• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Content Marketing
 

Content Marketing

on

  • 1,831 views

Content Marketing è l’arte di comunicare con i propri clienti esistenti e potenziali, senza vendere nulla!! Ecco una presentazione per le aziende che vogliono capire.

Content Marketing è l’arte di comunicare con i propri clienti esistenti e potenziali, senza vendere nulla!! Ecco una presentazione per le aziende che vogliono capire.

Statistics

Views

Total Views
1,831
Views on SlideShare
1,831
Embed Views
0

Actions

Likes
10
Downloads
102
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Content Marketing Content Marketing Presentation Transcript

    • www.gruppolen.it LEARNING EDUCATION NETWORK
    • www.gruppolen.it Content Marketing Andrea Geom Alfieri LEARNING EDUCATION NETWORK
    • I contenuti del Corsowww.gruppolen.it 1. Definizioni e premesse 2. Nuove regole per produrre contenuti 3. Le 6 fasi del Content Marketing 4. Tipologie di contenuti 5. Gli attori 6. Dinamiche virali 7. Cosa serve sapere ad un azienda 8. Pianificare 9. Strumenti da utilizzare LEARNING EDUCATION NETWORK
    • I contenuti nel Social Mediawww.gruppolen.it Marketing Contenuto+Contesto+Connettività+Community = Social Media Marketing Jason Jantsch definisce Marketing applicato ai Social Media come le 4 C!* “Tonnellate di contenuti, rilevanti, educativi e (in parte) generati dall’utente che sono filtrati, aggregati e messi a disposizione per un determinato Contesto, il quale dà utilità e valore a coloro che altro non chiedono altro che connettersi con persone, prodotti e marchi con cui legarsi in una comunità proattiva ed interessante”.
    • Comprendere i Social Mediawww.gruppolen.it Social Networks Utenti: Facilitano le collaborazioni e comunicazioni online, e creano comunità di nicchia Blogger: Accompagnano un audience verso contenuti rilevanti e pertinenti ai loro interessi Social ContentUtenti: Intrattenimento, informazione e divertimento attraverso la pubblicazione, condivisione ed il commento di materiale pertinenteBlogger: Luoghi di incontro e raccolta di informazioni ed interessi Social Tools Utenti: Permettono la ricezione,valutazione e condivisione di contenuti Blogger: Funzioni vitali per lafidelizzazione di utenti nuovi, tramite la partecipazione e la promozione virale di contenuti. Necessari per creare community
    • Dimensione sociale del Marketingwww.gruppolen.it• Le strategie che le aziende adotteranno saranno orientate verso un coinvolgimento emozionale ed esperienziale più marcato del consumatore facendo leva sui valori e credo. 1.Trattare i clienti con amore e i competitor con rispetto. 2. Essere pronti alla trasformazione e al cambiamento. 3. Rendere i valori chiari e supportarli. 4. Focalizzarsi sul segmento che può dare i maggiori benefici. 5. Praticare prezzi onesti per far comprendere la propria qualità. 6. Aiutare i potenziali clienti a raggiungere lazienda e i suoi prodotti. 7. Guardare ai clienti come clienti per la vita. 8. Vedere ciascun business come un servizio. perché ogni prodotto è legato a un servizio. 9. Migliorare il proprio processo di business ogni giorno. 10. Considerare diversi aspetti e informazioni (non solo quelli finanziari) prima di prendere una decisione. Fonte: Kotler - Marketing 3.0 LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Definizione Content Marketingwww.gruppolen.it Content Marketing è l’arte di comunicare con i propri clienti esistenti e potenziali, senza vendere nulla!! E’ Marketing senza interruzioni! (vedi Maurizzi – Il Potenziale di Internet) Invece di cercare disperatamente di piazzare i vostri prodotti e servizi, voi decidete di fornire informazioni che soddisfano e danno valore al vostro interlocutore. L’essenza di strategie di Content Marketing sta nella convinzione che se noi, come azienda, diamo valore consistente, continuativo ed informativo ai nostri interlocutori, loro ci premieranno sia in termini di business che in fedeltà. Definizione di Joe Pulizzi di Junta42 LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Nuove regole per produrrewww.gruppolen.it contenuti Pre- 2.0 • Nell’editoria tradizionale, una volta che la notizia veniva pubblicata su giornali e riviste, si considerava concluso il flusso editoriale e si passava