Your SlideShare is downloading. ×
n. 7 /                                         settembre -                                         ottobre                ...
www.bancaemercati.com                 2
.13                              cati / n                     ca&Mer              di Ban                            lini  ...
Editoriale 		             						                                 07Flash News								                                     ...
n.7 settembre - ottobre 2011Performance								                                                        48Carriere								 ...
Uomini e Tecnologie                             A servizio                             del cliente                        ...
Editoriale                   Andrea Bigi,                   direttore                   di Banca & MercatiIl governo per l...
Flash newsIl conto corrente di Ubi Banca per i giovani studentiI Want Tubì viene proposto ai ragazzi dai 13 ai 17 anni    ...
Flash newsMps su Facebook con Montepaschi Sport                            Il datawarehouse si automatizza con BIReadyL’ob...
Flash newsLa nuova piattaforma Adobe per il Customer Experience ManagementServe a ottimizzare le interazioni con i clienti...
Flash newsI fondi Swisscanto per Allfunds Bank                                 La seconda edizioneAccordo per la distribuz...
Flash newsUniCredit sostiene il franchising insieme a ConfimpreseSottoscritto un accordo quadro nazionale per recepire le ...
Flash newsVia al primo corso executive dedicato al Green BankingA cura della Green Business Executive School in collaboraz...
Flash newsDa Visa via ai pagamenti mobile P2P                                Ncr punta sul mobile bankingLanciato anche il...
Da oggi,          scegliere il tuo            Mutuo           è semplice...          Come andare al         Supermercato  ...
Focus cornerLe nuove valute rifugio?Le corone scandinaveChi è alla ricerca di nuove valute rifugiodopo la mossa della Banc...
Focus cornerpositiva ma si attestava a livelli più bassi (7,7 miliardi dicorone).Anche il mercato immobiliare risulta in c...
Focus cornerUn anno (finora) turbolentoL’outlook di metà annosui mercati finanziarisecondo Threadneedle,che favorisce gli ...
Focus cornerquanto ci si aspetterebbe in questo punto del ciclo e offrono            internazionale, in quanto solo il 35%...
Focus cornerUn faro nel buioDietro al boom economico dellaGermania, e in particolare alla fortecompetitività del suo merca...
www.sia.eu                                                                                                                ...
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Banca&mercati mag n_7
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Banca&mercati mag n_7

1,458

Published on

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,458
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Banca&mercati mag n_7"

  1. 1. n. 7 / settembre - ottobre 2011editorialeIl governo per lItaliafocus cornerSaxo Bank Italia / Threadneedle /M&G InvestmentsspecialeMobile paymentsstorie di businessUnione Fiduciaria /In sinergia con le banche popolari 1
  2. 2. www.bancaemercati.com 2
  3. 3. .13 cati / n ca&Mer di Ban lini sletter rea Big i ano BelLa new sponsabile: And i e Elena GiordDiretto re re a Big : Andre cura diTesti a m er cati.co ancaem o www.b si attorn attestar dovrebbe Outlook nnio l 2010 inancial ebbe imo bie ica del Paese ne revisione Afo -F 8,5%, che potr od el pross on omo di P ne all’ ews onomic escita ec Rapport ccupazio e n un liev iglie e Top N ario ec ali, perciò la cr ro tracciato dal o di diso 2010-2011, co e lo scen ntur ad n un tass o ito a fam bi: le banche certezze congiu r cento. E’ il qu del lavoro, co 1,5% nel bienni o a fornire cred l 2009, per poi Previ sioni A delle in ancora l’1,3 pe 12 al mercato 11 delrsi all’ ntinuand ilizza ello de lide co estiti ile a qu so di pr risente e nel 20 per il 20 ebbe stab stano so 2%, sim razione il flus L’Italia allo 0,9% i invece i dati inflazione, dovr , le banche re un tasso del 2, le onomic ) o nel 2011 ativ d’ Abi a e in acce ciclo ec 10 all’1%, ll’A bi. Neg uanto al tasso so ttolinea escere nel 2010 ni positive In ogni caso, il il 20% nel 20 -2012 de nel 2012. Q difficile, ro cr enta variazio nel 20 12. oltre trà 2010 esto scen ario vrebbe are, pres cita di nche po all’8% iario do particol del 4,9% o la cres delle ba , valore sc endere 12. In qu ore non finanz In nsione 11 (dop il e netto to nel 20 sett -2012. i di espa per il 20 nel 2009, l’ut o del 3, 3% incremen li impieghi al nio 2011 nel 2009 a tass enze bancarie 29% un livell G nel bien 3% ffer one del nel 2012 imprese. co meno del 5% e annua del 2, delle so a riduzi iungerà po zi on to del 10% Dopo un tre il Roe ragg crescere e: da una ridu incremen al -1.7 per cent -2012, men o. es teriore comune di alle impr rminerà un ul zandosi nel 2011 insieme dete stabiliz iliardi di euro tare un inatteso e attuale arsi nel 2012 5, 5m a di adot prezzo per po i attenu es a pari a e- crisi. tt a Europ e. Ma a un ie europee una lieve ripr ore ai livelli pr razi one di tu pagnie europe su 29 compagn di segnare inferi di assicu ica, dalle com ture dere più e ancora pagnie st e Accen a di spen che solo tre comunqu alle com a tempi dica un’indagin si aspett i i costi impone quanto rvistate . Si pens II, qu anto m olvency II, che ente raggiunto, curazioni. Lo in lle società inte milioni di euro spesa. S si o de 0 Solvency o del 2012 per ilità, verrà certam lla metà delle as che che un terz endere più di 10 re i 26 milioni di rd lvib de ra Il tragua ia di so , per più segnala an ede di sp di supe in mater alle previsioni ta e danni), che te, il 7 % prev gnie prevedeva norme to vi ra ques mpa e, rispet ai rami ttiva. T delle co superior nti soprattutto alla dire lo il 4% ne eguarsi ture, so ti” e offr ono (apparte di euro per ad di Accen i “evolu rrente, ni analogo diventat 25 milio un sondaggio luti” co in iù “evo ante: i disposit ivi sono enti di conto assegni e la anni fa, mpre p nt ai movim azione sono se a solo più il co , oltre al saldo e rifica della situ grafato la italiani elev no la ve foto Gli Atmi Atm non si pr che comprendo conto corrente, l’Abi, che ha che per le i, do Presso gl merosi serviz a di prelievo su menti. Secon supporto an e o le e nu du al client sponibilità resi e mutui e fina nzia i sono di che telefonich r un tomatic ri carte, pe anche la di sizion sp ortelli au e multe, le rica i 37 milioni di i di euro (di on e della po ital iani, gli bo llette auto matic m iliard so co nsultazi i 46mila Atm mento di e agli sportelli ri a 131 ione pres ti. ne de e il paga ate usat zioni pa tm a disposiz ento da situazio ie, com st lle transa iA giornam routinar 09 sono ontare de ai la metà degl enza e ag op erazioni el corso del 20 ioni e un amm e or m lla di effici i. N eraz isato ch alti live donazion miliardo di op ievi). Va prec rantire un i di prel ado di ga totale di ue in gr 121, 8 miliard eb based, dunq questi, ièw ti bancar gli istitu News Flash el 2010 tui: +1% n a di mu Domand g 20 edit For z oria iere Ital i a le stor Obe ie d rthu r/S i bu inte ia-S sb / sine Ma rvis Ipc ss Fe d rco eri Boni, ca A Z te llet urich to, I Gen talia erte l 3
  4. 4. Editoriale 07Flash News 08Focus corner • Le nuove valute rifugio? Le corone scandinave / Massimo Salezze di Saxo Bank Italia 16• Un anno (finora) turbolento / Mark Burgess, Leigh Harrison, Jim Cielinsky di Threadneedle 18• Un faro nel buio / Anthony Doyle di M&G Investments 19News&Eventi • La sicurezza prima di tutto 22• Le imprese: come sceglierle, valutarle, gestirle 24• Il digitale che avanza nel retail 26• Assicurazioni? Ci vuole “care” 27• L’Italia e l’emergenza assicurativa 28• La chiave della Customer Experience 30• Carte di pagamento: sempre più prepagate e meno rateali 31• La customer centricity nelle compagnie 32Speciale: Mobile payments • Dal caos alla semplicità 34• Tap and Go: appoggi, paghi e non ci pensi più 36• No cash Day, tutti contro il contante 37• Tecnologia e servizi per il no cash 38• Al servizio del consumatore evoluto 40• Obiettivo convergenza 42• Nfc à la page 44• Nfc à la page 46
