GiveMeAChance Editoria Online                                        Il Sale Sulla CodaDai un futuro alle tue passioni    ...
GiveMeAChance Editoria Online                                                       Pag. 2 di 36         GiveMeAChance Edi...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria OnlineResa dei conti .................................................................................
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria Onlinedella provincia di Caserta e che stava estendendo il suo regno anche al cassinate. Non loguar...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                       R...
GiveMeAChance Editoria Onlineacqua spumeggiante e l’invidia di quegli imbecilli che vanno a rovinarsi il fegatopasseggiand...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria Online- Per quello che me n’importa. Se potessi andarmene in giro anche un solo giorno aRoma, a gua...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                       R...
GiveMeAChance Editoria OnlineIntercityAndare a Roma era stato facile e anche prendere la metropolitana, uscire a Piazza di...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria Onlinesera e ignorano, o fanno finta di ignorare, che le loro figliole dalle 8 del mattino alle 8 d...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria OnlineLe prese delicatamente il mento. Emma lo guardava ancora più disperata perché rimanevasola e ...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria OnlineMaria Antonia implorava.- Non posso andare a Napoli stasera! Domani ho una riunione in uffici...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria Onlinechiami tua figlia con la scheda A, la scheda ha un codice che la società telefonica registra,...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                       R...
GiveMeAChance Editoria Online- Sono stata punita, sono stata punita, ho sbagliato e sono stata punita. Quella poverafiglia...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
GiveMeAChance Editoria Onlinesposasse con l’azzurro dei suoi occhi e il rossetto rosso…rosso sulla bella bocca che non sif...
Il Sale Sulla Coda                                                                                                        ...
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Il sale sulla coda - cap.1 - 4
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Il sale sulla coda - cap.1 - 4

489

Published on

Cap. 1 - 4 "Il sale sulla coda"

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
489
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Il sale sulla coda - cap.1 - 4"

  1. 1. GiveMeAChance Editoria Online Il Sale Sulla CodaDai un futuro alle tue passioni di Roberto Marsicano Il sale sulla coda Roberto Marsicano
  2. 2. GiveMeAChance Editoria Online Pag. 2 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  3. 3. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicano IndicePrologo ...............................................................................................5Intercity ............................................................................................12E.U.R. ...............................................................................................17Il piano .............................................................................................25Compravendita...................................................................................36Anna.................................................................................................41Piazza Dante ......................................................................................47Guerra Psicologica ..............................................................................54Sossio ...............................................................................................69Garçonierre .......................................................................................74Fuorigrotta ........................................................................................83L’accordo...........................................................................................86Consiglio di volpi ................................................................................93La bisca........................................................................................... 102La fuga ........................................................................................... 116Un anno dopo .................................................................................. 136Rabbit Hole...................................................................................... 181Free Press ....................................................................................... 191Parioli ............................................................................................. 198Quattro aprilandi .............................................................................. 210‘O russo .......................................................................................... 213Nel cratere ...................................................................................... 216L’indagine........................................................................................ 226I duellanti........................................................................................ 236Marisa............................................................................................. 244Via Palizzi ........................................................................................ 254Nemesi............................................................................................ 260Coroglio .......................................................................................... 268Sospetti .......................................................................................... 271Virus............................................................................................... 275Il liquidatore .................................................................................... 282Viminale .......................................................................................... 296Penne vendute ................................................................................. 300Via Fara .......................................................................................... 311Cecilia ............................................................................................. 318Via Stazio ........................................................................................ 325Alta diplomazia ................................................................................ 329Meglio fare invidia che pietà............................................................... 339La signora Arcari .............................................................................. 347Parco Grifeo..................................................................................... 359Santa Lucia...................................................................................... 378Ninni Paladino .................................................................................. 386O chiattone...................................................................................... 416Il pizzo ............................................................................................ 429Le capere ........................................................................................ 440 Pag. 3 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  4. 4. GiveMeAChance Editoria OnlineResa dei conti .................................................................................. 447Spigno Saturnia ............................................................................... 469Showdown....................................................................................... 482Fort Lauderdale................................................................................ 502Caccia al tesoro................................................................................ 513Incastrato ....................................................................................... 524L’uomo dalle mani di argilla ............................................................... 531Rivelazioni ....................................................................................... 548Capo Posillipo .................................................................................. 558Vomero ........................................................................................... 564Sera sul golfo .................................................................................. 571La padrona del sole .......................................................................... 577Finale di Partita ................................................................................ 583Epilogo............................................................................................ 593 Pag. 4 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  5. 5. Il Sale Sulla Coda Roberto MarsicanoPrologoLa SLK scendeva veloce da Cassino verso Formia. Ingoiava sotto al grande muso la stataleAusonia sinuosa che cercava la via del mare fra le gole dei monti Aurunci come una biscia incerca dell’acqua. Hot N Cold riempiva l’abitacolo e, anche se dovevano tenere la cappottealzata, Emma si godeva quella corsa verso la costa di Gaeta, respirando l’aria profumatadelle campagne che cercavano di sfidare l’azzurro abbagliante del cielo con il verdesfavillante di spighe flessuose che si piegavano alla brezza calda e leggera di quella giornatad’inizio maggio. Nel suo retrovisore il grande monolite bianco dell’abbazia di Montecassinodiventava sempre più piccolo e lontano. In un’altra vita c’era stata in gita con la scuola. Inun’altra vita, quando certe cose come l’arte, la storia, la cultura, l’avevano interessata. Inun’altra vita le piaceva avidamente imparare tutto e, dove le compagne di classe trovavanola gita solo un’occasione per puttaneggiare, per lei era occasione per stare dietro…dietro aisuoi professori per rubare quanto più poteva per soddisfare la sua voglia di imparare. E,siccome era anche la più bella ragazza della scuola, anzi la più bella donna che fosse maiapparsa nel suo paese e forse in tutta la provincia di Caserta, i compagni e le compagneattribuivano alla fregola di imparare della bionda alta e sottile altre fregole più terra…terra epiù vicino a quello che avrebbero fatto loro, anche solo a chiacchiere, per portarsi a casa unbuon voto. In un’altra vita, cinque anni prima. Adesso, per la prima volta, dopo cinque anni,Luciano Vaccariello la portava fuori, al mare.Ogni tanto lo guardava e seguiva lo sguardo nervoso che troppo spesso buttava un occhio alretrovisore. Come una faina in caccia, come un animale braccato si guardava intorno perannusare il pericolo. Non era difficile capire: doveva controllare che la scorta fosse sempreal suo posto. Un enorme SUV ML500 Mercedes nero con i cristalli scuri lo seguiva mentreuna Mercedes C grigia li precedeva aprendogli la strada. Emma si girò di tre quarti, slacciòla cintura di sicurezza, poi, mentre cercava di raccogliere in un elastico i lunghi luminosicapelli pieni di onde dorate, protese le lunghe gambe, il naso e il mento verso Luciano insegno di sfida.- Te miette appaura e perdere a cumpagnia?La mano abbandonata sul cambio lasciò la leva è afferrò la coscia della ragazza poco sopra ilginocchio e strinse. Strinse per farle male. E continuò a stringere mentre una voce sorda eroca, piena di rabbia e di rancore le faceva capire chi comandava e quale posto aveva nelmondo adesso.