• Save
Framand Consulting   sentenze responsabilità commercialisti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Framand Consulting sentenze responsabilità commercialisti

  • 5,439 views
Uploaded on

Estretti di alcune sentenze relative a responsabilità professionale di dottori commercialisti. ...

Estretti di alcune sentenze relative a responsabilità professionale di dottori commercialisti.
Operatività delle polizze di assicurazione.

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
5,439
On Slideshare
5,431
From Embeds
8
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 8

http://www.linkedin.com 4
https://www.linkedin.com 4

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. FRAMAND CONSULTING Insurance Broker & Consultancy Services Estratti di alcune sentenze relative a responsabilita’ professionale responsabilita’ di dottori commercialisti Viale Monte Ceneri 26 20155 MILANO Phone ++39 346 3721123 Fax: ++39 02 89054943 Skype: framand-consulting P. IVA 06944400966 E-mail: info@framand.com CCIAA MILANO – REA 1926135 ISVAP B000291798 Web: www.framand.com
  • 2. norm. Consiglio St. Atti norm. 19 febbraio 2009 n. 409 All'interno dello schema di decreto del ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca recante «Regolamento del tirocinio professionale per l'ammissione all'esame di abilitazione all'esercizio della professione di dottore commercialista e di esperto contabile, ai sensi dell'art. 42, comma 2, del d.lg. 28 giugno 2005 n. 139», è necessario eliminare o ricondurre entro lo schema della procedura sanzionatoria la previsione, del tutto atipica e discrezionale, di una forma di censura «non sanzione» irrogabile al di fuori di un vero procedimento disciplinare, trattandosi della intestazione al Consiglio dell'Ordine di un potere discrezionale eccessivamente ampio e non coerente con i principi della responsabilità disciplinare. Framand Consulting di Francesco Mandelli 2
  • 3. Cassazione civile sez. III: 30 gennaio 2009 n. 2460 Qualora il curatore fallimentare, che abbia qualifica di dottore commercialista, sia dichiarato responsabile, ai sensi del combinato disposto degli art. 38, comma 1, legge fall. ed art. 2043 c.c., del danno ingiustamente cagionato alla procedura concorsuale nell'espletamento della sua attività di ausiliario di giustizia, l'assicuratore della responsabilità civile per la sua attività professionale deve tenerlo indenne (salvo che il rischio sia espressamente escluso dal contratto), atteso che quella di curatore fallimentare rientra tra le possibili attività professionali specificamente previste per i commercialisti dalla legge, in quanto il professionista intellettuale non esaurisce necessariamente la propria attività professionale nell'ambito tratteggiato dalle disposizioni codicistiche (art. 2227 - 2230 c.c.) relative al contratto di prestazione d'opera intellettuale, ma continua a restare un professionista privato anche quando, nell'ambito di tale attività, espleta un incarico giudiziario (curatore fallimentare, notaio delegato allo scioglimento delle divisioni, consulente tecnico d'ufficio), in relazione al quale svolge pubblici poteri. Framand Consulting di Francesco Mandelli 3
  • 4. Tribunale Roma sez. XIII 06 giugno 2007 In casi di contestato inadempimento da parte di società-cliente ad un commercialista, occorre la sola prova dell’esistenza del contratto, mentre al presunto danneggiante incombe l’onere di provare l’inadempimento. Quest’ultimo si concreta in maggiori oneri di cui il contribuente è tenuto verso l’erario, precisamente: sanzioni ed interessi, per evasione o ritardo nell’adempimento dell’obbligazione tributaria; oppure maggiori imposte, conseguenti all’avere dichiarato all’erario costi inferiori a quelli effettivamente sostenuti, ovvero redditi superiori a quelli effettivamente realizzati. Qualora con l’adesione alla definizione di cui all’art. 15 l. 289/02, al contribuente è stato consentito il pagamento di un’imposta inferiore a quella che avrebbe pagato se avesse regolarmente e correttamente presentato la propria dichiarazione, alcuna responsabilità per inadempimento incombe sul professionista. Framand Consulting di Francesco Mandelli 4
