• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Pagano_ Mambrini _ I N T E C S
 

Pagano_ Mambrini _ I N T E C S

on

  • 1,491 views

VM05 - Vertical Markets:Fleet

VM05 - Vertical Markets:Fleet
Orario 09.30 – 13.00
Sala 2

SPECIAL
AVL/AVM & FLEET MANAGEMENT

Statistics

Views

Total Views
1,491
Views on SlideShare
1,485
Embed Views
6

Actions

Likes
0
Downloads
16
Comments
0

1 Embed 6

http://www.slideshare.net 6

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Pagano_ Mambrini _ I N T E C S Pagano_ Mambrini _ I N T E C S Presentation Transcript

    • Il Progetto IPERMOB in Toscana Raffaella Mambrini Paolo Pagano Intecs SpA RETIS lab, SSSA Pisa Pisa
    • Mobilità e Accessibilità (1/4) Numero di autovetture Traffico Vetture - km Persone per vettura km Mobilità Viaggi per vettura Destinazioni raggiunte Accessibilità 1970 anni 2000 * Fonte OCSE Cortesia di 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 2 Luciano Niccolai Paolo Pagano (SSSA)
    • Mobilità e Accessibilità (2/4) Processi spesso non controllabili come il Traffico possesso di autovetture comportamenti indotti da mode Processi solo parzialmente controllabili Mobilità come il tasso di utilizzo delle autovetture assetto territoriale esistente Processi molto controllabili tramite Accessibilità destinazione delle funzioni, educazione, incentivazione nuovi comportamenti etc assetto territoriale futuro Cortesia di 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 3 Luciano Niccolai Paolo Pagano (SSSA)
    • Mobilità e Accessibilità (3/4) – La Città Accessibile • insieme di progetti infrastrutturali come pedonalità ciclabilità, abbattimento barriere architettoniche urbanistiche ed edilizie nonché di progetti di usabilità e fruibilità come introduzione dei servizi via web; – La Città Monitorata • insieme di progetti relativi a nuove procedure di coordinamento delle sale di ascolto, di gestione dei reclami dei cittadini , di conoscenza dei bacini di utenza e delle modalità di fruizione, del giudizio dei cittadini Cortesia di 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 4 Luciano Niccolai Paolo Pagano (SSSA)
    • Mobilità e Accessibilità (4/4) Infrastrutture a disposizione dell’ente locale: Istat 2001 Regione Reti Reti Auto 67% ciclo/pedonali ciclo/pedonali Ferro 11% TPL 11% Reti TPL Reti TPL Piedi 3% integrate integrate Bici 3% ferro/gomma ferro/gomma Modifica della Altro 5% Ripartizione Modale Infrastrutture ee Infrastrutture servizi di city servizi di city Piano Regionale della Mobilità e logistics della Logistica (PRML) logistics + 70 % passeggeri TPL al 2010 + 150% passeggeri TPL al 2015 Informazioni on Informazioni on …... line ed off line line ed off line Reti integrate interconnesse; Soglia critica di impatto funzionale Cortesia di 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 5 Luciano Niccolai Paolo Pagano (SSSA)
    • Intelligent Transport Systems • Per "sistemi di trasporto intelligenti (Intelligent Transport System, ITS)", si intendono sistemi nei quali sono applicati tecnologie dell'informazione e della comunicazione a sostegno del trasporto stradale (in particolare infrastruttura, veicoli e utenti) e delle interfacce con altri modi di trasporto. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 6 Paolo Pagano (SSSA)
    • ...nel campo della infomobilità... Criticità dello stato dell’arte consistenti : • limitazione delle applicazioni di sistemi di infomobilità ai sistemi chiusi e “ricchi”: – autostrade e principali aree metropolitane; • alto costo dei dispositivi di ricerca stradale rilevazione e trattamento dei dati; • mancanza di interoperabilità: – application specificity. • trascuratezza degli human factors: – fruizione dell’output dei sistemi; gestione aree di sosta – qualità dell’informazione fornita (attendibilità, pertinenza, aggiornamento). piani 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 7 anti-congestione Paolo Pagano (SSSA)
    • Infrastruttura Pervasiva Eterogenea Real-time per il controllo della MOBilità IPERMOB gestione aree di sosta ricerca stradale piani Layer di Utente Finale anti-congestione Tier-2 sviluppo dei modelli di Middleware di Mobilità traffico basati (Metropolitan Information bus) su dati reali Tier-1 Rete di raccolta dati 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 8 Pervasiva ed Eterogenea Paolo Pagano (SSSA) Tier-0
    • Composizione della collaborazione • Scuola Superiore Sant’Anna, soggetto capofila: – Sistemi Embedded; – Reti di Sensori. • Evidence s.r.l.: – Prototipazione e trasferimento tecnologico per i dispositivi di raccolta dati. • ISTI-CNR, Pisa: – Algoritmiche di Image Processing; – Strutturazione dell’informazione. • Intecs S.p.A., Pisa: – Ingegnerizzazione del sistema; – Infrastruttura di comunicazione; – Centro Servizi e controllo; – Dimostratore. • Aleph Progetti s.r.l., Firenze: – Modelli di trasporto. • SAT S.p.A. (Aeroporto di Pisa), ente ospitante. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 9 Paolo Pagano (SSSA)
