La contabilità generale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La contabilità generale

on

  • 621 views

Le basi della contabilità generale

Le basi della contabilità generale

Statistics

Views

Total Views
621
Views on SlideShare
620
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
8
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideee.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

La contabilità generale La contabilità generale Presentation Transcript

  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze1 La contabilità generale III classe ITC Albez edutainment production
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze2 Struttura SIA integrato SIA integrato Sottosistema Contabile raccoglie e coordina le informazioni riguardanti le operazione di gestione interna ed esterna Sottosistema Non contabile elabora e gestisce di informazioni riguardanti l’azienda e il mercato, Indispensabili per gli organi direttivi aziendali Contabilità generale Si riferisce a tutte le operazioni di gestione che l’impresa compie con i terzi. Scopo: determinare risultato economico d’esercizio e patrimonio di funzionamento
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze3 COGE Contabilità sezionale Contabilità elementare Riepiloga le varie contabilità sezionali In un unitario sistema di scritture complesse tra loro coordinate in modo tale da formare un sistema contabile Si riferisce a tutte le operazioni che l’impresa compie con i terzi. Scopo: determinare il risultato economico d’esercizio e il patrimonio di funzionamento
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze4 Sistema contabile Insieme coordinato di conti che raccoglie scritture tra loro collegate riguardanti un oggetto complesso Contabilità generale Oggetto: Reddito Esercizio (valore) Oggetto: Patrimonio Funzionamento (valore)
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze5 Patrimonio di funzionamento e reddito d’esercizio Oggetti complessi Formati da più elementi coordinati tra loro (costi, ricavi, attività, passività) Un sistema di scritture, per poter raggiungere il suo scopo (misurare delle grandezze) ha bisogno di un metodo, cioè di regole che ne definiscono le modalità di funzionamento
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze6 Metodo contabile = insieme delle norme relative a Forma Ordine Modalità con le quali vengono composte le scritture Sistema = riguarda l’oggetto delle scritture Metodo = detta le regole di forma e procedura delle rilevazione Uno stesso metodo può essere applicato a sistemi contabili diversi Metodo della Partita Doppia = Il metodo di rilevazione universalmente usato
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze7 Metodo della partita doppia Stabilisce le regole di registrazione delle quantità riguardanti le operazioni aziendali in un insieme coordinato di conti Occorre registrare ogni quantità due volte, contemporaneamente, in diversi conti e in sezioni opposte in modo da attuare sempre l’uguaglianza tra sezione Dare e sezione Avere
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze8 Vengono seguite le seguenti regole: • Vengono aperti due serie di conti • I conti delle due serie sono bisezionali • Ogni operazione origina almeno due registrazioni • Le due serie di conti funzionano in maniera antitetica • Se le variazioni interessano soltanto conti di una serie, le registrazioni si effettuano in sezioni opposte (Dare/Avere) di conti della stessa serie • Si deve usare un’unica moneta di conto per tutti i conti delle due serie • Le eventuali variazioni in diminuzione inerenti un conto vengono iscritte nella sezione opposta Dall’applicazione di tali regole ne discende che: in qualsiasi momento, il totale della sezione Dare di tutti i conti accesi è sempre uguale al totale della sezione Avere di tutti i conti accesi. La differenza fra il totale degli importi Dare e il totale degli importi Avere deve essere sempre uguale a zero. DARE AVERE addebitamenti accreditamenti
