambiente alla quale sono state conferite tutte le attività liberalizzate di smaltimento, trattamento e recupero dei rifiuti. Nello stesso anno, il Gruppo ha aperto l’azionariato di Herambiente al fondo d’investimento infrastrutturale Eiser, garantendo così il supporto finanziario al futuro sviluppo. L’integrazione con AcegasAps ha ulteriormente rafforzato la leadership del Gruppo nel settore con un allargamento dell’ambito d’azione poiché le basi situate nel Nord- Est del Paese conferiscono maggiore forza competitiva ad Hera in quei mercati. Hera opera, sin dalla sua fondazione, anche nella gestione del ciclo idrico integrato, dalla distribuzione in rete di acqua potabile fino alla raccolta e depurazione delle acque reflue e svolge in esclusiva questi servizi in sette province dell’Emilia Romagna e del nord delle Marche, sulla base di concessioni a lungo termine (in media 2023). A seguito delle fusioni effettuate fin dalla costituzione, dello sviluppo fisiologico delle attività e degli investimenti realizzati, il Gruppo, escludendo il contributo di AcegasAps, ha sostanzialmente raddoppiato i clienti, potenziato gli impianti di depurazione, espanso le reti di distribuzione e fognatura per circa 10 mila km lineari e aumentato i volumi dell’attività ad un tasso medio annuo del 4%. La rete idrica, così come tutte le reti del Gruppo, è attualmente controllata da un unico sistema di controllo in remoto, realizzato nel 2007 e ritenuto tra i più avanzati in Europa. Il monitoraggio delle reti in remoto ha permesso di ottimizzare i processi di manutenzione e supervisione, garantendo maggiore efficienza e minori costi di gestione. Grazie a questi sistemi e all’ammodernamento delle reti, le performance registrate (in termini di perdite medie per kilometro di rete) sono state annoverate tra le più efficienti a livello nazionale.     9
  14. 14. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Tutto il sistema di controllo ambientale, dall’analisi delle acque prima della distribuzione, fino ai sistemi di raccolta e depurazione delle acque reflue, ha registrato importanti progressi ed ha garantito un’elevata qualità del servizio e la massima sicurezza ai clienti. Il Gruppo è il secondo operatore del mercato italiano per volumi venduti, con una presenza continua e capillare sul territorio di riferimento. A seguito della aggregazione con AcegasAps, Hera ha raggiunto 1,44 milioni di utenti nel settore. Alla fine dell’esercizio, l’Authority AEEG ha definito un sistema tariffario transitorio per il periodo 2012-2013 che pone fine alla incertezza regolamentare degli ultimi 18 mesi. I principi fondamentali del sistema tariffario permettono di proseguire con maggiore conforto il piano degli ammodernamenti degli impianti e di sviluppo delle attività. Il Gruppo ha una quasi completa copertura del territorio di riferimento anche nel settore del gas. Ciò include i servizi di distribuzione e i servizi di vendita e trading di gas metano, oltre alla gestione del teleriscaldamento. Hera è oggi tra le maggiori aziende “locali” e la terza a livello nazionale in termini di volumi venduti. Nonostante la liberalizzazione del mercato di vendita, il Gruppo ha mantenuto e ha sviluppato la base clienti di partenza, fino a raggiungere 1,12 milioni di utenti, ovvero quasi raddoppiandoli in 10 anni, grazie alle successive integrazioni societarie. Il contributo di AcegasAps permette un significativo allargamento ulteriore della base clienti, mentre l’apertura in nuovi mercati interessanti (quali quelli del Nord- Est Italia) porterà il Gruppo, già a partire dal 1 gennaio 2013, al terzo posto nel mercato italiano cpn oltre 1,5 milioni di clienti. Anche le vendite sono più che raddoppiate nel tempo, portando i volumi gestiti a oltre 3,5 miliardi di metri cubi. La rete di distribuzione, sviluppata con investimenti diretti e acquisizioni di aziende, è giunta ad una dimensione di 14 mila km. AcegasAps apporta una dote importante di assetti impiantistici che permette di guardare con ottimismo alle future gare per la concessione di distribuzione del gas in tutte le aree di riferimento. L’instabile situazione dei mercati energetici ha indotto il Gruppo a perseguire prudenti e flessibili politiche di approvvigionamento, cogliendo le opportunità derivanti dal lento processo di apertura e sviluppo delle capacità d’importazione della materia prima e del mercato all’ingrosso italiano e internazionale. Hera dispone di una capacità pluriennale d’importazione gas, pari a quasi 500 milioni di metri cubi l’anno, attraverso il gasdotto TAG (gas russo). Inoltre ha progressivamente diversificato le fonti interne (nazionali), perseguendo la massima flessibilità attraverso contratti di durata annuale (attualmente contratti pluriennali sono presenti in misura pari al 10% delle forniture complessive). Infine, è stata realizzata un’articolazione organizzativa che ha portato alla costituzione di una società di vendita (Heracomm) e una di trading (Heratrading), grazie alla quale Hera ha avviato la propria operatività diretta su alcuni HUB europei. Tale assetto del portafoglio di forniture ha messo Hera al riparo dai rischi derivanti da impegni di acquisto di materia “pre-determinate” con molti anni d’anticipo. Sono inoltre quasi raddoppiati, negli ultimi 10 anni, i volumi di vendita relativi alle attività di teleriscaldamento che, come noto, rappresenta una forma di trasformazione di energia in calore più efficiente e a minore impatto ambientale rispetto ai sistemi di riscaldamento autonomo delle abitazioni. La rete di teleriscaldamento è stata sviluppata nelle aree urbane del territorio anche in prossimità dei grandi impianti di termovalorizzazione e di cogenerazione, costruiti negli ultimi 10 anni, sfruttando fonti di calore altrimenti non valorizzato. La strategia commerciale “dual fuel” ha permesso di sviluppare il mercato elettrico a tassi di crescita sostenuti, sia attraverso attività di cross selling sulla clientela esistente che attraverso l’espansione in nuovi mercati. La strategia ha saputo difendere la clientela esistente nel settore gas, come evidenziato in precedenza (e raggiungere importanti posizioni di mercato a livello nazionale), con vendite annue di circa 10 TWh, su una base decuplicata di oltre 560 mila clienti (733 mila clienti considerando anche il contributo di AcegasAps).     10
  15. 15. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Lo sviluppo commerciale nel settore elettrico è stato accompagnato da un parallelo cauto sviluppo nella generazione elettrica, per gestire in modo sostenibile la domanda dei clienti. Nel corso degli anni Hera ha partecipato alla costruzione di due impianti CCGT base load di nuova generazione in Campania (zona scarsamente infrastrutturata), con una capacità di 1.200 MW installati. In questo campo, sin dalla sua costituzione, il Gruppo possedeva una partecipazione in Tirreno Power, attraverso la società Energia Italiana, per una quota equivalente del 5,5% del capitale. Gli impianti sono stati realizzati attraverso Joint Venture con l’acquisto di partecipazioni di minoranza da partner esteri di standing internazionale. Va inoltre ricordata l'acquisizione del 32% di Tamarete Energia, società con base ad Ortona (CH), che nel 2013 ha portato a termine la realizzazione di un impianto a ciclo combinato da 104 MW installati. Nel 2008, nel territorio di Imola è stata ultimata una centrale cogenerativa a gas da 80MW, che garantisce l’autosufficienza della provincia in caso di black out della rete nazionale. Infine la dotazione di generazione di Hera ha visto lo sviluppo di oltre 110MW di energia pulita da impianti di termovalorizzazione, ulteriori 13 MW da impianti termoelettrici da biomasse, oltre al recente sviluppo di piccoli impianti di generazione a biogas e fotovoltaici, che completano il portafoglio diversificato delle fonti del Gruppo. Hera rimane un operatore con una presenza relativamente contenuta nelle attività di generazione; la maggior parte della domanda di energia elettrica dei clienti finali è infatti prevalentemente coperta da un portafoglio di contratti di fornitura bilaterali ampiamente diversificato e dall’attività di trading sul mercato. Le attività di distribuzione elettrica hanno registrato un importante sviluppo sin dalla costituzione; la fusione con l’azienda multi-utility di Modena (Meta Spa) nel 2005 e l’acquisizione della rete elettrica dell’Enel nella provincia di Modena, hanno contribuito all’espansione della rete fino a raggiungere una dimensione di quasi 10 mila chilometri che, grazie agli investimenti effettuati, risulta completamente attrezzata con contatori elettronici e gestita in remoto da un unico centro di telecontrollo, tecnologicamente avanzato. Il contributo dell’aggregazione di AcegasAps è importante anche in questo settore, in particolare per le potenzialità commerciali di sviluppo che quei mercati possono offrire ad una realtà integrata delle dimensioni del nuovo Gruppo. 11
