Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Linee guida web PA: qualità dei siti web della pubblica amministrazione

on

  • 1,447 views

Previste dalla Direttiva 8/2009 e rivolte a tutte le amministrazioni pubbliche, le Linee guida intendono avviare un processo verso il "miglioramento continuo" della qualità dei siti web pubblici.

Previste dalla Direttiva 8/2009 e rivolte a tutte le amministrazioni pubbliche, le Linee guida intendono avviare un processo verso il "miglioramento continuo" della qualità dei siti web pubblici.

Statistics

Views

Total Views
1,447
Views on SlideShare
1,447
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
29
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-ShareAlike LicenseCC Attribution-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Linee guida web PA: qualità dei siti web della pubblica amministrazione Linee guida web PA: qualità dei siti web della pubblica amministrazione Presentation Transcript

  • Linee Guida per i siti web della PA Criteri di indirizzo e strumenti per garantire la qualità dei siti web della pubblica amministrazione (Capitolo 4, paragrafi 5 – 6 – 7)
  • Argomenti
    • Accesso ai servizi on line (4.5)
    • Policy (4.6)
    • Note legali (4.6)
    • Privacy (4.6)
    • Dati per il monitoraggio (4.7)
  • Accesso ai servizi on line Le modalità di accesso ai servizi on line che richiedono autenticazione sono regolate dall'art. 64 del "Codice dell'amministrazione digitale" (CAD), che prevede la carta d'identità elettronica e la carta nazionale dei servizi quali strumenti per l'accesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni. Riferimenti normativi “ Abbiamo posto fine alla sperimentazione della carta d’identità elettronica e che andava avanti da 10 anni e che ha comportato una spesa di 300 milioni di euro. Apriamo un capitolo nuovo e cioè l’introduzione della carta d’identità come documento di sicurezza per tutti a costo zero a partire da quando si è neonati. Attraverso la registrazione delle impronte digitali nei Comuni speriamo di arrivare anche prima della fine della legislatura all’utilizzo completo di questo nuovo strumento. Il nostro obiettivo resta quello di poter utilizzare questo documento per il voto elettronico“. Roberto Maroni, Ministro dell’interno (5 nov 2010)
  • Accesso ai servizi on line Le pubbliche amministrazioni possono tuttavia consentire l'accesso ai servizi in rete con  strumenti diversi , purché siano in grado di consentire l'accertamento dell'identità del soggetto che richiede l'accesso. L'accesso con carta d'identità elettronica sarà obbligatorio per accedere ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni a partire dal 1º gennaio 2011 (dec. Milleproroghe) Riferimenti normativi
  • Accesso ai servizi on line Per consentire l’accesso ai servizi on line (art. 64 comma 2 del CAD) le PA possono ricorrere all’ userID , purché :
    • sia distribuita accertando l'identità del soggetto che la riceve;
    • sia internamente associata anche al codice fiscale del soggetto che la riceve (misura tecnica atta a favorire al  collegamento tra certificato di autenticazione ed userid);
    • sia accompagnata da una password di attivazione che il soggetto deve modificare al suo primo accesso;
    • sia gestita in modo da tutelare il soggetto ed il sistema da eventuali tentativi di utilizzo fraudolento
  • Accesso ai servizi on line Per consentire l’accesso ai servizi on line (art. 64 comma 2 del CAD) le PA possono ricorrere all’ userID , purché :
    • rispetto delle misure di sicurezza indicate in proposito dal Garante per la Protezione dei dati personali.
    • si tenga traccia delle operazioni svolte da ciascun utente, in modo da abilitare funzionalità di auditing .
    • si tenga traccia di tutte le operazioni , sia quelle andate a buon fine che quelle annullate
  • Policy La consultazione della policy deve essere costantemente disponibile all'interno del piè di pagina (footer) del sito. È opportuno distinguere i due tipi di contenuti: Nella sezione "Privacy" o “Protezione dei dati personali” devono essere descritte le modalità di gestione del sito in riferimento a:
    • Copyright ;
    • responsabilità derivanti dall'utilizzo del sito;
    • responsabilità sui contenuti di siti esterni collegati;
    • regole per l'utilizzo dei materiali scaricabili dal sito.
    Privacy Note legali Nelle "Note legali" o “Copyright “ devono essere fornite informazioni almeno in relazione ai seguenti argomenti:
    • Dati di navigazione.
    • Dati forniti volontariamente dall'utente.
  • Policy
      • gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito
      • gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste,
      • l'orario della richiesta,
      • il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server ,
      • la dimensione del file ottenuto in risposta,
      • il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.)
      • ed altri parametri relativi al sistema operativo ed all' ambiente informatico del PC
    Privacy Tali dati devono essere utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime e vanno cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. Dati di navigazione. Cioè informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano:
  • Policy Trattamento dei dati forniti volontariamente dall'utente: Molti servizi web prevedono l'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati sul sito che comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi (disclaimer) debbono essere visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta. Deve essere inoltre indicato il trattamento di dati sensibili o giudiziari eventualmente forniti dall'utente nel corpo della mail. Privacy
  • Policy Diritti degli interessati: I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto, in qualunque momento, di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettifica ai sensi dell'art. 7 del Decreto legislativo 2003 n. 196. Ai sensi del medesimo articolo, l'utente  ha il diritto : Privacy
    • di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
    • di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
  • Policy Esempio: governo.it
  • Dati per il monitoraggio Ogni Amministrazione deve organizzare adeguatamente la rilevazione di dati statistici utili a comprendere il livello di utilizzo del proprio sito, i contenuti più graditi, quelli più ricercati all'interno del sito, quelli maggiormente intercettati dai motori di ricerca esterni. Un monitoraggio costante di tale tipologia di dati è alla base del processo di continuo miglioramento che deve essere attivo su ogni sito istituzionale per fidelizzare l'utenza e accrescerla nel tempo. Perché i monitorare gli accessi ai siti pubblici?
  • Dati per il monitoraggio
    • visitatori unici: rappresentano il numero di visitatori non duplicati - calcolati una sola volta - di un sito web durante uno specifico periodo di tempo è indice del livello di diffusione del sito;
    • sessioni utente: rappresentano il periodo di interazione tra il browser di un visitatore e il sito che termina dopo uno specifico periodo di tempo di inattività dell'utente su tale sito; è indice del livello di utilizzo di un sito;
    • pagine viste: rappresentano il numero di volte in cui una pagina - cioè un'unità analiticamente definibile di contenuti richiesti da un visitatore - è stata visualizzata; è indice del livello di interesse ai contenuti del sito.
    Quali dati raccogliere? Il set minimo di dati di cui si richiede la misura è il seguente:
  • Dati per il monitoraggio Esempio: Google Analytics È una dashboard personalizzabile che sintetizza le principali informazione sull’utilizzo del sito da parte degli utenti
  • Dati per il monitoraggio Ogni Amministrazione deve rendere disponibili mensilmente i citati dati, pubblicati ove possibile nella sezione www.nomesito.gov.it/datimonitoraggio o alternativamente in un'apposita pagina web direttamente accessibile dalla homepage, per le azioni di monitoraggio, di cui all'art. 3 della Direttiva n. 8/2009, curate da DigitPA. Per i siti già in esercizio, tali dati, riferiti all'ultimo anno , devono essere forniti al momento dell'iscrizione del sito al dominio .gov.it. Pubblicazione e comunicazione dei dati ?