  5. 5. n.7 settembre - ottobre 2011Performance 48Carriere 56Storie di business • In sinergia con le banche popolari 58Arte • Il mercato dell’arte: consigli per gli acquisti 60Banca&Mercati è un periodico on line Banca&Mercati Direttore responsabileRegistrazione presso il Tribunale Blend Tower, Piazza IV Novembre 7 Andrea Bigidi Milano, n. 291 del 26/05/2010 20124 MilanoBanca&Mercati è una testata Testi a cura didi Business Gallery di Andrea Bigi, Tel. +39 02 87 34 30 19 Andrea Bigi e Elena Giordano BelliniP.Iva IT07041300968 Fax +39 02 87 34 44 44C.F. BGINDR69H16E897M www.bancaemercati.com Grafica e web Carlo Ghelfi BG Business GalleryAnno II numero 7 di Andrea Bigi per informazioni e segnalazionisettembre - ottobre 2011 P.Iva IT07041300968 info@bancaemercati.com C.F. BGINDR69H16E897M per informazioni commerciali Via Ariberto 22, Valeria Rossana Volpe 20 123 Milano commerciale@bancaemercati.com hanno collaborato Eric Chaney, Kieran Curtis, Laurence Chieze-Devivier, Rossella Esposito, Andrea Ferrante, Thomas Härter, Venkatraman Anantha Nageswaran, 5 Serena Piccirillo, Mike Riddell, Francesca Rossetti
  6. 6. Uomini e Tecnologie A servizio del cliente Lavoriamo insieme con passione e determinazione condividendo valori e obiettivi www.bassilichi.itFirenze • Siena • Bologna • Cagliari • Milano • Padova • Pisa • Palermo • Roma • Sassari • Torino 6
  7. 7. Editoriale Andrea Bigi, direttore di Banca & MercatiIl governo per l’ItaliaSi va diffondendo sempre di più nell’opinionepubblica, ma anche fra gli addetti ai lavori e lecosiddette forze sociali (Confindustria, ConferenzaEpiscopale) e probabilmente gli stessi parlamentari,l’idea che solo con un esecutivo diverso dall’attuale,che in particolare prescinda da Silvio Berlusconipremier, questo Paese potrebbe finalmente imboccareun percorso di risanamento e soprattutto di crescita.In effetti, è fin troppo facile elencare le mancanze Se è vero che siamoe i limiti dell’azione di questo governo, oppure giunti al termine distigmatizzare il comportamento del presidente del una lunga, lunghissimaConsiglio. Il quale, a parte gli scandali personali stagione politicae privati finiti sotto la luce dei riflettori a causa paralizzata dalladel fuoco incrociato di magistratura e media, ma figura di Berlusconiche appunto rimangono privati e più che inficiare come spartiacque dellel’opinione sul governo dovrebbero semmai rovinarne forze in campo, è lecitoirrimediabilmente l’immagine di uomo politico, ha anche chiedersi qualedimostrato in questi anni di non essere in grado di siano le alternativeconcretizzare una strategia politica che vada oltre oggi realisticamentela sua figura (ex) carismatica. Sembra che, per praticabilisopravvivere politicamente, Berlusconi abbia bisognonon solo del nemico dall’altra parte (la Sinistra),ma anche del nemico in casa propria, del traditore,da Casini a Fini fino oggi a Tremonti. E tuttavia ilragionamento, abbastanza pretestuoso, “non hopotuto fare le cose che avrei voluto fare e pure avevopromesso di fare a causa di questo e di quello…” cerchi di mettere un campo tutte le risorse cheormai non serve più, perché la gente ha compreso che il Paese ha a disposizione, presieduto da unasiamo arrivati alla fine della parabola. personalità il più possibile super partes. Un governoMa se è vero che siamo giunti al termine di una lunga, di tutti o quasi tutti, insomma, che proprio perché èlunghissima stagione politica paralizzata dalla figura composto da tutti ben pochi potrebbero contestaredi Berlusconi come spartiacque delle forze in campo, anche di fronte a provvedimenti o riforme altamenteè lecito anche chiedersi quale siano le alternative impopolari.oggi realisticamente praticabili. O davvero pensiamo Del resto, il gap di autorevolezza politica dell’attualeche il trio lescano Bersani-Di Pietro-Vendola, che maggioranza, ma anche di tutte le opposizioni, è talese si votasse oggi vincerebbe probabilmente le da rendere impossibile un ricambio minimamenteelezioni, sarebbe in grado di fare meglio dell’attuale plausibile nel breve-medio periodo. E anche se è veroraccogliticcia maggioranza? Ce lo vedete il poeta che, come diceva Keynes, nel lungo periodo saremoVendola rassicurare i mercati sulle capacità dell’Italia tutti morti, l’Italia non può certo permettersi didi evitare il default finanziario? Oppure il rude Di guardare al futuro pensando si sopravvivere grazie aiPietro impostare un piano di crescita economica soldi della Germania e all’ombrello magico dell’Euro.convincente? Il tassametro corre. E il conto, salato, qualcuno primaCome abbiamo già detto altre volte, la sfida che o poi dovrà pagarlo.l’Italia oggi dovrebbe raccogliere è quella di unagrande coalizione politica, un governo che davvero Andrea Bigi 7
  8. 8. Flash newsIl conto corrente di Ubi Banca per i giovani studentiI Want Tubì viene proposto ai ragazzi dai 13 ai 17 anni Ubi Banca amplia l’offerta dedicata ai giovani con il conto corrente I Want Tubì per i ragazzi dai 13 ai 17 anni. Si tratta di un conto a zero spese con tasso d’interesse dell’1% (imposta di bollo a carico della banca) che offre servizi e opportunità per la formazione, il divertimento e la socializzazione. Insieme al conto, i ragazzi possono scegliere la carta I Want Tubì, abbinata ai circuiti Bancomat, PagoBancomat e Maestro, dotata della funzione On/Off che consente di abilitare e disabilitare la carta in autonomia per viaggiare e muoversi senza pensieri. All’apertura del conto in filiale, il ragazzo riceve un kit in cui vengono presentate tutte le iniziative incluse in I Want Tubì e in particolare gli sconti a cui può accedere grazie alla collaborazione con partner e marchi di interesse per il target. In omaggio, riceve subito anche un buono perscaricare gratis 15 brani musicali in mp3 e un mese di streaming illimitato su un portale on line che conta oltresei milioni di brani. Tra le varie iniziative e promozioni collegate al conto, c’è anche la possibilità per i titolaridi concorrere all’assegnazione di una borsa di studio Ubi Banca-Intercultura per trascorrere l’anno scolastico2012-2013 all’estero.La nuova gamma di certificati SG Nasce l’app iCrevalsulle energie alternative del Credito ValtellineseSi tratta di quattro certificati benchmark Per gestire conto corrente e carte prepagatedalla durata quinquennale su iPhone, iPad e iPod touchSociété Générale ha quotato una nuova gamma di cer- E’ disponibile l’applicazione gratuita iCreval, con cui itificati sulle energie rinnovabili, destinata a sostituire clienti del Credito Valtellinese potranno gestire il con-gli strumenti lanciati cinque anni fa e scaduti il 31 ago- to corrente e le carte prepagate ovunque e in qualsiasisto. La nuova gamma è composta da quattro certificati momento dellabenchmark, il cui sottostante è rappresentato dai me- giornata. Attra-desimi indici utilizzati dai prodotti lanciati nel 2006: verso la nuovaEuropean Renewable Energy Total Return Index app, scaricabile(Erix), World Solar Energy Total Return Index (So- direttamen- lex), World Wa- te dal portale ter Total Return w w w. c r e v a l . Index (Wowax), it e dall’Apple World Bioener- Store, è possi- gy Total Return bile utilizzare Index (Biox). I il proprio iPho- certificati han- ne, iPad e iPod no una durata touch per con- di cinque anni trollare il saldo (scadenza 24 e i movimenti del conto corrente e delle carte prepaga- giugno 2016) te, oltre a effettuare operazioni bancarie come ordinare e replicano in bonifici e ricaricare il cellulare. A disposizione anche la maniera lineare funzione di geolocalizzazione che consente di indivi- gli indici sotto- duare la filiale Creval più vicina. L’applicazione sarà stanti. successivamente resa disponibile anche per dispositivi“Siamo stati tra i primi – dichiara Marcello Chelli, re- dotati di sistema operativo Android.sponsabile prodotti quotati di Société Générale in Ita- “Con questo servizio innovativo, dichiara il vicediret-lia – a proporre strumenti per puntare sul settore delle tore generale del Credito Valtellinese Mauro Selvet-energie alternative che, cinque anni fa aveva appena ti, ci proponiamo di offrire al cliente 2.0 un accessoiniziato a ritagliasi una propria nicchia di interesse tra multicanale alla banca integrando la relazione direttagli strumenti di investimento. L’interesse degli investi- con gli operatori della filiale fisica, con la rapidità e latori e l’accresciuta sensibilità su tali tematiche ci han- semplicità del contatto tramite dispositivi di ultimano indotto a proporre nuovi prodotti”. generazione.” 8
