Your SlideShare is downloading. ×
Sclerosi multipla e immunologia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Sclerosi multipla e immunologia

666
views

Published on

Slides contain animations. …

Slides contain animations.

Published in: Health & Medicine

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
666
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. www.aini.it Giornata in ricordo di Marco Vergelli Firenze, 11 Maggio 2011 Giovanna Borsellino
  • 2. La sclerosimultipla e l’immunologia
  • 3. La sclerosimultiplaèunamalattia delsistemanervosocentralecaratterizzata daunareazione del sistemaimmunitariochescatena unattaccocontroilrivestimentodegliassonineuronali.
  • 4. La sclerosimultiplasimanifesta con sintomidiversi…http://en.wikipedia.org/wiki/File:Symptoms_of_multiple_sclerosis.png
  • 5. …e con formecliniche diversehttp://en.wikipedia.org/wiki/File:Ms_progression_types.svg
  • 6. La sclerosimultiplaèunamalattiademielinizzante:vienedistrutta la mielina, bersagliodell’attaccoimmunitario.
  • 7. La mielinasiavvolge come unaguainaintornoagliassonihttp://legacy.owensboro.kctcs.edu/gcaplan/anat/Histology/myelin4.gif
  • 8. Nellelesionidellasclerosimultipla, la mielinaèdanneggiata.
  • 9. Le lesioni demielinizzanti (“placche”), alla risonanza, appaiono come aree focali “brillanti”, più spesso di forma irregolare, ovoidale o rotondeggiante, principalmente distribuite attorno ai ventricoli laterali, nella sostanza bianca del tronco encefalico, del cervelletto e del midollo spinale.http://www.radswiki.net/main/skins/common/images/poweredby_mediawiki_88x31.png
  • 10. Il segnalebiancoèdatodal mezzo dicontrasto, cheescedaivasi a livellodellelesioniedellezone didemielinizzazione. Questelesionisono zone diintensainfiammazione. Incasiestremi, l’infiltratoinfiammatorioèmassiccio, come in un ascesso.Leimmaginiottenuteallarisonanza, eglistudipatologicisumaterialeautoptico, indicanochenellapatogenesidella SM c’è un forte coinvolgimento del sistemaimmunitario. http://anatpat.unicamp.br/minDsc116458+.jpg
  • 11. Come funziona la risposta immunitaria?Il modello militare
  • 12. Due strategie:Immunità innata (prima linea di difesa)Immunità adattativa (truppe specializzate e “istruite”)
  • 13. Immunitàinnata •Sempre “in standby” •Risponderapidamente •Efficacecontromolti “nemici” diversi •Chiamataanche “immunità non specifica”
  • 14. Immunità adattativa• Meccanismi specializzati per combattere nemici precisi• Si sviluppa dopo il primo incontro con il patogeno, poi rimane“in standby” per gli eventuali incontri successivi• La prima risposta è lenta, serve il tempo per prepararsi• Si chiama “immunità specifica” o “acquisita”
  • 15. Risposta immunitaria in azione: infezione microbica Adesione all’epitelio Penetrazione Infezione locale dei tessutiPrima linea di difesa: Macrofagi Cellule dendritiche
  • 16. I linfociti vengono a Le cellule dendritiche contattonel linfonodo entrano con le cellule dendritiche,si attraverso i vasi linfatici attivano, e iniziano a afferentiI linfociti arrivano proliferareal linfonodoattraverso lacircolazionesanguignaIlinfocitiattivatiesconodallinfonodoattraversoilvasolinfaticoefferente,addestrati perandareneitessuti acombattereilpatogeno
  • 17. La risposta immunitaria è molto sofisticata, eaddestra corpi speciali istruiti per compiti specifici. Le popolazioni cellulari coinvolte nella risposta immunitaria sono:
  • 18. ImmunitàadattativaImmunità innata (rispostalenta)(risposta rapida)
