Your SlideShare is downloading. ×
15 invalidità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

15 invalidità

645
views

Published on


0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
645
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
61
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Quest’opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported Patologie strutturali e funzionali del contratto G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 1
  • 2. INVALIDITÀ INEFFICACIA Ipotesi di difformità del contratto rispetto alla Situazione di non fattispecie legale produttività degli effetti giuridici del contratto INESISTENZA Irriducibilità del contratto allo schema legale, manca un atto o fatto socialmente rispondente alla nozione di contrattoG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 2
  • 3. INVALIDITÀ NULLITÀ ANNULLABILITÀG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 3
  • 4. NULLITÀ Forma più grave di invalidità che determina l’inefficacia del contratto posto in essere in violazione di interessi generali dell’ordinamento Cause di Nullità ex art. 1418 c.c. I. Nullità virtuale: nullità del contratto per contrarietà a norme imperative II. Nullità strutturale: nullità del contratto per mancanza dei requisiti essenziali ex art. 1325 c.c., per illiceità della causa, dei motivi nell’ipotesi ex art. 1345 c.c. e per la mancanza dei requisiti dell’oggetto ex art. 1346 c.c. III. Nullità testuale: nullità nei casi previsti dalla leggeG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 4
  • 5. NULLITÀ TOTALE TOTALE PARZIALE (Art. 1419 c.c.) PARZIALE (Art. 1419 c.c.) Investe l’intero contratto Investe l’intero contratto se colpisce singole clausole. se colpisce singole clausole. Può propagarsi esse risultano Può propagarsi esse risultano essere state essenziali. essere state essenziali.G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 5
  • 6. ASSOLUTA La legittimazione ad IMPRESCRITTIBILE RILEVABILE agire per far valere L’azione non si estingue D’UFFICIO la nullità spetta a per il decorso del tempo La nullità può chiunque vi abbia essere rilevata dal interesse giudice AZIONE DI NULLITÀ Sentenza DICHIARATIVAG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 6
  • 7. INSANABILITÀ Il contratto nullo NON produce effetti e NON può essere convalidato CONVERSIONEDEL CONTRATTO CONFERMA NULLO Atto unilaterale che Il contratto nullo determina l’efficacia può produrre gli del negozio nulloeffetti di un diverso (per donazione e RINNOVAZIONE DEL disposizione contratto di cui CONTRATTO NULLOpresenti i requisiti di testamentarie) forma e sostanza Manifestazione di volontà che sostituisce il negozio invalido G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 7
  • 8. NULLITÀ SPECIALI Ipotesi di nullità che presentano caratteri propri di entrambe le figure di invalidità • Nullità Insanabili Rilevabili d’ufficio • Annullabilità Legittimazione relativaG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 8
  • 9. ANNULLABILITÀForma di invalidità che determina l’inefficacia del contratto: il contratto èprovvisoriamente produttivo di effetti ma viene reso inefficace mediantesentenza a causa della sua violazione di interessi particolari della parte Vizi della volontà: vizi nella formazione del consenso ERRORE VIOLENZA DOLOG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 9
  • 10. ERRORE Art. 1428 c.c. Errore vizio: falsa rappresentazione della realtà Errore ostativo: la volontà si è formata correttamente ma è stata trasmessa in modo inesatto Errore fatto: cade su elementi del contratto Errore di diritto: falsa rappresentazione dell’esistenza o della portata di una normaG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 10
  • 11. ERRORE Requisiti:1. Essenzialità: assume un’importanza determinante per il contraente2. Riconoscibilità: la parte avrebbe potuto accorgersi dell’errore usando la normale diligenza. Tale requisito non è rilevante nel caso di errore comune ad entrambe le partiRettifica: negozio unilaterale recettizio con cui la parte non in errore si offre di conformare il contratto alla reale intenzione dell’altro contraenteG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 11
  • 12. DOLO art. 1439 c.c.• Artificio o raggiro posto in essere dalla controparte o da un terzo (a certe condizioni) che altera la volontà contrattuale• Dolo commissivo / omissivo• Dolo determinante: senza il raggiro la parte non avrebbe stipulato il contratto. Causa di annullamento• Dolo incidente: senza il raggiro la parte avrebbe comunque concluso il contratto ma a diverse condizioni. Contratto valido ma obbligo di risarcire il dannoG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 12
