Destination tourism marketing turistico n.1 four tourism

1,064 views
1,009 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,064
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
30
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Destination tourism marketing turistico n.1 four tourism

  1. 1. Rivista di Destination Management e Marketingn.1 / marzo 2010 comunicazione e-marketing destination promocommercializzazione prodotto strategia promozione formazione managementDESTINATION DESTINATION FOCUS PILLOLEMANAGEMENT MARKETING Il turismo Guida al SEOIl Turismo La pubblicità nel 2010liquido non funziona più www.fourtourism.it
  2. 2. Editoriale Destinations & Tourism vuole essere concetti come competitività ed uno spazio di riflessione aperto e attrattività sono diventati basilari per plurale, uno strumento per accrescere la assicurare lo sviluppo turistico delle conoscenza sul mondo del turismo, per destinazioni così come la sostenibilità, la approfondire i temi legati al destination responsabilità e l‟efficienza. Parlare di management e marketing, per analizzare turismo, al singolare, oggi non ha più le necessità delle aziende e dei molto senso: bisogna pensare e parlare al professionisti, per conoscere la realtà plurale, di turismi, di prodotti turistici e di del mercato turistico nazionale ed prodotti-destinazioni. La costruzione internazionale. dell‟offerta deve avere un chiaro approccio al mercato e, al tempo stesso, Destinations & Tourism nasce dalla deve essere formulata nel rispetto del volontà e dalla passione di un gruppo di territorio, requisiti fondamentali oggi per professionisti, aperti all‟innovazione e garantire il domani. curiosi di capire e comprendere i nuovi trend della domanda in diversi ambiti, Siamo convinti che sia necessario come le nuove tecnologie, la guardarsi intorno con curiosità, con un promocommercializzazione, il marketing approccio critico e non turistico e la gestione delle destinazioni autoreferenziale:l‟innovazione è la chiave turistiche. Una vetrina aperta sul mondo di lettura ed è ciò di cui il turismo italiano del turismo che intende raccogliere ha bisogno. informazioni e metterle a disposizione di Comprendere, interrogarsi e riflettere chi, come noi, crede che la conoscenza e sono le parole d‟ordine per chi ama il confronto siano la chiave per questo mestiere e questo settore: lavorare raggiungere risultati concreti e duraturi. con impegno e passione per partecipare Il turismo è senza dubbio un settore in prima persona alla creazione di un molto complesso che vive delle risorse e nuovo modo di fare turismo e per delle attrattive del territorio, ma è anche garantire insieme la crescita dell‟Italia un potente motore per lo sviluppo turistica. economico del Paese e della società. Negli ultimi anni, il turismo è cambiato Buona lettura! profondamente, trasformandosi: Four Tourism SommarioFour Tourism Srl Destination Management/Via Passalacqua 10 Il Turismo liquido p.310122 Torino Destination Marketing/ La pubblicità non funziona più p.5info@fourtourism.it Focus/ Il turismo nel 2010 p.7 Analisi/ Il turismo omossessuale p.8 Pillole/ Guida al SEO p.10 Intervista/ Intervista con... p.11 2
  3. 3. Destination Management Il turismo liquido di Josep Ejarque Dal turismo solido e di massa al turismo delle nicchie, fatto di reti e di persone. Per lungo tempo il turismo è stato come persona, ma viene ancora concepito per la massa. Questa concezione confezionato utilizzando tecniche e modelli ha dominato la scena: il prodotto finale era legati al turismo di massa, risultando di „standard‟, pensato per un gruppo, per la fatto standardizzato. Si creano diversi massa appunto. I bisogni e le domande segmenti, la famiglia, il business, il delle singole persone non erano prese in lusso…anche se ancora ancorati ad una considerazione nel processo di costruzione concezione standard. Ancora oggi, questa è del prodotto. Il turismo era incentrato una delle grandi difficoltà del mercato e esclusivamente sull‟offerta. E proprio da del settore turistico: ragionare seguendo questa filosofia nasce il concetto del vecchi concetti e