- Nenne’, primma cosa: mietteta sta sfaccimme e cintura! Nun voglio che me fermanoperché fai a stronza. Siconda cosa: e guaglione stanno per proteggere a me e pure a te,stronza! Pecchè si vonna accirere a me accirene pure a te, stronza e merde. E quannoscennimmo te faccio verè io! Me stai scassando o cazzo! Nenne’, statto o posto tuoio.Lasciò la coscia, la ragazza si rimise la cintura e, come un automa, comincio a guardaredavanti la strada che scorreva veloce. Nemmeno un grido, nemmeno una lacrima. Non pernon dargli soddisfazione, ma perché non ne aveva più la forza. L’ultima frase era la suacondanna: doveva stare al posto suo. Altrimenti non ci sarebbe stato più un posto per lei. Omeglio, il posto per lei sarebbe stato un canale di scolo nelle campagne di Grignano dovel’avrebbe trovata il maresciallo dei carabinieri, bruciata e senza testa.L’uomo la guardò con gli occhi blu pieni di odio e di rabbia.- Mo t’avviso: nun me fa fa figure e merda cu’ don Michele. A me me serve! E capite,nennella!Aveva decifrato da tempo la semantica del suo linguaggio. Il primo “nennella” serviva dainizio dell’incazzatura, poi seguivano schiaffi, pugni, calci, e, se le andava bene, solo unatirata di capelli e feroci pizzicotti che le lasciavano segni blu sulla sua pelle bianca e lisciacome un pashmina. L’ultimo “nennella” chiudeva l’incazzatura e lui ritornava l’uomo che, amodo suo, l’adorava e l’idolatrava come una madonna. Emma non doveva far altro cheesistere e ascoltare perché per il resto non c’era niente che la legasse a Luciano, solo lapaura di non poter più scappare. Maledì nel profondo del suo io il giorno che l’aveva voluto eascoltò come al solito i resoconti degli affari di Luciano, l’uomo che controllava una parte Pag. 5 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  6. 6. GiveMeAChance Editoria Onlinedella provincia di Caserta e che stava estendendo il suo regno anche al cassinate. Non loguardava più, ormai il suo sguardo era fisso sulla Mercedes di scorta, ma niente cancellaval’immagine dell’uomo accanto a lei. Alto, due belle spalle, un fisico curato e senza un filo digrasso, proprio come le diceva quando in slip nero KC si guardava compiaciuto nel grandespecchio dell’enorme sala da bagno della villa dove era signora e prigioniera. “L’ommo addaessere commo o prosutto: senza nu file a grasso”. Poi entrava nella grande jacuzzi, piena diprofumata costosa schiuma, e cominciava una lenta manovra verso la donna che aspettavasolo che quella squallida zarzuela finisse come al solito. Quelle poche volte che si sentivaabbastanza sicuro che non ci fosse in giro gente che lo volesse ammazzare o carabinieri chelo volessero interrogare, e perciò poteva farle visita, c’era sempre il rito di lui che cercava diavere un rapporto con la donna. Un qualsiasi tipo di rapporto sessuale. Ma fin dal primomomento di intimità, quando aveva pensato di essere al culmine della felicità per avereavuto quell’uomo bellissimo e gentile, Luciano Vaccariello, un uomo spietato e feroce, cheaveva deciso e poteva decidere della vita di chiunque, un uomo che valeva diverse centinaiadi milioni di euro, non era mai stato capace di avere un’erezione con la donna. E lei erarimasta prigioniera dell’impotenza di quell’uomo così potente che non poteva permettersi diliberare una che avrebbe potuto raccontare al mondo che non era mai stato capace diaverla. Nell’iconografia della camorra un guappo “che fa acqua a pippa” è peggio di unguappo ricchione. Ovviamente Emma in quegli anni aveva anche avuto una conoscenza nonbanale degli affari dell’uomo. Aveva ormai capito come funzionava la ben oliata macchinaillegale. Bastava ascoltare le conversazioni con i suoi uomini o con gli altri camorristi chevenivano invitati per poter permettere a Luciano di mostrare il suo miglior trofeo, il simbolodel suo successo, la più bella donna della zona, l’unica cosa che i suoi comparielli nonpotevano avere. Potevano comprarsi la Porsche di moda, potevano avere soldi come i suoi opiù dei suoi, potevano avere contatti con politici più importanti di quelli che conosceva lui.Ma nessuno di loro aveva Emma e perciò godeva di poterla mostrare, vestita sempre comeuna star del cinema. Vestiti monacali, con lunghi spacchi verticali sul busto che dovevanofar capire come quei seni fossero naturali, o traforati di pizzo che mostravano le lunghegambe perfette. Ma il mostrarla era la sua unica soddisfazione perché quando le siavvicinava tutta la voglia spariva. Diventava un non uomo e perciò cercava un qualsiasipretesto per vendicarsi di quella bellezza che non poteva avere. Ogni minima mancanzascatenava la sua violenza. Gli uomini nel cortile sentivano le urla, i mobili spostati, le corsedisperate per sottrarsi alla furia, ma nessuno poteva intervenire. Emma prendeva un po’ dimazzate, ma Luciano non l’avrebbe né uccisa né sfigurata. Ma, se fossero intervenuti, perloro non ci sarebbe stato un futuro. Potevano anche andare a rifugiarsi nel comando deiCarabinieri di Napoli, nel profondo della caserma di piazza Carità, ma prima o poi, lavendetta di Luciano li avrebbe raggiunti. Lei aveva cercato in ogni modo di aiutarlo asuperare il problema. Al principio perché lo amava e perché non sapeva ancora bene chifosse quel giovane così bello e gentile che l’aveva conquistata quando lei aveva appena 22anni e stava per laurearsi. Poi aveva accettato ogni tentativo dell’uomo di superare la suaimpotenza per poter sopravvivere. Aveva anche accettato di vederlo sul suo letto insieme adun’altra donna, una pseudo modella, una sgualdrinella che sapeva come si lavora un uomo.Emma aveva visto finalmente la sua virilità all’opera con l’altra donna, ma non appenaLuciano aveva cercato di prendere anche lei era ritornato l’impotente di sempre. Piano,piano tutto era diventato squallido, laido e sporco: puttane nere sempre troppo allegre,ragazzine albanesi troppo magre, ucraine che puzzavano di troppo limoncello, filmpornografici, riviste con tutte le forme di depravazione, tutto per tentare un impossibileapproccio a quella donna che lo schiacciava con la sua bellezza ma anche con la suaintelligenza. Qualsiasi cosa era buona per eccitarsi e poi incazzarsi perché l’eccitazionespariva non appena si avvicinava. E così, un giorno dopo l’altro, una confidenza oggi, unamezza terribile frase carpita domani, Emma aveva scoperto chi era Luciano. Era l’uomo chetranquillamente le stava spiegando che andavano a un incontro con un altro boss dellacamorra, don Michele Pepe, che l’aveva invitato sul suo nuovo motoscafo perché dovevanomettersi d’accordo e, siccome era uno che a Napoli contava assai, non poteva rifiutare. E aLuciano non sarebbe passato neanche per l’anticamera del cervello di non accettare l’invito Pag. 6 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  7. 7. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicanodi don Michele, detto O’chivas per il suo amore per i cocktail a base di whisky e coca, nelsenso non della frizzante bevanda di Atlanta, ma della cocaina di cui era importatore,distributore e consumatore, il tutto all’ingrosso. Rifiutare sarebbe stata un’offesa troppogrossa e poi, Luciano spiegò alla sfinge accanto a lui, a Napoli la situazione del mondo doveoperavano i due illustri uomini di malaffare era ormai calma. Le guerre erano finite, lebande avevano assegnato i nuovi incarichi alle varie famiglie, i vecchi delinquenti sioccupavano della solita vendita della solita roba bianca, all’ingrosso perché il dettaglio eraormai in appalto ai neri, qualcun altro smistava le nere, le albanesi e le ucraine che a frottesbarcavano per prostituirsi, mentre i nuovi boss, i più giovani come Luciano e Michele, sidedicavano allo sviluppo di nuovi settori emergenti: CD falsi stampati ad Arzano, mercegriffata lavorata nel profondo della Sanità, medicinali e ricambi falsi importati dalla Cina,anabolizzanti svizzeri per i maniaci della palestra e delle diete. E con i soldi acquistavanonegozi, discoteche, pub, bar svenduti da imprenditori che si inguainano di debiti per potersipermettere cose che non potevano permettersi. Tutte attività dove si riciclavano i soldi eche servivano ad allargare il giro della droga che poi portava altri imbecilli sotto la morsadegli usurai. La droga era stato il grande affare per la camorra napoletana. Forsel’organizzazione criminale più pericolosa del mondo. In passato la Repubblica Italiana, perlassismo congenito e per tenersi buona la plebaglia dei vicoli che in cambio dava voti, avevatollerato il contrabbando di sigarette, ma questo aveva creato una struttura incontrollata edebordante che ormai si era allargata alla droga, alla contraffazione, all’usura. Quando lacamorra gestiva le sigarette il problema era solo finanziario perché il Ministero delle Finanzeci rimetteva le tasse sui tabacchi, in compenso il Governo non doveva fare investimenti perdare un lavoro ai napoletani. La gente campava, i politici prendevano voti, i comunistirimanevano al palo perché il sottoproletariato che avrebbe dovuto fare la rivoluzione nonfiniva mai in condizioni di miseria tali da scatenare finalmente l’eliminazione fisica dellaclasse dirigente. E anche le potenti multinazionali del tabacco avevano il loro tornaconto,anzi, come avevano dimostrato processi e successivi conseguenti accordi con la ComunitàEuropea, erano loro a gestire il contrabbando. Dalle loro ville in riva al lago Lemano,nell’ordinata e lustra Ginevra, gli uomini di paglia delle multinazionali delle sigarettegestivano il traffico verso l’Italia perché, per i loro padroni, vendere tramite il Monopolio ovendere tramite il bancariello all’angolo del vicolo era la stessa identica cosa. Una delleregole del marketing è acquisire la location in modo che il brand, il marchio, sia quanto piùvisibile possibile: sulla bancarella di una onn’Amalia qualsiasi o sulla macchina di Formula 1.Il contrabbando aveva creato una solida struttura commerciale che poteva vendere di tutto:sigarette, gioco clandestino, puttane, droga e falsi. Ma il nuovo business dei falsi non davaperò nessun vantaggio alle multinazionali del lusso e alla grande finanza che gli stavadietro. E perciò rompevano le palle alle autorità italiane che, incautamente, moltoincautamente, avevano fatto le mosche cocchiere per andare in Europa, dimenticandosi chegli stranieri, senza eccezione alcuna, tenevano stampata sul cuore peloso la massima diMacchiavelli: un uomo dimentica chi gli ha ucciso il padre ma non chi gli ha tolto una lira. Ecosì la politica, a malincuore perché perdeva i voti gestiti dalla camorra, doveva fare lafaccia feroce. E gli uomini della legge erano diventati veramente, ma veramente fastidiosiper Michele. Di conseguenza doveva trovare una via d’uscita e l’unica che gli era sembratalogica era accordarsi con uno della sua generazione che però gestisse le campagne perchéle città erano ormai assediate dalle madame e dai caramba, quando poi non rompevanopure la DIA, la Procura e i Finanzieri. A Michele faceva comodo spostare la produzione inquella specie di Far West senza legge fra Napoli, Caserta, il fiume Garigliano e il mare, doveera più facile nascondere i laboratori clandestini. Dove un maresciallo dei carabinieri e treragazzi di primo pelo dovevano portare legge e ordine in cittadine che avevano più abitantidi un ordinato operoso capoluogo di una provincia del Nord. E dove lo stesso maresciallo,con un insultante stipendio di fame, doveva fronteggiare organizzazioni che ogni giornoincassavano milioni. L’invito di Michele era un incontro diplomatico, in terreno neutro, senzatestimoni, solo con due belle guaglione, Emma e una certa Monica.Il grosso affilato lussureggiante lucido cruiser lasciò rombando il porticciolo di Formia e siavviò verso il largo, lasciando dietro di sé un penetrante odore di super, una lunga scia di Pag. 7 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  8. 