Tofu morbido dal latte di soya
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Tofu morbido dal latte di soya

on

  • 8,109 views

Cucina italiana, ricette

Cucina italiana, ricette

Statistics

Views

Total Views
8,109
Views on SlideShare
8,014
Embed Views
95

Actions

Likes
0
Downloads
9
Comments
4

4 Embeds 95

http://www.watchingtheweb.net 48
http://www.weebly.com 25
http://storify.com 20
http://planetrecipes.weebly.com 2

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • Ciao! Qui in UK esiste il latte di soia non zuccherato che costa solo 60p. L'avevo comprato come surrogato del latte ma questo tipo di latte di soia non mi piaceva. così mi sono detto: posso farci il tofu! Così ho visto la tua ricetta ma purtroppo il latte era aperto da troppi giorni ed è andato a male.. :'(
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • ciao io ho provato come hai scritto tu ma il latte non cagliava ... così l'ho scaldato come hai consigliato .... ma non cagliava ... :( .... allora prima di buttare tutto ho scaldato di nuovo fino al bollore e ho aggiunto un altro mezzo limone spremuto e filtrato ... ora caglia ... :)
    hip hip urràààààà !!!!|
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • ciaoooo, ho una domanda: invece di aggiungere il nigari o il limone per cagliare, la commessa del negozio bilogico ha detto che si può utilizzareanche l'acidulato di riso.... Vi risulta??? se si, quando ne devo usare??? graaazieeee Nadia
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • I love tofu. I usually buy them at the market. It is too much work to make it from the soy milk. But it looks like fun. Thanks....
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Tofu morbido dal latte di soya Tofu morbido dal latte di soya Presentation Transcript