stereotipi, quando il pacchetto turistico, ossia la costruzione di cliente invece è già oltre. un‟offerta in grado di soddisfare il maggior numero di persone possibili. Il mercato vuole fare vacanza e logicamente acquista quello che trova. Ed ecco che il turismo diventa Questo stato di cose si è tradotto nella liquido, ossia formato da tante micro-nicchie che si uniscono inImageShack creazione di un mercato “solido”, costoso, poco flessibile, lento nelle trasformazioni, gruppi, in piattaforme e si creano fondato sui concetti statistici di „media‟ e di un’esperienza su misura. „moda‟, intesi come comportamenti comuni a tutti, invariati nel tempo e condivisi frequentemente da un elevato numero di persone. La nuova domanda, fatta di persone, infatti, In questo contesto dominato non si ferma e va ancora più avanti: è attiva, esclusivamente dall‟offerta, però, inizia a partecipa, creando, condividendo e farsi strada e ad imporsi una nuova rimescolando il prodotto. Il mercato fa domanda: entrano in gioco i segmenti e si fatica ad accettare questa trasformazione: il inizia a parlare di turismi, al plurale. Non ci cliente non è più un passivo consumatore troviamo più davanti ad un mercato di ma interviene e influisce nel processo di turismo, di cercare informazioni per creazione del prodotto. Si inizia a parlare di scegliere ed acquistare. Ci troviamo davanti „prosumer‟. In questo momento, il mercato a un cliente che è cambiato profondamente, risulta muoversi su due velocità differenti: più consapevole del potere che detiene: è da una parte, il settore che rimane fermo lui che decide e sa benissimo cosa vuole con un‟offerta lineare e, dall‟altra, il cliente comprare e non si accontenta più di un che accelera e si spinge oltre creandosi unico prodotto standardizzato ma vuole direttamente, in prima persona, un prodotto prodotti su misura. Si fa largo, quindi, una su misura, adeguato alle sue esigenze. nuova visione: dietro la „media‟ ci sono le L‟offerta cerca di adeguarsi, inizia a creare persone e il cliente non è più il gruppo ma e codificare singoli prodotti che, grazie alla l‟individuo con un proprio profilo specifico. combinazione da parte del turista, fanno sì Inizia una prima e lenta trasformazione: il che si abbia un prodotto adeguato alla prodotto viene orientato sul turista, inteso domanda. 3
  4. 4. Nel settore, si inizia finalmente a parlare di pensare più in termini di organizzazioni maturismo di nicchia, senza capire che ormai di persone. Ogni cambiamento comportaquesto modello, la domanda lo ha già rischi, incertezze e costi sia di naturasuperato un‟altra volta. Il turismo della economica sia psicologica. La chiave èLunga Coda (The Long Tail) ci insegna che trovare un compromesso tra gli operatoriil mercato oggi è costituito da nicchie, del settore per creare una condivisione diformate non da qualche decina di obiettivi, di valori e di intenti: condividereappassionati ma da decine di migliaia di la vision per innovare con successoturisti, che insieme rappresentano la sviluppando sinergie.maggior parte del mercato. Come giàaccaduto precedentemente, mentre ilsettore turistico inizia ad adeguarsi alturismo di nicchia e a rispondere a questadomanda, il mercato è gia un‟altra voltaoltre. La trasformazione, infatti, continua: gliutenti con bisogni simili si riuniscono inmicro-nicchie, formando delle reti e dandovita a „community‟ o „tribù‟. Ed ecco che ilturismo diventa liquido ossia formato datante micro-nicchie che si uniscono ingruppi, in piattaforme e si creanoun‟esperienza su misura. Il concetto delturismo liquido nasce da una riflessione delsociologo svizzero Zygmunt Bauman sulletrasformazioni della società odierna (Vitaliquida, Laterza, 2006). Nasce così il self-packaging che si basa sullapersonalizzazione del servizio esull‟incontro tra domanda e offerta. Inquesto scenario, per emergere ènecessario stimolare le connessioni con leofferta e incentivare le prescrizioni con ladomanda.Il turismo liquido è un modo per capire ladomanda del cliente. Gli operatori devonoadeguarsi a questa trasformazione:partendo da un‟analisi del contesto devonoindividuare