Formaggio primo sale, fatto in casa

8,814 views

Published on

Cucina italiana, formaggio fa

Published in: Entertainment & Humor
1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
  • They look so good. Thanks.....
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total views
8,814
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
111
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Formaggio primo sale, fatto in casa

  1. 1. Formaggio primosale, fatto in casa Avanzamento con clic del mouse
  2. 2. Il Primo Sale è una formaggetta morbida e delicatissima, salata una sola volta, a questo deve il nome.Si può fare in casa, anche dal latte di mucca, fresco, intero e pastorizzato; vediamo insieme come farlo.
  3. 3. Ingredienti: 1 litro e mezzo di latte fresco, intero, pastorizzato;1 cucchiaino scarso (da caffè) di caglio animale (da un casaro), o chimico (in farmacia);
  4. 4. 1- mettiamo il latte in una pentola e 2- facciamo la prova del dito: immer- lasciamo scaldare fino a 40 gradi; gendolo nel latte non ci si deve scot- tare, è poco più della temperatura corporea;3- ora spegniamo il fuoco, prelevia- 4- così si presenta il composto do-mo qualche cucchiaiata di latte cal- po un’ora; ha la consistenza di undo, ci diluiamo il caglio, poi lo versia- budino.mo nella pentola col latte; mesco-liamo bene e copriamo con pellicolaper alimenti;
  5. 5. 5- qui si vede meglio; 6- ora tagliamo delicatamente con la lama del coltello, a grossi qua- drati e lasciamo riposare una mez- z’ora;7- trascorso il tempo, si evidenzia- 8- ora, sempre senza mescolare,no le linee dei tagli; facciamo dei tagli più piccoli in ver- ticale, con una frusta;
  6. 6. 9- mentre il composto riposa an- 10- poi lo sistemiamo dentro un co-cora una mezz’ora, sterilizziamo il lapasta, su cui appoggiamo anche letovagliolo che ci servirà, facendo- due fascelle;lo bollire in poca acqua;11- intanto il latte è cagliato, si 12- il composto è pronto pervede bene il siero che affiora; essere travasato nelle apposite fascelle da ricotta o formaggio.
  7. 7. Come avete visto dai vari passaggi, non c’è niente di complicato: bisogna soltanto rispettare i vari tempi di posa, al riparo e ben coperto, senza lasciarsi prenderedall’impazienza. In pratica, lo si può preparare in matti- nata, per consumarlo la sera, a cena.
  8. 8. Il tovagliolo non mi è servito, il composto era abba- stanza solido da non colare attraverso le fascelle, perciò l’ho tolto. Raccolgo il siero che cola perché,facendolo bollire con l’aggiunta di mezzo litro di latte, ne ricaverò anche una ricottina.
  9. 9. Le due formaggette continuano a solidificare, perdendo siero.
  10. 10. Purtroppo caleranno parecchio, almeno la metà.
  11. 11. Da un litro e mezzo di latte si otterranno attorno ai 300/350 grammi di formaggio fresco, da consumareentro un paio di giorni, perché non ci sono conservanti.
  12. 12. Spolverizziamo di sale fino in superficie (da questo momento diventa Primo Sale). Non avendo l’attrezzatura idonea, ho ritagliato deidischetti da un vassoio di polistirolo, ben lavato, che mi saranno utili per il rovesciamento delle formaggette.
  13. 13. Finora ho seguito le indicazioni del casaro, ma poi ho dovuto arrangiarmi: ho messo il coperchietto dipolistirolo e ci ho rovesciato sopra la fascella, senzatoglierla perché il formaggio è ancora morbidissimo.
  14. 14. Eccole qui; il casaro dice che bisognerebbe salare tutte le parti, anche i lati …
  15. 15. Spero che non veda questa preparazione, ma che ne so: non ho trovato di meglio che prelevare un po’ disiero, scioglierci un cucchiaino di sale fino e versarcelo sopra, delicatamente.
  16. 16. Dopo un po’ di tempo, giro nuovamente, mentre noto che le formaggette diventano sempre più compatte, ma anche più piccole!
  17. 17. Trascorsa un’oretta, ho tolto le due fascelle per lasciarle asciugare in modo naturale all’aria.
  18. 18. Ora si potrebbero aromatizzare con erbe e spezie, volendo.
  19. 19. Si sono un po’ spiaccicate, forse bisognava lasciarle nelle formine, chissà!
  20. 20. Il problema è che non vedevo l’ora di assaggiare questa formaggetta che sa ancora di latte … Oops, mi correggo: altro che assaggiare, ne hoconsumata mezza senza neanche accorgermene, ha un gusto fresco, delizioso!
  21. 21. Non credo che avrò problemi di conservazione, solo in assaggi ne è sparita la metà di una!
  22. 22. La prima formaggetta è sparita ieri, ed ecco ciò che resta oggi: un Primo Sale ben pressato e mezza “ricottella” cremosa (ottenuta come da PPS relativo). Certo, l’attrezzatura è rudimentale e la “casara” alquanto imbranata, ma il risultato è una delizia per il palato! Realizzazione, testo e foto: zafulla1@yahoo.it

×