Your SlideShare is downloading. ×
Il Deal Site che ti… premia: LetsBonus | Casi di Successo del Turismo 2.0
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il Deal Site che ti… premia: LetsBonus | Casi di Successo del Turismo 2.0

203
views

Published on

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
203
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il Deal Site che ti… premia: LetsBonus | Casi di Successodel Turismo 2.0 | Formazione Turismohttp://www.formaz ioneturismo.com/in- evidenz a/il- deal- site- che- ti- premia- letsbonus- casi- di- successo- del- turismo- 2- 0 March 6, 2013Bentornati alla Rubrica Casi di Successo del Turismo 2.0, interviste ad operatori del settoreTuristico-alberghiero italiano. Oggi è la volta di Alberto Vita, di LetsBonus, primo ospite aparlare di Shopping Sit e o Sit i di Gruppi d’Acquist o, che coinvolgono albergatori e ristoratori,con innovative soluzioni di vendita e Promozione on-line.Un post-it per te, sulle 2 rubriche di Muse Comunicazione:1. “Turismo 2.0 Navigando si impara” ogni mercoledì2. “Casi di Successo del Turismo 2.0”, il primo mercoledì di ogni mese.Se ti sei perso le altre interviste, corri ai ripari:Muse Comunicazione ha incontratoAlberto Vita, direttore marketing ecomunicazione di Let sBonus It alia, DealSite che negli ultimi mesi si è molto diffusoanche nel comparto Travel nazionale.Muse Comunicazione: Caro Alberto,grazie per dedicarci il suo tempo conquesta chiacchierata. Per tradizione,apriamo le nostre interviste chiedendo di raccontarci qualcosa del proprio percorso professionalee del ruolo in LetsBonus. Un gioco che facciamo con i nostri intervistati è quello svelare ladenominazione del ruolo indicata sotto il nominativo nella sua Business card…Albert o: La mia business card è…incompleta esbagliata. Nel senso che manca l’indirizzo: nonavevamo ancora un ufficio 9 mesi fa quando entraiin LetsBonus. Da quel momento abbiamo cambiatodue uffici… Sbagliato perchè, in un tempo ancorapiù breve, da Alliances manager sono diventatodirettore marketing e comunicazione di LB Italia.Il percorso professionale è presto detto: dagiovane studente, giocatore semiprofessionista dibasket, a scrittore, direttore di college in GranBretagna per vacanze studio, freelance nelgiornalismo, giornalista di turismo edenogastronomia per anni.Muse Comunicazione: Essendo il tema dei Deal Site molto dibattuto nel settore Travel, siamomolto interessati a capire come funzionino. Che cos’è uno shopping site? Let’s Bonus significa…“Che siano premi per tutti?”Ci svela anche un po’ di numeri e performance in iscritti e venditedella vostra piattaforma?Albert o: Noi premiamo tanta gente quando facciamo concorsi! E, in effetti, ne facciamo tanti.Però “premiamo” ogni giorno anche i nostri 2 milioni di utenti con proposte innovative eimperdibili. A prezzi incredibili.Le vendite non posso comunicarle, anche perché non ci credereste. Diciamo che le sei cifre le
  • 2. abbiamo già raggiunte da tempo.Più che uno shopping site ci proponiamo come una piattaforma di marketing. Che inoltre vende,suggerendo agli utenti nuove possibilità di consumo.Muse Comunicazione: Ma quando sono stati ideati, e dove, questi Deal site? Sono natirealmente dall’idea del gruppo d’Acquisto, di cui mi pare non conservino la valenza Etica eSolidale?Albert o: L’idea proviene dalla Cina profonda, o almeno così narra la leggenda, con contadiniche si mettevano insieme per comprare meglio trattori, suppellettili o altro.Questo business però è nato negli Stati Uniti solamente tre anni fa. Ovviamente è fatto per farsoldi, anche se con tanti win per tutta la filiera: dal consumatore finale al merchant, da chipromuove questo business all’economia in generale.Muse Comunicazione: Facciamo un po’ di Benchmarking o… di Pubblicità Comparativa. Cosadifferenzia LetsBonus dagli altri portali che si basano sullo stesso Business Model?Albert o: Le differenze sono tante. Innanzitutto il target a cui ci rivolgiamo, sicuramente nellaparte alta del mercato. E per questo che anche le nostre offerte sono di più alto livello rispettoal mercato: più ricercate, più innovative, andando a toccare diversi ambiti che la concorrenzanon riesce a raggiungere, come i ristoranti stellati Michelin nel Food&beverages, gli spettacoli ditutti i tipi, dal teatro ai concerti, ai viaggi e ai soggiorni fuori porta, dove siamo gli unici, a quantomi risulta, ad avere la licenza di agenzia viaggi e tour operator.Muse Comunicazione: Nel Main Menù del vostro sito ci sono 3 aree: Proposte del Giorno,Proposte di Viaggio, Shopping Corner. Evidenziate così che l’offerta è last minute ed è“imperdibile”. Che il Travel è uno dei settori di punta. Che recentemente sono promossi Deal suprodotti fisici, che sembra un po’ la novità degli ultimi mesi. E’ corretto?Albert o: Le propost e del giorno sono quelle geotarghettizate per città. E cambianosolitamente ogni 24 max 48 ore. Il secondo tab sono i viaggi, che cambiamo due volte allasettimana, e nel terzo i prodot t i in genere, anch’essi aggiornati ogni 2/3 giorni. I prodottistanno andando molto bene e si stanno allargando molto come varietà. Ad esempio adessostiamo proponendo sempre più prodotti per famiglia o Family Edition come li chiamiamo noi. Eper Natale è in arrivo