Your SlideShare is downloading. ×
Slide bari 4 aprile 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Slide bari 4 aprile 2012

470

Published on

progetto valutazione performance l'esperienza del comune di verona

progetto valutazione performance l'esperienza del comune di verona

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
470
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. III Incontro regionale di verifica del percorso di affiancamento per la gestione del ciclo della performance 1 A CURA DI GIUSEPPE BARATTA COMUNE DI VERONAProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 2. Il Comune di Verona - Territorio 2 Superficie Kmq 199 Popolazione al 31.12.2011: residenti 264.161 di cui 37.607 stranieri comunità più numerose: extraeuropea Sri Lanka (6.672) europea Romania (8.056 residenti) Famiglie: 125.879 (+542 rispetto al 2010) Età media: 44,9Progetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 3. Il Comune di Verona - Economia 3 Reddito medio procapite: 15.250 € Pil procapite: circa 30.000 € Imprese: 26.359 “Commercio all’ingrosso e dettaglio; riparaz. autov. e motoc.” (6.589); “Servizi” (5.726), “Costruzioni” (3.956); Settore manifatturiero(1.101).Progetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 4. L’ente comune di Verona 4 La politica: amministrazione uscente Centrodestra (Lista Tosi Sindaco, Lega Nord, PDL, UDC) 60,75% La struttura: 2457 dipendenti, di cui 58 dirigenti Il 70% dei dipendenti è donna; tra i dirigenti la percentuale femminile è però del 32% Il bilancio: spese correnti 300 mln, cc 260, pareggio a 706 mln Le Aziende partecipate: AGSM (gas, luce); AGEC (edifici comunali, servizi cimiteriali, farmacie, refezione scolastica); AMT (parcheggi e sosta); AMIA (ciclo rifiuti); ATV (trasporto pubblico); Acque Veronesi (acquedotto)Progetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 5. Il percorso del cambiamento 5Lo stato di fatto separatezza, verticalizzazione, piattezza retributiva strumentazione di buon livello, ma disomogenea buona infrastruttura tecnologica, ma sottoutilizzataProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 6. Il percorso del cambiamento 6Le motivazioni Maggior capacità di governo alla politica Esigenza di intercettare e soddisfare i nuovi bisogni Condivisione di conoscenze e processi di lavoro Meritocrazia e premialità differenziataProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 7. Il percorso del cambiamento 7L’opportunità: la riforma Brunetta e la conseguente ineluttabilità del dover mettere mano al sistemaLa scelta: cogliere l’occasione per cambiare non solo gli adempimenti, ma la sostanza dell’organizzazione e dei suoi meccanismiProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 8. Gli attori ed il percorso 8L’illusione AnciLa direzione ed il gruppo di lavoroLa prima fase di riflessione e incubazioneL’adesione al progetto Pon-GasProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 9. Il gruppo di lavoro 9La metodologia: riutilizzare gli strumenti esistenti per renderli coerenti con il ciclo della performance, integrandoli tra di loroAnalisi e rilettura dell’esistente: ciclo della programmazione e ciclo della performanceIndividuazione delle lacune: obiettivi di impatto, misurazione servizi, indicatoriProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 10. La scelta cruciale 10 spostare l’attenzione dell’analisi dall’organizzazione al prodotto: centralità del servizio, inteso come risposta ad un bisogno dell’utenza (interna ed esterna) leggere l’organizzazione non per quello che è (per come è strutturata e come si è sviluppata, per alla fine giustificarne il diritto alla sopravvivenza), ma per quello che fa, partendo dal prodotto finale e, subito dopo, ripensarne la strutturazioneProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 11. Cosa abbiamo fatto 11Definire i servizi ed i prodottiIndividuare le dimensioni della qualità da misurareCostruire l’albero della performance per mettere in fila le strategie, le politiche, le unità organizzative ed i livelli di responsabilitàDefinire la baseline, il target, gli obiettivi e gli indicatoriSviluppare, e supportare adeguatamente con la infrastruttura informatica, la rilevazione dei dati, la costruzione e la condivisione delle informazioniProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 12. Le tappe e i documenti 12 La costruzione del sistema Il manuale della performance (dg 408/2011) Il programma della trasparenza (dg 409/2011) La carta dei servizi (dg 408, 432/2011) La diffusione e l’arricchimento del percorso Il valore aggiunto: la costruzione di una squadraProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 13. Relazione sulla performance 13Conclude il ciclo della performance È prevista dall’art.10, co 1 let b) del decreto l.gs. 150/2009, da adottare entro il 30 giugno Comprende i risultati organizzativi ed individuali raggiunti rispetto ai singoli obiettivi programmati ed alle risorse, gli scostamenti e il bilancio di genere È condizione inderogabile per l’accesso agli strumenti per premiare il merito (art.14 co 6 )Progetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 14. La Relazione sulla performance del Comune di Verona 14in corso di approvazione la Relazione per l’anno 2011redatta secondo le indicazioni Civit (del. n. 5/2012) e sulla base dei documenti di rendicontazione economico-finanziariasono dettagliati i Programmi della RPP, gli obiettivi strategici, gli obiettivi PEG con i risultati raggiunti e gli scostamentisono descritti i progetti innovativi legati alla incentivazione e valutazione individualeProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 15. La Relazione sulla performance del Comune di Verona 15INDICE1. PRESENTAZIONE DELLA RELAZIONE2. SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER ESTERNI2.1. Il contesto esterno di riferimento2.2. L’amministrazione2.3. I risultati raggiunti2.4. Le criticità e le opportunità3. OBIETTIVI: RISULTATI RAGGIUNTI E SCOSTAMENTI3.1. Albero della performance3.2. Obiettivi strategici3.3. Obiettivi e piani operativi3.4. Obiettivi individuali4. SERVIZI E U.O.: RISULTATI RAGGIUNTI5. RISORSE, EFFICIENZA ED ECONOMICITÀ6. PARI OPPORTUNITÀ E BILANCIO DI GENERE7. IL PROCESSO DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE7.1. Fasi, soggetti, tempi e responsabilità7.2. Punti di forza e di debolezza del ciclo della performanceProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 16. Il Piano della performance 2012-2014 16 Dalla RPP al PEG Il nuovo PEG La centralità del servizio La scelta di obiettivi e indicatori La pesatura dei servizi e degli indicatori La performance del servizio La performance dell’unità organizzativa La performance individuale La resa dell’organizzazioneProgetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012
  • 17. 17Progetto "Valutazione delle performance" 04/04/2012

×