De.Mo.
Design Motivazionale
Ma in sintesi,
cosa sono i social network?


Sono una rete di persone.
Rete: sistemi complessi.
Persone: dinamiche
psicolo...
Bisogna pensare in modo diverso
ai social network.


La tecnologia abilita ma poi
le dinamiche si giocano
nelle interfacce...
Perché c’è bisogno di
Design Motivazionale?


Perché se consideriamo i
fattori sistemici come vincoli
ed opportunità le
mo...
I quattro pilastri di
Design Motivazionale:


1. Bisogni Funzionali
2. Usabilità Sociale
3. Motivazioni Relazionali
4. Flu...
1.
Non basta aprire un canale
per far partecipare le persone.



                             flickr • 11164872@N04
I Bisogni Funzionali:


Bisogni e necessità della
persona e/o del gruppo che
sono soddisfatti
dall’applicativo in modo
esp...
La Motivazione:


Fattore dinamico del
comportamento animale e
umano che attiva e dirige
verso una meta.
Le Motivazioni Relazionali:


1. Competizione
2. Eccellenza
3. Curiosità
4. Appartenenza
Le Motivazioni Relazionali:
la competizione.


Bisogno di imporre sé stessi
e/o le proprie convinzioni;
Gusto per la sfida;...
Example
Digg: rimuove le classifiche
Digg ha dovuto rimuovere la
pagina dei Top Diggers.
Il motivo? I Top Diggers
erano acc...
Le Motivazioni Relazionali:
l’eccellenza.

Bisogno di conferma della
propria capacità ed
eccellenza;
Bisogno di approvazio...
Example
Digg: il sistema di voto

Il sistema di voto di Digg è
molto semplice e rapido: un
singolo click e si ha deciso
se...
Le Motivazioni Relazionali:
la curiosità.


Bisogno di conoscenza e
controllo;
Istinto esplorativo.




           Sistema...
Example
FFFFOUND! incuriosisce

Il sito FFFFOUND! è un
servizio che è centrato sulla
stimolazione continua
della creativit...
Le Motivazioni Relazionali:
l’appartenenza.

Bisogno di condivisione e di
far parte di una collettività o
relazione che ra...
Example
LinkedIn: implicito ed esplicito
Su LinkedIn gruppi e
raccomandazioni sono usati
per rafforzare lo status.
I grupp...
11.
Il social è sopravvalutato.




                              flickr • luc
L’Usabilità Sociale.

Un attributo qualitativo che
definisce quanto facile sia
realizzare interazioni sociali.
Si riferisce...
Le proprietà dell’Usabilità Sociale:
le relazioni interpersonali.

Quanto facile è trovare altre
persone e connettersi ad
...
Example
FriendFeed: scoprire contatti

FriendFeed utilizza un
metodo molto interessante
per permettere di scoprire
nuovi c...
Le proprietà dell’Usabilità Sociale:
l’identità.
Quanto è ricca
l’espressione dell’identità
del singolo?
Quanto vengono es...
Example
Facebook: i profili
Ad oggi è praticamente
impossibile pensare ad un
profilo più completo di
quello di Facebook.
L’i...
Le proprietà dell’Usabilità Sociale:
la comunicazione.
Quanto velocemente un
messaggio è in grado di
passare da persona a
...
Example
Skype: con chi vuoi, puoi
Skype è uno degli oggetti
che permette molte varietà
di comunicazione (singole, a
gruppi...
Le proprietà dell’Usabilità Sociale:
l’emergenza dei gruppi.
Quanto è facile creare
gruppi, aggregarsi e trovarsi
intorno ...
Example
IRC: basta un doppio click

Riesumo un vecchio amico:
IRC è eccezionale per la
creazione rapida di nuovi
gruppi: l...
Il Flusso di Attività Circadiano.
È la sequenza di piccole e
grandi azioni svolte nel
tempo approssimativo di
una giornata...
Example
Twitter: sempre, ovunque con te

Twitter è un leader
nell’inserimento nel flusso,
grazie a una grande varietà
di sc...
111.
Dubbi? Domande?
  Commenti?



                  flickr • jay_que
Gianandrea Giacoma
ibridazioni.com
gianandrea.giacoma@gmail.com




Davide Casali
intenseminimalism.com
folletto@gmail.com...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

De.Mo. - Better Software 2009

1,032

Published on

1 Comment
3 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
1,032
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
1
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

