Subvertising53 luglio agosto2012

689
-1

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
689
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Subvertising53 luglio agosto2012

  1. 1. TUTTI I LINK IN QUESTARIVISTA SONO ATTIVI! USALI! Subvertising CONTENUTI Anno VI, numero 53 del 18/07/2012 BLOG AND FACEBOOK MINIATURES 3 Editoriale Direttore Responsabile rock the summer PIETRO PIERANGELI di Pietro Pierangeli 5 pietro@subvertising.it Fondatore e direttore editoriale Quali social amano i blogger? diego perrone di Sara Villa 7 diego@subvertising.it dimmi che marketing fai e ti dirò chi sei Art direction and design di Stefania Boleso 18 ALEX PERRONEComunicati stampa, informazioni o altre richieste: redazione@subvertising.it Subvertising è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Bologna numero 7803 del 16/10/2007 Subvertising è un marchio registrato. P.I. e C.F. 02247751205 - Chill Net Sas Sede legale: Via Emilia Ponente 477/26 40132 Bologna Non perderti nessun numero di Subvertising. Clicca su www.subvertising.it e scarica gratuitamente anche i numeri precedenti. numeri precedenti Inoltre puoi iscriverti alla newsletter Vai su www.subvertising.it e scarica e ricevere in abbonamento il magazine direttamente nella tua casella tutti i numeri dal 2007 ad oggi. di posta elettronica. Subvertising è anche su: FACEBOOK, TWITTER e PINTEREST
  2. 2. Blog and Facebook miniatures Subvertising luglio/agosto 2012 DailyBreak, an interactive web serie by BBDO for HTC One X/AT&T. Stunning! 3
  3. 3. Blog and Facebook miniatures Subvertising luglio/agosto 2012 Beat Girl, the first story told on Pinterest. (Agency: beActive)Teen Wolf, the interactivetransmedia serie by MTV US. Magnum Pleasure Hunt 2 - Advergame 4
  4. 4. Editoriale Subvertising luglio/agosto 2012Rockthe summerdi: Pietro Pierangeli - Direttore responsabilepietro@subvertising.it“Ciao, sò Enzo ci siamo visti cinque, sei settimane fa alla fila per l’estate, bisogna sbattersi e molto, trovando nuove soluzioni senza porre limiti alla creativitàfarci toglierete multe, ti ricordi?” Un Verdone in uno dei suoi per- ... Quelli di Radio Globo, i creatori di Ostia Beach, si sono ripetuti aggiungendo al ‘pro-sonaggi più riusciti apre, più o meno così, il video-tormentone dotto’ Resto a Roma un testimonial come Verdone, sfruttando il tema della crisi in chiave‘Resto a Roma’, la versione un pò meno cafona di Ostia Beach, ironica e positiva e affidandosi in modo più strutturato alla rete con qualche iniezione di prfenomeno virale dell’estate 2011. digitali. Tutti gli altri che sono entrati nelle nostre timeline di FB dell’estate o compilationM a tormentone per chi? Se senti la radio i tormentoni sono altri, alcuni giornali sui nostri lettori mp3 (o di Spotify, Deezer ... ) sappiamo che lo hanno fatto sudando e parlano di successi estivi di altro genere, per non parlare di amici vari che condi- quindi se lo sono meritato. Una buona notizia quindi per i migliaia di rocker nostrani che vidono pezzi di artisti sconosciuti gridando al miracolo dell’estate 2012. su inventiva e creativita’ non sono secondi a nessuno.Se fino a qualche anno fa a decidere la colonna sonora dell’estate ci pensava qualche grande E questo vale per tutti i mercati e in ogni stagione. Anche per questo 2012 avere sottobrac-major mandando i prescelti a rotazione nelle poche emittenti radio e tv che contavano, cio l’edizione estiva di Subvertising potrebbe, speriamo, portare qualche buona idea peroggi con la progressiva scomparsa dei media ‘mainstream’ l’ingresso nella playlist estiva è ripartire, dopo il meritato riposo, con l’obiettivo di entrare nel più alto numero di classi-sempre più accessibile. Solo che la playlist estiva non c’è più. Sta scomparendo nello stesso fiche dei propri clienti, puntando sulla qualità dei propri servizi o prodotti e su soluzionimodo...o meglio non ce n’è più una sola come negli anni ‘80, ‘90, ma centinaia, a seconda creative per farli conoscere e apprezzare. Buone riflessioni e buona estate a tutti da partedei canali che si ascoltano. Resto a Roma, in quante di queste entrerà? Difficile saperlo, uni- della redazione di Subvertising.ca certezza è che ora, e da qui in avanti, per entrare nel piu’ alto numero di iPod caricati per 5
  5. 5. Leggi Subvertising su ipad e iphone utilizza il qr code oppure clicca qui POwered by