  16. 16. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Andamento del titolo in Borsa e relazioni con l’azionariato Nel corso del primo semestre 2013 il titolo in borsa ha registrato l’andamento illustrato nel grafico seguente, che evidenzia una performance del +18,7% (con un passaggio da 1,22€ di fine 2012 a 1,4519€ del 28 giugno 2013), superiore al mercato azionario (-5,4%) continuando il trand rialzista evidenziato nel 2012. L’andamento del titolo Hera ha inoltre evidenziato una stabilità superiore all’indice delle local-utilities italiane che ha registrato una performance nel 2013 del +36,9%, recuperando le importanti oscillazioni negative dell’esercizio passato. Nonostante il perdurare delle difficoltà macro-congiunturali sia politiche che finanziarie, il titolo Hera, sorretto da una rivalutazione del settore local utilities e grazie anche ai buoni risultati annuali 2012 pubblicati alla fine di marzo, ha mantenuto un andamento positivo nella prima parte dell’esercizio. La migliore performance ha coinciso anche con il buon esito dell’OPAS su AcegasAps, che ha permesso di avviare la procedura di de- listing dell’azienda, portato a termine durante il primo semestre 2013. Oggi i soci pubblici sono rappresentati da 189 Comuni del territorio di riferimento e detengono il 61,0% delle azioni ordinarie del capitale sociale di Hera, costituito da 1.342.876.078l. Nel corso del semestre il numero è aumentato di 227.862.324 azioni, di cui 143.380.7651 assegnate ai Comuni di Trieste e Padova a fronte dell’operazione di fusione con AcegasAps Holding Srl divenuta efficace dal 1 gennaio 2013. La parte rimanente (84.481.673 azioni) è stata assegnata agli azionisti privati di AcegasAps che hanno aderito all’OPAS. In seguito a queste operazioni straordinarie, il Gruppo Hera ha raggiunto il totale controllo delle Azioni ordinarie di AcegasAps il cui titolo è stato, conseguentemente, ritirato dalle quotazioni sul mercato ufficiale di Borsa Italiana. Andamento del titolo Hera al 30 giugno 2013 ‐10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 28/12/2012 08/01/2013 15/01/2013 22/01/2013 29/01/2013 05/02/2013 12/02/2013 19/02/2013 26/02/2013 05/03/2013 12/03/2013 19/03/2013 26/03/2013 04/04/2013 11/04/2013 18/04/2013 25/04/2013 03/05/2013 10/05/2013 17/05/2013 24/05/2013 31/05/2013 07/06/2013 14/06/2013 21/06/2013 28/06/2013 Hera FTSE All shares Local Utilities +18,7% (5,4%) +36,9% 12
  17. 17. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Dal 2006, Hera ha adottato un piano di riacquisto di azioni proprie che prevede un limite massimo di 15 milioni di azioni, per un importo complessivo di 60 milioni di euro. Tale piano è finalizzato a finanziare le opportunità d’integrazione di società di piccole dimensioni e a normalizzare eventuali fluttuazioni anomale delle quotazioni rispetto a quelle dei principali comparable nazionali. L’Assemblea degli Azionisti del 30 aprile 2013 ha rinnovato il piano di acquisto di azioni proprie per ulteriori 18 mesi, per un importo massimo complessivo di 40 milioni di Euro per un totale di 25 milioni di azioni. Al 30 giugno 2013 Hera deteneva in portafoglio circa 13,8 milioni di azioni proprie. Nel corso degli ultimi 10 anni, la remunerazione degli azionisti ha sempre evidenziato dividendi costanti o crescenti, anche nei momenti più delicati connessi alla crisi macro-economica degli ultimi anni. La proposta del C.d.A., sottoposta ed approvata dall’Assemblea degli Azionisti, di un dividendo per azione di 9 centesimi di euro 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 Dividendi deliberati (ml€) 27.6 42.0 48.2 71.2 81.3 82.5 82.5 88.9 99.9 100.4 100.4 DPS (€) 0.035 0.053 0.057 0.070 0.080 0.080 0.080 0.080 0.090 0.090 0.090 Fin dalla sua quotazione, il Gruppo ha promosso ed incrementato relazioni con gli analisti finanziari per garantire agli investitori una pluralità di opinioni indipendenti. Nel tempo tale copertura è aumentata fino a raggiungere 15 studi, con broker globali come Citigroup e Merrill Lynch. La crisi finanziaria di questi anni ha causato profonde ristrutturazioni negli istituti bancari, portando il numero degli studi che coprono il titolo Hera a 7 (negli ultimi 2 anni sono stati interrotti gli studi di Banca Aletti, Banca IMI, Centrobanca, Deutsche Bank, Exane, Merrill Lynch, Mediobanca, Sogen e Unicredit); nonostante ciò, Hera gode ancora di un “coverage” tra i più ampi del settore local-utilities: Alpha Value, Banca Akros, Citi, Equita, ICBPI, Intermonte e KeplerCheuvreux. Alla fine del semestre, Hera gode di un bilanciamento tra valutazioni “Buy”/”Outperform” e pareri “Hold/Neutral” e non sono presenti giudizi negativi. Il prezzo obiettivo medio dell’azione a 12-18 mesi, espresso dalle valutazioni degli analisti, è attorno a 1,63 euro ad azione. Free float 31,2% Patto soci privati 8,0% Comuni Provincia di Ferrara 2,6% Comuni Provincia di Bologna 15,4% Comuni Provincia di Modena 10,5% Comuni Province della Romagna 21,7% Comuni Provincia di Trieste 5,3% Comuni Provincia di Padova 5,3% 13
  18. 18. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Il titolo Hera è incluso in molteplici indici “SRI”: da anni, infatti, fa parte del “Kempen SNS Smaller Europe SRI Index”. Nel 2008 è stato inoltre inserito nell’indice etico “ECPI Ethical Index €uro”. Nel 2009 viene incluso nell’indice “ECPI Ethical Index EMU”, costituito dalle 150 società con caratteristiche di sostenibilità coerenti con la metodologia “ECPI SRI” e quotate sul mercato economico-monetario dell’Unione Europea. Il principale strumento di comunicazione del Gruppo con gli azionisti e con gli stakeholder è il sito istituzionale www.gruppohera.it. Nel corso del decennio la sezione dedicata agli azionisti/operatori finanziari (sezione “Investor Relations”) ha visto un continuo processo di miglioramento. Per il quarto anno consecutivo la comunicazione finanziaria on-line di Hera è salita sul podio della classifica nazionale Webranking, stilata da KWD, relativa alle maggiori aziende nazionali quotate: nel 2012 il sito del Gruppo ha infatti conquistato il secondo posto, posizionandosi davanti a molte realtà italiane di grandi dimensioni ed è risultato il miglior strumento di comunicazione delle utility italiane. Sin dalla sua fondazione nel 2002, Hera ha dato particolare importanza al confronto diretto con gli investitori, attraverso l’organizzazione di Road Show di presentazione del titolo in Italia e all’estero (Gran Bretagna, Francia, Svizzera, Paesi Bassi, Germania, Austria, Paesi scandinavi, Belgio, Lussemburgo e Stati Uniti). Nel primo semestre 2013 Hera ha organizzato incontri con gli investitori europei e americani mantenendo un numero di contatti in linea con gli anni precedenti. La puntualità delle relazioni e la trasparenza nella comunicazione è stata mantenuta anche nella prima parte dell’esercizio 2013, come risposta al crescente senso di incertezza percepito dagli stakeholder in questo momento di profonda discontinuità sistemica che il Paese sta tutt’ora attraversando.   14
  19. 19. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  15