  • 5. Tribunale Venezia, 23 aprile 2007 Il soggetto avvalsosi di commercialista che risultato inadempiente ha determinato una complessa e annosa vicenda tributaria, aggiunta a condotta della p.a. non conforme ai dettami di buon andamento e imparzialità, ha diritto ad essere risarcito. Il soggetto leso, preso atto della condotta dolosa del professionista, rivoltosi ai competenti uffici della p.a. per chiarimenti, è stato destinatario di cartelle e contestazioni, di fatto di uno stillicidio non rispondente all’attivo comportamento dei debitore “insolvente”. Dalla fattispecie in esame non emerge un comportamento della p.a. conforme ai principi di sana e buona amministrazione. Framand Consulting di Francesco Mandelli 5
  • 6. Tribunale Roma, sez. XIII, 20 marzo 2007 , n. 5628 In tema di responsabilità professionale, la domanda formulata dal cliente diretta ad ottenere il risarcimento del danno subito in conseguenza del comportamento negligente del commercialista che investito di mandato professionale abbia fatto decorrere inutilmente il termine di impugnazione della sentenza emessa dalla Commissione Tributaria, deve essere rigettata, non avendo la parte fornito prova che l'impugnazione tempestivamente proposta sarebbe stata giudicata fondata. Le obbligazioni inerenti all'esercizio professionale, infatti, si inquadrano nelle obbligazioni di mezzi e non di risultato ed il loro inadempimento non realizza di per sé il danno, il quale va comunque provato da parte attrice. Ne consegue come l'accoglimento della domanda di risarcimento del danno presuppone che, sulla base degli elementi di prova che il cliente ha l'onere di fornire, si possa pervenire al convincimento - quand'anche basato su di un giudizio probabilistico - che in assenza del comportamento omissivo imputabile al professionista, il risultato sarebbe stato conseguito (nella specie, che il gravame tempestivamente proposto, sarebbe stato giudicato fondato). Framand Consulting di Francesco Mandelli 6
  • 7. Tribunale Bari, sez. II, 20 marzo 2007 , n. 760 In tema di responsabilità professionale, la domanda formulata dal cliente diretta ad ottenere il risarcimento del danno subito in conseguenza del comportamento negligente del commercialista che investito di mandato professionale abbia fatto decorrere inutilmente il termine di impugnazione della sentenza emessa dalla Commissione Tributaria, deve essere rigettata, non avendo la parte fornito prova che l'impugnazione tempestivamente proposta sarebbe stata giudicata fondata. Le obbligazioni inerenti all'esercizio professionale, infatti, si inquadrano nelle obbligazioni di mezzi e non di risultato ed il loro inadempimento non realizza di per sé il danno, il quale va comunque provato da parte attrice. Ne consegue come l'accoglimento della domanda di risarcimento del danno presuppone che, sulla base degli elementi di prova che il cliente ha l'onere di fornire, si possa pervenire al convincimento - quand'anche basato su di un giudizio probabilistico - che in assenza del comportamento omissivo imputabile al professionista, il risultato sarebbe stato conseguito. (nella specie, che il gravame tempestivamente proposto, sarebbe stato giudicato fondato). Framand Consulting di Francesco Mandelli 7
  • 8. T.A.R. Sicilia, sez. I, 15 novembre 2006, n. 3020 Comporta la decadenza dalla carica di giudice tributario l'incompatibilità che si evince dall'espletamento dell'attività di commercialista con la tenuta di numerose scritture contabili, costituendo, quest'ultimo valido indicatore dell'attività di consulenza tributaria, priva del carattere della sporadicità e della occasionalità. Framand Consulting di Francesco Mandelli 8