  6. 6. CONTENT TAGS Subvertising luglio/agosto 2012social media, bloggers, blog, italia, facebook, pinterest, google+, twitter, intervistaQuali social amano i blogger?Intervista a 4 blogger (noti e vicini al mondo del marketing) sui social network:quali ritengono davvero utili, come e perché li usano.di Sara Villasara@subvertising.itNegli ultimi anni si fa un gran parlare di tutti i social networks che continuano a spuntare come funghi cercando di intercettarenicchie non coperte dai big delle reti sociali. Per approfondire l’argomento abbiamo chiesto a quattro professionisti, consulentiweb e navigati utenti delle piattaforme social, di comparare i social networks attualmente più usati e svelarci qualche segreto.Ne è venuto fuori che: Twitter è il più usato e quello che piace di più; Facebook è un po’ come il primo amore: non si scorda mai,però poi si cresce e nella vita si cerca altro; Linkedin è utile e serioso; Pinterest il luna park per immagino e Google+ potenzial-mente destinato a cambiare le carte in tavola, non ci resta che aspettare.ALESSANDRA FARABEGOLI Si occupa di internet dalla fine degli anni ‘90 ed è una web strategist freelance. Su www.alessandrafarabegoli. it definisce la sua attività come una trasmissione di idee e conoscenza per aiutare i clienti a integrare la cultura digitale nel loro lavoro. Suoi sono i manuali Sopravvivere alle informazioni su internet e Manuale di buonsenso in rete. 1. usabilità FB: 7/10 intuitivo nonostante le numerose funzioni esistenti, i continui cambiamenti a volte ci complicano la vita, a volte ce la facilitano. Che sia, tutto sommato, facilmente usabile, lo dimostra la strepitosa diffusione che ha avuto. Dà la possibilità sia di contribuire con contenuti “pesanti” che di aderire-diffondere con un semplice click. Twitter: 9/10 elementare, come i Lego permette di fare tantissime cose, tutte diverse fra loro. Non sempre l’in- terfaccia “nativa” è il massimo dell’usabilità, ma ci sono talmente tante alternative che glielo si perdona. G+: 7/10 usabile è usabile, il fatto è che io lo uso poco, perché non ho mai mandato giù la pretesa di Google di 7
  7. 7. Subvertising luglio/agosto 2012farmi rimappare le mie reti anche a casa sua. A che pro? LinkedIn: 5/10 interfaccia spesso macchinosa, ci sta per un servizio che si usa, tutto sommato, meno di frequente degli altri.Pinterest: 9/10 immediato, facile, divertente, veloce.2. facilità di viralizzazione dei contenutiFB: 10/10 - fra condivisioni, like, inviti e commenti che fanno mostrare un post anche sulla bacheca di chi non ne segue l’autore, far girare i contenutisu FB è (fin troppo) facileTwitter: 9/10 - i Retweet sono immediati, citare un tweet aggiungendo qualcosa di tuo è solo lievemente più macchinoso, il meccanismo degli hashtag ègenialeG+ - non riesco a valutarne la “potenzialità di viralizzazione”, ho l’impressione che le persone ci passino meno tempo che su Fb e che quindi la probabilitàdi diffusione di un contenuto resti più bassa.LinkedIn: siamo seri, non è cosa! LinkedIn non è il posto del passaparola e delle campagne flashPinterest: 10/10 - repinnare è immediato, e le immagini interessanti viaggiano alla velocità della luce3. engagementFB: 8/10 - da una parte le persone ci passano tanto tempo, spesso accalorandosi in lunghe discussioni, e la facilità di interazione e condivisione aiutano asollecitare l’interazione; dall’altra, via via che aumentano i soggetti e i contenuti, “bucare” la soglia dell’attenzione diventa sempre più difficile.Twitter: 8/10 - più elementare e veloce di Facebook, il meccanismo delle @mentions aiuta a entrare in contatto anche con soggetti che difficilmente sisarebbero potuti contattare per altre vie; d’altra parte, le conversazioni (specie fra più di due persone) a suon di scambi di tweet sono più difficoltose chein un thread di commenti.G+: 6/10 lo trovo piuttosto freddo per suscitare “engagement”, ma forse è un limite mioLinkedIn: 4/10 non è il posto per l’engagement, ma per lo scambio di informazioni funzionali.Pinterest: 6/10 il livello di engagement resta piuttosto superficiale, è più un mostrarsi a vicenda le proprie collezioni...4. empowerment socialeFB: 8/10 - vale il discorso fatto per l’engagement. Su FB ciascuno ha a disposizione molti strumenti da usare per generare discussioni, sollecitare cambia-menti, influenzare le opinioni, aggregare soggetti, ma occorre saperli usare e bucare la soglia dell’attenzione.Twitter: 7/10 - non basta un hashtag per fare le rivoluzioni - benché diffonderle in tempo reale e confrontarsi in modo diretto sulla timeline sia un belcambiamentoG+ - 5/10 (parlando per l’Italia) non è, e penso non diventerà, uno strumento di massa. Ci si discute per circoli, non lo vedo come uno strumento perattivare dinamiche di cambiamento.LinkedIn - 4/10 - sarà che non lo uso per creare link con persone che non conosco (come peraltro si dovrebbe fare stando ai termini di servizio), ma soloper descrivere le mie relazioni effettive e riportare il mio percorso lavorativo, ma non sento LinkedIn come uno strumento per attivare dinamiche socialio di empowerment. Pinterest - non applicabile. 8
