Silicio Cristallino e Amorfo

2,936 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,936
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
64
Actions
Shares
0
Downloads
64
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Silicio Cristallino e Amorfo

  1. 1. Confronto tra cristallino e film sottile Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  2. 2. Confronto tra cristallino e film sottile Agenda 1 Le differenze 2 La scelta 3 Conclusione 4 Back ups Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  3. 3. Confronto tra cristallino e film sottile 1.Vantaggi Cristallino  migliore efficienza (>13 ÷ 14 %)  Tensione MPP più contenuta  adatto a qualsiasi tipo di inverter (con e senza trasformatore)  Idoneo per applicazioni ad inseguimento Film sottile  migliore captazione luce diffusa  prestazioni stabili all’aumentare della temperatura (-0,20 ÷ - 0,25 %/K°)  maggiore adattabilità in caso di superfici non perfettamente orientate o inclinate Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  4. 4. Confronto tra cristallino e film sottile 2. Svantaggi Cristallino  basse performance se tilt e azimuth non ottimali  maggiori perdite in caso di ombreggiamento parziale Film sottile  Solo inverter con trasformatore (silicio amorfo)  Polo negativo a terra (silicio amorfo)  Basse correnti e alte tensioni di MPP  I danni (Hot Spot) dovuti a ombreggiamento parziale possono risultare permanenti Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  5. 5. Confronto tra cristallino e film sottile Agenda 1 Le differenze 2 La scelta 3 Conclusione 4 Back ups Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  6. 6. Confronto tra cristallino e film sottile 1.€/Wp o c€/kWh?  In un regime di conto energia, il parametro alla base della decisione di investire è la tariffa incentivante ottenuta in base alla produzione di energia elettrica  Il rendimento finanziario di un impianto dipende quindi da: - Costo investimento (€/kWp) - O&M (€/kWp) - Altri costi - Performance impianto (kWh/kWp) - tempo di vita del sistema Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  7. 7. Confronto tra cristallino e film sottile 2. ROI (?) Lower Maint- nt enanc tme Lower ves of I n e Syste Costs u rn Longer m Ret Highe System Costs r Life Energ Cycle y Outpu t Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  8. 8. Confronto tra cristallino e film sottile 3. €/Wp Il costo investimento (€/kWp) è riconducibile principalmente a:  Costo dei moduli  Costo BOS, che a sua volta dipende dal modulo nella misura di: Efficienza o P/m² che determina lo spazio necessario Densità di P o P/m che determina il costo delle strutture di supporto Rapporto potenza/tensione e Tensione Massima che determina il costo lato DC Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  9. 9. Confronto tra cristallino e film sottile 4. €/Wp (2) Costo O&M è proporzionale  alla potenza installata  alla superficie occupata  al numero di moduli Altri costi  affitto/acquisto terreni  parametri determinanti in ambito autorizzativo come rapporto superficie radiante / superficie occupata L’uso di una tecnologia al film sottile deve compensare ovviamente lo svantaggio in termini di costi BOS e costi operativi nel confronto della tecnologia cristallina Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  10. 10. Confronto tra cristallino e film sottile 5. c€/kWh La producibilità dell’impianto kWh/kWp è funzione di:  Radiazione incidente  Temperatura ambiente  Orientamento della superficie disponibile  Inclinazione della superficie disponibile  Accoppiamento moduli-inverter Il calcolo della producibilità diventa il fattore determinante per la scelta della tecnologia e il miglioramento del conto economico. Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  11. 11. Confronto tra cristallino e film sottile 6. Esempio (1) INPUT  Capannone industriale  Bassa pendenza del tetto (comunque maggiore del 5%)  Orientamento non ottimale  Ampia superficie disponibile  Tariffa tipologia impianto parzialmente integrato CRITERI DI SCELTA TECNOLOGIA  Modulo idoneo a installazioni a pendenze inferiori al 10%  Performance indipendente da orientamento e inclinazione RISULTATO: Modulo al film sottile senza cornice Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  12. 12. Confronto tra cristallino e film sottile 7. Esempio (2) INPUT  Capannone industriale  Tetto piano (pendenza inferiore al 5%)  Superficie disponibile limitata  Consumi energetici elevati  Tariffa tipologia impianto parzialmente integrato CRITERI DI SCELTA TECNOLOGIA  Massima potenza installabile  Contenimento costi per migliore offerta economica  Struttura di supporto idonea RISULTATO: Modulo cristallino Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  13. 13. Confronto tra cristallino e film sottile 8. Esempio (3) INPUT  Centrale su terreno  Miglior risultato economico  Nessun vincolo tecnologico CRITERI DI SCELTA TECNOLOGIA  Miglior rapporto qualità/prezzo  Contenimento costi per migliore offerta economica  Idonea densità di potenza  Alte performance RISULTATO: ? Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  14. 14. Confronto tra cristallino e film sottile Agenda 1 Le differenze 2 La scelta 3 Conclusione 4 Back ups Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  15. 15. Confronto tra cristallino e film sottile 8. Conclusioni Non esiste una regola generale che dia indicazioni su quale sia la migliore soluzione o la migliore tecnologia La scelta è funzione di diversi parametri In generale però bisogna considerare nella scelta del modulo che: - Migliore è l‘efficienza, minori sono i costi di BOS e d‘installazione - Maggiore è la grandezza, minori sono i costi di BOS e d‘installazione - Minore è il coefficiente di temperatura, maggiore è la producibilità del campo FV - Proporre film sottile non equivale a dire bassa efficienza Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  16. 16. Confronto tra cristallino e film sottile Agenda 1 Le differenze 2 La scelta 3 Conclusione 4 Back ups Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  17. 17. Confronto tra cristallino e film sottile Trend ratio moduli PSAG 100% 90% 80% 42,8% 40% Crystalline 52,1% 48,1% 70% 60% 79,7% 78,5% 83,1% 50% 100% 40% 30% 57,2% 60% 47,9% 51,9% Thin-film 20% 10% 20,3% 21,5% 16,9% 0% 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  18. 18. Confronto tra cristallino e film sottile Confronto produzione confronto tilt 7° 180 160 140 120 kWh/kWp /mese 100 film sottile 80 cristallino 60 40 20 0 apr- mag- giu- lug- ago- set- ott-09 nov- dic- gen- feb- 09 09 09 09 09 09 09 09 10 10 Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  19. 19. Confronto tra cristallino e film sottile Confronto (2) Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  20. 20. Confronto tra cristallino e film sottile Back up Effetto ombreggiamento TF Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  21. 21. Confronto tra cristallino e film sottile Back up Effetto ombreggiamento TF Situazione non critica: Situazione critica: Perdita limitate dovute a Perdite rilevanti (come CrSi) e ombreggiamento area rischio Hot SPot Antonio Ruta – GIFI, Parma, 26 marzo 2010
  22. 22. www.gifi-fv.it Grazie per l'attenzione Il GIFI: verso l'economia solare

×