  • 9. Cassazione civile , sez. III, 14 luglio 2006 , n. 16127 Se la legge prescrive per l'iscrizione all'albo professionale il superamento dell'esame di stato abilitativo, e la partecipazione a tale esame richiede a sua volta il possesso di un valido diploma di laurea (per i dottori commercialisti, ai sensi dell'art. 31 d.P.R. 27 ottobre 1953 n. 1067), è conseguenzialmente logico ritenere che col venir meno del titolo di studio (nella specie, per il sopravvenuto annullamento di alcuni esami di profitto e dell'esame finale di laurea del ricorrente dottore commercialista) viene necessariamente a caducarsi il titolo abilitativo e, con esso, la validità dell'iscrizione (con la conseguente legittimità della cancellazione da parte del competente Consiglio dell'ordine professionale), e ciò indipendentemente dal fatto che un'altra disposizione del medesimo testo normativo di riferimento - l'art. 34 - non includa espressamente tale ipotesi tra quelle per le quali è prevista la cancellazione dell'albo. Framand Consulting di Francesco Mandelli 9
  • 10. Cassazione civile , sez. III, 15 luglio 2005 , n. 15030 Qualora il curatore fallimentare, commercialista, sia responsabile, ai sensi del combinato disposto degli art. 38, comma 1, l. fall. ed art. 2043 c.c., del risarcimento di un danno ingiusto cagionato nell'espletamento della sua attività di ausiliare di giustizia, l'assicuratore della responsabilità civile per la sua attività professionale deve tenerlo indenne (salvo che il rischio sia espressamente escluso dal contratto), atteso che l'attività di curatore fallimentare rientra tra le possibili attività professionali specificamente previste per i commercialisti dalla legge, in quanto il professionista intellettuale non esaurisce la sua attività professionale nell'ambito tratteggiato dalle disposizioni codicistiche (art 2227 - 2230 c.c.) relative al contratto di prestazione d'opera intellettuale, ma continua a restare un professionista privato anche quando nell'ambito di tale attività espleta un incarico giudiziario (curatore fallimentare, notaio delegato allo scioglimento delle divisioni, consulente tecnico d'ufficio), in relazione al quale svolge pubblici poteri. Framand Consulting di Francesco Mandelli 10
  • 11. Cassazione civile , sez. II, 13 dicembre 2001 , n. 15759 In tema di responsabilità professionale (nella specie, di un dottore commercialista), la negligenza del professionista che abbia causato al cliente la perdita della chance di intraprendere o di proseguire una lite in sede giudiziaria determina un danno per il quale non può, di regola, porsi alcun problema di accertamento sotto il profilo dell'an - una volta accertato l'inadempimento contrattuale sotto il profilo della ragionevole probabilità che la situazione lamentata avrebbe subito, per il cliente, una diversa e più favorevole evoluzione con l'uso dell'ordinaria diligenza professionale - ma solo, eventualmente, sotto quello del quantum, dovendo tale danno liquidarsi in ragione di un criterio prognostico basato sulle concrete e ragionevoli possibilità di risultati utili, ed assumendo, come parametro di valutazione, il vantaggio economico complessivamente realizzabile dal danneggiato diminuito di un coefficiente di riduzione proporzionato al grado di possibilità di conseguirlo (deducibile, quest'ultimo, caso per caso, dagli elementi costitutivi della situazione giuridica dedotta), ovvero ricorrendo a criteri equitativi ex art. 1226 c.c. Framand Consulting di Francesco Mandelli 11
  • 12. Tribunale Torino, 16 giugno 1998 La liquidazione del compenso al liquidatore giudiziale dei beni ceduti nel concordato preventivo con cessione di beni spetta al tribunale, il quale provvede con decreto in camera di consiglio ex art. 737 ss. c.p.c. La quantificazione del compenso è fatta in conformità a quanto stabilito dall'art. 30 del d.P.R 10 ottobre 1994 n. 645, relativo alla disciplina degli onorari, delle indennità e dei criteri per il rimborso delle spese per le prestazioni professionali dei dottori commercialisti, e legittima una diversità di trattamento tra il curatore del fallimento ed il liquidatore giudiziale, in quanto i compiti e le responsabilità di quest'ultimo differiscono sostanzialmente da quelle del primo. Framand Consulting di Francesco Mandelli 12