  8. 8. Subvertising luglio/agosto 20125. efficacia in campagne advFB: 8/10 - le campagne su Facebook, se ben progettate funzionano (an-che se io all’inizio ci credevo poco).Twitter: 4/10 - mi chiedo quanto siano letti o seguiti gli sponsored twe-ets, a prescindere dalla soglia (altissima) di attivazione di una campa-gna...LinkedIn: 6/10 - ci si va poco di frequente, anche se la possibilità diprofilare i destinatari in base a criteri professionali è molto interessante.Per la ricerca personale, ovviamente, è il topG+ e Pinterest: non applicabile 6. costruzione delle relazioniFB: 9/10 - ormai FB riproduce molte delle dinamiche dei rapporti uma-ni, e permette di consolidare - mantenere - ravvivare relazioni, mesco-landosi con le sue metafore anche alla vita offline.Twitter: 8/10 - se dentro a FB parliamo soprattutto con persone che giàconosciamo (bonding), su Twitter discutiamo con gli sconosciuti (brid-ging), e magari dopo un po’ ci viene voglia di conoscerli “dal vivo” (è bellissimo incontrarsi dopo aver scambiato per mesi, a volte anni, mentions e retweet)G+: G+ è tendenzialmente bonding, e in circoli ristretti.LinkedIn: 5/10 su LinkedIn non costruisci relazioni, le dichiari e semmai le evidenzi con le segnalazioni.Pinterest: 2/10 segui quelli che postano immagini interessanti, magari non li conosci, ma è difficile che si traduca in una nuova relazione sociale 7.entertainmentFB: 9/10 fin troppo entertainment, il problema è staccarsene; il fatto che i criteri che usa FB per decidere cosa farmi vedere siano piuttosto oscuri probabilmente ci priva diqualche scoperta, ma, se si seguono le persone e le pagine giuste, FB è interessante e divertenteTwitter: 9/10 personalmente non potrei farne a meno, è una fonte strepitosa di informazioni, e alcuni scambi di tweet sono pura letteratura. La necessità di sintesi affina lascrittura, e i risultati si vedonoG+: 7/10: non riesco a farmelo piacere, si vede eh?LinkedIn: 2/10Pinterest: 8/10 - quando voglio rilassarmi guardando qualcosa di bello, vado su Pinterest. 8. censuraFB: il confine fra moderazione e censura, per pagine e gruppi, passa attraverso la chiarezza (definire una policy e comunicarla) e capacità di gestione del confronto. In ogni caso,se qualcuno non ti fa dire una cosa a casa sua, vai a scriverla da qualche altra parte.Twitter: non esiste censura, semmai autocensura (a volte mi mordo la lingua) 9
  9. 9. Subvertising luglio/agosto 2012G+, LinkedIn, Pinterest: non vedo particolari problemi di censura9. autorevolezza del singolo profiloFB: tutto sommato FB, limitando il numero di amici, ha in qualche modo limitato la possibilità di distanziare drammaticamente le star dalle persone “comuni” (anche se adessosi può anche “seguire gli aggiornamenti” senza chiedere l’amicizia). Potersi fare un’idea di chi è, cosa fa, cosa pensa un altro, scorrendo la sua timeline, è una gran comodità,anche nel valutare quanto è autorevole rispetto a un certo argomento.Twitter: è il SN dove, più che in ogni altro, si accentuano le differenze fra gli utenti “top” - che sanno scrivere bene, hanno una forte specializzazione in un settore, e magarihanno avuto l’intelligenza di cominciare presto - e le “new entry”. Bisogna sempre ricordarsi che il Klout è una misura dell’online, offline è un’altra storia.G+: lo spazio dei guru, o dei wannabe-guru ;-)LinkedIn: l’autorevolezza te la guadagni sul campo, non su LinkedInPinterest: selezione meritocratica: se condividi immagini interessanti, molti ti “ripinneranno” e guadagnerai follower, altrimenti resterai a seguire gli altri e a coltivare le tue board 10. valore qualitativo del rapporto con gli altri utentiFB: ci si osserva reciprocamente, si scambiano opinioni, a volte polemiche, ci si tiene d’occhio, si saggia la compatibilità. FB è definitivamente una delle dimensioni della socialitàdi oggi.Twitter: in modo più sottile e intellettuale, è un luogo di condivisione e consolidamento relazioni. L’immediatezza e la velocità in questo aiutano. G+: più freddo e meno frequentato, ma questo - ribadisco - è il parere di una che non lo ama LinkedIn: non riesco a viverlo come un luogo di relazioni, forse è un limite mio Pinterest: poca relazione con i soggetti, di più coi contenuti che condividono. Lo trovo poco “relazionale” come spazio. Qual è il social network più importante/influente/costruttivo per il tuo lavoro e la tua attività di blogger? Il social network che amo di più è decisamente Twitter, che peraltro contribuisce in maniera importante alla mia visibilità ed è una delle fonti più importanti di traffico verso il mio sito. Twitter è sintetico, spesso ironico, diretto e veloce; i tweet sono come i Lego, ci puoi fare qualunque cosa, e io amo alternare il registro “professionale” a quello personale. Col tempo, ho apprezzato e apprezzo sempre più anche Facebook, che è anche quello che uso di più per le attività dei miei clienti. Mi piace l’evoluzione della sua interfac- cia, la sempre maggior valorizzazione delle immagini, l’articolazione delle relazioni. Se Twitter è basico, Facebook è vario e incasinato come le relazioni umane, e credo sia per questo che ha avuto tanto successo. 10