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze9 Il sistema del patrimonio e del risultato economico • È costituito da un insieme di scritture con le quali si rilevano, nel duplice aspetto finanziario ed economico, i fatti di gestione, allo scopo di determinare il reddito d’esercizio e il patrimonio di funzionamento • Si basa sulla rilevazione continua delle operazioni di scambio tra impresa e ambiente circostante, da cui scaturiscono costi e ricavi oggettivamente misurati da variazioni finanziarie
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze10 Le operazioni di gestione vengono esaminate in un duplice aspetto: • Finanziario (originario): che evidenzia le variazioni della liquidità, dei crediti e dei debiti • Economico (derivato): che accoglie i costi e i ricavi oppure gli aumenti o le diminuzioni del patrimonio netto, misurati da variazioni finanziarie
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze11 Il sistema del patrimonio e del risultato economico poggia sui seguenti principi: • Le variazioni economiche vengono rilevate secondo la loro natura, ossia secondo la causa che le ha determinate (acquisti, vendite, interessi attivi, interessi passivi, ecc.) • I conti, tra loro collegati, che costituiscono il sistema del patrimonio e del risultato economico, si distinguono in conti finanziari e conti economici
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze12 I conti finanziari Sono accesi ai valori finanziari (denaro, crediti verso clienti, debiti verso fornitori, crediti e debiti diversi, ratei, fondi per rischi e oneri, ecc.). A seconda dei valori a cui sono intestati, si classificano in: 1. Conti accesi alla liquidità, che accolgono il denaro in cassa, i valori bollati, gli assegni ricevuti, le disponibilità in c/c bancario; 2. Conti accesi ai crediti e debiti, che accolgono sia valori relativi ai crediti e debiti di regolamento (di natura commerciale) sia valori relativi ai crediti e debiti di finanziamento; 3. Conti accesi ai ratei, ai fondi oneri futuri e ai fondi rischi, che accolgono valori di natura presunta nell’importo, nella scadenza e nel verificarsi della manifestazione finanziaria. Sono detti bilaterali (o bifase) perché accolgono valori in entrambe le sezioni del Dare e dell’Avere.
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze13 I conti economici Sono accesi a valori di patrimonio netto e di reddito. Si distinguono in due categorie: 1. Conti di patrimonio netto, che sono accesi al patrimonio netto e alle sue parti ideali; accolgono le variazioni per nuovi apporti o prelevamenti da parte del proprietario e per i risultati di gestione (utile o perdita d’esercizio); 2. Conti di reddito: sono accesi alle variazioni economiche (costi e ricavi) che incidono sulla formazione del risultato economico di uno o più esercizi.
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze14 Poiché lo scopo del sistema del patrimonio e del risultato economico è quello di determinare il reddito d’esercizio (e il patrimonio di funzionamento), occorre distinguere i componenti di competenza economica dell’esercizio dai componenti di competenza economica degli esercizi futuri. Conti Economici di Reddito Conti accesi alle variazioni d’esercizio: accolgono i costi e i ricavi dell’esercizio e le loro rettifiche. A loro volta tali costi vengono distinti in componenti ordinari (Merci c/acquisti, Merci c/vendite, interessi attivi, resi su acquisti) e straordinari (Plusvalenze straordinarie, ecc..); Conti accesi ai costi e ricavi pluriennali: accolgono costi e ricavi di competenza di più esercizi (Fabbricati, Impianti, Brevetti); Conti accesi ai costi e ricavi sospesi: accolgono costi e ricavi già rilevati ma di competenza economica di esercizi futuri(Rimanenze di magazzino, risconti attivi e passivi); Conti di risultato: funzionano a due sezioni (Dare e Avere) accogliendo i costi, i ricavi e le rimanenze (Conto di risultato economico,ecc..).
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze15 I conti economici sono detti unilaterali (monofase) perché, ad eccezione dei conti di risultato, accolgono valori o in Dare o in Avere. Sono chiamati conti patrimoniali i conti finanziari, i conti economici di patrimonio netto, i conti economici accesi ai costi e ricavi pluriennali e ai costi e ricavi sospesi, i cui saldi al termine dell’esercizio affluiscono nella Situazione patrimoniale. Sono chiamati, invece, conti economici d’esercizio i conti economici accesi alle variazioni d’esercizio, i cui saldi al termine dell’esercizio affluiscono nella Situazione economica.
