Brochure San Domenico Palace

993 views
905 views

Published on

Published in: Travel
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
993
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Brochure San Domenico Palace

  1. 1. SAN DOMENICO PALACE HOTEL TAORMINA jxÄvÉÅx àÉ à{x [|áàÉÜç
  2. 2. U envenuti a Taormina Iscrivere nel proprio Carnet de Voyage un soggiorno al San Domenico Palace Hotel, affiliato alla Leading Hotel of the World ed alla Fine Hotels & Resorts, non è solo annotare il nome di un grand albergo ma è ricordare una immersione nella storia e nel lusso. I chiostri e i curati giardini, gli spazi esterni a bordo piscina, il centro benessere, l'area fitness e le boutique, oltre ai ristoranti, tra i quali il Principe Cerami insignito di una stella dalla nota Guida Michelin, rendono davvero unico il soggiorno in questa località…..Benvenuti nella Storia, benvenuti al San Domenico Palace Taormina. j elcome to Taormina Writing a stay at the San Domenico Palace Hotel, a member of Leading Hotels of The World and Fine Hotels & Resorts, of Taormina in one’s Carnet de Voyage not only noting the name of a grand hotel, but recalling an immersion in history and luxury. The cordial hospitality of the hotel’s antique walls and cloisters, the elegance of its spacious salons, a manicured garden, the beauty corner and fitness room, the restaurants and bar, a glimmer of candles at the Principe Cerami Restaurant ,awarded with one Michelin Star, to ensure that each stay is very special….Welcome to the History , welcome at the San Domenico Palace in Taormina.
  3. 3. jxÄvÉÅx àÉ à{x [|áàÉÜç
  4. 4. U envenuti nella storia Ricavato da un antico monastero domenicano del 1400, il San Domenico Palace conserva ancora intatte le strutture originali delle sue antiche mura dove si respira l’aria austera dei lontani silenzi contemplativi, inseriti in uno scenario di rara bellezza che abbraccia il teatro greco fino alla cima dell’Etna. j elcome to the History Converted in a Luxury Hotel from a former Dominican monastery of the 15th century San Domenico Palace still preserve intact all the original structures and ancient wall that recalls the quietness and peace of the old monastic life. An enchanting setting of rare magic, a jewel, a place of joy and precious emotions.
  5. 5. hÇyÉÜzxààtuÄx ]ÉâÜÇxç
  6. 6. vostri eventi La centenaria tradizione del San Domenico è il sigillo di garanzia per il successo di una manifestazione esclusiva. Dal 1896, il San Domenico è sede abituale di summit internazionali e di straordinari eventi di prestigio. Ambienti unici, perfezione nel servizio, grande ristorazione, la cura dei dettagli - anche quelli più minuziosi - per confezionare, su misura, un evento da incorniciare nell’album dei ricordi. X xclusive Meetings Since 1896, the San Domenico Palace Hotel has been the premier destination for international summit meetings and extraordinary special events. Unique settings, perfect service, great cuisine and the meticulous care of details; a synthesis of luxury and magic. To create a tailor made event that will become an unforgettable experience.
  7. 7. ZÄtÅÉÜÉâá ÇàxÜ|ÉÜá
  8. 8. _ e nostre Camere & Suites Le 105 camere sono suddivise tra il prestigioso edificio che fu l’antico monastero domenicano ed il Grand Hotel costruito ai primi del ‘900 in pieno stile Liberty. Tutte le camere riflettono la tradizione e la storia centenaria dell’Hotel senza rinunciare ai moderni comfort. e ejuvenating Rooms & Suite The 105 Rooms and Suites are located in two different wings: The Garden Wing, built within the former 14th century Convent and the Grand Hotel Wing, a marvelous building in liberty style, added to the hotel on 1896. Both reflect history and tradition without sacrificing modern comforts and conveniences.