  20. 20. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  1.01 Premessa Il bilancio semestrale 2013 conferma ancora una volta risultati economici-finanziari in crescita che validano l’impianto strategico multi-ultility in ottica multi-stakeholder di lungo periodo perseguito dal Gruppo. Infatti, fin dalla sua costituzione, Hera si è sempre mostrata capace di realizzare una crescita anche in scenari di crisi come quelli attuali. Il contesto macro continua ad evidenziare condizioni sfavorevoli, benché l’andamento fortemente negativo sembri ormai alle spalle e la situazione politica paia in una fase di maggiore stabilità. La più ampia crisi dei debiti sovrani, che ha portato nel corso del 2012 la credibilità dell’Italia ai minimi storici (lo Spread Italiano verso il Bund tedesco aveva superato i 520 punti base) ha mostrato nel 2013 un continuo miglioramento, come rileva il lento ma accentuato decremento dello spread, rientrato a circa 250 punti base. Tuttavia i dati macro-economici riflettono ancora uno scenario attuale difficile, sebbene previsto in miglioramento a cavallo della fine dell’anno solare. Il prodotto interno lordo (Pil) del primo semestre 2013 mostra un calo di -1.7% rispetto al -2,4% del 2012. In Italia i livelli di produzione industriale hanno segnato un trend negativo del -4,0% rispetto al -6,7% del 2012, le esportazioni sono diminuite del -0,4% (rispetto al +3,7% del 2012), così come le importazioni sono diminuite del -7,0% rispetto al -5,7% del 2012. Questo contesto ha influenzato anche il calo dei consumi energetici in flessione del 6,8% rispetto al -3,9% per il gas e un rallentamento della domanda di elettricità (-3,9% rispetto al -2.8% del 2012). In questo difficile contesto sono maggiormente apprezzabili i risultati raggiunti con la strategia perseguita dal Gruppo; i dati semestrali riflettono il contributo positivo di tutti i fattori di crescita organica e del contributo derivante dall’aggregazione di AcegasAps, che è entrata a far parte del Gruppo Hera ad inizio anno. La strategia sui mercati liberalizzati ha continuato a sostenere la crescita dei clienti nel settore energia elettrica nella prima parte del 2013, confermando la forza commerciale del Gruppo su un mercato sempre più competitivo e calmierando l’effetto di riduzione dei consumi che risentono ancora della negativa congiuntura macro-economica del paese. L’impatto della crisi macro-economica è stato particolarmente visibile nel semestre, dove si evidenziano volumi in calo di quasi il 6%. Nonostante ciò, il Gruppo ha realizzato risultati migliori rispetto all’anno passato grazie ad una politica commerciale maggiormente selettiva che ha inoltre portato ad ottenere più ampi margini. Nel primo semestre 2013, sul mercato del gas, il Gruppo ha riportato volumi di vendita sostanzialmente in linea con il periodo dell’esercizio precedente, mentre l’attività di trading ha risentito della modifica regolamentare introdotta il 1 aprile 2013 sul mercato a tutela, inficiando significativamente i meccanismi di libera concorrenza sul mercato all’ingrosso della commodity. Le attività della raccolta dei rifiuti urbani hanno evidenziato una leggera contrazione dei volumi nella prima parte dell’esercizio, riflettendo livelli di consumo delle famiglie ancora influenzati dalla negativa congiuntura economica Italiana, mentre le quantità provenienti dal libero mercato dei rifiuti speciali hanno continuato a segnare un trand positivo negli ultimi 4 trimestri e hanno segnato una crescita percentuale a doppia cifra nel secondo trimestre del 2013, anche senza considerare il contributo di AcegasAps. Tali risultati sono il frutto di politiche commerciali, già avviate nel 2012, improntate all’allargamento delle quote di mercato prevalentemente nel segmento dei rifiuti solidi non pericolosi. I volumi complessivi da terzi hanno, in sintesi, consuntivato una crescita che si è riflessa positivamente sui risultati anche prescindendo dal contributo proveniente dall’aggregazione con AcegasAps. Nell’esercizio di interesse è proseguita l’azione di efficientamento del sistema di gestione dei rifiuti: la raccolta differenziata ha interessato una quota di oltre il 56% della raccolta urbana ed è aumentato il trattamento attraverso la termovalorizzazione ed è cresciuta la produzione di energia elettrica incentivata. 16
  21. 21. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Le attività gestite in concessione nella distribuzione di energia, raccolta rifiuti urbani e servizio idrico integrato, che rappresentano il 54% del margine operativo lordo del Gruppo hanno contribuito alla crescita dei risultati realizzati nel primo semestre 2013, anche grazie agli investimenti effettuati ed agli adeguamenti tariffari riconosciuti dalle Authority. I conti dell’esercizio chiudono con un aumento importante degli utili netti, grazie anche al contributo derivante dal positivo differenziale tra valore netto delle attività consolidate di AcegasAps e valore pagato per l’aggregazione al Gruppo Hera. I risultati evidenziano comunque una crescita positiva, anche rispetto al confronto con i dati rettificato 2012 e senza il contributo positivo degli effetti straordinari dell’aggregazione con AcegasAps. I risultati consuntivati da AcegasAps nel primo semestre evidenziano un netto progresso rispetto al primo semestre dell’anno precedente prevalentemente per effetto delle positive sinergie derivanti dall’aggregazione e per la crescita industriale prevista dai business plan.   Dal punto di vista finanziario si registrano livelli di debito finanziario netto in linea con quelli di fine esercizio precedente, pur avendo distribuito dividendi per oltre 120 milioni di euro. La gestione ha pertanto generato risorse finanziarie per sostenere non solo gli investimenti, prevalentemente di mantenimento della dotazione impiantistica, ma anche per finanziare parte dei dividendi. 17
  22. 22. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  1.02 Eventi societari e fatti di rilievo successivi alla chiusura del semestre Eventi societari Il primo semestre dell’anno 2013 è stato caratterizzato dalla prosecuzione dell’attività di razionalizzazione societaria della struttura del Gruppo, che ha portato alla cessione/liquidazione di 4 società, alla cancellazione dal Registro Imprese di 1 società ed all’acquisizione di ulteriori quote di partecipazione in 3 società partecipate. Già nel corso dell’anno 2012 l’attività di razionalizzazione societaria aveva portato alla cessione / liquidazione di 7 società, alla cancellazione dal Registro Imprese di 4 società, al recesso da 1 società, all’acquisizione di 5 nuove partecipazioni, alla costituzione di 2 nuove società, all’acquisizione di ulteriori quote di partecipazione in 2 società partecipate, nonché a 1 operazione di fusione che ha portato all’estinzione di 4 società. A tal riguardo, si segnalano le principali operazioni di M&A avvenute: Fusione di AcegasAps Holding Srl in Hera Spa e OPAS Hera Spa su totalità azioni quotate di AcegasAps Spa In data 2 gennaio 2013, Hera Spa, in seguito al perfezionarsi della fusione per incorporazione di AcegasAps Holding Srl, ha lanciato un’offerta pubblica obbligatoria totalitaria di acquisto e scambio sulla totalità delle azioni ordinarie di AcegasAps Spa, finalizzata al delisting di quest’ultima. Al 3 maggio 2013, data di chiusura dell’OPAS, Hera Spa è divenuto socio unico di AcegasAps Spa, incrementando la propria partecipazione nel capitale sociale di quest’ultima dal 62,69% al 99,784%, essendo la parte residuale del capitale sociale rappresentata da azioni proprie. Modena Formazione Srl In data 17 gennaio 2013 è stata ceduta la partecipazione detenuta da Hera Spa in Modena formazione Srl, società operante nel settore della formazione professionale, corrispondente al 7% del capitale sociale. Famula On-line Spa In data 19 dicembre 2012 l’assemblea straordinaria di Famula On-line Spa, società operante nell’organizzazione, nella progettazione, nella produzione, nella commercializzazione e nella consulenza nel settore dell’informatica, ha deliberato, con decorrenza 1 gennaio 2013, lo scioglimento volontario della società, contestualmente alla cessione dell’azienda alla controllante Hera Spa. La procedura di liquidazione si è conclusa in data 25 giugno 2013 con la cancellazione della società dal registro imprese di Bologna. Nuova Geovis Spa – Refri Srl – Herambiente Spa In data 19 giugno 2013, in adempimento a quanto previsto nell’accordo stipulato tra Unieco Costruzioni Meccaniche Srl (in sigla “UCM”) ed Herambiente Spa, si è conclusa l’operazione di riassetto societario inerente le società Nuova Geovis Spa e Refri Srl. Con riferimento a Nuova Geovis Spa, società operante nel settore del compostaggio, Herambiente, già proprietaria del 51% del capitale sociale, ha acquistato da UCM il restante 49%, divenendo pertanto socio unico. E’ prevista la fusione per incorporazione della società in Herambiente Spa con effetti decorrenti dal 31 dicembre 2013. Con riferimento a Refri Srl, società operante nel settore dei RAEE, Herambiente, proprietaria del 20% del capitale sociale, ha ceduto la propria partecipazione ad UCM, uscendo pertanto dalla compagine sociale. Modena Network Spa In data 19 aprile 2013 Acantho Spa, società del Gruppo nella quale Hera Spa detiene il 79,936% del capitale sociale, ha acquistato l’intera partecipazione detenuta da Sorgea Spa in Modena Network Spa, società del Gruppo operante nel settore delle telecomunicazioni, corrispondente al 10% del capitale sociale. In seguito a 18
