Mediazione - Aggiornamento

747 views

Published on

relazione all'incontro di aggiornamento per i mediatori dell'Organismo costituito presso l'Ordine degli Avvocati di Brescia

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
747
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mediazione - Aggiornamento

  1. 1. Quest’opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported MEDIAZIONE AGGIORNAMENTO NORMATIVO BRESCIA 22/10/2013 PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 1
  2. 2. GIORGIO PEDRAZZI Avvocato, Ricercatore universitario, Docente di Istituzioni di Diritto privato e Diritto delle Nuove Tecnologie, Mediatore. E-MAIL: PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 2
  3. 3. Dalla Carlucci http://www.youtube.com/watch?v=1l4V4sv85wE PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 3
  4. 4. alla Gabanelli «…Allora, riassumendo: se io voglio fare una causa non mi scelgo il giudice, adesso invece sono obbligato ad andare davanti ad un organismo di mediazione, che pago, ma lo scelgo, in base a quali criteri? Come e chi mi garantisce la professionalità e l’indipendenza di questi organismi e la formazione dei mediatori visto che il ministero della giustizia finora controlli non ne ha fatti. Abbiamo voluto la mediazione obbligatoria, allora facciamola bene altrimenti il rischio è che invece di accorciare allunghi, in tribunale ci si va a finire lo stesso e anche lì, quanto tempo si perde a continuare a lavorare su carta…». PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 4
  5. 5. MEDIAZIONE Corte costituzionale, sent. del 6 dicembre 2012, n. 272 Illegittimità costituzionale, per violazione degli artt. 76 e 77 Cost. dell’art. 5, comma 1, del d.lgs. n. 28/2010, dell’obbligo della mediazione quale condizione di procedibilità del processo, nonché, in via consequenziale, in via particolare, delle disposizioni che dettavano conseguenze e ripercussioni sul successivo eventuale processo derivanti dal contegno tenuto dalle parti in sede di mediazione PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 5
  6. 6. INTERVENTO LEGISLATIVO Tra le cose che abbiamo fatto in questi cinque mesi c’è stata una riforma della giustizia civile che rappresenta secondo me una vera e propria rivoluzione. Con l’introduzione della mediazione obbligatoria e degli ausiliari di giustizia che porteranno a uno smaltimento di un quarto dell’arretrato di tutte le cause pendenti e renderanno la nostra giustizia più rapida. ENRICO LETTA – PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 6
  7. 7. DECRETO DEL “FARE” d.l. n. 69/2013, conv. nella l. 98/2013 iter condizionato dal quadro politico (Fiducia) Commissione giustizia, parere favorevole con molteplici condizioni redatto dal Presidente della Commissione giustizia della Camera (on. Donatella Ferranti), sessione congiunta della Commissione affari costituzionali e della Commissione bilancio in sede referente PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 7
  8. 8. CORRETTIVI (dal sito giustizia.it) È stato inserito un criterio di competenza territoriale per la presentazione della domanda La procedura di mediazione può procedere solo a seguito del consenso delle parti raccolto in un incontro preliminare di programmazione Solo lo svolgimento dell'incontro preliminare di programmazione è condizione di procedibilità (per le materie indicate) e deve svolgersi entro 30 giorni dal deposito dell'istanza a costi massimi molto contenuti Gratuità del primo incontro di programmazione in caso di mancato accordo Le controversie di Rc auto sono escluse dalle materie per cui è previsto l'incontro di programmazione, mentre sono state aggiunte le controversie in tema di risarcimento del danno derivante da responsabilità (non solo medica ma più ampiamente) sanitaria Il giudice può ordinare, e non solo invitare, alle parti di procedere alla mediazione La durata massima dell'intera procedura è stata ridotta a 3 mesi Gli avvocati sono mediatori di diritto ed hanno l’obbligo di aggiornamento professionale Gli avvocati assistono le parti durante l’intera procedura di mediazione Nuova disciplina in tema di efficacia esecutiva dell’accordo di mediazione PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 8
  9. 9. MEDIAZIONE A SCADENZA Obbligatorietà: entrata in vigore dopo l’approvazione della legge di conversione (21 settembre 2013) Durata: 4 anni con verifica dei risultati dopo un biennio PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 9