  9. 9. ex}âäxÇtà|Çz fâ|àxá
  10. 10. fÑxvàtvâÄtÜ i|xãá
  11. 11. _ a vista Dalle Camere Classic che si affacciano sul Chiostro Antico e sulla città di Taormina, passando per le Superior e Deluxe affacciate sulla bellissima baia di Taormina con vista sul Mar Ionio o sul giardino ed il Vulcano Etna, fino ad arrivare alle nostre Suite: uniche ed esclusive, tutte con pregiati arredamenti di antiquariato ed abbellite da materiali tipici della terra di Sicilia, alcune impreziosite dall’esclusività di una piscina Jacuzzi privata con vista panoramica. f pectacular Views From the Classic room overlooking the inner Hotel Cloisters or the city of Taormina, going trough Superior and Deluxe Bedrooms all featuring breathtaking view over Taormina Bay with the Ionian Sea or our Mediterranean Garden and The Volcano Etna, up to our Suite: Unique and Exclusive, furnished with prestigious antique. Some suite is equipped with Private Jacuzzi pool in a panoramic terrace for the highest level of pampering.
  12. 12. U ars Lounge di grande fascino, situata nella sala che fu l’antico refettorio dei frati domenicani, è il ritrovo ideale per gustare il cocktail preferito e saziare un appetito improvviso anche dopo la mezzanotte. Atmosfera magica ed ovattata accompagnata dal calore del camino d’inverno e dalle soavi note del pianoforte nella stagione estiva. j interbar & Cloisters experiance The ancient Dominican refectory, today a luxurious “ Lounge", is the ideal meeting place for excellent cocktails, vintage Armagnac, and to satisfy unexpected pangs of hunger even after midnight. It has a magical cozy atmosphere by the fireplace in winter and live piano music during the summer.
  13. 13. Discover the most exclusive sunsets in Taormina ftÇ WÉÅxÇ|vÉ ZÜtÇw VÄÉ|áàxÜ UtÜ uç
  14. 14. c rincipe Cerami Dedicato al Principe Giovanni Rosso di Cerami, fondatore del San Domenico Palace Hotel, il Gourmet Restaurant, insignito di una stella Michelin, è situato all’interno di una sala dal design raffinato ed affascinante. Nei mesi caldi si sposta sulla terrazza panoramica con vista mozzafiato sull’incantevole baia di Taormina ed il Vulcano Etna a fare da cornice. ` ichelin starred experiance Named after the San Domenico’s founder Prince Giovanni Rosso di Cerami, the Restaurant, awarded with one Michelin star, is located in a private and elegant room which design reminds the prince dining room. During the summer season it moves to the front terrace overlooking the spectacular bay of Taormina, the San Domenico’s Garden and Etna Volcano.
  15. 15. Z ourmet Materie prime selezionate, ricette semplici o ricercate, presentazioni di sicuro effetto, competenza, passione, tradizione, innovazione: sono questi gli ingredienti che rendono unica la cucina del San Domenico… Nella romantica cornice di un antico refettorio monacale, il nostro Exexutive Chef, Massimo Mantarro, propone specialità della tradizione gastronomica internazionale e regionale. Y ine Dining The finest ingredients, simple or complex recipes, eye-catching presentations, skills, passion, tradition, innovation: these are the ingredients which render San Domenico’s cuisine so unique…In the romantic monastic atmosphere of the former monk’s refectory. Our Executive Chef, Massimo Mantarro, offer exquisite International and Sicilian Cuisine.
  16. 16. e icordo per la vita Un luogo unico dove parla la storia, una cornice naturale e artistica di grande fascino, un tempio del gusto. Per festeggiare l’occasione più importante. Per vivere la magia di un sogno. Per conservare il ricordo di una vita. La tradizione centenaria del San Domenico è il sigillo di garanzia per il successo del vostro ricevimento di nozze. Il vostro “Spécialiste de Mariage” si prenderà cura di voi ed accoglierà le vostre richieste permettendovi di vivere intensamente e con entusiasmo il giorno più bello della vita in completo relax. T lifetime Souvenir The ancient hospitality tradition at the San Domenico Palace is the key to a successful wedding reception. Your “Spécialiste de Mariage” will take care of you and met your needs letting you relax and enjoy with enthusiasm the most beautiful day of your life. Your personal Exclusive Wedding consultant will always support you to organise an unforgettable celebration party.
