Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Jumping Jack Flash_ Descrizione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Jumping Jack Flash_ Descrizione

  • 490 views
Published

 

Published in Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
490
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Il Brief L’obiettivo della nostra esercitazione era quello di intervenire su un elemento del parco giochi, altalena o tubo, estendendo le pratiche d’uso e le opportunità di socializzazione. In particolare eravamo chiamati ad intervenire su due aspetti: - Progettare uno degli artefatti dei playgrounds per estenderne le modalità d’uso e/o creare nuove interazioni sociali. - Sviluppare una slice of life del sistema per definirne i comportamenti e le possibili interazioni con l’artefatto.
  • 2. Il Target Generalmente i parchi gioco sono frequentati da diversi bambini che hanno dai 3 ai 12 anni circa. A secondo dell’età, hanno diverse capacità e affrontano in modo diverso i giochi. Esistono diverse altalene basculanti destinate a bambini di età diverse: quelle per i bambini più piccoli permettono una minore escursione e per questo sono più sicure per quei bambini che ancora non hanno acquisito una sicurezza nell’adattare il proprio corpo e nel tenersi in equilibrio. In questa sede intendiamo sviluppare un oggetto per i bambini che hanno acquisito pienamente le capacità motorie e che, non avendo problemi ad utilizzare l’altalena basculante, sono in grado di regolare i proprio movimenti per prendere parte ad un gioco più complesso.
  • 3. Il Concept Tra tutti gli elementi del playground abbiamo esplorato vari tipi di altalena e abbiamo scelto la basculante, perché può innescare nuovi meccanismi di interazione e collaborazione fra i bambini. Poiché i movimenti possibili sull’altalena sono pochi e rigidamente strutturati, abbiamo deciso di lavorare su questo limite per trasformarlo in potenzialità. Abbiamo così iniziato a pensare quale tipo di gioco fosse più adatto a questo tipo di struttura. Abbiamo escluso i giochi di competizione perché l’altalena presuppone l’alternanza dei movimenti, quelli di chance perché volevamo lavorare sulle abilità degli utenti e quelli di simulazione perché il fatto di avere dei movimenti rigidamente vincolati non ci permetteva di esplorare questa alternativa. I giochi di vertigine sembravano così quelli più adatti ad essere sviluppati su questa struttura. Analizzando il comportamento dei bambini sull’altalena, non sono emersi particolari comportamenti emergenti, la variante più comune è quella, ove possibile, di montare in due sull’altalena. In questo caso il gioco sarebbe ancora più difficile. Non abbiamo voluto modificare o suggerire nuove pratiche d’uso per non rischiare di rendere più pericoloso questo gioco.
  • 4. Il Concept Riflettendo sui movimenti possibili abbiamo individuato come metafora il gioco del flipper. In questo gioco, infatti, tramite due leve poste a due estremità si spinge la pallina verso l’alto. Il gioco finisce quando la pallina cade nel foro posto tra le due leve. Trasponendo il gioco sull’altalena, abbiamo elaborato un “flipper bidi- mensionale” in cui i due utenti collaborano, coordinando i loro movimenti per il raggiungimento di uno scopo comune. La pallina scorre sull’asse dell’altalena: i giocatori tramite le loro oscillazioni dirigono i suoi movimenti cercando di tenerla in gioco il più a lungo possibile. Per fare ciò devono coordinarsi e interagire in modo che la pallina non tocchi i muri che, di volta in volta, ne ostacolano lo scorrimento. La pallina è rappresentata da una luce che scorre sull’asta, lungo la quale sono presenti anche dei “muri”, composti da luci rosse, che ne ostacolano il percorso. L’obiettivo del gioco è, appunto, quello di coordinarsi per evitare lo scontro della pallina col muro. I players sono due, o, al massimo, quattro, e tutti collaborano per il raggiungimento di uno scopo condiviso.
  • 5. Realizzazione del prototipo Una volta definita l’idea di base, abbiamo cominciato a realizzare uno “slice of life” dell’artefatto. Innanzitutto abbiamo realizzato l’asta. Essa è lunga circa 60 cm, ed è stata rivestita con un foglio di carta adesiva nera. Poi è stata forata: su di essa, infatti, sono stati praticati 49 fori allineati e tre file di fori perpendicolari, dove trovano posto i led rossi che simboleggiano i muri.
  • 6. �Questi ultimi, infatti, sono costituiti da file di 5 led rossi, disposte in tre posizioni diverse lungo l’asse. Per il led centrale del muro abbiamo adoperato led bicolore (rosso-verde) in modo che quando il muro è spento, allo scorrere della pallina si accenda il led verde, mentre quando il muro è acceso emetta una luce rossa. All’avvio del gioco si accende il muro centrale; poi, trascorso un breve intervallo di tempo, questi si spegne e se ne accende un altro, in modalità random. Inoltre, per migliorare l’interazione abbiamo pensato di integrare fee- dback sonori: infatti, quando la pallina si scontra con il muro il sistema emette una successione di suoni per indicare la fine del gioco (del flip- per). Dopodiché, infatti, la pallina riparte dalla posizione iniziale. In generale, il sistema che abbiamo sviluppato può essere definito chiuso perché le dinamiche si sviluppano entro i componenti dello stesso.
  • 7. Work in Progress
  • 8. Programmazione Per poter programmare un numero così alto di led abbiamo collegato al multicontroller tre demultiplexer, circuiti che con 4 pin di input e 16 pin di output. È stato quindi possibile programmare singolarmente i 48 led (16 per ogni de multiplexer) e i tre muri. Inoltre, il sistema è regolato anche da 4 switches che regolano l’anda- mento della pallina: due (uno per lato), se attivati, modificano la direzio- ne; gli altri due, invece, ne incrementano la velocità.
  • 9. Future Vision Possibili implementazioni a cui abbiamo pensato sono: 1. la possibilità di aggiungere diversi livelli di difficoltà, ad esempio ipotizzando di accendere due o più cancelli contemporaneamente; 2. vari stati del muro: ciascuno di essi, infatti, essendo costituito da 5 led, può essere pensato come ad un cancello scorrevole che si chiude al centro. Quindi, ci potrebbero essere vari stati quali (ad esempio): 10001 dove : 11011 1 = led acceso 11111 0 = led spento e la pallina si arresta solo nel terzo caso. 3. Variazioni di velocità: dove la velocità varia a seconda del numero di oscillazioni al minuto.
  • 10. The end! grazie