8. GiveMeAChance Editoria Onlineacqua spumeggiante e l’invidia di quegli imbecilli che vanno a rovinarsi il fegatopasseggiando su un molo dove, su barche da sogno, femmine lussuose e sinuose ti lascianoper sempre l’idea di non essere nessuno e di non contare niente, oltre alla penosasensazione che tua moglie ti guarda come un fallito. Appena arrivati, Luciano, per non farsitroppo notare, era sceso velocemente dentro la cabina dove l’aspettava don Michele perquella specie di summit. Emma invece restò affianco alla ragazza bruna che pilotava conmaestria la lunga barca bianca fuori, oltre il molo, oltre il muro degli occhi curiosi di chipossiede uno scacanizzo di gommone che si deve beccare le onde e gli spruzzi di una barcada 15 milioni di euro, minimo, e senza optional.La brunona girava velocemente il timone, facendo tintinnare un mezzo chilo di braccialidorati per braccio. Era molto bella e si vedeva che era una donna di classe anche se adEmma sembrò un po’ sciupata per l’età che doveva avere. Il corpo era tonico, ma la facciaera la faccia del vizio e degli stravizi personificata, amplificata dalla sigaretta sporca dirossetto incollata all’angolo della bocca! I lunghi capelli scuri erano fermati con una pinza e,appena la barca cominciò a schiaffeggiare le onde, filando veloce verso il largo con EveryBreath You Take in sottofondo, la donna diede il timone a Emma.- Segui la direzione sulla bussola, io mi cambio un momento.Non si preoccupò di ritirarsi di sotto, velocemente si sfilò i pantaloncini azzurri, la Lacostebianca con le maniche all’americana, il reggiseno e gli slip. Infilò una specie di micro pezzacolorata che le ricopriva quel poco di pube che non aveva rasato e si aggiustò sui fianchi ledue fettucce che si riunivano in un filo che scendeva in mezzo alle natiche sode di palestra.Riprese il controllo del mezzo e invitò Emma a cambiarsi.S’era appena tolta il vestito fiorato che ricopriva un elegante costume nero olimpionico, chesottolineava la sua perfetta figura, quando salirono i due uomini. Emma vide lo sguardointeressato del suo signore e padrone che si posava sul corpo nudo e abbronzato di Monica.Gli occhi seguivano il seno abbondante che si muoveva in sintonia con i colpi che la barcariceveva saltando sulle onde. Anche Michele Pepe aveva uno sguardo interessato, ma era leil’oggetto delle sue voglie e la bionda se ne accorse. Non ebbe il tempo di ragionarci superché Luciano la prese per un braccio, stringendole il polso per farle male, come facevasempre quando voleva dimostrarle la sua rabbia. La tirò verso la cabina con la scusa dimostrarle la barca. Emma non s’illuse e il dolore della massa dei suoi lunghi capelli biondiche Luciano torceva non la meravigliò. La meravigliò il motivo della rabbia del suo padrone.- Nenne’ ma mi ha fa fa sempre figure e merde! Ma è visto che a femmena e don Michelesta mezza annura e tu viene n’coppa a sta die e varca vestuta comme na monaca. Stronza,ma che e liegge a fa e tutte chilli giurnale! Pecchè cazze stai sempe annanze a televisione.Miettete nu custume chiù allere. Iamme bella, nenne’!Le strappò con violenza il costume olimpionico.- Lievite sta pezza! E se Michele te fa capì che te vo fa, nun fa a stronza, a me me serve.E capite stronza!Emma non riusciva a capire: l’uomo che la teneva come il più prezioso degli oggetti lainvitava a accettare le attenzioni di don Michele. Espresse il suo dubbio, forse non avevacapito, ma Luciano le fornì rapidamente il chiarimento, a modo suo. L’afferrò di nuovo per icapelli e le schiacciò la faccia contro i cuscini del divano.- Tu si a femmena mia, ma nun si muglierema, te pozzo fa chiava’ a chi voglio io. E si nunte fai chiavà, o saie che t’accire. E capito, stronza? Ma che te pensave ca te purtavo a fa ebagne! Ire venuta a fa a villeggiatura! Vire e te movere. E nun me fa fa figure e merde,pecchè io t’accire.Nessuna lacrima mentre riponeva il costume strappato nella sacca. Cercò di rendere quantopiù sgambato possibile lo slip di un bikini, lasciando che il suo seno piccolo e perfetto sioffrisse agli sguardi bavosi di Don Michele e quelli compiaciuti di Luciano che la offrivagenerosamente al nuovo socio d’affari.Stesa sul prendisole, accanto alla ragazza bene napoletana, aspirava a pieni polmonil’aerosol di mare e aria fine, come un bambino appena nato, come chi risale dal fondo allaricerca dell’aria, come chi esce di prigione. Monica le sfiorò il bracciale dell’orologio Pag. 8 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  9. 9. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicanopieno…pieno…pieno di piccoli diamanti che sfavillavano nel sole. Emma fece per sganciare lasicura.- Vuoi vedere come ti sta? Lo vuoi provare?- No, no, grazie, è bellissimo. È un regalo di tuo marito?- Non è mio marito!- Scusa, avevo visto che porti la fede. Beh, però ha buon gusto anche se è un po’ rozzo.Non fa che guardarmi. Ma non ha mai visto un culo?- Pure don Michele non fa che guardarmi.- Non te preoccupa’, è innocuo. Per farsene una deve stare lontano da mister J&B e misterChivas. E quello proprio non gli riesce. Fanno i guappi, ma vivono sempre nel terrore diessere arrestati o ammazzati e perciò stanno sempre ‘mbriachi e strafatti. È un mezzoimpotente.Tirò fuori da un porta trucco una scatolina d’oro piena di polvere bianca. Ne aspirò un po’mettendola sul pollice, poi la offrì, Emma rifiutò.- Fai bene a non farti fottere da questa roba, se non fosse per questa merda non mi sareimai finita con Michele. Io sono la figlia dell’avvocato Paglione, il penalista, quello che lodifende, e, siccome tengo sto’ vizio schifoso, papà si fa pagare in natura, voglio dire cheMichele lo paga con la cocaina per me. Purtroppo, a forza di frequentare questo giro, ti faianche coinvolgere in altri affari strani.Emma non stimolò la conversazione. Regola numero uno: non chiedere. Due: non chiederese sai già. Lasciò che l’altra si parlasse addosso.- Mi occupo di moda. Tengo ‘na catena di boutique, in franchising. Sai come funziona?- Sì, io sono laureata in Economia e Commercio, 110 e lode e tesi originale.- Cazzarola, non finisci di meravigliarmi! Poi se vuoi mi spieghi come è che una ragazzacome te si trova in questo cesso insieme a due delinquenti e a una cocainomane. Come tidicevo, ho questa catena di franchising, vendo vestiti che ufficialmente vengono dalle casedel nord, invece è Michele che li fa produrre e mo’, siccome tiene i carabinieri e la finanzaaddosso, vuole spostare la produzione dalle parti del tuo uomo, in campagna. I vestiti licopiamo da quelli delle grandi case di moda. Io sto nel giro della moda di Milano. Quelli lacoca la usano pure per condire l’insalata. A ogni inizio di stagione vado a Milano, porto ilrifornimento di sale per l’insalata e, ancora prima che escono in passerella, mi danno idisegni, gli stampi, i colori. Facciamo tutto: scarpe, vestiti, borse, occhiali.Era una mezza verità. La catena di franchising c’era, i falsi pure, ma il vero scopo dellacatena era riciclare i soldi delle attività di don Michele. Il marito separato di Monica,Gioacchino Nottola, un grosso commerciante del Mercato, non ne aveva voluto sapere dientrare in certi affari. Lei c’era entrata causa il vizio e la contiguità del padre penalista con ilboss. Era diventata il setaccio presentabile attraverso il quale si cambiava la faccia ai soldi.Un sistema però non sufficiente a smaltire un flusso continuo di milioni di euro. Anche sefacevano tonnellate di scontrini, senza mai vendere un capo, i soldi da lavare erano tanti, ela vera ragione di quel summit era trovare un accordo con Luciano “o banco lotto”, unsoprannome che era ormai un patronimico ereditato da un nonno ricevitore del Lotto e poipassato al nipote che aveva fama, molto ben meritata, di avere una sua efficaceorganizzazione per far sparire i soldi all’estero, senza dover sottostare a pericolose collusionicon la “gente perbene” come Monica che aveva il grosso difetto di sopportare per vizio o perpaura, due condizioni che non erano una solida base di affidabilità.- Io a Michele gli servo perché sono incensurata e poi mio padre è pure parlamentare. Luipensa di possedermi perché mi dà la roba. Me lo devo tenere buono. Tanto, prima o poi, olo ammazzano o va a Poggioreale. …. Tu che fai, invece?- Niente! Niente di niente. Sto’ a casa. Aspetto settimane, mesi che lui viene a trovarmi,ma pure lui tiene i problemi. Non lo vedo quasi mai. Sono anni che non faccio niente. Sto adannoiarmi. Almeno tu hai un lavoro, giri, viaggi, io non sono mai stata da nessuna parte,questa è la prima volta che mi fa uscire.- Ti ha portata per Michele, se lo vuole tenere buono… Pag. 9 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  10. 10. GiveMeAChance Editoria Online- Per quello che me n’importa. Se potessi andarmene in giro anche un solo giorno aRoma, a guardà duie negozi, comprarmi un vestito da sola, lo farei con il primo che capita.Gli regalerei pure questo.E indicò il tennis zeppo di diamanti che sfavillava nella luce di maggio.- Ma perché non lo lasci… Scusa, ho detto una stronzata… , mi dispiace.***Il resto della mattinata passò lenta, tranquilla. Fecero il bagno al largo della spiaggiadell’Ariana e poi gli uomini si appartarono per parlare di affari. Consumarono la colazione dirito: mozzarella vera di una masseria di Luciano, pomodori all’insalata, sciampagnino e poi,il caldo, il vino, e diverse piste di coca, fecero scivolare Michele Pepe nel consolante limbodove dimenticava la sua vita, ricca di soldi e piena di pericoli che, secondo le statistichedell’OMS sui comportamenti devianti, si sarebbe conclusa presto per un arresto cardiaco oper una scarica di proiettili blindati nel cervello, pagata a due strafatti con una cifraoscillante dai cinquecento euro al modico costo di una sola dose, se i killer avevano unimpellente disperato bisogno di farsi.La barca si dondolava sull’acqua trasparente, poco lontano da una delle insenature fraGaeta e Sperlonga. Le due donne continuavano ad arrostirsi al sole, immobili. Monica sfioròdi nuovo il tennis luccicante. Emma sembrava addormentata e Monica si avviò di sotto.Passò vicino a Luciano e, a causa di un inesistente dondolio della barca, cadde su di lui. Lemani dell’uomo accolsero il corpo nudo e con frettoloso desiderio scoprirono i pochicentimetri di pelle coperti dall’inconsistente costume. Emma non dormiva e attraverso l’oblòguardava la scena, sbirciando da sotto al braccio sul quale faceva finta di riposare. L’uomoche la possedeva riusciva sempre a essere uomo con un’altra donna, anche una che avevaappena conosciuta. Per lei niente, nemmeno lo sfizio di farsi fottere sotto agli occhi del suopadrone da Michele Pepe che dormiva profondamente, russava, istupidito dallo champagnee dalla coca. Emma avrebbe voluto piangere, ma l’inutilità di quelle lacrime era anch’essaarchiviata da tempo: aveva sprecato una vita.I due giù finirono le loro cose e Monica si avviò verso il WC. Era passato un quarto d’oraquando un telefonino insistente fece uscire Luciano dal torpore post sessuale. L’uomo saltòdalla dinette e corse verso il prendisole. Era terrorizzato. A Formia c’erano i carabinieri che liaspettavano. I due uomini non potevano più restare a bordo perché erano a soggiornoobbligato, non avrebbero potuto lasciare la loro zona e perciò decisero di raggiungere il lidocon il gommone. Emma era spaventata, ma piena di speranza.- Lucia’, e io che faccio?- Monica ti porta a Formia e poi vai con lei in macchina a Napoli.La bruna era incazzata nera. Quella era la barca di suo padre e lei non voleva guai con icarabinieri.