Presentazione Natalizia Evento 19 febbraio 2013

  • 711 views
Uploaded on

Tutti i benefici del FV, obiettivi dell'industria e proposte per lo sviluppo del settore

Tutti i benefici del FV, obiettivi dell'industria e proposte per lo sviluppo del settore

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
711
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
53
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Fotovoltaico 2.0: proposte per losviluppo del settore oltre gli incentiviValerio Natalizia, Presidente ANIE/GIFIMilano, 19 febbraio 2013
  • 2. Indice dei contenuti I benefici Burocrazia e semplificazione Obiettivi dell’industria fotovoltaica Proposte per le forze politiche Conclusioni
  • 3. GIFI in pilloleAderente ad ANIE-ConfindustriaDa 14 anni a supporto dell’industria fotovoltaica italiana: produttori, distributori,integratori di componenti fotovoltaici, EPC, progettisti e installatoriIl principale interlocutore dell’industria FV presso le IstituzioniOltre il 60% del mercato nazionaleSede a Milano
  • 4. Indice dei contenuti I benefici Burocrazia e semplificazione Obiettivi dell’industria fotovoltaica Proposte per le forze politiche Conclusioni
  • 5. I benefici del fotovoltaico Aumento della potenza cumulata = INDIPENDENZA IMPORT Aumento del numero di impianti = OCCUPAZIONE(fonte: GSE, Gennaio 2013)
  • 6. I benefici del fotovoltaico Sempre più impianti piccoli = GENERAZIONE DISTRIBUITA(fonte: GSE, Gennaio 2013)
  • 7. I benefici del fotovoltaico A fine 2012 l’energia fotovoltaica rappresentava 5,63% della domanda elettrica nazionale (8,64% ad agosto) 6,43% della produzione elettrica nazionale (8,97% ad agosto)
  • 8. I benefici del fotovoltaico L’elevato prezzo dell’elettricità NON dipende dal FV(fonte: Legambiente, 2012)
  • 9. I benefici del fotovoltaico L’elevato prezzo dell’elettricità NON dipende dal FV(fonte: Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, 2013)
  • 10. I benefici del fotovoltaico L’elevato prezzo dell’elettricità NON dipende dal FV Utenti residenziali(Fonte: Eurostat 2011)
  • 11. I benefici del fotovoltaico L’elevato prezzo dell’elettricità NON dipende dal FV Utenti industriali(Fonte: Eurostat 2011)
  • 12. I benefici delle FER elettriche Nel 2011: • Riduzione di 2,5 mld € per importazioni di gas; • Riduzione di 18 mln tonnellate di CO2; • Risparmio di 400 mln € per effetto «peak shaving». Nel 2012: • Giorno di pasquetta: 64% della produzione elettrica con punte del 94% in Sicilia soddisfatta dalle rinnovabili; • Nel momento di picco il prezzo dell’elettricità era pari a 0 in Sicilia.
  • 13. I benefici del fotovoltaico Effetto positivo sul prezzo dell’energia elettrica Il prezzo di acquisto dell’energia elettrica nella borsa italiana (PUN), con 64,49 €/MWh (-19,2 % su base annua), si conferma sui livelli più bassi degli ultimi due anni; Nel primo mese del 2013 il prezzo medio di acquisto (PUN), con una flessione di 2,51 €/MWh (-3,7% su dicembre 2012) e di 15,37 €/MWh (-19,2% su gennaio 2012), si è portato a 64,49 €/MWh. L’analisi per gruppi di ore rivela un calo su base annua di 19,12 €/MWh (-20,1%) nelle ore di picco e di 13,89 €/MWh (-19,3%) nelle ore fuori picco. (fonte: GME, 2013)
  • 14. I benefici del fotovoltaico Posti di lavoro nel FV in Italia Investimenti nel FV in Italia Minori sono gli investimenti ed i posti di lavoro, minori sono le entrate per le casse dello Stato (fonte: elaborazione ANIE/GIFI su dati Energy & Strategy Group, 2012)
