Digital Market, non un male necessario ma il mercato più importante

154 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
154
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Digital Market, non un male necessario ma il mercato più importante

  1. 1. Digital Market, non un male necessario ma il mercato piùimportante | Formazione Turismohttp://www.formaz ioneturismo.com/web- marketing- turistico- alberghiero/digital- market- non- un- male- necessario- ma- il- mercato-piu- importante March 11, 2013Del perché un direttore marketing di una notacatena di hotel in Italia reagisce come sel’avesse punto una tarantola, sentendosi direche il sito dell’hotel è già vecchio…Se il vostro hotel ha appena pagato un consulente seo edun web designer per rifare il sito ma il vostro hotel perdefino a 2 cifre percentuali di prenotazioni dirette non ècolpa dei professionisti che avete scelto ma è soltanto laconseguenza della velocità del mercato online.Per farvi capire il concetto, torniamo indietro nel tempo:fino a 10 anni fa il vostro hotel poteva reggere sul mercatocon la stessa hall, la stessa insegna e le stesse fotopubblicate nei cataloghi cartacei per anni senza chequesto pregiudicasse le prenotazioni. Perché la differenza la faceva il venditore, l’agenzia diviaggio o l’esperienza che il soggiorno presso l’hotel era riuscito a trasmettere.Il mondo economico di 10 anni fa era fisico, le persone pianificavano i viaggi attraverso agenziedi viaggio, guardando i servizi televisivi che raccontavano di città d’arte o continenti lontani,oppure attraverso i libri e le riviste specializzate.Lo scambio di informazioni avveniva tra viaggiatori, che tornati dai viaggi facevano vedere lefoto agli amici o parenti, raccontavano dell’hotel e dei servizi della destinazione scelta.Il marketing e la comunicazione del turismo viaggiava sulle rotative della carta stampata e labrand reputation sul passaparola dei viaggiatori e sulle foto in bella mostra negli album chespesso venivano viste una sola volta.Oggi cosa accade? Il mercato non è più solo fisico ma è digitale e si muove in Giga byte alsecondo in uno spazio fisico infinito nel quale un competitor al giorno nasce virtualmente a“fianco” del vostro hotel e vendendo al posto vostro…la vostra camera o peggio la camera diun hotel a due passi dal vostro.Alcuni numeri del mercato digitaleAlcuni numeri recenti lo dimostrano: a novembre risultano circa 625.329.303 siti, con una mediadi 4,8 milioni di siti in più rispetto al mese precedente. In Italia gli utenti unici totali del web sonooggi in Italia circa 28.580.000 ovvero 58% in più rispetto al 2007.Twitter processa circa mezzo miliardo di tweets al giorno, così ha dichiarato recentemente ilCEO di Twitter. Tumblr, un altra piattaforma di microblogging, invece genera circa 77 milionimessaggi al giorno.Facebook fino ad Agosto registrava circa 3,2 miliardi di Mi Piace & Commenti e in Italia registraun tempo medio sul sito di sei ore e 40 minuti. In Italia, inoltre si contano circa 21 milioni di profilie una penetrazione superiore a quella di Usa e Brasile.
  2. 2. Ancora, oltre il 50% degli italiani posseggono uno smartphone e la percentuale di accesso adinternet da mobile, tablet e altri dispositivi è del 5,6% in Italia con punte europee (UK) del 16%.Tutti questi numeri, anche interpretati per difetto, dovrebbero indurre un albergatore aconsiderare il mercat o online come il primo e più import ant e mercat o.Questo è il fondamentale paradigma che potrebbe fare la differenza se tutti gli operatorituristici pubblici e privati lo adottassero. Operatori che – crisi economica a parte – lamentano uncalo del fatturato, uno scarso tasso di conversione del sito dell’hotel o semplicemente uneccessivo costo di intermediazione.Che sia una destinazione turistica o un b&b, affrontare il mercato digitale come il primo mercatoè la vera sfida da vincere.——–di Damiano Usala – Redattore e seo copy per www.mycomp.it una società che sviluppasistema di prenotazione online e servizi di web marketing per hotel e portali turistici.Appassionato di teatro e musica e scrittura per il web e laureato in economia con una tesisull’e-procurement on line in pieno boom della new economy.

×