  23. 23. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  tale operazione Hera continua a detenere direttamente il 14% di Modena Network ed indirettamente, attraverso Acantho Spa, ha incrementato la propria partecipazione dal 30% al 40%. In data 25 luglio 2013 le Assemblee Straordinarie di Modena Network Spa ed Acantho Spa hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Modena Network Spa, che avrà efficacia entro il 31 dicembre 2013. Solhar Alfonsine Srl In data 25 giugno 2013 l’assemblea di Solhar Alfonsine Srl, società operante nell’ambito della produzione di energie da fonti rinnovabili, ha deliberato lo scioglimento volontario della società. Fatti di rilievo successivi alla chiusura del semestre Energonut Spa Con decorrenza 01 luglio 2013, ha avuto efficacia la fusione per incorporazione di Energonut Spa, società interamente partecipata da Herambiente Spa operante nel settore dell’ambiente, proprietaria di un impianto di coincenerimento di rifiuti situato nell’area industriale di Pozzilli in Provincia di Isernia (Molise), in Herambiente Spa. Solhar Piangipane Srl – Solhar Ravenna Srl – Solhar Rimini Srl In data 12 luglio 2013 Herambiente Spa, già socio al 51% delle società Solhar Alfonsine Srl, Solhar Ravenna Srl e Solhar Rimini Srl ha acquisito la restante parte del capitale sociale divenendo pertanto socio unico delle tre società. E’ prevista la razionalizzazione delle suddette partecipazioni societarie entro il 31 dicembre 2013. Gal.A Spa – Herambiente Spa In data 5 agosto 2013, si è perfezionata l’acquisizione delle azioni di Gal.A Spa detenute dai Comuni di Baricella e di Galliera da parte di Herambiente Spa che è pertanto divenuta socio unico di Gal.A Spa. Entro il 31 dicembre 2013 è prevista la fusione di Gal.A Spa in Herambiente Spa. Hera Servizi Cimiteriali Srl – Hera Servizi Funerari Srl In seguito alla conclusione della procedura ad evidenza pubblica indetta dal Comune di Bologna ed alla conseguente selezione di un partner privato per la gestione dei servizi cimiteriali e funerari, si è perfezionato, in data 1 agosto 2013, il trasferimento a favore del Comune di Bologna delle partecipazioni detenute da Hera Spa in Hera Servizi Cimiteriali Srl ed Hera Servizi Funerari Srl. Herasocrem Srl E’ prevista la dismissione della partecipazione detenuta da Hera Spa, pari al 51% del capitale sociale, a Socrem Srl o, in alternativa, la messa in liquidazione della società. FlameEnergy Trading Gmbh E’ prevista, entro il 31 dicembre 2013, la messa in liquidazione della società, il cui capitale sociale è detenuto per il 50% da Hera Trading Srl. Eris Scarl E’ prevista, entro il 31 ottobre 2013, la dismissione della partecipazione detenuta da Hera Comm nella società, pari al 51% del capitale sociale. 19
  24. 24. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  1.03 Andamento al 30 giugno 2013 del Gruppo:   Dati sintetici consolidati del Gruppo:    (milioni di €) 30/06/2012 rettificato Inc.% 30-giu-13 Inc.% Var. Ass. Variaz.% Ricavi 2.298,9 2.429,4 +130,5 +5,7% Margine Operativo Lordo 357,6 15,6% 445,3 18,3% +87,7 +24,5% Utile Operativo 206,0 9,0% 246,6 10,2% +40,6 +19,7% Utile Netto 80,3 3,5% 172,9 7,1% +92,6 +115,3%   20
  25. 25. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  1.03.01 Risultati economico - finanziari e investimenti Il primo semestre 2013 evidenzia risultati in crescita del Gruppo Hera rispetto allo stesso periodo del 2012. Questo andamento è dovuto sia agli ottimi risultati del perimetro Hera che all’integrazione del Gruppo AcegasAps. A seguito dell’ integrazione il Gruppo Hera si posiziona, a livello nazionale come il primo operatore per rifiuti trattati, il secondo nel ciclo idrico integrato, il terzo nella distribuzione gas e il quarto nella vendita di energia elettrica a clienti finali. Come già emerso dai bilanci degli esercizi precedenti, lo schema di conto economico consolidato recepisce l’applicazione dell’interpretazione del principio contabile Ifric 12 “Accordi per servizi in concessione” che ha modificato la modalità di contabilizzazione dei fatti aziendali per quelle imprese che operano in settori regolamentati da specifiche concessioni. A livello contabile, l’effetto dell’applicazione di tale principio, invariante sui risultati, è la rappresentazione a conto economico dei lavori d‘investimento eseguiti sui beni in concessione, limitatamente ai servizi a rete. Si evidenziano quindi maggiori altri ricavi operativi per 61,2 milioni di euro nel primo semestre 2013 (l’apporto di AcegasAps è stato di 14,5 milioni di euro) e per 55,4 milioni di euro per l’analogo periodo del 2012, minori costi capitalizzati per 13,4 milioni di euro nel 2013 e 16,1 milioni di euro nel 2012 e maggiori costi operativi per servizi, materiali e altre spese operative per 47,7 milioni di euro nel 2013 (l’apporto di AcegasAps è di 14,5 milioni di euro) e 39,3 milioni di euro nei primi sei mesi del 2012. Di seguito per semplicità, il Gruppo AcegasAps sarà denominato come “AcegasAps” e il perimetro del Gruppo Hera omogeneo al 2012 come “Hera”. Nella tabella della pagina seguente sono riportati i risultati economici degli esercizi 2012 e 2013; per quanto riguarda il primo semestre 2012 sono state effettuate le seguenti rettifiche: 1) a partire dal 1° gennaio 2013 il gruppo Hera ha applicato il principio Ias 19 revised che prevede l’abolizione del cd “metodo del corridoio” per la contabilizzazione degli utili e delle perdite attuariali. Ciò produce un beneficio rilevato nel conto economico dei primi sei mesi del 2012 tra i “costi del personale” per 613 migliaia di euro al netto del relativo effetto fiscale, contabilizzato tra le “imposte dell’esercizio”, per 276 migliaia di euro; 2) il conto economico dei primi sei mesi del 2012 è stato inoltre rettificato per tener conto della mancata finalizzazione dell’operazione di cessione dell’area Berti Pichat. Tale operazione aveva comportato l’iscrizione di una plusvalenza tra gli “altri ricavi operativi” per 6.625 migliaia di euro; in particolare, alla luce di tale rettifica, gli “altri ricavi operativi” sono stati decrementati di tale importo, di conseguenza l’utile netto dei primi sei mesi del 2012 risulta inferiore di 3.480 miglia di euro al netto dell’effetto fiscale, contabilizzato tra le “imposte dell’esercizio”, di 3.146 migliaia di euro. Per ulteriori dettagli, si può consultare il paragrafo “Riepilogo rettifiche” contenuto nel capitolo ”note esplicate consolidate” della nota integrativa del fascicolo di bilancio semestrale. 21
  26. 26. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Conto economico (mln/€) 30/06/2012 rettificato Inc.% 30-giu-13 Inc% Var. Ass. Var. % Ricavi 2.298,9 0,0% 2.429,4 0,0% +130,5 +5,7% Altri ricavi operativi 84,4 3,7% 107,5 4,4% +23,1 +27,4% Materie prime e materiali (1.399,8) -60,9% (1.330,8) -54,8% -69,0 -4,9% Costi per servizi (427,5) -18,6% (496,8) -20,4% +69,3 +16,2% Altre spese operative (19,3) -0,8% (25,3) -1,0% +6,0 +31,0% Costi del personale (192,2) -8,4% (246,4) -10,1% +54,2 +28,2% Costi capitalizzati 13,1 0,6% 7,8 0,3% -5,3 -40,6% Margine operativo lordo 357,6 15,6% 445,3 18,3% +87,7 +24,5% Amm.ti e Acc.ti (151,5) -6,6% (198,7) -8,2% +47,2 +31,1% Utile operativo 206,0 9,0% 246,6 10,2% +40,6 +19,7% Gestione Finanziaria (61,8) -2,7% (70,9) -2,9% +9,1 +14,7% Altri Ricavi non operativi - 0,0% 74,8 3,1% +74,8 +100,0% Utile prima delle imposte 144,3 6,3% 250,6 10,3% +106,3 +73,7% Imposte (64,0) -2,8% (77,7) -3,2% +13,7 +21,4% Utile netto dell'esercizio 80,3 3,5% 172,9 7,1% +92,6 +115,3% Attribuibile a: Azionisti della Controllante 73,8 3,2% 165,2 6,8% +91,4 +123,9% Azionisti di minoranza 6,5 0,3% 7,7 0,3% +1,2 +17,7% Il margine operativo lordo passa da 357,6 milioni di euro del primo semestre 2012 ai 445,3 dei primi sei mesi del 2013, +24,5%; l’utile operativo passa da 206,0 a 246,6 milioni di euro; l’utile ante-imposte risulta superiore del 73,7%, passando da 144,3 a 250,6 milioni di euro; l’utile netto passa da 80,3 milioni di euro del 30 giugno 2012 a 172,9 dell’analogo periodo del 2013, +115,3%. I ricavi aumentano di 130,5 milioni di euro, +5,7%, passando da 2.298,9 milioni di euro del 30 giugno 2012 a 2.429,4 milioni di euro del 2013. Le principali motivazioni sono: (a) contributo derivante dall’integrazione con AcegasAps per 267,4 milioni di euro; (b) una riduzione dei ricavi Hera di 136,9 milioni di euro dovuto principalmente ai minori volumi dell’attività di intermediazione del gas e ai minori volumi di vendita di energia elettrica. Gli altri ricavi operativi crescono di 23,1 milioni di euro principalmente per il contributo di AcegasAps per 26,3 milioni di euro. La diminuzione dei costi delle materie prime e materiali, pari a 69,0 milioni di euro rispetto all’esercizio 2012, è caratterizzata dagli andamenti di seguito dettagliati: (a) contributo derivante dall’integrazione con AcegasAps per 100,7 milioni di euro; (b) una diminuzione di 169,7 milioni di euro, correlata prevalentemente alla minore attività di trading gas e ai minori costi di acquisto della materia prima energia elettrica, conseguenza dei minori volumi venduti. 22