  17. 17. T Ä|yxà|Åx fÉâäxÇ|Ü
  18. 18. giardini lussureggianti Una terrazza naturale a picco sul mare sospesa fra giardini in perenne fioritura. La realtà si trasforma in fiaba suggestiva, tra vividi raggi di sole, brezze leggere, profumo d’agrumi. Lo charme degli ambienti si fonde alla cultura del servizio e all’amore per la tradizione,anche nei sapienti sapori della terra. San Domenico Palace è tutto questo: un’indimenticabile esperienza d’incontro con la natura e con l’eleganza di un posto magico, lontano dai luoghi comuni. _ uxuriant Garden A natural terrace among Mediterranean gardens in perpetual bloom overlooking the sea. Reality turns into a fascinating fairy tale made of vivid sunlight rays, light sea breezes, scents of citrusfruits. Unique settings, perfect service, great cuisine and the meticulous care of details; a synthesis of luxury and magic. San Domenico Palace is all this: an unforgettable experience, far from common place.
  19. 19. _ âåâÜ|tÇà ZtÜwxÇá
  20. 20. e elax Mare cristallino ed Esclusivi Beach Club dove rilassarsi e godere del sole siciliano, della brezza marina tra una nuotata ed un’escursione in barca a vela, esplora la riserva naturale orientata di Isola Bella, o parti alla scoperta della riviera dei Ciclopi, località mitologica decantata da Omero. f icilian sun Turquoise Water and Exclusive Beach Club where unwind and soak up the Sicilian sun and sea breeze. Enjoy a swim in the crystal clear water or a sailing boat trip : explore the “Isola Bella” natural reserve or discover the Myth of Ulysses and the Cyclopes Riviera.
  21. 21. f port & gioco Giocare a Golf vuol dire vivere una vacanza in pieno relax e praticare la propria passione in ogni momento della giornata.Per gli amanti del Golf, a soli 20 minuti di auto, un’oasi dove poter giocare immersi nel verde abbraccio del Vulcano Etna, il primo Golf Club di Sicilia, collocato sul versante settentrionale della montagna, all’interno del Parco dell’Etna, tra i comuni di Randazzo, Linguaglossa e Castiglione di Sicilia. X xclusive Sports Playing Golf means fully enjoy your holiday satisfying your playing desires. For the Golf Lovers, at only 20 minutes by car, the First Sicilian’s Golf Club, located in a natural amphitheatre on the north-eastern region of the mountain, part of the Etna’s natural park near the towns of Randazzo, Linguaglossa & Castiglione di Sicilia.
  22. 22. U ellezza Per prepararsi ad una giornata di sole o per concedersi una pausa di assoluto benessere il Beauty Corner del san Domenico Palace è una scelta perfetta. Un rifugio in cui trovare un po’ di privacy e ridare il giusto equilibrio al proprio organismo, scegliendo fra un’ampia rosa di cure ed applicazioni estetiche per il viso e per il corpo, beneficiando dell’esclusivo marchio DeClèor. U eauty corner The Beuty Corner is the ideal choice for getting ready for a day in the sun or to take time out and for an experience of absolute wellbeing. A shelter for getting back a bit of privacy and giving new lustre to the body, with the choice of a wide renege of treatments and beauty applications for face and body featuring the exclusive DeClèor label.
  23. 23. eÉÅtÇvx ÉÇ jxx~xÇwá
  24. 24. h n weekend romantico Per vivere un sogno, per conservare il ricordo di una vita, per regalarvi secoli di storia. Il San Domenico Palace …un emozione speciale da vivere intensamente in una location esclusiva come un’esperienza indelebile che non si affievolirà nel tempo. e omance on weekends To live a magical dream, to preserve the memory for a lifetime, to give you centuries of history. The San Domenico Palace …a special emotion to be lived to the full in an exclusive location. For an unforgettable experience whose memories will never be dimmed.