ad altro. Potevano esserci “follow-up”, lettere al direttore, discussioni ma generalmente la storia terminava, così come qualsiasi preoccupazione. Nel Mondo 2.0 • Nel mondo digitale spesso non accade, e non si può più godersi il lusso di una linearità industriale “notizia – pubblicazione – nuova notizia – pubblicazione - etc” • Le storie, una volta online, vivono di vita propria e, compatibilmente con il grado di interesse che suscitano, hanno un flusso temporale molto più lungo e variegato. • Questo è dovuto a tre fattori principali: 1. La persistenza garantita da motori di ricerca 2. La possibilità di ricevere feedback, commenti ed approfondimenti da utenti 3. La possibilità che la storia stessa sia collegata (o collegabile) ad altre discussioni esistenti, rilanciabile viralmente con un semplice click LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Nuove regole per produrrewww.gruppolen.it contenuti Chi produce contenuti deve adeguarsi a una gestione diversa dei nuovi flussi di contenuti, evolvendosi ed adattandosi a nuove dinamiche. Chi produce contenuti deve quindi abituarsi: • A pensare a sviluppare e gestire storie sfaccettate (multifaceted story development) • Offrire approfondimenti, link esterni, fotografie e video a supporto • Offrire costanti aggiornamenti su come la storia progredisce (in tempo reale) • Adattare le “storie” agli strumenti utilizzati • Adattare i contenuti al linguaggio “Social” • Monitorare in rete i flussi che si vengono a creare LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Nuove regole per produrrewww.gruppolen.it contenuti E’ un processo molto più complesso che richiede il coinvolgimento e la collaborazione di componenti diverse all’interno ed esterno dell’azienda • Coinvolge il Marketing • Coinvolge Advertising team, • Coinvolge P.R. (agenzia esterna e responsabili interni) • Coinvolge che crea contenuti (chiunque all’interno od esterno azienda) • Coinvolge i protagonisti delle storie (interni od esterni ad azienda) • Coinvolge chi organizza eventi • Coinvolge chi partecipa o chi ha partecipato (interni od esterni all’azienda) • Coinvolge grafici e tecnici web • Coinvolge canali multipli con specializzazioni e linguaggi diversi L’obiettivo condiviso è quello di creare delle conversazioni significative con la tua community Tutti devono lavorare insieme, velocemente ed allineati. Non è facile! LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Su quali strumenti puntarewww.gruppolen.it • Business to Business? • La vostra offerta è diretta ad aziende e professionisti? • Business to consumer? • La Vostra offerta è diretta al cliente finale? Source http://www.lissimattia.com/2011/11/03/wm/web-marketing-infographic-le-migliori-attivita-per-la-lead-generation/ LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Quali strumenti funzionanowww.gruppolen.it • Creare “business leads” o “Prospects” significa aprire opportunità di business che poi vanno chiuse “closed deals”. Source http://www.lissimattia.com/2011/11/03/wm/web-marketing-infographic-le-migliori-attivita-per-la-lead-generation/ LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Le 6 fasi di content marketingwww.gruppolen.it 1. Pianificare 2. Creare 3. Pubblicare 4. Promuovere 5. Gestire 6. Analizzare LEARNING EDUCATION NETWORK
    • 1. Pianificazionewww.gruppolen.it Sviluppate strategie basate sulle dinamiche dei motori di ricerca, luso dei social media e lo sviluppo di contenuti efficaci. Di cosa si può parlare? Alcuni suggerimenti: 1. Prodotti e/o Servizi 2. Storia dell’azienda 3. Persone rilevanti dall’interno dell’azienda 4. Notizie (news) dal settore di appartenenza 5. Eventi e Partecipazione a fiere 6. Feedback di clienti, risposte a domande 7. Parlare e fare parlare distributori, collaboratori esterni, partners 8. Tips e suggerimenti all’uso di prodotti e servizi (dare valore) 9. Advert game (divertimento) 10. Storie di progetti futuri (creare coinvolgimento) 11. Hot Topics (argomentazioni calde) che emergono in rete LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Come costruire un piano (editoriale) tattico per iwww.gruppolen.it social media ed il social-commerce. Piano Editoriale contiene:  Tipo di comunicazione che vogliamo veicolare,  Tipo di social network più adatto per veicolare