  27. 27. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Gli altri costi operativi (costi per servizi in aumento di 69,3 milioni di euro e altre spese operative in aumento di 6,0 milioni di euro), crescono complessivamente di 75,3 milioni di euro (+16,9%); tale incremento è dovuto per la quasi totalità all’integrazione di AcegasAps, pari a 73,2 milioni di euro. Il costo del personale cresce del 28,2% passando da 192,2 milioni di euro al 30 giugno 2012 a 246,4 milioni di euro del 30 giugno 2013. Tale aumento è dovuto per 48,9 mln di euro all’ingresso di AcegasAps, e per la restante parte agli incrementi retributivi da Ccnl, in parte compensati da una riduzione della presenza media delle risorse. La diminuzione dei costi capitalizzati, che passano da 13,1 a 7,8 milioni di euro, è legata principalmente a minori lavori sugli impianti e opere tra le società del Gruppo. Il margine operativo lordo consolidato di Gruppo al 30 giugno 2013 si mostra in crescita, passando da 357,6 a 445,3 milioni di euro con una crescita di 87,7 mln di euro (+24,5%), a cui contribuisce l’ingresso di AcegasAps per 71,0 milioni di euro, e una crescita Hera per 16,7 milioni di euro (+4,7%). Tutte le principale aree d’affari di Hera hanno dato risultati in crescita rispetto ai primi sei mesi del 2012; si rimanda ai capitoli delle singole aree d’affari per gli approfondimenti. Gli ammortamenti e accantonamenti risultano complessivamente in aumento di 47,2 milioni di euro (+31,1%), passando dai 151,5 milioni di euro dei primi sei mesi del 2012, ai 198,7 milioni di euro dell’analogo periodo dell’esercizio 2013. L'integrazione con AcegasAps ha determinato maggiori ammortamenti e accantonamenti per 34,8 milioni di euro (+23,0%), mentre il perimetro Hera presenta un incremento di 12,3 milioni di euro dovuto: (i) agli ammortamenti per nuovi investimenti e per l’allargamento della base impiantistica di termovalorizzazione con l’impianto di Energonut; (ii) ai maggiori accantonamenti effettuati al fondo svalutazione crediti e (iii) ai maggiori accantonamenti ai fondi rischi per contenzioso con enti previdenziali. L’utile operativo dei primi sei mesi del 2013 è pari a 246,6 milioni di euro, in crescita del 19,7% rispetto all’analogo periodo del 2012, per i motivi descritti in precedenza. Il contributo di AcegasAps al 30 giugno 2013 è di 36,2 milioni di euro. Il risultato della gestione finanziaria al 30 giugno 2013 risulta pari a 70,9 milioni di euro in crescita rispetto ai 61,8 milioni di euro del primo semestre del 2012. Il maggior onere è dovuto principalmente all’incorporazione nel perimetro di consolidamento di AcegasAps per circa 8,1 milioni di euro. La gestione finanziaria di Hera, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, rileva un leggero incremento imputabile alla prospettata dismissione delle attività relative ai servizi funerari e cimiteriali. Si segnala che l’acquisizione del Gruppo AcegasAps, avvenuta con effetto 1 gennaio 2013, ha determinato l’iscrizione di una differenza contabile a conto economico di 74,8 milioni di euro, contabilizzata tra gli altri ricavi non operativi, non ricorrenti. Tale importo, determinato provvisoriamente, deriva dal confronto tra il costo dell’acquisizione e le attività nette acquisite facenti capo al Gruppo AcegasAps. Come consentito dal principio Ifrs 3, tale processo di valutazione è ancora in corso; si potranno, quindi, determinare ulteriori rettifiche alle attività e passività acquisite, che verranno recepite anche successivamente con effetto retroattivo, comportando una modifica del valore della differenza contabile attualmente rilevato. Alla luce di quanto sopra descritto, l’Utile prima delle imposte passa da 144,3 milioni di euro del 30 giugno 2012 ai 250,6 milioni di euro del 2013, con una crescita del 73,7%. Le imposte passano dai 64,0 milioni di euro del primo semestre 2012 ai 77,7 milioni di euro del 2013. Il tax rate, calcolato senza ricomprendere l’effetto straordinario generato dall’integrazione del Gruppo AcegasAps 23
  28. 28. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  e contabilizzato alla voce “altri ricavi non operativi”, è pari al 44,21% rispetto al 44,34% del primo semestre 2012. L’utile netto dell’esercizio al 30 giugno 2013 si attesta dunque a 172,9 milioni di euro, in aumento, rispetto agli 80,3 milioni di euro del 30 giugno 2012. La crescita del risultato netto (+92,6 milioni di euro) è dovuta a: (i) l’iscrizione della differenza contabile per 74,8 milioni di euro, (ii) integrazione con AcegasAps per 16,2 milioni di euro e (iii) crescita di Hera per 1,6 milioni di euro (+2,0%). L’utile di pertinenza del Gruppo è invece pari a 165,2 milioni di euro, in aumento rispetto ai 73,8 del 30 giugno 2012. Di seguito si propone una sintesi gestionale dei principali indicatori economici che evidenzia la crescita di Hera, l’integrazione di AcegasAps e l’impatto degli altri ricavi non operativi sull’utile netto: Conto economico Gestionale (mln/€) Hera al 30/06/2012 Hera al 30/06/2013 Var. Ass. Hera AcegasAps al 30/06/2103 Gruppo al 30/06/2013 Var. Ass. Gruppo Var. % Gruppo Margine operativo lordo 357,6 374,3 +16,7 71,0 445,3 +87,7 +24,5% Utile operativo 206,0 210,5 +4,5 36,2 246,6 +40,6 +19,7% Utile prima delle imposte adjusted 144,3 147,7 +3,4 28,1 175,8 +31,5 +21,8% Utile netto adjusted 80,3 81,9 +1,6 16,2 98,1 +17,8 +22,2% Altri ricavi non operativi - 74,8 +74,8 - 74,8 +74,8 +100,0% Utile netto dell'esercizio 80,3 156,7 +76,4 16,2 172,9 +92,6 +115,3% 24
  29. 29. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Analisi della struttura patrimoniale del Gruppo:   Si evidenzia l'evoluzione dell'andamento del capitale investito netto e delle fonti di finanziamento del Gruppo per  l'esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 e per la situazione semestrale al 30 giugno 2013:    Capitale investito e fonti di  finanziamento (mln/€) 31‐dic‐2012 rettificato Inc% 30‐giu‐2013 Inc% Var. Ass. Var. % Immobilizzazioni nette 4.418,7             107,9% 5.290,1             107,0% 871,4           19,7% Capitale circolante netto 114,2                 2,8% 137,2                 2,8% 23,0             20,1% (Fondi) (438,9)               ‐10,7% (481,9)               ‐9,7% (43,0)            9,8% Capitale investito netto 4.094,0 100,0% 4.945,4 100,0% 851,4 20,8% Patrimonio netto 1.877,4             45,9% 2.199,6             44,5% 322,2           17,2% Debiti finanziari a lungo 2.366,8             57,8% 2.574,3             52,1% 207,5           8,8% Posizione netta a breve (150,2)               ‐3,7% 171,5                 3,5% 321,7           ‐214,2% Posizione finanziaria netta 2.216,6             54,1% 2.745,9             55,5% 529,3           23,9% Totale fonti di finanziamento 4.094,0 100,0% 4.945,5 100,0% 851,5 20,8%   Il capitale investito netto nel corso dei primi sei mesi del 2013 si è incrementato del 20,8% passando da 4.094,0  a  4.945,4 milioni di euro principalmente per effetto dell’ingresso del Gruppo AcegasAps nel perimetro del Gruppo Hera    Le attività immobilizzate nette al 30 giugno 2013  ammontano a 5.290,1  milioni di euro contro i 4.418,7 del dicembre  2012,  con  un  incremento  pari  al  19,7%  come  conseguenza  degli  investimenti  svolti  nel  corso  dei  primi  sei  mesi  dell’anno sia dell’ampliamento del perimetro di consolidamento.    Il capitale circolante netto registra un incremento di 23,0 milioni di euro.    I fondi alla chiusura del primo semestre 2013 ammontano a 481,9 aumentati del 9,8% rispetto al valore di dicembre  2012 di 438,9.    Il patrimonio netto incrementa da  1.877,4 a 2.199,6  milioni di euro principalmente a seguito dell’aumento di capitale  a favore dell’acquisizione del Gruppo AcegasAps.  25