  • 13. VIOLENZA Art. 1434 c.c. Minaccia seria di un male ingiusto e notevole (l’entità della minaccia è da valutare con riferimento alle condizioni soggettive della parte) Minaccia rivolta contro la controparte, il suo coniuge, ascendente, discendente, i suoi beni. Se rivolta contro altri soggetti, l’annullamento è rimesso all’apprezzamento del giudice.G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 13
  • 14. VIOLENZA• Non basta il c.d. timore reverenziale• Se la minaccia proviene da un terzo, a differenza del dolo, il contratto è annullabile anche se l’altra parte non ne era a conoscenza VIOLENZA MORALE ≠ VIOLENZA FISICAG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 14
  • 15. INCAPACITÀ art. 1425 c.c.• INCAPACITÀ D’AGIRE: il contratto è annullabile se una delle parti era legalmente incapace di contrattare.• INCAPACITÀ NATURALE: è annullabile, quando ricorrano le condizioni stabilite dall’art. 428 c.c. (pregiudizio e malafede), il contratto stipulato da persona incapace di intendere e volere• Caso particolare: se il minore ha occultato con raggiri la propria età il contratto non è annullabileG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 15
  • 16. LEGITTIMAZIONE PRESCRITTIBILE IRRILEVABILE RELATIVA L’azione si estingue D’UFFICIOL’azione compete solo per il decorso di 5 L’annullabilità non alla parte nel cui anni (dalla cessazione può essere rilevata interesse è prevista della violenza o incapacità, dal giudice l’invalidità scoperta dolo o errore) AZIONE D’ANNULLAMENTO Sentenza COSTITUTIVA G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 16
  • 17. SANABILITÀ Il contratto annullabile può essere convalidato Convalida espressa Convalida tacita Negozio giuridico unilaterale con La parte che avrebbe cui la parte che avrebbe potuto potuto far valerefar valere l’annullamento dichiara l’annullamento dàla sua intenzione di convalidare il volontaria esecuzione al contratto, menzionando sia il contratto pur contratto, sia il motivo conoscendo il motivo di dell’annullamento annullamentoG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 17
  • 18. EFFETTI PER LE PARTI RETROATTIVITÀ La sentenza di annullamento comporta l’obbligo di restituire le prestazioni già eseguite, fatto salvo il risarcimento del danno. Per l’incapace solo nei limiti in cui è stata rivolta a suo vantaggioG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 18
  • 19. EFFETTI VERSO TERZI Problema: la retroattività può pregiudicare i diritti acquisiti dai terzi subacquirenti Soluzione: inopponibilità dell’annullamento ai terzi acquirenti in buona fede (S) a titolo oneroso (eccezioni: incapacità legale e trascrizione tardiva)G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 19
  • 20. RESCISSIONE DEL CONTRATTO Scioglimento del contratto a causa di vizi originari che determino uno squilibrio del rapporto sinallagmaticoCONCLUSO IN STATO CONCLUSO IN STATO DI PERICOLO DI BISOGNO (ART. 1447 C.C.) (ART. 1448 C.C.)G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 20
  • 21. Rescissione del contratto concluso in stato di pericolo Contratto rescindibile se la parte lo abbia concluso per la necessità nota alla controparte di salvare sé o altri da un pericolo attuale di danno grave alla persona STATO DI PERICOLO CONDIZIONI INIQUE Il giudice, nel pronunciare la rescissione, può assegnare unequo compenso alla parte in mala fede per l’opera già prestata G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 21
  • 22. Rescissione del contratto concluso in stato di bisogno Contratto rescindibile se vi sia sproporzione tra le due prestazioni ed essa sia dipesa dallo stato di bisogno in cui versava una parte e di cui l’altra fosse a conoscenza e ne abbia tratto profitto STATO DI SPROPORZIONE TRA APPROFITTAMENTO BISOGNO LE DUE PRESTAZIONICondizione di Deve eccedere di oltregrave difficoltà la metà del valore economica Lesione ultra dimidiumG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 22
  • 23. DISCIPLINA IN TEMA DI RESCISSIONE RIDUZIONE AD EQUITÀ PRESCRIZIONE La parte contro cui l’azione è L’azione di rescissione si proposta può evitare la prescrive in 1 anno dallarescissione offrendo una modifica conclusione del contratto del contratto tale da eliminare lo L’eccezione di prescrive nel squilibrio tra le prestazioni medesimo termine previsto per l’azioneG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 23