gli aspetti migliorabili,lavorando sulla fiducia e sullacomunicazione, puntando sul lavoro inteam, sull‟innovazione e sul cambiamento.Dopo un‟attenta osservazione del mercato,è necessario analizzare la situazioneturistica specifica, le minacce edopportunità, i punti di forza e debolezza. La chiave è trovare un compromessoL‟obiettivo è essere più competitivi e tra gli operatori del settore perinnovativi perseguendo nuovi progetti, creare una condivisione di obiettivi,cambiando, favorendo l‟apprendimento e di valori e di intenti: condividere lal‟innovazione, superando le paure per vision per innovare con successoapportare un valore aggiunto al prodotto, sviluppando sinergie.un valore che lasci il segno.E‟ fondamentale cambiare e per riuscircibisogna „disapprendere‟ per poi impararenuovamente. Definire le priorità e non 4
  5. 5. Destination Marketing La pubblicità non funziona più di Sabrina PesariniI dati dello studio Four TourismOggi, il dibattito tra marketing tradizionale sarebbe di attrarre più turisti ede non convenzionale è molto acceso. Four incrementare gli arrivi e le presenze.Tourism ha voluto verificare se davvero la Purtroppo, da quanto emerso dalpromozione e la pubblicità effettuata dalle sondaggio, questa modalità non funzionadestinazioni italiane è realmente efficace. più.Per questo, sono state realizzate delleinterviste su un campione di viaggiatori del Il primo dato rivela che la pubblicità nonNord-Italia, tra i 20 e i 50 anni, raccogliendo, raggiunge l‟effetto desiderato: infatti, ilda novembre a metà febbraio, più di 2000 33,3%, quindi 1/3 del campionerisposte. intervistato, non vi presta attenzione (le risposte ricorrenti in merito risultanoIn sintesi, sono emersi principalmente 4 essere: “non faccio caso alla pubblicità”,aspetti: “non ricordo, non ne fanno tante”, “non 1) essere noti e conosciuti non guardo la pubblicità”, “non ne ricordo significa attrarre più turisti nella nessuna” “non scelgo in base alla propria destinazione; pubblicità ma per quello che possono fare i 2) la pubblicità con un maggior miei figli”). Per il resto, risulta che il 14,29% impatto e che si ricorda è quella ricorda la pubblicità della Toscana, il 12,7% televisiva con testimonial (Marche quella della Campania e l‟11,11% della e Calabria); Calabria con lo spot televisivo di Rino 3) la notorietà e la pubblicità non sono Gattuso; seguono il Trentino e le Marche fattori in grado di influenzare il con la pubblicità tv di Dustin Hoffman. Fra processo decisionale dell‟utente le destinazioni più note in Italia, emerge la circa la destinazione da scegliere Toscana (42,86%), seguita dalla Sardegna per la vacanza; (17,46%) e dalla Puglia (9,52%). 4) le informazioni che influiscono sulla scelta finale vengono raccolte su La notorietà però non è un fattore che Internet e direttamente da amici. determina necessariamente la scelta di effettuare una vacanza nella destinazione:Se ci si attiene ai dati oggettivi emersi, si solo un 3,17%, infatti, cita la Toscana,evidenzia che la notorietà di una nonostante sia la più nota, come primadestinazione non è legata alla pubblicità destinazione per le prossime vacanzeeffettuata nè risulta essere un fattore estive mentre il 30,16% vi passerebbe undeterminante nel processo decisionale di fine settimana. Il 46,03%, invece,acquisto della vacanza. Vi è un‟evidente passerebbe l‟estate in Sardegna nonostanterottura del paradigma: mi promuovo il suo indice di notorietà sia nettamente>divento noto e visibile >provoco la scelta. inferiore alla Toscana. Questi dati devono,Questo legame sequenziale sembra, infatti, quindi, sicuramente portare a rifletterenon esistere più. Chi fa pubblicità ha sull‟effettiva efficacia della pubblicità,ovviamente l‟obiettivo di aumentare la come strumento di promozione in quanto ilpropria notorietà, con il fine ultimo di ROI sembra essere piuttosto negativo intrarne dei benefici: nel caso di una termini di ritorno di turistidestinazione, per esempio, lo scopo Ultimo dato evidenziato è relativo alla 5