  30. 30. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Prospetto di raccordo   Di seguito si riporta il prospetto di raccordo tra la situazione civilistica della Capogruppo e la relazione finanziaria  consolidata abbreviata al 30 giugno 2013:    Risultato netto Patrimonio netto Saldi come da bilancio d'esercizio della Capogruppo 102.010 1.942.445 Dividendi rilevati nell'anno (93.911) Valutazione a p. netto di imprese iscritte nel bilancio d'esercizio al costo (592) 20.085 Valore di carico delle partecipazioni consolidate (868.812) Patrimonio netto e risultato d'esercizio delle imprese consolidate 82.956 949.939 Attribuzione differenze ai beni delle imprese consolidate e relativi ammortamenti: - Avviamento da consolidamento 54.965 - Attività immateriali (275) 4.120 - Attività materiali (119) 1.099 - Proventi da consolidamento 74.806 (12.345) Altre rettifiche per eliminazione effetti operazioni infragruppo 324 (29.335) Totale 165.199 2.062.161 Attribuzione quota dei terzi 7.676 137.455 Saldi come da bilancio consolidato 172.875 2.199.616 Prospetto di raccordo fra bilancio separato della Capogruppo e bilancio consolidato     26
  31. 31. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Analisi posizione finanziaria netta del Gruppo     La posizione finanziaria netta passa da 2.216,6 milioni di euro al 31 dicembre 2012 a 2.745,8 del 30 giugno 2013, registrando un incremento di 529,2 milioni di euro dovuti principalmente all’ingresso del Gruppo AcegasAps nel perimetro del Gruppo Hera (per 487 milioni di euro). Si conferma un indebitamento prevalentemente costituito da debiti a medio lungo termine che coprono circa il 79% del totale dell’indebitamento, equilibrando puntualmente la struttura patrimoniale del Gruppo caratterizzata da un elevato livello di immobilizzazioni. Hera Spa fruisce di rating sul lungo termine emesso da Moody's "Baa1" con outlook negativo e Standard & Poor's "BBB" con outlook stabile. milioni di euro 30‐giu‐2013 31‐dic‐2012 a Disponibilità liquide  483,3 424,2 b Altri crediti finanziari  correnti 62,8 47,3  Debiti bancari correnti  (375,0)                       (74,7)                        Parte corrente dell'indebitamento bancario   (297,8)                       (225,7)                     Altri debiti finanziari correnti  (41,9)                         (17,1)                       Debiti per locazioni finanziarie scadenti entro l'esercizio successivo  (2,9)                           (3,8)                         c Indebitamento finanziario corrente (717,6)                       (321,3)                    d=a+b+c Indebitamento finanziario corrente netto ‐171,5  150,2 e Crediti finanziari non correnti 46,6 17,6  Debiti bancari non correnti e obbligazioni emesse  (2.597,9)                   (2.371,0)                  Altri debiti finanziari non correnti   ‐10 0  Debiti per locazioni finanziarie scadenti oltre l'esercizio successivo   (12,8)                         (13,4)                       f Indebitamento finanziario non corrente (2.620,9)                   (2.384,4)                 g=e+f Indebitamento finanziario non corrente netto (2.574,3)                   (2.366,8)                 h=d+g Indebitamento finanziario netto (2.745,8)                   (2.216,6)                 27
  32. 32. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Investimenti Gruppo Hera Gli investimenti del Gruppo, con l’integrazione di AcegasAps, ammontano complessivamente a 120,5 milioni di euro. Nel perimetro Hera, gli investimenti materiali e immateriali ammontano a 99,6 milioni di euro rispetto ai 121,4 milioni di euro del corrispondente primo semestre dell’esercizio precedente. Inoltre sono stati effettuati investimenti in partecipazioni finanziarie minori per 0,4 milioni di euro. Ulteriori 20,5 milioni di euro sono gli investimenti realizzati da AcegasAps nel primo semestre dell’esercizio 2013. Nella tabella seguente sono elencati, nel periodo di riferimento, gli investimenti al lordo delle dismissioni. Totale Investimenti (mln €) 30-giu-12 30-giu-13 Var. Ass. Var. % Area gas 16,0 19,0 +3,0 +18,8% Area energia elettrica 9,6 7,8 -1,8 -18,8% Area ciclo idrico integrato 39,7 40,8 +1,1 +2,8% Area ambiente 20,2 20,2 +0,0 +0,0% Area altri servizi 6,1 10,3 +4,2 +68,9% Struttura centrale 29,8 22,0 -7,8 -26,2% Totale Investimenti Operativi 121,4 120,1 -1,3 -1,1% Totale investimenti finanziari 0,0 0,4 +0,4 +0,0% Totale 121,4 120,5 -0,9 -0,7% Gli investimenti nell’area gas ammontano a 19,0 milioni di euro, di cui 5,9 milioni di euro realizzati da AcegasAps. Gli investimenti Hera registrano un decremento di -2,9 milioni rispetto ai primi sei mesi del 2012, principalmente in seguito alla conclusione di alcuni importanti lavori nello stesso periodo dell’esercizio precedente (-0,6 milioni di euro per cabina I° salto Borgo Masotti Ravenna e reti stabilimenti Milano Marittima nel servizio gas; -1,3 milioni di euro nel servizio teleriscaldamento per fornitura calore a Quarto Inferiore e nuova dorsale tlr centro storico a Imola), oltre alla programmazione nella seconda parte dell’anno 2013 di interventi quali il completamento della Centrale Bufalini e del sistema tlr a Castelmaggiore. Continua l’effetto della situazione economica complessiva che, rispetto ai primi sei mesi del 2012, ha comportato un rallentamento nella richiesta di nuovi allacciamenti per -0,2 milioni di euro nel servizio Gas e -0,3 milioni di euro nel servizio Teleriscaldamento. Gli investimenti del servizio gas sul territorio si riferiscono a estensioni di rete, a bonifiche e a potenziamenti di reti e impianti di distribuzione. Gli investimenti della gestione calore riguardano interventi strutturali su impianti termici gestiti dalle società del Gruppo. AcegasAps ha realizzato 5,9 milioni di euro di investimenti nell’area gas, che riguardano principalmente interventi sulla rete per ottemperare agli obblighi in tema di sostituzione delle condutture in ghisa grigia nell’area di Trieste per 3,8 milioni di euro, oltre ad allacciamenti per 0,8 milioni di euro e agli investimenti della controllata bulgara RilaGas. 28
  33. 33. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Gas (mln €) 30-giu-12 30-giu-13 Var. Ass. Var. % Reti e Impianti 11,7 16,7 +5,0 +42,7% TLR/Gestione Calore 4,1 2,3 -1,8 -43,9% Altro 0,1 0,0 -0,1 -100,0% Totale Gas 16,0 19,0 +3,0 +18,8% Gli investimenti del servizio energia elettrica ammontano a 7,8 milioni di euro, di cui 2,4 milioni realizzati da AcegasAps. Gli interventi Hera riguardano prevalentemente l’estensione del servizio e la manutenzione straordinaria di impianti e reti di distribuzione nel territorio di Modena e Imola, oltre ai servizi di supporto reti. Risultano in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente principalmente per effetto degli interventi eseguiti in impianti di produzione di energia elettrica e calore (CCGT Imola) nel 2012, per il rallentamento della richiesta di nuovi allacciamenti (-0,5 milioni di euro) e per la conclusione dell’attività di sostituzione massiva dei contatori con i nuovi misuratori elettronici. Gli interventi della cogenerazione industriale riguardano la realizzazione di nuovi impianti presso aziende del territorio. AcegasAps nell’area energia elettrica ha realizzato 2,4 milioni di euro di investimenti, che riguardano prevalentemente interventi sulla rete per 1,5 milioni di euro, investimenti in impianti tecnologici per 0,5 milioni di euro, oltre a nuovi allacciamenti per 0,3 milioni di euro. Energia Elettrica (mln €) 30-giu-12 30-giu-13 Var. Ass. Var. % Reti e Impianti 6,4 7,4 +1,0 +15,6% CCGT Imola 3,1 0,0 -3,1 -100,0% Cogenerazione ind.le 0,2 0,4 +0,2 +100,0% Totale Energia Elettrica 9,6 7,8 -1,8 -18,8% Per quanto attiene al ciclo idrico integrato, gli investimenti sono principalmente riferiti a estensioni, bonifiche e potenziamenti di reti e impianti, oltre ad adeguamenti normativi che riguardano soprattutto l’ambito depurativo e fognario. Complessivamente, gli interventi nel ciclo idrico del primo semestre ammontano a 40,8 milioni di euro di cui 6,6 milioni realizzati da AcegasAps. La riduzione di -5,5 milioni di euro, registrata nel perimetro Hera rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, riguarda: i) il settore depurazione per -5,7 milioni di euro, dove la programmazione dei lavori ha previsto la realizzazione degli interventi 2013 principalmente nel secondo semestre: ii) il settore acquedotto per -1,0 milioni di euro, dove le condizioni climatiche avverse nella prima parte dell’esercizio hanno determinato diverse riprogrammazioni nell’apertura dei cantieri; iii) il settore fognatura per +1,2 milioni di euro, dove nella prima parte dell’anno sono stati realizzati interventi per adeguamento degli scarichi come da Decreto Legislativo n. 152/2006, essendo stata completata la loro progettazione nel corso del 2012. Inoltre, la perdurante crisi del settore immobiliare continua a determinare minori richieste di nuovi allacciamenti. Nel ciclo idrico Integrato AcegasAps ha investito 6,6 milioni di euro, che sono stati realizzati per 3,2 milioni di euro nell’acquedotto, per 2,4 milioni di euro nella fognatura e per 1,0 milioni di euro nella depurazione. Tali investimenti riguardano 2,3 milioni di manutenzioni reti, 3,0 milioni di investimenti in impianti, oltre a 1,3 milioni di nuovi allacciamenti realizzati.     29