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze16 Riassumendo CONTI FINANZIARI CONTI ECONOMICI Valori In cassa Crediti e debiti Ratei, Fondi rischi e oneri Conti di Patrimonio netto Costi e Ricavi pluriennali Costi e Ricavi Sospesi Costi e Ricavi d’esercizio CONTI PATRIMONIALI Situazione patrimoniale ATTIVITA’ PASSIVITA’ E PATRIMONIO NETTO Conti Economici d’esercizio Situazione economica COSTI ESERCIZIO RICAVI ESERCIZIO
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze17 Il metodo della partita doppia applicato al sistema del patrimonio e del risultato economico si basa sulle seguenti regole: 1. Vengono aperte due serie di conti: - conti finanziari (originari); - conti economici (derivati), Conti finanziari DARE Variazioni finanziarie attive Entrate di denaro Aumento di crediti Diminuzione di debiti Ratei attivi Diminuzione di fondi rischi Diminuzione di fondi oneri futuri AVERE Variazioni finanziarie passive Uscite di denaro Aumento di debiti Diminuzione di crediti Ratei passivi Aumento di fondi rischi Aumento di fondi oneri futuri
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze18 Conti economici di reddito DARE Variazioni economiche negative Costi d’esercizio Costi pluriennali Costi sospesi Rettifiche di ricavi d’esercizio AVERE Variazioni economiche positive Ricavi d’esercizio Ricavi pluriennali Ricavi sospesi Rettifiche di costi d’esercizio Conti economici di patrimonio netto DARE Variazioni economiche negative Diminuzioni di patrimonio netto AVERE Variazioni economiche positive Aumenti di patrimonio netto
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze19 2. Ogni operazione di gestione dà luogo ad almeno due registrazioni contrapposte, in Dare e in Avere di uno o più conti; il totale degli addebitamenti deve essere uguale al totale degli accreditamenti. Conti finanziariDARE Variazioni Finanziarie Attive Conti economici AVERE Variazioni Economiche Positive Emessa fattura di vendita sul cliente Rossi per € 100 (tralasciamo l’IVA per semplicità) 100 100
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze20 Conti economiciDARE Variazioni Economiche Negative Conti finanziari AVERE Variazioni Finanziarie Passive Ricevuta fattura acquisto merci dal fornitore Verdi per 200 € (tralasciamo l’IVA per semplicità) 200 200
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze21 Conti finanziariDARE Variazioni Finanziarie Attive Conti finanziari AVERE Variazioni Finanziarie passive Riscossa in contanti fattura di vendita del cliente Rossi per € 100 100 100
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze22 3. Durante il periodo amministrativo si rilevano solo i fatti esterni di gestione, ossia quei fatti che derivano da scambi con terzi (contatti dell’impresa con l’ambiente esterno) e che originano variazioni finanziarie. Tali fatti di gestione vengono rilevati nel momento in cui si manifestano le variazioni finanziarie desumibili dai documenti originari (fatture, ricevute, assegni, cambiali). Esempio 1 Si riscuotono con denaro contante fitti attivi per € 260,70.
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze23 L’operazione dà luogo: - a una variazione finanziaria attiva (entrata di denaro) che si registra in Dare del conto Denaro in cassa; - a una variazione economica positiva (ricavo per fitto) che si registra in Avere del conto Fitti attivi. La registrazione nei conti è la seguente: Dare Denaro in cassa Avere Dare Fitti attivi Avere Variazioni finanziarie attive 260,70 Variazioni finanziarie passive Variazioni economiche negative Variazioni economiche positive 260,70
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze24 Esempio 2 Si riscuotono in contanti crediti v/clienti per € 500. L’operazione dà luogo: -A una variazione finanziaria attiva (entrata di denaro) che si registra in Dare del conto Denaro in cassa; -A una variazione finanziaria passiva (diminuzione dei crediti v/clienti) che si registra in Avere del conto Crediti v/clienti. Dare Denaro in cassa Avere Dare Crediti v/clienti Avere Variazioni finanziarie attive Variazioni finanziarie passive Variazioni finanziarie attive Variazioni finanziarie passive 500,00 500,00