  6. 6. modalità attraverso la quale si ricercano E non bisogna dimenticare che captareinformazione nella fase di scelta e acquisto l‟attenzione non vuol dire fare rumore .della vacanza: il 42,5% utilizza internet ed il34,92% si rivolge ad amici. Quindi, Internet Emerge, inoltre, che il turista è scettico,+ Amici totalizzano ben il 77,78% del critico, sa riconoscere un messaggiocampione. pubblicitario e, anche quando si riesce a catturarne l‟attenzione, non è detto che siI fattori che risultano influenzare la scelta ottengano gli effetti desiderati: ildella vacanza e, quindi, della destinazione messaggio inviato viene, infatti, primasono altri e riguardano la sfera personale e verificato dal destinatario e se lagli aspetti intangibili, a parte il prezzo che comunicazione è fine a se stessa vienerimane un elemento distintivo per tutti. immediatamente rimossa. Lo scenario sembra quindi proprioLe azioni che hanno l‟obiettivo di cambiato anche se le organizzazioniinfluenzare si rivelano essere totalmente turistiche tendenzialmente si rifiutano diinefficaci. Il campione esprime una scelta accettarlo. L‟area web continua a ricopriredi vacanza in base al proprio vissuto, alla sempre spazi ridotti e spesso separati dalpropria scala di valori e sceglie una settore marketing. Non esistonodestinazione per l‟esperienza che potrà dipartimenti di conversazione con il turistavivere. Sembra che ormai non sia più nè di narrazione. E in un contesto, comesufficiente neppure captare l‟attenzione, quello attuale, dove l‟informazione è nanocosa che comunque risulta essere segmentata e in gran parte prodottaun‟impresa tutt‟altro che facile. Infatti, direttamente dall‟utente forseanche quando vi si riesce, come nel caso bisognerebbe dotarsi di strategiedelle Marche e della Calabria, non produce innovative per agire in nuove direzioni.necessariamente un risultato: per colpirerealmente l‟utente ci deve essere, infatti,un‟esperienza prossima al suo vissuto. 6
  7. 7. FocusIl turismo nel 2010L’andamento, le tendenze e gli orientamenti dopo un difficile 2009Thompson e First Choice aeree e tour operator a causa Circa un terzo degli intervistatihanno realizzato un sondaggio della crisi economica ha dichiara addirittura diin Inghilterra per scoprire portato i viaggiatori ad essere sfruttare la recessione percome sarà il turismo nel 2010, più cauti e attenti. La cifra di elevare il proprio standard diper capire i trend, gli coloro che dichiara di pensare vacanza, comprando prodottiorientamenti, le abitudini al all‟acquisto di un pacchetto di categorie superiori,fine di tracciare un quadro che offra assicurazioni extra in aumentando anche il budgetattendile della situazione, a caso di fallimento è previsto per le vacanze. Inridosso di un 2009 difficile che raddoppiata nel 2010 questo senso, si può proprioha messo a dura prova raggiungendo la soglia del parlare di veri e propril‟industria del turismo. 13,5% rispetto al 6% del 2009. cacciatori di affari: a fronte diNonostante la crisi finanziaria, Fattore chiave nel processo un mercato saturo di offerte egli Inglesi stanno già decisionale e di acquisto di un promozioni, le aspirazioni deipianificando i viaggi del 2010. viaggio, irrinunciabile in tanto consumatori crescono in modoI dati confermano che le in tempi di recessione quanto direttamente proporzionale alvacanze sono considerate in periodi economicamente diminuire delle tariffe degliormai un valore irrinunciabile più stabili e sicuri, risulta „the alberghi: il 46% dichiara die un bene necessario ed value for money‟ ossia il utilizzare la recessione aacquisito, cui non rinunciare rapporto qualità/prezzo: i proprio favore per prenotareneanche in tempi di crisi: turisti sanno quello che hotel a 5 stelle invece che a 3 opiuttosto che tradire le proprie vogliono e non sono più 4; oppure di approfittarne peraspettative i viaggiatori disposti ad accontentarsi. spingersi in mete più lontaneriducono i giorni effettivi di (più del 23%); oppure il 28%vacanza. Infatti, l‟80% degli di acquistare le offerteintervistati dichiara di aver già promosse dalle compagniepianificato le vacanze contro aeree desiderose di riempire iuna esigua minoranza, solo il I dati confermano che le posti „premium‟, business,4%, che