  34. 34. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Ciclo Idrico Integrato (mln €) 30-giu-12 30-giu-13 Var. Ass. Var. % Acquedotto 20,3 22,5 +2,2 +10,8% Depurazione 11,7 7,0 -4,7 -40,2% Fognatura 7,7 11,3 +3,6 +46,8% Totale Ciclo Idrico Integrato 39,7 40,8 +1,1 +2,8% Nell’area ambiente gli interventi di mantenimento e potenziamento sugli impianti esistenti sul territorio ammontano complessivamente a 20,2 milioni di euro, di cui 0,8 milioni realizzati da AcegasAps. In particolare, sugli investimenti Hera nelle diverse filiere si evidenzia: il decremento degli investimenti su compostaggi e digestori (-0,9 milioni di euro) comprensivo della realizzazione degli impianti con tecnologia Dry-fermentation di Rimini e Lugo, ormai in fase di completamento; il lieve incremento degli investimenti sulle discariche (+0,2 milioni di euro) dove la realizzazione del 7° settore 1C RA e la realizzazione delle vasche meteoriche compensa gli interventi di impermeabilizzazione, approntamento e viabilità sulle discariche Tre Monti e Pago effettuate nello stesso periodo dell’anno 2012; l’aumento degli investimenti sulla filiera wte (+1,5 milioni di euro) che comprende l’allargamento della base impiantistica con l’impianto della società Energonut (+2,3 milioni di euro) e una riduzione degli altri interventi prevalentemente attribuibile al revamping dell’impianto Preselettore di Forlì che nel 2013 risulta essere in fase di conclusione; la riduzione degli investimenti in impianti per il trattamento di rifiuti speciali (-2,1 milioni di euro), principalmente dovuta alla realizzazione dell’impianto di disidratazione fanghi Ravenna ormai in fase conclusiva e agli interventi manutentivi e di adeguamento normativo effettuati nel 2012; i maggiori investimenti negli impianti di selezione (+1,5 milioni di euro) che riguardano il revamping dell’impianto di Modena e l’avvio lavori per la realizzazione dell’impianto di Bologna, entrambi gestiti dalla società Akron. AcegasAps ha effettuato investimenti nell’area ambiente per 0,8 milioni di euro, di cui 0,5 milioni nella filiera wte e 0,3 milioni in altri impianti. Ambiente (mln €) 30-giu-12 30-giu-13 Var. Ass. Var. % Compostaggi/Digestori 4,9 4,1 -0,8 -16,3% Discariche 4,2 4,4 +0,2 +4,8% WTE 4,5 6,4 +1,9 +42,2% Impianti RS 3,3 1,2 -2,1 -63,6% Mercato 0,5 0,1 -0,4 -80,0% Isole Ecologiche e attrezzature di raccolta 1,7 1,3 -0,4 -23,5% Impianti trasbordo, selezione e altro 1,1 2,7 +1,6 +145,5% Totale Ambiente 20,2 20,2 +0,0 +0,0% Gli investimenti nell’area altri servizi ammontano a 10,3 milioni di euro di cui 4,7 realizzati AcegasAps. Relativamente agli interventi Hera, si evidenziano, nell’ambito delle telecomunicazioni, gli investimenti in rete (2,8 milioni di euro) e in servizi tlc e idc (1,8 milioni di euro), mentre la voce “altro” include nell’anno precedente gli investimenti nei servizi cimiteriali. AcegasAps ha realizzato 4,7 milioni di euro di investimenti, che riguardano prevalentemente il settore Illuminazione pubblica e semaforica per 2,0 milioni di euro e gli investimenti della società controllata Sinergie.     30
  35. 35. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Altri Servizi (mln €) 30-giu-12 30-giu-13 Var. Ass. Var. % TLC 4,6 4,9 +0,3 +6,5% Illum. Pubblica e Semaforica 0,5 2,8 +2,3 +460,0% Altro 1,0 2,7 +1,7 +170,0% Totale Altri Servizi 6,1 10,3 +4,2 +68,9% Gli investimenti nell’ambito della struttura centrale riguardano gli interventi immobiliari di realizzazione delle nuove sedi che sono in diminuzione rispetto all’esercizio precedente, oltre agli investimenti nei sistemi informativi e quelli per il mantenimento del parco mezzi aziendale. Gli “altri investimenti” comprendono il completamento dei laboratori e delle strutture di telecontrollo. Struttura Centrale (mln €) 30-giu-12 30-giu-13 Var. Ass. Var. % Interventi immobiliari 17,9 11,1 -6,8 -38,0% Sistemi informativi 5,8 5,8 +0,0 +0,0% Flotte 5,0 4,2 -0,8 -16,0% Altri investimenti 1,0 1,0 +0,0 +0,0% Totale Struttura Centrale 29,8 22,0 -7,8 -26,2% 31
  36. 36. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  1.03.02 Quadro regolatorio e ricavi regolamentati Normativa di riferimento I servizi gestiti dal Gruppo Hera sono regolati amministrativamente da diversi attori istituzionali. Mentre l’Aeeg regola la distribuzione e la vendita di gas ed energia elettrica e, dal 2012, il servizio idrico integrato, nei Servizi Pubblici Locali il legislatore non ha istituito un sistema regolatorio unico a livello nazionale. I poteri in materia di regolazione e di affidamento dei servizi sono di pertinenza degli enti locali, che li esercitano anche per il tramite delle autorità territoriali ottimali (ATO). La normativa dei Servizi Pubblici Locali, durante il primo semestre del 2013, è stata oggetto essenzialmente di operazioni di sistematizzazione e consolidamento. La chiarezza del quadro normativo è fondamentale per promuovere lo sviluppo di un settore come quello dei servizi pubblici locali, che ha un importante ruolo nel favorire la crescita economica e la ripresa degli investimenti nei territori; per questo motivo, nell’aprile 2013 è stata approvata da un tavolo di lavoro interministeriale la Rassegna Normativa della giurisprudenza nazionale ed europea applicabile ai servizi pubblici locali di rilevanza economica. Il documento è frutto del lavoro svolto dal Ministero dello Sviluppo Economico (MSE) in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e Invitalia. Il lavoro è articolato in quattro titoli che contengono la disciplina e gli orientamenti giurisprudenziali in tema di organizzazione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Il documento contiene anche tre capitoli inerenti le discipline specifiche dei settori idrico, trasporti pubblici e rifiuti. Sul fronte degli affidamenti, la Rassegna Normativa ricorda che la sentenza 199/2012 della Corte Costituzionale, dichiarando illegittimo l'articolo 4 del DL 138/2011, ha lasciato i servizi pubblici locali privi di una specifica disciplina nazionale di carattere generale. Allo stato attuale, trova applicazione il Trattato di Funzionamento dell’Unione Europea che stabilisce che la gestione diretta dei SPL da parte dell’ente pubblico è ammessa solo se le regole di libera concorrenza sono di ostacolo alla speciale missione di servizio pubblico. La gara per l’affidamento dei SPL è da considerarsi come la procedura principale e sempre preferibile, mentre l’affidamento in house è possibile solo sotto determinate condizioni (ad esempio è richiesto che la maggior parte dell’attività sia svolta a favore dell’ente affidante, e quindi della comunità locale). Sempre nell’ottica di consolidare il perimetro normativo dei servizi pubblici locali, nel maggio 2013 la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha reso disponibili le linee guida per l’individuazione dei principi e degli elementi minimi da inserire nei contratti di servizio e nella carta della qualità dei servizi stessi. Sul fronte ambientale la novità normativa di maggior interesse riguarda la riforma del tributo comunale sui rifiuti (TARES), disciplinato, inizialmente, dall’articolo 14 del DL 201/2011, modificato poi dalla legge di Stabilità 2012, e regolato, infine, per il solo anno 2013, dal DL 35/2013, che, all’articolo 10, ne stabilisce l’ammontare, nonché le modalità e le tempistiche di versamento. Il Decreto rimanda ai Comuni la decisione sul numero di rate e relative scadenze. Le modalità di versamento previste dal Decreto consistono in modelli di pagamento precompilati già predisposti per TARSU e TIA, ad eccezione dell’ultima rata del tributo che deve essere versata tramite modello F24 o bollettino di conto corrente postale. L’ultima rata prevede inoltre una maggiorazione del tributo che è destinata allo Stato. Il Decreto prevede infine che i comuni, ancora per il solo anno 2013, possano affidare la riscossione del tributo ai soggetti che al 31/12/2012 erano affidatari del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Il DL 35/2013, quindi, regola le modalità applicative della TARES per l’anno 2013, mentre successivamente, a regime, dovrebbe valere quanto disposto dalla Legge di Stabilità 2012. È pur vero però che in Parlamento è allo stato attuale in discussione la riforma dell’Imposta Municipale Unica (IMU) prevista dal DL 54/2013 che prevede, tra le altre eventualità, la creazione di un “maxi-tributo” sui servizi, comprendente anche il tributo sui rifiuti. 32