  • 19. Ciascuna di queste popolazioni cellulari è eterogenea, e comprende al suo interno diversi “corpi speciali”. Linfociti T BCD4 CD8
  • 20. Come interagiscono I linfociti T con le cellule dendritiche, nel linfonodo? Come, e perchè, si attivano, e proliferano??
  • 21. I linfociti T sono programmati per sondare il mondo esterno con un recettore, il T cell receptor (TCR).
  • 22. Il TCR riconosce antigeni di varia natura. Gli antigeniproteici vengono riconosciuti come peptidi (10-25aminoacidi), che si legano a residui aminoacidici precisidel TCR.Però…
  • 23. L’attivazione dei linfociti T necessita di cellule accessorie.
  • 24. Infatti, il TCR riconosce il peptide “presentato” da molecoleprofessioniste, le “antigen presenting molecules”, tra cui le piùutilizzate sono le molecole del maggior complesso diistocompatibilità (Major Histocompatibility Complex, MHC)• L’MHC è costituito da glicoproteine espresse sulla superficiecellulare che conferiscono un’identità immunologica.• È chiamato così perché storicamente è stato associato airigetti di trapianto. Peptide Molecola MHC
  • 25. Il riconoscimento antigenico da parte del TCR prevedequindi la formazione di un complesso trimolecolare 1 2 3
  • 26. Riconoscimentodell’antigeneda parte deilinfociti T• I linfociti T, attraversoil TCR, riconosconobrevisequenzediaminoacidinelleproteine;• Il TCR non legapeptidi “liberi”;• Il TCR riconosce un complessoformatodal peptide eunamolecolasullasuperficiediunacellulaadiacente (molecole del maggiorcomplessodiistocompatibilità).
  • 27. Strutturadiunamolecola MHC diclasse I
  • 28. Strutturadiunamolecola MHC diclasse IIPeptide
  • 29. Caratteristichegeneralidelleinterazioni peptide-MHCCiascunamolecola MHC haunatascachepuòlegarediversipeptidi, unoallavoltaNelletaschedellemolecole MHC cisonoalcuniaminoacidichefungonoda“ancora” per illegame con ipeptidie con il TCR.
  • 30. Caratteristiche del legamedeipeptidiallemolecole MHC
  • 31. Il legame del TCR con l’MHC+peptide non basta tuttavia adattivare il linfocita T. Occorre un secondo segnale, fornitodalle molecole costimolatorie
  • 32. Ma ancora non è finita. Il 3° segnale è dato dalle CITOCHINE. Aseconda delle citochine presenti al momento dell’attivazione, i linfocitiT si differenziano in cellule con funzioni e caratteristiche distinte. Il
  • 33. Dunque la risposta immunitaria scatenata contro unpatogeno è una reazione a catena: l’iniziale difesafornita dalle cellule dell’immunità innata serve acontenere l’infezione e ad istruire e addestrare lecellule dell’immunità acquisita affinché si sviluppiuna reazione mirata alla sola eliminazionedell’agente patogeno, nel tentativo di limitare idanni collaterali ai tessuti sani. Da questa necessitàdi specificità nasce la vasta gamma disottopopolazioni linfocitarie con funzioni especializzazioni distinte.
  • 34. Cosasuccedenellemalattieautoimmuni, come la SM?Autoimmune T cellresponses in the centralnervous system.Goverman J. NatRevImmunol. 2009 Jun;9(6):393-407
  • 35. www.aini.itART. 3 L’Associazionesvolge lapropriaattivitànelsettoredellaricercascientifica, dellaformazionepermanente,residenzialeed a distanza, dell’aggiornamentoprofessionale […]: L’AINIpromuovel’incontro, lo scambioe la collaborazionescientificatraricercatorididiverse discipline quali la neurologia, l’immunologia, la biologia, lafarmacologia, la biochimica, la patologiaclinicaealtrescienzeclinicheedibase.