  10. 10. Subvertising luglio/agosto 2012 GIANLUCA DIEGOLI Dopo anni passati come marketing manager in azienda, ora è un consulente di marketing strategico su online ed e-commerce e scrive sul blog www.minimarketing.it dove dice di sé che “abusa di internet dal 1995, ma ammira quelli che la odiano”. Ha pubblicato l’ebook Minimarketing, 91 discutibili tesi per un marketing diverso e Vendere Online, scritto per il Sole 24 Ore. 1. usabilità Di sicuro Pinterest è quello con l’interfaccia più innovativa e probabilmente usabile, tant’è che viene progressivamente copiata da molti altri siti. Twitter ha il vantaggio che ognuno si sceglie il client che ritiene più usabile, e questo è un grande vantaggio. Io personalmente trovo poco usabile Linkedin, Mentre FB, che dire, lo usano 14 milioni di italiani ogni giorno, e hanno ragione loro, di default :) 2. facilità di viralizzazione dei contenuti Probabilmente Twitter e Facebook hanno una massa critica che li rende più adatti alla circolazione dei contenuti tra pari, passando per le reti amicali (FB) o per le reti di interessi (TW). Su Linkedin non ho mai visto nulla di virale (che non è detto sia un male :) G+ e Pinterest, per l’Italia, sono a uno stadio troppo arretrato di utilizzo per fare considerazioni in merito. 3. engagement Ovviamente Facebook È l’engagement, l’ha inventato lui in pratica. Gli altri network producono en- gagement più temporanei, legati a fatti, episodi, eventi. Su G+, almeno per l’Italia, dopo l’entusiasmo iniziale di alcuni brand non mi sembra di vedere risultati di rilievo.4. empowerment socialeNon so bene cosa significhi: se significa rendere le persone abili di trasferire informazioni, auto-organizzarsi, trasmettere velocemente la propria opinioneal di là degli steccati dei grafi sociali, di sicuro Twitter è lo strumento privilegiato. Anche se su Pinterest si sono formate comunità di pratica in cui l’ele-mento dell’auto-aiuto e della trasmissione della conoscenza e dell’organizzazione della propria vita in funzione di determinati valori è molto importante efondante delle relazioni stesse.5. efficacia in campagne advSu Linkedin non ho esperienza diretta. G+, Pinterest al momento non hanno pubblicità, come anche Twitter, in pratica, se non riservata a grandissimeaziende. Facebook può diventare uno strumento interessante per arrivare a particolari nicchie di persone, sia quanto a interessi, che a profilazione socio-demografica e geografica. 11
  11. 11. Subvertising luglio/agosto 20126. costruzione delle relazioniLe relazioni si costruiscono con qualsiasi strumento: purché que-sto contenga in sé un’utilità specifica per la community di cui sifa parte. Inutile mettere router su PInterest, o twittare promozio-ni e basta. Serve elargire qualcosa prima di raccogliere: e questolo puoi fare con qualsiasi strumento (anche se non è detto, anzi,che tu debba usarli tutti).7.entertainmentDi sicuro il multimedia, che spesso è strumento propedeutico,vive più su Facebook e su Pinterest, in parte su G+, meno suTwitter, ed è quasi nullo su Linkedin. Anche se leggendo discus-sioni su Linkedin rido molto. Ma forse la domanda non intende-va questo.8. censuraLa censura delle aziende o quella della piattaforma? Di sicuro perle aziende è più facile cancellare commenti sulla propria paginafan, che fermare la diffusione in rete di tweet scomodi. In questoTwitter è di sicurò più anarchico. Anche se poi a volte le aziendefanno finta di non sapere (o non sanno proprio) quello che suc-cede e che si dice nei profili privati di Facebook. Per fortuna, perloro e per gli utenti.9. autorevolezza del singolo profiloL’autorevolezza si conquista con i contenuti, con la content curation associata a una competenza specifica. Se non sei un VIP, meglio farsela con Twitter osu Pinterest (se i tuoi “punti di competenza” sono affini a quella piattaforma). Linkedin sarebbe un’ottima base di partenza per il B2B, ma spesso l’ignoran-za con cui viene usata trasforma gruppi potenzialmente interessati nella fiera dell’ autopromozione, che li svuota quasi in automatico in poco tempo.10. valore qualitativo del rapporto con gli altri utentiIl valore qualitativo non credo dipenda dalla piattaforma che si usa. Dipende da cosa intendiamo per qualità. Per me la qualità è avere un rapporto privi-legiato con persone che so sapranno “restituirmi” quello che ho donato loro, e viceversa. Per mia utilità, uso quasi solo Facebook e Twitter (ovviamente senon consideriamo il blog e l’email) e una volta FriendFeed. Ma ripeto, gli strumenti cambiano, i legami veri restano. Come nella vita prima della rete. 12
  12. 12. Subvertising luglio/agosto 2012 RUDY BANDIERA è un giornalista, professionista dell’IT e consulente web. Ha fondato una social media agency ed è molto attivo sul suo blog www.rudybandiera.com. 1. usabilità L’usabilità è il massimo su Pinterest: i comandi da utilizzare sono pochi e semplici oltre al fatto di essere intuitivo per via delle immagini. Poi abbiamo Facebook per via dell’abitudine, Goo- gle+ perchè semplice e ben fatto, Linkedin (poco conosciuto e non semplicissimo) e Twitter, che anche sembrando il più banale, è quello dalle dinamiche più complesse. 2. facilità di viralizzazione dei contenuti Sicuramente Twitter è quello che “converte” di più, ovvero quello che ha più click sui link. Solo che si deve sapere usare altrimenti è un macello. Poi Facebook per una questione numerica, Pinterest molto buono -in proporzione- ma ha numeri bassi, Google Plus e Linkedin. 