Smart dress

416 views

Published on

Tessuti intelligenti

Published in: Design
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
416
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Smart dress

  1. 1. SMART DRESS Le nuove frontiere dell’abbigliamento hi-tech Laboratorio Confezione/Tecnologie Tessili Domenica Trabace
  2. 2. In un contesto quotidiano invaso quasi totalmente dalle tecnologie, è piuttosto frequente sentir pronunciare la parola SMART, accostato a diversi ambiti come ad esempio il Design, la Moda, città ecc… Ma cosa s’intende per SMART? E per quale ragione essa viene sempre più spesso accostata alla Moda?
  3. 3. acuto, lancinante; forte, duro; svelto, vivace, energico, vigoroso; sveglio, pronto; accorto, furbo, scaltro, astuto; arguto, spiritoso, brillante; aspro, mordace, caustico, pungente; impertinenteSMART: SMART DRESS: ABITI INTELLIGENTI Moda e tecnologia non potrebbero sembrare mondi più distanti tra loro: negli ultimi tempi, invece, sembra proprio che le cose non stiano così e pare ci aspetti un futuro fatto di techno dress all’insegna delle soluzioni più avveniristiche e, perché no, delmultitasking e della funzionalità.
  4. 4. In realtà il concetto di abbigliamento è strettamente legato al concetto di funzionalità. Non dimentichiamo le origini stesse dell’abbigliamento, nato dall’esigenze primarie dell’uomo: •Utilità •Pudore •Audacia •Ornamento
  5. 5. Cambiati i tempi e le culture, gli stili di vita e la mentalità, le tecnologie e i materiali, muta anche il modo di concepire un abito, che prossimamente sarà pensato come un oggetto molto diverso da come lo intendiamo oggi.
  6. 6. Si va sempre più diffondendo l’uso delle nanotecnologie, i materiali intelligenti senza dimenticare la «moda» di usare materiali insoliti per l’abbigliamento come i LED o dispositivi micro elettronici. Non sono pochi gli esempi anche nell’alta moda.
  7. 7. I vestiti catalitici arrivano al Festival della scienza di Edimburgo. La stilista Helen Storey e il professor Anthony Ryan dell'Università di Sheffield presentano all'appuntamento scozzese il loro esperimento a metà strada tra moda e scienza. Gli abiti in mostra hanno infatti la caratteristica di purificare l'aria attorno a chi li indossa. Come? Grazie al particolare trattamento a cui sono sottoposti, con piccole particelle di biossido di titanio distribuite sulla superficie dei tessuti, che hanno la funzione di catalizzatori e accelerano la conversione degli inquinanti atmosferici nocivi in sottoprodotti innocui lavabili con la pioggia.
  8. 8. CuteCircuit è una società di moda con sede a Londra che progetta vestiti "interattivi", prodotti innovativi, abiti intelligenti in grado di integrare le nuove funzionalità della moda attraverso l'uso di tessuti tecnologici e la microelettronica. CuteCircuit è la prima azienda a unire capi indossabili e la tecnologia delle telecomunicazioni per creare esperienze emotivamente ricche per gli utenti nel campo della moda, dello sport e della comunicazione. Uno dei prodotti Cute Circuit, la Hug Shirt, è stato premiato come una delle migliori invenzioni dell'anno da Time Magazine, ed il Primo Premio al Festival Ciberart a Bilbao, in Spagna.
  9. 9. Tuttavia anche le ricerche e gli studi svolti sull’ergonomia delle forme sta portando a risultati alquanto sorprendenti, proponendo soluzioni sempre più soddisfacenti alle esigenze dei tempi e modi di vivere moderni.
  10. 10. Abito con inserti a pannelli solari. Sarà possibile caricare il nostro smartphone indossando semplicemente un vestito.
  11. 11. Se è la praticità che cercate, sicuramente vi piaceranno i tacchi esagerati e fluo di Sheila’s Wheels: ideati per le donne che guidano, si presentano come un paio di scarpe estremamente femminili e altissime, ma che nascondono un piacevole segreto. All’occorrenza, infatti, il tacco esagerato si può rimuovere per calzare così una comodissima ballerina ultra flat, che ci permetterà di stare alla guida senza problemi. Funzionano allo stesso modo le Camileon Heel, che però si basano sul principio di abbassamento del tacco e non della sua totale eliminazione, passando da un tacco nove a un praticissimo tacco quattro perfetto per la città e le attività quotidiane.
  12. 12. La Leivaditou ha presentato un nuovo abito impermeabile, utile per la stagione autunnale. Grazie a questo abito-ombrello è infatti proteggersi dalla pioggia e non rischiare di bagnare i vestiti o la propria testa. Questo renderà molto più comodo passeggiare per strada, ma anche aprire la porta di casa quando torniamo con la spesa in mano… Al momento, però, si tratta solo di un concept: verrà mai prodotto?
  13. 13. Il tema del nomadismo e quello dell'energia comportamentale mi sono tornati alla mente quando ho letto in Abitare un articolo su I Trasformabili, capi/oggetto progettati da Moreno Ferrari per C. P. Company.
  14. 14. Il designer londinese Tom Dixon ha collaborato con Adidas per creare dei singoli indumenti da viaggio che possono funzionare come un guardaroba completo adatto ad ogni occasione. Una delle creazioni è questo giubbotto caldo e impermeabile che all'occorrenza si trasforma in sacco a pelo.
  15. 15. E' una giacca impermeabile che diventa una tenda e permette anche la combinazione di più giacche in modo da formare una tenda modulare per più persone. Si chiama Refuge Wear ed è opera della designer inglese Lucy Orta
  16. 16. I settori merceologici dove il concetto di smart dress viene meglio applicato sono da ricercare maggiormente jn specifiche tipologie di abbigliamento dove sia la forma che i materiali si devono fondere per consentire performance di altissimo livello : lo sportswear e il work dress
  17. 17. Sembrano arrivare direttamente dal film «Ritorno al Futuro», le scarpe che si allacciano da sole della NIKE. Prossimamente sul mercato?!

×