- Io me ne vado al Circeo. Là Emma si prende la corriera, si fitta una macchina e se ne vadove cazzo vuole. Chiaro?Emma guardava Luciano. Aspettava istruzioni.- Va be’, va be’. Monica stai calma. Emma, va’ dove ti vuole portare questaSaltò nel gommone che Monica guidò verso la spiaggia. Quando tornò aveva uno stranosorriso.- Allora, bella guaglio’, t’è piaciuta la manovra? Non hai capito? Ho fatto telefonare io chec’erano i carabinieri. Quello stronzo era così eccitato perché mi aveva scopato che mi hadato pure il numero del cellulare.Emma non capiva o non voleva credere a quanto stava succedendo.- Hai capito Emma? Adesso te ne puoi andare a fare una bella gita. T’accompagno aFormia e là ti prendi un treno per Roma. Ho detto che ti portavo al Circeo perché ci avrestimesso più tempo a tornare a Napoli, la non c’è la stazione. Così hai la scusa per fare tardi.Sei contenta?Emma aveva realizzato ed era completamente stordita dall’idea di poter essere libera, fosseanche per un giorno, libera di andare dove voleva. Dove forse poteva trovare una via di Pag. 10 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  11. 11. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicanouscita a quella situazione di merda dove s’era cacciata. Monica invece non mostravanessuna emozione, il suo sguardo si spostava dagli occhi lucidi di Emma al luccichio sulbraccio della bionda. Siccome era emozionata, ma non rincoglionita, Emma capì. Sganciò latripla chiusura del braccialetto e lo porse alla mano avida e ipocrita della napoletana.- Ma non dovevi, non l’ho fatto per questo, mica ti metti nei guai?- Non te preoccupa’, dico che m’è caduto a mare - scrollò le spalle – tanto, che mi puòfare? Qualche pacchero, una tirata di capelli, come sempre.“Sempre che mi rivede” Pensò.*** Pag. 11 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  12. 12. GiveMeAChance Editoria OnlineIntercityAndare a Roma era stato facile e anche prendere la metropolitana, uscire a Piazza diSpagna, scendere le strade perpendicolari fino al Corso e ritornare poi nella vastità diTermini dopo un pomeriggio di libertà. Quello che conosceva del mondo però non sembravabastarle per prendere un treno che la portasse a Napoli Centrale, dove Sossio e Settoro ladovevano recuperare. Non riusciva a capire quale fosse il treno buono ed era in ritardo.Monica le aveva architettato un buon piano, ma erano le otto di sera e aveva paura di nonritornare a casa. E non poteva non ritornare. Doveva prendere il treno giusto e primadoveva telefonare a Sossio per farsi venire a prendere a Napoli. Guardava disperata ilcartellone degli orari cercando di superare il muro di teste lisce e lucenti di una frotta diminuscoli giapponesi che sembravano ancora più piccoli davanti al suo metro e settantasei etacchi. Finalmente riuscì a trovare il suo treno e s’affrettò verso il binario, trovò il suocompartimento e si sedette, esausta per la corsa e la paura, sul sedile affianco al finestrino.Di fronte un uomo le sorrise e la salutò. Emma rispose godendo di quella normalità dicomportamenti che almeno per altre due ore poteva respirare prima di ritornare nella suaprigione. Approfittò di quei minuti per sentirsi normale parlando con uno sconosciutoincontrato per caso sull’Intercity proveniente da Torino, in servizio da Roma a Napoli, comeuna normale viaggiatrice che avesse incontrato un normale viaggiatore.Erano soli nello scompartimento di velluto blu e anodizzato che permetteva un po’ di privacye di fare quattro chiacchiere. Chiacchiere banali su argomenti banali, anche se l’uomo colseimpercettibili segni di disagio da parte della sconosciuta. Piccoli gesti involontari, alzarsi icapelli per scoprire il bel collo lungo, accavallare le gambe facendo ruotare il piede, il farciondolare il saldalo e quello sguardo nocciola profondo che sembrava difficile equivocare.Dopo mezz’ora, quando le chiacchiere banali permisero di entrare più a fondo nelle loro vitel’uomo si presentò. La bionda rispose alla presentazione compitamente stringendo la manodello sconosciuto che però non le era più così estraneo.- Ha detto Massimo Arcari? Lei lavora all’IBS, vero?- Ci lavoravo. Adesso lavoro per una banca straniera. Come mai mi conosce?- Io sono Emma, la nipote di Antimo Romano, quello che lavorava con voi.- Ah, Antimo! E come sta?- Sta bene. Zio Antimo adesso lavora al paese vicino al mio e mia zia alla posta del paesemio. Quando hanno chiuso la vostra banca lui era disperato e ci raccontava che voi sietestato uno dei pochi che avevano previsto che la BDM vi avrebbe distrutto.- Purtroppo i fatti mi hanno dato ragione, ma nessuno mi ha voluto ascoltare e, siccomenon mi sono fidato delle promesse, me ne sono andato subito. Ma lei ha detto che si chiamaEmma?La donna divenne immediatamente guardinga, Massimo si accorse che era entrata in unafase di chiusura. Era diventata ostile, sospettosa, il corpo con le braccia conserte parlavaper lei.- Ingegnere, ma zio Antimo vi ha raccontato qualcosa di me?- Vi conosco perché Antimo mi raccontava di questa nipote tanto brava e mi chiedevaconsigli per i vostri studi. Spero di non aver fatto danni.- No, no, mi sono ricordato di voi perchè zio Antimo diceva sempre: “ho chiestoall’ingegnere Arcari e lui mi ha consigliato di farti studiare Economia e Commercio”. E così èstato. È stata proprio una buona scelta. Mi sono laureata con 110 e lode. Poi dovevo andarea fare un master a Milano, però mi sono sposata.Era chiaramente delusa di come era andata la sua vita.- Se non sbaglio, siete sposata con Sossio Lanzetta, il collega che lavora all’archivio.Emma confermò nella maniera più laconica possibile. A Massimo sembrò che si fossecompletamente chiusa, non sembrava ci fosse nessuna possibilità ulteriore diconversazione. Ma la ragazza stava solo pensando. Aveva lo sguardo fisso sulla campagnaromana che scorreva ordinata e pettinata oltre il vetro sigillato. Il treno la stava riportandoa casa, alla stazione avrebbe ritrovato Sossio e Settoro e non si poteva far vedere conMassimo, Sossio l’avrebbe riconosciuto, salutato, Settoro avrebbe riportato il tutto a Luciano Pag. 12 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  13. 13. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicanoe per lei ci sarebbero stati sospetti, interrogatori e mazzate. Dal riflesso del vetro potevascorgere lo sguardo dell’uomo che alternativamente lasciava il libro e la esaminava. Chissàcosa sapeva di lei, cosa gli aveva raccontato ‘o zi Antimo. Però, se gli avesse raccontatoqualcosa, forse… Non aveva il coraggio di pensare oltre, non riusciva ad osare un altropensiero ancora più audace e terribile. Paura e desiderio frenavano e acceleravano i piùincredibili progetti. In pochi istanti doveva decidere, buttare i dadi, giocarsi gli ultimispiccioli di tempo. Strinse forte le unghie contro il palmo della mano, il dolore la fece usciredal ping pong mentale: aveva deciso. Si alzò e si sedette accanto a Massimo, accavallò legambe rosse di sole, piegò il busto profumato di mare verso di lui per confidare il suosegreto, che forse lui già conosceva.- Ingegnere, io lo conosco o ‘ zi’ Antimo, e so’ sicura che vi ha parlato di me, non è capacedi tenersi una cosa così importante, so’ sicura che vi ha chiesto consiglio, lui ha tanta fiduciadi te.L’uomo la fermò, le strinse la mano gelida nel suo pugno deciso.- Ammesso che mi abbia parlato di te, perché vuoi coinvolgermi nelle tue cose?Fu Emma a prendere la mano di Massimo con decisione, lo guardò implorante madeterminata.- Ho bisogno di aiuto, devo trovare un modo per uscire da una situazione terribile in cui misono messa com’un’imbecille, tu sei l’unica mia possibilità. Tu la sai la mia storia, vero? ZioAntimo aveva tanta fiducia in te e sono sicuro che ti ha chiesto consiglio quando io…quando…Massimo era spazientito, quasi irritato. Si sarebbe voluto buttare giù dal treno.- Antimo non mi ha detto niente. Qualcosa me l’hanno raccontata i colleghi, ma non socosa potrei fare, se quello che so è solo in minima parte vero, mi stai chiedendo una cosache non so se posso…- No, no, io sono sicura che puoi, anche senza correre pericoli. Posso raccontarti la miastoria? Ascoltami: se quando il treno è arrivato a Napoli avrai deciso che non vuoi, non puoiaiutarmi, io mi dimenticherò completamente che ti ho incontrato.- Senti Emma, io non sono una persona insensibile, ma da quel poco che so abbiamo a chefare con gente troppo pericolosa.- È vero, ma io non so che cosa fare, ho bisogno di uscire da questa situazione, ho solobisogno di un consiglio, di qualcuno che mi possa… zio Antimo mi ha detto che tu sei unapersona capace di risolvere le situazioni, una persona fredda che trova sempre le soluzioni…Aiutami, ti prego, non ce la faccio più! Non posso essere condannata a vita.Massimo strinse la mano gelida e le fece una domanda strana, fuori contesto.- Quanti anni hai?- 25, e sono quattro anni che sono prigioniera di Luciano Va...Massimo le mise la mano sulla bocca. Emma la prese e la baciò.- Forse è meglio che cominciamo a essere prudenti e che mi racconti tutto per bene esenza fare nomi. Non sappiamo se qualcuno ti sta seguendo.La storia di Emma era molto banale e di tutti i suoi guai lei era la sola responsabile perchélei aveva dato la corda a Luciano con la quale la teneva incatenata. Era figlia di dueprofessori di provincia e, siccome la mamma era una donna bellissima, anche la figlia avevaereditato, nonché esaltato, la bellezza della madre. Era bella da bambina, con la sua cascatadi riccioli biondi dorati, era bella da ragazzina con le sue coscette diritte e lunghe chefacevano presagire come sarebbero state le sue splendide gambe da signorina e poi,diventata donna, era esplosa bella e appariscente come i fiori sui peschi delle campagne delsuo paese all’inizio della primavera. Ma, come molte donne belle, non aveva la minimacoscienza del suo pericoloso splendore e se lo portava in giro come quelli che si portano aspasso un pitbull senza museruola che, prima o poi, farà piangere qualche povero figlio dimamma. Siccome era ben nata e ben coccolata e, per giunta, era anche la prima dellaclasse, nessun ragazzo si sentiva all’altezza e perciò era arrivata all’università ancora senzanessuna esperienza amorosa, salvo le risatine nervose e isteriche con le compagne acommentare quel ragazzo o quel altro. Praticamente era ancora vergine, ma non come losono molte ragazze, che sono tali per i padri maneschi che pretendono la ritirata alle 8 di Pag. 13 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  14. 