il nostro messaggio considerando:  la dinamica di interazione tra persone e l’insieme di funzionalità che rende peculiare il social network scelto (Facebook, Twitter, Linkedin, Youtube, Flicker, RSS, Slideshare, Podcast, Delicious, Digg, S phinn, Reditt, Salesforce.com, Blogger, Wikipedia, …) ;  la dinamica di relazione tra il social network scelto e gli altri social network (tipo se vuoi farti vedere molto su Facebook fai un bel video su Youtube)  Il ciclo di vita e la frequenza di aggiornamento intrinseco del social-network;  La frequenza dei messaggi che vogliamo veicolare;  I nominativi degli autori – collaboratori coinvolti  Le scadenze nel reperire e raccogliere informazioni e materiali LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Le Regole della Pianificazionewww.gruppolen.it Le Regole da ricordare: 1. Pianifica tutto ma sii flessibile e pronto a reagire velocemente 2. Alternare i contenuti e gli strumenti 3. Non sovrapporre “argomenti” ma pianifica quale topic è protagonista 4. Se poi in rete l’attenzione si sposta su un topic diverso, adeguarsi velocemente 5. Adattare il linguaggio agli strumenti e l’audience di riferimento 6. Organizzare e distribuire il lavoro se più persone pubblicano contenuti 7. Non pensare al prodotto finito, la storia è più coinvolgente se racconto l’idea sul nascere e coinvolgo già nella sua fase ideativa e creazione. 8. Usa commenti e feedback per rilanciare anche vecchi contenuti 9. Dare effettivo valore a chi legge 10. Partecipare, rilanciare argomentazioni calde che emergono in rete LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Da dove partire?www.gruppolen.it Listening (fase di ascolto e ricerca preliminare)  Listening – esamina le Tags di interesse  Definisci meglio quali tags sono usate nell’ambito di interesse  Listening – esamina le news e le discussioni esistenti  Listening – esamina i tuoi concorrenti  come ne parlano, chi ne parla "influencer", rispondono o monologo?  Listening - discussioni, tempo reale,blog (limitarsi allultimo anno)  identifico dove (quali forum/blog/pagine Facebook?)  chi (opinion leader),  come (forum piuttosto che Facebook piuttosto che twitter o blog),  quando (in prossimità di lanci, controversie, news),  perchè (cosa tocca gli utenti, sensibilità, esperienze, argomenti, cosa emerge dalle conversazioni utenti) LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Creare contenuti sui Socialswww.gruppolen.it  Create contenuti originali che rispondano alle esigenze dei vostri Clienti  Pensate a contenuti che risolvano i loro problemi (dare valore)  Pensate che state comunicando con “amici” in un bar e non clienti al bancone  Sforzatevi di adattarli ai vari formati possibili in rete.  I vostri contenuti dovranno essere: rilevanti, personali, semplici, divertenti, coinvolgenti, utili, interessanti, piacevoli e credibili.  Rendeteli “aperti” chiudeteli con domande o semplicemente “che ne penate?”  Ringraziate chi commenta, riconoscerli per nome e, se possibile, fare altre domande  Cercate di personalizzare contenuti, ci si relaziona meglio con persone che con marchi  Non sforzatevi ad inventare, i contenuti sono attorno a voi, aprite gli occhi  Usate un approccio narrativo, raccontate una storia non scrivete annunci!  Le persone che vi siedono accanto sono storie, narratori, promotori. Usateli  Scrivete titoli accattivanti in modo da invogliare la lettura dell’articolo. LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Contenuti del Blogwww.gruppolen.it  Scrivete regolarmente e in modo esaustivo, chi vi segue tornerà volentieri sul vostro sito, perché sa che vi troverà contenuti costantemente aggiornati.  Create una lista di post (o serie, tipo i comandamenti), funzionano e tendono ad essere condivisi online più facilmente.  Utilizzate un tasto Retweet per il vostro blog e posizionatelo vicino ad ogni post (con i plugin di WordPress questa azione è davvero facile).  Applicate un tasto di condivisione su Facebook vicino a tutti i vostri post  Includete il “mi piace” di Facebook in modo che chi legge i vostri articoli possa consigliarli e condividerli su Facebook direttamente dal vostro blog.  Rendete facile la sottoscrizione degli utenti via e-mail (l’e-mail marketing può essere considerato uno strumento della vecchia scuola, ma funziona tutt’ora alla grande!)  