3. engagement Penso che Facebook in questo caso sia il migliore: la massa enorme di utenti lo rende terribil- mente “ingaggiante” :) G+ secondo me ha ottime potenzialità, Twitter a sua volta (sempre se si usa come si deve) poi Pinterest e Linkedin.4. empowerment socialeQui il discorso si complica: diciamo che Twitter ha la maggiore potenzialità. Non essendo “di massa” ed essendo piuttosto complesso, ha un livello intrin-seco maggiore. Ma gli utenti sono molti meno che in Facebook, social nel quale però la qualità contenutistica tende a calare. Dall’altra parte abbiamo unLinkedin in Cui la qualità dei prodotti postati è spesso molto alta ma la socialità è bassa quindi anche l’empowerment. Pinterest ha un aspetto molto ludicoed immediato e non ho ancora visto esempio di empowerment sociale, e G+ continua ad essere un border line con straordinarie possibilità ma con limitidovuti al settore saturato da Facebook.5. efficacia in campagne advFacebook, per via del numero di utenti, non ha rivali. Anche se le persone che cliccano su banner e link in FB sono davvero poche.6. costruzione delle relazioniAnche qui molto dipende da quante persone usano una cosa: Facebook porta le relazioni in una parentesi contestualizzata e temporale. La gente scrive, glialtri rispondono poi tutti si legge tutto. Twitter, al contrario, svincola la comunicazione dalle lungaggini e tiene la stessa nell’ambito di poche battute flash.Dipende da chi si è e da con chi si vuole comunicare. Linkedin offre ottimi spunti di lavoro, e G+ è molto più potente di quanto si possa immaginare, gra-zie alle sue caratteristiche sociali. Pinterest è un po’ fuori dai giochi. 13
  13. 13. Subvertising luglio/agosto 2012 7.entertainment Diciamo che Pinterest ha potenzialità straordinarie, ma software come Instagram lo potrebbero relega- re in un angolo. Twitter rimane il più divertente secondo me, e Linkedin in meno divertente. 8. censura Non esiste un luogo dove non possa essere associata la censura. Facebook tende a mantenere i propri contenuti “puliti” secondo dei canoniassurdi che solo lui conosce. Twitter è certamente molto più aperto, così come Pinterest e, paradossalmente, Linkedin. G+ ha avuto alcuni problemi in talsenso.. speriamo non ci ricaschi.9. autorevolezza del singolo profiloFacebook per via della popolazione media e Twitter per chi vive laRete. G+ sta crescendo ma non è ancora arrivato ad impensierire e glialtri sono molto meno influenti. Non è un caso che il Klout si misuri ingran parte su Facebook e Twitter.10. valore qualitativo del rapporto con gli altriutentiQua dipende solo da un fattore ovvero da come noi ci comportiamocon gli utenti, cioè con gli altri. Esattamente come nella vita vera.Qual è il social network più importante/influente/costruttivo per iltuo lavoro e la tua attività di blogger?In conclusione: il social perfetto non esiste. Una sola cosa porta visitead un sito e un certo grado di popolarità, ovvero l’uso di tutti i social,sinergicamente e in maniera differenziata. Non posso scrivere su Twit-ter quello che scrivo su Facebook e viceversa, così non ha senso postarele foto di Piterest su Instagram ma semmai il contrario. Quando vichiedete “cosa è meglio?” vi dovete rispondere sempre con “la cosa piùfaticosa”. 14
  14. 14. Subvertising luglio/agosto 2012 GIANLUCA FIORELLI Consulente SEO giramondo, su www.gianlucafiorelli.com, ovvero The random blog, scrive pensieri multilingue su tutto e su tutti. Per lui, da alcuni anni a questa parte, Social Media e SEO hanno profonde sinergie e, pur mantenen- do le loro specificità, l’uno non può pensare di fare a meno dell’altro per ottenere il massimo risultato possibile. 1. Usabilità In Twitter è eccellente infatti è il social che uso di più. Poi, per un uso professionale esistono tools (Hootsuite, Twe- etdeck, SocialBro e Buffer). Di FB non sopporto il suo essere racchiuso in se stesso ma amo la facilità con cui per- mette di mantenere relazioni con persone e brand. G+ non credo possa essere considerarlo solo un SN. È un sistema di profilazione, uno framework in cui utilizzare tutti i prodotti di Google. Linkedin presenta le maggiori pecche a livello di usabilità. Pinterest è tra i Social più semplici da utilizzare. Intuitivo, facile e alla portata di tutti. Questa sicu- ramente una delle chiavi del suo successo. 2. Facilità di viralizzazione dei contenuti Su Twitter è piuttosto semplice viralizzare dei contenuti soprattutto se si rispettano buone pratiche. La viralità non è correlata tanto al numero dei followers che il profilo ha, ma alla somma dei followers che i tuoi followers hanno.E’ più complesso virilizzare un contenuto su FB, anche perché la gente tende a fermarsi al Like e a non compiere un’azione di Share. Poi, è talmente alto ilrumore bianco in Facebook che il rischio che un contenuto passi inosservato è alto. G+ è particolarmente efficace per rendere un contenuto virale grazie alla possibilità di creare Circoli. Inoltre, G+ ha qualcosa che nessun altro SN possie-de a livello di analitica: i Ripples, grazie ai quali scoprire come un contenuto si è diffuso all’interno di G+, vedere le connessioni tra i profili che lo hannocondiviso il nostro share e scoprire nuovi influencer. In Linkedln non è enorme