14. GiveMeAChance Editoria Onlinesera e ignorano, o fanno finta di ignorare, che le loro figliole dalle 8 del mattino alle 8 disera ne fanno e ne sanno più delle professioniste della Domiziana. No, era proprio vergine e,per altro, non interessata agli uomini che, come abbiamo detto, non la stimolavano enemmeno osavano perché la maestosità della donna richiedeva un coraggio nonindifferente, e forse anche una posizione economica adatta a un tale splendore. Perciòanche l’università passò senza lasciare segni nella vita affettiva di Emma che, recandosi aNapoli a studiare in macchina, non aveva nemmeno tante occasioni di fare quegli incontricasuali che avrebbe potuto fare in metropolitana o sul treno che dalla stazione centrale ognigiorno sbarcava i pendolari che dal paese andavano a Napoli. Era come quei gioielli cheocchieggiano dalle vetrine di Place Vendome, e che nessuno osa nemmeno desiderare ameno che non possa entrare e staccare, con nonchalance, assegni con numerosi zeri in unaqualsiasi valuta. Un giorno però, nel traffico di via Partenope, un giovane le aveva chiestouna via, affacciandosi dalla sua Mercedes lucida di nuovo e profumata di cuoio rosso.Emma, nello scusarsi di non poter essere d’aiuto, aveva rivelato, all’allora sconosciutoLuciano Vaccariello, che lei era di un paese vicino a quello dell’uomo. Un buon motivo percontinuare a parlare e un pretesto per rivedersi. Pensando che fosse arrivato il momentoagognato da ogni ragazza, Emma accettò un invito, poi un altro e poi un altro ancora. Maper sua sfortuna preferì tenere tutto per sé, finché, un bel giorno, l’uomo, che lei ormaiamava e che le aveva fatto provare i primi piaceri trafficando sotto alla sua gonna, non leaveva confidato che lui, purtroppo, era già sposato ed era questo il motivo per cui l’avevarispettata fino a quel momento e perciò lei doveva accettare quello che l’uomo leproponeva. Lei sarebbe stata per sempre la sua amante segreta perché lui non potevalasciare la moglie. Non le diede spiegazioni. E non poteva dargliene perché l’impossibilitànon veniva dalla religione o da qualche altra considerazione morale che, per altro Lucianonon possedeva, e nemmeno dal dovere di essere vicino a una moglie che non si ama mache è molto malata, la scusa che molti uomini sposatissimi usano per fottere per anni quellescioccherelle che in certe situazioni vi ci sguazzano. A Luciano lasciare ImmacolataMormone, detta Titti, era impossibile, ma proprio impossibile, per il semplice fatto che lasignora Vaccariello era la figlia di un altro boss di livello più elevato del suo e uno sgarboalla figlia adorata di don Antonio Mormone avrebbe significato, come minimo, l’inizio di unaguerra totale fra le loro due bande che, fatalmente, si sarebbe allargata ai loro alleati, contutto il conseguente codazzo di strepito giornalistico, carabinieri in assetto di guerra, cheavevano così l’occasione di fare un po’ di straordinario, e magistrati arrapati di foto einterviste sui giornali per costruire brillanti future carriere parlamentari. Insomma un casinoche portava a un blocco degli affari e, quasi sicuramente, alla defezione di qualcheguaglione che vedeva finalmente spuntare l’occasione per mettersi in proprio cancellandoper sempre dagli elenchi dei ricercati un vecchio capo con una economica efficace pallottolanel cranio. Oppure si poteva assistere al pentimento improvviso di qualche furbone, che siteneva buoni carabinieri e magistrati, e contemporaneamente continuava a fare affaritramite la compiacente moglie prestanome. Emma, allora, amava Luciano e perciò accettòla proposta, compresa la postilla di dover sposare, solo per gli occhi degli altri, uno chechiunque sulla Terra, ma forse nell’intera galassia, non poteva non ritenere l’uomo piùinadatto per Emma Avolio. Sossio Lanzetta era praticamente un animale che aveva un soloscopo nella vita, che per sua fortuna e costituzione fisica gli era continuamente possibile:fottere. Sossio era un uomo costantemente arrapato che s’eccitava a ogni minimo segno dipresenza femminile. Faceva l’archivista alla IBS e passava le giornate a guardare giornalettiporno che teneva sotto al passamano. Sfogliava e risfogliava le ragazze di carta patinata inattesa che la giornata finisse e potesse andare a fare una lunga tappa presso una delletante puttane della Ferrovia. Ma bastava che una delle signore dell’ufficio passasse nelle suevicinanze e la curva un po’ più pronunciata di un culo, uno spacco più lungo di una gonna,un seno poco contenuto da un reggiseno di stoffa leggera, bastavano per scatenargli lavoglia che regolarmente sfogava masturbandosi ferocemente nel bagno. Avendo poi il viziodi esternare questi suoi bisogni incontrollati, raccontava tutto agli uscieri che, a loro volta,lo raccontavano agli impiegati che poi lo confidavano alle colleghe per cui, alla fine, perragioni di igiene, nessuna donna voleva averci a che fare. E quelle più schifiltose non Pag. 14 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  15. 15. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicanoprendevano in mano nemmeno le carte che il povero Sossio portava loro per dovere diufficio. Ma le puttane costano e perciò Sossio era sempre a caccia di soldi e finché era vivamammà il soldo per i suoi bisogni non mancava mai perché donna Rita ‘a rammarella, unafloridissima donnona sempre seduta davanti al basso a gambe larghe, con le calze scure dacui si intravedevano le pezze che bendavano le vene varicose ormai schiantate, aveva unafloridissima attività casalinga di prestito che avveniva ovviamente a tassi di usura. Poimammà un bel giorno era schiattata, perché le si era crepata pure qualche vena interna, eSossio stava quasi per uccidersi perché non poteva più pagarsi i due/tre/quattro giri algiorno sulle giostre di carne di piazza Garibaldi o su quelle delle extracomunitarie accampatenei ruderi dei viottoli di campagna intorno al paese. Così, avendo bisogno di soldi, gli fufacile accettare la proposta di Luciano di sposare Emma pro forma in cambio del fatto che ilComune avrebbe costruito la nuova scuola proprio su un suo terreno e che gli avrebbefruttato ben 800 di milioni di lire, ovvero quattro volte il suo valore commerciale. E cosìSossio cominciò a vivere nella villa di Emma, ma al piano inferiore, con l’ordine tassativo dinon salire mai al piano di sopra. Cosa per altro fisicamente impossibile visto che in unadependance vicino al cancello si alternavano a guardia della tranquillità della deliziosa efinta famigliola, e in attesa delle rare visite del loro vero padrone, un certo Luigi Blundo,detto Settoro e Alfredo Di Giacchino, detto semplicemente Alfre’. Così tutto era salvo: TittiMormone, la quadrana di un metro e cinquantasei, con una sesta di reggipetto e cornastratosferiche, poteva andarsene per il paese sapendo che nessuno osasse pensare chequello splendore di Emma fosse la sua rivale, perché tenere le corna è un dramma, matenerle per colpa di una alla quale Titti non arrivava nemmeno sotto alle zizze era ancorapiù degradante. Sossio mangiava, beveva e chiavava con i soldi del comune e dell’IBS, donAntonio Mormone non doveva fare nessuna sparata di quarta contro il genero fedifrago eEmma, solo per pochi giorni, pensò di aver realizzato uno dei sogni della sua vita, sicura chegli altri sarebbero stati realizzati dall’amore e sopratutto dal portafoglio a mantice di Lucianoche le aveva fatto credere venisse riempito ogni giorno dalle sue oneste attività diimprenditore nel settore del movimento terra, da due autosaloni specializzati in auto dilusso e camion, alcune discoteche, diversi supermercati e perfino un lido fra Pineta Mare eCastelvolturno, per non parlare della masseria dove nere bufale sguazzavano nel fangosotto l’occhio vigile di un paio di negri in attesa della mungitura del grasso latte per lamozzarella. Soli scontenti, sconsolati, distrutti, inorriditi, i due genitori perbene dellascatenata Emma, insieme a tutte le loro famiglie, compreso lo zio Antimo che smise persempre di raccontare a Massimo Arcari dei successi di quella perla di nipote che a voltesembrava amare più dei suoi stessi figli. Anzi smise perfino di entrare nella stanza del suodirettore. Non avrebbe potuto raccontargli l’orrore. Gli faceva troppo schifo. Non avrebbeavuto la forza di sedersi davanti alla sua scrivania e farsi spiegare come era possibile, luiuomo buono, pio e devoto, che sua nipote, una creatura in cui vedeva la magnificenza dellamano di Dio, avesse voluto sprofondare nel male più profondo. Quasi un anticipo dell’infernoin cui anche lui sarebbe sprofondato. E lui pensava seriamente di meritarselo l’inferno perquello che si teneva dentro.***Quando il treno arrivò nella stazione di Mergellina, Massimo sapeva cose che non avrebbemai dovuto sapere. Salutò la ragazza carezzandole la guancia passando delicatamente ilpollice sulla gota rossa di sole e striata di lacrime.- Allora siamo intesi, tu continua la tua vita come se non fosse successo niente. Nelfrattempo io cerco di elaborare una soluzione.- Va bene - rispose Emma in un soffio - ma come mi fai sapere, se non ti possotelefonare?- Di chi ti ci possiamo fidare veramente? Tu di chi ti fidi?- Solo di zio Antimo e di mammà mia.- Mammà teniamola fuori. Quando è il momento contatto zio Antimo. Pag. 15 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  16. 16. GiveMeAChance Editoria OnlineLe prese delicatamente il mento. Emma lo guardava ancora più disperata perché rimanevasola e smarrita, in viaggio verso il suo carcere, spaventata dal suo futuro prossimo eterrorizzata da quello remoto.- Piccola, non devi essere impaziente. Dobbiamo essere prudenti. Vedrai, si aggiustatutto. Non devi avere paura. Devi stare calma. Chiaro?Emma gli afferrò la mano. Disperata cercava di non lasciare quel contatto verso la vita,verso la libertà, verso il giusto avvenire di una donna di soli 25 anni.- Giura che non mi abbandoni, ti prego, ti prego, ti prego. Aiutami!Massimo le fece un’altra carezza, questa volta sulla testa, e si girò di scatto verso ilcorridoio per non farle vedere che la sofferenza di quella povera anima stava per schiantareil suo cuore già oppresso da tanti altri problemi e tante, troppe altre sofferenze.*** Pag. 16 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  17. 17. Il Sale Sulla Coda Roberto MarsicanoE.U.R.Erano le sei e dieci del pomeriggio quando Massimo Arcari uscì dall’ufficio. Completamenteperso nella giornata di lavoro gli sembrava strano che l’EUR fosse ancora pieno di sole e digente sui prati intorno al laghetto. In lontananza gli arrivavano le risate e le battute deiragazzi e, molto più in lontananza, le grida dei ragazzini che cercavano refrigerio ai primicalori sguazzando nell’acqua della Piscina delle Rose. Aveva appena passato il cancello doveil vialetto elegante di erba umida e lastre di pietra lasciava posto all’asfalto, che si accorsedi un presenza che gli fece alzare gli occhi che poco prima leggevano la strada nel cercareuna soluzione. Era sicuro che fosse lei, anche se gli anni avevano un po’ cambiato la snellafigura in quella più piena, ma non moltissimo, di una donna di mezza età. Ma per qualcheistante pensò di potersi sbagliare e, per evitare di sembrare na’ capa fresca che importunauna donna sola in un solitario viale delle collinette intorno al laghetto, aspettò che fosse ladonna dai capelli biondo ramati a parlare. La donna si avvicinò e, titubante, gli porse primala mano, poi lo chiamò per nome.- Massimo?Lui strinse la mano affusolata e gelida, poggiò a terra la borsa e con la sinistra avvicinò ladonna tenendola per la spalla per poterla baciare sulle guance, come si fa tra parenti, fravecchi amici.- Che ci fai qui? Quant’è che non ci vediamo? Non sei proprio cambiata. Sei sempre lastessa.Stavano molto vicini, quasi abbracciati, tenendosi la destra mentre con la sinistra tenevanoil braccio o la spalla dell’altro. Gli occhi di un profondo azzurro della donna pennellavano ilviso dell’uomo come volessero impadronirsi di ogni piccolo particolare. Vedere se l’immaginevera e reale corrispondeva a quella del ricordo.- Non è vero! Tu non ti sei cambiato! Hai solo fatto tanti capelli grigi.Gli lasciò il braccio e fece passare fra le dita i corti capelli grigi intorno alla tempia destra.- Pure io ne ho qualcuno grigio, però mi faccio la tinta.Rise scoprendo i bei denti, ma poi all’improvviso si rabbuiò.- Ti devo parlare…è una cosa molto importante.La prese per le spalle, pieno di ansia, come se volesse scuoterla per tirare fuori una rispostaalla domanda che non le aveva ancora fatta.- È successo qualcosa a Emma?- No, ma mi ha detto che ti ha incontrato sul treno e perciò ti devo parlare. È una cosaimportante.S’era inquietato e la donna capì il motivo della sua ansia.