  • 15. I benefici del fotovoltaico Posti di lavoro indotti dal FV in Italia: ca 100.000 | eta media < 35 anni  Nel mondo 435mila posti di lavoro diretti e circa 1 milione indiretti; Produttori di materiali  In Europa 265mila posti di lavoro diretti elettronici e (crescita annuale del 10/20%); trafilerie, elettrici smaltitori Distributori, In Italia 2011: amianto, integratori e  18mila posti di lavoro diretti e circa coperturisti, società diprefabbricator ingegneria 80mila indiretti; Fotovoltaico i ecc.  Crescita dell’11% nel settore installazione impianti; imprese di istituti di credito, In Italia 2012: costruzioni compagnie  almeno 6mila posti di lavoro persi lungo edili assicurative, studi legali, tutta la filiera. fiscali e notarili (fonte: elaborazione dati ANIE/GIFI, EPIA e ATKearney, Confartigianato, 2012)
  • 16. I benefici del fotovoltaicoRiduzione dei costi degli impianti Riduzione del 22% del prezzo dei moduli FV ogni volta che la capacità installata raddoppia; (fonte: elaborazione dati ANIE/GIFI, EPIA e ATKearney, 2012) 2008 prezzo 1 kWp 7.000 € -72% 2013 prezzo 1 kWp 2.000 €
  • 17. I benefici del fotovoltaicoBENEFICI AMBIENTALI: Riduzione emissioni gas serra In Europa 1,2 cent€/kWh equivalenti possono essere risparmiati generando elettricità con il fotovoltaico con effetto positivo verso i CAMBIAMENTI CLIMATICI;Indipendenza dalle importazioni di COMBUSTIBILI FOSSILI  Risparmio generato dall’utilizzo della tecnologia fotovoltaica stimabile in 1,5/3,1 cent€/kWh; (fonte: elaborazione dati ANIE/GIFI, EPIA e ATKearney, 2012)
  • 18. Indice dei contenuti I benefici Burocrazia e semplificazione Obiettivi dell’industria fotovoltaica Proposte per le forze politiche Conclusioni
  • 19. Burocrazia e semplificazione I continui cambi normativi 2010  Salva Alcoa 2011  3° Conto Energia  Decreto Rinnovabili  4° Conto Energia  Delibera ARG/elt 103/11, Definizione del valore dei prezzi minimi garantiti 2012  5° Conto Energia  Norma CEI 0 – 21  Norma CEI 0 – 16  Emendamento “Salva PA”  Consorzi riciclo moduli FV
  • 20. Burocrazia e semplificazione I continui cambi normativi 2012  Delibera 84/2012/R/eel, Interventi urgenti relativi agli impianti di produzione di energia elettrica, con particolare riferimento alla generazione distribuita, per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale  Delibera 175/2012/R/EEL, Revisione dei fattori percentuali convenzionali di perdita di energia elettrica applicati all’energia elettrica immessa nelle reti di bassa e media tensione dagli impianti di generazione distribuita  Delibera 165/2012/R/eel, Individuazione dei valori definitivi dei premi riconosciuti nel caso di interventi di retrofit sui sistemi di protezione di interfaccia degli impianti di generazione distribuita. Aggiornamento della deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas 8 marzo 2012, 84/2012/R/eel  Delibera 226/2012/R/EEL, Disposizioni urgenti in materia di prenotazione della capacità di rete a seguito delle ordinanze 16 maggio 2012, nn 1879, 1880, 1991, 1906, 1907, 1909, 1911, 1912, 1913, 1914, 1915, 1916, e 24 maggio 2012 nn. Da 2004 a 2019, del Consiglio di Stato
  • 21. Burocrazia e semplificazione I continui cambi normativi 2012  Delibera 281/2012/R/EFR, Revisione del servizio di dispacciamento dell’energia elettrica per le unità di produzione di energia elettrica alimentate da fonti rinnovabili non programmabili  Delibera 328/2012/R/EEL, Disposizione di attuazione della Deliberazione dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas 226/ 2012/R/eel, relative alla saturazione virtuale delle reti elettriche  Delibera 344/2012/R/eel, Approvazione della modifica all’Allegato A70 e dell’Allegato A72 al Codice di rete. Modifica della deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas 8 marzo 2012, 84/2012/R/eel  Delibera 493/2012/R/EFR, Approvazione delle modalità per l’attribuzione dei corrispettivi di sbilanciamento e dei corrispettivi a copertura dei costi amministrativi da attribuire ai produttori in regime di ritiro dedicato e di tariffa fissa onnicomprensiva.  Delibera 562/2012/R/eel, Ulteriori interventi relativi agli impianti di generazione distribuita per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale. Modifiche alla deliberazione 84/2012/R/eel  Delibera 570/2012/R/EEL, Testo Integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per l’erogazione del servizio di scambio sul posto: condizioni per l’anno 2013
