Giorgio Gentili convegno ungdcec lecce 2014 Cooperazione agricola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Giorgio Gentili convegno ungdcec lecce 2014 Cooperazione agricola

on

  • 203 views

La situazione delle cooperative agricole in Italia ...

La situazione delle cooperative agricole in Italia
Le slides sotto riportate, tratte dal sito www.networkprofessionale.com, evidenziano la situazione della cooperazione agricola in Italia illustrandone i punti di forza e di debolezza.

Statistics

Views

Total Views
203
Views on SlideShare
85
Embed Views
118

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

3 Embeds 118

http://www.networkprofessionale.com 75
http://www.giornaledellepmi.it 42
http://networkprofessionale.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Giorgio Gentili convegno ungdcec lecce 2014 Cooperazione agricola Giorgio Gentili convegno ungdcec lecce 2014 Cooperazione agricola Presentation Transcript

  • UNGDCEC 52° Congresso Nazionale “Cooperative ed enti non profit: strumenti per la crescita, opportunità per il professionista” relatore: Giorgio Gentili– dottore commercialista www.networkprofessionale.com Lecce 4 aprile 2014 WORKSHOP LE COOPERATIVE NEL SETTORE PRIMARIO
  • La cooperazione in Italia In Italia operano oltre 81mila cooperative (poco più dell’uno per cento del totale delle imprese italiane), che fatturano nel complesso (consorzi inclusi) tra i 120 e i 140 miliardi di euro e che generano un valore aggiunto pari al 3,5 per cento del prodotto interno lordo. Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • La cooperazione in Italia Delle 81mila cooperative attive in Italia, il 12,6 per cento è rappresentato da cooperative operanti nel settore agroalimentare (10.239 unità) Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Imprese di capitali e cooperative  Impresa di capitali  la remunerazione dei soci (azionisti) cresce proporzionalmente al capitale sociale sottoscritto.  Cooperativa  la remunerazione dei soci è in genere correlata alla quantità e alla qualità della materia prima agricola conferita a prescindere dal capitale sociale sottoscritto.  Tale sostanziale differenza limita sensibilmente la propensione alla capitalizzazione di una cooperativa.  Tale deficit viene compensato da rapporti di finanziamento (onerosi e non) dei soci verso la cooperativa, rapporti questi ultimi che vengono contabilizzati comunque come debiti della cooperativa piuttosto che come capitale sociale. Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Mutualità Le CMP si distinguono dalle cooperative diverse per il rispetto del requisito di tipo gestionale: l’attività “caratteristica” della cooperativa deve svolgersi per più del 50% con i soci. Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Diverse mutualità Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com Coop di conferimento dei prodotti agricoli Coop agricole di servizi; consorzi agrari Coop di lavoro nel settore agricolo
  • La prevalenza nelle cooperative di conferimento dei prodotti agricoli Il terzo comma dell’art. 2513 individua uno speciale metodo di calcolo della prevalenza per le cooperative di conferimento di prodotti agricoli. Per tali cooperative l’indice di riferimento è il rapporto fra le quantità o il valore dei prodotti conferiti dai soci e le quantità o il valore totale dei prodotti acquisiti. Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cooperative agricole di conferimento Le cooperative agricole, quindi, possono scegliere tra due diversi indici, quello più favorevole: Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cooperative agricole di conduzione Nelle cooperative agricole per la conduzione associata di terreni, la condizione di prevalenza è rispettata quando l’estensione dei terreni coltivati dai soci supera il 50% dell’estensione totale dei terreni condotti dalla cooperativa (cfr. d.m. 30 dicembre 2005). Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cooperative agricole di allevamento Nelle cooperative di allevamento la condizione di prevalenza è rispettata quando dai terreni dei soci e delle cooperative è ottenibile almeno un quarto dei mangimi necessari per l’allevamento stesso (cfr. d.m. 30 dicembre 2005). Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Struttura finanziaria Il grado di patrimonializzazione è più basso delle imprese di capitali una parte del debito è riferibile a un rapporto con i propri soci (si pensi a tale proposito al ruolo e alla diffusione del cosiddetto “prestito sociale”) Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Liquidità L’indicatore di liquidità, ovvero la capacità di far fronte alle uscite monetarie di breve periodo, risulta invece nelle cooperative di trasformazione di prodotti agricoli inferiore a quello delle for profit (0,61 vs. 0,89 delle spa e 0,86 delle srl). Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Redditività Le cooperative operanti nell’agroalimentare hanno livelli di redditività non necessariamente inferiori a quelli delle altre forme di impresa. Nel processo di formazione del valore aggiunto infatti le cooperative si distinguono dalle for profit (in particolar modo nell’industria alimentare) perché esse acquistano il prodotto dai loro soci cercando di ristornare all’atto del pagamento della merce la maggior parte possibile del valore creato attraverso il processo produttivo. Al contrario, le spa e in parte le srl acquistano sul mercato la materia prima agricola puntando a minimizzare questa (per loro) voce di costo, in modo da drenare la maggior parte di valore possibile verso la bottom line del Conto economico (dividendo). Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Analisi del bilancio nelle coop agricole Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com Considerare specificità contabili nelle coop • Coop agricole di conferimento caratterizzate dalla remunerazione dei conferimenti dei soci a valori superiori del mercato • La redditività prodotta viene contabilizzata in bilancio come costo Coop agricole di servizio • produttività indicata in bilancio è sottostimata • Ad esempio sono praticati dei prezzi di favore sui mezzi tecnici ai soci agricoltori
  • Caratteristiche strutturali delle cooperative agro-alimentari Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cooperative vitivinicole Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cooperative lattiero casearie Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Produttività e variazione del fatturato Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cooperative ortofrutticole Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Punti di forza della cooperazione agricola mantenimento della struttura fondiaria e della proprietà diffusa della terra; flessibilità produttiva e attenzione alla qualità; la possibilità di sfruttare le economie di scala tecnologiche e organizzative. Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Punti di debolezza (1) scarso impegno dei soci nel garantire la qualità del prodotto quando questa richiede un maggior impiego di lavoro o la riduzione delle quantità prodotte; ricerca da parte dei soci del massimo guadagno nel breve periodo, attraverso il ricorso a modalità di scambio alternative al conferimento in cooperativa quando queste modalità offrono condizioni più vantaggiose (salvo conferire alla cooperativa in presenza di alternative peggiori). Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Punti di debolezza (2) difficoltà a dotare la cooperativa dei capitali necessari per investimenti importanti, investimenti che richiedono che tutti i soci, o la grande maggioranza di essi abbia un orizzonte temporale lungo e sia quindi disposta a rinunciare a una parte del reddito per periodi medio-lunghi; presenza di interessi divergenti tra soci che hanno un diverso rapporto con la loro attività primaria, in particolare tra soci giovani e anziani o tra soci con dimensioni aziendali diverse. In questi casi il meccanismo di governo della cooperativa (una testa, un voto) tende a favorire le maggioranze numeriche e non i gruppi che hanno maggiormente a cuore la sostenibilità e lo sviluppo della cooperativa. Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cooperazione avanzata Le cooperative che mostrano le performances migliori sono caratterizzate da: • rilevante quota di prodotto a marchio proprio (48% del fatturato totale); questa quota sale per i settori vitivinicolo ed ortofrutticolo, mentre è più contenuta per le carni • un’importante proiezione sui mercati internazionali Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Cosa serve per perseguire queste strategie? Aumento della dimensione: operazioni di M&A; contratti di rete Risorse finanziarie: trattenute ai soci; emissione di strumenti partecipativi; emissioni di mini bond; Risorse umane: attrarre i manager migliori Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com
  • Grazie per l’attenzione Lecce 04 aprile 2014Giorgio Gentili - www.networkprofessionale.com