ma la percentuale di ROI molto alta.Su Pinterest è meno semplice di quello che si crede. I siti che vogliono che i loro contenuti visuali divengano virali, devono dimenticarsi di immagini ascarsa risoluzione o di servirsi di immagini di stock.3. EngagementTwitter è ideale per l’engagement. La natura “real time”, la facilità che si ha nel rispondere in ogni momento e in ogni luogo sono la chiave. Se su FB i fan siingaggiano in modo creativo, il livello di engagement può essere molto alto. Altrimenti no e la tua pagina sarà una specie di zombie confusa tra una granmarea di zombies. In Italia G+ non è molto utilizzato ma in altri mercati e nicchie è possibile vedere come permetta un livello molto alto di engagement,grazie soprattutto a qualcosa che nessun altro ha: gli Hangouts e gli Eventi. Su Linkedin può essere alto, soprattutto se si fa un’integrazione di altri mediaall’interno. Su Pinterest è buono ma di scarsa durata.4. Empowerment socialeIl lo chiamo “diventare un thoughtful leader” nella tua nicchia di mercato. Twitter è fantastico, sopratutto se ti mostri disponibile a rispondere e ad aiutarei tuoi follower. Engagement e empowerment sociale sono sinonimi in FB. Difficile valutare ora quello di G+, penso si debba aspettare ancora un po’, fino 15
  15. 15. Subvertising luglio/agosto 2012a quando la “plussificazione” di Google potrà considerarsi completa con l’integrazione di molti prodotti che sono ancora fuori dall’orbita di G+. Data lanatura professionale di Linkedin, un’attività costante, di qualità ed efficace può permettere di creare un profilo che possa aiutare a raggiungere l’obiettivo diessere il thoughtful leader nella nostra nicchia di mercato. Pinterest produce un empowerment minore rispetto agli altri SN.5. Efficacia in campagne advPer me Twitter non ha ancora trovato la formula ideale. Io non ne faccio un grande uso, perché preferisco suggerire e istruire i miei clienti a come esserepresenti, attivi e, quindi, avere un ritorno simile a quello che darebbe un promoted tweet, grazie all’uso di hashtag e/o al following e. Se ben pianificata,una campagna di advertisement su FB può essere d’enorme aiuto. Aprrezzo le sponsored stories e le utilizzo soprattutto nel fine settimana, quando la genteha più tempo a disposizione. Su G+ non è presente pubblicità e le marche devono fare leva sull’efficacia delle loro azioni Sociali e di Content per ottenerevisibilità. Ma Google è anche sinonimo di Adwords e Doubleclick, quindi in futuro G+ potrebbe intergrarli. Pinterest non ha ancora un sistema di advert-sing ma in futuro immagino che questo si baserà su pubblicità contestuale alle ricerche effettuate all’interno.6. Costruzione delle relazioniTwitter è ottimo per creare delle relazioni. Una volta lessi un tweet in cui si diceva che Facebook è come uno stand in una fiera,What’s App il salotto di casa e Twitter, invece, un bar. Entri, bevi una birra con gli amici, discuti, conosci nuove persone grazie aituoi amici e crei nuovi legami. Informalità e rispetto. In FB questo aspetto è buono, ma più complesso che suTwitter.G+ permette di creare dialoghi molto più ricchi e creare relazioni meno superficiali e più durature.Linkedin è ottimo, soprattutto se si considera come una estensione online del networking tipico dei congressi e delle fiere.Se su Pinterest si riesce a fare Image Content Curation di valore, allora sì che è possibile costruirsi una rete di “amici” fedeli.7. EntertainmentSu Twitter dipende dai followers che uno ha e dalla nicchia in cui opera. A livello intellettuale, è probabilmente il SN più divertente, soprattutto grazie aglihashtag.La natura di FB e la sua integrazione con apps di ogni tipo e la facilità stessa di crearne nuove e specifiche, rende il fattore entertainment uno dei fattorichiave del suo successo.Il fatto che G+ abbia riportato in auge qualcosa di archeologico come le Gif animate la dice lunga sulle capacità variegate di intrattenimento che offre. Glihangouts, privati o pubblici, e gli eventi sono altri elementi che fanno di G+ un luogo in cui intrattenersi. Inoltre è presente Zynga con i suoi odiosi giochini.Linkedin è solo di tipo intellettuale, sarebbe piuttosto imbarazzante vedere giochini e intrattenimento leggeri. Su Pinterest è enorme…Pinterest è additivo.8. CensuraEventi passati (la primavera araba per esempio) ma anche la maggior trasparenza di Twitter stesso, mi fanno pensare che la censura, per lo meno quella dinatura politica, non sia così presente. Credo che siano gli utenti stessi che tendono ad auto censurarsi. Credo che FB stia migliorando, ma ha ancora amplimargini di miglioramento, non solo sulla censura ma anche sulla privacy. Tra i valori di G+ c’è quello di non censurare mai, se non quegli argomenti chesono contro i suoi stessi core values. 16
