Struttura del materiale didattico
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Struttura del materiale didattico

on

  • 822 views

Una proposta per la produzione e la condivisione del materiale didattico per i cosri di informatica CGIL- SPI

Una proposta per la produzione e la condivisione del materiale didattico per i cosri di informatica CGIL- SPI

Statistics

Views

Total Views
822
Views on SlideShare
822
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Struttura del materiale didattico Struttura del materiale didattico Presentation Transcript

  • Corsi di Informatica CGIL-SPIUna proposta per la produzione e l’organizzazione del materiale didattico V 1.0 http://www.slideshare.net/FrancoMarra/struttura-del-materiale-didattico Bruno Boni Castagnetti, Nicoletta Giorda, Franco Marra 30 ottobre 2012
  • Il prototipo• Operativo dal 25 ottobre in 2 corsi sperimentali con accoglienza molto positiva• Strumento didattico e di esercitazione in classe• Strumento di ripasso e di esercitazione a casa• Basato su un dominio personale (marralabs.it), da migrare, in caso di approvazione della iniziativa, su un dominio ufficiale SPI-CGIL http://cgil-spi.marralabs.it 2
  • Come si è arrivati al prototipo• Uso combinato di slideshare e sito internet – Slideshare: ambiente internet cooperativo per la condivisione e pubblicazione di documenti – Sito internet: interfaccia di presentazione e di accesso unica per gli allievi 3
  • Cos’è Slideshare• Uno strumento per la condivisione e pubblicazione in Internet di documenti sviluppati in modo cooperativo• Sviluppare in modo cooperativo vuol dire – Lavorare tenendo conto dei commenti dei membri della comunità (“follower”) – Notificare la disponibilità di nuovi contenuti ai follower – Rendere visibili i contenuti a chi è interessato a conoscerli – Permetterne il riutilizzo a chi vuole produrne di propri “derivandoli” da quelli pubblicati sulla base di determinati diritti:• Un data base pubblico di contenuti a cui attingere o ispirarsi (search, contenuti related) 4
  • Cos’è CC BY-NC-SA• Lawrence Lessig: da “tutti i diritti riservati (Copyright)” ad “alcuni diritti riservati”• CC: Creative Commons – 6 tipi di licenze CC • Attribuzione • Attribuzione - Non opere derivate • Attribuzione - Non Commerciale • Attribuzione - Condividi allo stesso modo • Attribuzione - Non opere derivate, Non commerciale • Attribuzione - Non commerciale, Condividi allo stesso modo• Per il nostro materiale didattico si propone: – BY: Attribuzione • “Bisogna sempre indicare lautore dellopera (attributo obbligatorio) in modo che sia possibile attribuirne la paternità come definito dagli artt. 8 e 20 della legge su diritto d’autore” – NC: Non Commercial • “Non sono consentiti usi commerciali dellopera creativa come definito dal secondo comma dellart. 12” – SA: Share Alike • “Si può modificare lopera ma lopera modificata deve essere rilasciata secondo le stesse condizioni scelte dallautore originale” 5
  • Formazione della base di conoscenza• “Una base di conoscenza (individuata anche con il termine inglese knowledge base e con lacronimo KB) è un tipo speciale di database per la gestione della conoscenza per scopi aziendali, culturali o didattici. Essa costituisce dunque un ambiente volto a facilitare la raccolta, lorganizzazione e la distribuzione della conoscenza” (wikipedia)• Ogni opera che fa parte della KB è sviluppata singolarmente in originale o è derivata da altre opere, tenendo conto dei commenti e dei contributi della comunità (follower), in modo che sia ottimizzata rispetto alle esigenze dell’autore e dei destinatari• Quando la KB ha raggiunto un certo grado di maturità si possono avere opere in versioni ufficiali, derivate da quelle sviluppate singolarmente, rafforzando in tal modo l’identità di una specifica organizzazione• Questo approccio (alla base dello stesso concetto di Internet, noto come bottom-up multi-stakeholder) consente di mediare al meglio le esigenze specifiche dei “portatori di interesse” (stakeholder) (docenti ed allievi) con quelle collettive dell’organizzazione di cui essi fanno parte 6
  • Proposta per la produzione di contenuti• Ogni autore ha un proprio account su Slideshare• Ogni autore sviluppa in originale o deriva da un opera esistente – Garantendo l’aderenza della sua opera alle necessità didattiche personali e della sua classe – Citando l’opera originaria – Specificando i diritti concessi• In futuro si potrebbe organizzare una collezione di versioni “ufficiali” – Il mantenimento di versioni ufficiali è difficile e non sempre è possibile perché basata sul consenso di tutti – A causa dei necessari compromessi tra le diverse esigenze, la qualità delle versioni ufficiali potrebbe risultare insoddisfacente – E’ il limite naturale della produzione centralizzata – Centralizzare a priori i metodi e gli strumenti, non i contenuti (bottom-up multi-stakeholder), almeno fino al termine di un periodo di sperimentazione iniziale finalizzato alla maturazione della KB 7
