Musica: Richard Clayderman Avanzamento automatico
Quando ho nostalgia di spazi vengo qui, a vedere il sole che galleggia sull’acqua
e regala al mare una miriade  di scintillanti riflessi dorati col calore dei suoi ultimi raggi.
Le barche ancorate, nel tardo pomeriggio, sembrano come  in attesa di qualcuno poi, avvolte nel buio della notte, restano ...
Di notte si ha l’impressione che il mormorio del  mare diventi il respiro del mondo; è il momento più tenero e verrebbe vo...
L’alba si annuncia con un’esplosione di luce e di calore:  i raggi del sole nascente diradano l’oscurità e fugano  le nubi...
Il mare, eterno, sembra scrollarsi di dosso i suoi anni per rinascere ogni giorno, onda su onda, ogni volta  nuovo e resta...
Nessun poeta è riuscito mai ad imprigionare il mare nei suoi versi: attingere all’azzurro delle sue acque  non giova, esso...
Le onde si disperdono sulla spiaggia orlandone i contorni di soffice spuma bianca,  ricamata, come la trina di un merletto
L’onda è tutto ciò che arriva  e subito si ritrae, senza ricordi, sempre libera e mobile.
Il mare, impalpabile e maestoso, è inafferrabile e indomabile.
Nei giorni caldi di giugno le nostre spiagge torneranno ad affollarsi, non solo  per svago o per cercarvi refrigerio, ma a...
quel punto impalpabile e lontano che  si delinea a confine tra l’immensità  del mare e l’infinito del cielo.
Questa spuma leggera che  lambisce la riva  è un insieme di spazio e tempo:  frammenti di immensità  e istanti di infinito!
A tutti l’augurio di un buon mese di Giugno, sempre nuovo e  pieno di speranze che si rigenerino incessantemente,  fresche...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Buon mese di giugno a

1,584 views
1,344 views

Published on

Buon mese di giugno a tutti

Published in: Entertainment & Humor
13 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
1,584
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
33
Comments
13
Likes
6
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Buon mese di giugno a

  1. 1. Musica: Richard Clayderman Avanzamento automatico
  2. 2. Quando ho nostalgia di spazi vengo qui, a vedere il sole che galleggia sull’acqua
  3. 3. e regala al mare una miriade di scintillanti riflessi dorati col calore dei suoi ultimi raggi.
  4. 4. Le barche ancorate, nel tardo pomeriggio, sembrano come in attesa di qualcuno poi, avvolte nel buio della notte, restano così, abbandonate fino all’indomani.
  5. 5. Di notte si ha l’impressione che il mormorio del mare diventi il respiro del mondo; è il momento più tenero e verrebbe voglia di accarezzarlo, come un bambino che dorme calmo.
  6. 6. L’alba si annuncia con un’esplosione di luce e di calore: i raggi del sole nascente diradano l’oscurità e fugano le nubi, rischiarando ogni cosa.
  7. 7. Il mare, eterno, sembra scrollarsi di dosso i suoi anni per rinascere ogni giorno, onda su onda, ogni volta nuovo e resta così eternamente giovane!
  8. 8. Nessun poeta è riuscito mai ad imprigionare il mare nei suoi versi: attingere all’azzurro delle sue acque non giova, esso sfugge, cancella tutto, si ritira e si allontana.
  9. 9. Le onde si disperdono sulla spiaggia orlandone i contorni di soffice spuma bianca, ricamata, come la trina di un merletto
  10. 10. L’onda è tutto ciò che arriva e subito si ritrae, senza ricordi, sempre libera e mobile.
  11. 11. Il mare, impalpabile e maestoso, è inafferrabile e indomabile.
  12. 12. Nei giorni caldi di giugno le nostre spiagge torneranno ad affollarsi, non solo per svago o per cercarvi refrigerio, ma anche per contemplare
  13. 13. quel punto impalpabile e lontano che si delinea a confine tra l’immensità del mare e l’infinito del cielo.
  14. 14. Questa spuma leggera che lambisce la riva è un insieme di spazio e tempo: frammenti di immensità e istanti di infinito!
  15. 15. A tutti l’augurio di un buon mese di Giugno, sempre nuovo e pieno di speranze che si rigenerino incessantemente, fresche, come le acque del mare. Testo: “Il mare” di Gina Fazi Grafica: GiEffebis@alice.it

×