  9. 9. Flash newsMps su Facebook con Montepaschi Sport Il datawarehouse si automatizza con BIReadyL’obiettivo è costruire una community E un tool che sostituisce il lavoro manualelegata al mondo dello sport tradizionalmente svolto da specialisti in database Comunicare at- BIReady ha traverso i social annunciato il network. Ban- suo ingresso ca Monte dei nel merca- Paschi di Siena to italiano. ha realizzato su L’azienda olan- Facebook Mon- dese produce e tepaschi Sport commercializza (www.facebook. l’omonimo tool com/montepa- per la Datawarehouse Automation, disponibile in schisport), pa- ambiente Linux e Microsoft, e in grado di operare su gina nata per tutti i più diffusi database (Oracle, Teradata, Netezza, raccontare e DB2 e MySql). In pratica, BIReady sostituisce il la- condividere le voro manuale tradizionalmente svolto da consulenti storie di sport specializzati, e in questo modo i tempi e i costi di re- sponsorizzate alizzazione e manutenzione possono essere abbattuti dalla banca se- di oltre il 50 per cento.nese attraverso rubriche speciali, contest e sondaggi “In Italia, commenta Mario Sabbini, amministratoreche metteranno l’utente nelle condizioni di interagire delegato di BIReady Italia, c’è moltissimo spazio perattivamente. Il progetto nasce per offrire a tutti i par- uno strumento che potrebbe consentire alle impresetecipanti uno spazio dove seguire i propri campioni, le di piccole e medie dimensioni di implementare unsquadre e gli eventi sponsorizzati tramite una commu- vero e proprio datawarehouse senza attendere anninity in grado di dare visibilità anche alle realtà minori. per i risultati e senza dover effettuare investimentiProtagoniste anche le due società di punta nel pano- gravosi. Con BIReady la Business Intelligence non èrama delle sponsorizzazioni del Gruppo: Mens Sana più appannaggio solo delle 1000 aziende Fortune, maBasket e Ac Siena. anche delle Pmi”.Allianz riorganizza l’asset managementL’obiettivo è rafforzare i brand di Pimco e Allianz Global Investors Allianz Asset Management, la nuova holding della divisione di gestione degli investimenti di Allianz, ha annunciato la creazione di una nuova struttura organizzativa, con effetto 1 gennaio 2012. L’obiettivo è definire in modo più chiaro l’attività delle due entità separate Pimco e Allianz Global Investors. Il nuovo assetto, che prende le mosse dagli sviluppi iniziati lo scorso anno sul mercato Usa dopo la separazione della distribuzione dei prodotti Pimco e Allianz Global Investors, prevede che Allianz Global Investors continui lo sviluppo del proprio business attuale sotto la guida di una leadership globale e con un’unica strategia, mentre Pimco continuerà il suo percorso come provider globale di soluzioni di investimento per i propri clienti su tutte le asset class, e diventerà responsabile della distribuzione dei propri prodotti e fondi in tutto il mondo. “La ridefinizione della struttura di asset management di Allianz, haJoachim Faber, responsabile commentato Joachim Faber, membro del CdA di Allianz SE e responsabiledell’attività di Asset Management dell’attività di Asset Management, riflette due aspetti: in primo luogo, ladi Allianz scala globale e il raggio di azione sempre più ampio di Pimco, oltre alnostro impegno a garantirne il continuo successo; in secondo luogo, la complementarietà dei diversi approccidelle divisioni Allianz Global Investors e la nostra fiducia nella loro capacità di far leva su un ampio ventaglio dicompetenze a vantaggio di una clientela internazionale”.Jay Ralph, membro del CdA di Allianz SE che sarà presidente di Allianz Asset Management a partire dal 1gennaio 2012, quando Joachim Faber si ritirerà dall’attività lavorativa, ha aggiunto: “Molte società di servizifinanziari sarebbero ben felici di avere un’attività di asset management di successo; Allianz ne ha addiritturadue. Grazie al cambiamento in atto Pimco e Allianz Global Investors disporranno delle dimensioni necessariea sviluppare ulteriormente le proprie specifiche attività a livello globale, accrescendo il proprio contributo alGruppo Allianz”. 9
  10. 10. Flash newsLa nuova piattaforma Adobe per il Customer Experience ManagementServe a ottimizzare le interazioni con i clienti in tutte le aree di businessConsente alle aziende di stabilire relazioni sempre più interattive, immersive e multicanale con i clienti cheutilizzano dispositivi mobili e strumenti social. Adobe Systems ha annunciato il rilascio della nuova piattaformaAdobe Digital Enterprise Platform per il Customer Experience Management. La soluzione permette alle azien- de di ottimizzare le interazioni con i clienti in tutte le aree di business facendo leva in modo integrato su marketing e It. Adobe fornisce inoltre un nuovo set di soluzioni per la Customer Experience, sviluppato sulla base di Adobe Digital Enterprise Platform, per aiutare i professionisti del marketing e i responsabili di business nel gestire servizi e campagne marketing on line e off line. Integrated Content Review, ad esempio, è in grado di velocizzare il time-to-market delle nuove campagne marketing e della customer experience, migliorando il workflow e i processi per la creazione, revisione, memorizzazione e adattamento rapido dei contenuti digitali nei diversi segmenti di riferimento e lungo l’intero percorso del cliente. Web Experience Management è invece una soluzione per creare, gestire e pubblicare contenuti per il web, i social media, le applicazioni mobili e per i servizi di posta elettronica, mentre Customer Communi- cations provvede a migliorare la fidelizzazione dei clienti centralizzando e gestendo la creazione, l’assemblaggio e la distribuzione multicanale di materiale e documenti sicuri, personalizzati e interattivi. La nuova Digital Enterprise Platform prevede l’integrazione con l’AdobeAndrea Valle, Senior Enterprise Online Marketing Suite per ottimizzare le campagne di marketing on lineSolution manager Emea di Adobe e personalizzare l’esperienza digitale su tutti i canali marketing, commer- ciali e di distribuzione. Si integra inoltre con Flash Builder 4.5 e Flex 4.5per la creazione di applicazioni mobili per dispositivi Android, BlackBerry PlayBook, iPhone e iPad.“Offrire una customer experience di qualità superiore, afferma Andrea Valle, Senior Enterprise Solution ma-nager Emea di Adobe, è ormai indispensabile per ottenere un vantaggio competitivo. Adobe Digital EnterprisePlatform offre alle aziende una base per stabilire una relazione vera con i clienti in ogni punto dell’interazioneattraverso soluzioni più facili da usare, più efficaci e produttive e più adatte a soddisfare i clienti e per favorirela fedeltà al brand”.Ipoteche in netto calo nel 2011Nei primi quattro mesi dell’anno, segnala Experian, il numero di ipoteche legali si è ridotto del 62,2 per centoBrusca contrazione a livello nazionale per il numero di ipoteche legali sugli immobili. Lo afferma Experian, cheindica come nei primi quattro mesi dell’anno le ipoteche sugli immobili - connesse esclusivamente al recuperodi crediti in sofferenza e non alla sottoscrizione di mutui - si sia ridotto del 62,2%, passando in valore assolutoda 68.193 a 25.807 casi. Il calo registrato nei primi mesi del 2011 segue quello già registrato tra il 2009 e il 2010,quando il loro numero era sceso a 153.729 sull’intero anno (-26,4%, nel 2009 erano state 208.927).“La forte diminuzione del numero di ipoteche, dice Federico Di Miele, Business Development manager di Experian, può essere spiegata con diversi fattori, tra cui l’entrata in vigore a pieno regime della soglia minima di importo per poter ricorrere a un’ipoteca legale immobiliare, un ricorso massiccio alle rateazioni proposte dalle concessionarie dellariscossione (secondo dati Equitalia, sono state oltre 1,3 milioni le richieste accettate da gennaio a luglio 2011),oltre a un indebitamento minore da parte dei consumatori. Nel prossimo futuro è lecito attendersi un’ulteriorecontrazione del fenomeno, dovuto all’entrata in vigore nei prossimi mesi di una nuova soglia minima d’importoper poter procedere all’iscrizione ipotecaria su immobili, fissata dal recente Decreto Sviluppo a quota 20milaeuro per la prima abitazione, oltre a una decentralizzazione agli enti locali della riscossione”. 10