  • 13. Cassazione civile , sez. III, 05 giugno 1996 , n. 5264 L'affermazione della responsabilità professionale per condotta omissiva e la determinazione del danno in concreto subito dal cliente presuppongono l'accertamento del sicuro fondamento dell'attività che il professionista avrebbe dovuto compiere e, dunque, la certezza morale che gli effetti di quella sua diversa attività ove svolta sarebbero stati, con ragionevole probabilità, vantaggiosi per il cliente. (Nella specie, un dottore commercialista lascia inutilmente decorrere il termine per l'opposizione avverso l'ordinanza del 1983 che irroga la sanzione pecuniaria, per mancata emissione di bolle di accompagnamento, nei confronti del suo cliente. Il giudice del merito condanna il professionista al risarcimento del danno nei confronti del cliente, ritenendo che il primo, se avesse proposto opposizione, non solo avrebbe potuto ottenere l'applicazione della continuazione fiscale, ma, procrastinando il procedimento nei vari gradi, avrebbe potuto avvalersi del condono intervenuto nel 1991. La S.C., sulla base dell'enunciato principio di diritto, cassa l'impugnata sentenza, affermando che costituisce un giudizio ragionevolmente prognostico il prevedere che il cliente avrebbe potuto godere della continuazione, ma non che il professionista avrebbe potuto presagire, ben otto anni prima, l'avvento di una legislazione premiale in quello specifico settore tributario; ritenendo, quindi, corretta la liquidazione del danno in relazione alla differenza tra la somma ingiunta e quella che sarebbe stata pagata in applicazione della continuazione fiscale, ma non in relazione alla differenza tra la somma ingiunta e quella che sarebbe stata pagata in virtù del condono). Framand Consulting di Francesco Mandelli 13
  • 14. Tribunale Piacenza, 12 agosto 1994 Ai soci di una società di persone, ancorché non siano soci amministratori, è riconosciuto un diritto d'informazione ben più ampio di quello assicurato all'interno della società di capitali, stante il carattere illimitato della responsabilità assunto dai primi. Tale diritto, che si concreta nella consultazione dei documenti relativi all'amministrazione, va configurato come diritto potestativo, che si realizza esclusivamente attraverso le modalità del suo esercizio, sicché si determina un irreparabile pregiudizio del socio, per il semplice fatto che venga impedito o limitato il suo diritto alla consultazione dei predetti documenti, ben potendo il giudice istruttore, ai sensi dell'art. 669 duodecies c.p.c. riconoscere al socio il diritto di farsi assistere da un commercialista di propria fiducia. Framand Consulting di Francesco Mandelli 14
  • 15. Cassazione penale , sez. V, 15 dicembre 1993 In tema di bancarotta fraudolenta documentale l'imprenditore e - nel caso di bancarotta c.d. impropria - gli amministratori, i direttori generali, i sindaci e i liquidatori, non vanno esenti da responsabilità per il fatto che la contabilità sia stata affidata ad un soggetto fornito di specifiche cognizioni tecniche ( commercialista ), dovendosi logicamente presumere che la contabilità stessa sia stata redatta secondo le indicazioni date dai predetti soggetti, che restano, perciò, sempre responsabili della tenuta di una regolare e veritiera contabilità. Framand Consulting di Francesco Mandelli 15
  • 16. Tribunale Udine, 22 novembre 1983 Non può essere omologato l'atto costitutivo di una società a responsabilità limitata avente ad oggetto l'esercizio di attività professionali riservate dalla legge ai dottori commercialisti, ai ragionieri e ai periti commerciali abilitati. Framand Consulting di Francesco Mandelli 16
  • 17. FRAMAND CONSULTING Insurance Broker & Consultancy Services per informazioni: Dr. Francesco Mandelli Viale Monte Ceneri 26 20155 MILANO Phone ++39 346 3721123 Fax: ++39 02 89054943 Skype: framand-consulting E-mail: info@framand.com Web: www.framand.com