  • 24. RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Rimedio che determina lo scioglimento dei contratti a prestazioni corrispettive in presenza di vizi funzionali del sinallagma PER PER IMPOSSIBILITÀ PER ECCESSIVAINADEMPIMENTO SOPRAVVENUTA ONEROSITÀ DELLA SOPRAVVENUTA PRESTAZIONE DELLA PRESTAZIONE G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 24
  • 25. Risoluzione giudiziale per inadempimento Art. 1453 Contratti a prestazioni corrispettive Violazione di una obbligazione Ogni prestazione trova remunerazione contrattuale nella controprestazione Nei contratti sinallagmatici, in presenza di un inadempimento L’importanza di non scarsa importanza, dell’inadempimento l’altra parte può chiedere al è da valutarsi in giudice la risoluzione del base all’interesse contratto del creditoreG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 25
  • 26. In presenza di inadempimento, la parte non inadempiente può avvalersi di due azioni Azione di esatto Azione di risoluzione adempimento La parte agisce per ottenere lo La parte agisce per ottenere scioglimento del vincolo l’adempimento contrattualePossibile chiedere la risoluzione Non è possibile chiedere dopo aver esperito l’azione di l’adempimento dopo aver chiesto la adempimento risoluzione G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 26
  • 27. Risoluzione stragiudiziale per inadempimento Ipotesi di risoluzione di diritto Sentenza di mero accertamento DIFFIDA AD CLAUSOLA TERMINE ADEMPIERE RISOLUTIVA ESSENZIALE ESPRESSA (Art. 1454 c.c.) (Art. 1457 c.c.) (Art. 1456 c.c.)Intimazione scritta Risoluzione di dirittodi adempiere entro Clausola con cui si nel caso di congruo termine costituisce un diritto inadempimento alla potestativo di risolvere il scadenza del termine contratto in caso di inadempimento G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 27
  • 28. Effetti della risoluzione per inadempimento TRA LE PARTI NEI CONFRONTI DEI TERZI Retroattività reale Diritti dei terzi non pregiudicati dalla risoluzioneObbligo di restituire le prestazioni già eseguite Inopponibilità ai terzi della risoluzione(eccezione nei contratti di durata) G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 28
  • 29. Risoluzione per impossibilità sopravvenuta della prestazione (Art. 1463 c.c.) Se Impossibilità PARZIALE IMPOSSIBILITÀ La controparte ha diritto1. SOPRAVVENUTA: natura non • ad una riduzione della prestazioneoriginaria dell’impossibilità da essa dovuta2. NON IMPUTABILE al debitore oppure • a recedere dal contratto se non abbia un interesse apprezzabile all’adempimento parziale G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 29
  • 30. Risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta della prestazione (Art. 1467 c.c.) Ambito di applicazione: PresuppostoContratti a prestazioni corrispettive La prestazione di una parte diviene di durata eccessivamente onerosa a causa di eventi straordinari ed imprevedibili (Ad esecuzione continuata che determinano uno squilibrio o periodica) contrattuale sopravvenuto Effetti tra le parti e nei confronti dei terzi: cfr norme in tema di risoluzione per inadempimento Possibile evitare la risoluzione mediante l’offerta di riduzione ad equità G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 30
  • 31. RIMEDI PREVENTIVI IN CASO DI INADEMPIMENTO CAPARRA ECCEZIONE DICONFIRMATORIA INADEMPIMENTO CLAUSOLA PENALEG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 31
  • 32. CAPARRA CONFIRMATORIA Art. 1385 c.c.Alla conclusione del contratto una parte consegna all’altra una quantità di denaro o beni fungibili• Ipotesi1. Inadempimento di chi ha ricevuto la caparra: chi l’ha versata ha diritto a ricevere una somma pari al doppio della caparra e può recedere dal contratto2. Inadempimento di chi ha versato la caparra: la controparte ha diritto di trattenere la caparra e recedere dal contrattoG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 32
  • 33. CLAUSOLA PENALE Art. 1382 c.c. Clausola con cui le parti stabiliscono che in caso di inadempimento o ritardo nell’adempimento, una di esse sia tenuta ad una determinata prestazione• Liquidazione convenzionale anticipata del danno• Se la penale è eccessiva, avuto riguardo all’interesse del creditore, il giudice può ridurla d’ufficioG. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 33
  • 34. ECCEZIONE DI INADEMPIMENTO Art. 1460 c.c. Ogni parte può rifiutarsi di adempiere la propria obbligazione se l’altra parte non adempia o non offra di adempiere contemporaneamente, salvo che diversi termini per l’adempimento siano stabiliti dalle parti o risultino dalla natura del contratto Non può rifiutarsi l’esecuzione se il rifiuto, avuto riguardo alle circostanze, risulta contrario a buona fede (O)G. Pedrazzi - UniBS v0.6/33 34