Gomasio, insaporitore sostitutivo del sale. fatto in casa

2,954 views

Published on

Cucina italiana vegan: GOMASIO, insaporitore si

Published in: Entertainment & Humor
1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
2,954
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gomasio, insaporitore sostitutivo del sale. fatto in casa

  1. 1. Avanzamento con clic del mouse
  2. 2. Il GOMASIO è un insaporitore, ottimo sostitutivo del sale, conosciutissimo nella cucina orientale e vegetariana. Il suo nome, giapponese, deriva da goma = semi di sesamo- e shio = sale I due componenti di questa preparazione.
  3. 3. Questo insaporitore risponde alle esigenze di quanti, pervari motivi, hanno bisogno di ridurre l’apporto di sale nella propria dieta o, semplicemente, desiderano riscoprire il gusto naturale di legumi, verdure, cereali e quant’altro.
  4. 4. Due soli sono gli ingredienti che occorrono per questa preparazione: i semi di sesamo decorticati e il sale marino integrale, grosso. Per quanto riguarda le numerose proprietà benefiche dei due alimenti, potete trovare tutto digitando su google: semi di sesamo, oppure sale marino integrale.
  5. 5. Le proporzioni variano secondo leesigenze e i gusti, in genere 1/7 ma io ho preferito la misura più drastica, per ridurre al massimo il sale:1 a 10 = vale a dire: 1 cucchiaino dacaffè di sale marino integrale grosso e 10 cucchiaini di semi di sesamo bianchi, decorticati.
  6. 6. Per esprimerci in peso, sono 15 grammi scarsi disemi di sesamo; il sale è troppo poco, non riesco a pesarlo neppure con questa bilancina!
  7. 7. E ancora, sempre per cercare di stabilirebene le quantità, quei 15 grammi di semi di sesamo sono due cucchiai piccoli da minestra.
  8. 8. Cominciamo con la preparazione: i semi disesamo decorticati vanno messi in un colino e lavati sotto l’acqua corrente; poi vanno asciugati come possibile su un panno-carta da cucina;
  9. 9. Ora li trasferiamo in un padellino e facciamo tostare a fuocobasso, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno;
  10. 10. I semi dovranno imbiondire ma non bruciarsiassolutamente, altrimenti diventerebbero tossici. Questa operazione non richiederà che pochiminuti di attenzione e nessuna difficoltà, vedrete!
  11. 11. Eccoli qui, asciutti e quasi pronti
  12. 12. La tostatura sarà perfetta quando cominceranno a saltare, ma ve ne accorgerete anche dal deliziosoprofumo che emanano; spegnete il fuoco e toglietelisubito dalla padella calda trasferendoli nel mortaio.
  13. 13. Nel padellino ancora caldo ma a fuocospento, mettete anche il sale marino integrale elasciate tostare/asciugare anche questo, finché non sfrigolerà più.
  14. 14. Trasferite anche il sale nel mortaio e cominciatea pestare il tutto. Volendo potete anche usare ilmacinacaffé anche se molti arricceranno il naso perché non sarà del tutto naturale …
  15. 15. Il gomasio si trova anche già pronto nei negozi bio ma, a parte il costo notevole, consentitemi di pensar male: ionon credo che i grossisti usino le macine a pietra e tantomeno i mortai, magari! Perciò, senza preoccuparvi del metodo, fate tranquilla-mente come preferite: l’importante è ridurre il tutto in polvere finissima; se lo fate con mezzi meccanici, però, macinate a intermittenza, senza far uscire l’olio altrimenti sarà da buttare!
  16. 16. Il mio gomasio l’ho messo nel vasetto portaspezie di vetro che conteneva i semi di sesamo e conserverà la sua fragranza, e i benefici effetti dei semi, per una settimana, dopo potrebbe irrancidire divenendo tossico (Ndr):
  17. 17. per questo non si può farne tanto ed anche le confezioni in vendita sono di pochi grammi e sottovuoto.Ma ci vogliono davvero pochi minuti per farlo, sarà come una “coccola” da dedicare a sé stessi e pestando nel mortaio il profumo ne esce esaltato: è delizioso!
  18. 18. Questa preparazione è nella quantità minima, sotto laquale non si riesce a tostare e triturare, per mancanza di spessore, ma sono certa che, una volta scoperto, lo userete abbondantemente, un po’ su tutto, perché è proprio buono!
  19. 19. Il GOMASIO può sostituire il comune sale da cucina perché ogni particella di sesamo appare al palato ben sapida, eppure ricordate: abbiamo usato 1/10 di sale! Quanto alle calorie, sono ininfluenti, visto che se ne useranno pochi grammi.
  20. 20. Ho voluto, naturalmente, sperimentarlo su un pomodoro a fette: se siete tra quanti, come me, amano il gustonaturale delle verdure, ne rimarrete estasiati, tanto che non ho avuto bisogno di mettere né olio e né aceto!
  21. 21. E se vi scappa la mano e “salate” un po’ di più non preoccupatevi, potete “raschiarlo” ma, in ogni caso, non vi farà male! Realizzazione, foto e testo: zafulla1@yahoo.it

×