Permettete a chi segue il vostro blog di seguirvi anche sugli altri social networks in cui avete un profilo (Facebook, Twitter, LinkedIn etc)  Attivate un tasto RSS in modo da permettere agli utenti la ricezione push dei vostri post dal loro account ‘Google Reader’” LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Contenuti su Facebook www.gruppolen.it  Aggiornate la pagina Facebook in tempo reale rispetto alla pubblicazione di ogni post  Proponete i contenuti e i link della vostra pagina in modo che chi li legge sia invogliato a condividerli e a premere il tasto mi piace  Includete Twitter nel menu (è una delle impostazioni standard della fan page di Facebook)  Utilizzate la caratteristica ‘Question’ per realizzare sondaggi, in modo da coinvolgere il navigatore  Mettete il link della vostra pagina Facebook nelle newsletter  Attivate concorsi su Facebook (questo renderà la tua pagina ancora più accattivante)  Utilizzate un tab come landing page che offre accesso a contenuto unico, questo potrebbe essere un video un contenuto o anche un voucher  Rispondete a tutti i commenti in “tempi rapidi”http://www.giovannifracasso.it/2011/06/15/50-consigli-e-tattiche-per-il-social-media-marketing-come-ottimizzare-la-vostra-presenza-online/ LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Contenuti su Youtube www.gruppolen.it  Intervistate personaggi influenti (se potete) su argomenti di rilievo e pubblicatene il video su YouTube  Intervistate colleghi, clienti e fornitori e fateli parlare di voi  Evidenziate nel vostro profilo i link del tuo blog e sito web  Attivate la condivisione automatica (si trova nelle impostazioni Account alla voce ‘Activity Sharing’, e da lì si seleziona l’acconto del social network che si vuole utilizzare)  Scrivete un titolo che rappresenti una parola chiave per il vostro settore o per la vostra nicchia  Scrivete un titolo allettante che metta il potenziale fruitore nelle condizioni di voler premere il tasto “play”  Mettete un link nel vostro blog all’inizio di ogni descrizione per ogni video e assicuratevi di mettere descrizioni che includano parole chiave  Includete parole chiave e tags per ogni video pubblicato  Rendete il video “accessibile da apparecchi mobile”http://www.giovannifracasso.it/2011/06/15/50-consigli-e-tattiche-per-il-social-media-marketing-come-ottimizzare-la-vostra-presenza-online/ LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Contenuti su LinkedIN www.gruppolen.it  Utilizzate tutti e tre i siti o link che LinkedIn prevede per ogni profilo  Nelle impostazioni è possibile rendere pubblico il proprio profilo, fatelo  Postate alcune domande nella sezione Q&A (domande e risposte) con il link alla possibile risposta sul vostro website o blog o facebook page  Impostate un profilo LinkedIn anche per il vostro blog (non solo per la persona fisica quindi)  Integrate il vostro account LinkedIn con Slideshare usando l’opzione ‘Add an Application’ che si trova nella pagina in basso a destra  Integrate il vostro account LinkedIn con un feed ai vostri blog post usando l’opzione ‘Add an Application’ che si trova nella pagina in basso a destra  Aggiungete i vostri feed di Twitter usando l’opzione ‘Add an Application’”  Posizionate il tasto per la condivisione su LinkedIn sul vostro blog o copiate il link sul vostro “status” linkedINhttp://www.giovannifracasso.it/2011/06/15/50-consigli-e-tattiche-per-il-social-media-marketing-come-ottimizzare-la-vostra-presenza-online/ LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Contenuti Slideshare www.gruppolen.it  Convertite i vostri post in presentazioni PowerPoint e pubblicali su Slideshare  Scrivete un titolo preciso sia sulla presentazione che nell’area del titolo  Includete parole chiave che possano essere utili per far trovare la presentazione ai navigatori  Pubblicizzate la pubblicazione su Twitter  Consentite agli utenti di scaricare le presentazioni e rendetene semplice anche la condivisione  Pubblicatele anche sulla pagina Facebook  Nel scegliere la licenza da utilizzare per la condivisione, utilizzate CC (Creative Commons) License così le persone possono usare i vostri contenuti e attribuirli al vostri blog, o link