invece non viaggerà. vacanze sono considerate vuoti nella stagione delleConfortante è anche il dato ormai un valore vacanze.relativo alla spesa prevista, che irrinunciabile e un bene Se da una parte c‟è la tendenzarivela che, nonostante la necessario ed acquisito. ad aumentare il budgetrecessione, alcune personehanno visto la propriadisponibilità mensile crescere:solo l‟11% infatti spenderàmeno del 2009 contro il 55%che prevede di spendere lastessa cifra e un incoraggiante24% che addirittura prevede dispendere di più.Un fattore che senz‟altro èconseguenza della crisi è,invece, l‟aumentata importanzae ricerca di sicurezza da partedei consumatori. Il collasso,infatti, di diverse compagnie 7
  8. 8. previsto per i viaggi, a della moneta. Inoltre, molti si cresciuta del 32% negli ultimiricercare offerte per elevare lo stanno ricredendo: l‟Europa è 5 anni proprio perché istandard abituale di vacanze, meno cara di quello che si consumatori identificano indall‟altra, si attesta anche una pensa e le strutture soddisfano essa la possibilità di risparmio,forte attenzione al valore ampiamente le aspettative ed la convenienza e l‟offertaintrinseco delle destinazioni e esigenze. congiunta di diversea formule che consentano il facilitazioni. Si prevede che nel Altro dato che conferma lacontrollo delle spese. 2010 la domanda per la maggior attenzione alla spesa formula „all-inclusive‟Un esempio di questo è la caccia della formula all- aumenterà ancora e che ancheorientamento risulta dal inclusive. Nel 2010, i molti alberghi modificherannonumero di viaggiatori che viaggiatori interessati passano la loro offerta in questadichiarano di voler viaggiare dal 10 al 16%. La crisi direzione.fuori dalla zona dell‟Euro, alla finanziaria e la fluttuazione delricerca di un cambio più cambio hanno accelerato In conclusione, emerge infavorevole: se nel 2009 si questo trend: i consumatori modo sempre più evidente unatrattava solo del 16%, nel 2010 apprezzano nell‟all-inclusive il maggiore consapevolezza delinvece la percentuale è vantaggio di sapere già in turista, che sa cosa vuole,cresciuta fino al 34%, anticipo a quanto ammonterà attento al rapportoprediligendo mete come la spesa finale, incluso il qualità/prezzo, per il quale lel‟Egitto o la Turchia. viaggio, i trasferimenti e i vacanze ormai sonoContrariamente però alla pasti, e la possibilità di pagarla considerate un diritto, unacomune percezione viaggiare subito, piuttosto che trovarsi al priorità, che neppure la crisinella zona dell‟euro non è più ritorno un massiccio conto riesce a mettere incostoso: i tour operator, infatti, sulla carta di credito e il discussione. Un datohanno stipulato accordi e rischio di vedere il volume interessante, a conferma dicontratti con le strutture delle spese crescere a causa questo, è che anche in caso diricettive con 2 anni di anticipo dei capricci del mercato e influenze o pericolo die, quindi, questo significa che i dell‟instabilità della valuta. pandemie solo il 16%prezzi in realtà sono Secondo uno studio effettuato cambierebbe i propri piani diabbastanza stabili, al riparo da Mintel nell‟aprile 2009, la viaggio.dalle fluttuazioni e oscillazioni formula all-inclusive è AnalisiIl turismo omosessualeNuovi segmenti di mercato: caratteristiche ed opportunitàGli omosessuali comprendono superiore agli eterosessuali spendere di più.circa il 6% della popolazione e con una maggiore disponibilità Rappresentano, quindi, uncostituiscono un preciso di entrate e, quindi, più potere segmento di mercatosegmento di mercato che offre di acquisto e di spesa. In linea significativo sia in termini disignificative ed interessanti di massima, non avendo i volume sia di valore che soloopportunità per molte aziende vincoli di una famiglia, adesso sta iniziando ad esseredel settore turistico. La possono viaggiare tutto l‟anno, scoperto e sfruttato. Per glicrescente accettazione senza la necessità di omosessuali viaggiare è unodell‟omosessualità nel mondo, pianificare con largo anticipo stile di vita: significa ricerca diinfatti, ha trasformato in le vacanze. Questo consente evasione e, allo stesso tempo,qualche modo anche loro di ottenere prezzi più di appartenenza, recuperol‟industria del turismo. E‟ noto economici, aumentando di della propria identità, bisognoche gli omosessuali hanno un conseguenza la propensione di ambienti sicuri dove poterreddito medio annuale ad effettuare vacanze e a essere liberamente se stessi. 8
