Your SlideShare is downloading. ×
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale torrisi

1,809

Published on

GLUP_Gardone_Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale - G. Torrisi

GLUP_Gardone_Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale - G. Torrisi

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,809
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
29
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Torrisi G., Ettore G., Minini G.F., Bernasconi F., Trezza G., Perrone A., Marchesoni D., Ferraro S., Guardabasso V . DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE U.O. Ginecologia e Ostetricia Direttore: Prof. Giuseppe Ettore ARNAS “GARIBALDI-NESIMA ” Catania Studio epidemiologico multicentrico italiano sulla disfunzione perineale
  • 2.
    • Centri partecipanti:
    • ARNAS Garibaldi-Nesima Catania
    • Ospedale Civile - Brescia
    • Ospedale Civile - Desio
    • Ospedale V. Fassi - Lecce
    • Ospedale S.Maria della Misericordia - Udine
    • Ospedale Loreto Mare- Napoli
    • Consulenza statistica: V.Guardabasso, Azienda Policlinico -Catania
  • 3. PREGNANCY, CHILDBIRTH AND THE PELVIC FLOOR
    • … . Female pelvic floor dysfunction is
    • integral to the woman’s role in
    • the reproductive process….
    • … .”In spite of the great advances that have been made in many areas of obstetric care, ignorance still persists regarding the fundamental physiological facts about the impact of pregnancy and delivery on lower urinary tract function”
  • 4.
    • studio globale delle disfunzioni perineali a 3 e 12 mesi dopo il parto
    • prevalenza ed impatto sulla qualità di vita della donna
    Obiettivi Individuazione dei fattori di rischio di tipo costituzionale ed ostetrico costruire uno score di rischio da utilizzare nei reparti di maternità
  • 5. Materiali e metodi
    • nullipare che hanno partorito consecutivamente pressoi i Centri partecipanti
    • Criteri di inclusione
    • Qualunque etnia
    • gravidanza a termine (37-42 sett.)
    • Parto vaginale spontaneo
    • Parto vaginale operativo mediante VE o Forcipe
    • Taglio cesareo a termine di elezione o per anomalie del travaglio o per sofferenza fetale.
    • Criteri di esclusione
    • Pregressa chirurgia del pavimento pelvico
    • Anamnesi positiva per infezioni ricorrenti delle vie urinarie o malformazioni dell’apparato urinario
    • Presenza di significative patologie mediche (ipertensione pregravidica, diabete, cardiopatie, malattie del collageno, malattie neurologiche )
  • 6.
    •   Fattori costituzionali
    • Familiarità positiva (madre e sorelle) per
    • incontinenza urinaria /anale o prolasso urogenitale
    • Peso kg___
    • Altezza cm___
    • Incremento ponderale in gravidanza Kg___
    • Fumo
    • Tosse cronica
    • Attività lavorativa________________________________
  • 7.
      • Stipsi
    • Frequenza evacuazioni score
    • 1-2 ogni 1-2 giorni (0)
    • 2 volte la settimana (1)
    • 1 volta a settimana (2)
    • meno 1 volta al mese (3)
    • meno 1volta al mese (4)
    • sensazione di evacuazione incompleta:
    • mai (0)
    • raramente (1)
    • qualche volta (2)
    • di solito (3)
    • sempre (4)
    • minuti passati in bagno per evacuare :
    • <5 (0)
    • 5-10 (1)
    • 10-20 (2)
    • 20-30 (3)
    • >30 (4)
  • 8. travaglio
    • fisiologico
    • indotto : amniorexi /ossitocina /prostaglandine
    • Trattamento attivo del travaglio : amniorexi /ossitocina
    • Durata fase attiva : min__
    • Durata fase pelvica : min.__
  • 9.
    • Parto vaginale :
    • spontaneo
    • V.E : Arresto della progressione / sofferenza fetale
    • Forcipe: Arresto della progressione / sofferenza fetale
    • manovra Kristeller
    • Manovra di disimpegno delle spalle
    • Taglio cesareo :
    • elettivo
    • in fase attiva
    • in periodo espulsivo
    • per cause fetali
    Parto
  • 10.
    • Intatto
    • Episiotomia
    • mediana
    • medio-laterale
    • Lacerazioni vagino-perineli
    • 1°-2° grado
    • 3° grado
    • 4° grado
    • Qualità cicatrice episiotomica:
    • Normale[ ] Infetta[ ] Ematoma [ ]
    • Inadeguata riparazione dell’episiorrafia