  25. 25. f copri Taormina Taormina “l’isola” incastonata a mezz’aria nelle scoscese pendici del Monte Tauro dove hanno continuato a vivere mescolandosi tra amori e battaglie, gli ultimi dei, grandi eroi e umani avventurieri: essi hanno lasciato doni di pietra, dimore inconfondibili delle loro storie. W iscover Taormina Taormina: a shipwrecked island left tangled in mid-air on the craggy cliffs of Monte Tauro, where the last gods, heroes and human adventurers continued to live, mingled together in their loves and battles, and where each one of them left gifts of Stone and unmistakable residences.
  26. 26. W|ávÉäxÜ gtÉÜÅ|Çt
  27. 27. U envenuti a Taormina La storia del San Domenico è la storia dei frati Domenicani, eroi della parola divina e dell’ umano silenzio, che hanno lasciato nelle architetture del loro monastero, gioielli di arte e di storia, parte integrante dell’albergo. Museo laico nel quale si possono ammirare tavole e tele di storia siciliana, statue lignee, ma soprattutto reperti marmorei, testimoni della ricchezza del monastero. Percorso nei secoli dalle personalità più eclettiche e conturbanti, più affascinanti e deluse, tutte attraversate da un fremito d’ansia nel poter attuare un sogno: le notti al San Domenico. j elcome to Taormina The History of San Domenico is the history of the Dominicans, heroes of the holy words and human silence, who left the evidence of incisive and active presence in the architecture of their monastery. They consigned the jewels of art and history now scattered all around the hotel. In this lay museum one can admire panels and canvas of the Sicilian school spanning four hundred years of history, along with stone works testifying the monastery’s richness. The Hotel has been visited by the most eclectic, fascinating and disillusioned personages; certainly all of them aiming to finally realized a dream enveloped in myth: nights spent at the San Domenico.
  28. 28. _ a Storia Il San Domenico ha esercitato un enorme fascino sui visitatori da quando, nel 1896, venne trasformato in albergo. In un album di pergamena con fregi dorati, gelosamente conservato nella cassaforte dell’albergo, c’è un po’ la storia del turismo di Taormina. L’album si apre con una foto del Kaiser ed una data, 1905. Non c’è una frase né una sola firma, ma si presume che l’imperatore di Germania sia venuto al San Domenico e abbia donato la sua fotografia. L’anno seguente, il 6 aprile 1906, venne il re di Gran Bretagna Edoardo, nel 1913 fu la volta del granduca Paolo di Russia e della contessa di Hohenfelsen. Vi sono, tra questi illustri nomi, firme di ignoti granduchi, di sconosciuti principi russi, di baroni tedeschi dai nomi chilometrici. Il 10 aprile 1913 firmò il registro Anatole France, nello stesso anno lo firmò Umberto di Savoia, il 28 settembre 1920 Guglielmo Marconi. Lo scienziato italiano scrive sopra la firma “Sperando di ritornare”, ed in effetti, cinque anni dopo, il 18 marzo 1925, egli mantenne la promessa e firmò ancora una pagina annotando “Sperando ancora di ritornare”; ma non venne più. Elena di Savoia duchessa di Aosta con Amedeo apposero la firma nel registro nel 1922, Mafalda e Giovanni di Savoia nel 1923, Richard Strauss il 9 maggio 1923, Sergio Voronoff nel 1924, il re di Spagna Alfonso XIII nel 1927, Luigi Pirandello il 16 gennaio 1928. Nei fogli che seguono vi sono firme di personalità variamente note, da quella di Himmler (che volle precisare i giorni della sua sosta, dal 20 novembre al 3 dicembre 1937), a quelle di Dino Grandi, Luigi Federzoni, Farinacei. Rodolfo Graziani aveva firmato