  9. 9. Questa visione influenza omosessuali rappresentano, L‟American Airlines, perovviamente la scelta delle soprattutto per quei settori, esempio, ha riconosciuto perdestinazioni finali: spesso come il turismo, prima l‟importanza dioptano per mete capaci di particolarmente colpiti dalla effettuare mirate azioni diaccoglierli, dove possono, per crisi economica finanziaria, marketing verso il targetuna volta, sentirsi una una risorsa quando il potere di omosessuale, individuandolomaggioranza. Spesso spesa generale diminuisce. come un fattore strategico diviaggiano anche per Infatti, con un guadagno, nel differenziazione. Negli anni 90,accrescere il proprio sapere e 2007, di circa 81 bilioni £, i 3 la compagnia ha chiaramentecoltivare i propri interessi, dato mln di omosessuali ne hanno anticipato e identificato lel‟alto livello di formazione spesi ben 7.1 bilioni per esigenze di questo segmento,generale che caratterizza il l‟acquisto di beni online. In avviando una significativasegmento. questo senso, sul breve campagna promozionale mirata, sponsorizzando un “Gay Pride”, istituendo un apposito team di vendita, creando anche una specifica newsletter sugli eventi e manifestazioni. Non a caso oggi è la compagnia aerea più popolare tra gli omosessuali. Nel 1998, anche Londra si è mossa in questa direzione: èstata, infatti, la principale città ad attivare una massiccia campagna promozionale internazionale per il mercato omosessuale. Negli ultimi venti anni, il numero di destinazioni per omosessuali è visibilmente aumentato, in parte per unTendenzialmente hanno gusti periodo, forse si può parlare di maggior riconoscimento deipiù sofisticati e preferiscono una nicchia resistente alla diritti umani, in parte per levacanze con attività e tour di recessione. strategie marketing e in parteparticolare interesse. Secondo per l‟evoluzione tecnologica.Mintel, in Gran Bretagna, per La sessualità è un importanteesempio, il settore fattore di comportamento: laomosessuale rappresenta un ricerca di sicurezza e il Le aziende devono desiderio di accettazione sonosubsegmento abbastanza cercare nuovi modi per evidenti motivazioni di vacanzaimportante con 1,25 milioni diviaggi effettuati all‟estero nel differenziarsi, creando legate alla sessualità ed è2006, pari ad un valore di circa specifici profili sul chiaro che le attività turistiche658 milioni di £. Mintel, inoltre, mercato, per arrivare a che riconosceranno eha stimato che tra il 2006 e il colpire il target. soddisferanno queste2011 il numero di viaggi domande trarranno benefici dacrescerà con un tasso medio questo mercato di nicchia. Se sidel 28% fino a raggiungere un vogliono soddisfare i bisognitotale di 1,6 mln e che nel 2011 del mercato, è necessario Sicuramente, in un‟industria infatti studiarne e conoscerne iil valore del mercato come quella turistica dove i comportamenti, capire leomosessuale sarà prodotti ed i servizi sonoapprossimativamente di 899 motivazioni intrinseche ed sempre più simili e estrinseche, evitandomln £. intercambiabili, le aziende stereotipi, e adattando prodottiInoltre, un recente sondaggio devono cercare nuovi modi per e servizi.sulle abitudini di spesa ha differenziarsi, creandorivelato che i consumatori specifici profili sul mercato, per arrivare a colpire il target. 9
