Your SlideShare is downloading. ×
0
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Scaloppine zingaresche
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Scaloppine zingaresche

591

Published on

Cucina italiana, secondi di carne: scaloppine zingaresch

Cucina italiana, secondi di carne: scaloppine zingaresch

Published in: Entertainment & Humor
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
591
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Scaloppine zingaresche Avanzamento con clic del mouse
  • 2. Scaloppare significa tagliare in modo sottile e regolare, da qui deriva “scaloppina” che è la tipica fettina per questa preparazione.
  • 3. Le ho chiamate “Scaloppine zingaresche”, nel senso di accostamenti di sapori poco usuali ed anche un po’ “selvaggi”, per distinguerle dalla diversa e ben nota preparazione “… alla zingara”. Vediamo cosa occorre.
  • 4. Ingredienti per due persone:2 scaloppine (di sirloin o controfiletto o fettine di vitello) da 120/150 grammi l’una; 80 grammi di olive nere denocciolate; 100/150 grammi di funghi trifolati; succo di mezzo limone; 10-12 grammi di burro; farina, sale, e pepe se piace; 1 cucchiaino di brodo granulare.
  • 5. Prepariamo tutti gli ingredienti che ci serviranno:infariniamo bene le due fette di carne; non fatele tagliare sottilissime poi, se temete che non siano abbastanzatenere, battetele bene col batticarne mettendole tra due fogli di carta-forno;
  • 6. le giriamo e le infariniamo anche dall’altra parte.
  • 7. Tagliamo a fettine le olive nere denocciolate, che serviranno per condire e guarnire il piatto.
  • 8. Mettiamo nel piattino anche i funghi trifolati che avevamo già, oppure li prepariamo al momento, così:Togliamo la parte terrosa del gambo, li laviamo sotto l’acqua corrente e li affettiamo sottilmente; poi li mettiamo in unpadellino in cui avremo già scaldato un filo d’olio, con aglio eprezzemolo, saliamo leggermente, copriamo e lasciamo che cuociano, cedendo la loro acqua; in pochi minuti saranno pronti.
  • 9. Tagliamo anche il limone, di cui useremo solo il succo di una metà; ed ora che è tutto pronto possiamo cominciare la cottura delle scaloppine.
  • 10. In una larga padella facciamo sciogliere 10 grammi di burro (giusto un dadino o uno di quelli “a porzione”, che pesano in genere 10-12 grammi l’uno), a fuoco medio;
  • 11. Ora possiamo metterci anche le scaloppine;
  • 12. le facciamo scottare da entrambi i lati;
  • 13. poi spolverizziamo di brodo granulare, preparato secondo il PPS relativo, senza aggiungere sale perché già ben saporito.
  • 14. Le giriamo velocemente: la carne deve cuocere ma nonseccare assolutamente, perciò vi versiamo sopra il succo del mezzo limone e lasciamo che si formi una delicata salsina leggermente rappresa.
  • 15. Rivoltiamo velocemente la carne per insaporire bene da ogni parte;
  • 16. ora uniamo anche i funghi trifolati e le olive, e lasciamo amalgamare i sapori per qualche minuto.
  • 17. Lasciamo tutto morbido: se il fondo dovesserestringersi troppo diluiamo con un cucchiaio di acqua.
  • 18. Ecco qui: la cottura è terminata e non ci sonovoluti più di 10 minuti di preparazione, in tutto.
  • 19. Il piatto “zingaresco” è completo.
  • 20. Come vedete, la salsina si è rappresa ma non del tutto.
  • 21. La riuscita di questo piatto semplicissimo è nel dosaggio degli ingredienti, che possono essere corretti secondo i propri gusti; più piccante, ad esempio, con l’aggiunta dipepe, oppure meno acidulo, e in questo caso si può usare un bicchierino di vino, al posto del limone.
  • 22. Le scaloppine zingaresche si prestano anche per farcire un panino da gustare velocemente o da portarsi al lavoro per uno spuntino, quando non si abbia tempo per il pranzo.
  • 23. la carne preparata in questo modo si manterràmorbida e saporita, soprattutto se verserete un po’ di salsina sul pane.
  • 24. Anche questo panino “zingaresco” è gustoso ed invitante, altro che fast-food! Realizzazione, foto e testo: zafulla1@yahoo.it

×