una prima volta il registro il 24 febbraio 1938 aggiungendo al suo nome la qualifica di maresciallo d’Italia. Il 5 maggio 1953 (aveva 71 anni; morì due anni dopo) firmò con il solo cognome aggiungendo “semplice soldato d’Italia” e come spiegazione: “Caduca e vana è la gloria umana, ma santo sempre il sacrificio per l’onore della patria”. Si trovano nelle ultime pagine le firme di Vittorio Emanuele Orlando, di re Farouk, dell’arcivescovo americano Fulton Sheen, dello scrittore Thomas Mann, di John Ernst Steinbeck.Questo per quanto riguarda il passato. Oggi che si è perduta quasi del tutto l’abitudine di firmare nei registri, bisogna rifarsi alla cronaca per conoscere le presenze che contano. Ed è la cronaca a farci sapere che oggi il mondo della celluloide preferisce il San Domenico. Nelle varie edizioni della Rassegna internazionale del cinema, la manifestazione siciliana d’estate che si concludeva con la consegna dei David di Donatello, il San Domenico ha ospitato i più validi rappresentanti della cinematografia mondiale, da Marlene Dietrich a Susan Hayward, da Ingrid Bergman a Cary Grant, da Audrey Hepburn a Sophia Loren. Senza contare le apparizioni inattese, un po’ stravaganti. Qualche tempo fa entrò in albergo, riconoscibile con facilità ma incredibilmente vestita con blue-jeans e maglietta, Ava Gardner la quale era in compagnia di Adlai Stevenson e di altri amici. Laggiù, nel mare di Giardini, era all’ancora la “barca” della diva. Un’apparizione ugualmente rapida nello stesso albergo ha fatto Sam Spiegel, il favoloso magnate di Hollywood produttore di “Laurence d’Arabia”, in compagnia di un rumoroso gruppo di amici tra cui spiccava la figura sottile dell’attrice Romy Schneider. Unico loro desiderio, quello di gustare un piatto di spaghetti cucinati dal cuoco del San Domenico. Anche quella di Sam Spiegel costituiva la breve sortita da un panfilo rimasto ancorato nella sottostante baia. Due episodi, questi, che indicano la latitudine dell’attrazione esercitata dall’albergo e da Taormina. C’è da aggiungere che il cinema ha reso omaggio al San Domenico. Una notte di capodanno di alcuni anni fa il regista Michelangelo Antonioni, che si trovava nell’albergo già da alcuni giorni, notò in un grande salone, precedentemente svuotato per una festa, che la disposizione dei mobili raccolti in un angolo dava al locale un disperato senso di abbandono. Pregò allora di non toccare niente almeno per un giorno; e proprio in quella sala egli girò frettolosamente le ultime drammatiche sequenza del film L’Avventura. Curiosa è la storia della trasformazione del convento in albergo. Tanto la chiesa, oggi distrutta, quanto l’annesso convento furono edificati nel XV secolo a spese di un nobile catanese, il frate domenicano Damiano Rosso appartenente alla principesca famiglia dei Rosso di Altavilla.Nel 1430 il frate fece definitiva donazione di tutti i suoi beni al convento, ma pose una clausola il cui contenuto si conobbe solo nel 1886. Era l’anno del passaggio allo Stato dei beni ecclesiastici e pertanto anche del San Domenico allorquando il funzionario incaricato dallo stato si presentò all’ultimo frate rimasto, tentando di strappargli le chiavi di mano, il domenicano reagì rivelando un antico testamento agli eredi di Damiano Rosso. L’antica pergamena rimasta segreta fino ad allora diceva che il convento stesso sarebbe ritornato agli eredi qualora i monaci lo avessero abbandonato. Fu così che i Principi di Cerami eredi dei Rosso di Altavilla, poterono prendere possesso dell’edificio che successivamente venne trasformato in albergo.