  11. 11. Flash newsI fondi Swisscanto per Allfunds Bank La seconda edizioneAccordo per la distribuzione di 23 fondi di “Compass Scuola Domani”del player svizzero già registrati in Italia E’ un programma didattico finalizzato a sensibilizzare i giovani sui valori dello sportSwisscanto Asset Management e Allfunds Bank, socie-tà specializzata nella distribuzione di fondi ad archi- Da Compass arriva la seconda edizione dell’iniziativatettura aperta, hanno firmato un accordo per la distri- dedicata al mondo delle scuole “Compass Scuola Do-buzione di 23 fondi comuni di investimento del player mani”. Si tratta di un programma didattico, finalizza-svizzero (9 fondi azionari e 14 obbligazionari) già regi- to a sensibilizzare i giovani sui valori dello sport, chestrati in Italia. La gamma di fondi offerta da Swisscan- mette a disposizione delle scuole italiane contributi to tramite Al- economici, stru- lfunds include menti formativi prodotti specia- e attrezzature lizzati nel com- tecnologiche. parto azionario Il programma e obbligaziona- di quest’anno rio, nonché ne- prevede una gli investimenti parte di ap- sostenibili per i prendimento quali Swisscan- in aula, che to è uno dei lea- sarà incentrata der europei. sull’importan- “L’accordo con za dello sport Allfunds Bank, raccontata at- dichiara An- traverso le varie drea Ferrante, discipline di-Andrea Ferrante, responsabiledi Swisscanto per il mercato italiano responsabile di dattiche, e una Swisscanto per sessione crea-il mercato italiano, ci permetterà di rendere accessibili tiva attraversoi nostri prodotti a una più ampia platea di investitori la partecipazio-istituzionali clienti della piattaforma, circa 300 tra Sgr, ne al concorsoSim, banche e assicurazioni, in linea con l’obiettivo di “Facciamo squadra” in cui i ragazzi saranno invitati aincrementare la nostra presenza in Italia in particolare lavorare sui valori positivi dello sport inventando unper quanto riguarda il mercato del wholesale e dei pro- modo originale (testuale, audiovisivo o grafico) attra-dotti assicurativi. Questa partnership rappresenta un verso cui raccontarli all’esterno.importante traguardo dopo la riorganizzazione delle La società di credito al consumo del Gruppo Medio-attività di Swisscanto in Europa attraverso la parteci- banca metterà a disposizione di ogni ordinamento unpata lussemburghese Swisscanto Asset Management premio dal valore di 10mila euro in gettoni d’oro perInternational che coordina le attività di commercializ- la prima classificata, un set multimediale composto dazazione in Gran Bretagna, Lussemburgo, Germania, lavagna, pc e stampante dal valore di 5mila euro per laAustria e Italia. A breve, infine, con il via libera ufficia- seconda e la terza scuola vincitrice, mentre le quarte,le di Banca d’Italia, l’ufficio di rappresentanza di Mila- quinte e seste classificate riceveranno un kit sportivono sarà trasformato in branch italiana del Gruppo”. dal valore di 2.500 euro. Banca&Mercati .com aggiornamenti in tempo reale con approfondimenti e interviste 11
  12. 12. Flash newsUniCredit sostiene il franchising insieme a ConfimpreseSottoscritto un accordo quadro nazionale per recepire le esigenze finanziarie del settoreConfimprese e UniCredit hanno sottoscritto un accordo quadro nazionale studiato per recepire le esigenze fi-nanziarie del settore, con un’attenzione particolare alle piccole e medie imprese. In sostanza, l’intesa mette a disposizione delle reti franchising associate soluzioni di finanziamento e servizi basati su una tecnologia proprietaria sviluppata da UniCredit per finanziare le start up. Alle stesse viene garantito - attraverso una nuova metodologia di valutazione preventiva della formula di franchising - un accesso facilitato e rapido al credito per l’avvio dell’attività. “La validità del franchising, afferma Mario Resca, presidente Confimpre- se, è testimoniata dalla buona salute del settore che rappresenta in Italia 21,7 miliardi di euro di fatturato, 180.525 addetti e 53.313 punti vendita. Il franchising non solo genera nuova occupazione tra i giovani, ma offre anche l’opportunità di ricollocamento alle risorse fuoriuscite volontaria- mente o meno dal mondo del lavoro, il tutto in condizioni di maggiore sicurezza rispetto all’avvio di un’attività imprenditoriale in autonomia”. Secondo Roberto Nicastro, direttore generale di UniCredit, la partner- ship con Confimprese non rappresenta soltanto una risposta alle esigenze di crescita e sviluppo delle imprese che operano in questo settore, “ma si propone anche come punto di riferimento capace di leggere e interpretareRoberto Nicastro,direttore generale di UniCredit le forme più dinamiche ed evolute della cosiddetta distribuzione moder- na: modelli di aggregazione fra pmi che, facendo rete, possono sfruttareeconomie di scala e di scopo che consentono loro di concorrere con maggiore efficacia in un mercato sempre piùcompetitivo. Il nostro Gruppo ritiene che il modello del franchising continui a essere particolarmente indicatoper lo sviluppo della distribuzione in Italia”.Più in dettaglio, l’accordo si articola su quattro aree d’intervento: Start Up (risorse finanziarie per avviare eportare a regime nuove attività imprenditoriali), Restyling Punto Vendita (investimenti per ristrutturazioni,ammodernamenti e rinnovo locali /arredi), Forniture (finanziamenti con utilizzo flessibile in linea con le sta-gionalità delle forniture o le iniziative del franchisor), Gestione incassi/pagamenti (strumenti evoluti, semplicie immediati). E’ previsto un articolato catalogo di prodotti finanziari che comprende, fra l’altro, linee di creditorevolving destinate all’acquisto delle merci da rivendere, il “Mutuo Ripresa” dedicato agli investimenti in ri-strutturazioni di immobili, acquisti macchinari, restyling del punto vendita e il Mutuo “Start-up franchising”, asostegno delle esigenze finanziarie iniziali per l’avvio delle nuove attività.Il nuovo fondo Raiffeisen che investe nei paesi solidiPunta su un portafoglio diversificato di obbligazioni governative di paesi con buoni fondamentaliSeleziona i paesi migliori in cui investire secondo criteri di tipofondamentale. Raiffeisen In- ternational Fund Advisory, la societàdi distribuzione di Raiffeisen Capital Management, ha ottenuto l’au-torizzazione al collocamento nel nostro Paese del fondo RaiffeisenObbligazionario Fondamenta- le Globale (S). L’approccio del fondomira a massimizzare il rendi- mento nel lungo termine, investendoin un portafoglio diversificato di obbligazioni governative di paesicon buone condizioni generali fondamentali, tra cui bilancio pubbli-co sano, bilancia commerciale equilibrata e sviluppo demograficofavorevole. Il portafoglio viene ribilanciato annualmente in base aidati dell’ultimo anno, ma i dati fondamentali dei paesi in portafogliovengono monitorati su base tri- mestrale, così da intervenire tempesti-vamente in caso di peggiora- mento.“La scelta di autorizzare al col- locamento in Italia il fondo RaiffeisenObbligazionario Fondamentale Globale (S), commenta Donato Gian-nico, country head Italia di Raiffeisen Capital Management, nascedall’opportunità di offrire un prodotto che consenta, grazie all’accu-rata analisi effettuata dal nostro team di gestione, di investire negli stati più solidi. Ormai, infatti, è chiaro cheanche gli stati possono fallire, per questo l’analisi dei bilanci statali effettuata da chi, come Raiffeisen CapitalManagement, vanta una consolidata esperienza negli investimenti obbligazionari, diventa rilevante per capirnela capacità di restituzione del debito”. 12