- Non ti arrabbiare, lo so che le avevi detto di non dirmi niente ma, capisci, quella ragazzaè sola e disperata e se non parla con sua madre con chi si deve confidare?Era furioso e la prese per le spalle per avere la sua massima attenzione.- Antonie’, tua figlia è pericolosa. È pazza. La devi fermare prima che rovini la sua, la tuae adesso anche la mia vita. Vieni andiamo a parlare in un posto dove non ci veda tuttaRoma.Prese la donna per il gomito e la guidò attraverso una scorciatoia che permetteva discendere sulla strada sottostante. Il sentiero era coperto di foglie secche e intorno sipotevano vedere le tracce dei frequentatori della notte. Preservativi, siringhe e bottiglie dibirra facevano capire che quel luogo, solo di passaggio di giorno per gli impiegati cheandavano al bar, si popolava di notte di individui che celebravano ossessivamente i corpicon i riti del sesso o annullavano la mente con la spada nel braccio. Arrivando per primo sulviale, per poterla aiutare a superare il dislivello fra la massicciata e l’asfalto, uno stranopensiero in un quel momento drammatico fu il considerare come erano rimaste snelle le suegambe e sottili le caviglie. Fece sedere la donna nella BMW nera e la macchina, nervosa eagile, si inoltrò veloce nelle strade che andavano verso Ostia.- Dove andiamo? Ritorni a Napoli? Io ti devo parlare. Fermiamoci da qualche parte. È unacosa importante. Molto importante. Pag. 17 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  18. 18. GiveMeAChance Editoria OnlineMaria Antonia implorava.- Non posso andare a Napoli stasera! Domani ho una riunione in ufficio presto e devodormire qua. Andiamo a casa mia. Ho un monolocale ad Acilia. Qua vicino. Così possiamoparlare in pace e soprattutto senza che nessuno ci veda. Perché più gente ci vede e piùpericoli corriamo. Dopo che abbiamo chiarito questa faccenda, e mi spieghi che sei venuta afare, t’accompagno alla stazione in un orario decente per farti prendere un treno che ti portial paese. Cerco di non farti fare tardi.La donna si scostò una lunga ciocca di capelli d’oro dall’occhio destro e indicò la borsacapace. Gli ultimi bottoni del vestito erano sganciati e le belle cosce lisce, tornite e bionderiflettevano la luce rossa del prossimo tramonto.- È importante che noi parliamo, non fa niente se facciamo tardi. Mi sono portata qualcosaper dormire a Roma. Dopo mi accompagni in un albergo vicino alla stazione così partodomani mattina presto.Massimo era veramente arrabbiato e parlava con violenza al parabrezza.- Vedi un po’ che combina quella pazza di tua figlia: costringere una povera donna adandare avanti ed indietro per l’Italia! E tutto per i suoi sfizi! Se fosse mia figlia…Si girò verso quegli occhi che ricordava luminosi, allegri. ora spenti, senza vita.- Ma tu e tuo marito, buonanima, non le potevate fare un fetente di mazziatone a quellapazza? Azz! Questa era la perla. La prima della classe. La prima delle casiniste! Questo ètua figlia. Guarda che casino ha combinato quella pazza. Quanti pianti ti sei fatta MariaAntò? Quanti, quanti, quanti?Ad ogni “quanti” un pugno si abbatteva sulla corona del volante.- Maledizione di tutte le maledizioni! Maledetto mondo di merda! Maledetto questo paesedi merda!Sulla Via del Mare passarono accanto a una macchina della Stradale. Un poliziotto con stivalialti stava facendo un verbale chinato sopra al portabagagli. Massimo volse la testa piena diodio.- Eccoli qua questi porci. Questi bastardi figli di una grandissima troia. So’ buoni solo afare i verbali! E una povera mamma non può chiedere aiuto perché questi porci e quei porcidei magistrati sono più corrotti di quel porco di un camorrista! Bastardi, bastardi, bastardi.Picchiava la corona del volante, ma erano le teste di politicanti, carabinieri, poliziotti,magistrati, finanzieri che avrebbe voluto schiacciare, pestare, aprire con le mani perestrarne i cervelli spappolati e spiaccicarli contro un muro. Il murales dell’odio. Un odiosenza fine. “An endless pain” questo avrebbe voluto fargli provare. Lo aveva chiesto ancheal suo psicanalista del perché di quella strano pensiero che riusciva ad esprimersi solo ininglese. Non aveva avuto risposta, se la doveva trovare da solo.Maria Antonia Romano, vedova Avolio, che, essendo insegnante di francese, aveva il vezzodi farsi chiamare Maria Antonietta, come la sfortunata regina di Francia, e che amava però,con grande incoerenza, canticchiare la Marsigliese mentre si passava la spugna morbidasulla bionda pelle rosea, non aveva mai avuto occasione di vedere Massimo arrabbiato. Masapeva di cosa era capace. Suo fratello Antimo le aveva raccontato che quando avevanochiuso l’IBS, e c’erano stati momenti di tensione, solo Carla Scarano era riuscita a fermareMassimo che avrebbe voluto pestare a sangue un giovane ufficialetto della polizia che,invece di arrestare i ladri che stavano distruggendo una banca dopo averla saccheggiata, sipermetteva di minacciare i lavoratori che stavano per perdere il posto. E questo Massimonon poteva permetterlo e perciò, quando Carla Scarano aveva capito che avrebbemassacrato lo sbirro con la spocchia e la faccia di cazzo, insieme ad Antimo l’aveva costrettoa tornare nella sua stanza dove l’ira di Massimo si era dovuta necessariamente sfogarecontro i mobili dell’ufficio che, ad imperituro ricordo, ne conservavano ancora i segni. Erasinceramente rammaricata per quello che aveva scatenato la richiesta di aiuto di Emma. Main un posto non tanto profondo del suo cuore anche lei sperava che lui fosse la soluzione.Anzi per lei era la prima e l’ultima spiaggia dove tirare a riva quella varca scurdata di quellapazza di sua figlia. Perché anche lei sapeva che Emma era un cavallo pazzo che andavafermato. Purtroppo non se n’era accorta in tempo. Ormai il fegato era fritto e il poverosignor Avolio era morto di crepacuore perché non aveva mai voluto accettare la scelta della Pag. 18 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  19. 19. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicanofiglia. E come avrebbe potuto accettare che quella perfezione di donna, destinata nei suoidesideri di padre a successi nel mondo del lavoro, a sposare un professionista degno, adargli dei nipoti belli come lei, fosse finita in quel letamaio. L’uomo che guidava infuriatosfogando la sua rabbia con una guida veloce e azzardata aveva ragione: Emma potevadistruggere anche la sua vita e questo lei non poteva permetterlo. Ma d’altra parte chi senon Massimo poteva trovare una via d’uscita? A chi santo doveva rivolgersi visto che quelliche aveva pregato non si erano mai fatti vivi. Si accorse di bestemmiare. Forse il fatto cheMassimo avesse incontrato Emma…forse, forse qualche santo si era mosso.***L’appartamento era in una palazzina di pochi piani senza portiere, in quella zona di Romafra l’EUR e il mare, piena di case che sembrano buttate lì da un bambino che giochi con lecostruzioni e si diverta a provare innumerevoli combinazioni architettoniche, in un disordineurbanistico contrappuntato da prati incolti e fabbriche fuori contesto, classico saccheggio delterritorio all’italiana. Massimo si barcamenava fra Napoli e Roma con un po’ di pendolarismoe dormendo, quando necessario, in quell’appartamentino. Non gli pesava perché era una diquelle persone capaci di affrontare qualsiasi disagio e che trovano in ogni situazione ancheun’occasione. Nel suo DNA c’era l’atavica predisposizione naturale di una antica famiglia,napoletana da sempre, a combattere, prima di tutto, contro la città feroce, e trasformarepoi ogni punto di debolezza in un punto di forza, in un’occasione per metterlo “n’culo asciòrta fetente”. E perciò utilizzava le solitarie serate passate a Roma cercando di sviluppareun’idea che all’improvviso si era materializzata nella mente mai stanca. Questo, avevaconfidato a Emma, era uno dei suoi crucci: aveva in mano la chiave per scappare pure lui dauna situazione che si era fatta insostenibile, per poter lasciare un’azienda che faceva di tuttoper fargli capire che era di troppo, ma non riusciva a trovare i capitali per poter mettere inpiedi una sua attività che lo avrebbe liberato per sempre dell’ossessione del lavorodipendente che ormai lo aveva tradito, pur avendo dato, ed anche ricevuto, tanto e per tantianni.L’appartamento era composto da un soggiornino, una stanza da letto, in mezzo unastrettissima cucina e il bagno. Massimo uscì dal bagno, dove si era cambiato e, al postodell’elegante, ma ormai stazzonata camicia della giornata di lavoro, aveva messo una polonera su dei pantaloni anch’essi neri. Maria Antonietta, con il suo vestitino leggero blu navy,pieno di piccoli fiorellini bianchi, stava telefonando e Massimo capì che stava parlando conqualcuno al paese. Attese che finisse e poi le chiese di spegnere il cellulare.- Marianto’, numero uno, quando sei con me il cellulare lo devi tenere spento perchépossono vedere che stiamo insieme.- E come fanno?- Le società telefoniche registrano in quale cella stanno i telefoni e, se tu sei sorvegliata,possono collegarti a me. Cominciamo a essere prudenti, per piacere. Non aggiungiamocasini a casini.- Ho fatto un guaio? - Era preoccupata.- Mezzo. Perché appena ti ho visto ho spento il mio. Adesso al massimo possono sapereche sei stata a Roma e ad Acilia, ma è più difficile che possano metterti in relazione con me.- Ma chi è che ci spia?- Tutti: poliziotti, servizi segreti, americani, inglesi, israeliani, decine di aziende private.Siamo sempre sotto sorveglianza e quei benedetti calcolatori registrano tutto e nondimenticano niente. Ricordati che questo è il mio lavoro e nel mio campo io sono il miglioree conosco tutto quello che riguarda informatica, elettronica e telecomunicazioni e,soprattutto, so come funziona la sicurezza. Se qualcuno è interessato a “quel signore” amicodella “tua parente” potrebbe seguire la tua traccia elettronica per vedere chi vedi, con chi tela fai, dove vai. Perciò, regola numero due: quando ci vediamo, se dobbiamo vederci, nondevi usare carte di credito e bancomat: solo contanti. Procurati i soldi e compra tutto con isoldi. E non telefonare con il tuo telefono. Se devi telefonare usa un telefono pubblico, vailontano dal paese, vai a Napoli, a Caserta e non nei paesi, e utilizza una scheda diversa perogni numero che devi utilizzare, così non possono collegare due numeri. Mi spiego: tu Pag. 19 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  20. 