Your SlideShare is downloading. ×
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Carlo Mammola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Carlo Mammola

869

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
869
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Gli anni dal 1998 al 2002 mostrano una correlazione diretta tra investimenti e raccolta. Dimensioni maggiori degli investimenti rispetto alla raccolta registrati a partire dal 2000 sono giustificati da flussi di liquidità generati dai disinvestimenti oltre che da un eccesso di capitali raccolti negli anni precedenti. La correlazione appare invece inversa tra investimenti e disinvestimenti. Questa correlazione inversa può essere spiegata da seguenti fattori: L’andamento delle borse non facilita i disinvestimenti. I team degli operatori sono mediamente di piccole/medie dimensioni e si concentrano su singole operazioni (investimento o disinvestimento) [Infine la media dei fondi Italiani è abbastanza giovane ed in generale gli operatori si concentrano nella fase di disinvestimento man man che si avvicina la scadenza del fondo.]
  • Gli anni dal 1998 al 2002 mostrano una correlazione diretta tra investimenti e raccolta. Dimensioni maggiori degli investimenti rispetto alla raccolta registrati a partire dal 2000 sono giustificati da flussi di liquidità generati dai disinvestimenti oltre che da un eccesso di capitali raccolti negli anni precedenti. La correlazione appare invece inversa tra investimenti e disinvestimenti. Questa correlazione inversa può essere spiegata da seguenti fattori: L’andamento delle borse non facilita i disinvestimenti. I team degli operatori sono mediamente di piccole/medie dimensioni e si concentrano su singole operazioni (investimento o disinvestimento) [Infine la media dei fondi Italiani è abbastanza giovane ed in generale gli operatori si concentrano nella fase di disinvestimento man man che si avvicina la scadenza del fondo.]
  • Gli anni dal 1998 al 2002 mostrano una correlazione diretta tra investimenti e raccolta. Dimensioni maggiori degli investimenti rispetto alla raccolta registrati a partire dal 2000 sono giustificati da flussi di liquidità generati dai disinvestimenti oltre che da un eccesso di capitali raccolti negli anni precedenti. La correlazione appare invece inversa tra investimenti e disinvestimenti. Questa correlazione inversa può essere spiegata da seguenti fattori: L’andamento delle borse non facilita i disinvestimenti. I team degli operatori sono mediamente di piccole/medie dimensioni e si concentrano su singole operazioni (investimento o disinvestimento) [Infine la media dei fondi Italiani è abbastanza giovane ed in generale gli operatori si concentrano nella fase di disinvestimento man man che si avvicina la scadenza del fondo.]
  • Gli anni dal 1998 al 2002 mostrano una correlazione diretta tra investimenti e raccolta. Dimensioni maggiori degli investimenti rispetto alla raccolta registrati a partire dal 2000 sono giustificati da flussi di liquidità generati dai disinvestimenti oltre che da un eccesso di capitali raccolti negli anni precedenti. La correlazione appare invece inversa tra investimenti e disinvestimenti. Questa correlazione inversa può essere spiegata da seguenti fattori: L’andamento delle borse non facilita i disinvestimenti. I team degli operatori sono mediamente di piccole/medie dimensioni e si concentrano su singole operazioni (investimento o disinvestimento) [Infine la media dei fondi Italiani è abbastanza giovane ed in generale gli operatori si concentrano nella fase di disinvestimento man man che si avvicina la scadenza del fondo.]
  • Transcript

    • 1. The Italian private equity and venture capital market Carlo Mammola Alternative Investment Forum - London 13 th March 2006
    • 2. Private equity market Expansion / Replacement Buy Out Seed / Start up Venture Capital Private Equity Early stage Later stage Distressed / turnaround
    • 3. AIFI members
    • 4. Investment activity by number and amount Fonte: Aifi/PwC
    • 5. Amount invested in different European countries Fonte: EVCA, 2005
    • 6. Number of investments in different European countries Fonte: EVCA, 2005
    • 7. Europe: % on GDP ( country of management) in 2004 Fonte: EVCA, 2005
    • 8. Stage distribution of investments in Italy Fonte: Aifi/PwC
    • 9. Stage distribution of amount invested in Italy Fonte: Aifi/PwC
    • 10. % distribution (number) by target companies employees Fonte: Aifi/PwC
    • 11. % of investments in high tech companies by number and amount in Italy Fonte: Aifi/PwC
    • 12. Divestment activity by number and amount (at cost) in Italy Fonte: Aifi/PwC
    • 13. % distribution of divestments by number in Italy Fonte: Aifi/PwC
    • 14. * Pan-European funds and captive investors not included. Funds under management in Italy Fonte: Aifi/PwC
    • 15. Annual fund raising activity in Italy (Euro Mln) Fonte: Aifi/PwC * Pan-European funds not included.
    • 16. % distribution by sources of new funds raised by Italian funds Fonte: Aifi/PwC
    • 17. Italy: Economic impact on buy-out target companies (1998-2000) Fonte: INSEAD - LIUC, 2001 ∆ Turnover ∆ EBIT ∆ Employees
    • 18. Europe: economic impact on venture backed companies (1995-2001) Fonte: EVCA, 2002 Employees R&S Exports Investments
    • 19. AIFI
      • AIFI is the Italian Private Equity and Venture Capital Association
      • AIFI’s main activities are:
        • Institutional and lobbying activities
        • Research
        • Training programmes
        • Networking
        • To carry out these activities AIFI relies on Technical Committees :
        • Corporate Governance
        • High tech
        • Tax& Legal
        • Relationship with Institutional Investors
    • 20.
      • BA Capital Partners Europe (BACPE) is a European private equity partnership managing over €1.5 billion of private equity capital on behalf of Bank of America. Active in the European market since 1996, BACPE focuses on buyouts of industry leading growth companies operating in the following broad industry sectors: industrial growth, business services, and consumer products and services.
      • In brief
      • Over €1.0 billion invested to date
      • Between €25 million and €125 million invested in companies with an enterprise value of
      • between €50 million and €500 million
      • European network with presence in UK, Italy, France and the Nordic region
      • A team with a deep industry knowledge of target sectors in the UK, French, Italian and
      • Nordic markets.
      An introduction to BA Capital Partners Europe
    • 21. Target industry Consumer products and services Selected past investments Target industry Business services Target industry Industrial growth GRUPPO ALFATHERM
    • 22. The Italian private equity and venture capital market Carlo Mammola Alternative Investment Forum - London 13 th March 2006

    ×