  13. 13. Flash newsVia al primo corso executive dedicato al Green BankingA cura della Green Business Executive School in collaborazione con l’Università CattolicaSono aperte le iscrizioni al primo corso italiano dialta formazione executive interamente dedicatoal Green Banking. Il corso, che avrà inizio ilprossimo 7 ottobre inaugurando il progetto diGreen Business Executive School (www.gbes.it), la scuola di formazione executive per la greeneconomy annunciata lo scorso aprile nel corso della5a Edizione di Green Globe Banking, è destinato alpersonale di istituti di credito di ogni dimensionee in particolare alle figure operanti nei settorimarketing, sviluppo prodotti, comunicazione,gestione rete, commerciale, responsabilità sociale,gestione clientela, erogazione fidi e risk management.Sviluppato in collaborazione con l’UniversitàCattolica, il corso consiste in 48 ore d’aula e 80 diproject work ed è coordinato da Francesco Timpano,direttore del Dipartimento di Scienze Economiche eSociali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede e di testimoni bancari, esperti e personalità nelledi Piacenza. discipline trattate per un approfondimento concreto“Abbiamo strutturato un percorso formativo di alta delle conoscenze apprese. “Il nostro corso, sottolineaqualità per quadri e manager bancari di elevato Marco Fedeli, presidente di Green Business Executivepotenziale, dichiara Timpano, raggiungendo School, si prefigge di fornire alle banche visione,un’ottima combinazione e incrocio tra sapere conoscenze e competenze per la comprensione di unaaccademico e business practice”. Le lezioni si terranno modalità di business innovativa e attraente per trendpresso la sede di Aibe - Associazione fra le Banche e dimensioni che ha però difficoltà ad alimentarsi diEstere in Italia e prevedono la presenza di autorevoli manager sufficientemente formati alle tematiche deldocenti provenienti da svariate università italiane Green Banking”.Sicurezza e comodità avvantaggiano PayPalLo rivela un sondaggio a livello europeo su oltre 40mila acquirenti di 106 grandi retailerSostenere La disponibilità di PayPal come strumento di pagamento èdeterminante per gli utenti nella decisione di acquisto on line. Lo rivelaun sondaggio commissionato a livello europeo da PayPal su oltre 40milaacquirenti di 106 grandi retailer on line appartenenti a 6 categoriemerceologiche. La sicurezza, grazie alla tutela dei dati finanziari e allaprotezione contro le frodi, insieme alla comodità e facilità di utilizzosono risultate le caratteristiche preferite di PayPal. In media, il 31% degliacquirenti intervistati non avrebbe effettuato l’acquisto se PayPal nonfosse stato tra i metodi di pagamento disponibili. La percentuale sale al35% se si guarda agli utenti italiani, e aumenta nei negozi che offronoPayPal come sistema di pagamento da più tempo, raggiungendo il 54%tra gli acquirenti dei negozi che utilizzano PayPal da più di cinque anni.Per gli italiani, come per il resto degli europei, la sicurezza è la primaragione che porta a scegliere PayPal (72% degli italiani, 68% la mediaeuropea), seguita dalla comodità (28% la media italiana, 34% quellaeuropea). Più in dettaglio, in Italia, il 37% del campione definisce PayPall’opzione più sicura, il 14% lo ritiene affidabile, il 7% apprezza di non Luca Cassina, country managerdover condividere i propri dati, il 9% lo preferisce per il programma di PayPal Italyprotezione dalle frodi, il 12% lo considera sicuro perché permette di nonusare necessariamente le carte di credito online.“Il fatto che, in media, il 35% degli acquirenti PayPal italiani non avrebbe effettuato l’acquisto senza PayPalè per noi un traguardo molto importante, afferma Luca Cassina, country manager PayPal Italy, e dimostraquanto il nostro metodo di pagamento sia diventato sinonimo di sicurezza. Ma questo significa anche che, peri venditori, offrire PayPal come metodo di pagamento rappresenta una forma di incentivo all’acquisto e allasoddisfazione degli acquirenti”. 13
  14. 14. Flash newsDa Visa via ai pagamenti mobile P2P Ncr punta sul mobile bankingLanciato anche il servizio Visa Alert Con il lancio della nuova piattaforma Aptra Mobile Banking 3.0 Visa Europe ha annunciato E’ una nuova piattaforma globale per il mobile ban- il lancio dei king che permette alle banche di offrire servizi ai clien- pagamenti Visa ti attraverso app scaricabili, browser mobile o Sms. Mobile Person- Ncr ha lanciato Aptra Mobile Banking 3.0, soluzione to-Person e che offre agli istituti finanziari un metodo semplice e di Visa Alert, veloce per implementare una serie di servizi di mobile due nuovi banking come il controllo del saldo del conto, lo stori- servizi creati co dei movimenti, i bonifici, il pagamento bollette e la per agevolare ricerca di filiali e Atm. L’interfaccia utente è uguale sui i consumatori vari dispositivi e per le diverse modalità e supporta più nella gestione lingue e valute. del denaro “La crescita degli smartphone e la richiesta di acce- ed effettuare dere a servizi finanziari via mobile, dichiara Micha- pagamenti el O’Laughlin, senior vice president di Ncr Financial utilizzando i te- Services, stanno spingendo la diffusione del mobile lefoni cellulari. banking su scala globale. La nostra nuova soluzionePeter Ayliffe, chief executive di Visa I servizi sono per il mobile banking offre agli istituti finanziari unEurope stati sviluppati metodo flessibile e sicuro per risolvere velocemente leda Visa Europe in collaborazione con Monitise e sa- esigenze dei clienti. Aspetto altrettanto importante,ranno resi commercialmente disponibili alle banche mette a disposizione una piattaforma capace di scalaresocie di Visa Europe da ottobre 2011. seguendo la grande diffusione di dispositivi, la cresci-“Il modo in cui effettuiamo i nostri pagamenti sta ta della larghezza di banda mobile e il passaggio daglicambiando, ha spiegato Peter Ayliffe, chief executive Sms alle app e ai browser mobile di nuova generazionedi Visa Europe, a causa della rapida espansione delle compatibili con HTML5. Con i dispositivi mobili chenuove tecnologie e della crescente domanda da parte assumono un ruolodei consumatori di pagamenti sempre più flessibili. sempre più centra-L’annuncio dato oggi è il primo di una serie di nuovi le nel modo in cuiprodotti e servizi che Visa Europa lancerà nei prossi- le persone gestisco-mi mesi, per rispecchiare il significativo cambiamen- no le loro finanze,to in atto nell’atteggiamento dei consumatori. Stiamo il mobile bankinggià assistendo ai primi utilizzi di pagamenti via dovrà evolvere percellulare e i prossimi mesi assisteremo alla diffusione fornire nuovi ser-delle principali tecnologie NFC, di servizi e-commer- vizi che sfruttino ice e programmi fedeltà avanzati, e infine, il lancio del vantaggi di questonuovo portafoglio digitale”. canale e si integri-In pratica, i pagamenti Visa Mobile Person-to Person no in modo traspa-permettono agli utenti registrati di trasferire fondi rente con gli altria qualsiasi titolare di carta Visa dal proprio cellula- canali self-service.re in tutta sicurezza. L’applicazione rende semplice Programmare e ge-spedire denaro a un contatto della rubrica, a un nu- stire appuntamen-mero di telefono cellulare o a uno specifico numero ti via mobile o condi carta Visa, indipendentemente che il beneficiario altri canali, ottene-del pagamento sia o meno registrato al servizio. re ricevute elettro-Va peraltro precisato che al momento del lancio, niche delle transazioni agli Atm e depositare assegnii pagamenti Visa Mobile P2P saranno disponibili per mezzo di dispositivi mobili, sono alcuni esempi disoltanto su un’applicazione Android in lingua inglese come gli istituti di credito possono dare vantaggi com-e consentiranno trasferimenti in una sola valuta per petitivi proponendo ai loro clienti un’esperienza inte-i titolari di carta Visa e V Pay entro i confini territo- grata attraverso tutti i canali bancari”.riali di Visa Europe. La piattaforma per altri tipi di La nuova soluzione per il mobile banking, con cui Ncrsistema operativo mobile e altre valute sarà aggiunta intende mettere a frutto la leadership nei servizi mo-nei prossimi mesi. bili per il segmento travel raggiunta con l’acquisizioneIl servizio Visa Alert, invece, avvisa in tempo reale i di Mobiqa (per offrire oltre 10mila dispositivi mobi-titolari di carta Visa che si siano registrati ogni qual li e più di 600 provider wireless in oltre 200 paesi),volta la loro carta è utilizzata per fare un acquisto o prevede anche la possibilità di acquisire clienti on line,per prelevare attraverso il network di pagamento di presso un Atm o nei chioschi installati all’interno delleVisa Europe. agenzie. 14