20. GiveMeAChance Editoria Onlinechiami tua figlia con la scheda A, la scheda ha un codice che la società telefonica registra,poi con la stessa scheda A mi chiami e loro ci mettono in relazione. Perciò procurati tanteschede telefoniche, quelle da pochi euro, usale una sola volta e poi buttale. E non buttarlenei cestini. Buttale dentro a una saittella o bruciale. Regola numero tre: quando devi andarein un posto delicato, niente trucco, niente gioielli, un bello swatch di plastica e grandiocchiali da sole sempre e non di marca. E stai lontana dalle telecamere e se vedi che c’è unatelecamera non guardarci dentro. Regola numero quattro: niente vestiti con fiori, quadri,disegni, insomma niente vestiti, foulard, borse e valigie riconoscibili. Solo cose anonime evestiti che rompono la forma. Cinque: non parlare con sconosciuti, non far entrare nessunoin casa, non dare passaggi, anche a conoscenti, amici parenti e benefattori, controllasempre, ogni volta che la usi, che la macchina non sia stata manomessa. Non parlare inmacchina di cose delicate e segrete. Non parlare con tua figlia in casa sua perché potrebbeessere sorvegliata. Se devi parlare con tua figlia di cose delicate non parlate, nemmeno abassa voce, ma scrivete su foglietti che poi devi bruciare. Se li stracci e li butti possonoritrovarli nell’immondizia. Non utilizzare la posta normale perché la possono aprire e nonusare assolutamente la posta elettronica per mandare messaggi delicati e non mandaremessaggi a indirizzi di email delicati, cioè non mi mandare email. Se mi devi mandare unmessaggio ti spiegherò dove lo devi depositare in modo che non ci possano mettere inrelazione. Non mandare assolutamente SMS. Se devi venire in macchina cerca di non usarele autostrade e se devi usare le autostrade paga con i contanti. E cerca di non prenderemulte. Inoltre: niente aerei, solo treni, ci metti di più, ma nessuno ti registra. E soprattuttonon parlare con nes-su-no! Di questa faccenda parla solo con me, poco con Antimo, e solose ci serve, e molto poco pure con Emma. La devi tenere buona finché non viene ilmomento. Tua figlia sta per perdere il controllo e perciò: è pe-ri-co-lo-sa!Maria Antonietta lo guardava affascinata. Quando Antimo le diceva che Massimo era ilmeglio non aveva nessuna prova per smentirlo, ma adesso, con quelle poche velociistruzioni, ne aveva la conferma: le aveva spiegato in maniera esauriente ed esaustiva comefunziona il mondo ossessionato dalla sorveglianza continua. E inoltre dimostrava che si eragià preparato e che era sicuramente l’unica speranza di far uscire la ragazza dal guaio dovesi era cacciata. Seduta sul divano-letto ascoltava la lezione di Massimo che in piedidisegnava con le mani nell’aria reti e connessioni che solo a lui erano chiare. Reti chenessuno vede, ma che avviluppano la vita di miliardi di persone, costantemente sorvegliatee di cui pazienti computer registrano momento per momento, istante per istante, ognitraccia elettronica lasciata dal cellulare, dal prelievo al bancomat, da una telecamera, da untelepass.- Va bene, ho capito, però siediti vicino a me perché mi devi dire una cosa moltoimportante.- Non dovevi dirmi tu qualcosa?Si sedette affianco. Erano vicini ma l’unico contatto fisico avveniva episodicamente durantela foga della conversazione quando il ginocchio di uno toccava quello dell’altra o perchédiscutendo toccavano le mani, le braccia, una gamba dell’altro per fermare il suo discorso oper confermare di essere d’accordo. Se ci fosse stato un osservatore non avrebbe avutodubbi che tra loro c’era un’antica intima consuetudine.- Mi devi dire una cosa e devi essere molto sincero con me perché da quando ho parlatocon Emma io sto impazzendo.- Perché, ma che è successo?- È questo il punto. Ascoltami bene, è una mamma che te lo chiede. Per piacerepromettimi di non mentire: è una cosa troppo seria.- Ma mi vuoi dire che è successo. Mi fai stare in ansia. Che ti devo dire? Che vuoi che tidica?Stava per arrabbiarsi di nuovo.- Massimo giurami che mi dirai la verità.L’uomo era di nuovo furioso. Alzò la voce.- Maria Anto’, perché dovrei mentirti? Abbiamo problemi enormi da gestire e secominciamo a dirci bugie finisce tutto a puttane. Grazie per la fiducia. Pag. 20 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  21. 21. Il Sale Sulla Coda Roberto MarsicanoLa donna tiro un respiro profondo.- Mi devi dire che è successo tra te ed Emma sul treno.- Sul treno? Abbiamo parlato. Che altro doveva succedere?- Tu…lei…Maria Antonia era incapace di andare avanti, come se dovesse partorire un macigno. Sitorceva le mani come se volesse spremere la domanda dal suo corpo. Poi afferrò le mani diMassimo e cominciò a torturarle. L’uomo non riusciva a capire finché non pensò di avereun’illuminazione.- Antonietta, ma mi stai per caso chiedendo se fra me ed Emma ci sia stato qualcosa diintimo…. Sopra al treno? - Era sconcertato.Non gli rispose, teneva la bocca aperta e gli occhi spalancati, come un ostaggio in attesa diveder uscire da una pistola il temuto colpo di grazia. E nel non rispondere confermò ladomanda di Massimo che si liberò con mala grazia delle mani della donna e non urlò soloper non far sentire ai vicini.- Ma come ti viene in mente che io mi possa approfittare di una povera crista, che saràpure un’imbecille, causa dei suoi stessi guai, ma che era completamente disperata e michiedeva aiuto? Ma tu sei più pazza di tua figlia. Come ti viene in mente di venire fino a quia farmi queste domande oscene? Tu sei pazza. Sei pazza, pazza! Maria Antonie’, vuoisapere che c’è di nuovo: mi stai scocciando! Andiamo ti accompagno alla stazione.Si alzò tirandole la mano per portarla via ma la donna era ancora più disperata.- Aspetta, aspetta, io non mi sono spiegata bene…aspetta, non mi mandare via, ti devodire una cosa importante, ti prego scusami non volevo offenderti, non lo farei mai, io tistimo, lo sai, scusami, perdonami, perdonami, io non volevo dire che tu hai…- Non riuscivaa dire quello che le doveva apparire particolarmente osceno - io volevo dire che forse Emmaha provato a…- E ti ripeto: come ti viene in mente che una povera ragazza spaventata, una ragazza perbene che è finita nel marciume e che mi chiede aiuto per uscire da questa situazioneallucinante possa farsi venire questi pensieri. Ma non lo sai che tua figlia è disperata? Cheha approfittato di un momento di distrazione di quel bastardo per cercare una via di fuga?Lo sai perché tua figlia è tornata indietro? Lo sai? Perché ha avuto paura per te, perché se lapotevano prendere con te. Ma tu sei pazza, ma tu ti devi far vedere, tu ti sei giocata ilcervello. Maria Antonietta, a te a capa nun t’aiuta. Quella povera creatura la staicondannando senza appello! Come se fosse un’assatanata. E che cazzo! È tua figlia! Hasbagliato per amore non perché è amorale. Ma come ti permetti di sporcarla con i tuoiimmondi sospetti! Allora chella povera creatura è proprio sola! E tu vieni fino a Roma a farel’investigatrice? Ma non ti vergogni?L’ultima frase la urlò senza ritegno in faccia alla donna cercando di nuovo di portarla via.Massimo era ancora più infuriato per il sospetto buttato addosso ad Emma. Maria Antonianon ne era meravigliata. Lei sapeva che tipo di persona era Massimo. Gli prese la mano contutte le forze e lo fece sedere di nuovo vicino a lei. Aveva gli occhi completamente pieni dilacrime e perciò avevano ricominciato a risplendere.- Va bene, va bene, ho sbagliato due volte, ma devi capire che quando Emma mi hatelefonato così eccitata mi è sembrata di rivedere un brutto film. Era eccitata come quandosi è messa con quel quel fetente, e perciò ho avuto paura…scusami, perdonami, non tivolevo far arrabbiare. Scusami, perdonami ti prego, aiutami a liberare quella povera figliamia.L’onda del dolore arrivò, maestosa, immensa e la travolse. Si accasciò piegata su stessa conil corpo scosso dai singhiozzi. Massimo le carezzò la testa come aveva fatto la sera primacon Emma e quel gesto gli comunicò qualche cosa di indefinito ed indefinibile che gli fecegelare il sangue. Un pensiero subdolo ed evanescente passò dal cervello al suo sterno doveun vermicello si insinuò nel cuore provocandogli un extra sistole. Un puzzle orribile si stavacomponendo. Sollevò la donna prendendola per le spalle ma lei si rifugiò nelle sue bracciacon la testa piegata contro il petto. Le lacrime, cadendo sulla polo, creavano macchie dicolore tono su tono. Parole sconnesse uscivano fra i singhiozzi. Pag. 21 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  22. 22. GiveMeAChance Editoria Online- Sono stata punita, sono stata punita, ho sbagliato e sono stata punita. Quella poverafiglia mia, quella povera figlia mia. Perdonami ho sbagliato, ho sbagliato e ho fatto male a tee pure ad Emma.Massimo la scostò ed era di nuovo arrabbiato e perciò scuoteva con decisione quellabambola di pezza con vestito a fiorellini e decolté con tacco 40.- Maria Anto’, che altro mi devi dire? Perché questo sospetto t’ha sconvolta? Perché seivenuta fino a Roma? Che mi nascondi?La donna non parlava, teneva il capo chino davanti a Massimo che la teneva per le spalle ela scuoteva.- Che mi nascondi Maria Antonia? Che mi stai nascondendo?Maria Antonietta alzò il viso ormai completamente bagnato di lacrime. Massimo non dovevapiù scuoterla perché erano i suoi stessi singhiozzi che la scuotevano. Massimo ad un trattoera diventato calmo, come quando accadeva sempre quando doveva affrontare unasituazione delicata. Era la sua forza non perdere la calma e ragionare mentre intorno a setutto crollava.Le prese il mento come aveva fatto con Emma.- Marianto’, guardami! Guardami e rispondi.La donna sollevò lo sguardo spento di chi desidera porre fine a un dolore senza fine.- Emma tiene 25 anni, Maria Antò, non è che Emma è nos..è mia figlia?La testa dorata come una cornice antica si piegò e si nascose sul petto di Massimo checercava di poterla guardare in viso per avere conferma. Ma la donna si stringeva sempre piùforte tenendo i pugni stretti contro il petto di Massimo. Si nascondeva come una bambinache sa che ha fatto qualcosa che non le può essere perdonata e stranamente, invece difuggire da chi le può dare la punizione, si stringe a lui sempre più vicino. Una punizione chenon viene perché la mano che dovrebbe punire conforta e cura il povero essere impauritodalla sua stessa colpa. Restarono così per alcuni, infiniti quarti d’ora. Il sole fuori si stavabuttando nel Tirreno e la stanza riceveva luci rossastre che annunciavano la fresca seranella campagna romana. Quando il buio aveva quasi inondato la stanza, Maria Antoniettasollevò la testa.- Mi accompagni alla stazione?- Ma dove vuoi andare? È tardi, e non ti mando in queste condizioni in giro per Roma. E,seconda cosa, dobbiamo organizzarci. Puoi dormire qua e domani mattina ti accompagnoalla stazione.- Non vuoi sapere di Emma… come è successo? Io Non… non… non… non avevo intenzionicattive. E’ che ero ragazza, pure io ero disperata.- Se vuoi, se me lo vuoi dire, se non ti fa male. Ma non è importante, ormai è passato edevo pensare al futuro di quella creatura. Questo è l’unica cosa importante! E poi è anchecolpa mia, quando non ti sei fatta più vedere mi sono solo arrabbiato perché ti avevo persoe non ti ho cercato. Lo sapevi di essere incinta quando sei sparita?Non rispose. Si alzò per asciugarsi le lacrime e poi andò a sedersi in braccio a Massimo.Infilò un braccio intorno alla vita e, senza guardarlo negli occhi, appoggiò la testa nel cavodella spalla in modo che il naso e le labbra venissero torturate dai mille spilli della barbadell’uomo. Del suo uomo. L’unico che aveva sempre amato.- Posso stare un po’ così? Ne ho bisogno. Sono anni che sono sola. Vuoi?Lasciò che si sistemasse e la strinse come una bambina, senza fare domande. A che servivaquando immaginava di conoscere buona parte delle risposte. Al più avrebbe potuto averedei particolari che non cambiavano niente. Aspettò che lei trovasse il coraggio.- Quando ci siamo conosciuti io ero sposata da un anno. Non riuscivo ad avere bambini. Hoaspettato, aspettato, e poi Antimo ha chiesto alla tua collega, la signora Scarano, che sipoteva fare. Mi vergognavo di andare da un medico del paese.Carla Scarano le aveva preso un appuntamento con un ginecologo di Napoli molto famoso.Antimo aveva accompagnato la sorella di nascosto del marito perché Maria Antonia pensavadi avere un problema, una malattia, di non essere buona a fare figli. Ma il problema non erasuo. Il medico le aveva detto che era sanissima e che poche volte aveva visto una donnapiù adatta a fare figli come lei. Poi e aveva fatto vedere un’analisi. Dopo la visita il medico Pag. 22 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  23. 23. Il Sale Sulla Coda Roberto Marsicanoaveva avuto il dubbio che il problema fosse del marito e per fortuna aveva trovato dentro dilei il seme del marito e lo aveva fatto analizzare. Risultato: era completamente inutile e nonavrebbe mai potuto avere bambini.