De.Mo. - Better Software 2009

  1. 1. De.Mo. Design Motivazionale
  2. 2. Ma in sintesi, cosa sono i social network? Sono una rete di persone. Rete: sistemi complessi. Persone: dinamiche psicologiche e sociali.
  3. 3. Bisogna pensare in modo diverso ai social network. La tecnologia abilita ma poi le dinamiche si giocano nelle interfacce intese come artefatti non solo cognitivi ma sociali.
  4. 4. Perché c’è bisogno di Design Motivazionale? Perché se consideriamo i fattori sistemici come vincoli ed opportunità le motivazioni sono ciò che alimenta i social network.
  5. 5. I quattro pilastri di Design Motivazionale: 1. Bisogni Funzionali 2. Usabilità Sociale 3. Motivazioni Relazionali 4. Flusso
  6. 6. 1.
  7. 7. Non basta aprire un canale per far partecipare le persone. flickr • 11164872@N04
  8. 8. I Bisogni Funzionali: Bisogni e necessità della persona e/o del gruppo che sono soddisfatti dall’applicativo in modo esplicito.
  9. 9. La Motivazione: Fattore dinamico del comportamento animale e umano che attiva e dirige verso una meta.
  10. 10. Le Motivazioni Relazionali: 1. Competizione 2. Eccellenza 3. Curiosità 4. Appartenenza
  11. 11. Le Motivazioni Relazionali: la competizione. Bisogno di imporre sé stessi e/o le proprie convinzioni; Gusto per la sfida; Accumulo di aggressività. Sistema Rabbia - Aggressività
  12. 12. Example Digg: rimuove le classifiche Digg ha dovuto rimuovere la pagina dei Top Diggers. Il motivo? I Top Diggers erano accusati di manipolare i risultati. Questo, almeno ufficialmente, non è dovuto a competizione interna ma esterna: stava creandosi una netta separazione fra “top” e “non top” e , accuse fra i gruppi. http://blog.digg.com/?p=60
  13. 13. Le Motivazioni Relazionali: l’eccellenza. Bisogno di conferma della propria capacità ed eccellenza; Bisogno di approvazione e autostima. Narcisismo - Sé
  14. 14. Example Digg: il sistema di voto Il sistema di voto di Digg è molto semplice e rapido: un singolo click e si ha deciso se il contenuto è interessante. Nota: per quanto il sistema sembri solo a voto positivo, in realtà è solo quello valorizzato meglio e quindi prioritario: si possono però “seppellire” storie non interessanti.
  15. 15. Le Motivazioni Relazionali: la curiosità. Bisogno di conoscenza e controllo; Istinto esplorativo. Sistema Ricerca - Gioco
  16. 16. Example FFFFOUND! incuriosisce Il sito FFFFOUND! è un servizio che è centrato sulla stimolazione continua della creatività visuale, associando immagini e persone fra di loro, per trovare affinità e idee.
  17. 17. Le Motivazioni Relazionali: l’appartenenza. Bisogno di condivisione e di far parte di una collettività o relazione che rafforzi il proprio agire e pensare individuale, che funge anche da rifugio in cui proteggersi. Sistema Attaccamento - Cura
  18. 18. Example LinkedIn: implicito ed esplicito Su LinkedIn gruppi e raccomandazioni sono usati per rafforzare lo status. I gruppi servono principalmente per avere una ‘etichetta sociale’. Le raccomandazioni creano un gioco di riconoscimento reciproco.
  19. 19. 11.
  20. 20. Il social è sopravvalutato. flickr • luc
  21. 21. L’Usabilità Sociale. Un attributo qualitativo che definisce quanto facile sia realizzare interazioni sociali. Si riferisce anche ai metodi per migliorare la facilità di interazione uomo-uomo durante il processo di design.
  22. 22. Le proprietà dell’Usabilità Sociale: le relazioni interpersonali. Quanto facile è trovare altre persone e connettersi ad esse (amici, conoscenti, ...)? Quanto è facile mantenere queste connessioni attive? Quanto vengono valorizzate le connessioni attive?
  23. 23. Example FriendFeed: scoprire contatti FriendFeed utilizza un metodo molto interessante per permettere di scoprire nuovi contatti: rende visibili anche i contenuti di persone che non si seguono, a patto che un amico abbia lasciato un commento.
  24. 24. Le proprietà dell’Usabilità Sociale: l’identità. Quanto è ricca l’espressione dell’identità del singolo? Quanto vengono espressi i suoi interessi e le sue passioni? Quanto sono connotati i suoi tratti caratteristici?
  25. 25. Example Facebook: i profili Ad oggi è praticamente impossibile pensare ad un profilo più completo di quello di Facebook. L’identità dell’utente è qui espressa in molti modi. Curiosamente, l’unico non contemplato è quello della personalizzazione estetica della pagina.
  26. 26. Le proprietà dell’Usabilità Sociale: la comunicazione. Quanto velocemente un messaggio è in grado di passare da persona a persona? Quanti messaggi si possono gestire? Quanto è facile gestire una conversazioni (1 a 1, 1 a molti)?
  27. 27. Example Skype: con chi vuoi, puoi Skype è uno degli oggetti che permette molte varietà di comunicazione (singole, a gruppi, canali pubblici), il tutto a portata di drag-n- drop. Questo sia sul testo che sulla voce (e anche per scambio file).
  28. 28. Le proprietà dell’Usabilità Sociale: l’emergenza dei gruppi. Quanto è facile creare gruppi, aggregarsi e trovarsi intorno ad un interesse comune? Quanto sono vivi i gruppi una volta stabiliti? Quanto sono longevi? Quanto conta essere parte di un gruppo?
  29. 29. Example IRC: basta un doppio click Riesumo un vecchio amico: IRC è eccezionale per la creazione rapida di nuovi gruppi: lo spirito di appartenenza al loro interno è sempre stato fortissimo. Un nuovo gruppo era distante un paio di click.
  30. 30. Il Flusso di Attività Circadiano. È la sequenza di piccole e grandi azioni svolte nel tempo approssimativo di una giornata, ordinate secondo alcune gerarchie di valori coesistenti e in competizione all’interno della persona: importanza, interesse, dovere, facilità, morale, etc.
  31. 31. Example Twitter: sempre, ovunque con te Twitter è un leader nell’inserimento nel flusso, grazie a una grande varietà di scelta: web, e-mail, instant messaging, sms. Dove Twitter non arriva, arrivano le applicazioni che usano le sue API.
  32. 32. 111.
  33. 33. Dubbi? Domande? Commenti? flickr • jay_que
  34. 34. Gianandrea Giacoma ibridazioni.com gianandrea.giacoma@gmail.com Davide Casali intenseminimalism.com folletto@gmail.com Better Software Firenze, 6 e 7 maggio 2009 bettersoftware.it flickr • dharmesh84
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×