  10. 10. PilloleGuida al SEO Posizionamento naturale o organico nei motori di ricercaI motori di ricerca rappresentano la porta principale  Usare i robot.txt e i no- follow per pagine nondi accesso alla rete. Il successo di un sito è in gran pertinenti .parte decretato proprio dal suo posizionamento nei  Attualizzare frequentemente il sito con nuovimotori di ricerca: non essere visibili in rete significa contenuti originali e di qualità.non essere trovati. Il SEO è un‟attività strategica che  Ottimizzare i link interni per tematizzare leha l‟obiettivo di posizionare per determinate parole pagine usando adeguati anchor text.chiave le pagine, in modo naturale nei primi posti dei  Verificare sempre il tempo di download dellamotori di ricerca. Il primo passo è lo studio delle pagina , pagine lente non piacciono ai motorikeyword, parole chiave: è necessario, infatti, sapere  Non duplicare i contenutiquali sono le parole chiave che i potenziali utentidigiterebbero per trovare le offerte o le informazioni In mercati poco competitivi, questi fattori sonodi una destinazione. La domanda da porsi è: per sufficienti per raggiungere ottimi risultati.quante parole potrebbe cercarmi il mio potenziale Ovviamente, più il mercato è concorrenziale, comecliente? La risposta è tante, anzi tantissime. Le per esempio per le parole Hotel Roma, Hotel Venezia,persone non sono uguali e anche il loro modo di più il lavoro del SEO si fa complesso ed entrano incercare informazioni è diverso. Non tutte le parole gioco non solo aspetti tecnici ma anche competenzehanno lo stesso valore; inoltre, non va mai perso di di marketing, dell‟industria turistica per sfruttare tuttavista il comportamento dell‟utente e, soprattutto, se la lunga coda delle possibili ricerche.utilizza i motori con una attitudine di Search o di Find.Il SEO comprende diverse fattori, on site e off site, che I principali fattori Off-Siteinfluiscono sul posizionamento:  Ottenere Link da portali attinenti al servizioI principali fattori On-Site o prodotto che promuoviamo per aumentare un fattore definito come “link Popularity”.  Iscriversi in directory importanti per i motori  Meta Tag: Title. E‟ fondamentale creare titoli di ricerca (dmoz.org). unici per ogni pagina e pertinenti.  Article marketing e PR Digital per ottenere  URL delle pagine: devono essere quanto più visibilità e link. semanticamente descrittive per facilitare la  Partecipazione in Forum. corretta indicizzazione nei motori.  La frequenza di ricerche per un dominio,  Rendere il sito quanto più accessibile azienda o marchio. possibile: limitare contenuti in Flash, frames  Anzianità dei link esterni di un sito. e Javascript.  Tempo di permanenza su un sito dopo una  Creare contenuti unici , originali e attrattivi ricerca nei motori ma che allo stesso tempo contengano parole  Iscrizione a Social Network e vari strumenti web o frasi che i nostri potenziali clienti potrebbero 2.0 digitare nei motori.  Ottimizzazione contenuti (testi, video, foto) per  Seguire dove è possibile gli standard W3C - l‟impatto sui motori di ricerca attraverso World Wide Web Consortium ( www.w3c.com) strumenti web 2.0 (SMO – Social Media  Anzianità del dominio, in caso di rinnovo del Optimization, termine coniato da Rohit Bhargava proprio sito usare il cod.301 per ricordare ai nel 2006) motori che non siete una azienda nuova ma la stessa di prima e non perdere in questo modo il I motori di ricerca variano continuamente la propria posizionamento naturale acquisito negli anni. tecnologia e il loro modo di restituire informazioni  Organizzare la navigazione in modo chiaro e agli utenti. Posizionare un sito, quindi, è un lavoro possibilmente piatta. sempre più complesso. In ogni caso, è buona norma partire sempre dai fattori base per passare successivamente a tecniche più sofisticate. 10
  11. 11. IntervistaIntervista con…di Sara PeiroleriBruno Felicetti, Direttore dell’Aziendaper il Turismo della Val di FiemmeLa destinazione Quali sono le azioni principali della destinazione?La Val di Fiemme è una delle 14 valli del Trentino ed è Core business del management della destinazione è louna destinazione medio piccola. Ha 8.000 posti letto sviluppo del prodotto, del sistema offerta e laalberghieri e 32.000 extralberghieri, di cui 20.000 in promocommercializzazione. Su 26 dipendenti 17seconde case; come presenze producono poco più del lavorano in questo settore per creare offerte e10%, con un grado di utilizzo leggermente superiore alla promuoverle sul mercato attraverso specifiche azioni dimedia. Facendo una stima degli ultimi 4/5 anni, gli arrivi marketing e su diversi canali, primo fra tutti, il