  • Avanzamento con clic del mouse
  • TOFU è un nome giapponese, anche se l’alimento ha originicinesi. Viene ricavato dalla cagliatura del “latte”, ottenuto daifagioli di soia gialla frullati, poi si filtra e si “caglia” come si fa per il formaggio che otteniamo dal latte vaccino.
  • Si può fare il tofu in casa anche dal “latte” (lo chiameròcosì per comodità ma, ovviamente, non lo è; passatemiil termine, è solo per capirci) di soia già confezionato. Sipossono usare diversi tipi di caglio: l’originale è il nigari, o il cloruro di magnesio, aceto, limone, ecc. naturalmente i risultati saranno diversi.
  • Ho fatto tre tentativi partendo dal latte di soia e con cagliodiverso: con cloruro di magnesio mi è venuto amaro; con l’aceto resta il sapore dell’aceto: in entrambi i casi ne avevo messo troppo. La resa è stata 300/400 grammi di cagliata per 1 litro di latte, ma il risultato migliorel’ho ottenuto con il limone e per questo ne spiego qui i passaggi.
  • Mettiamo il latte di soia in una pentola eportiamo a bollore, mescolando: attenzione, si comporta come il latte vaccino, fa la “panna” sopra e tende a debordare.
  • Intanto spremiamo un limone
  • e lo filtriamo: per 1 litro di latte basterà il succo di poco più dimezzo limone; uno intero è troppo, non esagerate che poi si sente.
  • Quando il latte bolle, spegniamo il fuoco e lasciamo raffreddare finché non fa più fumo: sistema fai-da-te per far arrivare la temperatura del latte a 80/85 gradi. Poi aggiungiamo il succo di limone.
  • Mescoliamo delicatamente e lasciamo agire,coperto, per almeno un’ora, senza toccarlo più;
  • Io sono curiosa e impaziente, perciò do’ unasbirciatina ogni tanto. Il latte comincia a cagliare, si vedono i primi fiocchi in superficie.
  • Così si presenta la cagliata dopo un’ora circa. Probabilmente incide la temperatura, perciò non preoccupatevi se dopo un’ora non lo vedete così, vuol dire solo che ci vuole un po’ di più.Tuttavia, se dopo un paio d’ore non caglia, rimettete la pentola sul fuoco e fate riscaldare senza mescolare: spegnete al primo “fremito” senza far bollire e lasciate riposare. Vedrete che funzionerà!
  • La cagliatura è completa quando si separanettamente dal siero, come vedete qui, al bordo.
  • Con un mestolo forato tiriamo su il tofu morbido e lo mettiamo a colare su un tovagliolo, poggiato su un passino. Il siero giallino che resta, ho letto che può essere usato comefertilizzante, o in aggiunta ai cibi per gli animali, perché ricco di minerali.
  • Il sapore è leggermente dolce (dipende dal latte utilizzato, meglio se naturale) e leggermente acidulo; a me piace, così. Se volete, l’acidulo si può eliminare, passando il tutto sotto ilrubinetto con un filo d’acqua, mescolando delicatamente con un cucchiaino e poi lasciandolo scolare regolarmente.
  • Con la colatura, il preparato assume la consistenza cremosa simile al caprino o alla ricotta.
  • Basta tirare su per i lati il tovagliolo e spremere ancora tra le mani, poi si rivolta. Io ci ho messo sopra un piattino e il batticarne e l’ho lasciato “sotto-pressa”.
  • Man mano che perde siero,ovviamente, diminuisce di volume.
  • Con l’esperienza imparerò meglio ma ora,ad occhio, direi che può bastare, vado ad aprire l’involucro.
  • Avevo ragione: la consistenza è quella del formaggio caprino, belloasciutto e cremoso. Mi dicono che si può aromatizzare, con spezie varie, sale, pepe, paprica dolce, ecc.
  • Da 1 litro di latte di soia si ottiene 350/400 grammi di tofu morbido. Il costo del latte dalle mie parti è 2,29€: bisognerebbefare un po’ di conti, per sapere quanto costa questo “formaggio”.
  • Ho provato anche ad estrarre il “latte” dai fagioli di soiagialla, oggetto di una prossima presentazione, e il costo non supera 1€ per 1 litro! Inoltre la polpa di fagioli rimasta (okara) non si butta: si utilizza in tanti modi.Decisamente, avendo un po’ di tempo, varrebbe la pena far da sé!
  • Ma figuriamoci se mi fermo qui! Ne ho prelevato la metàper rimetterlo sotto-pressa e vedere se viene più compatto.
  • 1- ho messo un tovagliolo bagnato e 2- non ho il “fatto apposta” e perciòstrizzato in una vaschetta quadrata, di mi arrangio: la vaschetta è da frigo evetro, e ci ho messo metà del tofu con coperchio; la mia “pressa” è ilmorbido che avevo; batticar-ne e il coperchietto è il ritaglio di un vassoio di polistirolo: attrezzatura rudimentale ma efficace!3- ho ripiegato il tovagliolo abba- 4- ci ho messo sopra il pezzo di poli-stanza strettamente, coi lembi in stirolo e il batticarne; ho lasciato sot-dentro; to-pressa per un’ora.
  • Questo è il risultato: un TOFU compatto esattamente come quello che si trova in commercio, solo decisamente piùbuono e fatto fresco in casa! Per di più si conserva in frigo, immerso in una vaschetta con l’acqua (da cambiare ogni 2 giorni), per una settimana!
  • Il tofu è un alimento ricco di proteine, pari ai formaggi più comuni, ma tutto vegetale. Questa che segue è la sua composizione per 100 grammi di prodotto . Composizione: Calorie 82,3 kcal Acqua 79,3 Proteine 9,3 Lipidi 5,1 Glucidi 2,6 Calcio 134 mg Fosforo 105 mg Ferro 3,9 mg Vitamina B1 0,02 mg Vitamina B2 0,02 mg Vitamina B3 0,37 mg Sodio 6 mg (dal web, siti vegan)
  • Non sono diventata vegetariana ma credo che integrarela mia dieta con proteine vegetali e sperimentare sapori nuovi non sia affatto male, anzi, ne sono entusiasta! Realizzazione, testo e foto: zafulla1@yahoo.it