  37. 37. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  Un altro tema ampiamente dibattuto dal punto di vista ambientale riguarda il sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI), i cui processi di applicazione operativa sono stati riavviati dal DM 20 marzo 2013 dopo un lungo congelamento normativo. Il DM prevede, in particolare, che i gestori di rifiuti speciali pericolosi completino o aggiornino la propria iscrizione al sistema entro il 30 settembre 2013 per garantire l’operatività del SISTRI dal 1° ottobre. È tuttavia da rimarcare come le consultazioni da poco concluse dal Ministero del Ambiente, abbiano rilevato un diffuso sentimento di critica da parte di imprese ed altri stakeholder in merito a tale sistema che produce un eccessivo sovraccarico organizzativo per tutti gli operatori della filiera. Infine, è da segnalare che nel corso del semestre è progredita la predisposizione, da parte della Regione Emilia Romagna, del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti (PRGR): il 25 marzo 2013 la Giunta regionale ha approvato il documento preliminare del PRGR, posto in consultazione fino a inizio giugno 2013. Il Documento, oltre a ribadire la necessità di perseguire gli obiettivi di raccolta differenziata (RD), di minimizzare il conferimento in discarica e di raggiungere un’autosufficienza regionale per lo smaltimento dei rifiuti, ha tracciato uno scenario al 2020 caratterizzato da un decremento della produzione pro capite di rifiuti pari al 25%, dal raggiungimento di RD del 70% e da un corrispondente recupero di materia pari al 60%. Il Gruppo Hera ha attivamente preso parte ai Tavoli di consultazione organizzati dalla Regione ribadendo la necessità di garantire un utilizzo ottimale degli impianti esistenti e di assicurare tariffe sostenibili per l’utenza. Entro fine estate è previsto che la Regione pubblichi una prima versione del PRGR che, dopo le consultazioni con gli Enti Locali, confluirà nella versione definitiva attesa per fine anno. Sul fronte energetico, nel corso del primo semestre 2013 è proseguita la riforma dello stoccaggio gas, i cui criteri di allocazione sono stati rivoluzionati con il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (MSE) del 15 febbraio 2013. In base a detto decreto, una parte dei volumi destinati al servizio di modulazione, pari a 2,5 miliardi di mc, sarà assegnato tramite asta. Sempre tramite asta sarà assegnata una quantità di 1,7 miliardi di mc destinata a qualunque soggetto ne faccia richiesta, anche se non fornitore di clienti civili. Per quanto riguarda l’incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili e l’efficienza energetica, nel primo semestre 2013 si sono susseguiti una serie di disposizioni attuative dei DM pubblicati il 28 dicembre 2012. Di tali decreti, uno norma l’incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni, l’altro determina gli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell’energia elettrica e gas per il triennio 2013-2016, potenziando il meccanismo dei certificati bianchi. Ancora in ambito energetico, l’intervento normativo di maggior rilievo per le attività del Gruppo, è rappresentato dal recente DL 69/2013, c.d. “Decreto del Fare”, del giugno 2013, che contiene numerose misure volte a stimolare la crescita economica del paese sia attraverso politiche attive e di incentivo alle imprese che attraverso misure di contenimento dei costi e degli oneri in capo ad esse. Riguardo al settore energetico gli ambiti di intervento sono sostanzialmente quattro:  il Decreto ha ridotto il perimetro dei clienti che possono usufruire delle condizioni di tutela gas, riservando il mercato di tutela ai soli clienti domestici;  in merito ai procedimenti di gara per l’assegnazione delle nuove concessioni di distribuzione gas, il Decreto ha introdotto una proroga di quattro mesi dei termini per l’indizione del bando di gara per gli ambiti territoriali compresi nei due raggruppamenti con scadenza più ravvicinata tra quelli previsti dalla normativa vigente. Ulteriore elemento di novità è rappresentato dall’eventuale intervento del Ministero dello Sviluppo Economico per la nomina di un commissario ad acta, qualora, decorsi quattro mesi dalla scadenza dei termini, le Regioni non abbiano ancora indetto il bando di gara. Infine, in caso di mancato rispetto dei termini da parte degli Enti locali è previsto che il 20% degli 33
  38. 38. Gruppo Hera – Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013    Approvata nel CdA di Hera Spa del 28 agosto 2013  oneri spettanti alla Stazione Appaltante siano destinati alla riduzione delle tariffe dell’ambito territoriale corrispondente;  riguardo alla c.d. “Robin Tax”, cioè la maggiorazione dell’IRES applicata ai soggetti operanti nel settore energetico, viene esteso il perimetro delle imprese soggette all’addizionale, abbattendo le soglie minime di fatturato e imponibile per l’applicazione della stessa. Le conseguenti maggiori entrate saranno destinate alla riduzione della componente “A2” della tariffa elettrica, a copertura dei costi sostenuti per lo smantellamento delle centrali nucleari e la chiusura del ciclo del combustibile, seppure in subordine alla copertura finanziaria di determinati provvedimenti di spesa previsti dallo stesso Decreto;  infine, riguardo alla valorizzazione della remunerazione degli impianti di produzione in regime CIP6, è previsto che per il 2013 il valore del Costo Evitato di Combustibile (CEC) venga determinato sulla base del paniere di riferimento con un peso dei prodotti petroliferi progressivamente ridotto nel corso dell’anno. Dal 2014 il CEC verrà determinato trimestralmente sulla base del costo di approvvigionamento del gas. Allo stato attuale, il Decreto è all’esame della Camera per l’approvazione della legge di conversione. Regolazione dell’Autorità per l’Energia Elettrica e Gas e Servizio Idrico Integrato Con riferimento al settore gas il primo semestre 2013 ha visto la pubblicazione di provvedimenti e documenti di consultazione significativi sia per l’attività di distribuzione che di vendita. In merito alla distribuzione, nel corso del semestre, l’Autorità ha pubblicato due documenti di consultazione inseriti nel procedimento volto alla definizione del quarto periodo di regolazione tariffaria dei servizi di distribuzione e misura del gas, di significativa importanza anche alla luce del prossimo avvio dei procedimenti di gara per l’assegnazione delle concessioni per la distribuzione, previsto dalla normativa primaria. Con riferimento alla regolazione tariffaria, come peraltro a quella della qualità, si ricorda che nel 2013 è stato prorogato, e quindi è attualmente in vigore, il terzo periodo di regolazione (2009 - 2012). Con la pubblicazione del documento di consultazione 56/2013/R/gas, l’Autorità espone le proposte sui criteri di determinazione del costo riconosciuto. Fra i punti principali sono certamente da citare: • l’estensione da quattro a sei anni (2014 - 2019) del periodo regolatorio, che risponderebbe alla finalità di coprire metà della durata delle concessioni oggetto delle suddette gare. In questo contesto, nei sei anni rimarrebbero invariati struttura e criteri fondamentali di riconoscimento dei costi, mentre sarebbero aggiornati, con cadenza biennale, alcuni dei parametri finanziari e di scenario alla base del tasso di remunerazione del capitale e, con cadenza triennale, sarebbero adeguate le dinamiche di aggiornamento dei costi operativi; • la graduale introduzione del prezziario standard per il riconoscimento tariffario degli investimenti, MEAV (Modern Equivalent Asset Value), con effetto dagli investimenti del 2014 per le categorie maggiormente “standardizzabili”; • la rimodulazione delle regole per il trattamento in tariffa dei contributi percepiti, che nel sistema tariffario vigente sono decurtati dal Capitale Investito, a fronte del riconoscimento tariffario di una quota ammortamento al lordo dei contributi stessi; • nuovi criteri di riconoscimento dei costi operativi, dove, anche in vista delle nuove concessioni per ambiti territoriali minimi, si ipotizza ancora l’utilizzo di un costo standard, ma non più basato sulle due variabili dimensione/densità d’utenza bensì dipendente solo dalla densità; 34

×