  29. 29. g he History The San Domenico has exercised an enormous charm over its visitors since when, in 1896, it was transformed into a hotel. The parchment and golden decorated book, jealously kept in the hotel’s safe, is a clear example of Taormina’s history of tourism. The book begins with the Kaiser’s photograph and a date, 1905. There is not a sentence not even a signature, but it is supposed that the German Emperor came to the San Domenico and gave his photograph as a present. Next year, the 6th April 1906, King Edward of Britain and in 1913 the Grand Duke Paul of Russia, together with the countess of Hohenfelsen stayed at the hotel. Among these illustrious names you can find signatures of unknown Grand Dukes, Russian Princes and German Barons with never-ending names. The 10th April 1913 Anatole France signed the book; that same year it was signed by Umberto of Savoy and the 28th September 1920 by Guglielmo Marconi. Above his signature the Italian scientist wrote: “Hoping to come back”, in fact, five years later, it was the 18th March 1925, he kept his promise and signed the book once again and wrote: “Hoping to come back again”. But he never did.Elena of Savoy, duchess of Aosta, with Amedeo in 1922, Mafalda and Giovanna of Savoy in 1923, Richard Strauss the 9th May 1923, Sergio Voronoff in 1924, King Alphonse XIII of Spain in 1924, Luigi Pirandello the 16th January 1928, they all affixed their signatures on the book. On the following pages of the book are the signatures of well-known personalities such as Himmler (who wanted to state the date of his stay, from November 20th to December 3rd 1937), Dino Grandi, Luigi Federzoni, Farinacci. Rodolfo Graziani had once signed the book the 24th February 1938 adding to his name the title of Marshall of Italy. On May 5th 1953 (he was 71 and died two years later) Graziani signed the book with only his surname adding “private soldier of Italy” and to explain his statement he wrote: “Human glory is fleeting and vain but blessed is the sacrifice to honor one’s country”. On the last pages of the book are the signatures of Vittorio Emanuele Orlando, King Farouk, the American archbishop Fulton Sheen, the writer Thomas Mann, and John Ernst Steinbeck. This is all in the past. Nowadays, the habit of signing the book has been lost and if we want to study personalities we have to go back to the news. It is actually the news which tells us that the motion-picture industry prefers the San Domenico. During the various editions of Taormina’s International Film Festival, the Sicilian Summer exhibition that used to award the David of Donatello, the San Domenico has given hospitality to cinema personalities of world-wide fame such us Marlene Dietrich, Susan Hayward, Ingrid Bergman, Cary Grant, Liz Taylor, Richard Burton, Audrey Hepburn and Sophia Loren. Not to say that there have been unexpected and extravagant appearances. Some time ago, Ava Gardner came into the hotel together with Alai Stevenson and some other friends. One could easily tell it was her, but she was surprisingly wearing a T-shirt and jeans. She only came in to have a quick look at the hotel since her “boat” was at anchor in the bay below. Last summer Sam Spiegel, the fabulous Hollywood tycoon, producer of “Lawrence of Arabia”, paid a short visit to the hotel. Together with him was a noisy gathering, among which Romy Schneider’s slender shape stood out. Their only wish was that of tasting a dish of spaghetti cooked by the San Domenico’s chef. Sam Spiegel’s visit was too a fleeting coming out of a yacht anchored in the bay of Giardini. These two events show how great is the attraction exercised by the hotel and by Taormina. Another homage paid to the San Domenico by the world of cinema is due to the director Michelangelo Antonioni. During his stay at the San Domenico, he noticed that in one of the big halls, which had previously been cleared out for a party, the disposition of furniture gathered in a corner, gave the room a desperate feeling of desolation. He then asked us not to touch anything for at least one day and exactly in that room he quickly shot the last dramatic sequences of the film “The Adventure”. The story of the conversion of the monastery into a hotel is strange. Both the church, which has been destroyed, and the annexed monastery were built in the XV century at the expense of a nobleman from Catania, the Dominica friar Damiano Rosso, belonging to the princely family of the Rosso from Altavilla. In 1430 the friar made deed of gift of all his properties to the monastery, but he set a clause whose content was known only in 1866.It was the year in which clerical properties were handed down to the State and thus the officer in charge of taking into possession of the monastery of San Domenico arrived. But the representative of the new- born Italian State tried to snatch the keys of the monastery out of the hands of Vincenzo Bottari Cacciola, the latest friar remained among the ancient walls. It was then that the friar, indignant for such a rude action “took his revenge revealing to Damiano Rosso’s noble heirs a sealed and unknown will”. This secret parchment stated that the monastery would have been given back to the heirs if the friars has abandoned it. It was then that the princes of Cerami, the Rosso from Altavilla’s heirs, were able to take possession of the building, which was later transformed into a hotel.
