07 Soggettività e capacità giuridica

1,591
-1

Published on

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,591
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
73
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

07 Soggettività e capacità giuridica

  1. 1. SOGGETTIVITÀ E CAPACITÀ GIURIDICA Quest’opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo st GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 1
  2. 2. SOGGETTI DI DIRITTO Centri di imputazione o riferimento di rapporti giuridici e posizioni soggettive Destinatari degli effetti giuridici Artt. 1-10 c.c.: Persone fisiche Artt. 11-42 c.c.: Persone giuridiche GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 2
  3. 3. SOGGETTI Persona Fisica titolare di diritti e doveri per il solo fatto di appartenere al genere umano Persona Giuridica organizzazione stabile formata da più p.f. o caratterizzata da un patrimonio destinato al raggiungimento di uno scopo GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 3
  4. 4. CAPACITÀ GIURIDICA attitudine del soggetto alla titolarità di diritti e doveri Capacità giuridica ≠ titolarità ma ne costituisce il presupposto: la titolarità si avrà solo con la concreta imputazione degli effetti giuridici Referenti normativi  Art 1 c.c.: la capacità giuridica si acquista al momento della nascita  Art. 22 Cost.: nessuno può essere privato della capacità giuridica per motivi politici GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 4
  5. 5. CAPACITÀ GIURIDICA PERDITA ACQUISTO Nascita: Morte: inizio della respirazione polmonare cessazione irreversibile delle funzioni dell’encefalo GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 5
  6. 6. COMMORIENZA • Ipotesi in cui è rilevante determinare il momento della morte Presunzione di commorienza Art. 4 c.c.: quando un effetto giuridico dipende dalla sopravvivenza di una persona a un’altra e non consta quale di esse sia morta prima, tutte si considerano morte nello stesso momento GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 6
  7. 7. CONCEPITO Art. 1 c. II: i diritti che la legge riconosce a favore del concepito sono subordinati all’evento della nascita Art. 462 c.c.: Capacità di succedere Art. 784 c.c.: Capacità di ricevere per donazione • per i nati o concepiti al tempo dell’apertura della successione • donazione a favore del concepito o anche a favore dei figli di una determinata persona vivente al tempo della donazione benché non ancora concepiti • presunzione di concepimento: nasce entro 300 giorni dalla successione GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 7
  8. 8. CAPACITÀ D’AGIRE • Attitudine al compimento di negozi giuridici i cui effetti siano destinati a prodursi nella sfera giuridico-patrimoniale dell’autore dell’atto • Capacità di esercitare direttamente diritti e obblighi di cui si è titolari  Art. 2 c.c.: si acquista con la maggiore età (18 anni) • Si può perdere o ridurre se viene meno l’idoneità a curare i propri interessi GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 8
  9. 9. INCAPACITÀ LEGALE Incapacità derivante dall’applicazione di una norma giuridica ASSOLUTA RELATIVA Incapacità di compiere qualsiasi atto Capacità d’agire sussiste entro determinati limiti 1. Minore età 1. Emancipazione 2. Interdizione giudiziale 2. Inabilitazione 3. Interdizione legale GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 3. Amministrazione di sostegno 9
  10. 10. MINORE ETÀ • Soggetto non ha ancora compiuto il diciottesimo anno • Giudizio tipico sociale: si ritiene che solo dal diciottesimo anno la persona sia in grado di curare in modo autonomo i propri interessi • Minore sottoposto a potestà genitoriale • Se il genitore decede o non può esercitare la potestà, viene nominato un tutore • Atti compiuti dal minore sono annullabili (cfr. artt. 1425, 1426 c.c.) • Possibile compiere atti della vita quotidiana: si finge che il minore agisca in qualità di rappresentante del genitore GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 10
  11. 11. INTERDIZIONE GIUDIZIALE • • • • • Abituale infermità di mente rende incapace il soggetto a provvedere ai propri interessi (art. 414 c.c.) Dichiarata con sentenza con cui viene meno la capacità di agire Legittimati a chiederla: coniuge, parenti fino al 4°, affini fino al 2°, tutore, p.m. Interdetto rappresentato da un tutore Sentenza di revoca: sentenza con cui si riacquista la c.a. nel caso in cui vengano meno i presupposti dell’interdizione (effetti dalla pubblicazione della sentenza) GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 11
  12. 12. INTERDIZIONE LEGALE Pena accessoria ad una sentenza di condanna per un delitto non colposo per un periodo non inferiore a 5 anni Finalità non di natura protettiva ma punitiva La sua durata è condizionata dalla durata della pena GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 12