prescelto”http://www.giovannifracasso.it/2011/06/15/50-consigli-e-tattiche-per-il-social-media-marketing-come-ottimizzare-la-vostra-presenza-online/ LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Pubblicarewww.gruppolen.it Pubblicare Pubblicate i vostri contenuti on line anche sui diversi canali dei social media/Social network. Pensare in termini di dialoghi piuttosto che monologhi Create canali brandizzati  Es: Pagina Facebook https://www.facebook.com/sqcuoladiblog  Es. Azienda LinkedIN http://www.linkedin.com/company/sqcuola-di-blog  Es. Canale Brand Youtube http://www.youtube.com/user/SQcuoladiBlog  Es. Canale Brand Flickr http://www.flickr.com/photos/sqcuoladiblog/  Es. Profilo aziendale Twitter https://twitter.com/#!/SQcuoladiBlog Postate link riconducibili alle vostre pagine od ai vostri canali Brand.  Sarà più facile controllare, monitorare e moderare.  Utilizzare immagini e video, impatto emozionale e partecipativo  Adattate il linguaggio agli strumenti e l’audience di riferimento LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Promuoverewww.gruppolen.itPromuovere i vostri contenuti attraverso: SEO lottimizzazione sui motori di ricerca, Passaparola sui social media ed i vari canali brand, SEM/PPC Attività di Marketing sui motori di ricerca, Facebook Adverts etc LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Gestirewww.gruppolen.it Le Regole da ricordare: 1. Gestite, rivedete, aggiornate, integrate i vostri contenuti e il vostro archivio 2. Pensare in termini di dialoghi piuttosto che monologhi 3. Rispondere a domande con trasparenza ed onestà, ringraziando 4. Commentate regolarmente anche su altri blog di quelli che fanno parte della vostra nicchia di contatti 5. Utilizzare immagini e video, impatto emozionale e partecipativo 6. Rendere i contenuti accessibili e facilmente divulgabili 7. Non pensare al prodotto finito, la storia è più coinvolgente se racconto l’idea sul nascere e coinvolgo già nella sua fase ideativa e creazione. 8. Non prendersi troppo sul serio, mal si sposa con questi strumenti 9. Non nascondetevi a critiche, ringraziate sempre e mai essere stizzosi/arroganti 10. Usate il buon senso, anche augurare il buongiorno e buon compleanno funziona LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Analizzarewww.gruppolen.it Analizzare Raccogliete, analizzate ed interpretate i i dati per comprendere i risultati ed apportare i necessari miglioramenti per le future attività. LEARNING EDUCATION NETWORK
    • www.gruppolen.it Strumenti utili LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Strumenti utiliwww.gruppolen.it • Il monitoraggio di Social Network rappresenta una sfida importante per tutte le aziende che vogliono ampliare la capacità di copertura giornaliera ed evitare la perdita di messaggi • Usare strumenti come http://www.radian6.com/ • Il monitoraggio del traffico, delle interazioni, delle pagine viste, degli articoli più apprezzati è sicuramente importante. In due parole https://www.google.com/analytics/ • Per aiutare a definire la complessità della produzione di contenuti in ambito Social Media e creare contenuti attraverso Mappe Mentali • Usare strumenti come http://freemind.softonic.it/download • Twitter: Coinvolgete i followers della vostra nicchia utilizzando Tweepi http://tweepi.com/ (con Tweepi.com è molto semplice seguire i propri followers o altri blogger influenti di Twitter) o utilizzando Twellow (http://www.twellow.com/ prevede un tool che consente di trovare elenchi dei follower più rilevanti all’interno della tua nicchia)” LEARNING EDUCATION NETWORK
    • Cosa manca?www.gruppolen.it I contenuti di un corso e-learning sui Social Media diventano “vecchi” molto velocemente vista la rapidità di questo mondo.  Ora è il vostro turno per suggerire approfondimenti su argomenti o nuovi strumenti emersi.  Potremo integrare approfondimenti durante i Seminari  Potremo inserire nuovi moduli a distanza  Potremo inserire contenuti in “Area DopoSQcuola”  Potremmo aggiornare il modulo per i prossimi corsi (citandovi!) Esercizio: Mandate email a andrea.alfieri@gruppolen.it con Oggetto: Suggerimenti CONTENT MARKETING per il Prof Alfieri (i vostri suggerimenti potranno avere un voto su registro) LEARNING EDUCATION NETWORK
    • www.gruppolen.it That’s all for today! GRAZIE LEARNING EDUCATION NETWORK