Your SlideShare is downloading. ×
Ravioli di ricotta e spinaci alla romana a
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ravioli di ricotta e spinaci alla romana a

711

Published on

Cucina tradizionale italiana: Ravioli di ricotta

Cucina tradizionale italiana: Ravioli di ricotta

Published in: Entertainment & Humor
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
711
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Ravioli di ricotta e spinaci -alla romana-Avanzamento con clic del mouse
  • 2. “I ravioli alla romana” sono tra le poche ricette della cucina aristocratica romana sopravvissute fino ad oggi. Nel corso del tempo sono diventati molto popolari e si usano soprattutto per celebrare le ricorrenze importanti o familiari. Molte regioni d’Italia ne rivendicano la creazione, ma una dellericette più antiche, che risale al 1790 e si chiama appunto “Ravioli alla romana”, si trova nell’opera "Apicio Moderno" di Francesco Leonardi che era un cuoco romano (dal web).
  • 3. Ingredienti per il ripieno:100 grammi di spinaci già lessati e strizzati 100 grammi di ricotta 1 uovo Parmigiano o grana padano Sale, una spolveratina di noce moscata. Con queste dosi ne verranno 9-10.
  • 4. Questi sono all’incirca 200 Vanno lavati più volte:grammi di spinaci ma ne basta non deve restare alcun anche un pugnetto; mettete residuo di terra. quelli che avete. Ed eccoli dopo la Poi li mettiamo in un cottura, lasciamo tegame con l’aggiunta raffreddare e poi ne di un bicchiere di preleviamo un po’ e li acqua e una presa di strizziamo in un pugno. sale grosso.
  • 5. Eccoli qui, bene asciutti ora li tritiamo grossolanamente pronti all’uso li trasferiamo in un piatto, per poi unirli alla ricotta.
  • 6. Con l’aiuto di una forchetta,amalgamiamo bene ricotta e spinaci;
  • 7. uniamo anche un cucchiaio di uovo sbattuto che “legherà” di più il composto;
  • 8. aggiungiamo due generose cucchiaiate di parmigiano o grana padano, più una grattugiatina di noce moscata;
  • 9. Ed ecco il ripieno pronto per la farcitura, che appare ben compatto. Lo teniamo da parte ad insaporire, copertocon la pellicola da alimenti, mentre prepariamo la sfoglia per i ravioli.
  • 10. In una fondina rompiamo uniamo la farina, 2 uova, con un pizzico di orientativamente meno sale e un cucchiaio di olio, di 200 grammi, ne poi sbattiamo il tutto con aggiungeremo ancora una forchetta; solo se l’impasto fosse troppo morbido; Raccogliamo “a palla”;l’impasto deve risultare sodo La dose esatta della farinasenza afflosciarsi, ma ancora non può essere indicata morbido, da maneggiare. perché cambia secondo la Per un amalgama perfetto grandezza delle uova, ma basta lasciar riposare una vedrete che vi renderetemezz’ora, coperto da pellicola conto subito. per alimenti.
  • 11. Ecco la nostra sfoglia “tirata” sottile, a mano, ma va benissimo anche quellafatta con la “nonna papera” a manovella o a motore: l’importante è che la sfoglia sia fresca, appena fatta.
  • 12. Ora mettiamo un cucchiaio diripieno su un angolo della sfoglia,leggermente staccato dal bordo;
  • 13. pieghiamo il lembo della sfoglia a coprire il ripieno;
  • 14. Pressiamo un po’ la sfoglia attorno al ripieno, con le dita e poi tagliamo come si vede qui, con la rotellina dentata. Man mano che saranno pronti, spostateli su un angolo dell’asse abbondantemente infarinata, oppure su un vassoio spolverato di farina, semolino o farina di mais, per non farli attaccare.
  • 15. Procediamo così, fino a terminare sfoglia e ripieno, tenendo da parte i ritagli, che potranno essere reimpastati per altre preparazioni.
  • 16. Quando l’acqua bolle, saliamo, vituffiamo i ravioli e lasciamo cuocere con coperchio; saranno pronti, in genere quando verranno a galla.
  • 17. Per sapere se la cottura della sfoglia è perfetta io uso un trucco: tengo da parte un ritaglio di sfoglia e la mettoassieme ai ravioli, poi assaggio quella per regolarmi, senza rovinare i ravioli, che potrebbero aprirsi (NDR)!
  • 18. Poi li scoliamo e condiamo con la salsa che avremo preparato;
  • 19. Questo è un sughino di pomodoro e basilico, spolverizzato diparmigiano: chissà se 4a porzione basteranno, in fondo, è un piatto unico …
  • 20. … nel dubbio, ne metto 6 e li condisco a crudo,con la punta di un cucchiaino di brodo granula-re sciolto in pochissima acqua di cottura e ladistribuisco sui ravioli, qualche fiocchetto diburro qua e là e abbondante parmigiano sopra.
  • 21. Per la versione “inbianco” suggerisco anche il pesto, oppure la salsa di noci, il burro fusocon salvia, con pepeper chi lo ama, ecc.
  • 22. … rivedendo il piatto al sugo, adesso non ho dubbi: decisamente meglio, anzi necessario,considerarne 6 a porzione, aumentate le dosi… specie se li accompagnerete a un bicchiere di vino buono! Realizzazione, foto e testo: zafulla1@yahoo.it

×