  13. 13. INABILITAZIONE • Stato dichiarato giudizialmente di ridotta capacità d’agire della persona che non è pienamente in grado di curare i propri interessi • Soggetti legittimati a chiederla: cfr norme su interdizione con l’aggiunta del curatore • Revoca: cfr norme su interdizione GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 13
  14. 14. INABILITAZIONE [415] • Infermità mentale abituale non così grave da giustificare l’interdizione • Prodigalità o abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti che espongono il soggetto o la sua famiglia a un grave pregiudizio economico • Sordomutismo o cecità dalla nascita o dalla prima infanzia in mancanza di istruzione sufficiente GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 14
  15. 15. EMANCIPAZIONE • • • Situazione in cui si trova il minore che abbia compiuto il sedicesimo anno di età e che sia autorizzato dal Tribunale a contrarre matrimonio Capacità d’agire limitata agli atti di ordinaria amministrazione (conservazione dei beni, consumo del reddito) Per gli atti di straordinaria amministrazione viene nominato dal giudice tutelare un curatore il cui consenso integra quello del minore emancipato GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 15
  16. 16. AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Ipotesi di incapacità relativa introdotta dalla legge 6/2004 (artt. 404 ss c.c.) Nuova forma di tutela che consente una protezione mirata del soggetto parzialmente privo di autonomia con la minore limitazione possibile della capacità d’agire Effetti: beneficiario conserva la capacità d’agire che viene limitata o privata solo per gli atti per i quali è riconosciuto incapace GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 16
  17. 17. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO nominato con decreto del giudice tutelare o designato dall’interessato con scrittura privata autenticata o atto pubblico funzione di sostegno nel perseguire l’obiettivo di curare gli interessi del beneficiario se eccede limiti dei suoi poteri: atti annullabili GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 17
  18. 18. INCAPACITÀ NATURALE Stato di fatto in cui versa una persona che non è in grado di intendere e di volere nel momento in cui compie un atto Art. 428 c.c. Atti compiuti dalla persona incapace di intendere e volere 1.Atti unilaterali: annullabili su istanza del soggetto stesso, dei suoi eredi o aventi causa se ne risulti un grave pregiudizio all’autore 2.Contratti: annullabili se ne risulti un grave pregiudizio all’autore e in presenza di mala fede dell’altro contraente 3.Donazione e Matrimonio: sempre annullabili GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 18
  19. 19. SCOMPARSA ASSENZA MORTE PRESUNTA GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 19
  20. 20. SCOMPARSA Art. 48 c.c. Presupposto: allontanamento della p.f. dal luogo della residenza, la persona non dà più notizie di sé, irreperibilità Conseguenza: il Tribunale, su richiesta degli interessati o dei presunti eredi, dichiara la scomparsa e nomina un curatore Atti meramente conservativi posti in essere dal curatore GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 20
  21. 21. ASSENZA Artt. 49 e ss. c.c. • • • •   Presupposto: decorso di 2 anni dalle ultime notizie relative al soggetto scomparso Conseguenza: il Tribunale, su richiesta dei presunti successori o di chi vanti diritti sui beni, dichiara l’assenza e ordina l’apertura del testamento Possesso provvisorio dei beni da parte degli eredi, legatari e donatari Ritorno dell’assente: Cessa il possesso: beni da restituire Irrevocabilità degli atti compiuti GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 21
  22. 22. DICHIARAZIONE DI MORTE PRESUNTA (Artt. 58 ss c.c.) • Presupposto: decorso di 10 anni dalle ultime notizie relative all’assente • Conseguenza: il Tribunale dichiara la morte presunta, la persona si considera deceduta dal giorno in cui si sono avute sue ultime notizie • Effetti analoghi alla morte:  Possibile contrarre nuove nozze per il coniuge superstite  Libera disponibilità dei beni da parte degli eredi e legatari • Ritorno del soggetto dichiarato morto  Nullità del nuovo matrimonio  Recupero dei beni nello stato in cui si trovano GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 22
  23. 23. DOMICILIO RESIDENZA DIMORA GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 23
  24. 24. DOMICILIO Art. 43 Luogo in cui la persona ha stabilito la sede principale dei propri affari e interessi Tipologie 1.Speciale: scelto dal soggetto per compiere determinati attività 2.Legale: domicilio dell'incapace di agire per il minorenne: Residenza della famiglia per l'interdetto : Domicilio del tutore GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 24
  25. 25. RESIDENZA Luogo di dimora abituale della persona. Risulta dall’iscrizione nel registro anagrafico: la mancata iscrizione rende il cambiamento di residenza inopponibile ai terzi in buona fede (art. 43 c. II) DIMORA Luogo in cui il soggetto si trova occasionalmente (Art. 44 c.c.) GPedrazzi-Unibs v. 0.7/25 25
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×