- In quel momento è come se fossi stata condannata a morte. Mio fratello era distrutto piùdi me. Siamo tornati dalla signora Scarano per ringraziarla, le avevo portato la mozzarellabuona. Stavamo seduti davanti alla sua scrivania come due cadaveri. Poi la signora, conquel bel sorriso, mi ha detto “tutto bene?” Antimo aveva gli occhi umidi, ha chiuso la porta ele ha detto tutto. Mi sono un po’ arrabbiata perché metteva i fatti miei in bocca a unestranea, ma lei è stata molto gentile. Mi ha presa sottobraccio e mi ha portata nel bagnodelle donne. Io stavo seduta sulla tazza e mi asciugavo le lacrime e lei fumava seduta sulbidet. Ha fatto una battuta sul fatto che era un cesso di salotto e ci siamo messe a ridere.Poi Carla si era alzata, si era messa davanti a lei, appoggiata alla porta con le mani dietroalla schiena, e aveva cominciato un discorso. “Senti Maria Antonietta devi prendere unadecisione, perché non puoi rovinarti la vita. Le situazioni si affrontano, è inutile piangere. Odecidi di lasciare tuo marito e puoi anche avere l’annullamento perché non può generare.Oppure, siccome capisco che gli vuoi bene, te lo tieni ed allora si aprono altre due strade:glielo dici che non è buono ed adottate un bambino, come fanno tanti, oppure provi questetecniche nuove di inseminazione artificiale”.- Io non sapevo nemmeno bene che era l’inseminazione e mi spiegò come funzionava eperciò considerai che era come andare con altro uomo. Lei si mise a ridere, disse: “è comeandare a letto con un altro, ma senza il divertimento. Anzi devi pure pagare il ginecologo enon sai di chi è il seme, magari del guardamacchine fuori alla clinica che arrotonda facendoil donatore di sperma”. Perciò secondo lei era meglio che, se volevo un bambino, andassicon uno che mi piacesse. Le ho detto: “e che faccio? Vado dal primo che incontro, da unoqualsiasi e mi offro?” “No, non c’è bisogno”, mi ha risposto. “Cerca qualcuno giusto, unapersona bella e perbene, uno con il quale puoi avere una storia non impegnativa, uno chenon si appiccica, uno di città, stai con lui qualche mese e quando ti accorgi di essere incintasparisci, non ti fai più vedere, tanto tu abiti in paese ed è difficile che uno ti venga a cercarefino o’ paese e poi tu sei una donna sposata: nessun uomo vuole avere fastidi con il maritoo i fratelli di lei. Lo puoi incontrare quando vieni a Napoli, magari ti inventi che devi fare unacura”.Maria Antonia era rimasta completamente scioccata dalla freddezza ma anche dallarazionalità dei ragionamenti della signora Scarano. Poteva fare mille altri pensieri, ma leiaveva delineato quali erano le scelte possibili.- Mi ha lasciato a pensare e poi, senza tanti convenevoli, mi ha detto che se volevo potevoprovare con te. Perché correvi appresso alle donne, perché eri un bel ragazzo, intelligente,sano, e poi stavi già lì, a portata di mano. Non dovevo nemmeno cercare. Mi ha preso permano, mi ha portato davanti allo specchio, mi ha fatto rimettere a posto il rimmel e mi hadetto “jamme, togliti il pensiero” e mi ha portato nella tua stanza. Ti ricordi?- Come faccio a scordarmelo? Eri la ragazza più bella che avessi mai visto. Con questocolore di capelli meraviglioso. E le tue gambe. Che meraviglia. Mi sei sembrata un sogno.Non pensavo che esistessero donne come te. E quando Carla ti ha presentato come lasorella di Antimo, mi sono sentito stringere in petto perché me lo aveva detto che avevaquesta sorella bellissima, giovane, ma già sposata, e ho pensato che non ti potevo avere.Anche lei era rimasta impressionata dall’effetto che aveva fatto su Massimo e si eracompletamente dimenticata che stava eseguendo un articolato piano a scopo procreativo.“Massimo, la signora Maria Antonietta dovrebbe comprarsi della biancheria. Perché nonl’accompagni da quella signorina che ha quel bel negozietto sotto lo studio tuo, con tuttequelle belle cose frù frù che piacciono a noi femminucce? Antimo non la può accompagnareperché deve fare straordinario, poi la riaccompagni così torna al paese con lui. E falle fare losconto, mi raccomando”.Carla aveva architettato un piano perfetto. Antimo fuori gioco, comandato a farestraordinario per un lavoro per niente urgente, e l’agnellino affidato completamente al lupo.Solo che quella volta doveva essere l’agnello a fottere il lupo. Quando furono nel negozio dicorsetteria non le fu difficile fargli capire che poteva osare. Bastò, durante la prova deicostumi da bagno, chiedere il parere di Massimo su come un bikini color turchese si Pag. 23 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  24. 24. GiveMeAChance Editoria Onlinesposasse con l’azzurro dei suoi occhi e il rossetto rosso…rosso sulla bella bocca che non sifece per niente pregare per farsi baciare. Le successive due ore le passarono nello studio diMassimo dove Maria Antonia mostrò di essere tanto, ma tanto differente da come potevaimmaginarla il marito, il fratello e pure la non tanto ingenua signora Scarano. Nuda, labocca che si era appena staccata da quella di Massimo, mentre le sue unghie rossevermiglio si infilavano fra i riccioli del pube ormai umido dell’uomo, gli dettò le condizioni delloro rapporto. Non erano state elaborate sui consigli di Carla Scarano ma era una vecchiaregola che Maria Antonietta si era sempre data con gli uomini. “Sono stata bene con te e civoglio stare ancora perché mi piaci, e voglio starci per quanto tempo mi farà piacere, perònon devi farti illusioni. Non ho intenzione di lasciare mio marito. E quando deciderò dismettere non voglio che mi cerchi. Se ti va bene così possiamo vederci anche domani.”Anche per questo aveva accettato il piano di Carla. Prima di sposarsi, anche durante ilfidanzamento, aveva avuto altre relazioni, per essere sicura di fare la scelta giusta, e perciòl’idea di andare con un ennesimo uomo non le dava nessun fastidio. Amava il marito e secercava di rimanere incinta con un altro era per non umiliarlo. In paese le chiacchieresarebbero corse veloci e pesanti. Il piano di Carla era ottimo e benvenuto. E così lesettimane passavano, gli incontri nello studio di Massimo alla fine del Corso VittorioEmanuele, quasi a Mergellina, diventavano sempre più frequenti e le cose che facevanoerano molto al di là di quello che serve semplicemente a procreare. Perciò il momento distaccare non veniva mai, quasi si fosse dimenticata lo scopo primario. La loro storia eraandata avanti così per mesi anche se Maria Antonia aveva un ritardo. Fu alla fine del quartomese che, guardandosi nello specchio, si accorse che non poteva più nascondere a nessuno,e soprattutto a se stessa, di essere incinta e perciò sparì. Sparita com’era venuta. Adessoerano di nuovo soli, abbracciati come allora, ma non c’era quella gioia frenetica di allora, sen’era andata insieme a quella di Emma. Tenerezza sì, tanta, perché nessuno dei due potevaignorare quei bellissimi sfrenati segreti pomeriggi di furia, di ossessione per il corpodell’altro. E nessuno poteva ignorare che c’era una figlia. Per Massimo era una sensazionenuova cui doveva abituarsi, non tanto per questa paternità nuova e ulteriore, ma perchécome ogni padre doveva interiorizzare quel rapporto che per una madre è invece un fattofisicamente naturale. Per Maria Antonietta era un rimettere a posto le cose: Massimo era ilpadre della sua unica figlia, non lo aveva dimenticato ma lo aveva anche sfuggito perchétemeva di essersene innamorata, cosa che l’avrebbe costretta a prendere altre decisionisull’organizzazione della sua vita.Dopo molti minuti la donna di sciolse dall’abbraccio.- Vado a prepararti qualcosa. Non hai ancora cenato.- Lascia stare. Vai a sistemarti, andiamo a mangiare fuori. Ti porto a Fiumicino. Un po’d’aria fresca ci farà bene. Ti piace il pesce?*** Pag. 24 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.
  25. 25. Il Sale Sulla Coda Roberto MarsicanoIl pianoTornati dalla cena, Massimo prese un blocco per elencare cosa dovevano fare. MariaAntonietta gli sedeva accanto e, piano, piano, mentre osservava i disegni e le scritte cheillustravano le loro future strategie, il suo corpo divenne una sola cosa con quello diMassimo. Non lo faceva intenzionalmente ma, dopo anni, l’antica intimità si faceva stradada sola. C’erano alcune piccole rughe intorno ai loro occhi, e molte nelle loro anime, ma lapassione che li aveva presi allora voleva che il morbido seno strisciasse sempre piùfrequentemente, e non solo per caso, contro il braccio dell’uomo che, anche se avessevoluto, non riusciva a non sentire il piccolo scalino fra la coppa del reggiseno e la carne rosae ancora dura. L’iPod passò a Walking in the Rain. Massimo, al solito, aveva le idee chiaresul da farsi.- Abbiamo due necessità immediate: soldi e informazioni.- Perché ci servono soldi? E quanti? Io ho la liquidazione di mio marito. Mi posso venderedei terreni...- Maria Anto’, forse non ti è chiaro il problema. Tua figlia è prigioniera di quel porco perchésa cose che non dovrebbe sapere e non credere che il fatto dell’impotenza del porco sia lacosa più importante. Emma me la detto che suo padre voleva denunciare l’animale ma poitu e Antimo lo avete dovuto fermare perché: numero uno, eravate tutti esposti alla suavendetta e poi Emma avrebbe potuto essere pure lei arrestata per favoreggiamento ecomplicità. Che cosa credi che il magistrato quando si vede davanti tua figlia pensa che siauna povera ragazza che si è infilata come una scema in un mare di guai? O pensa piuttostoche quel fiore di donna si è venduta la sua bellezza al migliore offerente? Anche ilmagistrato è un uomo o, peggio, una donna invidiosa. Perciò l’unico modo per togliereEmma dai guai è di farla sparire. E quando dico sparire significa che non deve e-si-ste-re pi-ù.Scandì le ultime parole perché Maria Atonia se le mettesse in testa per sempre.- Emma corre due rischi: o l’accireno o va in galera. Perciò deve spa-ri-re.- E si può fare?Le prese la pelle sotto al mento e lei lasciò fare. Stavano dimenticando ogni distanza.- Piccerella mia, tutto si può fare. Tutto si compra e si vende. Pure una nuova identità.Pero ci vogliono gli stramaledettissimi denari. Tanti denari. Tanti.Maria Antonia avrebbe voluto chiedere quanto, come, dove trovare quei soldi, ma Massimo,mentre le sistemava un’onda dorata dei suoi capelli dietro all’orecchio destro, la precedette.- Emma mi ha detto una cosa che ci risolve il problema, però mi devi aiutare. Non possofarlo da solo. Non ti preoccupare, se va bene, è la cosa più semplice da fare di quelle chedobbiamo fare.La donna era affascinata dalla sicurezza di Massimo, ma inorridita dal fatto che Emmadovesse sparire. Le sembrava orribile. Come se sua figlia dovesse morire.- E poi Emma non esisterà più? E come farò…?Le prese la sinistra, la porto prima al petto e poi la baciò proprio nel palmo.- Angelo mio, ma per chi è importante Emma? Per te…- Ma anche per te è importante, è tua figlia.- Anche per me è importante, ma io non sarò presente nella sua vita.- Non vuoi che glielo dica?- Non lo so. In questo momento, non è la cosa più importante! E soprattutto Emma, se cideve aiutare dall’interno, deve stare calma e serena. Non possiamo togliere altri mattoni daun edificio già sbriciolato. Quando sarà il momento, decideremo se dirglielo. Mo’ penzammea cose più importanti!Lo guardava affascinata con gli occhi lucidi. La bottiglia di vino bianco frizzante della cena lescioglieva la carne come l’acetone uno smalto vecchio.- Emma è anche importante per Antimo e credo che quella sia la cosa più complicata dagestire: dobbiamo evitare di dargli un dolore, non se lo merita. Non possiamo tenerloall’oscuro. Per carità. Lui già si sta dannando perché non può fare niente e perché pensa che Pag. 25 di 36 GiveMeAChance Editoria Online - Tutti i Diritti Riservati – Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook.

×