  15. 15. Da oggi, scegliere il tuo Mutuo è semplice... Come andare al Supermercato -30%* 15
  16. 16. Focus cornerLe nuove valute rifugio?Le corone scandinaveChi è alla ricerca di nuove valute rifugiodopo la mossa della Banca NazionaleSvizzera di fissare un tetto minimodi cambio tra il franco e l’euro dovrebbeconsiderare le valute scandinave(corona svedese e norvegese), che sonoperfettamente in grado di svolgere Massimo Salezze,questa funzione almeno fino a quando Sales traderdurerà la forte instabilità sui mercati Saxo Bank ItaliaIn seguito al recente annuncio della Swiss National Bank lare, l’ultimo dato pubblicato riferito al secondo trimestredi garantire il cosiddetto “floor” (ovvero il livello minimo) ha visto il Pil salire al 5,3% contro le attese degli analistisul cambio euro contro franco svizzero a 1,20, a costo di di 5% (su base annuale), ovvero all’1% su base trimestraledifenderlo con tutti i mezzi possibili, ci si chiede quale pos- (rispetto allo 0,6% previsto e lo 0,8% del trimestre prece-sa essere la nuova valuta rifugio e se, nel caso, l’unico bene dente). Il mercato del lavoro ha visto una diminuzionerifugio rimasto sia l’oro. della disoccupazione che rimane accompagnata da unaSenza dubbio l’oro continua a svolgere la sua funzione di forte intenzione di assumere. L’ultimo tasso di disoccupa-“safe haven”, ma occorre andare alla ricerca di quella valuta zione rilasciato è stato quello riferito al mese di luglio che si“surrogata” al franco. Infatti, le valute hanno la partico- attestava al 6,9%, ben al di sotto dell’8,8% a cui si trovava lalarità di rappresentare la forza di un paese e, seppur Svezia a metà 2011 (mese di giugno). Interpretando le “in-diversamente influenzate, tutte hanno in comune il bisogno tenzioni ad assumere”, la media degli analisti vede lo stessodi essere possedute: talune hanno un rendimento elevato dato (riferito al mese passato di agosto) scendere al 6,8%(adeguate in momenti di spinta dell’economia globale),altre più basso (adeguate durante il periodo di recessione).Tra queste escludiamo lo yen giapponese, in quanto non èuna vera moneta rifugio, ma piuttosto una valuta di como-do da possedere in trend ribassisti dei mercati borsisticiper effetto del carry-trade; un altro motivo per cui dobbia-mo escluderlo dalle valute rifugio ci viene suggerito dal neopremier giapponese Noda, il quale ha più volte ribaditoil concetto “forte vigilanza sul corse dei prezzi dello yen,considerato troppo forte” (in altre parole rischio interventocontro lo yen). Ancora, la valuta rifugio è difficilmenteuna delle economie emergenti perché queste ultime, sep-pur in forte crescita, nascondono sempre un rischio elevatoe vincolato all’instabilità, al rischio politico o semplicemen-te al fattore novità.Duqnue, senza spingerci verso frontiere lontane, le nuo-ve valute rifugio sono le divise scandinave (scandies). Lacorona svedese (SEK) e quella norvegese (NOK) godonoentrambi di buona salute e ottime caratteristiche dal puntodi vista fondamentale:• forte e robusta situazione economica,• bilancia commerciale in surplus• solido bilancio• sentiero dei tassi di interesse in crescitaLa Svezia si fa preferire durante il prossimo annuncio. Che il bilancio svedese sia solido lo si nota osservando leTra le due corone, osservando l’orizzonte di tempo più breve partite correnti, pari a +61,3 miliardi di corone nel secondopotrebbe avere un rendimento maggiore quella svedese, trimestre del 2011, e la bilancia commerciale, nettamentein quanto oltre alla crescita economica gode anche di mo- in surplus di bilancio con +12,2 miliardi di corone; anchementum. Dall’inizio dell’anno l’attività economica svedese quest’ultimo dato rimarca la solidità e la crescita, consi-è rimasta costante e largamente sopra le attese: in partico- derato che nel primo trimestre dell’anno la bilancia era sì 16
  17. 17. Focus cornerpositiva ma si attestava a livelli più bassi (7,7 miliardi dicorone).Anche il mercato immobiliare risulta in crescita, sostenutoda una domanda interna. La crescita è evidente anche nei Tra le due corone,prezzi: l’ultimo Cpi rilasciato riferito al mese di luglio è pari osservando l’orizzonte dia 3,3 su base mensile, ben oltre il target della Riksbank tempo più breve potrebbe(Banca Centrale Svedese) del 2%. avere un rendimentoUltimo punto fondamentale a favore della valuta rifugio è maggiore quella svedese,il sentiero dei tassi di interesse: aumentare i tassi è una in quanto oltre alladelle manovre monetarie che permettono di combattere crescita economica godel’aumento dei prezzi. Proprio a inizio settembre la Riksbank anche di momentum.ha confermato il costo del denaro al 2%, mentre nell’incon- Dall’inizio dell’annotro precedente di luglio aveva deciso un rialzo di 25 basispoint: il tasso salì dall’1,75% al 2 per cento. Nell’ultimo l’attività economicacomunicato, l’istituto centrale ha tuttavia rivisto a ribasso la svedese è rimasta costantestima del sentiero dei tassi d’interesse date le attuali difficili e largamente sopra lecondizioni finanziarie mondiali. La media dei tassi nel 2011 attese: in particolare,è ora pari a 2,1% nell’ultimo trimestre 2011, contro il 2,3% l’ultimo dato pubblicatoprecedente. Ciò significa comunque che vi sarà un ulteriore riferito al secondorialzo dei tassi prima della fine dell’anno. trimestre ha visto il Pil salire al 5,3% contro leI fondamentali norvegesi attese degli analisti di 5%Lo stesso tipo di analisi possiamo farla con la moneta della (su base annuale), ovveroNorvegia, e il risultato sulla situazione fondamentale non all’1% su base trimestralecambierebbe. Per quanto riguarda il Pil del secondo trime-stre 2011 occorre dividere l’area della terra ferma (Mean-land) e quella non. La prima è cresciuta del 1%, in netta cre-scita rispetto allo 0,5% del trimestre precedente, entrambesu base trimestrale. L’economia ha visto recentemente unaforte espansione grazie alla produzione di energia idroelet-trica e allo sfruttamento dei giacimenti petroliferi del Mare Norvegese lo ha alzato al 2,5% dal 2,25% precedente.del Nord; anche l’esportazione delle materie prime quali le- In conclusione, benché per natura la corona svedese e quel-gno, pesce e minerali sono importanti ed il loro andamento la norvegese non siano divise in cui investire come valutedei prezzi ne influenza la forza del NOK. L’ultima bilancia rifugio, è ora possibile convenire che, fino a che i mercaticommerciale riferita a luglio è anch’essa in surplus, con 38,1 finanziari non ritornano in condizioni standard e soprag-miliardi di corone contro i 24,7 di giugno. Nel mercato del giunga la ripresa economica globale, NOK e SEK assumonolavoro, la disoccupazione si è attestata sotto il 3% per tutto la nuova funzione di safe haven. Il NOK grazie all’incidenzal’anno: giugno ha registrato il 2,5%, luglio 2,8% e agosto del greggio (che è destinato a salire) e dell’energia alternati-2,7 per cento. Si pensi che in Eurozona la disoccupazione va sul Pil norvegese; il SEK per il suo momento disallineatoè sopra al 9%, e anche negli Stati Uniti in agosto era pari al tradizionale movimento sull’equity. Il tutto, ovviamente,a 9,1 per cento. Ciò mostra come la Norvegia sia uno dei fino a quando i due paesi manterranno questa configura-paesi con l’indice di sviluppo umano più alto del mondo. zione fondamentale forte con dati macroeconomici localiRiguardo al tasso d’interesse, ad agosto la Banca Centrale positivi. 17