    • Che cos’è IPERMOB E’ un sistema informativo distribuito che si propone l’ottimizzazione della catena formata da: • sistemi di raccolta dati; • sistemi di elaborazione, gestione e controllo on-line (sale di monitoraggio, processi di esazione/autorizzazione, informazione); • sistemi off line di valutazione e supporto ai processi di pianificazione e programmazione dei cambiamenti; • sistemi informativi diretti al cittadino ed alle autorità di gestione e regolamentazione della circolazione stradale. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 10 Paolo Pagano (SSSA)
    • Finalità di IPERMOB Per quale scopo? • rendere più fluida la circolazione stradale nel sistema viario aeroportuale riorganizzando le risorse e fornendo servizi informativi aggiuntivi al cittadino; • effettuare un’analisi di fattibilità tecnologica ed una stima realistica dei costi su scala cittadina che fornisca servizi informativi agli utenti ed agli operatori di mobilità sull’accesso ai punti di interesse ed alle arterie viarie e sulla disponibilità di parcheggi su strada. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 11 Paolo Pagano (SSSA)
    • Che cos’è IPERMOB (1/2)? • prototipo di “Sistema integrato a supporto delle decisioni”: – ottimizzazione dei processi decisionali di soggetti molto diversi (utenti, gestori, municipalità); • modello di integrazione tecnologica: – confluenza di diverse tecnologie e domini applicativi; • sistema “cost-effective”, scalabile, ricollocabile: – facendo uso della tecnologia wireless a basso impatto ambientale. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 12 Paolo Pagano (SSSA)
    • Che cos’è IPERMOB (2/2)? • sistema aperto, standard, inter- operabile e fruibile: – nessuna tecnologia di comunicazione proprietaria; – basso costo per fruire dei servizi, nessuna infrastruttura. • sistema high-tech: – tecnologie di avanguardia basate sull’imaging distribuito e sulla comunicazione wireless. • factory di nuovi modelli di previsione del traffico: – supporto di dati reali di precisione per lo sviluppo dei modelli di mobilità. • sistema informativo applicato (Aeroporto “G. Galilei” di Pisa): – ottimizzazione delle risorse (parcheggi ed accessi) nel sedime aeroportuale. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 13 Paolo Pagano (SSSA)
    • IPERMOB su scala cittadina Con IPERMOB si inserisce l’aeroporto fra gli “attrattori” metropolitani per sviluppare servizi di mobilità per il cittadino: • “in viaggio” verso l’aeroporto (es. tempo di percorrenza, uscita consigliata, etc.); • in cerca di parcheggio (es. disponibilità di stalli in tempo reale); • diretto verso altri attrattori (es. la stazione ferroviaria). 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 14 Paolo Pagano (SSSA)
    • IPERMOB: l’architettura del sistema (1/3) • Tier-0 (raccolta dati): – nodi sensore embedded, programmabili, equipaggiati con transceiver in R/F e fotocamere CMOS; – protocolli di comunicazione standard per le reti di sensori (IEEE 802.15.4 / ZigBee, 2.4 GHz); – protocolli di comunicazione standard per le reti veicolari (IEEE 802.11p, 2.4 GHz); – protocolli di comunicazione standard per il backhaul (IEEE 802.11h, 5GHz). 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 15 Paolo Pagano (SSSA)
    • IPERMOB: l’architettura del sistema (2/3) • Tier-1 (trasmissione ed aggregazione dati): – aggregazione dei dati letti dai sensori in informazioni di alto livello attraverso tecniche di OLAP e Data Warehousing; – strutturazione dell’informazione su DBMS; – fruibilità dell’informazione per applicativi e servizi. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 16 Paolo Pagano (SSSA)
    • IPERMOB: l’architettura del sistema (3/3) • Tier-2 (Centro Servizi e Controllo): Gestione sistema – orientato al cittadino e Monitoraggio telecamere all’autorità di gestione (con due diversi profili di DBMS / INTRANET Data Elaborazione dati statistici utenza); Warehouse SERVER WEB/APPLICAZIONI – notifica situazione traffico e disponibilità parcheggi. INFRASTRUTTURA DI COLLEGAMENTO Previsione traffico – accesso alle serie storiche; INTERNET – previsione basata su Ricerca parcheggi modelli; SENSORI DATI DA VIDEOCAMERE HOTSPOT WIFI – controllo del sistema di Notifica situazione traffico sicurezza. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 17 Paolo Pagano (SSSA)
    • Prospettive • Portare l’esperienza di IPERMOB sulla Logistica delle merci in Toscana per stabilire una infrastruttura di dati sul movimento dei veicoli commerciali; • Estendere l’esperienza di IPERMOB su superfici più ampie per la gestione del traffico sulle infrastrutture di inter-comunicazione pan- europeee. 16 Ott. 2009 Raffaella Mambrini (Intecs) e 18 Paolo Pagano (SSSA)