Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Social media istruzioni per l'uso

on

  • 1,253 views

Piccola guida all'uso professionale dei social media

Piccola guida all'uso professionale dei social media

Statistics

Views

Total Views
1,253
Views on SlideShare
1,253
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
27
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Social media istruzioni per l'uso Social media istruzioni per l'uso Presentation Transcript

  • Di Francesca Pellegrini – ottobre 2010 Social Media Istruzioni per l’uso Consigli pratici per la gestione di campagne di social media marketing
  • Social media, ovvero? Definizione di Wikipedia (non a caso, un social network) Social media è un termine generico che indica tecnologie e pratiche online che le persone adottano per condividere contenuti testuali, immagini, video e audio. I professori Andreas Kaplan e Michael Haenlein definiscono social media come "a group of Internet- based applications that build on the ideological and technological foundations of Web 2.0, and that allow the creation and exchange of user-generated content". I social media rappresentano fondamentalmente un cambiamento nel modo in cui la gente apprende, legge e condivide informazioni e contenuti. I social media sono diventati molto popolari perché permettono alla gente di connettersi con il mondo on line per stabilire relazioni di tipo personale o lavorativo. In termini economici i social media vengono definiti anche user-generated content (UGC) o consumer-generated media (CGM).
  • Quali social network? • Facebook • Twitter • LinkedIn • YouTube • My Space • Friendfeed • Flickr • Netlog
  • Fto Perché i Social Media La domanda corretta sarebbe: perché no? In Italia, stando alle ultime stime sul fenomeno Facebook, gli utenti trascorrono in media sei ore e 27 minuti al mese in connessione con i propri contatti, contro le sei ore degli Stati Uniti e le 4 ore e dodici minuti ogni 4 settimane degli "utenti" francesi*. Va da sé che chi investe in comunicazione online non possa prescindere dal fenomeno e debba confrontarsi con l’esigenza di pianificare attività di promozione sui social network. Altra conseguenza, non sempre altrettanto condivisa, è che all’interno delle agenzie che si occupano di comunicazione, le professionalità si debbano formare in modo strutturato ed efficace per proporre ai propri clienti un’attività mirata e performante sui social media. * Fonte: Maria Novella De Luca su Repubblica, http://www.repubblica.it/tecnologia/2010/10/19/news/italia_facebook-8207770
  • La logica è (o dovrebbe essere): “Meglio non esserci che esserci in modo sbagliato” (ovvero: un’attività sbagliata sui social network produce effetti negativi amplificati)
  • Da dove si comincia?
  • • cosa comunichiamo? - quale prodotto/servizio/marchio dobbiamo promuovere (cliente) • a chi comunichiamo? – target • perché comunichiamo? - obiettivi della campagna (nuovi lead, fidelizzazione del cliente, brand reputation) • per quanto tempo comunichiamo? - durata della campagna (one shot, lungo termine)
  • La scelta del/dei social network su cui strutturare una campagna di comunicazione deve tenere conto di tutti gli elementi descritti. Il target e l’oggetto della comunicazione, in primo luogo: ogni social network ha caratteristiche differenti e si presta meglio a raggiungere un certo segmento di pubblico piuttosto che altri. La durata della campagna e gli obiettivi sono altrettanto importanti: costruire una brand reputation mediante un gruppo o una pagina Facebook necessita di un tempo maggiore rispetto alla promozione di un viral video attraverso YouTube.
  • Essere presenti su Facebook: mini guida pratica
  • Target 19-24: zoccolo duro Target 30-35: in crescita Target 25-30: stazionari Target over 36: in netta crescita Osservatorio Facebook – agosto 2010, Italia - http://www.vincos.it/osservatorio-facebook
  • Come essere presenti su Facebook in modo efficace? STEP I 1. Scegliere cosa promuovere: il marchio, un prodotto, una campagna specifica (es.: Burger King - Whopper – Campagna Cani e Gatti 3D) 2. Verificare quali materiali sono a disposizione per la campagna: video, foto, viral, apps (una campagna su Facebook senza contenuti da promuovere perde di efficacia) 3. Effettuare un’analisi approfondita della presenza dei competitor su Facebook. 4. Strutturare la presenza su Facebook differenziandola dalle attività già svolte online (sito web ufficiale, banner advertising, direct emailing) 5. Creare sempre una Pagina Facebook aziendale per promuovere un marchio o un prodotto (a meno che non si crei un profilo fake per una campagna viral)
  • Come essere presenti su Facebook in modo efficace? STEP II 6. Impostare un nome della pagina (http://www.facebook.com/username) efficace e appealing 7. Aggiornare le info, l’immagine del profilo e la pagina di Benvenuto, in modo da attrarre e far memorizzare all’utente la pagina 8. Aggiornare la pagina con costanza e cognizione di causa; monitorare i commenti, le richieste, i Mi piace e la “vita” della pagina 9. Promuovere la pagina tra i propri contatti, partendo da quelli potenzialmente interessati, mediante la funzione Condividi 10. Cercare nuovi contatti utilizzando lo strumento di Ricerca di Facebook (pagine, gruppi o utenti potenzialmente interessati a ciò che si sta comunicando)
  • COSA FARE: 1. Linkare la pagina Facebook dal sito internet/blog dell’Azienda utilizzando i plug in ufficiali (http://developers.facebook.com/plugins) messi a disposizione dal social network 2. Monitorare l’andamento della pagina mediante lo strumento Insights 3. Partecipare attivamente alla vita del social network: frequentare gruppi affini e commentare, condividere immagini, link e video, condividere applicazioni 4. Usare lo strumento TAG per condividere contenuti della pagina 5. Diventare sociologi/psicologi e capire cosa l’utente ama fare su Facebook
  • COSA NON FARE: 1. Non considerate la pagina Facebook come una replica del sito internet dell’azienda/prodotto 2. Non essere incostanti nell’aggiornamento: una pagina Facebook deve essere aggiornata almeno una volta al giorno! 3. Non tempestare gli utenti di messaggi! 4. Tenersi sempre aggiornati sulle nuove funzionalità del social network e sulle ultime iniziative dei competitor 5. Non utilizzare i post per mandare messaggi agli utenti della pagina con link o immagini (preferire le Note)
  • Case history: DIMMIMAMMA Pagina: www.facebook.com/Dimmimamma Fan: 1291 Utenti attivi nel mese: 277
  • Grazie per l’attenzione Francesca Pellegrini Responsabile Marketing & Comunicazione pellegrini@medita.com www.facebook.com/Francypell http://it.linkedin.com/in/fpellegrini www.medita.com