  18. 18. Focus cornerUn anno (finora) turbolentoL’outlook di metà annosui mercati finanziarisecondo Threadneedle,che favorisce gli assetdei mercati emergentianche se alcuni mercatiazionari dei paesi Mark Burgess, chief Investment officer,sviluppati vengono Leigh Harrison, head of Equities,ritenuti relativamente Jim Cielinsky, head of Fixed Incomeinteressanti di ThreadneedleDall’inizio del 2011 i mercati hanno dovuto affrontare una mercati sviluppati. Sebbene le aziende, in generale, sianoserie inaspettata di eventi sfavorevoli: i disordini in Me- emerse dalla stretta creditizia in buone condizioni, si temedio Oriente, a causa delle pressioni al rialzo sul prezzo del che agli attuali livelli, storicamente elevati, i margini nonpetrolio, lo tsunami e il disastro nucleare in Giappone, che siano sostenibili. Qualsiasi dato deludente sulla crescitahanno provocato uno shock dell’offerta manifatturiera a li- mondiale non farebbe che esacerbare tali timori.vello globale, i forti timori sul rischio sovrano nell’area euroe la revisione al ribasso delle aspettative di crescita a seguito Fine dell’allentamento quantitativodei deboli dati economici pubblicati dagli Stati Uniti e daaltri mercati sviluppati. Com’era prevedibile, questi fattori La propensione al rischio degli investitori è stata stimolatahanno alimentato l’avversione al rischio trascinando al dall’abbondante liquidità derivante dai programmi di allen-ribasso i rendimenti dei titoli di stato. A sorpresa, inve- tamento quantitativo degli ultimi tre anni. I responsabilice, i titoli azionari sono saliti. politici stanno ora abbandonando queste misure eccezionaliLa tenuta dei titoli azionari è in parte attribuibile alle adottate per preservare la fiducia sui mercati, e tale pro-valutazioni interessanti, uno dei fattori chiave a sostegno cesso potrebbe incidere sulla propensione al rischio e sulledella nostra view positiva su questa asset class. In effetti gli valutazioni azionarie.indicatori finanziari collocano in generale quasi tutti i mer-cati al di sotto delle medie di lungo periodo, con valutazioni Titoli azionari: che direzione prendere?convenienti rispetto ai titoli di stato. Nel quadro generaledelle nostre previsioni di crescita consideriamo positive Alla luce dei fattori evidenziati, manteniamo il focus dei no-queste valutazioni. stri portafogli azionari sulla crescita dei mercati emergentiIn economie come la Cina e il Brasile, il corso delle politiche attraverso l’esposizione diretta e tramite società domiciliaterestrittive si avvia ormai alla conclusione, e riteniamo che le nei paesi sviluppati, ma che incontrano la domanda deiaziende dei più diversi settori continueranno a beneficiare mercati emergenti in aree quali i beni di lusso, le risorse na-della forte domanda proveniente da questi e da altri mercati turali e l’ingegneria specialistica. Nei mercati sviluppati se-emergenti. D’altro canto nei mercati sviluppati la crescita, lezioniamo inoltre opportunità tra i titoli domestici con unper quanto probabilmente debole, sarà comunque positiva, orientamento che privilegia il segmento “value” rispetto almentre a causa degli effetti deflazionistici del processo di “growth”. L’interesse per i mercati sviluppati probabilmentedeleveraging i tassi di interesse potrebbero rimanere bassi sarà stimolato più dai livelli di propensione al rischio chepiù a lungo rispetto alle previsioni di alcuni analisti. dall’outlook economico: in periodi di avversione al rischio, per esempio, gli investitori dei paesi sviluppati tendono aIl rischio sovrano continua a preoccupare tornare ai propri mercati d’origine.Sul versante delle notizie negative, la situazione del debito C’è ancora valore nel reddito fisso?europeo probabilmente sarà casa di ulteriore volatilitàe di periodi di avversione al rischio. Nonostante i recenti Sulla scadenza decennale i titoli di stato dei mercati “piùsviluppi positivi per la situazione greca, gli investitori sicuri” offrono un rendimento del 3% circa, che scendevorranno prima verificare la progressiva attuazione delle addirittura all’1,5-2% per i titoli a cinque anni. Senza dub-misure di austerità e l’effettiva riduzione dei livelli comples- bio è possibile trovare rendimenti più interessanti, a cui èsivi di indebitamento in Grecia e in altri paesi. Gli effetti associato tuttavia un rischio di credito elevato. Questo è ildelle misure di austerità e del deleveraging argineranno dilemma che affligge i mercati obbligazionari. Noi credia-la crescita non solo in Grecia, ma anche in economie molto mo che non sia rimasto molto valore nei segmenti piùpiù importanti come il Regno Unito e forse anche gli Stati sicuri del reddito fisso: è difficile trasformare un rendi-Uniti. Questo fenomeno è destinato a durare diversi anni, e mento del 2-3% in un rendimento complessivo elevato.per sostenere i titoli azionari sarà necessaria una forte cre- Al contrario, riteniamo vi sia valore nelle obbligazioniscita dei mercati emergenti che compensi la debolezza dei corporate, i cui spread si confermano più elevati rispetto a 18
  19. 19. Focus cornerquanto ci si aspetterebbe in questo punto del ciclo e offrono internazionale, in quanto solo il 35% degli utili provienepremi decisamente superiori alle perdite attese in caso di dall’economia interna. Come esempio di mercato svilup-insolvenza. Se a ciò si aggiunge il fatto che si stanno di- pato, pensiamo che sia molto interessante. Al contrariostruggendo i bilanci pubblici nel tentativo di tenere a galla rimaniamo sottopesati sui titoli di stato, che presentanoil settore privato, riteniamo vi siano ancora ottimi motivi valutazioni meno allettanti. A fini di copertura controper detenere questi asset a scapito dei titoli di stato. l’inflazione e lo svilimento della valuta, e come scommessa sulla crescita dei mercati emergenti, sovrappesiamo leLe vecchie linee di demarcazione sono scomparse materie prime. Infine, date le nostre aspettative di tassi di interesse ancora bassi, sottopesiamo la liquidità.Analizzare la situazione di diversi paesi considerando illivello di debito pubblico e interessi passivi in percentualesul Pil, il saldo di bilancio e la quota del debito in mano ainvestitori esteri aiuta a individuare i punti di maggior ten-sione sui mercati globali dei titoli di stato. I grafici indicanoche le economie emergenti come Russia, Cina e Brasilepresentano un deficit fiscale inferiore e un rapporto debito/Pil più basso rispetto a gran parte dei paesi sviluppati.Questo fenomeno, associato agli ottimi rendimenti ancoraofferti, è uno dei motivi per cui continuiamo a preferire leobbligazioni dei mercati emergenti rispetto alle emissio-ni sovrane dei paesi sviluppati.L’eccezione GreciaNel quadro di queste valutazioni la Grecia rappresenta unestremo, in quanto associa alla forte incidenza di debito einteressi passivi sul Pil un ampio deficit fiscale e un’elevataquota di debito in mano estera. In tal senso, la Grecia rap-presenta un rischio decisamente maggiore rispetto aglialtri emittenti dei paesi periferici europei. Se i recentiprovvedimenti riusciranno a indirizzare la crisi greca versoun epilogo soddisfacente, e se paesi come Spagna, Italia ePortogallo adotteranno appropriate misure di austerità perriuscire a generare una crescita sufficiente, le possibilità dicontagio ad altri mercati appaiono limitate.Sintesi sull’asset allocationIn conclusione, favoriamo in particolare gli asset deimercati emergenti, ma riteniamo che anche alcuni mercatiazionari dei paesi sviluppati siano relativamente interes-santi. Sul mercato azionario britannico, per esempio, il rap-porto prezzo/utili si aggira attorno a 9,5x, con un dividendyield superiore al rendimento dei bond decennali. Le azionibritanniche offrono inoltre una buona diversificazione 19