  30. 30. V ome raggiungerci DA PALERMO (A19) Autostrada A19 direzione Catania (190 km). Nelle vicinanze di Catania, imboccare la A18 direzione Messina. Uscire a Taormina Continuare per Taormina/Castelmola (Non Taormina Mare). Sulla rotonda (Dopo il parcheggio Lumbi) entrare in galleria e all’uscita continuare a salire verso Porta Catania, Proseguire in via Domenico Di Leo, quindi arrivo a destinazione. DA CATANIA, AEROPORTO FONTANA ROSSA (CTA) Autostrada A18 direzione Messina. Uscire a Taormina. Continuare per Taormina / Castelmola (Non Taormina Mare). Sulla rotonda (Dopo il parcheggio Lumbi) entrare in galleria e all’uscita continuare a salire verso Porta Catania, Proseguire in via Domenico Di Leo, quindi arrivo a destinazione. DA MESSINA (A18) Autostrada A18 direzione Catania. Uscire a Taormina. Continuare per Taormina / Castelmola (Non Taormina Mare). Sulla rotonda (Dopo il parcheggio Lumbi) entrare in galleria e all’uscita continuare a salire verso Porta Catania, Proseguire in via Domenico Di Leo, quindi arrivo a destinazione. San Domenico dispone di un parcheggio non custodito. Essendo la zona a traffico limitato, sono possibili controlli / blocchi della polizia o vigili. Indicare al vigile che si tratta di un ospite del San Domenico. Attenzione, il navigatore gps non aggiornato, potrebbe indicare la zona non accessibile alle auto. [ ow to reach us FROM PALERMO (A19) Motorway A19 to Catania (190 km). On approaching Catania, take the A18 to Messina. Exit at Taormina. Proceed to Taormina/Castelmola (Not Taormina Mare). At the roundabout (following Lumbi Parking) enter the tunnel and at the exit proceed towards the Porta Catania, proceed into Via Domenico Di Leo, where you will reach your destination. FROM CATANIA, FONTANA ROSSA AIRPORT (CTA) Motorway A18 to Messina. Exit at Taormina. Proceed to Taormina / Castelmola (Not Taormina Mare). At the roundabout (following Lumbi Parking) enter the tunnel and at the exit proceed towards the Porta Catania, proceed into Via Domenico Di Leo, where you will reach your destination. FROM MESSINA (A18) Motorway A18 to Catania. Exit at Taormina. Proceed to Taormina/Castelmola (Not Taormina Mare). At the roundabout (following Lumbi Parking) enter the tunnel and at the exit proceed towards the Porta Catania, proceed into Via Domenico Di Leo, where you will reach your destination. San Domenico has an unattended car-park. Since this is a limited traffic zone, it is possible that there are road checks/blocks by the police or wardens. Advise the warden that you are a guest at the San Domenico. Caution, a non-updated GPS may indicate that the area is not accessible to cars.
  31. 31. Piazza San Domenico, 5 98039 Taormina | Messina | Italy Tel. +39 0942 613111 | Fax. +39 0942 613 111 www.amthotels.it SAN DOMENICO PALACE HOTEL TAORMINA

×