  • In sintesi• A scuola ci dicevano: – Pierino, non copiare…• Noi invece diciamo – Copiate, ragazzi, copiate, che è meglio per tutti… 8
  • La soglia di ingresso• La disponibilità alla produzione cooperativa di contenuti didattici tramite slideshare costituisce soglia di ingresso nell’arruolamento di nuovi docenti 9
  • La struttura della KB: una possibile configurazione “ricca” Sito Internet Pagina di Slideshare Classe Home Page San Salvario Autore CGIL-SPI Pippo (Versioni Corsi di Classe 1 ufficiali) Informatica Manualità e.. Architettura e.. Bla bla bla bla Word bla bla bla Excel Mail Comunità dei follower San Salvario Pagina di Autore Pluto Classe 1 Classe Classe 2 Villa Rignon Autore Classe 2 Topolino Villa Rignon Manualità e.. … Classe 1 Architettura e.. Classe 2 Word Excel MailLe classi lavorano con queste pagine Originale Derivata Ufficiale10
  • Il processo di produzione del sito• Una possibile configurazione “ricca” del sito è raggiungibile solo facendo un passo per volta, tramite una reale esperienza sul campo in grado di fornire necessari suggerimenti e utili correzioni di rotta• Per ottenere questo è necessaria la massima autonomia nella gestione del sito stesso 11
  • Usi futuri del sito• Contenitore per tutte le iniziative didattiche – Informatica, italiano…• Comunicazioni e notizie• Statistiche e feedback• Sondaggi• Calendari ed eventi• Strumenti didattici innovativi (ad es. giochi con scopo didattico)• Informazioni su siti simili, referenze a contenuti analoghi• Internet TV 12
  • Il modello di produzione Pagina di classe: Sito interfaccia verso Redazione i fruitori Home Corsi Informatica Caporedattore Classe 1 Classe i Fruitori Account 1 Account n Pres PresAutori (docenti) 1.1 n.1 Pres Pres 1.m n.k Slideshare 13
  • Ruoli e strumenti• Gli autori producono contenuti tramite gli strumenti più opportuni (powerpoint, word…) e li caricano sul loro account slideshare per commenti e condivisione – Gli strumenti di lavoro dell’autore sono principalmente • Office • Slideshare• Il caporedattore approva la loro pubblicazione su Internet dopo averne verificato la qualità formale e dei contenuti• Pubblicare su Internet significa inserire il link al contenuto nella pagina di classe – Lo strumento di lavoro del caporedattore o di chi da esso delegato è principalmente uno strumento per la produzione e pubblicazione di siti web (es. Joomla!) 14
  • Il processo di produzione• L’autore produce il contenuto sulla base di formati standard (“template”) progettati per assicurare una identità comune e assegnando un numero di versione decimale (0.1 2.2 etc)• Contenuti approvati dal caporedattore e pubblicati su Internet hanno un numero di versione intero (1.0 2.0 3.0 etc)• I template fanno parte del sito e sono scaricabili dagli autori 15
  • Requisiti al progetto del sito: il dominio• In ordine di decrescente visibilità e autonomia gestionale 1. informatica.senonsainonsei.org (dominio nuovo: “senonsainonsei.org”) • Circa 60 € / anno per lo spazio disco (hosting) • Circa 10 € / anno per la registrazione del dominio senonsainonsei.org – Sottodomini con amministrazione autonoma del tipo » informatica.senonsainonsei.org » italiano.senonsainonsei.org • Sito principale www.senonsainonsei.org con amministrazione autonoma dedicato all’insieme delle iniziative didattiche 2. informatica.spipiemonte.org (sottodominio nuovo) • Gratis • Sottodomini con amministrazione indipendente del tipo – informatica.senonsainonsei.org – italiano.senonsainonsei.org • Sito principale www.spipiemonte.org con amministrazione centralizzata (situazione attuale) • Manca uno spazio di livello superiore (www) dedicato all’insieme delle inziative didattiche 3. pagine di www.spipiemonte.org • Gratis • Altamente sconsigliabile perché non consente autonomia amministrativa – L’amministrazione del sito è centralizzata per tutti – In ogni caso la registrazione del dominio “senonsainonsei.org” è raccomandabile per protezione del marchio e usi futuri (circa10€ /anno) 16
  • Requisiti al progetto del sito: autonomia gestionale• Uso di uno strumento (CMS) che consenta la totale autonomia del caporedattore nella pubblicazione dei contenuti e nella amministrazione del sito (struttura delle pagine e dei menù) e l’espandibilità verso bisogni e contenuti futuri – Siamo già autonomi per la produzione di siti web mediante l’uso dello strumento Joomla!: questa conoscenza può essere ulteriormente diffusa tramite corsi di formazione ai formatori (caporedattori), che però devono dichiararsi disponibili all’impegno – Come nel FC Barcelona: “squadra corta”! • “més que un club!”• Requisito tecnico al sistema: ambiente LAMP – Linux, Apache, MySQL, PHP 17
  • Soluzione raccomandata• Tenendo conto del costo estremamente limitato www.senonsainonsei.org generale sui corsi agli anziani, delega gestionale ai sistemi informativi centralizzati informatica.senonsainonsei.org italiano.senonsainonsei.org Specifico per informatica: Specifico per italiano: gestione al gruppo gestione al gruppo informatica italiano o delega ai sistemi informativi 18