  16. 16. Subvertising luglio/agosto 2012 9. Autorevolezza del singolo profilo Un profilo Twitter ben mantenuto, attualizzato e rafforzato da una costante attività di qualità è un ottimo elemento di branding anche personale. Anche per FB tutto dipende dall’uso più o meno intelligente che se ne fa. A livello di personal branding, ritengo sia molto più potente ed efficace un buon profilo Twitter che un equivalente in Facebook. Come SEO considero il profilo G+ più autorevole di tutti. Il motivo è semplice: il profilo G+ condiziona e condizionerà sempre più anche il Search. Ciò si deve a un grafo che probabilmente non è ancora del tutto noto al di fuori del mondo SEO: l’author rank. L’author rank è quella metrica che si basa sull’au- torevolezza di un autore di un contenuto, autore che è tale perché così ha dichiarato a Google di essere utilizzando un’etichetta speciale (rel=”author”) collegata al suo profilo G+. Quando, per esempio, s’incontrano snippet con la foto di una persona nei risultati di ricerca, quella foto è conseguenza dell’uso del rel=”author” e della sua connessione col profilo Google. Ebbene, se Google individua che un profilo è collegato a siti che ritiene trusted seed, se il profilo è “encircled” da un alto numero di profili (tra cui altri profili influenti), allora ottenere menzioni, links dai siti di quel profilo o addirittura avere la persona di quel profilo creando contenuto per il tuo sito, sarà un vantaggio competitivo sia a livello Social ma, e soprattutto, a livello Search. L’autorevolezza è alta su Linkedin. Per l’autorevolezza di Pinterest mi rifaccio alla risposta sull’empowerment sociale e a quella sulle costruzioni delle relazioni. 10. Valore qualitativo del rapporto con gli altri utenti  Se ben utilizzato, ovvero se non si usa Twitter come semplice spammoso ventilatore di messaggi lanciati in altri networks, allora la qualità dei rapporti con altri utenti può essere davvero grande Per Facebook vale lo stesso discorso fatto per l’autorevolezza del singolo profilo del social. In G+ è possibile creare rapporti di qualità eccelsa e la qualità è alta anche su Linkedin. Su Pinterest la qualità dei rapporti instaurabile è piuttosto buona e se i contenuti delle immagini sono di valore, si riesce a instaurare una rete di fedeli.VOTI GENERALI 17
  17. 17. Subvertising luglio/agosto 2012DIMMI CHEMARKETING FAIE TI DIRò CHI SEIIntervista doppia a due manager sulla fiducia nei (tanti)mezzi di comunicazione, convenzionale e nondi Stefania Bolesowww.stefaniaboleso.comCONTENT TAGSguerrilla marketing, transmedia storytelling, reebok, adidas, alegra o’hare, simona colombo, vitec,manfrotto, pubblicità, comunicazione, advertising, intervista doppia 18
  18. 18. Subvertising luglio/agosto 2012C hi lavora nello stesso settore da molto tempo, e magari è anche appassionato di ciò che fa, rischia di avere una percezione distorta della realtà. Si è portati a pensare che tutti conoscano (e magari apprezzino) ciò che apprezziamo noi, mentre magari non è così. Per questo motivo noi di Subvertising, da sempre appassionati di marketing non convenzionale e più recentemente di transmedia storytelling, abbiamo voluto capirequanto questi strumenti siano conosciuti e utilizzati dalle aziende italiane. Abbiamo chiesto qua e là a vari responsabili marketing e comunicazione; qualcuno ci ha risposto, altri no.Ciò che abbiamo capito è che non sempre sono le aziende più grandi o famose quelle più allavanguardia. Anzi, come spesso succede quando si parla di innovazione, sono le realtàpiù piccole o comunque non "mainstream" le più inclini a voler sperimentare.Ecco a voi unintervista doppia a Alegra OHare, brand director di Reebok (Adidas Group) e Simona Colombo, Divisional Marketing Communications Director di Vitec Group. Cos’è per Reebok il guerrilla marketing Cos’è per Manfrotto il guerrilla e cosa ha rappresentato (e rappresen- marketing e cosa ha rappresen- ta) nelle vostre strategie di marketing? tato (e rappresenta) nelle vostre Secondo me il guerrilla marketing è un po’ passa- strategie di marketing? to di moda, soprattutto quando si pensa ad azioni In una recente conversazione piuttosto “fini a se stesse” e con grande dispendio di risor- sbilenca, qualcuno mi ha chiesto se mi se. Credo che abbia a che fare con il momento interessasse il gorilla marketing. Sono ri- di austerità nel quale stiamo vivendo, legato ad masta un po’ così, ed ho risposto di si, un interesse sempre maggiore per tutto ciò che è certo che si, che diamine! In fondo, tra biologico e “green”. Le azioni di marketing adesso gorilla e guerrilla, che differenza c’è? vanno orientate al valore aggiunto che il brand può portare all’acquirente per guadagnarne la fiducia ed Qual è la vostra presenza so- il rispetto. Integrare questi valori nelle attività di cial? Qual è la piattaforma che guerrilla è una tra le nuove frontiere della comu- utilizzate di più e perché? Quale nicazione. invece vi ha deluso? Mi piace pensare all’universo social,Qual è la vostra presenza social? Qual è la piattaforma che utilizzate di come ad un dedalo sotterraneo ed anche leggermente anarchico, di immaginipiù e perché? Quale invece vi ha deluso? e di suoni. Dal nostro sito manfrotto.com partono tunnel di contenuti versoSiamo presenti su tutte le piattaforme di social marketing, Facebook è quella maggiormen- facebook, twitter, vimeo, you-tube, vimeo.te utilizzata ma anche Twitter attraverso i nostri brand ambassadors (Elisabetta Canalis, Abbiamo due macro-contenitori, quello professionale, della manfrotto school ofMaurizio Felugo, Planet Funk). excellence e quello interamente dedicato all’immaginazione, che si rivolge a tutti, a tutti quelli che sanno immaginare. 19