    • Inadeguata riparazione delle lacerazioni perineali
    • Neonato
    • Peso Kg
    • Circonferenza cefalica cm
    Perineo
  • 11. Piano di studio
    • In post-partum
    • a 3 e 12 mesi
    • International Consultation on incontinence Questionnaire –Short-form (ICIQ-SF) :
    • rilevamento dell’incontinenza urinaria e dell’impatto sulla qualità di vita Score:0-21
    • Continent grading system di Wexner :
    • rilevamento dell’incontinenza anale Score:0-20
      • Questionario soggettivo di sessualità ( Score 0-12)
      • Es.Uroginecologico ( Half Way Sistem, Qtip test)
  • 12.
    •  
    •   Le saremmo grati se rispondesse alle seguenti domande facendo riferimento a come si è sentita negli ultimi 3 mesi
    • 1 ) Frequenza rapporti:
    • assenti [ ] poco frequenti [ ] abbastanza frequenti [ ] molto frequenti[ ]
    •  
    • 2) Desiderio ai rapporti:
    •   Nessuno [ ] scarso [ ] sufficiente [ ] molto[ ]
    •  
    • 3) soddisfazione ai rapporti:
    •   Nessuna [ ] scarsa [ ] sufficiente [ ] molto buona [ ]
    •  
    • 4) dolore ai rapporti:
    •   Nessuno [ ] modesto [ ] notevole [ ] molto forte [ ]  
    Questionario soggettivo sulla sessualità:
  • 13. Materiali e metodi
    • L’analisi statistica univariata dei fattori di rischio è stata effettuata utilizzando il test chi quadro
    • i risultati sono stati espressi come “ Odds ratio ” (OR: rapporto degli odds , che stimano le probabilità di malattia in presenza ed assenza del fattore considerato) per ogni fattore con i limiti di confidenza al 95%(L.C 95%).
    • .
  • 14. Risultati Caratteristiche del campione
    • numero di donne 960
    • età media 29.8 (SD 5,6)
    • BMI 23.9 (S.D 4,5)
    • Età gestazionale 39.5 (SD 1,5)
    • Travaglio fisiologico 253 (26%)
    • Travaglio indotto : 222 (23%)
    • Prostaglandine 124 (13%)
    • Ossitocina 41 (4. %)
    • Amniorexi 57 ( 6%)
    • Trattamento attivo del travaglio 306 (32%)
    • Ossitocina 141 (14.6)
    • Amniorexi 136 (14%)
    • Ossitocina + amniorexi 29 (3%)
    • fase attiva del travaglio (minuti) 243 (229-258) 95% CI
    • Fase pelvica 33 (31-35) 95% CI
  • 15. parto
    • parto vaginale spontaneo : 541 56%
    • applicazione di V.E. 47 5%
    • Forcipe 1 0.1%
    • Man. disimpegno spalle 3 0.5%
    • Taglio cesareo 368 38%
    • Elettivo 179 18.7%
    • In travaglio: 189 19.7%
    • Distocia del travaglio. 68 7%
    • Cause fetali 121 12.7%
    • Peso medio del neonato 3265 (SD 460)
  • 16. Risultati Incontinenza urinaria
    • post-partum 3mesi 12 mesi
    • n. donne 960 744 475
    • Prevalenza
    • risolve spontaneamente nel 50% dei casi
    • Epoca di insorgenza:
    • già presente in gravidanza 70 %
    • de novo 30%
    • ICIQ-SF score a 12 mesi = 8 (range 3-16)
    • Modesto impatto sulla qualità di vita delle donne
    • Le forme più gravi sono quelle ad insorgenza gravidica
    161 - 21% 327 - 34% 48 - 10.1%
  • 17. Tipo di incontinenza
    • %
    • Stress 65
    • Urge 12.8
    • Mixed 5.1
    • Enuresis 0.9
    • Post-mictional
    • dribbling 4.2
    • Other 12
  • 18. Incontinenza urinaria e modalità di parto
    • 3 mesi 12 mesi
    • Parto vaginale 25%
    • Taglio cesareo : 9 %
    • TC elettivo 10.9% 8%
    • TC in travaglio 7.8% 7.2%
    10.6% 7.7%
  • 19. Severità del sintomo e modalità di parto
    • PS TC
    • Lieve 5.5% 2.7
    • Moderata 4.4% 4.4%
    • Grave 0.5% 0.7%
  • 20. Incontinenza anale
        • post-partum 3mesi 12 mesi
    • 960 744 475
    • Prevalenza 255- 26% 121- 16% 49- 10.3%
    • tipologia
    • gas 8%
    • liquidi 2%
    • solidi 0.3%
    • Insorgenza in egual misura in gravidanza e dopo il parto
    • Score di Wexner : a 12 mesi - mediana 1 ( range 1-12)
    • Modesto impatto sulla qualità di vita
    • il 25% delle donne sintomatiche presenta forme associate di IU ed IA
  • 21. POP
    • A 12 mesi l’ 11% delle donne con PV presenta un descensus del segmento anteriore di grado 1° o 2° (Half Way Sistem)
    • Ipermobilità uretrale nel 32% del campione in esame
    • Significativa correlazione tra descensus anteriore,ipermobilità uretrale ed incontinenza urinaria persistente
  • 22.
    • score sessuologico