uan novità.Muse Comunicazione: Parliamo del Modello di Business di LetsBonus?Albert o: Semplice: noi guadagniamo una percentuale sul venduto. Quindi più vendiamo piùguadagniamo. Una forma di eCommerce+pubblicità completamente a performance.Muse Comunicazione: In relazione a questo modello, soprattutto nel settore dell’Hotellerie dovesempre più pressante si manifesta la tendenza alla disintermediazione, l’influente percentualeche richiede all’operatore su ogni deal, non può essere considerato un deterrente?Albert o: Non credo che sia più alto di quello che chiedono tante olta che hanno, nel passato,aiutato a movimentare il mercato. Noi creiamo nuovi stili di consumo. Il che non è poco.Muse Comunicazione: Questa arriva direttamente dai nostri lettori: qual è la vostra percentualesul venduto? E quali sono i vostri tempi di pagamento?Albert o: I tempi di pagamento sono: 50% subito e 50% a fine campagna (per i rimborsi, etc). Lanostra percentuale va dal 10 al 50%. Dipende dal settore.Muse Comunicazione: Facciamo così: Alberto ci suggerisca i vantaggi per un albergatorenell’inserire un Deal nella vostra piattaforma?Albert o: Riempie le camere quando vuole lui, si fa conoscere in 24 ore da milioni di persone, va
  • 3. sul web anche se non ha un sito e, come disse un guru della Rete, pesca dove ci sono in pesci.Ovvero online!Muse Comunicazione: E ovviamente la nostra “cattiveria” non può che portarci a completarecosì la domanda precendente: “Ma quali sono i rischi per un operatore che decide di usufruiredei vostri servizi?” Non c’è pericolo nel gestire delle vendite al limite del “sottocosto”?Albert o: L’operatore deve saper fare i conti per non vendere troppo, noi li facciamo e glifacciamo consulenza. Altri no…..trattandolo come cliente di serie B. Naturalmente si rovina. Ecosì rovina il settore. Infine è fondamentale vendere nei momenti giusti.Muse Comunicazione: Un’altra perfidia in arrivo: Un Hotel d’eccellenza, una struttura con untarget medio-alto non rischia di perdere prestigio, proponendo sconti elevati su un Deal Site?Albert o: Se dei ristoranti stellati hanno fatto deal con noi vorrà dire qualcosa. Noi nonvendiamo solo il prezzo. Anzi. La campagna dura così poco che è visto come una manovratattica. E di marketing appunto.Muse Comunicazione: Vediamo la vostra piattaforma lato B2B: come distribuite i vostri servizi?Door2door? Tele-marketing? Avete una capillare rete vendita?Albert o: La nostra piattaforma è eminetemente btoc. Li distribuiamo via web. Il resto loutilizziamo per avere prodotto.Muse Comunicazione: Ora leggiamo la vostra proposta lato B2C: come avviene l’engagment?Quali sono le strategie per coinvolgere tanti utenti, convincendoli a ricevere la vostra newsletter,che mi sembra un po’ lo strumento di vendita principale di LetsBonus?Albert o: Facciamo engagment sui social network, tanta pubblicità online (adwords, banner,concorsi, etc) ma anche eventi e alleanze con siti terzi.Muse Comunicazione: Ancora lato utente: quanto è Social Let’s Bonus? Su quali Social Mediasiete presenti e con quali strategie?Albert o: FB, Twitter, Linkedin in maniera corporate. Con una community manager che rispondeai nostri fan, risolve problemi, suggerisce proposte…Muse Comunicazione: Siete presenti con le vostre proposte in molte province italiane: l’utentedeve selezionare la città di riferimento in fase di registrazione. Come vengono selezionate dalvostro sistema le proposte della sezione viaggio ed Hotel?Albert o: … gli utenti registrati ricevono tutti la newsletter bisettimanale, dedicata alle ProposteViaggi, medio e lungo raggio. Ma ricevono giornalmente propost e weekend e le of f ert eBreak, geotargetizzate e accessibili in base alla città di registrazione.Muse Comunicazione: Parliamo di Geo Localizzazione allora: ultimamente in Italia le venditedegli SmartPhone hanno superato quelle dei PC. Aumentano gli acquisti da device Mobile.LetsBonus ha una versione Mobile? Un App dedicata? Il Deal è GeoLocalizzabile?Albert o: Sì. E possibile acquistare via app sulle principali piattaforme (Android, iPhone,Blackberry) . In Spagna abbiamo anche lanciato gli Instant Deals. Ovvero superdeal che siconsumano in giornata.Muse Comunicazione: Penso di averla “torturata” a sufficienza. Come al solito chiudiamo con isuoi consigli agli Operatori che ci stanno leggendo.Albert o: Siamo uno strumento formidabile di marketing che però vende pure. E paga primaancora che abbiate visto un cliente. Però come ogni strumento si deve usare con giudizio e
  • 4. cognizone di causa. E qui i nostri commerciali sono formidabili a suggerire il modo migliore difare un deal. A volte anche rinunciando a far fatturato!Un ringraziamento ad Alberto per il tempo che ci ha concesso e per la sua disponibilità.Se hai considerazioni o domande da rivolgere, commenta il post, contattaci scrivendo ainfo@musecomunicazione.it oppure vieni sul Forum Web Marketing Turistico Alberghiero.Stiamo aspettando i tuoi commenti…Nicoletta Polliotto – Nicoletta Polliotto – Muse Comunicazione ® è una Web Media Agencyspecializzata in analisi, pianificazione e realizzazione di progetti di promozione on-line per ilsettore Hotellerie e le PMI in genere. Puoi contattarci a info@musecomunicazione.it Seguici suFacebook e Twitter.