  • 22. Burocrazia e semplificazione Fonte Atlasole GSE: Elaborazione Enerpoint - 20 gennaio 2013 L’impatto sul mercato dei continui cambi normativi
  • 23. Burocrazia e semplificazione L’impatto economico della burocrazia(fonte: EPIA, PVLegal, 2012)
  • 24. Indice dei contenuti I benefici Burocrazia e semplificazione Obiettivi dell’industria fotovoltaica Proposte per le forze politiche Conclusioni
  • 25. Obiettivi dell’industria fotovoltaicaSviluppo della generazione distribuita;Ammodernamento delle infrastrutture di rete ed interconnessioneeuropea;Ricerca, sviluppo ed innovazione tecnologica (smart grids, sistemi diaccumulo, etc);Razionalizzazione della bolletta elettrica;Competitività del settore oltre gli incenitvi (grid parity);Stabilità normativa e chiarezza delle regole;Snellimento della burocrazia;Internazionalizzazione delle imprese.
  • 26. Indice dei contenuti I benefici Burocrazia e semplificazione Obiettivi dell’industria fotovoltaica Proposte per le forze politiche Conclusioni
  • 27. Proposte per le forze politicheMisure urgenti Chiarimento sulla detrazione fiscale prevista per la ristrutturazione edilizia (per persone fisiche) Possibile estensione della detrazione alle persone giuridiche e/o ampliamento incentivi per impianti fino a 200 kWp; Facilitazione dell’accesso al credito per le aziende attraverso un fondo rotativo (es. Fondo rotativo Kyoto); Modello unico semplificato per le procedure autorizzative e di connessione alla rete; Ampliamento dello Scambio sul Posto fino a 1 MW; Pubblicazione delibere su SEU e RIU.
  • 28. Proposte per le forze politicheInterventi di medio termine: politica industriale Sgravi fiscali sulle assunzioni da parte delle imprese; Bandi dedicati all’erogazione di finanziamenti a tassi agevolati per gli investimenti manifatturieri (anche bandi EU); Detrazioni fiscali sui ricavi della produzione di energia elettrica da fotovoltaico; Introduzione di meccanismi di premialità per la programmabilità (non solo oneri di sbilanciamento) della produzione elettrica a favore dell’evoluzione della rete (smart grids, sistemi di accumulo, etc).
  • 29. Proposte per le forze politicheInterventi di medio termine Costituire una cabina di regia nazionale che tracci gli indirizzi di sviluppo nella ricerca del settore della green economy, favorendo le eccellenze pubbliche e private; Costruire un nuovo sistema per la promozione delle imprese italiane all’estero; Rendere trasparente e “meno pesante” la bolletta elettrica, razionalizzando le voci e imputando a carico della fiscalità generale quelle non inerenti il mercato dell’energia e il sostegno alle rinnovabili.
  • 30. Indice dei contenuti I benefici Burocrazia e semplificazione Obiettivi dell’industria fotovoltaica Proposte per le forze politiche Conclusioni
  • 31. Conclusioni Fondamentale innescare sin da ora tutti i processi virtuosi normativi e legislativi (snellimento burocrazia in primis) affinchè l’industria nazionale possa tornare a competere nei mercati globali con orgoglio ed innovazione; Il Sistema Elettrico è di fronte ad una epocale trasformazione: dalla generazione centralizzata alla generazione distribuita; Fotovoltaico (e rinnovabili in generale) rappresentano una immancabile opportunità di rilancio dell’economia italiana ed europea; Con la completa liberalizzazione del mercato elettrico tutte le tecnologie competeranno sulla base della loro effettiva efficienza; Contribuire ad una immagine positiva del FV nei media nazionali.
  • 32. Grazie per l’attenzione gifi@anie.it | www.gifi.fv.it