  10. 10. DEFINIZIONE DI MEDIAZIONE Art. 1, c. 1, lett. a) DL 28/2010: «a) mediazione: l'attività, comunque denominata, svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, anche con formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa» testo previgente: “…..amichevole, sia di una proposta per la risoluzione della stessa”. PROPOSTA LUCARELLI: “nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, anche con formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa” PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 10
  11. 11. I PROCEDIMENTI DI “MEDIAZIONE” a) M amministrata c/o Organismo accreditato b) M obbligatoria art. 5, nuovo comma 1-bis c) M demandata dal giudice d) M pattizia PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 11
  12. 12. b)MEDIAZIONE OBBLIGATORIA in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 12
  13. 13. ESCLUSIONE risarcimento del danno derivante da circolazione di veicoli e natanti precisazione : sanitaria oltre che medica PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 13
  14. 14. PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 14
  15. 15. PRIMO INCONTRO Onerosità: primo incontro Soddisfa la condizione di procedibilità Nessun compenso all’Organismo (sole spese) art. 8, comma 1, il mediatore invita le parti e i loro avvocati “a esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione” e soltanto “nel caso positivo, procede con lo svolgimento”. PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 15
  16. 16. COMPETENZA Foro relativo alla competenza giudiziale (art. 4) L’istante potrà scegliere uno qualsiasi degli Organismi Questioni in sospeso: competenza valore/territorio sedi secondarie, purché registrate superate in caso di accordo o di verbale negativo in quanto implicitamente derogata dalle parti responsabilità degli Organismi che non informino le parti sull’incompetenza PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 16
  17. 17. FINO AD OGGI Criterio della prevenzione Nel 2010 scelta deliberata di non ancorare la competenza per diverse ragioni: pluralità di questioni sottese ad un procedimento di mediazione, superamento di disquisizioni dottrinali permettere che le “parti” potessero convergere sull’organismo più affidabile Pareri 2010 delle Commissioni Camera e Senato, ma anche CSM, favorevoli a introdurre competenza PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 17
  18. 18. OBBLIGO D’INFORMAZIONE Reintroduzione dell’obbligo d’informazione a carico degli avvocati All'atto del conferimento dell'incarico, l'avvocato è tenuto a informare chiaramente e per iscritto l'assistito della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione e delle agevolazioni fiscali. I casi in cui l'esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale. In caso di violazione degli obblighi di informazione, il contratto tra l'avvocato e l'assistito è annullabile. Il documento che contiene l'informazione è sottoscritta dall'assistito e deve essere allegato all'atto introduttivo dell'eventuale giudizio. Il giudice che verifica la mancata allegazione del documento, se non provvede ai sensi dell'articolo 5, comma 1bis, informa la parte della facoltà di chiedere la mediazione» PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 18
  19. 19. PARTECIPAZIONE DEGLI AVVOCATI 21 marzo 2011-31 dicembre 2012, diffusi dal ministero della Giustizia 81,3% delle domande di mediazione presentate con assistenza di un legale 80,6% dei casi le parti hanno partecipato agli incontri di mediazione con il proprio avvocato Il regolamento dell’Organismo poteva disporre in tal senso PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 19
  20. 20. PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 20
  21. 21. PARTECIPAZIONE DEGLI AVVOCATI Al primo incontro e ai successivi fino al termine della procedura la sottoscrizione delle parti e dei rispettivi avvocati che attestino e certifichino la conformità del medesimo alle norme imperative e all’ordine pubblico rende esecutivo l’accordo di conciliazione, senza necessità di richiedere l’omologa del tribunale PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 21
  22. 22. AVVOCATO “MEDIATORE” DI DIRITTO Obblighi formativi Doveri deontologici PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 22
  23. 23. MEDIAZIONE CONDOMINIALE Rapporti con la riforma controversie in materia di condominio devono intendersi quelle contese derivanti dalla violazione o dall’errata applicazione delle disposizioni del libro III, titolo VII, capo II del c.c. e dagli artt. da 61 a 72 PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 23
