Finanziare l’innovazione per
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Finanziare l’innovazione per

on

  • 680 views

Intervento di Tomaso Marzotto Caotorta

Intervento di Tomaso Marzotto Caotorta

Statistics

Views

Total Views
680
Views on SlideShare
677
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

2 Embeds 3

http://www.bbfeurope.com 2
http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Finanziare l’innovazione per Finanziare l’innovazione per Presentation Transcript

  • ROMA, 4/12/2008 BROADBAND BUSINESS FORUM “Finanziare l’innovazione per crescere” Tomaso Marzotto Caotorta – Segretario Generale Associazione IBAN www.iban.it
  • Ambiti dell’Innovazione Prodotto Processo Organizzativa Mercato
  • Il Capitale di rischio Private Equity Generalmente partecipazione di maggioranza Lifestyle - Old-Economy Bassa visione imprenditoriale Venture Capital Generalmente partecipazione di minoranza Innovazione – “New-Economy” Forte visione imprenditoriale Business Angels Interventi di vario tipo, ma di piccola taglia Elevato coinvolgimento nella gestione Forte visione imprenditoriale
  • THE ENTERPRISE FINANCING PROCESS Grow th Financing High needs Risk .O MARKET I.P GAP it y Equ MARKET al r m re GAP Fo ntu al ES Ve apit TI c AN nk AR Ba ans GU Lo d ai s or es ct in ls se s e ic Bu ng bl A Pu ed l Se pita Ca Low ur ; Risk e ne ep , tr ily En m nds Fa ie Fr SEED STAR T-UP PH ASE E ARLY GROWTH EXP ANSION Financing stage
  • LA FIGURA DEL B.A. DEFINIZIONE I BA O INVESTITORI INFORMALI DI CAPITALE DI RISCHIO, SONO PERSONE FISICHE CHE INTERVENGONO A LIVELLO PRIVATO OLTRE AD APPORTARE CAPITALE OFFRONO ANCHE LA LORO ESPERIENZA GESTIONALE PER LO SVILUPPO DI PROGETTI D’IMPRESA, PER LO PIU’ IN FASE DI START-UP
  • IL SISTEMA A RETE DI IBAN Nel corso degli anni IBAN ha costituito un vero e proprio ISTITUZIONI SERVIZI ALLE “relationship network” che FINANZIARIE IMPRESE mette a fattore comune le competenze e le esperienze di enti ed operatori di settore e cross sector che coprono tutta la IBAN “value chain” della CENTRI DI BUSINESS ANGELS SVILUPPO “early stage phase” TECNOLOGICO In questo modo IBAN riesce a PARTNER NAZIONALI E sostenere efficacemente le start INTERNAZIONALI up nel processo di crescita e di creazione del valore
  • RETE IBAN IBAN Soci isolati, autonomi BAN classico BAN tematico, con Club di Angel ed operativi territoriale operatività nazionale/ Investors plurisettoriale internazionale
  • il mercato del capitale di rischio informale in Italia 2004-2007: numero investimenti e controvalore 25.000 105 120 Controvalore investimenti (€ '000) 20.000 100 Numero investimenti 70 19.500 80 15.000 60 10.000 35 11.600 40 5.000 12 8.100 20 0 1.300 0 2004 2005 2006 2007 Controvalore investimenti Numero investimenti Rilevazione IBAN, Survey 2007
  • LA FIGURA DEL B.A. PERCHE’ UTILIZZARE UN BA ? Perché non ti costa niente Perché ti porta dei soldi Perché ti porta delle competenze e delle conoscenze Perché farà di tutto perché il business vada bene, per potere recuperare i suoi soldi
  • Siamo pronti per PRESENTARSI A UN BA ?
  • Problema “la asimmetria informativa” tra Domanda e Offerta Sul piano sostanziale: I portatori di progetto non sono in grado di accedere al capitale La finanza di rischio non è attrezzata per esaminare micro-progetti Sul piano culturale: percezione del ruolo che gli imprenditori hanno dei Business Angels le attese e le esigenze dei Business Angels
  • Logiche di valutazione di un BA L’aspetto umano del proponente Capacità di ascolto Flessibilità Disponibilità a modificare le proprie strategie Sapere apprezzare ed accogliere le competenze del BA in termini di gestione, di mercato e di relazioni Trasparenza del rapporto
  • Logiche di valutazione di un BA L’aspetto economico/finanziario L’analisi del progetto è fatta secondo i sistemi classici: Consistenza effettiva del mercato Vantaggio competitivo reale Piano realistico di sviluppo Tecnologia disponibile Finanza richiesta è sufficiente per raggiungere obiettivi attesi
  • Come presentarsi al BA ? Elevator Pitch 1 L’idea 2 Background del progetto 3 Modello di business Chi sei Il management team Il vantaggio competitivo Descrizione qualitativa dell’idea I risultati ottenuti Il mercato di riferimento Quali bisogni della clientela soddisfi Il posizionamento rispetto ai competitors 4 Prospettive future 5 Financing Strategia di sviluppo Proiezioni finanziarie SWOT Analysis Il piano di investimenti Il contributo del Business Angel Exit strategy per l’investitore
  • L’intervento di un BA: cosa chiede e cosa offre ? I pro e i contro degli investimenti dei Business Angels Caratteristiche dei Business Angels Caratteristiche dell’investimento Bonus aggiuntivi • Valore aggiunto (manageriale) • Investimenti ridotti, solitamente • Investimenti con effetto leva verso nella fase di early stage altri finanziatori • Presenti su tutto il territorio • Interesse verso qualsiasi settore, con • Fornitori di garanzie • Informalità preferenza per i settori high tech VANTAGGI Business Angels SVANTAGGI Possibili divergenze in Track record e Disponibilità di capitale Potere decisionale nella termini di strategia e competenze ridotte nuova società obiettivi difficilmente valutabili Fonte: Osnabrugge, M.V and Robinson R.J, “Angel Investing”, 2000
  • Quaderno IBAN Guida Pratica allo sviluppo di progetti imprenditoriali Avviare un’impresa con il sostegno del Business Angel Con il patrocinio di: A cura di:
  • Tomaso MARZOTTO CAOTORTA: Nato a Lentate sul Seveso (MI) nel 1945, laurea in Scienze Politiche; Una esperienza manageriale diversificata, dapprima nel Gruppo Montefibre in Italia ed all'estero, poi come Direttore del Settore Economico di importanti Associazioni Territoriali di Confindustria e di Sistema Moda Italia; Tomaso è stato anche Temporary Manager ed ha collaborato con prestigiose società di quot;management consultingquot;. Già presidente del Gruppo Centenari & Zinelli, quotato alla Borsa Italiana; attualmente è il Direttore del Corso “Istud Entrepreneurship Programme. Tomaso è il fondatore del primo Club italiano di Angels Investors. Socio Fondatore e Segretario Generale IBAN dal 1999. Sede operativa - via Borgonuovo 5, 20121 MILANO