    • post-partum 3 mesi 12 mesi
    • <6 36.8% 27.6% 20.6%
    Score sessuologico e Tipo di parto PS: mediana 6 (range 0-12) PO: mediana 5 ( range 0-8) TC: mediana 6 (range 0-11) Score sessuologico ed IU o IA Don ne con IU ed IA: 6 (range 0-7) Donne sane: 6 (range 0-12)
  • 23.
    • urinay incontinence anal incontinence
    • p* p*
    • Age ns ns
    • BMI before pregnancy
    • >30 < 0.05 <0.05
    • Coexisting factors
    • Chronic cough < 0.05 ns
    • Smoke <0.05 ns
    • Constipation < 0.05 ns
    • Hard jobs ns ns
    • Familiarity < 0.05 <0.05
    • incontinence:
    • b efore pregrancy < 0.05 < 0.05
    • in pregnancy <0.05 <0.05
    Risk of urinary or anal incontinence in relation to different constitutional factors. Evaluation at 3 months univariate analysis
  • 24. Risk of urinary or anal incontinence in relation to different obstetric variables at 3 months
    • urinary incont. Anal incont.
    • P P
    • Labour
    • Physiologic ns ns
    • Induced ns ns
    • With active treatment ns ns
    • Pelvic phase ns ns
    • Mode of delivery <0.05 ns
    • Vaginal/Caesarean
    • Perineum
    • Intact ns ns
    • Laceration ns ns
    • Episiotomy ns < 0.005
    • Birth weight (> 3800 grams) ns ns
    • Head circumference (> 35 cm) ns ns
  • 25. Risk of urinary or anal incontinence in relation to different constitutional factors Evaluation at 12 months . univariate analysis
    • UI IA
    • p* p*
    • Age ns ns
    • BMI before pregnancy
    • >30 ns 0.04
    • Chronic cough ns ns
    • Smoke ns ns
    • Constipation ns 0.04
    • Hard jobs ns ns
    • Familiarity ns 0.008
    • Incontinence:
    • Before pregrancy 0.05 ns
    • In pregrancy 0.05 0.05
    • At 3 month 0.0005 0.0005
  • 26. Urinary and anal incontinence obstetrical factors Evaluation at 12 months . univariate analysis
    • UI IA
    • p* p*
    • Labour ns ns
    • Mode of delivery ns ns
    • Episiotomy ns 0.05
  • 27. conclusioni
      • Il parto vaginale si conferma il più importante fattore di rischio ostetrico riconosciuto per incontinenza urinaria a breve termine
    • Le donne cesarizzate hanno un rischio a 3 mesi 3 volte inferiore di sviluppare il sintomo
    • A 12 mesi la differenza di incidenza di IU tra donne cesarizzate e non permane, ma non è statisticamente
    • significativa
    • La modalità di parto non influisce sullo sviluppo dell’incontinenza anale
  • 28. conclusioni
    • tutti gli altri fattori ostetrici hanno rilevanza non determinante sullo sviluppo dell’incontinenza Urinaria ed anale
    • … ad eccezione dell’episiotomia che è fattore di rischio significativo per l’incontinenza anale
  • 29. conclusioni Ruolo determinante fattori costituzionali: BMI e familiarità presenza del sintomo in gravidanza ed a 3 mesi
  • 30. D. Altman . Risk of urinay incontinence after childbirth A 10 –year prospective cohort study Obstet&Gynecol 2006
    • forte associazione tra incontinenza e parto vaginale a breve e medio termine
    • Livello di evidenza: II-2
    L.M. Dolan Obstetric risk factors and pelvic floor dysfunction 20 years after first delivery Int Urogynecol J 2010 L’Obesità è il fattore di rischio più rilevante nello sviluppo delle disfunzioni perineali Il TC ha un effetto protettivo incompleto (25% UI e 12% FI) Nessuno associazione con le variabili ostetriche
  • 31.
    • I fattori ostetrici hanno un ruolo importante sulla prevalenza dell’IU ed in particolare di quella da sforzo nelle donne in pre-menopausa
    • La loro influenza in post-menopausa viene vanificata da altri determinati quali l’età e l’ipoestrogenismo
    B. PREGNANCY, CHILDBIRTH AND THE PELVIC FLOOR ICS 2009 The protective effect of caesarean on urinary incontinence may dissipate after further deliveries, decreases with age, and is not present in older women . Rotveit G. EPINCONT study Obstet GYnecol 2001
  • 32.  
  • 33. Prevenzione in puerperio Gruppo a basso rischio : nessun fattore di rischio, assenza di segni funzionali, esame clinico normale Gruppo ad alto rischio : presenza di incontinenza e/o prolasso Gruppo a medio rischio : presenza di fattori di rischio, segni funzionali transitori, descensus urogenitale
  • 34.  

×