  20. 20. Focus cornerUn faro nel buioDietro al boom economico dellaGermania, e in particolare alla fortecompetitività del suo mercato dellavoro, c’è il riflesso della debolezzaintrinseca dell’Eurozona e i guai deisuoi paesi periferici. In questo senso,il salvataggio dell’Europa periferica Anthony Doyle,suona quasi come una tassa che finora team fixed incomeè stata procrastinata di M&G InvestmentsC’è una luce nel buio della crisi del debito sovrano di male se si considerano i timori generati dalla Grecia. Avari Paesi europei. L’economia più grande d’Europa, dispetto delle preoccupazioni, l’indice Ifo relativo al climala Germania, sta vivendo un boom. Da giugno 2009, aziendale e alle aspettative suggerisce che c’è serenitàl’Ufficio Statistico Federale tedesco ha avuto il piacere tra le imprese tedesche. Le aziende teutoniche ci stannodi rendere noto ai mercati finanziari che il tasso di dicendo che stanno pianificando investimenti e spese indisoccupazione tedesco è sceso. Il 28 luglio abbiamo conto capitale per i prossimi dodici mesi come indicatoricevuto un’ulteriore conferma della solidità del dall’indagine dell’azienda tedesca DIHK. Di conseguenza,mercato del lavoro tedesco, con la notifica che il tasso di non è irragionevole aspettarsi che il mercato del lavorodisoccupazione è rimasto in Germania al minimo storico continuerà a migliorare in Germania in quanto ledel 7,0 per cento. Questo equivale a una diminuzione del aziende sembrano investire in progetti profittevoli.numero dei disoccupati pari a 11.000 nel mese di luglio. Intotale in Germania sono stati creati circa 550.000 posti di Il rovescio della medaglialavoro dal giugno 2009. Conseguentemente, la fiducia deiconsumatori tedeschi è vicina ai massimi storici. In un certo senso, la crescita della Germania è direttamente collegata ai guai dei paesi periferici.Prospettive positive L’euro è oggi troppo debole per la Germania, e ciò implica che l’economia tedesca è fortementeSono molte le ragioni dietro questa performance competitiva, si trova in una fase di boom e la sua inflazionestellare del mercato del lavoro tedesco. L’economia ha iniziato ad accelerare. Per questo motivo la Bce hatedesca è cresciuta a 1,5% nel primo trimestre del iniziato a rivedere al rialzo i tassi di interesse e potrebbe2011, corrispondente al 4,9% rispetto all’anno. Molto incrementarli ancora prima della fine dell’anno.importante il fatto che i numeri della crescita siano stati Ma il rovescio della medaglia della crescita tedesca èsostenuti da una forte domanda domestica. Inizialmente, lo scarsissimo tasso di crescita in tutto il sud Europa,il deprezzamento dell’euro causato dalle preoccupazioni causato dall’euro davvero troppo forte per queste economierelative ai paesi dell’Europa periferica ha posto le basi per assolutamente poco competitive. Fernanda Nechio,un’impennata delle esportazioni tedesche. Oggi, la base economista alla Federal Reserve Bank di San Francisco,di crescita si è ampliata, con i consumi e gli investimenti fornisce una stima dei tassi di interesse basata sull’analisinazionali sempre più a sostegno della crescita. della regola di Taylor per l’Europa periferica e l’EuropaDal nostro punto di vista, se non ci fosse l’euro, il marco centrale. La sua analisi suggerisce un tasso di riferimentotedesco sarebbe la più forte moneta al mondo. Gli della Bce di circa il 3% per i paesi dell’Europa più forti,svizzeri stanno vivendo questo fenomeno attraverso il forte e di circa il -3% per l’Europa periferica. Da un lato, laapprezzamento del franco svizzero che si è verificato di Bce sta rialzando i tassi di interesse per restringere larecente. Tra le valute, è il franco svizzero il nuovo porto politica monetaria per le nazioni più solide dell’Europa, esicuro? dall’altro sta mantenendo una politica monetaria morbidaCerto, il Pil è un indicatore basato sul passato: è mantenendo accordi sulla liquidità per le banche dei deboliimportante valutare anche ciò che ci stanno dicendo gli paesi periferici.indicatori che guardano al futuro. Le indagini sulle aziende Alcuni potrebbero dire che le gioie economiche dellatedesche sono un buon punto di partenza. Nonostante le Germania siano il risultato del funerale delle economieattuali condizioni avverse, gli indici relativi alle vendite dell’Europa periferica. I salvataggi verso il sud Europae alla produzione della Germania, sia per il settore da parte della Germania sono la moneta di scambiomanifatturiero sia dei servizi, continuano a suggerire per i risultati di crescita positiva e più alti standard diche la crescita dell’economia tedesca è continuata vita. Il salvataggio dell’Europa periferica è quasi come unanel secondo trimestre del 2011. Non si tratta della tassa che finora è stata procrastinata. Citando Dolly Parton:crescita stellare vista all’inizio dell’anno, ma un tasso di “Germania, se vuoi l’arcobaleno, qualche volta devi avere acrescita intorno allo 0,5% nel secondo trimestre non è che fare con la pioggia”. 20
  21. 21. www.sia.eu Register on line at www.sia.eu La partecipazione allevento è libera e gratuita.SIA EXPO 2011 Le iscrizioni sono soggette a conferma da parte di SIA.6th International Payments Summit | 17 October 2011 | 8.30 am - 5.00 pmHotel Meliá - Via Masaccio, 19 - MilanThe beating heart of the European payments evolutionLa mattinata è dedicata agli elementi fondamentali per l’innovazione e la competitività del sistema Paese e dell’Europa: quadro normativo,infrastrutture ICT, nuovi modelli di business. Nel pomeriggio gli incontri sono dedicati a “La modernizzazione dei pagamenti: soluzionidi sviluppo dei ricavi e di controllo dei costi”, con focus per istituzioni finanziarie, imprese e Pubblica Amministrazione::: la SEPA: in vista e dopo lend-date :: il debutto a livello europeo degli e-services e le principali innovazioni della piattaforma PE-ACH STEP2:: lindustrializzazione dei sistemi di pagamento: rendere efficienti i pagamenti :: il presidio del mercato retail attraverso nuovi attori e nuovi prodottidi pagamento :: efficienza e controllo nella PA: multicanalità e dematerializzazione :: contactless & mobile payments: sviluppi innovativi per unacashless society :: T2S: lefficientamento del processo di regolamento delle transazioni finanziarie.Hanno già confermato la loro presenzaPaolo Angelucci - Assinform Alessandro Gioffreda - Assosim - BNP Paribas Veronica Pichi - Capgemini Italia Securities Services ItaliaPaolo Battiston - Mastercard Europe Monica Pilleddu - Lombardia Informatica Maria Pia Giovannini - DigitPAJohn Byrne - Information Mosaic Maurizio Pimpinella - AIIP, Associazione Gilbert Lichter - EBA Clearing Italiana Istituti di PagamentoRita Camporeale - ABI Roberto Liscia - Netcomm Daniela Russo - Banca Centrale EuropeaFlavio Caricasole - UBI Banca Piet Mallekoote - Currence iDEAL Giovanni Sabatini - ABIPaolo Cittadini - Monte Titoli Luba Manolova - Vodafone Paola Sbriccoli - Comune di RomaGiampaolo Codeluppi - ATM Milano Paolo Martinello - Altroconsumo - Beuc, Davide Steffanini - VISA EuropeMassimo Cotella - SGSS the European Consumers Organisation Gianfranco Tabasso - AITIHugh Cumberland - Colt Enterprise Services Jean-Yves Muylle - European Commission Giuseppe Paolo Teti - ANCITELOsvaldo De Paolini - MF/Milano Finanza Fabrizio Palmisani - Banca dItalia Giacomo Vaciago - Università CattolicaBruno DOffizi - Banca dItalia Franco Passacantando - Banca dItalia del Sacro Cuore di MilanoChiara Frigerio - CeTIF, Università Cattolica Alessandro Perego - Politecnico di Milanodel Sacro Cuore di MilanoIn collaboration with Under the patronage of Excellence partners Presidenza del Consiglio dei Ministri Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazioneMedia partners 21

×