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze25 Il piano dei conti È la definizione dei conti che costituiscono il sistema contabile È costituito dal quadro dei conti: elenco dei conti che tra loro collegati formano il sistema delle scritture complesse dalle note illustrative: definiscono i valori da rilevare nei singoli conti e le procedure di funzionamento delle varie classi di conti
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze26 Esempio relativo al conto Denaro in cassa Codice 08.20 Denominazione Denaro in cassa Raggruppamento Disponibilità liquide Contenuto Il conto accoglie i movimenti inerenti alle entrate e uscite di denaro contante. Il conto presenta sempre eccedenza in Dare. Funzionamento Il conto accoglie in Dare: •Il saldo attivo iniziale •Le entrate di denaro relative a riscossioni in contanti. Il conto accoglie in Avere: •Le uscite di denaro relative a pagamenti in contanti •Il saldo attivo finale Nota Il conto non può mai avere eccedenza Avere in quanto non esistono quantità negative di cassa
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze27 Operazioni di gestione e rilevazioni contabili: la sequenza Operazioni di gestione Prima nota Libro giornale Conti di mastro Situazioni contabili Piano dei conti
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze28 La registrazione in partita doppia sul giornale e nei conti di mastro È necessario: • Individuare a quale data deve essere riferita l’operazione da registrare; • Individuare quali conti sono coinvolti nell’operazione; • Individuare per ciascun conto l’importo della variazione da esso subita; • Individuare qual è il segno di ogni variazione; • Individuare in quale sezione (Dare o Avere) deve essere registrata la variazione di ogni conto
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze29 Esempio 1 In data 27 ottobre l’impresa Rossi ha acquistato merci per € 500+IVA20% dalla ditta Verdi. La merce viene consegnata due giorni dopo e il 10 novembre si riceve la fattura n. 121 della ditta Verdi. La data in cui deve essere effettuata la registrazione è il 10 novembre. Nella stessa data la fattura deve essere registrata sul registro delle fatture d’acquisto. L’operazione ha dato luogo alle seguenti variazioni: Aspetto finanziario Variaz. Finanz. Passiva per la formazione di un debito vs.fornitore Aspetto economico Variaz. Econ. Negativa per il costo d’acquisto delle merci Aspetto finanziario Variaz. Finanz. Attiva per il credito vs. l’erario per IVA
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze30 Vediamo le registrazioni sul libro giornale: Data Codice Denominazione conti e descrizione Dare Avere 11-10-04 11-10-04 11-10-04 30.01 06.01 14.01 Merci c/acquisti fatt. n.121 Verdi IVA ns/credito fatt. n.121 Verdi Debiti v/fornitori fatt. n.121 Verdi 500,00 100,00 600,00
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze31 Esempio 2 Con riferimento all’esempio precedente (1), il 12/11 l’impresa di Rossi paga la fattura n. 121 con addebito sul c/c bancario presso la banca Carige. La data in cui va registrata l’operazione è il 12/11. Essa dà luogo alle seguenti variazioni: Aspetto finanziario Variaz. Finanz. Attiva per estinz. del debito vs/fornitore Aspetto finanziario Variaz. Finanz. passiva per uscita di denaro dal c/c bancario
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze32 Vediamo le registrazioni sul libro giornale: Data N. Codice Denominazione dei conti e descrizione Dare Avere 12-11-04 12-11-04 ….. ….. 14.01 18.20 Debiti v/fornitori pagata fatt. n. 121 Banca Carige c/c pagata fatt. n. 121 600,00 600,00 06.01 IVA ns/credito 14.01 Debiti v/fornitori 18.20 Banca Carige c/c 30.01 Merci c/acquisti 100,00 600,00 600,00 600,00 500,00 Ecco le registrazioni nei conti di mastro:
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze33 E adesso possiamo rilassarci tra i boschi eh?
  • Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze34 Bibliografia • Astolfi, Rascioni & Ricci “Entriamo in azienda 1” editrice Tramontana Milano 2004