web.si attestano intorno ai 350.000 mentre le presenze sono La tendenza, infatti, sarà dare sempre più spazio al webcirca 3 mln, ripartite in modo equilibrato tra le due marketing e ridurre invece le azioni offline. Tra queste, instagioni. Le presenze annuali sono costituite per l‟80% primis, le fiere che risultano essere uno strumento ormaida italiani e per il restante 20% da stranieri. I principali obsoleto cui si partecipa più che per l‟effettivo ritornomercati di riferimento sono Germania, Repubblica Ceca per la necessità di presenziare. Se si desidera, infatti,e Polonia a pari merito, il Benelux, l‟Ungheria e il Regno incontrare il cliente finale sicuramente il web è il luogoUnito. migliore. Se lo si vuole raggiungere fisicamente è piùQual è la vostra offerta? utile organizzare iniziative mirate nei centri commerciali,La destinazione punta sull‟offerta di una vacanza slow, di negli outlet, dove è anche più facile incontrare unarelax attivo, a contatto con la natura per il ritrovamento maggior disponibilità da parte dell‟utente. Inoltre,dell‟equilibrio psicofisico. Gli elementi di forza del abbiamo creato delle specie di club di prodotto, ossiaterritorio sono il contesto naturale, l‟approccio diversi gruppi che lavorano con gli operatori delsostenibile e l‟autenticità, legata alla storia, cultura e territorio per singoli progetti a tema che coinvolgonotradizioni. non solo le strutture ricettive ma tutti gli attori dellaChi è il vostro cliente? filiera, personalizzando i servizi, razionalizzando i costi eLe azioni dell‟Azienda si concentrano principalmente su coordinando anche politiche di prezzo coerenti con ildue target di riferimento: la famiglia e gli „evergreen‟, target di riferimento. C‟è una forte attenzione all‟effettivaossia le persone comprese nella fascia dai 40 agli 80. Si efficacia e ritorno delle azioni intraprese ma, più che inorganizzano attività sportive in un‟ottica soft e di termini economici, inteso in senso di notorietà, interessebenessere, inteso come contatto con la natura e relax. e visibilità, per verificare se gli effetti prodotti dallePer le famiglie sono attivi in rete una serie di servizi, per azioni e strategie in atto vanno nella direzione attesa.effettuare attività interattive, da svolgere insieme Qual è l’approccio vincente, oggi?genitori e figli, per divertirsi ed allo stesso tempo Ritengo che sia di fondamentale importanza confrontarsiapprendere. Un caso è l‟itinerario interattivo nelle con i competitor e sviluppare sinergie. Spesso, inmalghe, lungo il quale è possibile svolgere diverse quest‟ottica, promuoviamo progetti in collaborazione conattività, come fare il burro, mungere, con rilascio anche altri territori o del Trentino o dell‟Alto Adige chedi apposito patentino, o ascoltare le leggende del ovviamente condividono i nostri stessi valori e la nostraterritorio dalla bocca di accompagnatori del luogo. vision. Sicuramente è un approccio vincente. Oggi siQuali progetti sono in programma per il futuro? parla tanto di differenziazione: credo che la modalità perNel 2013, nella Val di Fiemme si svolgeranno i essere distintivo nasca proprio dal confronto con gli altriCampionati Mondiali di Sci Nordico. La comunicazione e attraverso lo sviluppo di sinergie. Un altro elemento inper quest‟occasione si concentrerà sul tema della cui credo molto è la condivisione: ogni progetto chevivibilità e, infatti, lo slogan sarà „Val di Fiemme: valle realizziamo viene attivato in una logica „bottom up‟ ossiaviva‟. Le azioni sia a livello pubblico sia privato si le strategie ed azioni operative non vengono preseconcentreranno sul tema dell‟energia pulita, dall‟alto ma nascono da una condivisione con tutti gliidroelettrica e fotovoltaica, per garantire un‟aria pura e attori coinvolti nello specifico progetto, in modo dasana. In particolare, investendo sulla mobilità: saranno sviluppare un maggior senso di appartenenza e dipotenziati i mezzi di trasporto a basso impatto partecipazione.ambientale o totalmente ecologici, a idrogeno o elettrici.Sempre in quest‟ottica saranno realizzati dei centripedonali in ogni paese della valle. 11

×