  24. 24. LEGITTIMAZIONE DELL’AMMINISTRATORE al procedimento di mediazione è legittimato a partecipare l’amministratore, previa delibera assembleare approvata dalla maggioranza degli intervenuti in rappresentanza di almeno la metà del valore dell’edificio. ( comma 3 dell’art. 71 quater disp. att. c.c. = (Non incide sulla legittimazione processuale e in altre ADR) DELIBERA PER ACCORDO: art. 71 quater disp. att. Cod. civ. (comma 5°) proposta di mediazione: approvata in ogni caso dall’assemblea con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio. Se non si raggiunge la predetta maggioranza, la proposta dovrà considerarsi non accettata e l’esito del procedimento di mediazione concluso senza effetti riconciliativi. Non si distingue in relazione all’incidenza sui diritti dei singoli condomini, eventualmente oggetto di valutazione del Tribunale per omologa Il mediatore dovrà considerare il termine sufficiente a permettere la convocazione con ODG dell’assemblea PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 24
  25. 25. QUESTIONI DI COMPETENZA “La domanda di mediazione deve essere presentata, a pena di inammissibilità, presso un organismo di mediazione ubicato nella circoscrizione del tribunale nel quale il condominio è situato”. In caso di amministratore o condomino “moroso” non residente nel luogo del condominio prevale questo criterio in quanto l’art. 71-quater disp. att. c.c. è da considerarsi norma speciale. PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 25
  26. 26. MEDIAZIONE DEMANDATA/DELEGATA Vincolante per le parti NEW Condizione di procedibilità sopravvenuta Il giudice non indica l’Organismo quantomeno non vincola, unico vincolo la competenza territoriale il giudice discrezionalmente valuta natura della causa, avanzamento istruzione, comportamento parti ≠conciliazione giudiziale art. 185-bis c.p.c. PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 26
  27. 27. INCONTRO PRELIMINARE Importanza della preparazione dell’avvocato e del cliente all’incontro Approccio del mediatore: Confronto con pre-mediation (pre-caucasing) PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 27
  28. 28. CASI SFAVOREVOLI il cliente, caratterialmente, non è disponibile a negoziare per individuare una soluzione soddisfacente e/o è ancorato su posizioni di principio; il cliente ha interesse a ottenere una sentenza che costituisca un precedente (perché si profila la possibilità di essere attore o convenuto in cause analoghe); le parti non hanno interesse alla prosecuzione dei rapporti; oggetto di controversia è il pagamento di una somma e il debitore versa in stato di difficoltà (in tale ipotesi non avrà alcun interesse a trovare una soluzione rapida, ma preferirà attendere le iniziative giudiziarie del creditore, che gli assicurano, dati i tempi della giustizia, la possibilità di ritardare i pagamenti). PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 28
  29. 29. CASI FAVOREVOLI le parti hanno interesse a proseguire i rapporti; il valore della controversia non giustifica i tempi e i costi di un giudizio ordinario; il cliente non ha prove sufficienti a dimostrare in giudizio la fondatezza della propria pretesa; l’esito di un eventuale giudizio sia assolutamente incerto; vi sia interesse a mantenere riservata la soluzione della controversia. FONTE: http://www.diritto24.ilsole24ore.com/guidaAlDiritto/civile/civile/pri miPiani/2013/09/ruolo-e-funzioni-dei-legali-chiamati-ad-assistere-leparti.html PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 29
  30. 30. GRATUITÀ La mediazione è gratuita per i soggetti che avrebbero beneficiato del gratuito patrocinio nel giudizio in tribunale (soggetti meno abbienti): quando la mediazione è condizione di procedibilità ex lege della domanda giudiziale (nei casi previsti dall’articolo 5, comma 1 del d.lgs. 28/2010) ovvero quando la mediazione è disposta dal giudice. PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 30
  31. 31. USUCAPIONE Legge 9 agosto 2013 n. 98 : trascrivibilità degli accordi di mediazione. numero 12-bis) artt. 2643 del Codice Civile, rubricato “Atti soggetti a trascrizione” “Si devono rendere pubblici col mezzo della trascrizione: …. 12-bis) gli accordi di mediazione che accertano l’usucapione con la sottoscrizione autenticata da un pubblico ufficiale a ciò autorizzato“. PEDRAZZI@JUS.UNIBS.IT - V0.1/31 31

×