  19. 19. Subvertising luglio/agosto 2012Transmedia storytelling: lo conosci? Lo utilizzate? Pensate di utilizzarlo Tutti, belli e brutti. www.manfrottoimaginemore.comin futuro? Quali sono a tuo avviso i potenziale e i limiti dello strumento? Lasciamo che siano loro a parlare, inNe ho sentito parlare ma non lo conosco bene, mi documenterò! un susseguirsi di storie e di incontri da approfondire, i più timidi leggono e ri-E il cosidetto marketing partono, altri si soffermano ed entranotradizionale che ruolo nelle conversazioni.ricopre in tutto ciò? C’èancora spazio per la È un progetto nuovo, appena aperto ecosiddetta “comunica- in fase di costruzione. Vediamo comezione classica”, oppu- va.re nel medio periodo èdestinata ad esaurirsi Delusioni? Uhm. Forse un concorso sue quindi scomparire? twitter di qualche tempo fa.La radio esiste ancora, pur in Eravamo all’inizio e ci siamo lasciatiquesto contesto di evoluzio- prendere alla sprovvista. Comunque, hanno partecipato in quasi un milione inne digitale, perché rimane la poche settimane e con fotografie di una bellezza inaudita. Lo rifaremo.necessità e la voglia di rima-nere “collegati” tra di noi . La Transmedia storytelling: lo conosci? Lo utilizzate? Pensate dicomunicazione “classica” rim- utilizzarlo in futuro? Quali sono a tuo avviso i potenziale e i limitimarrà fino a quando il mezzo, dello strumento? È li che guardiamo, e che facciamo, con curiosità e con interesse. La potenza dei diversi e perché no, divergenti linguaggi del transmedia è ciò che che da valore aggiunto fa per noi. Non solo foto, o video, o timelapse ma un dinamico andare e venire alle persone, non cessarà di azioni, suoni, billboards e testo. di esistere. Mentre l’utilizzo della ra- Andiamo verso l’in- dio è unilaterale, la venzione del conte- televisione ormai è nuto. Che significa? affiancata da altri Ancora non lo sappia- mezzi che ne “distol- mo ma eccoci con un gono” l’attenzione, progetto di narrazio- ipad/smartphones/ ne sulla videografia. etc…, rendendo la Una storia in 20 pun- p ro g r a m m a z i o n e tatine. Una settimana pubblicitaria meno dopo l’altra raccontia- 20
  20. 20. Subvertising luglio/agosto 2012efficace di prima. mo e suggeriamo come diventare un vero videografo. Dai, anche tu ce la puoiRitengo che la centralità del prodotto, e nuovamente del valore aggiunto del brand, catturi fare. www.manfrottoschoolofxcellence.coml’attenzione più di uno spot ben girato da qualche regista pluripremiato come si faceva Noi siamo partiti con una domanda. ? Il punto interrogativo, che ti invita a par-spesso negli anni ‘90 e 2000. Prevedo che gli esseri umani arriveranno ad una saturazione lare con noi, a dirci che cosa ne pensi, ad essere coinvolto. La rule of engagement.fisica delle tecnologie, e consapevolmente, cercheranno di ridurne l’interazione, e conse- Perché hai comprato la tua videocamera, why, why, why?guentemente la pubblicità sulle stesse. Why did you buy a videocamera?Lo vediamo già con alcuni trend nel fitness, come CrossFit, dove non esiste nulla a parte testesso, gli attrezzi e le persone che ti circondano. E’ la nuova necessità; tornare alle origini E il cosiddetto marketing tradizionale che ruolo ricopre in tut-come esseri umani, come per esempio seguire diete “paleo” che ci riportano ad un rapporto to ciò? C’è ancora spazio per la cosiddetta “comunicazionereale con la natura come esseri umani o la frequentazione delle spa e degli hamman che classica”, oppure nel medio periodo è destinata ad esaurirsi estanno aprendo ovunque. quindi scomparire? Una buona percentuale della cara ma molto vecchia comunicazione classica, ri-Ovviamente in questo contesto, l’unica comunicazione ancora più efficace è quella “classi- mane e permette a Manfrotto di usare un metodo stabilito, quello delle pagineca”, e cioè “ il word of mouth “ (la fiducia nel prossimo e nei suoi consigli) che è la miglior da sfogliare. Accade sulle riviste di settore, spesso veri e propri totem di messaggiforma di pubblicità che possa esistere, ora accelerata dai social media. L’essere umano tecnici e di prodotto.come mezzo principale di comunicazione per un brand. In ogni campagna stampa, però, rimandiamo ed invitiamo il lettore a venirci a trovare sui nostri siti, soprattutto sulla manfrottoschoolofexcellence.com e sulle sue pagine facebook e twitter. Siamo anche su flickr e su Vimeo, e ci piace lasciare spazio a chi ci segue, dedicando ai nostri followers contenuti aggiornati e capaci di aprire le porte del marchio ad un colloquio con gli altri. È questo che ci piace nella comunicazione di oggi: stampa, internet, video, ipertesto. Di medium, tut- to un po’, ma con qualità. 21
  21. 21. photo: jessica wilson {jek in the box}

×